Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
ivanisevic82
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 21.05.16

Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Dom 4 Giu 2017 - 23:57
Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti, avrei bisogno di un consiglio.

Ormai da diversi anni gioco con una Head Liquidmetal Instinct, racchetta reputata da molti ottima, ma probabilmente inadatta alle mie esigenze.

Purtroppo non sono capace di palleggiare al fondo: reggo due o tre scambi, poi tento il vincente.
Per ragioni sia fisiche che mentali non riesco a giocare in attesa dell'errore dell'avversario e amo non frenare il mio braccio.

Il mio dritto è molto arrotato, anche se piuttosto potente (per il mio livello da amatore ovviamente).
Il rovescio è a due mani e completamente piatto (di conseguenza la palla viaggia molto).

La liquidmetal purtroppo non mi da molto controllo con le rotazioni: mi trovo quindi spessissimo ad andare lungo di dritto e con il servizio slice. Anche il rovescio in back troppo spesso "decolla".

Con il rovescio piatto di trovo invece alla grande.

Ho provato a cambiare le corde, passando a delle monofilamento più adatte al controllo: qualcosa è cambiato, ma nulla di eclatante.

Recentemente ho avuto modo di provare una Prince 100 pro Tour.
Con questa racchetta è completamente diversa dalla liquidmetal. Mi offre molto più controllo e si comporta ottimamente con le rotazioni.
Il dritto in top (che è ovviamente il colpo che gioco più spesso) esce meno, anche se spingo molto.
Il servizio è molto più preciso, sia nello slice che nella botta piatta.
Il rovescio in back è una favola: preciso, teso...veramente soddisfacente.

Purtroppo il problema grosso è il rovescio a due mani piatto (cioè quello che gioco quasi sempre): mettendoci la stessa forza che utilizzavo con la liquidmetal, la palla viaggia esattamente alla metà della velocità.

Si tratta di una situazione che mi impedisce di propendere per l'una o per l'altra, in quanto anche se con la Prince mi trovo meglio un pò su tutti i fronti, i limiti che incontro sul rovescio a due mani sono veramente importanti.

Questo colpo infatti mi permette di tirare forte contro quello che (in genere) è il colpo meno sicuro dei miei avversari.
Utilizzando la Prince perdo totalmente una delle mie armi migliori.

La spiegazione che mi sono dato mi sembra piuttosto ovvia: ci sono racchette che danno il meglio di se con le rotazioni, altre che favoriscono il gioco piatto.

Il mio problema è che purtroppo io ho un gioco a "due facce", avendo un dritto arrotatissimo e un rovescio completamente piatto!

Purtroppo non posso prendere il meglio dall'una e dall'altra...che utilizzare due racchette in campo!

La racchetta "perfetta" sia per il gioco piatto che per quello più lavorato probabilmente non esiste...
Allora la domanda che mi faccio è: devo rinunciare a trovare una racchetta che possa assecondare questa mia totale asimmetria nell'esecuzione dei due fondamentali da fondo campo?

Grazie per la pazienza e i consigli!

Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 48921
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Mer 7 Giu 2017 - 5:50
Firenze è piena di gente che monta le corde sulle racchette, peccato che non sia la stessa cosa di "incordare". Rolling Eyes  Potresti contattare le associazioni di incordatori (ERSA ed IRSA) per chiedere se hanno un loro iscritto che lavori nell'ambiente non da "abusivo", ovviamente, ma inserito in un'attività od avendone una propria con regolare partita iva.
ivanisevic82
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 21.05.16

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Mer 7 Giu 2017 - 16:23
Scusa Eiffel, ma quando dici che Firenze è "piena di gente che monta corde sulle racchette", ti riferisci in particolare all'ambiente fiorentino (che conosci) o dicevi in generale (come se la considerazione valesse per qualsiasi città?).

Ho scritto ad entrambe le associazioni, attendo riscontro.
Sul sito della IRSA c'è anche la possibilità di cercare i membri su mappa, a Firenze non c'è nessuno.

Ad ogni modo - in tutta sincerità - mi sembra impossibile che in tutta Firenze non esista un incordature competente o comunque una persona che "monta corde sulle racchette" in maniera "decente" o comunque proporzionata a quelle che possono essere le mie esigenze.

Federer si porta l'incordatore personale in giro per il mondo.
Io se devo essere sincero dubito di avere una tale sensibilità nel gioco da rendermi conto delle differenze tra un telaio incordato da un incordature ERSA/IRSA e uno incordato dall'incordatura sotto casa.

Capisco (e ci credo, sia chiaro) che l'incordatura che avete visto in foto nella HEAD non vi sembri all'altezza...
Ma al tempo stesso mi domando come sia possibile che nel mio circolo, dove ci sono diversi calssificati, maestri FIT, oltre ad un ex 2.1 molto forte (che per intenderci si allenava con Canas), i quali tutti fanno incordare le racchetta dall'incordatura sotto casa mia e si trovano bene...
Sono tutti degli sprovveduti? O forse giocano senza rendersi conto che utilizzano strumenti incordati in maniera inadeguata?
avatar
Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 48921
Età : 59
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Mer 7 Giu 2017 - 17:42
Conosco e pure molto bene l'ambiente fiorentino, visto che ho collaborato con Universo Sport per più di tre anni. Nello specifico, ho provveduto "anche" a preparare gli incordatori del centro di San Donato. Purtroppo , per politiche di quel gruppo, gli incaricati o sono andati via, oppure sono stati spostati in altri punti vendita.
Al tempo stesso, non essendo conosciuto "de visu", ho passato qualche tempo a visitare le realtà locali, scoprendo tranne rare eccezioni e quasi tutte nel privato una situazione di appiattimento verso il basso della qualità.

Non tirerei fuori l'argomento dei pro...anzi, "se proprio" loro hanno molto meno bisogno di un lavoro "fatto bene" di quanto ne abbia il giocatore della domenica. Un lavoro ben fatto aiuta proprio il giocatore di diporto, uno fatto male non danneggia più di quel tanto un Pro grazie alle sue capacità di adattamento, che il "club player" non ha, e comunque non in quella misura.

In ultimo... il livello degli incordatori di Firenze città è ancora lo stesso di tre anni fa (quando ho lasciato il gruppo per trasferirmi a Casale), ed i PM che mi arrivano da amici e conoscenti di lì me lo confermano. Evidentemente, in mezzo a tanta mediocrità, qualcuno che offre un servizio un pelo più "mirato" può passar per buono, ma ribadisco la mia opinione: montare le corde non è incordare, e non lo sarà mai. Se appena hai la possibilità, fatti incordare da un professionista certificato, che ti consigli in maniera corretta corde e tensioni, e le installi in maniera adeguata.
Ti assicuro che la differenza "si sente" e poi diventa difficile tornare indietro...
ivanisevic82
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 21.05.16

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Gio 8 Giu 2017 - 0:48
Eiffel mi dici che la situazione a Firenze ti sembra uguale a quella di qualche anno fa (cioè mediocre, tendente verso il basso)...

In questo topic di qualche anno fa sugli incordatori di Firenze però dicevi che il capoluogo toscano "ha la fortuna di avere una base vasta e strutture di supporto sempre più all'altezza"

https://www.passionetennis.com/t15050-incordare-a-firenze

Peraltro mi sembra che esprimesti giudizi positivi sugli incordatori citati nella discussione...e uno di quelli è proprio il mio incordatore!

È possibile che i giudizi negativi basati su una semplice foto siano stati affrettati?

Non che voglia difenderlo a tutti i costi, ma mi dispiacerebbe cambiarlo senza essere sicuro che sia davvero non all'altezza.
avatar
Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 48921
Età : 59
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Gio 8 Giu 2017 - 6:39
Confermo quanto detto allora, limitatamente alle due persone citate. Una delle quali però è a Prato, non in città.
E "vasta base" e "strutture di supporto all'altezza" significa "tanti tennisti e circoli belli e ben attrezzati".
Quando però cinque anni fa fui sul posto in uno dei due specialisti locali a richiesta specifica di un lavoro a 4 nodi su una Prince mi sentii rispondere -seccato- di preoccuparmi solo di giocare e lasciar fare che tanto non ne capivo (malgrado mi fossi presentato con un pattern scaricato da internet in cui erano specificati per iscritto i 4 nodi), nell'altro troppe mani giravano intorno alla racchetta, ed un paio delle persone che erano al lavoro in quel momento erano visibilmente seccate del fatto che facessi domande ed osservassi.
Purtroppo la situazione per il resto della città era peggiore, macchinari vecchi, spesso starati e personale non specificamente preparato per quanto volonteroso...ma con tecniche sbagliate. In negozi in cui incordare era l'ultima preoccupazione...

Le stesse tecniche sbagliate applicate alla Head, per intenderci: per un esperto è facilissimo capire se un telaio è incordato a due nodi dal basso oppure in ATW, basta conoscere il pattern e vedere la posizione dei nodi. Così come per i passacorde che dicono "corde tirate prima da un lato poi dall'altro" alla faccia dell'alternare il più possibile in parallelo. E si, cono tutte cose che si possono vedere da una fotografia, specie se ben eseguita e di dimensioni generose.

Comunque..non ti sto dicendo di abbandonare il negozio, di qualunque dei due specialisti si parli. Chiedigli cortesemente di incordare la Prince a 4 nodi anche se a tensione costante e la Head con un pattern Around the World (ATW). Non può rifiutare una specifica richiesta...

Un'ultima cosa: un professionista mette sempre un adesivo, consegna un foglio di lavoro oppure mette la racchetta in una busta con indicati tutti i parametri di lavoro, soprattutto tipo e calibro della corda, tensione e data di esecuzione, per rammentare al giocatore la necessità di cambio, per i mono, entro e non oltre le venti ore di gioco.
ivanisevic82
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 21.05.16

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Gio 8 Giu 2017 - 8:56
Ok, vediamo questa volta come va!
Sto cercando di procurarmi le Prince da te suggerite ma le trovo solo con la dicitura "17 1.25".
Vanno bene o sono un altro modello?
Grazie!
avatar
Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 48921
Età : 59
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Gio 8 Giu 2017 - 12:58
Va benissimo, è la stessa corda. Io ho messo solo il calibro in mm., l'altro è il gauge anglosassone...
ivanisevic82
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 27
Data d'iscrizione : 21.05.16

Re: Consiglio racchetta che assecondi le mie "due facce"

il Ven 9 Giu 2017 - 0:58
Ciao ragazzi, piccolo aggiornamento.
Oggi non avendo ancora a disposizione le nuove corde ho fatto una partita con le racchette incordate così come in foto, utilizzando per il primo set la Prince e per il secondo la Head.

La cosa che mi ha sorpreso è che le sensazioni che avevo avuto dall'ultima volta sono molto cambiate!
Intanto confermo al 100% che con la Prince fatico molto a spingere (soprattutto col rovescio piatto, ma anche un po' col dritto). Forse per via della tensione eccessiva per il mio braccio (23 kg) o più probabilmente perché le corde sono andate...fatto sta che ho fatto davvero tanta fatica (va bene il controllo, ma la palla deve viaggiare!).
Set perso 6-3.

Passo alla head, un altro mondo. La palla corre al doppio della velocità e non scappa via nemmeno tanto (solo un po' troppi dritti lunghi di 10/20 cm...dovrebbe bastare forse un minimo di tensione in più).

Alla fine ho raggiunto la conclusione che forse la Prince mi aveva dato migliori sensazioni le volte scorse perché l'avevo usata su sintetico indoor molto veloce e il telaio è un po' più maneggevole della head.

Oggi su terra, dove avevo più tempo per organizzare i colpi, non c'era proprio confronto (il secondo set con la head l'ho vinto 6-1).

Ora non vedo l'ora di provare le nuove corde sulla head, sperando davvero che la lieve asimmetria del telaio non lo comprometta (anche se giocando non sento nulla di strano).

Al tempo stesso penso che anche la Prince con corde nuove è un po' meno tese mi darà quella spinta che oggi mi è mancata...
Solo allora potrò fare un confronto serio, anche se per ora stravince la head.

Vi aggiorno!
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum