Passionetennis - Il portale del tennista
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Passionetennis - Il portale del tennistaAccedi









Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

power_settings_newAccedi per rispondere
+53
Mirage
il tennista
kingkongy
drichichi
giper
taglia1964
maicolferra
ernesto
Alessandro
framan
mattia11
vitali
Poliwhirl
Paolo MIL
tomai
Dave71
ale1812
GIUMBIBABIO
rogerpersempre
seneca85
T_Muster
Matusa
Mauro 66
onehandjack
Eiffel59
kerox
moro
rebs
markraptus
space
Giulio Marino
foggy
tispringo
marco_dly
insideout
Max_mes
giotennis80
onehandedbackhand
Andrea 62
signorspock
Michele Forni
gugaste
masterdiego
Sp3CtR3
giuseppedona
benti77
Ziryab
nennedda58
mattiaajduetre
michele77
Tibia
alfredo scigliano
letyoursoul
57 partecipanti

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyEpicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
Promemoria primo messaggio :

Seguite il link, è in francese, ma molto, molto interessante per chi soffre di questa patologia.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Se qualcuno è interessato e non capisce il francese posso tradurre.

In estrema sintesi:


  1. l'epicondilite è una malattia professionale in crescita che causa un grave danno all'economia dei paesi industrializzati;
  2. dall'analisi di tutte le fonti scientifiche pubblicate non esiste una vera e propria cura accertata!;
  3. non è necessario fare esami strumentali per diagnosticare l'epicondilite (RM, RX, Ecografia);
  4. l'epicondilite passa da sola e dura da 9 a 24 mesi (mediamente 12 mesi);
  5. non vi sono evidenze scientifiche condivise sul fatto che le terapie possano davvero accorciare i tempi di guarigione;
  6. le infiltrazioni di cortisone hanno beneficio limitato nel tempo, ma non curano a lungo termine;
  7. non è sicuro che le terapie fisiche siano efficaci anche se sembra che possano aiutare;
  8. onde d'urto, laser, tecar e chi più ne ha più ne metta non pare abbiano alcuna efficacia;
  9. pazienza, riposo, ghiaccio, qualche FANS ogni tanto e ascoltare l'evoluzione della patologia, questi i consigli.

A scrivere e divulgare queste cose sono i cugini Francesi, in particolare sono raccomandazioni dell "observatorie de la médicine générale" che conta più di 1500 medici iscritti. Loro hanno fatto queste raccomandazioni proprio per informare i pazienti (documento scaricabile via internet) e per evitare che la patologia finisca nelle mani dei sancta sanctorum degli specialisti. Avessi letto queste cose 9 mesi fa, non avrei certamente guarito la mia epicondilite ma avrei risparmiato quasi 1.000 euro e soprattutto evitato le chiacchere di tanti.

l’Observatoire [size=9]de la Médecine Générale
[/size]

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
Proverò qualche altro telaio per vedere che effetto ha.
In passato ho provato delle pro kennex (non ricordo il modello) ma non mi trovavo per niente... altri suggerimenti?

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
Come scrivevo, la racchetta non conta nulla, evita di perdere tempo e soldi.
Ultimamente, dopo l'epicondolite di alcuni anni fa, ho avuto (e in parte sto ancora avendo) un po' di epitrocleite. 
Per la cronaca, l'epicondolite è dovuta al movimento del rovescio, l'epitrocleite del dritto.

La sto gestendo così:
- multifilo e non mono
- fascia elastica sotto al gomito
Le due cose vanno messe in AND e non in OR, e vedrai che avrai risultati immediati.

Sempre IMHO ;-))

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
kerox ha scritto:
Proverò qualche altro telaio per vedere che effetto ha.
In passato ho provato delle pro kennex (non ricordo il modello) ma non mi trovavo per niente... altri suggerimenti?

Fossi in te proverei prima il multifilo e vedi come ti trovi con la tua racchetta

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
Fossi in te proverei prima il multifilo e vedi come ti trovi con la tua racchetta

appunto...

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
kerox ha scritto:
Proverò qualche altro telaio per vedere che effetto ha.
In passato ho provato delle pro kennex (non ricordo il modello) ma non mi trovavo per niente... altri suggerimenti?

io eviterei racchette troppo leggere, scaricano troppe vibrazioni proprio alla parte anteriore del braccio, e non sostengono adeguatamente l'impatto con la palla (poca massa), con possibili schock da impatto nelle palle scentrate con il piatto corde o con colpi portati con equilibri dinamici non adeguati  (ritardo nell'impatto o presa non sufficientemente portante della racchetta), ciò che accade ancor più con il passare dell'età; esattamente il contrario di quanto suggerito nella generalità dei casi.
mantenendo analoga filosofia, scegli un allestimento del piatto corde il più morbido che riesci a sostenere, quindi tensioni molto lasse e calibri sottili.
opzione molto valida il budello, ma sappiamo quali siano le controindicazioni Neutral
eviterei anche i poly, benchè dicano che a tensioni bassissime risultano molto elastici; mai provati (chi si arrischia Very Happy ).
Infine, un bilanciamento della racchetta sul manico o, al massimo, neutro, oltre a compensare un maggiore peso della racchetta (utile per impattare la palla con maggiore massa), riduce ulteriormente le possibili vibrazioni che possono scaturire nell'impatto.
dimenticavo, forse è meglio che fintanto che provi dolore stacchi un po' per far riassorbire l'infiammazione, anche la migliore racchetta che puoi usare non è prorpiamente curativa Rolling Eyes

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
L'unica controindicazione del budello é che induce dipendenza ...  Laughing

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
{@=154}Mauro{/@} 66w' data-id='154' class='mentiontag' title='Profilo utente di Mauro'>@Mauro 66[/mention] ha scritto:
L'unica controindicazione del budello é che induce dipendenza ...  

Very Happy

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
Mauro 66 ha scritto:
L'unica controindicazione del budello é che induce dipendenza ...  Laughing

e portafogli più leggero Very Happy
sarà un ventennio che non la monto più.
l'ultima volta l'ho tirata per quasi 6 mesi, ma ogni volta che la usavo spenellavo la corda con un apposito liquido incollante , poi nel preparare il borsone per la successiva uscita tennistica l'ho trovata rotta.
ora vado di syngut senza rimpianti (e chi si ricorda più l'effetto budello, l'età abbassa anche la memoria Rolling Eyes )

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
VS Touch 1,30
Wilson Natural Gut 1,30
Luxilon Natural Gut 1,30
il quarto che posso provare qual'è?

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
Non c'è un Klip Legend da 1,30?

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
VS Touch 1,30
Wilson Natural Gut 1,30
Luxilon Natural Gut 1,30
il quarto che posso provare qual'è?

il quarto si chiama pace dei sensi, una marca nuova che promette molto bene.

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
il quarto si chiama pace dei sensi, una marca nuova che promette molto bene.

  Very Happy

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] tranquillo... non sono io, due amici sulle radical MP hanno montato VS Touch 1,30 e Wilson NAt GUt, il terzo su una prestige ig you teck MP ha montato il discovery, il quarto mi ha chiesto se ce ne sono altri ed io gli ho consigliato Budello Naturale Pacific Tournament Pro Prime Gut 1.25...

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ha scritto:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] tranquillo... non sono io, due amici sulle radical MP hanno montato VS Touch 1,30 e Wilson NAt GUt, il terzo su una prestige ig you teck MP ha montato il discovery, il quarto mi ha chiesto se ce ne sono altri ed io gli ho consigliato Budello Naturale Pacific Tournament Pro Prime Gut 1.25...


Doc, non ci sarebbe niente di male...
... chi usa budello non fa peccato (vegani esclusi
ovviamente)... Very Happy

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
io amo BT7...

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] buon giorno

potrebbe provare yonex dr100 con un multi (magari non troppo reattivo se desidera più controllo)
buon tennis

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]  grazie mille per i consigli ma ti prego dammi del tu

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
mattiaajduetre ha scritto:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] buon giorno

potrebbe provare yonex dr100 con un multi (magari non troppo reattivo se desidera più controllo)
buon tennis

estratto di un commento post testing:

"La DR 100 si presenta con contenuti tecnici e una buona facilità di utilizzo, che ne fanno un telaio adatto al grande pubblico e a molti stili di gioco. Inerzia medio-alta, profilo generoso, peso contenuto e bilanciamento leggermente verso la testa fanno della giapponese un telaio che si getta nella difficilissima mischia dei 300×100, ma con un piglio diverso dalla concorrenza."

Leggerezza e bilanciamento verso la testa sono le principali concause delle infiammazioni tendinee accusate da tennisti amatori  che, notoriamente, possono avere un apparato muscolare non sempre adeguato agli sforzi affrontati.
Siamo sicuri che sia un telaio effettivamente adatto a chi possa soffrire di epicondelite?

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
dago, peso contenuto non coincide per forza con leggerezza. per racchetta leggera, a livello quarta categoria, si intende una racchetta al di sotto dei 300 grammi nelle lunghezze standard e al di sotto dei 290 nelle lunghezze maggiorate. bilanciamento leggermente verso la testa, che poi matematicamente non lo è, si intende la classica racchetta da 300 grammi con il suo tipico bilanciamento. in questo caso quello che fa la differenza sono le corde e la rigidità del telaio. se tu trasformi le parole si va a finire su cose diverse da quelle descritte

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
VANDERGRAF ha scritto:
dago, peso contenuto non coincide per forza con leggerezza. per racchetta leggera, a livello quarta categoria, si intende una racchetta al di sotto dei 300 grammi nelle lunghezze standard e al di sotto dei 290 nelle lunghezze maggiorate. bilanciamento leggermente verso la testa, che poi matematicamente non lo è, si intende la classica racchetta da 300 grammi con il suo tipico bilanciamento. in questo caso quello che fa la differenza sono le corde e la rigidità del telaio. se tu trasformi le parole si va a finire su cose diverse da quelle descritte


non credo di aver trasformato nulla, non sono mago Laughing .
io uso una racchetta da 360 gr incordata, bilanciata al manico. questo è un peso significativo nella relatività del contesto  racchette da tennis.
tra 300 e 290, cioè 10 gr di differenza, si colloca una racchetta più leggera di ben 60 gr, cioè un 15% in meno; non vedo come non possa essere ritenuta racchetta leggera?
infatti, per garantire una sufficiente inerzia, ergo potenza in testa, il bilanciamento è dichiarato spostato sul piatto corde (cosa significa che matematicamente non lo è; io non discuisisco sull'attendibilità del commento, ma se si da per buono, bilanciamento sulla testa, significa bilanciamento sulla testa, questa è lettere italiane, semmai, non matematica Very Happy ).
vero è che le corde sono molto più importanti in questi casi, ma visto che su un qualche telaio dovranno pur essere montate, a fronte del problema denunciato mi orienterei sul meglio possibile e non sul quasi meglio, perchè rischiare, a meno chè qualcuno non gli dia in omaggio il telaio in questione cheers

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
kerox ha scritto:
Proverò qualche altro telaio per vedere che effetto ha.

... altri suggerimenti?


La Angell TC100. Ne ho una con cui ho ricominciato a giocare ieri, trovandola molto più facile di quanto ricordassi. Se vai su [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] puoi scegliere i parametri che ritieni più adatti alla tua situazione. La mia pesa 310 grammi, bil. 315, flex 63.
Si può scegliere il peso in un intervallo compreso tra 290 e 330 grammi.
Questa racchetta si trova abbastanza facilmente anche usata.
Occhio alla rigidità, l'alternativa è RA70.

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
Dagoberto ha scritto:
VANDERGRAF ha scritto:
dago, peso contenuto non coincide per forza con leggerezza. per racchetta leggera, a livello quarta categoria, si intende una racchetta al di sotto dei 300 grammi nelle lunghezze standard e al di sotto dei 290 nelle lunghezze maggiorate. bilanciamento leggermente verso la testa, che poi matematicamente non lo è, si intende la classica racchetta da 300 grammi con il suo tipico bilanciamento. in questo caso quello che fa la differenza sono le corde e la rigidità del telaio. se tu trasformi le parole si va a finire su cose diverse da quelle descritte


non credo di aver trasformato nulla, non sono mago Laughing .
io uso una racchetta da 360 gr incordata, bilanciata al manico. questo è un peso significativo nella relatività del contesto  racchette da tennis.
tra 300 e 290, cioè 10 gr di differenza, si colloca una racchetta più leggera di ben 60 gr, cioè un 15% in meno; non vedo come non possa essere ritenuta racchetta leggera?
infatti, per garantire una sufficiente inerzia, ergo potenza in testa, il bilanciamento è dichiarato spostato sul piatto corde (cosa significa che matematicamente non lo è; io non discuisisco sull'attendibilità del commento, ma se si da per buono, bilanciamento sulla testa, significa bilanciamento sulla testa, questa è lettere italiane, semmai, non matematica Very Happy ).
vero è che le corde sono molto più importanti in questi casi, ma visto che su un qualche telaio dovranno pur essere montate, a fronte del problema denunciato mi orienterei sul meglio possibile e non sul quasi meglio, perchè rischiare, a meno chè qualcuno non gli dia in omaggio il telaio in questione cheers

significa che un bilanciamento di 33,5 corde comprese non può essere matematicamente leggermente in testa perchè la metà della lunghezza di 68.5 è superiore. quindi è solo una prassi definirlo in quel modo. è ovvio che se fai il confronto con racchette nettamente più pesanti, quelle da me citate risultano leggere, ma io ti ho evidenziato quali sono gli standard attuali, quelli che hanno preso piede col tennis moderno, non ho detto che negli ultimi 40 anni si collocano a una tendenza di racchetta media , ho detto che attualmente sono considerate un peso normale, perchè le racchette leggere di oggi sono quelle al di sotto di quella soglia. e ho parlato anche di contesto quarta categoria, perchè una racchetta da 330 grammi nuda andrà pure benissimo per un seconda categoria ma diventa raramente gestibile con profitto per un quarta categoria. quindi che me ne faccio di una racchetta che mi tutela di più il braccio se poi non posso giocarci per altri motivi ? un telaio da 300 grammi con bilanciamento entro i 34 centimetri e una rigidità bassa, abbinato a corde multifilamento a tensione medio-bassa non crea alcun problema, se non in presenza di gesti tecnici scorretti o predisposizione a patologie dell'avambraccio dovuta a motivi extratennistici. viceversa una racchetta nettamente più pesante potrebbe dare problemi alla spalla in fase di servizio.

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
e te lo dice uno che ha già avuto epicondilite ed epitrocleite, quindi da allora in poi ho posto la massima attenzione nella scelta di telaio e corde proprio per non avere ricadute. un peso alto abbinato a un bilanciamento verso il manico, su telaio morbido, protegge di più dagli shock, indubbiamente, ma altrettanto indubbio che un peso medio senza bilanciamento estremo e senza rigidità alta non crea alcun tipo di problema, specialmente se si presta attenzione alla scelta della corda e ai tempi di sostituzione della stessa. da qui il mio intervento a controbilanciare il tuo, che tra l'altro non prendeva per niente in esame la rigidità, che è spesso la fonte primaria di problemi di quel genere.

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
VANDERGRAF ha scritto:
Dagoberto ha scritto:
VANDERGRAF ha scritto:
dago, peso contenuto non coincide per forza con leggerezza. per racchetta leggera, a livello quarta categoria, si intende una racchetta al di sotto dei 300 grammi nelle lunghezze standard e al di sotto dei 290 nelle lunghezze maggiorate. bilanciamento leggermente verso la testa, che poi matematicamente non lo è, si intende la classica racchetta da 300 grammi con il suo tipico bilanciamento. in questo caso quello che fa la differenza sono le corde e la rigidità del telaio. se tu trasformi le parole si va a finire su cose diverse da quelle descritte


non credo di aver trasformato nulla, non sono mago Laughing .
io uso una racchetta da 360 gr incordata, bilanciata al manico. questo è un peso significativo nella relatività del contesto  racchette da tennis.
tra 300 e 290, cioè 10 gr di differenza, si colloca una racchetta più leggera di ben 60 gr, cioè un 15% in meno; non vedo come non possa essere ritenuta racchetta leggera?
infatti, per garantire una sufficiente inerzia, ergo potenza in testa, il bilanciamento è dichiarato spostato sul piatto corde (cosa significa che matematicamente non lo è; io non discuisisco sull'attendibilità del commento, ma se si da per buono, bilanciamento sulla testa, significa bilanciamento sulla testa, questa è lettere italiane, semmai, non matematica Very Happy ).
vero è che le corde sono molto più importanti in questi casi, ma visto che su un qualche telaio dovranno pur essere montate, a fronte del problema denunciato mi orienterei sul meglio possibile e non sul quasi meglio, perchè rischiare, a meno chè qualcuno non gli dia in omaggio il telaio in questione cheers

significa che un bilanciamento di 33,5 corde comprese non può essere matematicamente leggermente in testa perchè la metà della lunghezza di 68.5 è superiore. quindi è solo una prassi definirlo in quel modo. è ovvio che se fai il confronto con racchette nettamente più pesanti, quelle da me citate risultano leggere, ma io ti ho evidenziato quali sono gli standard attuali, quelli che hanno preso piede col tennis moderno, non ho detto che negli ultimi 40 anni si collocano a una tendenza di racchetta media , ho detto che attualmente sono considerate un peso normale, perchè le racchette leggere di oggi sono quelle al di sotto di quella soglia. e ho parlato anche di contesto quarta categoria, perchè una racchetta da 330 grammi nuda andrà pure benissimo per un seconda categoria ma diventa raramente gestibile con profitto per un quarta categoria. quindi che me ne faccio di una racchetta che mi tutela di più il braccio se poi non posso giocarci per altri motivi ? un telaio da 300 grammi con bilanciamento entro i 34 centimetri e una rigidità bassa, abbinato a corde multifilamento a tensione medio-bassa non crea alcun problema, se non in presenza di gesti tecnici scorretti o predisposizione a patologie dell'avambraccio dovuta a motivi extratennistici. viceversa una racchetta nettamente più pesante potrebbe dare problemi alla spalla in fase di servizio.

Se per convincere della bontà delle nostre tesi dobbiamo esporre al pubblico giudizio le nostre cicatrici, ti assicuro che dopo più di 40 anni di tennis, ho solo l'imbarazzo della scelta Very Happy .
Come ogni sistema, non c'è quello perfetto, semmai quello perfettibile.
Io provenendo proprio da un problema al gomito, prima e alla spalla poi, incrociando le dita, al momento sono a posto usando da quasi 6 mesi una racchetta in legno di 360 gr. bilanciata al manico, midsize, allestita con corde in syngut tese discretamente lasse e dal calibro modesto, quindi piatto corde abbastanza mormido.
Poco prima ero passato a un modello in grafite da 345 gr. bilanciato neutro degli anni '90, racchette che si fatica a trovare oggi.
Gli ultimi problemi accusati sono proprio il risultato di impiego di racchette odierne e il mio tennis non è cambiato da 40 anni ad oggi, discretamente modesto e con frequenza di gioco discretamente modesta Sad, insomma un amatore, anche se con buon invecchiamento in botte di sherry Laughing .
Non sono solo un nostalgico (forse, pensandoci bene, solo un pochino Razz ), mi sono documentato.
Ho fatto la trafila, come tutti, dal legno al carbonio, per passare agli altri materiali più spaziali (ceramica e non ricordo altro), finendo con l'attuale graffite.
Prima che un inizio di epicondelite si incancrenisse, mi sono messo in moto.
Ho letto, riletto, documentato, provato e riprovato e sono giunto alla conclusione che, in effetti, se usi un attrezzo più pesante lo sposterai per la forza che muscolarmente il tuo corpo permette. Invece, usando attrezzi più leggeri, sei spinto ad effettuari movimenti, colpi, che apparentemente risultano più semplici, più facili, ma al contatto con la palla determinano shock e contraccolpi che il tuo fisico non sempre è preparato a sopportare e, dai oggi, dai domani, le infiammazioni fioccano ... .
Quindi, il peso di una racchetta se si pensa al solo spostamento nell'aria, in effetti, potrebbe apparire come un problema, ma considerando anche l'impatto con la palla, risulta essere un aiuto ad attutire, controbilanciare, con maggiore massa l'impatto con la palla e durante una partita di questi impatti se ne contano a decine, forse qualche centinaia! Inoltre il legno è un materiale naturalmente fono isolante proprio perchè sa disperdere le vibrazioni per via della struttura a lamine circoscritte di cui è caraterizzato. Inoltre un bilanciamento al manico riduce incredibilmente l'effetto dinamico del peso durante lo spostamento del telaio nell'aria, provare per credere. Quindi, che siano 40 o 10 anni, le concatenazioni fisiche che sono coinvolte nella dinamica di colpire una pallina sono sempre le stesse e se il mercato attuale non offre soluzioni adeguate sottoil profilo dell'infortunistica, mi rivolgo al museo delle cere (ebay Laughing ). Tra l'altro, non dettagio da poco, colpisci un palla spinta da 350 gr, invece che da 270 gr e capirai la differenza Twisted Evil .
Detto ciò, ognuno è libero di fare le proprie scelte.
Ad maiora.

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
dago, se leggi le racchette in firma sul mio profilo, vedi che c'è anche puma pcs, praticamente gioco anche con la puma boris becker super, racchetta fantastica che pesa 365 grammi incordata, quindi figurati se non sono amante dei telai vintage ! ogni persona ha la sue preferenze e le sue esperienze, non era mia intenzione volgere alla valenza di assoluto le mie conoscenze dirette, ti stavo semplicemente dicendo che racchette come quelle da me descritte non sono pericolose, ma non perchè lo dico io, ma perchè è universalmente riconosciuto da incordatori, maestri e parecchi giocatori che conosco. se poi tu ti trovi nettamente meglio solo con telai più pesanti, meglio per te, ma si tratta di una soluzione personale a un problema da te supposto o anche verificato, che nella stragrande maggioranza dei casi non esiste. ho giocato anche con una slazenger phantom imf che arriva quasi a 400 grammi, ma, per il mio livello tecnico-fisico, ho visto che fare un'ora con racchette di quel genere è mediamente penalizzante in termini di resa rispetto a racchette diverse, come ad esempio una slazenger challenge tour 320 grammi. tra l'altro l'epitrocleite mi era venuta con una tecnifibre 320 grammi, quindi più pesante di quelle da te considerate troppo leggere, perchè il mio gomito non sopportava a lungo quel tipo di rigidità.

descriptionEpicondilite, quello che in Italia non dicono... - Pagina 4 EmptyRe: Epicondilite, quello che in Italia non dicono...

more_horiz
poi c'è da considerare una cosa fondamentale: negli ultimi 15 anni, se non di più, i giocatori che hanno cominciato a giocare a tennis, di qualsiasi età, lo hanno fatto quasi sempre con racchette di concezione moderna, quindi peso intorno ai 300 grammi, ovale 100 pollici e rigidità media nettamente più alta delle racchette anni 80/90. ti sembra facile, dopo aver fatto abitudine e consolidato tecnica e movimenti con quel tipo di racchetta, passare ad un telaio di 30/50 grammi in più con ovale nettamente più piccolo e rigidità più bassa ? può esserlo in tutti quei casi in cui prevale la curiosità, la voglia di sperimentare, la passione di sentire sensazioni diverse a prescindere dai risultati; ma diventa molto più difficile in tutti quei casi, che sono molti di più, di giocatori che giocano per vincere una partitella o un partitone e che vogliono avere un telaio sul mercato, magari anche per fare una coppia. e non hanno la pazienza e la voglia di arrivare a farlo con telai che si trovano solo a livello di usato o che vanno comprati al buio. la realtà è cambiata, le tendenze sono cambiate, ma non tutto il male viene per nuocere se si mantiene attiva una sana intraprendenza nella scelta di telaio e corde, con il giusto supporto di chi magari ha già avuto esperienze in merito o si trova nel settore da parecchi anni con passione e competenza
privacy_tip Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
power_settings_newAccedi per rispondere