Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Accedi
Ultimi argomenti
Nuova Blade 2019Ieri alle 21:49eddie2
Kirschbaum PLXIeri alle 11:52lore1310






Ultime dal mercatino
Link Amici

www.Auto-DOC.it: Ricambi auto online

Andare in basso
SilvixBiS
SilvixBiS
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 28
Data d'iscrizione : 06.11.17

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Libro "Tennisticamente parlando"

il Gio 19 Mar 2020 - 23:40
Promemoria primo messaggio :



Ciao a tutti mi chiamo Silvia ho 34 anni e sono una giocatrice di tennis da ormai 25 anni. Se vi può interessare ho scritto un libro che si intitola “Tennisticamente parlando”.
Ho letto le autobiografie di Andre Agassi, Monica Seles e Serena Williams, e so che molti altri atleti hanno impresso le loro prodigiose gesta su un libro. Quanto sarebbe meraviglioso poter scrivere di essersi fatti un gran mazzo e di aver vinto tutto quello che si sognava di vincere da bambini? Ci avete mai pensato? "Volevo vincere la Coppa del Mondo di calcio e ce l'ho fatta", o "Desideravo la medaglia d'oro alle Olimpiadi e ci sono riuscito"... Il mondo intero rimarrebbe a bocca aperta se aveste una simile dichiarazione, sareste considerati dei fenomeni, delle leggende, degli esempi da seguire.
Il problema è che di Andre Agassi ce n'è uno su un milione, forse. Gli altri 999.999 sono comuni mortali che perseguono obiettivi molto meno pretenziosi e non hanno la minima idea di cosa voglia dire avere una vita così di successo. Io sono una tra quei 999.999, e ho deciso di scrivere le mie gesta tragicomiche per tutti coloro che sono come me: appassionati, sognatori, persone alla perenne ricerca di piccole grandi soddisfazioni. Sportivi qualunque. Tennisti normali a cui non sono stati donati né il diritto di Federer, né la caparbietà di Nadal. Scrivo per quelli che entrano in campo con la paura di perdere e quando inaspettatamente arrivano al match point si rendono conto di avere il terrore di vincere, sebbene non si trovino affatto sul campo centrale di Wimbledon. Racconto la mia storia a chi non prende una multa se fracassa per terra la racchetta in mondovisione, ma due sberle dalla mamma nella privacy della sua cameretta sì.
Flavia Pennetta ha scritto la sua biografia poco prima di vincere lo Us Open, Maria Sharapova subito dopo essere stata trovata positiva al doping. Io scrivo prima di perdere il prossimo turno del torneo di Mercato Saraceno e ben consapevole di essere positiva al Voltaren. Si fa quel che si può.

Mi farebbe piacere se qualche appassionato di tennis come me lo leggesse Smile Sperando vi possa intrattenere in questo strano inizio 2020, vi abbraccio. Fatemi sapere se vi è piaciuto!
Silvia

SilvixBiS
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 28
Data d'iscrizione : 06.11.17

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Ven 27 Mar 2020 - 22:55
@nw-t ha scritto:Invidiato...
mi aggiungo tra quelli che te lo invidiano!
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Ven 27 Mar 2020 - 23:05
Reputazione del messaggio: 100% (1 voto)
Grazie...detto da un istruttrice di 2° livello è un bel complimento  Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 622327
Alessandro
Alessandro
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4701
Età : 42
Località : Acireale (CT) - Comiso (RG)
Data d'iscrizione : 17.11.08

Profilo giocatore
Località: Acireale (CT)
Livello:
Racchetta: Yonex Ezone 100
https://www.passionetennis.com

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Sab 28 Mar 2020 - 11:49
@SilvixBiS ha scritto:
@nw-t ha scritto:Invidiato...
mi aggiungo tra quelli che te lo invidiano!

Quoto. Completo e pulito anche il servizio.
Io invece ho una prima devastante quando entra ed una seconda da superpippamegagalatticainternational! Non mi viene naturale tagliare la palla  bounce bounce bounce

_______________________________________________

Alessandro
Alessandro
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4701
Età : 42
Località : Acireale (CT) - Comiso (RG)
Data d'iscrizione : 17.11.08

Profilo giocatore
Località: Acireale (CT)
Livello:
Racchetta: Yonex Ezone 100
https://www.passionetennis.com

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Sab 28 Mar 2020 - 12:15
Reputazione del messaggio: 100% (1 voto)
@SilvixBiS ha scritto:[quote= [...] A livello maschile è più difficile trovare persone che si divertano esclusivamente palleggiando, perché voi uomini l’agonismo ce l’avete proprio dentro.. vi divertite molto di più a competere... l’unico uomo che conosco che non mi ha mai detto “facciamo a punti?” è mio padre.. di donne che invece giocano anche solo per palleggiare e muoversi ti potrei fare una lista infinita.. per cui ribadisco, se uno si sveglia a cinquant’anni e decide di fare tornei seriamente, partendo dal suo livello non vedo perché non debba avere delle speranze.. ad ogni età e per ogni livello ci sarà un obiettivo diverso, quello è chiaro.. ma è il suo bello!]

A tal uopo ricordo un episodio che mi è rimasto impresso nella mente e che per me è diventato "vangelo": alla grande passione per il tennis ho affiancato quella per i balli caraibici. Sono istruttore da alcuni anni a questa parte e ricordo la sete di imparare che avevo quando mossi i primi passi e andavo alle serate per provare le nuove figure imparate. Mi ritrovai ad una serata da ballo e, dopo aver fatto "poltrona" per un po', mi diedi coraggio ed invitai una ragazza (una gran bella ragazza...volli puntare in alto  drunken) ed iniziammo a ballare. Lei vide che io ero emozionato e non scioltissimo, a tratti le chiedevo anche scusa per certe inesattezze e la mettevo al corrente del fatto che era ancora da qualche mese che prendessi lezioni. Quando finimmo di ballare mi disse: "Ricorda una cosa: se non avessi avuto il coraggio di invitarmi non avresti avuto la possibilità di confrontarti con una istruttrice di ballo (io attonito, basito e incantato!), e tieni sempre a mente che tanta gente come te ha sete di imparare ma molti mirano soltanto a competere e farsi vedere "grandi star" in pista. Và per le serate e invita tutte coloro che, per colpa di molti, fanno poltrona e prima o poi si scoraggeranno e abbandoneranno definitivamente questa bellissima disciplina. Farà bene a te e ti circonderai di tantissima bella gente alla quale avrai dato la giusta motivazione per credere in se stessi e lavorare sulla loro passione...".

E' per questo quindi che mi reputo a questo unto una mosca bianca (forse un bene nella vita da circolo ed un po' meno in quella da "tornei").
Molte volte preferisco più palleggiare che partita vera e propria con il vantaggio di:

  • lasciare andare il braccio senza la fissa di stare in difesa per commettere errori
  • triplico l'allenamento aerobico
  • aggredisco la palla e dò sfogo al corpo ed alla mente....

e tutto questo lo condivido (e li invito pure) con chi, magari non "cima" del tennis, si ritrova ad elemosinare un palleggio per amore di applicare quanto imparato e migliorarsi un po', oltre che raggiungere gli obiettivi di cui abbiamo ampiamente discusso in questo argomento: il divertimento innanzi tutto e l'amore per la "pelosetta gialla"...

_______________________________________________

drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Sab 28 Mar 2020 - 18:06
@SilvixBis qual'è l'errore più comune che fa chi, avendo giocato per molto tempo, riprende a giocare dopo una pausa decennale e si ritrova a giocare in "tutt'altro tennis"? Ci si ricordava un tennis e se ne trova un'altro con ritmi, velocità e potenze diverse? Quindi come si affronta e si corregge il problema? Grazie
SilvixBiS
SilvixBiS
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 28
Data d'iscrizione : 06.11.17

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 10:48
@drichichi ha scritto:@SilvixBis qual'è l'errore più comune che fa chi, avendo giocato per molto tempo, riprende a giocare dopo una pausa decennale e si ritrova a giocare in "tutt'altro tennis"? Ci si ricordava un tennis e se ne trova un'altro con ritmi, velocità e potenze diverse? Quindi come si affronta e si corregge il problema? Grazie

Suppongo che l’errore più comune sia quello di essere in ritardo, sia a livello di movimento di piedi che di preparazione dei colpi.. quindi semplicemente penso che per arrivare al ritmo a cui si vuole arrivare occorra arrivarci gradualmente, aumentandolo di volta in volta.. non mi è mai successo sinceramente di trovarmi di fronte qualcuno in una situazione del genere, c’è da dire che io, per mia scelta, alleno solo i bambini e i ragazzi, gli adulti no..
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 11:17
@SilvixBiS ha scritto:
@drichichi ha scritto:@SilvixBis qual'è l'errore più comune che fa chi, avendo giocato per molto tempo, riprende a giocare dopo una pausa decennale e si ritrova a giocare in "tutt'altro tennis"? Ci si ricordava un tennis e se ne trova un'altro con ritmi, velocità e potenze diverse? Quindi come si affronta e si corregge il problema? Grazie

Suppongo che l’errore più comune sia quello di essere in ritardo, sia a livello di movimento di piedi che di preparazione dei colpi.. quindi semplicemente penso che per arrivare al ritmo a cui si vuole arrivare occorra arrivarci gradualmente, aumentandolo di volta in volta.. non mi è mai successo sinceramente di trovarmi di fronte qualcuno in una situazione del genere, c’è da dire che io, per mia scelta, alleno solo i bambini e i ragazzi, gli adulti no..
Hai mai utilizzato la musica come metodo per raggiungere il ritmo giusto dì gioco?
SilvixBiS
SilvixBiS
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 28
Data d'iscrizione : 06.11.17

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 11:56
@drichichi ha scritto:
@SilvixBiS ha scritto:
@drichichi ha scritto:@SilvixBis qual'è l'errore più comune che fa chi, avendo giocato per molto tempo, riprende a giocare dopo una pausa decennale e si ritrova a giocare in "tutt'altro tennis"? Ci si ricordava un tennis e se ne trova un'altro con ritmi, velocità e potenze diverse? Quindi come si affronta e si corregge il problema? Grazie

Suppongo che l’errore più comune sia quello di essere in ritardo, sia a livello di movimento di piedi che di preparazione dei colpi.. quindi semplicemente penso che per arrivare al ritmo a cui si vuole arrivare occorra arrivarci gradualmente, aumentandolo di volta in volta.. non mi è mai successo sinceramente di trovarmi di fronte qualcuno in una situazione del genere, c’è da dire che io, per mia scelta, alleno solo i bambini e i ragazzi, gli adulti no..
Hai mai utilizzato la musica come metodo per raggiungere il ritmo giusto dì gioco?
Assolutamente sì!!!
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 12:28
Utilizzi qualche brano in particolare o solo un bit generato che può aumentare o diminuire i bpm?
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 15:41
@SilvixBiS ha scritto:
Suppongo che l’errore più comune sia quello di essere in ritardo, sia a livello di movimento di piedi che di preparazione dei colpi.. quindi semplicemente penso che per arrivare al ritmo a cui si vuole arrivare occorra arrivarci gradualmente, aumentandolo di volta in volta.. non mi è mai successo sinceramente di trovarmi di fronte qualcuno in una situazione del genere, 
Fa parte tutto nel saper giocare a tennis  Razz ... se non muovi i piedi e sei sempre distante dalla palla e non posizionato bene...a tennis non giochi
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 15:46
@nw-t ha scritto:
@SilvixBiS ha scritto:
Suppongo che l’errore più comune sia quello di essere in ritardo, sia a livello di movimento di piedi che di preparazione dei colpi.. quindi semplicemente penso che per arrivare al ritmo a cui si vuole arrivare occorra arrivarci gradualmente, aumentandolo di volta in volta.. non mi è mai successo sinceramente di trovarmi di fronte qualcuno in una situazione del genere, 
Fa parte tutto nel saper giocare a tennis  Razz ... se non muovi i piedi e sei sempre distante dalla palla e non posizionato bene...a tennis non giochi
Quindi secondo te quale potrebbe essere la problematica che salta fuori con chi riprende a giocare dopo molto tempo ma si trova pure tecnologie e tipologie diverse?  Grazie
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 15:55
Io con le racche moderne e la tecnica che avevo con il legno ho avuto solo enormi vantaggi. Ho modernizzato le impugnature solo x il dritto da quando il braccio destro ha rifatto un pò di forza. Da più di 6 anni gioco solo con le Prestige REV PRO idem x incordatura. Poi è solo "allenamento" sul gioco in generale
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:01
Di rovescio non è cambiato niente...o legno o Grafite il colpo sul rovescio non è cambiato 


Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Photog10
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:01
@nw-t ha scritto:Io con le racche moderne e la tecnica che avevo con il legno ho avuto solo enormi vantaggi. Ho modernizzato le impugnature solo x il dritto da quando il braccio destro ha rifatto un pò di forza. Da più di 6 anni gioco solo con le Prestige REV PRO idem x incordatura. Poi è solo "allenamento" sul gioco in generale
Però se non sbaglio giochi con piatto piccolo telai non proprio leggeri e bilanciati al manico, ossia hai adattato il tennis moderno al bilanciamento old style il tutto con tanto allenamento. Hai trovato il compromesso. Dico bene o dico cavolate?
framan
framan
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1310
Data d'iscrizione : 29.11.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: ex
Racchetta: Head gravity mp

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:02
Quoto nw-t
Le racche moderne hanno solo permesso aumentare in meglio i vari parametri unendoli, non vedo la difficoltà, anzi vedo solo pregi,
se non quello di permettere anche agli scarsoni di batterti
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:05
Però per noi over 50 sicuramente i materiali nuovi ci aiutano ma ci troviamo a giocare bene piuttosto con il nostro vecchio bilanciamento piuttosto che con il nostro vecchio peso.
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:08
@drichichi ha scritto:
@nw-t ha scritto:Io con le racche moderne e la tecnica che avevo con il legno ho avuto solo enormi vantaggi. Ho modernizzato le impugnature solo x il dritto da quando il braccio destro ha rifatto un pò di forza. Da più di 6 anni gioco solo con le Prestige REV PRO idem x incordatura. Poi è solo "allenamento" sul gioco in generale
Però se non sbaglio giochi con piatto piccolo telai non proprio leggeri e bilanciati al manico, ossia hai adattato il tennis moderno al bilanciamento old style il tutto con tanto allenamento. Hai trovato il compromesso. Dico bene o dico cavolate?
Naturalmente ispirandomi e copiando Borg a quei tempi i TOPPONI di dritto li giocavo anche con la racca di legno...si usa la tecnica e via di swing ideale
framan
framan
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1310
Data d'iscrizione : 29.11.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: ex
Racchetta: Head gravity mp

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:09
@drichichi ha scritto:Però per noi over 50 sicuramente i materiali nuovi ci aiutano ma ci troviamo a giocare bene piuttosto con il nostro vecchio bilanciamento piuttosto che con il nostro vecchio peso.
Normale, ci sta
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:15
Nel mini video del servizio usavo un MID 18x20 TGK piatto 93 e bilanciato a 33 cm incordatura ibrido reverse....nel rovescio una Donnay Pro One XL 16x19 in full mono...ne peso ne bilanciamento ne corde ne lunghezza racca ne schema corde della racca era uguale...e te pensi che contino racca e corde x giocare bene?
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:23
@nw-t ha scritto:Nel mini video del servizio usavo un MID 18x20 TGK piatto 93 e bilanciato a 33 cm incordatura ibrido reverse....nel rovescio una Donnay Pro One XL 16x19 in full mono...ne peso ne bilanciamento ne corde ne lunghezza racca ne schema corde della racca era uguale...e te pensi che contino racca e corde x giocare bene?
Non racchetta intesa come tale ma come sensazioni e maneggevolezza. Considera che fino al 2003 non sapevo né peso né corde e né tensione delle stesse però capivo che con alcune giocavo bene e con altre no. Come me lo spieghi questo?
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:31
Credo che tu non sappia che tipologia di racchetta ti serva x giocare il tuo tennis migliore. Ai tempi di oggi ma anche dal 2000 quando ho ricominciato a rigiocare x divertirmi lo trovata da subito...(io da i 13-14 che ho cominciato da "autodidatta") ho giocato circa 6 anni facendolo come secondo sport...poi circa 20 di stop giocando solo qualche volta in estate.
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:51
@drichichi ha scritto:
@nw-t ha scritto:Io con le racche moderne e la tecnica che avevo con il legno ho avuto solo enormi vantaggi. Ho modernizzato le impugnature solo x il dritto da quando il braccio destro ha rifatto un pò di forza. Da più di 6 anni gioco solo con le Prestige REV PRO idem x incordatura. Poi è solo "allenamento" sul gioco in generale
Però se non sbaglio giochi con piatto piccolo telai non proprio leggeri e bilanciati al manico, ossia hai adattato il tennis moderno al bilanciamento old style il tutto con tanto allenamento. Hai trovato il compromesso. Dico bene o dico cavolate?
Questo non l'avevo letto....
NO la racchetta che uso adesso me la sono fatta x il gioco "di oggi". Ed è completamente diversa dalle caratteristiche di quelle in legno...direi opposto. 340 gr XL 69,2 bil a 32,7 incordata inerzia 360...un pò diversa dalle racche di legno.
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 16:56
@nw-t ha scritto:
@drichichi ha scritto:
@nw-t ha scritto:Io con le racche moderne e la tecnica che avevo con il legno ho avuto solo enormi vantaggi. Ho modernizzato le impugnature solo x il dritto da quando il braccio destro ha rifatto un pò di forza. Da più di 6 anni gioco solo con le Prestige REV PRO idem x incordatura. Poi è solo "allenamento" sul gioco in generale
Però se non sbaglio giochi con piatto piccolo telai non proprio leggeri e bilanciati al manico, ossia hai adattato il tennis moderno al bilanciamento old style il tutto con tanto allenamento. Hai trovato il compromesso. Dico bene o dico cavolate?
Questo non l'avevo letto....
NO la racchetta che uso adesso me la sono fatta x il gioco "di oggi". Ed è completamente diversa dalle caratteristiche di quelle in legno...direi opposto. 340 gr XL 69,2 bil a 32,7 incordata inerzia 360...un pò diversa dalle racche di legno.
Ok, da dove inizio? scratch
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 18508
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 17:06
Scegliendo SOLO 1 racchetta con cui giochi meglio, x tipo (boxata, profilata o semiprofilata) incordatura (corda e tensione) adatta x tutto (racca, modo di giocare e forza)...e poi lavorare in campo x migliorare tecnica e prestazione fisica.
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5327
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19

Libro "Tennisticamente parlando" - Pagina 4 Empty Re: Libro "Tennisticamente parlando"

il Dom 29 Mar 2020 - 17:52
Le racchette con cui ho giocato in assoluto meglio sono state 2 la Prince Tour 100P 305/31 incordata Fire/nrg2 e la Mantis Custom 98 310/31.5 incordata solstice Power/ Mantis confort Syntethic , con entrambe ho giocato bene, le migliori di quelle provate, la Prince vince di poco.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum