Passionetennis - Il portale del tennista
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Passionetennis - Il portale del tennistaAccedi









descriptionEpicondilite evitata? EmptyEpicondilite evitata?

more_horiz
Ciao a tutti,
nella speranza sia utile vi espongo i miei step di avvicinamento al tennis evitando di restarci Smile

Ho iniziato a giocare con un mio amico a giugno 2010, dopo eoni di inattività e con ITR=0, con una racchetta Wilson beam del '97 L3 (ra sconosciuto ma è dura come il ferro) e corde "stagionate" di 3 anni.
Dopo poco ho iniziato ad avvertire indolenzimenti vari al polso e all'avambraccio, senza farci troppo caso, fino a che ho scoperto questo forum e ho iniziato a sentir parlare di epicondilite & C.

Ho continuato a giocare e a leggere (e spero a capire) fino al momento in cui ho incominciato a sentire un fastidioso formicolio ai polpastrelli. Molto fastidioso. Troppo.
A questo punto decido di comprare in fretta e furia una Pro Kennex Ki15 300 (usata) per poter continuare a giocare nella speranza di non rompere qualcosa. Nel frattempo inizio la cerca di altri due elementi fondamentali per essere un provetto ma integro giocatore di tennis: un maestro bravo e un altrettanto bravo incordatore.

Con la PK il formicolio cessa di intensificarsi e mano a mano diminuisce ma non sparisce mai del tutto soprattutto quanto colpisco molto forte la palla. Rileggo il forum e capisco che non c'è PK che tenga se la tecnica è errata...

Inizio finalmente a prendere le mie lezioni (costose) di tennis e subito scopro che nel dritto tendevo a chiudere il colpo con l'avambraccio (errore comune?). A mano a mano inizio ad eseguire il dritto usando gambe, busto, spalle, ecc., ecc., e finalmente il formicolio scompare del tutto anche sbracciando al massimo delle mie possibilità.

Finalmente tranquillo (sgrat!) di avere scampato la "scimmia" inizio a pensare se sia possibile per me usare un telaio "normale" e così riesco a comprare, fortunosamente, un telaio che avevo provato mesi prima e che mi era piaciuto moltissimo: tecnifibre tfigh 325 modello 2005-2007.
Un telaio solido, con ra=60, con buone sensazioni al braccio e soprattutto con un profilo abbastanza sottile.

Ottenuto il permesso dal maestro continuo le lezioni con la nuova TF (arrivata già incordata con corde Toshiro Mifune a tensioni ignote) trovandomi molto bene anche se nei colpi decentrati tende a "svirgolare" vistosamente.

E' il momento di giocare la carta "incordatore" e farmi consigliare con il risutato di reincordare la TF con Wilson Sensation 23/22 a quattro nodi con l'obiettivo di partire al livello più basso di rischio con un multifilo morbido a tensioni basse. La lezione successiva va tutto molto bene anche se devo aumentare un po' lo swing. La TF non svirgola più nemmeno se colpisco col telaio, vuoi vedere che sono i quattro nodi?

La mia intenzione ora è quella di continuare il secondo ciclo di lezioni e, con il supporto dell'ottimo
incordatore, provare un percorso di valutazione di nuove corde per arrivare ad utilizzare in sicurezza modelli più performanti ( e fare meno fatica ).

descriptionEpicondilite evitata? EmptyRe: Epicondilite evitata?

more_horiz
Non sono i 4 nodi, magari fosse cosi' semplice lol!

descriptionEpicondilite evitata? EmptyRe: Epicondilite evitata?

more_horiz
wbtit ha scritto:
Ciao a tutti,
nella speranza sia utile vi espongo i miei step di avvicinamento al tennis evitando di restarci Smile

Ho iniziato a giocare con un mio amico a giugno 2010, dopo eoni di inattività e con ITR=0, con una racchetta Wilson beam del '97 L3 (ra sconosciuto ma è dura come il ferro) e corde "stagionate" di 3 anni.
Dopo poco ho iniziato ad avvertire indolenzimenti vari al polso e all'avambraccio, senza farci troppo caso, fino a che ho scoperto questo forum e ho iniziato a sentir parlare di epicondilite & C.

Ho continuato a giocare e a leggere (e spero a capire) fino al momento in cui ho incominciato a sentire un fastidioso formicolio ai polpastrelli. Molto fastidioso. Troppo.
A questo punto decido di comprare in fretta e furia una Pro Kennex Ki15 300 (usata) per poter continuare a giocare nella speranza di non rompere qualcosa. Nel frattempo inizio la cerca di altri due elementi fondamentali per essere un provetto ma integro giocatore di tennis: un maestro bravo e un altrettanto bravo incordatore.

Con la PK il formicolio cessa di intensificarsi e mano a mano diminuisce ma non sparisce mai del tutto soprattutto quanto colpisco molto forte la palla. Rileggo il forum e capisco che non c'è PK che tenga se la tecnica è errata...

Inizio finalmente a prendere le mie lezioni (costose) di tennis e subito scopro che nel dritto tendevo a chiudere il colpo con l'avambraccio (errore comune?). A mano a mano inizio ad eseguire il dritto usando gambe, busto, spalle, ecc., ecc., e finalmente il formicolio scompare del tutto anche sbracciando al massimo delle mie possibilità.

Finalmente tranquillo (sgrat!) di avere scampato la "scimmia" inizio a pensare se sia possibile per me usare un telaio "normale" e così riesco a comprare, fortunosamente, un telaio che avevo provato mesi prima e che mi era piaciuto moltissimo: tecnifibre tfigh 325 modello 2005-2007.
Un telaio solido, con ra=60, con buone sensazioni al braccio e soprattutto con un profilo abbastanza sottile.

Ottenuto il permesso dal maestro continuo le lezioni con la nuova TF (arrivata già incordata con corde Toshiro Mifune a tensioni ignote) trovandomi molto bene anche se nei colpi decentrati tende a "svirgolare" vistosamente.

E' il momento di giocare la carta "incordatore" e farmi consigliare con il risutato di reincordare la TF con Wilson Sensation 23/22 a quattro nodi con l'obiettivo di partire al livello più basso di rischio con un multifilo morbido a tensioni basse. La lezione successiva va tutto molto bene anche se devo aumentare un po' lo swing. La TF non svirgola più nemmeno se colpisco col telaio, vuoi vedere che sono i quattro nodi?

La mia intenzione ora è quella di continuare il secondo ciclo di lezioni e, con il supporto dell'ottimo
incordatore, provare un percorso di valutazione di nuove corde per arrivare ad utilizzare in sicurezza modelli più performanti ( e fare meno fatica ).



Epicondilite evitata? 622327

descriptionEpicondilite evitata? EmptyRe: Epicondilite evitata?

more_horiz
Lupo65 ha scritto:
Non sono i 4 nodi, magari fosse cosi' semplice lol!

Diciamo che poiché con assoluta certezza posso escludere meriti miei e che tra le due incordature la differenza la percepisco il merito va all'incordatore e alle sue magie:)

descriptionEpicondilite evitata? EmptyRe: Epicondilite evitata?

more_horiz
Viva la tecnica salva braccio!! cheers

descriptionEpicondilite evitata? EmptyRe: Epicondilite evitata?

more_horiz
Ho finito il ciclo di lezioni (12) con il maestro e spero di aver appreso le basi per dritto,rovescio e servizio. Ho sempre usato la TF325 da 350gr senza MAI nessun problema e fastidio.
Il fatto è che successivamente ho iniziato a fare palleggi con altri itr < 3 e qualche partitella amichevole con annessa comparsa di fastidi più o meno intensi all'avambraccio nei pressi del gomito. Ho fatto il mio bravo giro di telai, corde e tensioni per arrivare sempre al solito punto: con la pro kennex nessun problema. Mi sembra di poter dire che, nel mio caso, i problemi derivino ancora una volta da carenze tecniche su colpi meno vistosi del dritto e del rovescio ma altrettanto letali come i colpi al volo (in particolare di rovescio) su quelle maledette palle alte e senza forza a metà campo o sulla linea di fondo che ti tocca pigliare altrimenti se rimbalzano vanno nel campo avversario.
Soluzione? Giocare sempre e solo con un ITR > 4.5 Smile



privacy_tip Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
power_settings_newAccedi per rispondere