Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

ARTECH / pro-stock Artengo

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da fil27t il Dom 29 Mag 2016 - 12:01

Mi sono imbattuto in questo articolone  e ve lo riporto http://tennistaste.com/artengo-la-voce-grossa-progetto-artech


L’immagine di unRaffaello Barbalonga, un grande esperto di evoluzione delle racchette nella storia, ma soprattutto di tecniche costruttive della grafite, porta avanti da qualche anno una ricerca il cui scopo è quello di valorizzare la tecnicità dei servizi e delle competenze nel comparto tennis. In relazione a queste considerazioni, non potevo esimermi dal chiedergli come stesse procedendo e quali fossero gli out-put, perché il progetto mi piace, è ambizioso ed ha a che fare con il tennis giocato, quello dedicato agli appassionati.
Raffaello Barbalonga davanti alla sua famosa rastrelliera di telai storici
Come nasce il Progetto? Qual è il principio ispiratore?

Il progetto Artech nasce dalla necessità di scollegare il marchio Artengo dalla percezione di prodotto economico, come viene ingiustamente etichettato. Ci stiamo concentrando sul vero fruitore del prodotto, l’appassionato, che ha esigenze diverse rispetto al professionista e che vuole, allo stesso tempo, un telaio di qualità, giocabile, solido e appagante su tutti i fronti.



Qual è l’obiettivo? Cosa volete realizzare con le nuove Artech?

L’obiettivo è unico, fornire un prodotto sviluppato in campo, con e per gli appassionati di tennis, che piaccia per la resa e che sia soddisfacente anche a livello estetico, con scelte cromatiche che ricalchino il carattere agonstico delle nuove racchette. Allo stesso tempo, la base di partenza è quella di offrire una prodotto di qualità, per materiali impiegati e comportamento dinamico, e per questo abbiamo sviluppato un prodotto che non è votato all’economia, ma alla prestazione. In poche parole, abbiamo voluto realizzare le Pro Stock di Artengo, materiali di qualità e telai messi a punto da una squadra di tecnici.

A parte te, chi ha lavorato al progetto?

In Decathlon Modena si è creato una sorta di laboratorio dove facciamo ricerca e sviluppo e privilegiamo i servizi tecnici come l’incordatura e la customizzazione. In questa direzione abbiamo presto coniugato le nostre progettualità con il know how di Pro-T-One, dell’Ing. Gabriele Medri, dando vita a tante idee nel cassetto. Parallelamente é nato il gruppo ”Quindicizero” che si occupa di eventi che hanno l’obiettivo di dare consapevolezza al tennista contemporaneo.

Dal punto di vista delle racchette, da dove siete partiti?

Il tutto è cominciato quando ho visto come fossero all’interno le nuove Artengo TR990. Completamente piene e con la balsa e core foam, una manifattura assolutamente di alto alto livello. Mi sono chiesto quanto costasse produrre un telaio di quel genere. Le ho fatte analizzare a Gabriele Medri ed anche lui è rimasto di stucco. In effetti l’aspetto tecnologico di questi telai era troppo in ombra. Ho chiesto in azienda e mi hanno fatto parlare direttamente col capo prodotto a Shenzhen. Lui mi ha confermato che i prodotti erano realizzati con stuoie complesse, non semplici plain wave, ma twill di origine Japan, i migliori in circolazione. A quel punto abbiamo pensato che forse era giusto evidenziare questi prodotti ingiustamente etichettati come ”economici”.

Materiali di qualità, ma su quali telai li avete applicati?

Abbiamo fatto diverse prove e sono in arrivo altri telai definitivi, ma per ora posso dirti che il telaio che presenteremo a breve è basato su uno stampo H21, 97,5 pollici, già presente nella linea Artengo, sotto il nome di TR930, ma non valorizzato a dovere. Si tratta di una racchetta boxed beam, dal gusto classico e agonistico, pastosa e stabile, con un dato di flessibilità pari a 57 punti Ra, che garantisce quella sensibilità dell’attrezzo, che gli appassionati vogliono ritrovare nel proprio telaio. Abbiamo allo studio, poi, un modello profilato, per coprire la fascia di utenti che ricercano un telaio, sempre di qualità, ma più facile da gestire.



Riguardo al peso della racchetta, cosa avete scelto?

Tre pesi diversi, 305, 315 e 325, di cui l’ultima è denominata “Nos”, per l’effetto spinta che consente la massa del telaio.



Quindi, state tentando anche di cambiare l’appeal del marchio, ma l’estetica del prodotto?

Esatto. Abbiamo ridefinito i parametri di un telaio che sarebbe stato pienamente degno del mercato,  ma forse a causa di alcuni particolari, non era stato apprezzato. Abbiamo lavorato sulle caratteristiche tecniche e dinamiche, quelle che devono costituire il vero appeal del prodotto e che devono rappresentare il motivo di scelta di una racchetta rispetto ad un’altra. Ovviamente, abbiamo rivisitato anche il look, con delle livree più austere e meno vivaci, perché l’estetica deve trasmettere quel senso di agonismo per cui è stata creata. Ho avuto modo di far vedere le nuove racchette ad alcuni clienti e subito mi hanno chiesto se potessero acquistarle.

Considerando il lavoro che c’è dietro al progetto Artech e i materiali adoperati, il prezzo non sarà in linea con lo spirito Decathlon?

Assolutamente, qualora il progetto prendesse vita commerciale, il prezzo resterebbe contenuto, ben oltre ogni aspettativa e nella filosofia del brand. Questo è un segnale che dovrebbe far riflettere gli appasionati sul rapporto qualità/prezzo dei prodotti che acquistano.







Innanzitutto faccio un grande plauso agli ideatori e all'iniziativa, assolutamete speciale e interessante che spero incontri il successo che merita. Dalle foto delle racchette mi pare chiaro che siete partiti da 2 stampi, uno di quelli proprietari di Artengo (inconfondibili gli steli) ed un'altro che sembra il classico Head MP.
Visto che sul forum è presente Raffaello Barbalonga colgo l'occasione per rivolgergli qualche domanda su questa linea di prodotti
che mi viene spontanea dopo aver letto l'articolo che mi ha instillato molta curiosità.

Dal sito del Decathlon ho notato che non sono più listate le 920/930 che erano quelle fatte con uno stampo simil-prestige, quindi quella racchetta viene cessata come prodotto Artengo (sul sito non è più listata) e reincanalata nella linea Artech? Se è possibile saperlo si tratta di un'operazione di valorizzazione del medesimo prodotto o a seguito degli studi hai fatto introdurre delle modifiche di costruzione? In sostanza andate a valorizzare meglio le qualità esistente e non adeguatamente commercializzate o andate ad aggiungere altra qualità e innovazione a prodotti già buoni?

Nell'articolo dici di rivolgerti agli appassionati, partendo dall'assunto che l'appassionato ha esigenze diverse (e implicitamente inferiori) rispetto all'agonista/professionista. Secondo me questo punto di vista, commercialmente parlando, è un grosso errore.
Nello sport c'è sempre l'elemento competitivo e a nessuno piace essere inquadrato, anche se sa di esserlo, come amatore di turno perchè taglia le gambe alla potenzialità, alla speranza di miglioramento, motore dell'impegno della persona, e questa tendenza è palesemente riflessa sul mercato degli attrezzi sportivi, viceversa non vedresti principianti e amatori armati di PS97, Blade, Radical, PD-APD, Prestige e quant'altro circola in ATP. Da qui lancio una domanda e un suggerimento. Il progetto è interessante, alle spalle ci sono persone valide e intelligenti, è un'iniziativa senza precedenti. Probabilmente avete già in mente un lancio coi fiocchi, ma sei sicuro che una linea di racchette del genere non meriti di godere di un traino commerciale in competizioni ufficiali di medio livello dove ancora non girano troppi soldi ma hanno un seguito vicino all'utente finale appassionato? La contestualizzazione del prodotto, l'inserimento fra una concorrenza selezionata è propaganda esso stesso. Al sodo, perchè non provate a metterle in mano ai terza categoria? Le caratteristiche intrinseche dell'attrezzo lo permetterebbero o si tratta di telai materialmente inadeguati per quel livello di giocatori? Scusa le tante domande ma il progetto è veramente interessante e mi ha animato molta curiosità

In definitiva: "cosa volete fare da grandi"?
Volete fare la Artengo "deluxe" confinata nel mondo Decathlon o volete uscire dalla cuccia e andare a giocare con gli altri?

Tanti Auguri, e buona fortuna cheers

fil27t
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 446
Data d'iscrizione : 15.05.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: steel colander pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da viciohead il Dom 29 Mag 2016 - 13:29

Belle domande...mi associo

viciohead
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 381
Data d'iscrizione : 30.03.14

Profilo giocatore
Località: bologna
Livello: 4.1
Racchetta: coppia zus

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da paoletto il Dom 29 Mag 2016 - 18:10

Anch'io mi associo alle lodi, e vorrei aggiungere una domanda: Ma proprio a shenzen bisogna costruirle?
Di quanto farebbe lievitare i costi di uno di questi telai il riportare la produzione in europa, magari addirittura in italia?

paoletto
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 373
Data d'iscrizione : 02.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: N.C.
Racchetta: i.Prestige MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da Tholos66 il Mar 14 Giu 2016 - 20:23

Temo che costerebbe tanto di più.

Tholos66
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1340
Località : Cagliari
Data d'iscrizione : 30.05.09

Profilo giocatore
Località: Cagliari
Livello: 4.2 FIT
Racchetta: 2 Yonex VCore Tour F 310 - 2 Yonex Ezone AI98 - 2 Yonex VCore Tour 89 - 2 RDiS200 HG e molte altre...

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da Tholos66 il Mar 14 Giu 2016 - 20:24

Io mi prenoterei già per una coppia di artech 315 o addirittura 325 grammi, vista la competenza e serietà dei promotori di questa iniziativa.

Tholos66
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1340
Località : Cagliari
Data d'iscrizione : 30.05.09

Profilo giocatore
Località: Cagliari
Livello: 4.2 FIT
Racchetta: 2 Yonex VCore Tour F 310 - 2 Yonex Ezone AI98 - 2 Yonex VCore Tour 89 - 2 RDiS200 HG e molte altre...

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da ThirdEye_ il Mer 15 Giu 2016 - 9:38

@paoletto ha scritto:Anch'io mi associo alle lodi, e vorrei aggiungere una domanda: Ma proprio a shenzen bisogna costruirle?
Di quanto farebbe lievitare i costi di uno di questi telai il riportare la produzione in europa, magari addirittura in italia?

Probabilmente tantissimo. In ogni caso i cinesi sanno fare tutto e con qualunque tipo di tolleranza: se la richiesta è di un milione di telai con tolleranza di 2g l'uno dall'altro te li fanno, se glieli chiedi con tolleranza di 10g te li fanno lo stesso. Cambia solo il prezzo, ma sono in grado di fare qualunque cosa.

ThirdEye_
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1400
Età : 38
Data d'iscrizione : 26.09.14

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.5 - 4.0
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 16M Ltd; 2x Wilson Pro Staff 97 RFA.

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da paoletto il Mer 15 Giu 2016 - 23:55

@ThirdEye_ ha scritto:
@paoletto ha scritto:Anch'io mi associo alle lodi, e vorrei aggiungere una domanda: Ma proprio a shenzen bisogna costruirle?
Di quanto farebbe lievitare i costi di uno di questi telai il riportare la produzione in europa, magari addirittura in italia?

Probabilmente tantissimo. In ogni caso i cinesi sanno fare tutto e con qualunque tipo di tolleranza: se la richiesta è di un milione di telai con tolleranza di 2g l'uno dall'altro te li fanno, se glieli chiedi con tolleranza di 10g te li fanno lo stesso. Cambia solo il prezzo, ma sono in grado di fare qualunque cosa.


Ma allora com'e' che fino ad una decina di anni fa le head retail le facevano in austria e cz e costavano come ora, o le prokennex redondo made in usa?
A me questa storia del "probabilmente tantissimo" non convince affatto. tanto piu che ormai i costi della manodopera cinese stanno lievitando anno dopo anno.

paoletto
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 373
Data d'iscrizione : 02.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: N.C.
Racchetta: i.Prestige MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da ThirdEye_ il Gio 16 Giu 2016 - 16:31

Le Head made in Austria costavano come le attuali Graphene?

ThirdEye_
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1400
Età : 38
Data d'iscrizione : 26.09.14

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.5 - 4.0
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 16M Ltd; 2x Wilson Pro Staff 97 RFA.

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da paoletto il Gio 16 Giu 2016 - 16:41

@ThirdEye_ ha scritto:Le Head made in Austria costavano come le attuali Graphene?

credo che non si siano mai passati i 200/220€ retail
D'altra parte i prezzi  dovevano comunque essere allineati a quelli delle altre case come wilson e prince, che producevano gia da anni in cina.

paoletto
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 373
Data d'iscrizione : 02.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: N.C.
Racchetta: i.Prestige MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da gianlugi1978 il Gio 16 Giu 2016 - 17:42

@paoletto ha scritto:
@ThirdEye_ ha scritto:
@paoletto ha scritto:Anch'io mi associo alle lodi, e vorrei aggiungere una domanda: Ma proprio a shenzen bisogna costruirle?
Di quanto farebbe lievitare i costi di uno di questi telai il riportare la produzione in europa, magari addirittura in italia?

Probabilmente tantissimo. In ogni caso i cinesi sanno fare tutto e con qualunque tipo di tolleranza: se la richiesta è di un milione di telai con tolleranza di 2g l'uno dall'altro te li fanno, se glieli chiedi con tolleranza di 10g te li fanno lo stesso. Cambia solo il prezzo, ma sono in grado di fare qualunque cosa.


Ma allora com'e' che fino ad una decina di anni fa le head retail le facevano in austria e cz e costavano come ora, o le prokennex redondo made in usa?
A me questa storia del "probabilmente tantissimo" non convince affatto. tanto piu che ormai i costi della manodopera cinese stanno lievitando anno dopo anno.
Non so da quando la Head ha cominciato a produrre le racchette in Cina, ma sono sicuro che, anni 90, con la produzione incentrata in Austria, i prezzi erano nettamente superiori agli attuali. Esempio, se oggi compri una Prestige a €160/€170, nel 92 comprai una Genesis, top di gamma come la Prestige, a 600000 lire!!! Confrontate gli stipendi dell'epoca con quelli attuali e capirete quanto effettivamente costavano le racchette allora!!!

gianlugi1978
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1411
Età : 38
Località : Palagiano (Ta)
Data d'iscrizione : 30.06.10

Profilo giocatore
Località: Palagiano (Ta)
Livello: 4.2
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 Ltd 16X19

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da fil27t il Gio 16 Giu 2016 - 18:33

Per fare un paragone ho visto una Prestige 600 (quella argento/verde del 1991) nuova sigillata con ancora il cartellino del prezzo che recitava Lire 489.000. Oggi 25 anni esatti dopo una Prestige viaggia intorno ai 200€, che sono le vecchie 400.000 lire. Solo che la Prestige del 91 era fatta in Austria con tolleranze quasi nulle e materiali buoni, quelle di oggi sono made in Cina, ci ballano fino a 15 grammi da un telaio all'altro e non voglio infierire sulla qualità dei materiali.


Comunque appoggio pienamente @Thirdeye, i cinesi sanno fare prodotti di ogni livello qualitativo dal più scadente al più elevato, dipende tutto da quanto si vuole spendere. In generale il prodotto cinese di qualità elevata è poco diffuso per 2 motivi.
1) COSTI la qualità costa sia in Occidente che in Cina, la differenza sostanziale è che il prodotto scadente da loro costa oscenamente poco mentre da noi costa comunque abbastanza da rendere anticonveniente produrlo (per cui lo fanno loro), mentre il prodotto di qualità è vero che da loro costa comunque meno, ma non così tanto meno.
2) MARKETING per il discorso di cui sopra in occidente siamo stati invasi da prodotti cinesi di infima qualità per cui oggi il made in china è percepito come scadente a prescindere dalla qualità intrinseca del'oggetto, per cui paradossalmente oggi le aziende posizionano sugli alti segmenti di mercato prodotti non più made in china, ma che se fossero stati fatti in cina a parità di costo sarebbero stati di qualità migliore.

fil27t
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 446
Data d'iscrizione : 15.05.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: steel colander pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da gianlugi1978 il Gio 16 Giu 2016 - 18:57

@fil27t ha scritto:Per fare un paragone ho visto una Prestige 600 (quella argento/verde del 1991) nuova sigillata con ancora il cartellino del prezzo che recitava Lire 489.000. Oggi 25 anni esatti dopo una Prestige viaggia intorno ai 200€, che sono le vecchie 400.000 lire. Solo che la Prestige del 91 era fatta in Austria con tolleranze quasi nulle e materiali buoni, quelle di oggi sono made in Cina, ci ballano fino a 15 grammi da un telaio all'altro e non voglio infierire sulla qualità dei materiali.


Comunque appoggio pienamente @Thirdeye, i cinesi sanno fare prodotti di ogni livello qualitativo dal più scadente al più elevato, dipende tutto da quanto si vuole spendere. In generale il prodotto cinese di qualità elevata è poco diffuso per 2 motivi.
1) COSTI la qualità costa sia in Occidente che in Cina, la differenza sostanziale è che il prodotto scadente da loro costa oscenamente poco mentre da noi costa comunque abbastanza da rendere anticonveniente produrlo (per cui lo fanno loro), mentre il prodotto di qualità è vero che da loro costa comunque meno, ma non così tanto meno.
2) MARKETING per il discorso di cui sopra in occidente siamo stati invasi da prodotti cinesi di infima qualità per cui oggi il made in china è percepito come scadente a prescindere dalla qualità intrinseca del'oggetto, per cui paradossalmente oggi le aziende posizionano sugli alti segmenti di mercato prodotti non più made in china, ma che se fossero stati fatti in cina a parità di costo sarebbero stati di qualità migliore.
Secondo te 489000 lire del 1991 equivalgono ai €200 di oggi? Suspect

gianlugi1978
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1411
Età : 38
Località : Palagiano (Ta)
Data d'iscrizione : 30.06.10

Profilo giocatore
Località: Palagiano (Ta)
Livello: 4.2
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 Ltd 16X19

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da babolat94 il Gio 16 Giu 2016 - 19:39

400 mila di allora = 400 euro. È questa la conversione non ufficiale ma della realtà dei fatti

babolat94
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6164
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da gianlugi1978 il Gio 16 Giu 2016 - 21:18

@babolat94 ha scritto:400 mila di allora = 400 euro. È questa la conversione non ufficiale ma della realtà dei fatti
Verosimilmente, probabilmente anche qualcosa in più.  Wink

gianlugi1978
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1411
Età : 38
Località : Palagiano (Ta)
Data d'iscrizione : 30.06.10

Profilo giocatore
Località: Palagiano (Ta)
Livello: 4.2
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 Ltd 16X19

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da fil27t il Gio 16 Giu 2016 - 21:24

Avete pienamente ragione e la penso come voi, nel post avevo scritto la conversione puramente valutaria. Prendendo uno stipendio "base" di 1.200.000 lire di allora, che sono i 1.200 € di oggi, una racchetta di quel livello allora costava quasi 1/2 stipendio, oggi "solo" 1/6.  Sempre per paragoni 500.000 lire erano 1/60 di una Thema oggi 200€ sono 1/60 di una Punto

fil27t
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 446
Data d'iscrizione : 15.05.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: steel colander pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da gianlugi1978 il Gio 16 Giu 2016 - 21:26

@fil27t ha scritto:Avete pienamente ragione e la penso come voi, nel post avevo scritto la conversione puramente valutaria. Prendendo uno stipendio "base" di 1.200.000 lire di allora, che sono i 1.200 € di oggi, una racchetta di quel livello allora costava quasi 1/2 stipendio, oggi "solo" 1/6.
Perfetto, era proprio quello che volevo intendere  cheers

gianlugi1978
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1411
Età : 38
Località : Palagiano (Ta)
Data d'iscrizione : 30.06.10

Profilo giocatore
Località: Palagiano (Ta)
Livello: 4.2
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 Ltd 16X19

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da giolp il Ven 17 Giu 2016 - 23:21

@babolat94 ha scritto:400 mila di allora = 400 euro. È questa la conversione non ufficiale ma della realtà dei fatti

489.000 Lire del 1991 equivalgono a 457 € del 2016 (calcolato su questo sito ISTAT: http://rivaluta.istat.it/Rivaluta/)

il che conferma appieno quanto scritto da voi: le racchette oggi costano (prezzo di listino) meno della metà di 25 anni fa.

giolp
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 21.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da caporale77 il Sab 18 Giu 2016 - 12:13

@fil27t ha scritto:Avete pienamente ragione e la penso come voi, nel post avevo scritto la conversione puramente valutaria. Prendendo uno stipendio "base" di 1.200.000 lire di allora, che sono i 1.200 € di oggi, una racchetta di quel livello allora costava quasi 1/2 stipendio, oggi "solo" 1/6.  Sempre per paragoni 500.000 lire erano 1/60 di una Thema oggi 200€ sono 1/60 di una Punto
mh, purtroppo il 1.200.000 di lire di ieri, ad oggi sono 600 €...
gli stipendi sono stati capaci di convertirli bene, tutto il resto no... Sad

caporale77
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 321
Età : 39
Data d'iscrizione : 02.12.13

Profilo giocatore
Località: Maremma
Livello: 4.x Fit
Racchetta: Wilson H22 16x19 - Donnay Pro One GT 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da paoletto il Sab 18 Giu 2016 - 14:12

se quello che scrivete, e a cui sembra crediate, fosse vero, com'e' che le rakke yonex made in japan costano tanto quanto le altre? da quanto mi risulta in Japan gli stipendi e il costo della vita sono ben piu alti che da noi.
Secondariamente negli anni 90 marchi come prince eccetera gia fabbricavano in cina, tailandia o taiwan.
Quindi l'equazione non ha proprio senso.

Magari la verita' e' che prima i produttori marginavano di piu sui telai, e adesso non piu.

paoletto
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 373
Data d'iscrizione : 02.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: N.C.
Racchetta: i.Prestige MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da Eiffel59 il Lun 20 Giu 2016 - 7:33

Yonex in Giappone ha prezzi mediamente più alti del 30% rispetto agli altri mercati, la scelta di prezzi allineati agli altri è legata a politiche di mercato e dalla contemporanea, e voluta, scelta di indebolire lo Yen per lungo tempo per favorire l'export.

Negli anni '90 Wilson fabbricava in Taiwan ma anche a ST.Vincent ed a Chicago, Prince aveva ancora uno stabilimento negli USA, e gli "europei" del tempo se ne guardavano bene di fabbricare fuori del vecchio continente.

Ed i prezzi tra le due produzioni avevano divari importanti (parlo di prezzi al pubblico). Così come li avrebbero adesso: se fossero accessibili al pubblico le PT made in Austria costerebbero tra i 350 ed i 400€.

Fai discorsi senza fondamento... Suspect

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40434
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da paoletto il Lun 20 Giu 2016 - 10:06

Boh, mario, in japan la famosa yonex regna, in tiratura limitata, con tolleranze minori fatta dai più esperti di yonex al cambio fa 270 euro.

Plausible che le head PT vengano sui 400, ma le varie tgk tgt, costruite con tolleranze maggiori e materiali inferiori non penso che al produttore possano costare il doppio. Poi magari tu ne sai di più e io mi sbaglio..

paoletto
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 373
Data d'iscrizione : 02.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: N.C.
Racchetta: i.Prestige MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da Eiffel59 il Lun 20 Giu 2016 - 11:41

Ma in effetti le TGK/TGT dovrebbero -in teoria e nuove- avere prezzi pari a quelli di listino (non di vendita "reali") dei modelli equivalenti, anche se certe meccaniche di mercato (chiamiamole così) portano invece gli usati a prezzi non concepibili...

Bisogna vedere se la via che Wilson ha intrapreso, quella dei telai a diffusione limitata, sarà vincente...sulla carta potrebbe essere...

Per inciso, la "nuova" Regna a 270 non la compri di certo...

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40434
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da giolp il Lun 20 Giu 2016 - 22:02

@Eiffel59 ha scritto:
Bisogna vedere se la via che Wilson ha intrapreso, quella dei telai a diffusione limitata, sarà vincente...sulla carta potrebbe essere...

Mario, probabilmente mi sono perso alcune discussioni specifiche qui sul forum, ma potresti spiegare come saranno questi telai Wilson a diffusione limitata?

giolp
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 21.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da Eiffel59 il Mar 21 Giu 2016 - 6:50

No. Nel senso che non "posso" proprio entrare nello specifico, o l'intero 3d rischia di essere cancellato come è già successo per un altro solo per un OT.

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40434
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: ARTECH / pro-stock Artengo

Messaggio Da kingkongy il Mar 21 Giu 2016 - 8:34

Tanto per tornare in argomento, ma il listino prezzi delle Artech c'è?

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12076
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum