Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultime dal mercatino
Ultimi argomenti
» E' tutto relativo ... nel tennis
Oggi alle 1:21 Da kingkongy

» Budello per prestige rev pro
Oggi alle 0:44 Da nw-t

» Multifilo per Pure Drive GT 2013
Oggi alle 0:39 Da LucaCs76

» Babolat Skin Feel pesa quanto il grip originale?
Oggi alle 0:25 Da fa

» piombo negli steli
Oggi alle 0:21 Da fa

» quando inizia l'apertura ?? pareri contrastanti
Oggi alle 0:11 Da drichichi@alice.it

» il mulinello nel servizio
Oggi alle 0:08 Da drichichi@alice.it

» racchetta adatta ad un swing veloce
Oggi alle 0:05 Da drichichi@alice.it

» l'importanza del servizio nel tennis
Oggi alle 0:01 Da drichichi@alice.it

» Textreme tour 100p 18x20
Ieri alle 23:57 Da drichichi@alice.it

» Nuove Pure Strike VS & VS Tour
Ieri alle 23:56 Da captivik

» Giovanni Falcone
Ieri alle 23:53 Da fabioborg

» Che scarpe usi per giocare a tennis?
Ieri alle 23:47 Da fa

» Corde per GrapheneXT Speed MP
Ieri alle 23:46 Da Paolo_69

» IBRIDO MIGLIORE
Ieri alle 23:31 Da drichichi@alice.it

» Stupore...
Ieri alle 23:24 Da drichichi@alice.it

» Ore dedicate al tennis per crescere!
Ieri alle 23:22 Da drichichi@alice.it

» Corde Synthetic Gut
Ieri alle 23:19 Da drichichi@alice.it

» Prestige MP: You Teck ig vs XT Graphene? Cambio alla pari?
Ieri alle 23:18 Da drichichi@alice.it

» PRINCE TENNIS FANS CLUB...sei appassionato Prince? Official Thread
Ieri alle 23:15 Da drichichi@alice.it

» Pura 1.25
Ieri alle 22:17 Da Uboat75

» Luxilon alu power feel 1.20
Ieri alle 22:13 Da Pat75

» Schiavone
Ieri alle 21:22 Da vdario

» corde per Vcore SV100
Ieri alle 19:27 Da Foundland

» Corde multifilamento per HEAD graphene xt speed mp
Ieri alle 18:21 Da fa

» Corde Extreme tennis
Ieri alle 17:29 Da Ivanlendl

» Migrazione alla nuova area "Mercatino"
Ieri alle 17:26 Da Alessandro

» Nuova Head Graphene Xt Prestige S
Ieri alle 17:12 Da pacianka

» Pure drive, che mettere???
Ieri alle 16:58 Da drichichi@alice.it

» Juan Martin Del Potro Fans Club
Ieri alle 16:35 Da micioneforever



Link Amici

Web stats powered by hiperstat.com


19515 Utenti registrati
191 forum attivi
657929 Messaggi
New entry: geofr71

ARTECH / pro-stock Artengo

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da fil27t il Dom 29 Mag 2016 - 12:01

Promemoria primo messaggio :

Mi sono imbattuto in questo articolone  e ve lo riporto http://tennistaste.com/artengo-la-voce-grossa-progetto-artech


L’immagine di unRaffaello Barbalonga, un grande esperto di evoluzione delle racchette nella storia, ma soprattutto di tecniche costruttive della grafite, porta avanti da qualche anno una ricerca il cui scopo è quello di valorizzare la tecnicità dei servizi e delle competenze nel comparto tennis. In relazione a queste considerazioni, non potevo esimermi dal chiedergli come stesse procedendo e quali fossero gli out-put, perché il progetto mi piace, è ambizioso ed ha a che fare con il tennis giocato, quello dedicato agli appassionati.
Raffaello Barbalonga davanti alla sua famosa rastrelliera di telai storici
Come nasce il Progetto? Qual è il principio ispiratore?

Il progetto Artech nasce dalla necessità di scollegare il marchio Artengo dalla percezione di prodotto economico, come viene ingiustamente etichettato. Ci stiamo concentrando sul vero fruitore del prodotto, l’appassionato, che ha esigenze diverse rispetto al professionista e che vuole, allo stesso tempo, un telaio di qualità, giocabile, solido e appagante su tutti i fronti.



Qual è l’obiettivo? Cosa volete realizzare con le nuove Artech?

L’obiettivo è unico, fornire un prodotto sviluppato in campo, con e per gli appassionati di tennis, che piaccia per la resa e che sia soddisfacente anche a livello estetico, con scelte cromatiche che ricalchino il carattere agonstico delle nuove racchette. Allo stesso tempo, la base di partenza è quella di offrire una prodotto di qualità, per materiali impiegati e comportamento dinamico, e per questo abbiamo sviluppato un prodotto che non è votato all’economia, ma alla prestazione. In poche parole, abbiamo voluto realizzare le Pro Stock di Artengo, materiali di qualità e telai messi a punto da una squadra di tecnici.

A parte te, chi ha lavorato al progetto?

In Decathlon Modena si è creato una sorta di laboratorio dove facciamo ricerca e sviluppo e privilegiamo i servizi tecnici come l’incordatura e la customizzazione. In questa direzione abbiamo presto coniugato le nostre progettualità con il know how di Pro-T-One, dell’Ing. Gabriele Medri, dando vita a tante idee nel cassetto. Parallelamente é nato il gruppo ”Quindicizero” che si occupa di eventi che hanno l’obiettivo di dare consapevolezza al tennista contemporaneo.

Dal punto di vista delle racchette, da dove siete partiti?

Il tutto è cominciato quando ho visto come fossero all’interno le nuove Artengo TR990. Completamente piene e con la balsa e core foam, una manifattura assolutamente di alto alto livello. Mi sono chiesto quanto costasse produrre un telaio di quel genere. Le ho fatte analizzare a Gabriele Medri ed anche lui è rimasto di stucco. In effetti l’aspetto tecnologico di questi telai era troppo in ombra. Ho chiesto in azienda e mi hanno fatto parlare direttamente col capo prodotto a Shenzhen. Lui mi ha confermato che i prodotti erano realizzati con stuoie complesse, non semplici plain wave, ma twill di origine Japan, i migliori in circolazione. A quel punto abbiamo pensato che forse era giusto evidenziare questi prodotti ingiustamente etichettati come ”economici”.

Materiali di qualità, ma su quali telai li avete applicati?

Abbiamo fatto diverse prove e sono in arrivo altri telai definitivi, ma per ora posso dirti che il telaio che presenteremo a breve è basato su uno stampo H21, 97,5 pollici, già presente nella linea Artengo, sotto il nome di TR930, ma non valorizzato a dovere. Si tratta di una racchetta boxed beam, dal gusto classico e agonistico, pastosa e stabile, con un dato di flessibilità pari a 57 punti Ra, che garantisce quella sensibilità dell’attrezzo, che gli appassionati vogliono ritrovare nel proprio telaio. Abbiamo allo studio, poi, un modello profilato, per coprire la fascia di utenti che ricercano un telaio, sempre di qualità, ma più facile da gestire.



Riguardo al peso della racchetta, cosa avete scelto?

Tre pesi diversi, 305, 315 e 325, di cui l’ultima è denominata “Nos”, per l’effetto spinta che consente la massa del telaio.



Quindi, state tentando anche di cambiare l’appeal del marchio, ma l’estetica del prodotto?

Esatto. Abbiamo ridefinito i parametri di un telaio che sarebbe stato pienamente degno del mercato,  ma forse a causa di alcuni particolari, non era stato apprezzato. Abbiamo lavorato sulle caratteristiche tecniche e dinamiche, quelle che devono costituire il vero appeal del prodotto e che devono rappresentare il motivo di scelta di una racchetta rispetto ad un’altra. Ovviamente, abbiamo rivisitato anche il look, con delle livree più austere e meno vivaci, perché l’estetica deve trasmettere quel senso di agonismo per cui è stata creata. Ho avuto modo di far vedere le nuove racchette ad alcuni clienti e subito mi hanno chiesto se potessero acquistarle.

Considerando il lavoro che c’è dietro al progetto Artech e i materiali adoperati, il prezzo non sarà in linea con lo spirito Decathlon?

Assolutamente, qualora il progetto prendesse vita commerciale, il prezzo resterebbe contenuto, ben oltre ogni aspettativa e nella filosofia del brand. Questo è un segnale che dovrebbe far riflettere gli appasionati sul rapporto qualità/prezzo dei prodotti che acquistano.







Innanzitutto faccio un grande plauso agli ideatori e all'iniziativa, assolutamete speciale e interessante che spero incontri il successo che merita. Dalle foto delle racchette mi pare chiaro che siete partiti da 2 stampi, uno di quelli proprietari di Artengo (inconfondibili gli steli) ed un'altro che sembra il classico Head MP.
Visto che sul forum è presente Raffaello Barbalonga colgo l'occasione per rivolgergli qualche domanda su questa linea di prodotti
che mi viene spontanea dopo aver letto l'articolo che mi ha instillato molta curiosità.

Dal sito del Decathlon ho notato che non sono più listate le 920/930 che erano quelle fatte con uno stampo simil-prestige, quindi quella racchetta viene cessata come prodotto Artengo (sul sito non è più listata) e reincanalata nella linea Artech? Se è possibile saperlo si tratta di un'operazione di valorizzazione del medesimo prodotto o a seguito degli studi hai fatto introdurre delle modifiche di costruzione? In sostanza andate a valorizzare meglio le qualità esistente e non adeguatamente commercializzate o andate ad aggiungere altra qualità e innovazione a prodotti già buoni?

Nell'articolo dici di rivolgerti agli appassionati, partendo dall'assunto che l'appassionato ha esigenze diverse (e implicitamente inferiori) rispetto all'agonista/professionista. Secondo me questo punto di vista, commercialmente parlando, è un grosso errore.
Nello sport c'è sempre l'elemento competitivo e a nessuno piace essere inquadrato, anche se sa di esserlo, come amatore di turno perchè taglia le gambe alla potenzialità, alla speranza di miglioramento, motore dell'impegno della persona, e questa tendenza è palesemente riflessa sul mercato degli attrezzi sportivi, viceversa non vedresti principianti e amatori armati di PS97, Blade, Radical, PD-APD, Prestige e quant'altro circola in ATP. Da qui lancio una domanda e un suggerimento. Il progetto è interessante, alle spalle ci sono persone valide e intelligenti, è un'iniziativa senza precedenti. Probabilmente avete già in mente un lancio coi fiocchi, ma sei sicuro che una linea di racchette del genere non meriti di godere di un traino commerciale in competizioni ufficiali di medio livello dove ancora non girano troppi soldi ma hanno un seguito vicino all'utente finale appassionato? La contestualizzazione del prodotto, l'inserimento fra una concorrenza selezionata è propaganda esso stesso. Al sodo, perchè non provate a metterle in mano ai terza categoria? Le caratteristiche intrinseche dell'attrezzo lo permetterebbero o si tratta di telai materialmente inadeguati per quel livello di giocatori? Scusa le tante domande ma il progetto è veramente interessante e mi ha animato molta curiosità

In definitiva: "cosa volete fare da grandi"?
Volete fare la Artengo "deluxe" confinata nel mondo Decathlon o volete uscire dalla cuccia e andare a giocare con gli altri?

Tanti Auguri, e buona fortuna cheers
avatar
fil27t
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 446
Data d'iscrizione : 15.05.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: steel colander pro

Tornare in alto Andare in basso


Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da raffaellobarbalonga il Lun 27 Feb 2017 - 20:08

faremo in modo di far girare i prototipi

raffaellobarbalonga
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 02.04.11

Profilo giocatore
Località: bologna
Livello: 4.1
Racchetta: vorrei tanto una Toalson Sweet Area 320...

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da tempesta il Lun 27 Feb 2017 - 21:03

Oh.....male male cercherete di creare spedizione andata e ritorno a pagamento come TWE.....
avatar
tempesta
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1446
Età : 46
Località : Prato
Data d'iscrizione : 08.11.13

Profilo giocatore
Località: Prato
Livello: 4a cat....
Racchetta: Donnay XDual Silver 2016!!!!

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da Tholos66 il Gio 2 Mar 2017 - 20:48

Raffaello, restiamo in attesa di buone nuove, quindi. WOW!!!!
avatar
Tholos66
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1353
Località : Cagliari
Data d'iscrizione : 30.05.09

Profilo giocatore
Località: Cagliari
Livello: 4.2 FIT
Racchetta: 2 Yonex VCore Tour F 310 - 2 Yonex Ezone AI98 - 2 Yonex VCore Tour 89 - 2 RDiS200 HG e molte altre...

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da gabr179 il Gio 9 Mar 2017 - 10:16

ieri Raffaello Barbalonga ha pubblicato su Facebook un'altro progetto interessante, la "Modena 8.9" basata sulla TR890 con una grafica stilosissima tutta nera con dettagli rossi. Ma arriverà anche la 9.9 basata sulla TR990. Arriveranno dopo le boxed su base H21.
avatar
gabr179
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1384
Età : 37
Località : Monza Brianza Como
Data d'iscrizione : 08.08.12

Profilo giocatore
Località: Monza Brianza - Como
Livello: Scarso
Racchetta: Solinco Protocol 325, Prince Response 97, Wilson RF97A, Angell TC95, Volkl SG8 315, POG 4Stripes, Head Radical Tour Zebra 107, Head Radical Tour Agassi LTD

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da woho21 il Lun 1 Mag 2017 - 18:32

ma quindi? news?
avatar
woho21
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 710
Data d'iscrizione : 08.10.13

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: solo pure strike tour 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum