Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultimi argomenti
» Yonex VCore SV
Ieri alle 23:11 Da lorenz90

» Grigor Dimitrov
Ieri alle 23:06 Da Max1966

» Scelta racchetta
Ieri alle 22:55 Da Vale piga

» Head Graphene XT Radical S vs Head Graphene XT Instinct Lite
Ieri alle 21:55 Da dario81

» EZone 2017
Ieri alle 21:16 Da ifabricos

» Polytour Tough
Ieri alle 21:16 Da nw-t

» aiutatemi a scegliere la scarpa
Ieri alle 20:41 Da VANDERGRAF

» Concorso PT-100 - Novembre 2017
Ieri alle 20:39 Da Leutonio

» dunlop nt 3.0 2017 (308 g)
Ieri alle 18:39 Da sallac

» Pro Kennex Q+ Tour 300 2017
Ieri alle 17:44 Da mirkoc

» Grip 1.7/1.8mm peso 11g max
Ieri alle 17:06 Da adip89

» Wilson Pro Staff CV (Countervail)
Ieri alle 16:36 Da Paolo070

» Club PT57A - PT57E - PT10
Ieri alle 16:36 Da glenn uguccioni

» Requisiti e regole per l'utilizzo del "Mercatino"
Ieri alle 16:28 Da marconadal

» EZONE DR
Ieri alle 15:57 Da Paramahansa

» Consiglio per Yonex vcore duel g 100 (300g)
Ieri alle 15:32 Da Attila17

» Yonex Poly Tour Spin G 125
Ieri alle 15:25 Da Stefan63

» Nick Kyrgios
Ieri alle 14:41 Da Max1966

» PRO STAFF L CV
Ieri alle 13:37 Da MEGA77

» Telaio 100/300 comfort
Ieri alle 13:02 Da Eiffel59

» Lotto Stratosphere
Ieri alle 12:15 Da gabr179

» Luxilon Element
Ieri alle 11:31 Da ANTROB

» Corde pèer six one 16x18 2014
Ieri alle 10:45 Da kent08

» Forza Schumacher
Ieri alle 10:32 Da mattiaajduetre

» Head Radical Graphene XT S: recensioni/prestazioni? Scelta (compresa incordatura) azzeccata?
Ieri alle 10:12 Da kgb1969

» Domande sparse Starburn
Ieri alle 10:10 Da st13

» Blade 104 Serenona Williams autograph
Ieri alle 9:48 Da Victor69

» RAFTennis: nuovo circuito amatoriale
Ieri alle 9:41 Da andyvakgj

» Dubbio sensazioni corde su babolat aero pro drive
Ieri alle 9:40 Da NikRafa22

» Un saluto a tutto il forum, mi presento.
Ieri alle 9:36 Da chiaralt



Ultime dal mercatino
Link Amici




19982 Utenti registrati
187 forum attivi
672969 Messaggi
New entry: belloribello123

È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da neorunner il Mar 25 Apr 2017 - 9:23

Promemoria primo messaggio :

Ragassuoli buondì. 
È arrivato proprio il momento di modificare il mio servizio. 
Anche perché iniziando a giocare con 4-1 e terza se nn si mette una prima almeno decente sono destinato a soccombere rapidamente dopo uno o due colpi. 

Fino all'altro giorno (domenica) nn ero mai stato da un maestro di tennis (vero Fit) ma al Max da chi gioca bene e da qualche consiglio. 

Premetto che nn sono mai stato da un maestro perché quello più vicino sta a 3 ore di macchina tra andata e ritorno, più la lezione e doccia un'altra ora e mezza... quindi per un'ora di tennis bruciarsi 4 ore e mezza di fatto X me nn è possibile. 
Ma combinazione ha voluto che un circolo qui vicino ha organizzato una giornata con una maestro ed io subito ho partecipato. 

Il maestro ha rilevato degli errori, che già conoscevo, ed altri che nn conoscevo. 

Alcuni errori che commettevo. 
Lancio palla basso, impugnatura nn continental, movimento troppo rapido (per compensare il lancio basso), posizionamento dei Piedi dal lato dx del campo (nn mi ero mai accorto di questo errore), nn corretto caricamento del peso scaricavo subito sulla gamba sx. 

Diciamo che ora idealmente so come si batte e quello che dovrei fare. E con il maestro s fianco venivano fuori anche bei servizi. 

Ma dove vengono le dolenti note ed il motivo del post. 

Prima di fine agosto nn avrò modo di rincontrare il maestro. 

Ieri sera mi sono preso il campo ed ho fatto circa 250 servizi da solo. 

E mi sono dopo poco reso conto che rischio di nuovo di cronicizzare errori. 
Quindi buttare via tempo e magari peggiorare la mia attuale situazione. 

Alcuni errori ho già capito come evitarli (grazie anche a dei video su YouTube)
Ad esempio lancio palla (trucco della racchetta a terra), posizionamento dei piedi, impugnatura (trucco dei due euro). 

Ma ieri sera facevo spesso un errore. 
Colpivo male la palla non nel momento ottimale a livello di altezza. 
Questo perché o anticipavo troppo o aspettavo troppo. 
Con il maestro questo nn accadeva anche perché lui mi dava il tempo. 
Che da solo nn sono riuscito s ritrovare se nn in qualche occasione.... in troppe poche battute sulle 250 provate. 


Volevo sapere se esiste qualcosa del tipo che tiene ferma la palla alta ed io mio esercito con il movimento della palla bassa del corpo e di decontrazione del braccio fino al punto di impatto. 

Io devo, a mio avviso, trovare e 'capire' a che altezza colpire la palla, che in linea teorica ormai so, però nn riesco a renderlo effettivo ed anche se ora (pur con difficoltà lancio la palla in maniera ottimale, quindi avrei la possibilità di colpirla all'altezza giusta comunque non riesco.... o  comunque ancora troppe poche volte ).
avatar
neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 405
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso


Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Theo_84 il Mer 26 Apr 2017 - 23:28

Matteo1970 ha scritto:Il problema del video è che tu puoi vedere tutti gli errori, ma se non hai qualcuno che nel momento in cui fai il movimento ti ferma e cerca di correggerti, sei fregato al 90% delle volte.Perchè tu non ti rendi conto in quel momento dell'errore, ma solo dopo riguardandoti.

Appunto, una volta che ti sei rivisto, alla prossima volta in campo (o addirittura, subito dopo, se pausi la registrazione e fai il punto al volo), provi a correggere e ti riprendi, e vedi se hai corretto o hai creduto di correggere, e così via. Se è solo una questione di tempo non mi sembra un problema drammatico appuntarsi e differire la correzione alla prossima volta in campo. Lancio palla basso? Lancia più alto. Ancora basso? E lancia ancora più in alto, anche se ti sembra troppo, se non lo è assimilerai il nuovo concetto che "troppo" è "giusto". Lanci storto? Esercitati a raddrizzarlo (dozzine di drill disponibili). Pieghi poco le gambe? Estremizza il piegamento provandolo a vuoto e sentendo la spinta che sale. E così via raffinando le varie parti. Col tempo (tanto), chiaramente. Si trovano online dozzine di analisi molto dettagliate e molto utili di come dovrebbe essere un buon servizio, a poco a poco si lavora per avvicinarsi prendendo spunto da quelli. Fra l'altro nel servizio è tutto estremamente immediato, se manca fluidità lo senti quando invece ce l'hai, se impatti male lo vedi, così come vedi e senti quando impatti bene ("bene" in relazione a come e dove volevi impattare). Vederti dall'esterno è la ciliegina che mette a contatto e a confronto quello che fai con quello che credi di fare, e da lì fai il punto. T'assicuro che funziona e anche molto. Avrò una mentalità troppo da "chi fa da sé fa per tre" ma pure leggendo i vari interventi e pur avendo sempre avuto maestri, continuo a non cogliere la necessità di una persona esterna per tutto questo, perlomeno non necessariamente presente in campo (sempre solo parlando del servizio, chiaramente). E' chiaro che il mio ragionamento vale per persone con un servizio già strutturato nei fondamentali e con un minimo di sensibilità (nel rapporto col proprio corpo e con la racchetta). Il maestro fa comodo ma secondo me non è necessario come per il resto dei colpi, quelli sì impossibili da sviluppare senza un maestro o equivalente dall'altra parte della rete, così come di tutto il discorso tattico ecc. ... 

Ed è chiaro che il discorso vale per "uno come noi" che vuole migliorare un po' il proprio servizio, non per un professionista con tutt'altre esigenze e tutt'altri avversari, tirare in ballo i pro è fuori luogo. 

P.S., per rispondere a Vandergraf: non serve avere qualcuno che riprende un movimento statico come il servizio, basta un cavalletto e un buon smartphone o fotocamera ("ma le angolazioni! Una persona ti gira intorno!" - e vabe', ti riprendi per 30 servizi da un lato, 30 dall'altro e così via).

Theo_84
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 314
Data d'iscrizione : 11.06.15

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello:
Racchetta: Babolat Pure Drive 2015

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da VANDERGRAF il Mer 26 Apr 2017 - 23:43

sono contento per te se ti riesce facile questo tipo di approccio, ma se ti rispondo in questo modo è perchè gioco tutte le settimane con una persona che procede nello stesso modo ma non ha migliorato nemmeno di una virgola il suo servizio. se funziona con te non è detto che debba funzionare con tutti. può sicuramente provare. è vero, ci sono dei maestri che insegnano il servizio in modo piuttosto approssimativo. ma se trovi un maestro con cui poter impostare un discorso focalizzato su quel colpo, hai molto probabilmente margini di miglioramento più evidenti e veloci. perchè il bravo maestro ti fa vedere il suo gesto a due metri di distanza da te. e questo non puoi averlo da una telecamera che ti riprende. non solo, te lo fa vedere evidenziando i passaggi che risultano problematici in quel preciso momento. e l'emulazione immediata di un gesto corretto visto da vicino è, a mio avviso, più efficace. la teoria è ben diversa dalla pratica. non basta sapere come si fa per poterlo fare. spesso si conoscono alla perfezione tutti gli elementi utili ma non si riesce ad attuarli con la giusta coordinazione. vale anche per tutti gli altri colpi, soprattutto il rovescio a una mano. poi ci sono anche esercizi aggiuntivi con apposite pedane, ad esempio, per migliorare la spinta in obliquo e lo scarico del peso in avanti
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Dagoberto il Gio 27 Apr 2017 - 0:12

Io credo che la verità stia un po' nel mezzo. Un maestro è evidente che offrà un contributo in termini di focalizzazione e risoluzione dei problemi maggiore, ma un maestro di tennis vero lo fa per mestiere, ergo costa!
Non siamo ipocriti, tutti vorrebbero andare dal maestro per ogni aspetto del proprio tennis da migliorare, ma non tutti possono permettersi valangate di ore di lezioni individuali.
Per quale motivo, proprio i mastri di tennis propongono lezioni collettive, perchè sanno che in questo modo possa aumentare il numero dei possibili clienti Wink . Una lezione individuale è certamente un momento cristallino sotto il profilo della qualità formativa, ma con 1 ora di lezione si fa ben poco. Quindi, poco male se ci si arrangia con altri metodi, più o meno ortodossi, per migliorarsi e la videoanalisi è una tecnica ormai usata anche dagli stessi maestri, persino dai professionisti e non solo nel tennis.
Il motivo è anche il maggiore tempo a disposizione per focalizzare il problema, sia rivedendo più volte il movimento incriminato, sia impiegando il rallenty o slowmotion. La capacita umana di elaborare velocemente dettagli di un movimento focalizzato dall'apparato visivo non è assimilabile alla memoria ottica di una telecamera, di qualsiasi qualità, e ciò vale anche per un bravo maestro, non sono macchine. Certo, nel fai da te è necessaria una buona capacità autodidattica, ma anche questa si impara. Tra l'altro, forse inconsciamente, ma tutti siamo di fatto autodidatti, perchè l'ora di lezione con il maestro serve ad individuare il cosa fare, ma la ripetizione del gesto per meccanizzarlo sta a noi e nell'eseguire i movimenti insegnati l'autodidattica è fondamentale a meno di legarsi il maestro alla caviglia e non lasciarlo libero più neanche quando si va in bagno Very Happy.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da kingkongy il Gio 27 Apr 2017 - 0:49

Ribadisco il concetto:
1) Bisogna essere in grado di distinguere un movimento personale come "atteggiamento" o come "errore". Se pensate che questo sia facile...beh, ben per voi.
2) Bisogna vederli gli errori. Il che non è scontato. Ma se pensate che sia sempre possibile...beh, ben per voi.
3) A fronte di un errore bisogna trovare il sistema per correggerlo... Se pensate che questo sia banale...beh, ben per voi.
Evidentemente siete dei talenti naturali "Of the Madon". Nessuna altra spiegazione è possibile.
Invidia!
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da kingkongy il Gio 27 Apr 2017 - 1:16

"...secondo me non è necessario come per il resto dei colpi, quelli sì impossibili da sviluppare senza un maestro o equivalente dall'altra parte della rete, così come di tutto il discorso tattico ecc. ... "

Pensa che ci sono maestri che manco lo sanno insegnare bene il servizio...e ne sono consapevoli! E pure i colleghi lo sanno, così come sanno "chi lo sa correggere bene".
Chiedete a Vet se lui trova "semplice" insegnare o correggere il servizio... Addirittura Vet si "rifiuta" di dare consigli sui video postati qui. E come coach non siamo a livelli bassi o medi...

MAAAAA non c'è un maestro che ti dica "non so insegnare il dritto"...!

Pensa un po' a che distanza siete da quello che pensano i maestri del "servizio"!
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da VANDERGRAF il Gio 27 Apr 2017 - 1:22

poi se gli errori sono dovuti ad una impugnatura errata e ad un posizionamento dei piedi errato, mi sembra ancora più evidente che c'è da lavorare parecchio. probabilmente c'è da inserire tutto il discorso della posizione a trofeo con pronazione e ribaltamento spalle. sono cose che con impegno e sacrificio si possono anche imparare da soli, ma bisogna dedicarsi ore e ore a fare un lavoro in autocoaching, noleggiando il campo solo per dedicarsi a questo, che è comunque una spesa. semplificando, si tratta di vedere cosa si raggiunge dopo una decina di ore dedicate in autonomia e confrontarlo con due o tre ore guidate da un maestro, se la proporzione risultato-tempo-spesa è a favore di uno o dell'altro. chiaramente non è fattibile se il maestro è frequentabile una volta ogni morte di papa.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da VANDERGRAF il Gio 27 Apr 2017 - 1:27

kingkongy ha scritto:"...secondo me non è necessario come per il resto dei colpi, quelli sì impossibili da sviluppare senza un maestro o equivalente dall'altra parte della rete, così come di tutto il discorso tattico ecc. ... "

Pensa che ci sono maestri che manco lo sanno insegnare bene il servizio...e ne sono consapevoli! E pure i colleghi lo sanno, così come sanno "chi lo sa correggere bene".
Chiedete a Vet se lui trova "semplice" insegnare o correggere il servizio... Addirittura Vet si "rifiuta" di dare consigli sui video postati qui. E come coach non siamo a livelli bassi o medi...

MAAAAA non c'è un maestro che ti dica "non so insegnare il dritto"...!

Pensa un po' a che distanza siete da quello che pensano i maestri del "servizio"!
beh....allora se è per questo....sarebbe un venire incontro alla posizione di chi fa da sè....perchè se il maestro stesso si considera poco abile ad insegnare il servizio, un potenziale allievo che ragiona a protezione del portafoglio si sente ancora più motivato a fare tutto da solo.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da VANDERGRAF il Gio 27 Apr 2017 - 1:33

comunque certi maestri sono parecchio strani su richieste mirate. tempo fa andai a una lezione prova dicendo che non volevo cambiare il mio modo di giocare sul dritto, ma mi interessava solo migliorare il rovescio a una mano. dopo avermi visto giocare, il maestro ha sentenziato che il mio dritto non è niente di speciale e che gioco meglio il rovescio. risposta dentro di me (ma credo si sia capito anche fuori di me): ma che te ne frega a te di come gioco il dritto, mica devo fare un esame finale per ottenere un voto o un attestato, se ti dico che voglio migliorare solo il rovescio, pensa a quello ! no....devono seguire per forza i loro iter generici, ti guardano la racchetta per vedere quanto pesa, ti dicono che l'impugnatura che usi da 30 anni la devi cambiare, se fai un chop al posto di un topspin rimangono basiti e via dicendo.... un pò di leggerezza e apertura mentale in più non guasterebbe. d'altronde pago per ottenere quello che vorrei io, non voglio stravolgere cose che non mi interessano
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da neorunner il Gio 27 Apr 2017 - 2:23

Grazie a tutti ancora per gli spunti di riflessione che mi state dando. 

Nella mia città ci sono due circoli. 

In nessuno dei due circoli ci sono maestri o istruttori. 

In entrambi i circoli ci sono degli 'ottimi' giocatori ( 3.4-4.1) che danno lezioni a pagamento. 

A mio avviso sono degli ottimi sparing partner. 
Ma di fatto nn ti correggono i movimenti o gli errori. 

Io attualmente faccio lezione singola una volta a settimana, più due allenamenti con un gruppo di 3.4/4.1

Gli allenamenti consistono in cesti di dritto, rovescio, volée, scambi incrociati, attacchi, passanti. 
Abbinati a scatti, salti ad ostacoli bassi, scaletta a terra.  

Io 5 anni fa nn sapevo tenere la racchetta in mano ed ora comunque inizio a guicarmela con i 4.1 (anche se prevalentemente perdo, ma di tanto in tanto qualche set o Match lo porto a casa). 

I progressi li ho fatti allenandomi il più possibile, in alcuni periodi anche con la lancia palle che ho comprato da solo proprio per migliorare, perché i bravi con me nn giocavano e con gli scarsi nn riuscivo a migliorare. 
Eppure ora, dopo tanto sacrificio, mi alleno con il gruppo dei forti, pur essendo ovviamente ancora il più debole. 

Quando sono passato dal rovescio da una a mano a quello a due mani, la persona che ancora mi allena si rifiutava di spiegarmi come fare, perché per lui dovevo migliore il rovescio ad una mano. 

Ma sentivo che nn era la strada per me. 

Ho preso la mia lancia palle. Guardato tanti video. 
E nel giro di un mese facevo un rovescio a due mani che era meglio del rovescio ad una mano che ho fatto per due anni. 
In un'ora facevo 600 rovesci. 
Mi sono allenato X 2 ore a settimana per un mese solamente ed esclusivamente sul rovescio a due mani. 

Passato il mese, chi mi 'allena' ha detto hai ragione, continua così, stavo sbagliando. 

Non immaginate la soddisfazione che ho avuto. 

Io vorrei andare da un maestro o istruttore, ma se nella mia città, ed in quelle vicine, nn c'è, purtroppo posso fare poco. 

Per questo chiedevo se anche un istruttore che come giocatore ha delle lacune comunque può dare qualcosa, perché magari avendo fatto il corso aics riesce a trasmettere. 

Le persone che fanno lezione nella mia città, ad esempio tecnicamente sono molto più brave di questo istruttore (aics), ma non riescono a spiegare e comunicare come correggere gli errori. 

Il maestro Fit invece che è venuto, ti spiegava per bene cosa sbagliavi, e come correggere il movimento.
avatar
neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 405
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Ospite il Gio 27 Apr 2017 - 7:46

@VANDERGRAF ha scritto:comunque certi maestri sono parecchio strani su richieste mirate
"Metti la cera, Togli la cera!... ma a volte funziona...
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Ospite il Gio 27 Apr 2017 - 7:51

@kingkongy ha scritto:La differenza tra un maestro, un ottimo maestro e un grande maestro è in parte qui: un maestro normale ha il proprio metodo (uno solo e non si mette in discussione); l'ottimo maestro ha sempre il Piano B per insegnare qualcosa e non si dà pace; il grande maestro è quello con l'asso nella manica che ti fa dire "ma come cavolo fa a sapere sempre tutto!".
Io ho tutti e tre! Mi piace vincere facile!  Very Happy
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Matteo1970 il Gio 27 Apr 2017 - 8:52

@neorunner

secondo me si, è possibile che una persona che non è forte, riesca ad insegnare.

Non tutti hanno doti comunicative, spirito d'osservazione, sintesi, conoscenza fisica e meccanica. E tipicamente posso conoscere un colpo, saperlo fare ma non saperlo tirare (nel senso di tirare in gara, per fare un punto).

Altresì, ci sono persone che non ti fanno vedere la palla ma che non sanno e non vedono il gesto, il passo, etcc...
avatar
Matteo1970
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 639
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: Yonex VCore Duel G97

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da ilNovakdellabassa il Gio 27 Apr 2017 - 10:44

ribadisco alcuni concetti già detti da altre persone e ti evidenzio una cosa

- il servizio è un gesto complicato e difficile, in particolare se cambi qualcosa nella catena cinetica si va a modificare tutto il timing, quindi è normalissimo che all'inizio venga fuori un ritardo/anticipo nel movimento
- anche i pro "perdono e trovano" da giornata a giornata da periodo a periodo il perfetto timing sulla palla...la differenza è che un giocatore "navigato" di un certo livello, può in certi casi autoregolarsi e correggersi da solo, perche ha una sensibilità diversa dall'amatore e perchè si tratta di ritrovare un qualcosa che già sa fare ed ha assimilato e sta andando leggermente fuori regolazione ottimale diciamo...chi invece deve correggere movimenti sbagliati e concetti errati avrà sicuramente bisogno di qualcuno che osservi e corregga con interventi frequenti...poi tanta pratica aiuta

ti aggiungo questo però...spesso nel giocatore amatoriale gli errori sono molteplici e anche se qualcuno ti dice quali sono, il pensare a 4/5 cose mentre batti diventa impossibile...bisogna pertanto "sistemare per step"...ma attenzione, perche solo un buon maestro sa impartirti l'ordine migliore dei vari step in base a quello che vede e soprattutto sa darti degli imput (come già ha scritto qualcuno) di "ancore mentali" che servono tantissimo
a volte il correggere una cosa porta in automatico la correzione di un altra...da quello che già hai evidenziato anche tu, il lancio basso porta ad una fretta nel movimento, il lancio sbagliato porta a non usare bene i piedi e cosi via...

ilNovakdellabassa
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 64
Data d'iscrizione : 05.09.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Ospite il Gio 27 Apr 2017 - 10:59

Alcuni maestri consigliano di memorizzare una parola che ricordi il timing della catena cinetica.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da kingkongy il Gio 27 Apr 2017 - 11:18

Doc, come ha detto Novak... un buon maestro ha un "programma" per correggere gli errori. A volte il programma è corto e prevede UNA cosa fondamentale da mettere a posto. Altre volte si tratta di un percorso (a ostacoli) dove, se non risolvi il Punto 1 non puoi passare al Punto 2.
Io non voglio proprio fare polemica o mettermi di spigolo perché faccio il moderatore, non la Voce del Tennis... ma se penso a quante volte ho fatto e disfatto, gli esercizi, le palline tirate, mi viene l'orticaria! La videocamera l'avevo anche io a disposizione, ma una volta ogni morte di papa (era del maestro) perché era un oggetto esoterico e il fermo immagine non funzionava.Era utile? Utilissima per vedere la "dinamica" vista la scarsa risoluzione.
Ma il problema è quello dei paletto o dell'ancoraggio come lo vuoi chiamare: tu devi sentire la sensazione giusta e, quando fai lo swing sbagliato, deve esserci uno che, in tempo reale, ti dica: "Questo non va qui, qui e qui". ALLORA tu sei in grado - piano piano - di riconoscere le sensazioni sbagliate e quelle giuste.
Se non ti dicono che QUELLA sensazione corrisponde a un movimento sbagliato...la "fisserai". Secondo gli esperti di golf, bastano 7 movimenti sbagliati ripetuti e consecutivi per fissare un errore. E il tennis è la stessa minestra con il servizio, perché si gioca da fermo.
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Ospite il Gio 27 Apr 2017 - 13:17

@kingkongy ha scritto:tu devi sentire la sensazione giusta e, quando fai lo swing sbagliato, deve esserci uno che, in tempo reale, ti dica: "Questo non va qui, qui e qui". ALLORA tu sei in grado - piano piano - di riconoscere le sensazioni sbagliate e quelle giuste.
Se non ti dicono che QUELLA sensazione corrisponde a un movimento sbagliato...la "fisserai".
Vero.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Dagoberto il Gio 27 Apr 2017 - 15:01

kingkongy ha scritto:Doc, come ha detto Novak... un buon maestro ha un "programma" per correggere gli errori. A volte il programma è corto e prevede UNA cosa fondamentale da mettere a posto. Altre volte si tratta di un percorso (a ostacoli) dove, se non risolvi il Punto 1 non puoi passare al Punto 2.
Io non voglio proprio fare polemica o mettermi di spigolo perché faccio il moderatore, non la Voce del Tennis... ma se penso a quante volte ho fatto e disfatto, gli esercizi, le palline tirate, mi viene l'orticaria! La videocamera l'avevo anche io a disposizione, ma una volta ogni morte di papa (era del maestro) perché era un oggetto esoterico e il fermo immagine non funzionava.Era utile? Utilissima per vedere la "dinamica" vista la scarsa risoluzione.
Ma il problema è quello dei paletto o dell'ancoraggio come lo vuoi chiamare: tu devi sentire la sensazione giusta e, quando fai lo swing sbagliato, deve esserci uno che, in tempo reale, ti dica: "Questo non va qui, qui e qui". ALLORA tu sei in grado - piano piano - di riconoscere le sensazioni sbagliate e quelle giuste.
Se non ti dicono che QUELLA sensazione corrisponde a un movimento sbagliato...la "fisserai". Secondo gli esperti di golf, bastano 7 movimenti sbagliati ripetuti e consecutivi per fissare un errore. E il tennis è la stessa minestra con il servizio, perché si gioca da fermo.
Condivido in tutto, tranne la radicata riluttanza patologica sull'uso della telecamera Laughing ,  ma mi viene da chiedere: quanto può costare un programma incentrato con una simile metodica per sistemare un servizio?
Diciamo 30+20= 50€ all'ora per 10 ore, minimo --> non meno di 500€ e due mesi di tempo, solo per sistemare, forse, il servizio.
Dunque, chi ha 500 € (più di quanto spendo io in un anno per giocare Razz ) e 2 mesi di tempo da investire fa cosa buona e giusta rivolgersi ad un maestro capace di proporre un tale programma, in tutti gli altri casi o si accontenta di servire alla fantozzi, o si arrabatta con youtube o prova con l'autodidattica che avalendosi di una telecamera può sviscerare e pianificare meglio la risoluzione dei problemi.
Non vedo cosa ci sia di controindicato - tenuto conto che o i soldi o ci sono o non ci sono o non sono abbastanza ... bounce  - nel ripetere all'enesima potenza un gesto che tenda ad ottenere un risultato e cercare di ottenerlo per   piccoli gradi di aggiustamento della catena del movimento, magari avvalendosi di una filmato, considerato, inoltre, che l'alternativa, visto che dal maestro si è decretato che non ci si può permettere di andare, è il nulla? Qualcuno ci metterà più tempo, per qualcuno ne servirà di più, ma qualche cosa dovrà pur succedere .... Wink

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Maffa il Gio 27 Apr 2017 - 15:50

se sostituisci il servizio con le piastrelle e il maestro con il piastrellista il discorso diventa tutto più chiaro. certo il tennis è un gioco e le piastrelle te le devi tenere in casa, ma il discorso è tutto lì: fare da sè per mille anni o pagare un professionista per farlo in due mesi? Non si può entrare nelle tasche di nessuno, e ognuno spende i soldi come vuole, ma nel mio caso specifico ho 42 anni e non ho mille anni di tennis di fronte a me. Non posso permettermi di perdere tempo ad imparare una cosa sbagliata, e a radicarla talmente tanto che non potrò correggerla mai più. Tra l'altro per qualche motivo il servizio è un gesto che quando l faccio male mi fa male la spalla e il polso, per cui per quanto riguarda me l'alternativa è o farmi insegnare da un professionista, servire con la normale rimessa in campo, o rinunciare a giocare a tennis.
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 190
Data d'iscrizione : 24.11.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Dagoberto il Gio 27 Apr 2017 - 18:11

Maffa ha scritto:se sostituisci il servizio con le piastrelle e il maestro con il piastrellista il discorso diventa tutto più chiaro. certo il tennis è un gioco e le piastrelle te le devi tenere in casa, ma il discorso è tutto lì: fare da sè per mille anni o pagare un professionista per farlo in due mesi? Non si può entrare nelle tasche di nessuno, e ognuno spende i soldi come vuole, ma nel mio caso specifico ho 42 anni e non ho mille anni di tennis di fronte a me. Non posso permettermi di perdere tempo ad imparare una cosa sbagliata, e a radicarla talmente tanto che non potrò correggerla mai più. Tra l'altro per qualche motivo il servizio è un gesto che quando l faccio male mi fa male la spalla e il polso, per cui per quanto riguarda me l'alternativa è o farmi insegnare da un professionista, servire con la normale rimessa in campo, o rinunciare a giocare a tennis.
Non hai bisogno di giustificarti.
Io non sono contrario al maestro e ho imparato a giocare a tennis con un maestro, ritengo anche bravo, ma anche se non fosse stato così non ho motivi per ritenere inutile l'intervento di un professionista della formazione sportiva.
Non c'è motivo di fare le barricate in un senso o nell'altro.
Si può fare un discorso più ampio che è rivolto anche a chi, magari, non ritiene opportuno affrontare la spesa di un maestro oltre una certa misura e non si debba, per questo, ritenere tagliato fuori dal poter avviare dei miglioramenti comunque, tanto meno essere considerato un utopista. Certo l'intervento di un maestro non è paragonabile all'autodidattica, ma mentre quest'ultima ci può accompagnare quando vogliamo noi, del maestro possiamo servirci in misura limitata, sostanzialmente in funzione del nostro portafogli, ma sempre limitata.
Quindi le due soluzioni non sono e non possono essere in antitesi, semmai parallele. Non ho capito, poi, il discorso delle piastrelle ...  Wink

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Maffa il Gio 27 Apr 2017 - 18:41

il discorso delle piastrelle è che il fai da te va bene se sei capace a fare quello che devi fare, se non sei capace prima spendi per fare da solo e poi rispendi per pagare qualcuno che deve distruggere il casino che hai fatto per poi rifarlo daccapo e bene. 

per il discorso del servizio, lo ritengo un gesto talmente complicato che se non sei benedetto dal cielo non vedo come tu possa esercitarlo da solo senza la guida di nessuno. Per la mia scarsa esperienza personale (che è anedottica e che quindi non fa nè statistica nè prova di nessun tipo, ma è l'unica che ho) ho visto che a far da solo faccio male, mi faccio male, e imparo a sbagliare in molti modi diversi senza poter trarre nessuna lezione positiva. Se lo scopo dell'allenarsi a giocare a tennis è essere in grado poi di poter giocare, potenzialente con qualcuno con cui si è accoppiati in un ipotetico tabellone, non vedo come poter imparare il servizio se non passando per un insegnante. Non sarà un caso se maestri e istruttori non ritengono gli allievi pronti a fare tornei fino a quando non sono in grado di servire in maniera dignitosa. 

Sinceramente non vedo quale sia l'alternativa all'avere un istruttore, fosse anche di un corso collettivo.
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 190
Data d'iscrizione : 24.11.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Dagoberto il Gio 27 Apr 2017 - 20:15

Maffa ha scritto:il discorso delle piastrelle è che il fai da te va bene se sei capace a fare quello che devi fare, se non sei capace prima spendi per fare da solo e poi rispendi per pagare qualcuno che deve distruggere il casino che hai fatto per poi rifarlo daccapo e bene. 

per il discorso del servizio, lo ritengo un gesto talmente complicato che se non sei benedetto dal cielo non vedo come tu possa esercitarlo da solo senza la guida di nessuno. Per la mia scarsa esperienza personale (che è anedottica e che quindi non fa nè statistica nè prova di nessun tipo, ma è l'unica che ho) ho visto che a far da solo faccio male, mi faccio male, e imparo a sbagliare in molti modi diversi senza poter trarre nessuna lezione positiva. Se lo scopo dell'allenarsi a giocare a tennis è essere in grado poi di poter giocare, potenzialente con qualcuno con cui si è accoppiati in un ipotetico tabellone, non vedo come poter imparare il servizio se non passando per un insegnante. Non sarà un caso se maestri e istruttori non ritengono gli allievi pronti a fare tornei fino a quando non sono in grado di servire in maniera dignitosa. 

Sinceramente non vedo quale sia l'alternativa all'avere un istruttore, fosse anche di un corso collettivo.
Quello a cui mi riferisco è la quantità di impiego del maestro alla quale, obiettivamente, nella media si può pensare di avvalersi. Per imparare a giocare a tennis uno decide di fare un corso, collettivo, magari, e spende tot. Poi, non contento prende altre lezioni individuali e spende atri tot. Magari decide di fare anche uno stage estivo, altri tot. Ad un certo punto si ferma, anche perchè se non riesce neanche a giostrare un po' la racchetta dopo questo training significa o che si è servito di pessimi maestri o è negato Laughing e ha maggiore dimestichezza per altri sport. Ora, non è che non migliora più se non va ancora dal maestro. Ecco questo approccio non lo condivido. Ovvio che con il maestro si migliora con maggiore facilità, ma se non sei un pro o non hai molte disponibilità economiche, ad un certo punto è inevitabile fermarsi, ma il miglioramento continua e come, se non con una sana autodidattica. Certo, c'è chi ha più facilità e chi meno, ma tutti noi, magari inconsapevolmente, siamo un po' autodidatti.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da kingkongy il Ven 28 Apr 2017 - 4:01

Ragazzi, ho una confessione da fare: con le piastrelle sono un drago!
Cambiamo esempio...i maestri sono come le cipolle: fanno sempre piangere. O l'orgoglio, o la vanità...sempre il portafoglio...
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Veterano il Ven 28 Apr 2017 - 12:27

IL problema del autoditatta e che a parte del tempo che ci puo mettere a imparare a servire bene da solo,puo portarsi dietro degli errori che poi sono veramente difficili da correggere.IL video puo aiutare si e no nel senso che posso vedere 10.000 video sul dritto di Federer e sul suo servizio e conoscere teoricamente tutti i dettagli ma poi non essere in grado di ripodurli sul campo.
Diciamo che tutto e possibile,e se si ha tempo e non si vuole spendere soldi qualsiasi cosa che possa aiutare puo andare bene,con i pro ed i contro che poi ci possono essere.
Come diceva King in un altro post, a me non piace dare indicazioni sul servizio,specialmente guardando un video,perche' non potendo interagire di persona e non potendo vedere in campo direttamente quello che succede da diversi punti di vista,non sono in grado di dire esattamente cosa vada bene nel caso specifico, ci sono troppe varianti da verificare,per esempio la posizione dei piedi che puo variare da persona a persona, ed il video puo essere ingannevole, come il lancio palla stesso,che dipendendo dalla posizione dei piedi puo variare.
La base comunque si crea da un movimento racchetta corretto,che da quello che mi risulta e' una delle fasi piu' complicate,ad insegnarlo e a farlo capire ci va poco,ma va fatto con i giusti passaggi se no si rischia di memorizzare dei movimenti sbagliati che significa perdere piu' tempo e soldi quando poi si ricorre al maestro per correggere gli errori che ci sono.
Detto questo che ognuno faccia come meglio crede e puo'.
avatar
Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2153
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Submaviogadri il Ven 28 Apr 2017 - 16:56

Ho letto recentemente un'intervista rilasciata da Wawrinka (mi scuso anticipatamente se avessi detto una inesattezza qualora non fosse proprio lui l'intervistato, ma comunque era sicuramente un top player) dove diceva che in certi periodi dell'anno si "dimentica" totalmente di come si batte e quindi ha bisogno del coach che, standogli al fianco, lo aiuta a rimettersi in "carreggiata"...

Personalmente ero uno testardamente convinto che il maestro nella battuta aiutasse poco : mi sbagliavo, punto.
Infatti, da che ho messo da parte la mia saccenza facendomi insegnare da un maestro, mi ha reimpostato e mi aiuta ad ogni sessione a capire dove sbaglio i singoli movimenti...
...certo che se il maestro sta a 3 ore di macchina, è tutto più difficile...
avatar
Submaviogadri
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 21
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 10.06.11

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: Scarsissimo
Racchetta: Head Graphene Touch Instinct MP (2017)

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da Dagoberto il Lun 1 Mag 2017 - 14:34


Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: È arrivato il momento di cambiare il mio servizio...

Messaggio Da kingkongy il Lun 1 Mag 2017 - 18:15

...siamo scimmie: imitiamo la voce, i gesti, i modi di fare di chi ci interessa...
E' antropologia, il che non vuol dire che non sia utile per il tennis.
Quando si è pistolini, si fa sempre il verso a qualche campione. Lo si guarda e si ripetono i tic, le routine, l'abbigliamento...e lo swing.
C'è chi imita bene e chi crede di farlo perfettamente.
Il video dimostra una cosa fondamentale: se sei un bravo maestro, adatti il tuo metodo e la tua metodologia (due cose diverse!) alle necessità. Ovver sei alla ricerca dei "drill", del trapano per entrare nel cervello.
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum