Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultimi argomenti
» Telaio 100/300 comfort
Oggi alle 10:52 Da VANDERGRAF

» Corde pèer six one 16x18 2014
Oggi alle 10:45 Da kent08

» Forza Schumacher
Oggi alle 10:32 Da mattiaajduetre

» aiutatemi a scegliere la scarpa
Oggi alle 10:27 Da VANDERGRAF

» Head Radical Graphene XT S: recensioni/prestazioni? Scelta (compresa incordatura) azzeccata?
Oggi alle 10:12 Da kgb1969

» Domande sparse Starburn
Oggi alle 10:10 Da st13

» Grip 1.7/1.8mm peso 11g max
Oggi alle 9:59 Da Lucasss

» Blade 104 Serenona Williams autograph
Oggi alle 9:48 Da Victor69

» RAFTennis: nuovo circuito amatoriale
Oggi alle 9:41 Da andyvakgj

» Dubbio sensazioni corde su babolat aero pro drive
Oggi alle 9:40 Da NikRafa22

» Un saluto a tutto il forum, mi presento.
Oggi alle 9:36 Da chiaralt

» Che marca di abbigliamento scegliere?
Oggi alle 9:29 Da chiaralt

» Scelta racchetta
Oggi alle 9:16 Da DrDivago

» Consiglio corde per Wilson pro staff 97 rf Autograph
Oggi alle 8:49 Da nw-t

» Pro Kennex Q+ Tour 300 2017
Oggi alle 8:49 Da Eiffel59

» Andreas Seppi
Oggi alle 7:37 Da pagaz

» Blade 98 16x16 rovescio una mano
Oggi alle 0:45 Da VANDERGRAF

» Prince Textreme Tour 100T
Ieri alle 23:50 Da Phil78

» Mirko se ci sei batti un colpo
Ieri alle 23:45 Da silli67

» Concorso PT-100 - Novembre 2017
Ieri alle 23:32 Da manuel17787

» Incordatura tennis warehouse
Ieri alle 22:22 Da nw-t

» Rafael Nadal
Ieri alle 21:34 Da Max1966

» Fognini .... per parlare solo di tennis giocato
Ieri alle 21:24 Da Max1966

» Tecnifibre VO2 max T Fight 320
Ieri alle 21:07 Da VANDERGRAF

» FORMULA 100 GT 2016
Ieri alle 21:04 Da Zulasmi

» Wilson Ultra Tour
Ieri alle 20:15 Da Uboat75

» Pure drive 2018
Ieri alle 19:07 Da fa

» Club PT57A - PT57E - PT10
Ieri alle 18:33 Da glenn uguccioni

» Yonex VCore SV
Ieri alle 17:06 Da lorenz90

» Corda per pure aero
Ieri alle 16:32 Da zenone.domenico



Ultime dal mercatino
Link Amici




19982 Utenti registrati
187 forum attivi
672918 Messaggi
New entry: belloribello123

Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Ven 15 Set 2017 - 8:56

Promemoria primo messaggio :

Quando ho guardato questi video, la loro chiarezza e semplicità, ed i concetti insegnati, la prima cosa che ho pensato è che molto probabilmente nessun maestro in zona mi potrà insegnare così.
Sto parlando di lezioni singole, non parliamo poi dei corsi...
Voi direte, sono le cose basilari, qualsiasi maestro deve insegnartele.....ma concetti come nel diritto che non bisogna portare la racchetta dietro ma lateralmente ed è poi il resto del movimento in accelerazione che la porta indietro, oppure la spiegazione della unit turn, che deve girare solo il busto, che la testa inizialmente deve rimanere girata verso la palla, ecc ecc....ma chi te li spiega???
Mi verrebbe voglia di imparare da autodidatta, di cercare un palleggiatore economico o addirittura di comprare un cesto di palline e portarmi mia moglie a buttarmi le palline per ripetizioni (ma questo lo so già, mi costerebbe alla lunga più del maestro  lol!)
E' una provocazione, alla fine dovrò andare da un maestro, ma il dubbio continuerà a rimanere...








davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso


Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da Dagoberto il Mar 19 Set 2017 - 15:40

Post molto interessante.
Non c'è come la formazione quale disciplina senza verità assolute, in particolar modo se si parla di metodologia.
Nel tennis, poi, l'evoluzione è passata dalla più naturale autodidattica (uno su tutti, Bill Tilden imparò a giocare da solo e divenne uno dei primi e, per certi versi, ancora valido oggi come oggi, codificatori di gesti e dinamiche di questo sport), all'insegnamento di maestri in lezioni individuali, per poi giungere ai corsi collettivi della seconda metà del secolo scorso, alla più contemporanea videoanalisi.
Se tocchiamo, poi, il tema della tecnica esecutiva, si apre un mondo di opzioni dove, non per forza di cose, quanto sia più gettonato in un determinato periodo debba essere per forza di cose più recente, tantomeno più efficace in senso assoluto.
La presa western, tanto in voga nel tennis degli ultimi 20 anni, si usava già all'inizio del secolo scorso, come tutte le altre, peraltro.
Il rovescio a due mani fatto diventare famoso da Borg, era d'uso anche decenni prima, benchè con differenti fortune. 
La continental, definita, spesso, come l'impugnatura classica, divenne l'impugnatura per definizione, in particolare, negli anni 50/60/70 per vià del loro impiego nella scuola australiana, ai tempi considerata da tutti un esempio da seguire, in quanto puntando molto sul gioco a rete o, addirittura, sul serve and voley, trovava in questa presa l'ideale per ottimizzare tale gioco; Bill Tilden, già citato prima, invece usava una eastern 30/40 anni prima.
Per dire che non c'è la formazione perfetta, tantomeno quella migliore di altra, ci può solo essere una formazione efficace ed una inefficace, ma non è la metodologia da sola a poter decretare ciò', semmai il suo abbinamento, con il contesto situazionale e l'impatto con i singoli individui, ognuno dei quali ha attitudini diverse l'uno dall'altro. C'è chi ha fortemente bisogno e d apprezza una guida forte e chiara, chi preferisce muoversi con maggiore autonomia, chi non si accontenta delle spiegazioni, ma necessità di immagini esemplificative, chi non sopporta la competizione anche durante la didattica (perchè è presente anche in tali frangenti!)    e chi, invece, è maggiormente stimolato proprio dal mettersi a confronto con altri o, magari, è a soggezione di fronte all'esame continuo di un solo maestro tutto per lui, ecc. ecc.,
Quindi, diventa inutile sforzarsi di etichettare cosa sia meglio di cosa.
L'importate è attivare il meccanismo di volersi migliorare, attraverso un percorso di impegno analitico ed esercizio pratico su se stessi. Lo si può svolgere autonomamente, magari con l'aiuto di un manuale scritto, piuttosto che con l'analisi di un video (il web ha aperto incredibili orizzonti in tal senso), perchè no, con un maestro, facendosi aiutare da un amico, conoscente o, infine, con l'insieme di molte di queste soluzioni.
Quello che mi sento di affermare con convinzione è, semmai, cercare di avere, darsi un metodo, non ha importanza quale, molti di noi potrebbero non sapere neanche cosa possa significare darsi un metodo, ma è l'unica forma di ordine organizzato che possa migliore l'efficacia di ogni azione umana. Definiamo un obiettivo, decidiamo quali debbano essere le nostre fonti di informazioni per perseguirlo e programmiamo un percorso, appuntamenti costanti, definizione delle esercitazioni da fare, come e con chi, diamoci dei tempi e, se intendiamo avvalerci di risorse terze, perchè no, un budget economico. A questo punto non rimane che buttarsi a testa bassa convinti e risoluti fino alla fine  del programma definito, dopo di che si tireranno le somme e applicheranno le eventuali necessarie modifiche metodologiche. cheers

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da gio2012 il Mar 19 Set 2017 - 17:16

a me è passata la voglia. sono malato d tecnica e di tecnicismi, di biomeccanica, di fisica applicata e quindi cercavo maestri competenti, ne ho trovati pochi, da quelli che consigliano le racchette leggere ("perchè non ti fai male") a quelli che non sanno dove dirti di mettere i piedi in un rovescio ad una mano.
Quei pochi che ho trovato sono bravi, bravissimi, mi hanno dato un'impostazione esagerata bella da vedere, efficace sui colpi. Ecco, il problema semmai è l'efficacia... ore ed ore passate sull'ovalizzazione del dritto e su dove mettere e come mettere i piedi è stato bello, ma le palle arrivavano belle comode. Quindi un conto è l'efficacia del colpo, un altro è la sua efficacia durante una partita. Il servizio? sono uno dei pochi 50 enni che ha iniziato a 45 anni che fa lift, slice e piatto... ma ci metto 5 minuti a concentrarmi per non sbagliare...

secondo me bisogna alternare lavoro di tecnica, ritmo/palleggio, partitelle. sulla tecnica all'inizio va bene fare un po' di tutto, poi meglio concentrarsi su un solo colpo, ma forse ha anche senso ragionare che durante la stagione invernale faccio tecnica in 2 o 3, poi durante quella estiva gioco e basta.
avatar
gio2012
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1763
Località : Torino
Data d'iscrizione : 31.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Mar 19 Set 2017 - 21:03

Dagoberto ha scritto:Post molto interessante.
Non c'è come la formazione quale disciplina senza verità assolute, in particolar modo se si parla di metodologia.
Nel tennis, poi, l'evoluzione è passata dalla più naturale autodidattica (uno su tutti, Bill Tilden imparò a giocare da solo e divenne uno dei primi e, per certi versi, ancora valido oggi come oggi, codificatori di gesti e dinamiche di questo sport), all'insegnamento di maestri in lezioni individuali, per poi giungere ai corsi collettivi della seconda metà del secolo scorso, alla più contemporanea videoanalisi.
Se tocchiamo, poi, il tema della tecnica esecutiva, si apre un mondo di opzioni dove, non per forza di cose, quanto sia più gettonato in un determinato periodo debba essere per forza di cose più recente, tantomeno più efficace in senso assoluto.
La presa western, tanto in voga nel tennis degli ultimi 20 anni, si usava già all'inizio del secolo scorso, come tutte le altre, peraltro.
Il rovescio a due mani fatto diventare famoso da Borg, era d'uso anche decenni prima, benchè con differenti fortune. 
La continental, definita, spesso, come l'impugnatura classica, divenne l'impugnatura per definizione, in particolare, negli anni 50/60/70 per vià del loro impiego nella scuola australiana, ai tempi considerata da tutti un esempio da seguire, in quanto puntando molto sul gioco a rete o, addirittura, sul serve and voley, trovava in questa presa l'ideale per ottimizzare tale gioco; Bill Tilden, già citato prima, invece usava una eastern 30/40 anni prima.
Per dire che non c'è la formazione perfetta, tantomeno quella migliore di altra, ci può solo essere una formazione efficace ed una inefficace, ma non è la metodologia da sola a poter decretare ciò', semmai il suo abbinamento, con il contesto situazionale e l'impatto con i singoli individui, ognuno dei quali ha attitudini diverse l'uno dall'altro. C'è chi ha fortemente bisogno e d apprezza una guida forte e chiara, chi preferisce muoversi con maggiore autonomia, chi non si accontenta delle spiegazioni, ma necessità di immagini esemplificative, chi non sopporta la competizione anche durante la didattica (perchè è presente anche in tali frangenti!)    e chi, invece, è maggiormente stimolato proprio dal mettersi a confronto con altri o, magari, è a soggezione di fronte all'esame continuo di un solo maestro tutto per lui, ecc. ecc.,
Quindi, diventa inutile sforzarsi di etichettare cosa sia meglio di cosa.
L'importate è attivare il meccanismo di volersi migliorare, attraverso un percorso di impegno analitico ed esercizio pratico su se stessi. Lo si può svolgere autonomamente, magari con l'aiuto di un manuale scritto, piuttosto che con l'analisi di un video (il web ha aperto incredibili orizzonti in tal senso), perchè no, con un maestro, facendosi aiutare da un amico, conoscente o, infine, con l'insieme di molte di queste soluzioni.
Quello che mi sento di affermare con convinzione è, semmai, cercare di avere, darsi un metodo, non ha importanza quale, molti di noi potrebbero non sapere neanche cosa possa significare darsi un metodo, ma è l'unica forma di ordine organizzato che possa migliore l'efficacia di ogni azione umana. Definiamo un obiettivo, decidiamo quali debbano essere le nostre fonti di informazioni per perseguirlo e programmiamo un percorso, appuntamenti costanti, definizione delle esercitazioni da fare, come e con chi, diamoci dei tempi e, se intendiamo avvalerci di risorse terze, perchè no, un budget economico. A questo punto non rimane che buttarsi a testa bassa convinti e risoluti fino alla fine  del programma definito, dopo di che si tireranno le somme e applicheranno le eventuali necessarie modifiche metodologiche. cheers

Le variabili in effetti sono molte, è un percorso estremamente soggettivo, c’è chi può passare una vita a fare corsi e lezioni ed imparare poco o nulla, e chi al contrario impara a giocare da autodidatta esibendo una tecnica sopraffina.
L’importanza del metodo, è vero, ma chi lo deve stabilire? Prendendo lezioni/corsi chiaramente il maestro, molto più difficile stabilire un metodo da autodidatti.
Programmazione, stesso discorso, prendendo lezioni singole è più facile farlo, più difficile in un corso collettivo.
Sul discorso della tecnica, beh è chiaro che dipende dal contesto storico di riferimento, è ovvio che ora nessun maestro si metterà ad insegnare, che ne so, impugnature “poco moderne” come la continental sia per diritto che rovescio e servizio…per esempio, o diritti e rovesci “classici”.
Sarebbe bello e stimolante fare un percorso in autonomia, ma è, in pratica, molto complicato, per esempio ho iniziato a fare ripetizioni di diritto su un muro, riprendendomi con il cellulare e analizzando poi il movimento sul pc a casa. Posso capire più o meno dove e cosa sbaglio, potrò anche migliorare, ma prima o poi avrò bisogno di qualcuno che mi dirà sul campo effettivo cosa sbaglio e come migliorare, amico/conoscente/maestro che sia, in situazioni completamente diverse e più difficili che colpire la palla su un muro.
I miei dubbi iniziali riguardano non tanto il metodo di insegnamento, che per forza di cose varia, quanto i concetti teorici che vengono insegnati: quali sono i fondamentali (diritto “moderno” o classico, o quale apertura, ecc. ecc.) e come farli propri in modo indelebile? Analizzando quei (pochi) video sui fondamentali, vengono espressi dei concetti molto chiari, facili e logici, che, credo, tutti i professionisti del settore debbano saper insegnare e mettere in pratica, come concetti di base, l’ABC. Se non fosse così, almeno nel mio caso, mi si insinuerebbe fin da subito il dubbio, sulla competenza del maestro di turno.

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Mar 19 Set 2017 - 21:08

gio2012 ha scritto:a me è passata la voglia. sono malato d tecnica e di tecnicismi, di biomeccanica, di fisica applicata e quindi cercavo maestri competenti, ne ho trovati pochi, da quelli che consigliano le racchette leggere ("perchè non ti fai male") a quelli che non sanno dove dirti di mettere i piedi in un rovescio ad una mano.
Quei pochi che ho trovato sono bravi, bravissimi, mi hanno dato un'impostazione esagerata bella da vedere, efficace sui colpi. Ecco, il problema semmai è l'efficacia... ore ed ore passate sull'ovalizzazione del dritto e su dove mettere e come mettere i piedi è stato bello, ma le palle arrivavano belle comode. Quindi un conto è l'efficacia del colpo, un altro è la sua efficacia durante una partita. Il servizio? sono uno dei pochi 50 enni che ha iniziato a 45 anni che fa lift, slice e piatto... ma ci metto 5 minuti a concentrarmi per non sbagliare...

secondo me bisogna alternare lavoro di tecnica, ritmo/palleggio, partitelle. sulla tecnica all'inizio va bene fare un po' di tutto, poi meglio concentrarsi su un solo colpo, ma forse ha anche senso ragionare che durante la stagione invernale faccio tecnica in 2 o 3, poi durante quella estiva gioco e basta.

sull'efficacia non saprei che dirti, nella mia ignoranza ti direi che, se il colpo è tecnicamente eseguito a dovere, dovrebbe essere anche efficace, ma evidentemente non è così. Di certo, dovendo scegliere tra le due, l'efficacia è il requisito basilare, anche a scapito dell'eleganza del movimento. Non saprei, ti dirò magari più in là, spero.

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Mar 19 Set 2017 - 21:28

@Dagoberto mi è venuto in mente dopo il discroso sull'impugnatura, ho scelto l'esempio proprio meno indicato  affraid

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da Dagoberto il Mar 19 Set 2017 - 21:47

davenrk, non voglio complicare oltre modo le cose, ma il punto è che sono, di per se complicate e la loro semplificazione è, proprio, un primo obiettivo metodologico in un approccio formativo. Faccio un esempio: tra i primi obiettivi che si porrà un maestro, un buon maestro, che vuole insegnare delle buone basi accademiche è la corretta, se vogliamo, la bella esecuzione dei colpi. Quindi, un appassionato che seguirà un buon percorso con un buon insegnante, se sarà anche un buon allievo, si troverà dei fondamentali ben impostati, ben eseguiti, con palla colpita con la giusta pulizia, in altre parole dei colpi telefonati. L'altro giorno ho rivisto in televisione un attempato Santorò che partecipava ad un torneino senior. Il francese bimane su entrambi i colpi è stato numero 20 del mondo, ma gioca un tennis che dire brutto è fargli un complimento, ma è di un'efficacia fuori dal comune. Voglio dire. giocare a tennis è si un fatto di tecnica, direi di buona tecnica, ma lo scopo è mettere in difficoltà l'avversario e non è detto che ci si riesca con dei colpi ben eseguiti, ma facili da interpretare e facili da ribattere e la forza bruta in assoluto, abbinata ad un pefetto gesto tecnico non è detto che possa bastare.
Questo per dire che la formazione può e, forse, deve essere caraterizzata da un insieme di contesti con i quali affinare un proprio modo di giocare che sia un po' meno ortodosso tanto da permetterci di essere sufficientemente efficaci e anche ad un livello amatoriale ciò vale; quante volte succede che buoni giocatori dall'impostazione molto ortodossa le prendono dal tennista che ha preso in mano la raccheta un paio di anni prima e gioca in modo tutto strano, ma ti fa una sequenza di punti inaspettati? Dubito fortemente che a Santorò qualcuno abbia insegnato quel suo modo di giocare a tennis. Mc Enroe, uno a caso ( Very Happy) ha avuto grandi maestri, tra i quali anche Hopman, grande guru degli ausrtraliani degli anni 50/60, ma alla fine ha consolidato un tennis tutto suo, per alcuni versi anche atipico rispetto i dettati più ortodossi, i suoi detrattori, pochi per la verità, definivano il suo tennis tennis ping pong, ma ha vinto come pochi. Insomma, intendo dire, che un buon percorso con un buon maestro è importante, forse, per certi versi fondamentale, ma non è tutto, da li bisogna poi costruire il proprio tennis e come se non con l'autodidattica, con i video, facendo ore e ore di palleggi al muro, allenando in solitaria il servizio e via dicendo. Nessun buon maestro potràmai insegnare un tennis di per se vincente, l'apassionato che ci riesce ci ha messo del suo! Chi stabilisce il metodo?
Ognuno per se stesso, non c'è un metodo sbagliato o un metodo giusto, l'importante e darsi un metodo, un sistema, fare le cose con ordine e studiate prima a tavolino. Insomma, un programma dilavoro e alla fine del percorso pianificato si tieranno le somme decretando quanto si siano raggiunti gli obiettivi o meno. Tutto qui. In fondo basta avere un po' più di sicurezza in se stessi.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da albs77 il Mer 20 Set 2017 - 11:51

Più che la tecnica conta la biomeccanica, perchè la biomeccanica è a servizio dell'efficacia.
Quando una tecnica non produce i risultati sperati, vuol dire fondamentalmente che è sbagliata, anche se potrebbe essere colpa di un dettaglio apparentemente insignificante.
Da un punto di vista biomeccanico, piccoli errori nell'efficacia sono valutabili come macroscopici e quindi più facilmente risolvibili se guardati da questo punto di vista. 

Puoi fare un dritto "perfetto", ma se non sai mettere il peso sulla palla di la arriva leggera. Di fatti è un dritto "sbagliato", tanto quanto una movimento a "zappata".

Io sono un appassionato di tecnica, da ex judoka non potrebbe essere altrimenti. 
La tecnica però è uno strumento che serve a raggiungere un duplice obiettivo: l'efficacia unita alla ripetibilità ,che metto assieme perchè il colpo fortunoso della domenica non fa statistica, e il "risparmio energetico" nell'esecuzione del gesto.

Presi due colpi con la stessa efficacia, il gesto maggiormente tecnico è quello che richiede anche il minimo sforzo.

La giusta tecnica diventa obbligatoria quando si vuole raggiungere alti livelli di efficienza, ma abbiamo già superato da un pezzo il livello Amatoriale.

Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da Dagoberto il Mer 20 Set 2017 - 12:35

albs77 ha scritto:Più che la tecnica conta la biomeccanica, perchè la biomeccanica è a servizio dell'efficacia.
Quando una tecnica non produce i risultati sperati, vuol dire fondamentalmente che è sbagliata, anche se potrebbe essere colpa di un dettaglio apparentemente insignificante.
Da un punto di vista biomeccanico, piccoli errori nell'efficacia sono valutabili come macroscopici e quindi più facilmente risolvibili se guardati da questo punto di vista. 

Puoi fare un dritto "perfetto", ma se non sai mettere il peso sulla palla di la arriva leggera. Di fatti è un dritto "sbagliato", tanto quanto una movimento a "zappata".

Io sono un appassionato di tecnica, da ex judoka non potrebbe essere altrimenti. 
La tecnica però è uno strumento che serve a raggiungere un duplice obiettivo: l'efficacia unita alla ripetibilità ,che metto assieme perchè il colpo fortunoso della domenica non fa statistica, e il "risparmio energetico" nell'esecuzione del gesto.

Presi due colpi con la stessa efficacia, il gesto maggiormente tecnico è quello che richiede anche il minimo sforzo.

La giusta tecnica diventa obbligatoria quando si vuole raggiungere alti livelli di efficienza, ma abbiamo già superato da un pezzo il livello Amatoriale.

Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.

Non vorrei aver dato l'impressione di affermare che la tecnica non sia importante.
Se è così, sono stato frainteso (probabilmente l'esempio estremo di Santorò - gioca proprio male, brutto da vedere Laughing  - è stato fuorviante).
Il mio intervento voleva sottolineare solo che difficilmente un maestro potrà nelle poche ore che ha a disposizione trasfeririti quei dettagli, quelle singolarità, quelle sporcature che abbinate ad una solida tecnica di base, sulla quale invece sicuramente  focalizzerà il suo lavoro, rendono un buon tennis un tennis rognoso per il tuo avversario.
In questo senso è importante arricchire il proprio tennis con azioni aggiutive, quindi capacità di emulare, videoanalisi, autodidattica, ecc., ecc.
Difficilmente un maestro ti insegnerà a servire come serviva McEnroe, ma quel servizio era devastante per i suoi avversari per buona parte proprio per la sua atipicità.
Chi, ai tempi, avrebbe insegnato il rovescio di Borg?
Ovviamente, per un giocatore amatoriale, avere una buona tecnica di base è già molto, ma potrebbe anche non bastare rispetto ad un altro amatore con altrettanta buona tecnica e un maestro non riuscirà mai ad arricchirti di quelle peculiarità che solo un lavoro in autonomia con il proprio io possono far maturare.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da nw-t il Mer 20 Set 2017 - 12:48

@Dagoberto ha scritto:Chi, ai tempi, avrebbe insegnato il rovescio di Borg?
 "Costruito" al muro da autodidatta...ho cominciato a giocare "per colpa" di Borg  Smile
avatar
nw-t
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 16419
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da Dagoberto il Mer 20 Set 2017 - 15:33

nw-t ha scritto:
@Dagoberto ha scritto:Chi, ai tempi, avrebbe insegnato il rovescio di Borg?
 "Costruito" al muro da autodidatta...ho cominciato a giocare "per colpa" di Borg  Smile
La leggenda narra che al muro si esercitasse con palleggi estenuanti da un  numero infinito di ripetizioni, probabilmente una versione più vintage di quello che papà Agassi si inventò per il figlio già in tenera età con il drago spara palle (ai tempi di Borg non c'erano le sparapalle Laughing ).
Se avessi responsabilità di governo in qualche amministrazione comunale proporrei di realizzare dei muri di allenamento pubblici nei tanti giardinetti della città, costerebbero poco e servirebero a far avvicinare al tennis molte persone, fornendo anche un utile strumento di allenamento per molti appassionati.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da albs77 il Mer 20 Set 2017 - 15:50

Dagoberto ha scritto:
albs77 ha scritto:Più che la tecnica conta la biomeccanica, perchè la biomeccanica è a servizio dell'efficacia.
Quando una tecnica non produce i risultati sperati, vuol dire fondamentalmente che è sbagliata, anche se potrebbe essere colpa di un dettaglio apparentemente insignificante.
Da un punto di vista biomeccanico, piccoli errori nell'efficacia sono valutabili come macroscopici e quindi più facilmente risolvibili se guardati da questo punto di vista. 

Puoi fare un dritto "perfetto", ma se non sai mettere il peso sulla palla di la arriva leggera. Di fatti è un dritto "sbagliato", tanto quanto una movimento a "zappata".

Io sono un appassionato di tecnica, da ex judoka non potrebbe essere altrimenti. 
La tecnica però è uno strumento che serve a raggiungere un duplice obiettivo: l'efficacia unita alla ripetibilità ,che metto assieme perchè il colpo fortunoso della domenica non fa statistica, e il "risparmio energetico" nell'esecuzione del gesto.

Presi due colpi con la stessa efficacia, il gesto maggiormente tecnico è quello che richiede anche il minimo sforzo.

La giusta tecnica diventa obbligatoria quando si vuole raggiungere alti livelli di efficienza, ma abbiamo già superato da un pezzo il livello Amatoriale.

Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.

Non vorrei aver dato l'impressione di affermare che la tecnica non sia importante.
Se è così, sono stato frainteso (probabilmente l'esempio estremo di Santorò - gioca proprio male, brutto da vedere Laughing  - è stato fuorviante).
Il mio intervento voleva sottolineare solo che difficilmente un maestro potrà nelle poche ore che ha a disposizione trasfeririti quei dettagli, quelle singolarità, quelle sporcature che abbinate ad una solida tecnica di base, sulla quale invece sicuramente  focalizzerà il suo lavoro, rendono un buon tennis un tennis rognoso per il tuo avversario.
In questo senso è importante arricchire il proprio tennis con azioni aggiutive, quindi capacità di emulare, videoanalisi, autodidattica, ecc., ecc.
Difficilmente un maestro ti insegnerà a servire come serviva McEnroe, ma quel servizio era devastante per i suoi avversari per buona parte proprio per la sua atipicità.
Chi, ai tempi, avrebbe insegnato il rovescio di Borg?
Ovviamente, per un giocatore amatoriale, avere una buona tecnica di base è già molto, ma potrebbe anche non bastare rispetto ad un altro amatore con altrettanta buona tecnica e un maestro non riuscirà mai ad arricchirti di quelle peculiarità che solo un lavoro in autonomia con il proprio io possono far maturare.

Dago, Il mio intervento non era assolutamente in risposta al tuo, che ho apprezzato; voleva essere un arricchimento della discussione in genere.

Io sono per la tecnica sempre e comunque, perché credo che sia l'unica strada per raggiungere traguardi soddisfacenti (per me).

Il problema è che vedo troppa gente ossessionata non dalla tecnica ma dalla postura , che non danno poi così importanza al risultato, relegandolo ad obiettivo secondario. E' come se per queste persone esecuzione tecnica corretta e risultato efficace fossero due cose distinte, tale che sia possibile eseguire un gesto corretto senza però ottenere un equivalemnte risultato, cosa in cui non credo assolutamente.

Spesso quei gesti sono solo esteticamente corretti, ma mancano le basi biomeccaniche che sono necessarie per ottenere il risultato sperato.

Anche io ho sofferto e in parte soffro ancora di "perfezionismo stilistico" in alcuni aspetti, soprattutto quando nessuno mi ha davvero spiegato a cosa serve un determinato movimento, per cui mi limito semplicemente a ripeterlo ,sbagliando sicuramente senza peraltro avere gli strumenti, la conoscenza biomeccanica appunto, per potermi correggere.
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da Dagoberto il Mer 20 Set 2017 - 16:20

albs77 ha scritto:
Dagoberto ha scritto:
albs77 ha scritto:Più che la tecnica conta la biomeccanica, perchè la biomeccanica è a servizio dell'efficacia.
Quando una tecnica non produce i risultati sperati, vuol dire fondamentalmente che è sbagliata, anche se potrebbe essere colpa di un dettaglio apparentemente insignificante.
Da un punto di vista biomeccanico, piccoli errori nell'efficacia sono valutabili come macroscopici e quindi più facilmente risolvibili se guardati da questo punto di vista. 

Puoi fare un dritto "perfetto", ma se non sai mettere il peso sulla palla di la arriva leggera. Di fatti è un dritto "sbagliato", tanto quanto una movimento a "zappata".

Io sono un appassionato di tecnica, da ex judoka non potrebbe essere altrimenti. 
La tecnica però è uno strumento che serve a raggiungere un duplice obiettivo: l'efficacia unita alla ripetibilità ,che metto assieme perchè il colpo fortunoso della domenica non fa statistica, e il "risparmio energetico" nell'esecuzione del gesto.

Presi due colpi con la stessa efficacia, il gesto maggiormente tecnico è quello che richiede anche il minimo sforzo.

La giusta tecnica diventa obbligatoria quando si vuole raggiungere alti livelli di efficienza, ma abbiamo già superato da un pezzo il livello Amatoriale.

Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.

Non vorrei aver dato l'impressione di affermare che la tecnica non sia importante.
Se è così, sono stato frainteso (probabilmente l'esempio estremo di Santorò - gioca proprio male, brutto da vedere Laughing  - è stato fuorviante).
Il mio intervento voleva sottolineare solo che difficilmente un maestro potrà nelle poche ore che ha a disposizione trasfeririti quei dettagli, quelle singolarità, quelle sporcature che abbinate ad una solida tecnica di base, sulla quale invece sicuramente  focalizzerà il suo lavoro, rendono un buon tennis un tennis rognoso per il tuo avversario.
In questo senso è importante arricchire il proprio tennis con azioni aggiutive, quindi capacità di emulare, videoanalisi, autodidattica, ecc., ecc.
Difficilmente un maestro ti insegnerà a servire come serviva McEnroe, ma quel servizio era devastante per i suoi avversari per buona parte proprio per la sua atipicità.
Chi, ai tempi, avrebbe insegnato il rovescio di Borg?
Ovviamente, per un giocatore amatoriale, avere una buona tecnica di base è già molto, ma potrebbe anche non bastare rispetto ad un altro amatore con altrettanta buona tecnica e un maestro non riuscirà mai ad arricchirti di quelle peculiarità che solo un lavoro in autonomia con il proprio io possono far maturare.

Dago, Il mio intervento non era assolutamente in risposta al tuo, che ho apprezzato; voleva essere un arricchimento della discussione in genere.

Io sono per la tecnica sempre e comunque, perché credo che sia l'unica strada per raggiungere traguardi soddisfacenti (per me).

Il problema è che vedo troppa gente ossessionata non dalla tecnica ma dalla postura , che non danno poi così importanza al risultato, relegandolo ad obiettivo secondario. E' come se per queste persone esecuzione tecnica corretta e risultato efficace fossero due cose distinte, tale che sia possibile eseguire un gesto corretto senza però ottenere un equivalemnte risultato, cosa in cui non credo assolutamente.

Spesso quei gesti sono solo esteticamente corretti, ma mancano le basi biomeccaniche che sono necessarie per ottenere il risultato sperato.

Anche io ho sofferto e in parte soffro ancora di "perfezionismo stilistico" in alcuni aspetti, soprattutto quando nessuno mi ha davvero spiegato a cosa serve un determinato movimento, per cui mi limito semplicemente a ripeterlo ,sbagliando sicuramente senza peraltro avere gli strumenti, la conoscenza biomeccanica appunto, per potermi correggere.
Condivido il tuo pensiero, argomentazioni di buon senso.
Sai, penso ci possa essere un altro aspetto che ci possa condizionare e che ci spinga a focalizzare l'attenzione sulla mera tecnica, chiamiamola asettica.
Il gioco del tennis è, come noto, una brutta bestia, infarcito da concatenazioni psicologiche, dove drammi personali e legati alla nostra autostima ci fanno, a volte, far stare letteralmente male quando non riusciamo in quello che vorremmo, quando non riusciamo a mettere in campo il meglio di noi, quando, nonostante tutto, non si vince ed il nostro ego ne esce con le orecchie basse.
Allora, può emergere un sentimento di allontanamento inconscio, fuggiamo ciò che ci fa stare più male, dimentichiamo l'essenza di quello che accade e ci concentriamo sull'unica cosa che, probabilmente, può rappresentare una buona scusa, la tecnica che, ovviamente, non è mai abbastanza adeguata, in particolar modo per un amatore, fungendo da nostro  alibi ideale.
Ecco, quindi, che trovata la scusa ci si concentra con tutto se stessi sull'esecuzione, sul movimento più ortodosso che riusciamo ad immaginare pensando che in questo modo si possano, finalmente, risolvere i nostri problemi esistenziali (nell'ambito del tennis, ben inteso ...), avviando un'inarrestabile girandola dalla quale non si esce più. Laughing

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Gio 21 Set 2017 - 14:25

@Dagoberto ha scritto:un buon percorso con un buon maestro è importante, forse, per certi versi fondamentale, ma non è tutto, da li bisogna poi costruire il proprio tennis e come se non con l'autodidattica, con i video, facendo ore e ore di palleggi al muro, allenando in solitaria il servizio e via dicendo.

mi sembra un approccio sensato, ed infatti è quello che avevo in mente di percorrere, magari anche con esercizi mirati suggeriti dal maestro da fare da solo.

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Gio 21 Set 2017 - 14:30

@albs77 ha scritto:Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.

nel mio caso voglio focalizzarmi per bene sulla tecnica, anche perché, sperando di giocare per diverso tempo, se non la imparo fin da subito rischio di metabolizzare movimenti e colpi sbagliati, diventando poi ancora più complicati da correggere

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Gio 21 Set 2017 - 14:35

@albs77 ha scritto:Il problema è che vedo troppa gente ossessionata non dalla tecnica ma dalla postura , che non danno poi così importanza al risultato, relegandolo ad obiettivo secondario. E' come se per queste persone esecuzione tecnica corretta e risultato efficace fossero due cose distinte, tale che sia possibile eseguire un gesto corretto senza però ottenere un equivalemnte risultato, cosa in cui non credo assolutamente.

Spesso quei gesti sono solo esteticamente corretti, ma mancano le basi biomeccaniche che sono necessarie per ottenere il risultato sperato.

l'insegnamento della tecnica comprende anche per forza di cose una componente di biomeccanica, non ne vedo il problema, forse ti riferisci a quelli che sono "belli da vedere" ma che rimangono poco efficaci nei colpi?

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Gio 21 Set 2017 - 14:40

@Dagoberto ha scritto:Se avessi responsabilità di governo in qualche amministrazione comunale proporrei di realizzare dei muri di allenamento pubblici nei tanti giardinetti della città, costerebbero poco e servirebero a far avvicinare al tennis molte persone, fornendo anche un utile strumento di allenamento per molti appassionati.

è difficile trovare muri di allenamento anche nei circoli, figuriamoci a livello comunale.
personalmente lo trovo, oltre che utile, pure divertente...

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da nw-t il Gio 21 Set 2017 - 14:41

@albs77 ha scritto:ma mancano le basi biomeccaniche che sono necessarie per ottenere il risultato sperato.
Si chiama forza fisica. Serve quella x avere INTENSITA' di gioco con tecnica abbinata...anche se non è perfettissima
avatar
nw-t
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 16419
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da davenrk il Gio 21 Set 2017 - 14:44

nw-t ha scritto:
@albs77 ha scritto:ma mancano le basi biomeccaniche che sono necessarie per ottenere il risultato sperato.
Si chiama forza fisica. Serve quella x avere INTENSITA' di gioco con tecnica abbinata...anche se non è perfettissima

magari mi sbaglio, ma credo lui si riferisca più che altro all'efficienza dei colpi, ovvero, a parità di esecuzione è migliore il colpo che necessita di minor sforzo energetico.

davenrk
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 10.07.17

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da nw-t il Gio 21 Set 2017 - 15:59

No David è solo forza fisica che ti fa avere molta più velocità di braccio...
avatar
nw-t
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 16419
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da Alex il Gio 21 Set 2017 - 18:35

Tecnica, decontrazione ed equilibrio.
La forza fisica lasciatela agli scimmioni (non parlo di @kingkongy naturalmente). Wink
avatar
Alex
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6386
Data d'iscrizione : 05.12.08

Profilo giocatore
Località: Mondo
Livello: ITR : 6.5
Racchetta: Wilson N-Six One Tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da VANDERGRAF il Gio 21 Set 2017 - 19:06

albs77 ha scritto:Più che la tecnica conta la biomeccanica, perchè la biomeccanica è a servizio dell'efficacia.
Quando una tecnica non produce i risultati sperati, vuol dire fondamentalmente che è sbagliata, anche se potrebbe essere colpa di un dettaglio apparentemente insignificante.
Da un punto di vista biomeccanico, piccoli errori nell'efficacia sono valutabili come macroscopici e quindi più facilmente risolvibili se guardati da questo punto di vista. 

Puoi fare un dritto "perfetto", ma se non sai mettere il peso sulla palla di la arriva leggera. Di fatti è un dritto "sbagliato", tanto quanto una movimento a "zappata".

Io sono un appassionato di tecnica, da ex judoka non potrebbe essere altrimenti. 
La tecnica però è uno strumento che serve a raggiungere un duplice obiettivo: l'efficacia unita alla ripetibilità ,che metto assieme perchè il colpo fortunoso della domenica non fa statistica, e il "risparmio energetico" nell'esecuzione del gesto.

Presi due colpi con la stessa efficacia, il gesto maggiormente tecnico è quello che richiede anche il minimo sforzo.

La giusta tecnica diventa obbligatoria quando si vuole raggiungere alti livelli di efficienza, ma abbiamo già superato da un pezzo il livello Amatoriale.

Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.
ma perchè state facendo la distinzione tra tecnica e biomeccanica ? la tecnica del tennis include necessariamente la biomeccanica, altrimenti sarebbero soltanto colpi sterili da guardare allo specchio. un dritto fatto senza mettere peso sulla palla non viene mai definito perfetto da nessuno, credo che anche chi lo fa se ne renda conto. tecnica significa saper spingere con le gambe, saper coordinare la rotazione delle anche, timing e via dicendo. chiaramente va supportata da una buona condizione fisica, perchè se non arrivi piazzato sulla palla e non lo fai in modo continuativo e senza andare in affanno, vai a vanificare tutto quello che di buono potresti fare con la tecnica.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3708
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da albs77 il Lun 25 Set 2017 - 11:50

VANDERGRAF ha scritto:
albs77 ha scritto:Più che la tecnica conta la biomeccanica, perchè la biomeccanica è a servizio dell'efficacia.
Quando una tecnica non produce i risultati sperati, vuol dire fondamentalmente che è sbagliata, anche se potrebbe essere colpa di un dettaglio apparentemente insignificante.
Da un punto di vista biomeccanico, piccoli errori nell'efficacia sono valutabili come macroscopici e quindi più facilmente risolvibili se guardati da questo punto di vista. 

Puoi fare un dritto "perfetto", ma se non sai mettere il peso sulla palla di la arriva leggera. Di fatti è un dritto "sbagliato", tanto quanto una movimento a "zappata".

Io sono un appassionato di tecnica, da ex judoka non potrebbe essere altrimenti. 
La tecnica però è uno strumento che serve a raggiungere un duplice obiettivo: l'efficacia unita alla ripetibilità ,che metto assieme perchè il colpo fortunoso della domenica non fa statistica, e il "risparmio energetico" nell'esecuzione del gesto.

Presi due colpi con la stessa efficacia, il gesto maggiormente tecnico è quello che richiede anche il minimo sforzo.

La giusta tecnica diventa obbligatoria quando si vuole raggiungere alti livelli di efficienza, ma abbiamo già superato da un pezzo il livello Amatoriale.

Focalizzarsi sulla tecnica è un ottimo investimento per il futuro, l'unico anzi, ma nel contingente serve anche tener sempre a mente il livello di efficienza che si riesce a produrre nel periodo dell'apprendimento.
ma perchè state facendo la distinzione tra tecnica e biomeccanica ? la tecnica del tennis include necessariamente la biomeccanica, altrimenti sarebbero soltanto colpi sterili da guardare allo specchio. un dritto fatto senza mettere peso sulla palla non viene mai definito perfetto da nessuno, credo che anche chi lo fa se ne renda conto. tecnica significa saper spingere con le gambe, saper coordinare la rotazione delle anche, timing e via dicendo. chiaramente va supportata da una buona condizione fisica, perchè se non arrivi piazzato sulla palla e non lo fai in modo continuativo e senza andare in affanno, vai a vanificare tutto quello che di buono potresti fare con la tecnica.

Perché spesso viene posta più attenzione a tutto ciò che succede prima dell'impatto,apri così,mette il piede li, piega il poso colà, spalle così, piuttosto a ciò che succede al momento dell'impatto.

Ti faccio un esempio sulla disciplina che conosco, cioè judo. 
Quello che conta davvero è se l'avversario è in squilibrio. Qualsiasi altro aspetto è del tutto ininfluente in mancanza di squilibrio, a terra non ci cadrà mai.
Lo stesso nel tennis: se ti muovi al momento dell'impatto o sposti il tuo peso in direzione opposta alla palla, qualsiasi cosa tu abbia fatto prima, aprire corretto, giocare decontratto, torsione del busto e delle spalle, corretto timing ecc ecc vale ZERO.

Si chiama catena cinetica non a caso.

La maggior parte dei quarta sono più o meno incapaci di mettere peso sulla palla, ma magari hanno una buona tecnica , nel complesso.
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da mattiaajduetre il Lun 25 Set 2017 - 12:24

@albs77 buon giorno
concordo pienamente!
certo, conta tutto ma al dunque ripeto:
Tennis = sport di situazione,
bisogna fare otto cose quasi contemporaneamente, senza dimenticare che cambiano superfici, palle, condizioni climatiche e dall'altra parte della rete 
in aggiunta c'è un avversario che cercherà (se è un poco sgamato) di farVi giocare male...
buon tennis
avatar
mattiaajduetre
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 12958
Età : 23
Località : manerbio
Data d'iscrizione : 27.10.12

Profilo giocatore
Località: tra mantüa e bresà
Livello: 3.1 F.I.T.
Racchetta: yonex Sv98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da albs77 il Lun 25 Set 2017 - 12:29

mattiaajduetre ha scritto:@albs77 buon giorno
concordo pienamente!
certo, conta tutto ma al dunque ripeto:
Tennis = sport di situazione,
bisogna fare otto cose quasi contemporaneamente, senza dimenticare che cambiano superfici, palle, condizioni climatiche e dall'altra parte della rete 
in aggiunta c'è un avversario che cercherà (se è un poco sgamato) di farVi giocare male...
buon tennis

Certo! l'avversario è li apposta per farci sbagliare.
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da mattiaajduetre il Lun 25 Set 2017 - 12:30

avatar
mattiaajduetre
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 12958
Età : 23
Località : manerbio
Data d'iscrizione : 27.10.12

Profilo giocatore
Località: tra mantüa e bresà
Livello: 3.1 F.I.T.
Racchetta: yonex Sv98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando ti passa la voglia di prendere lezioni

Messaggio Da nw-t il Lun 25 Set 2017 - 12:32

La gente "pretende" di giocare come un PRO non essendo un PRO...c'è qualcosa che non mi torna.
avatar
nw-t
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 16419
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum