Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Dritto e dintorni

il Sab 30 Giu 2018 - 13:37
Ragazzi, 
Ultima lezione del corso..il maestro fa: vedo che vai bene in top, ma dobbiamo rivedere un po' questo dritto, c'è qualcosa che non mi convince..ci fermiamo e mi fa colpire un paio di palline da fermo e nota una cosa che mi manda in una crisi pazzesca: praticamente colpisco con una Continental con "il polso spezzato"!

Resto molto deluso da questa constatazione, poiché le impugnature sono davvero le basi, e vuoi per disattenzione, vuoi per naturalezza, non ho mai sentito l'esigenza di rivedere (controllare) le impugnature, anche perché i colpi sono abbastanza efficaci e le davo per assodate..

Insomma ho provato a colpire per un po' di eastern, e ho aumentato in maniera consistente il peso di palla, ma è peggiorato il top e non ho più scioltezza nel polso, o meglio, ero abituato a ruotarlo molto di più mentre mi sembra di dover fare rotazioni minime.. ho l'impressione di dover colpire senza rodare il polso e quindi mi sembra di colpire con il braccio "fermo", e non so se sia un male o un bene..

La domanda è: vado di eastern affrontando un periodo di adattamento con le ovvie conseguenze o continuo di Continental?
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13113
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dritto e dintorni

il Sab 30 Giu 2018 - 23:16
Quando dici “rotazione del polso” prendo paura! Cosa intendi. Spiega per benino così di fai il secondo tagliando... hehehehe
Eastern? Ovviamente sì, tanto per iniziare. La Continental tienitela per il gioco a volo.
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Sab 30 Giu 2018 - 23:45
Mi riferisco al movimento per spazzolare, oltre a muovere il braccio do una scucchiaiata col polso per l'effetto tergicristallo..se non lo faccio il top non viene..con la eastern, quel movimento mi fa muovere la racchetta su un piano diverso, molto più orientato verso il suolo, o almeno nella mezz'ora di muro che ho fatto ho avuto questa impressione...la traiettoria dei 2 colpi è simile se con la eastern lascio il polso fermo, con la differenza che cosi ho palle meno arrotate ma molto più forti..boh mi faccio qualche altra mezz'ora di muro e ne riparliamo..
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Sab 30 Giu 2018 - 23:45
Mi riferisco al movimento per spazzolare, oltre a muovere il braccio do una scucchiaiata col polso per l'effetto tergicristallo..se non lo faccio il top non viene..con la eastern, quel movimento mi fa muovere la racchetta su un piano diverso, molto più orientato verso il suolo, o almeno nella mezz'ora di muro che ho fatto ho avuto questa impressione...la traiettoria dei 2 colpi è simile se con la eastern lascio il polso fermo, con la differenza che cosi ho palle meno arrotate ma molto più forti..boh mi faccio qualche altra mezz'ora di muro e ne riparliamo..
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 0:04
Giampi, uso la continental da sempre. Come tutti i sistemi, se preferisci, chiamiamolo metodo, hanno vantaggi e svantaggi. KK, ormai é risaputo, vede l'uso della Continental per i fondamentali come la cicuta nel chinotto:D. Io ci ho anche provato con la eastern, sia di diritto, sia di rovescio, ma tutti questi grandi vantaggi rispetto al dover continuamente cambiare grip non c'é li vedevo ed, inoltre, mi sembrava di giocare con l'avambraccio ingessato. La continental, che, che se ne dica, ti permette di fare tutto, certo, non potrai pensare di fare il  toppatore, ma lo spin lo darai eccome. Rod Laver fu tra i primi a giocare con spin accentuato sia di diritto, sia di rovescio e usava una full continental, in pistol, ma  Continental. Devi spezzare il polso? Anche con la wester se giochi alla Stoc nello schiaffo di diritto spezzi il polso e molto di più che con la continental con la quale il polso é solo un po' più morbido per agevolare la maggiore rotazione data con l'avambraccio. Poi, qual é il problema, un tempo saper spezzare il polso per recuperare delle palle considerate perse era un considerato un plus (giocare di polso) e ancora adesso molte palle si salvano se si ha questa abilitá. Non ci vedo nulla di male. Poi, se vuoi passare alla eastern, bene, ma perderai quella momilitá che dà valore proprio alla continental.
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 0:13
No vorrei solo valutare insieme pro e contro delle due soluzioni, poiché al momento, anche se con un po' di sforzo, sarei disponibile a lavorare su questo..mi trovo in una fase in cui sto imparando la tecnica, mi pesa meno a farlo che a dirlo, e poi è una cosa che posso fare al muro, da solo, con un'elevata frequenza di ripetizioni in poco tempo, se necessario..
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 0:24
scusa ma tu e il maestro dovevate arrivare all'ultima lezione per accorgervi
di questa cosa ? se fino a quel momento il maestro non ha trovato nulla di
strano e invece tu ce lo trovi, uno di voi due sta sbagliando.
quindi o cambi maestro oppure chiaritevi meglio. il muro non è un maestro.
anche se esiste il muro maestro....
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 0:33
Io non ci trovo niente di strano, ho solo notato che mi sono abituato a colpire con un'impugnatura diversa da quella che si insegna convenzionalmente nei corsi..stavo solo valutando se adeguarmi o meno..

Intanto vedo che hai sempre parole gentili..

Il muro non serve per farmi da maestro, ma solo per tarare lo swing, almeno all'inizio
avatar
Dave71
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 439
Località : Lucca / Torino
Data d'iscrizione : 26.06.14

Profilo giocatore
Località: Lucca | Torino
Livello: I.T.R. 4.5
Racchetta: Head Prestige Rev Pro

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 9:00
Chiarisciti con il maestro, la continental per il dritto non è il massimo e sebbene qualcuno la usi o la abbia usata potrebbe più essere utile imparare il dritto nelle forme più utilizzate.

Certo fa specie che il maestro se ne sia accorto all’ultima lezione.....

Se non ti convince nelle spiegazioni prova a fare un’ora con un altro maestro in un altro circolo e vedi cosa ti dice.
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 9:19
@Dave71 ha scritto:Certo fa specie che il maestro se ne sia accorto all’ultima lezione.....

Ovviamente non è nulla di personale, ma...tu, vedendo qualcuno che gioca, riusciresti a notare se colpisce di Eastern o di Continental?

secondo me non è così scontato, o evidente come una semi western, soprattutto se riesci a generare buone rotazioni, non credi?
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 9:39
Sì! Lo vedi eccome!
Io gioco con più impugnature e più maestri e mi riprendono sempre..
Si influenza tutta la meccanica del colpo, non si tratta di un esercizio di stile.
avatar
Iron
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 792
Età : 39
Data d'iscrizione : 04.03.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: Scarso...ma mi diverto troppo
Racchetta: Babolat Pure Drive 18

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 9:56
@Giampi83 ha scritto:
@Dave71 ha scritto:Certo fa specie che il maestro se ne sia accorto all’ultima lezione.....

Ovviamente non è nulla di personale, ma...tu, vedendo qualcuno che gioca, riusciresti a notare se colpisce di Eastern o di Continental?

secondo me non è così scontato, o evidente come una semi western, soprattutto se riesci a generare buone rotazioni, non credi?
Notare si nota  e piu che altro quando comincia a lavorare con un allievo è la prima cosa che dovrebbe controllare.
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 10:00
come vedi non si tratta di avere parole gentili o meno gentili, non è un forum
sul galateo ma sulla passione per il tennis. ognuno ha i suoi modi di esprimersi
e l'interpretazione è soggettiva. per me, un maestro che non si accorge subito
che stai giocando il dritto in continental e non ti fa notare gli eventuali svantaggi
non è un buon maestro. se poi preferisci parole gentili e soldi buttati....peggio
per te....
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 10:03
Mmm..io non ho mai avuto problemi in tal senso, sempre colpito chiudendo il braccio e con la racchetta sopra la spalla (da quando gioco con la prince, perché con la PD potevo anche permettermi di non chiudere), palle mediamente arrotate, mediamente profonde. Il problema si è posto quando il maestro mi ha chiesto di forzare la rotazione...mi sono sentito un po' al limite col movimento e ha indagato..tutto qui. Adesso c'è la pausa estiva, ma a settembre vorrei arrivare con le idee chiare, e se è il caso di switchare, con un colpo efficiente come il primo..
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 10:12
il punto non è se hai problemi o no. io stesso gioco il dritto in continental e mi
ritengo soddisfatto. il punto è se un maestro è in grado di accorgersi di quello
che stai facendo e parlarti di alternative valide da provare sin da subito.
conosco maestri che hanno fatto giocare il rovescio a una mano in continental
ai loro allievi per 8 mesi consecutivi. ho dovuto dire io ad uno di questi allievi
che il rovescio si gioca quasi sempre con la presa eastern e quasi mai con la
continental. quando si paga un professionista è auspicabile che quella persona
non ci faccia consolidare qualcosa senza nemmeno parlarci di un'altra
possibilità. perchè nel tennis, quando hai consolidato un gesto, diventa poi
molto difficile inserirne un altro alternativo.
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 10:18
Mi sembra di capire che lo switch è preferibile,  e va bene così. I soldi non sono buttati, al più possono cambiare le esigenze di chi vuole imparare. Sarà difficile per te, cambiare gestualità..io al momento non ho problemi a farlo e non mi sento al limite fisico..
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Dom 1 Lug 2018 - 10:25
io ti sto parlando di quelle che sono le difficoltà che tutti conoscono
nel tennis. se poi tu fai eccezione.....meglio per te. il limite fisico
non c'entra nulla, qui si sta parlando di relazione tra istinto e
coordinazione tecnica.
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13113
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 0:16
xxx Dago. Carissimo tu stai al tennis come papa Ratzinger sta a Playboy.
La continental fa parte dei fondamentali e, guarda caso, tutti i colpi a volo si tirano in continental (con ammesse rare eccezioni).
Detto questo - per me che sono un integralista - un tennista decente deve saper tirare tutti i colpi con tutte le impugnature.
Non è vero che si può serenamente usare l'impugnatura che si vuole per tirare il dritto: esiste un metodo di insegnamento ed esiste un protocollo. Dago, perché non vai a scassare i marroni a Luciano Cannito e gli spieghi che un arabesque ognuno lo fa come minkia gli pare...il principio è esattamente lo stesso. Poi, se sei Pendleton, lo fai fare anche sdraiato a terra e con gli scarponi da ghiaccio...però prima lo impari giusto...dopo, quando sei bello bravo e famoso..."interpreti". L'interpretazione a fava di segugio non rientra nel metodo - e manco nel buon senso - se uno frequenta una scuola con un maestro FIT.
Infine, NON ESISTE manco nei telefilm di Star Trek che un maestro, all'ultima lezione, "si accorga" di un dritto in continental: lo si vede tranquillamente a 20 metri, ovvero dall'altra parte del campo, figuriamoci a due metri.

Giampi, purtroppo alcuni hanno detto di spezzare il polso, poi di "schiaffo" e tu parli di rotazione del polso: stop, alt, cristallizzati!
Ma di che cavolo di movimenti parliamo?! Il polso è passivo nel dritto: lo spin non è dato dal polso. ASSOLUTAMENTE NO! Lo spin col polso è un errore e, tra l'altro, si vede ancor di più del grip.

Delle tre l'una: 1) tu ti spiegi molto male; n. 2) tu non hai capito niente del dritto; 3) Il tuo maestro ha subito un grave shock cerebrale quando è stato colpito da un fulmine a inizio corso.

Soluzione: non è che fai una simpatica ripresina video con il cellulare? Gradite riprese di fianco, di fronte e da dietro.
avatar
Giampi83
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 197
Età : 35
Località : Caserta
Data d'iscrizione : 22.01.18

Profilo giocatore
Località: Torino
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince Beast 100

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 6:12
@kingkongy ha scritto:Soluzione: non è che fai una simpatica ripresina video con il cellulare? Gradite riprese di fianco, di fronte e da dietro.

Ci provo..vediamo cosa viene fuori..
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13113
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 7:30
Grande! 
Così ci si fa un’idea. 
E poi, ora, c’è l’estate per divertirsi e fare un po’ di amicizie tennistiche, trovare compagni di allenamento. Insomma tante occasioni per “sbagliare”, “fare giusto” e per “irrobustirsi”.
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 11:00
KK, pensavo di risponderti con un MP, ma ritengo sia più opportuno che pubblicizzi il mio pensiero su un tuo modo di porti nei confronti di chi non abbia il tuo stesso modo di vedere le cose. 
Il fatto che a fianco del tuo avatar sia evidenziato in bella mostra il tuo ruolo di Moderatore non ti dovrebbe autorizzare a far scemare la pubblica discussione su aspetti della vita personale dei forumisti che non dovrei ricordarti come possano fruire di un avatar anonimo non a caso - quale Moderatore dovresti oltre che conoscere, farti carico di far rispettare le regole interne del Forum e non evaderle tu per primo! 
Già il fatto di dedicare del tempo per approfondire aspetti della vita privata altrui, farebbe chiedersi che persona tu possa essere e a quale pro fai ciò (voyeurismo compulsivo?). Se poi ci si accorge che usi queste informazioni private in un luogo pubblico senza autorizzazione alcuna e, sostanzialmente, per inibire, dissuadere, insomma, intimidire il tuo interlocutore di turno che non ha la tua medesima visione delle cose, beh, cosa poter aggiungere ... 


 "... questo forum non è una pubblica amministrazione...pertanto sei a casa di altri e fai quello che vuole il padrone della baracca. Se non ti sta bene...vai da un'altra parte. perché il moderatore sono io e non tu..."
  
Ricordi, questo mi scrivesti in tuo MP qualche tempo fa?
 Cosa aggiungere? 
Di recente hai creato i presupposti per allontanare un altro forumista che aveva spesso visioni diverse dalla tua, tra l'altro molto apprezzato da altri forumisti per i sui consigli per i quali ha anche ricevuto espliciti pubblici ringraziamenti e che da quando l'hai bannato non si è più visto ...
 Insomma, il tuo ideale di Passione Tennis è, fuori discussione, KKcentrico, ma non so quanto ciò possa far bene ad una interna vivace ed articolata, anche passionale, discussione che richiede libertà e pari dignità verso ogni visione che non sia, palesemente, pericolosa per il prossimo.
 Il fatto che la FIT abbia, da qualche anno, voluto omologare la didattica del tennis, codificandola in un'unica e monolitica visione non so quanto possa considerarsi prassi virtuosa, tu puoi pensare di si, credo sia lecito e intelligente accettare l'idea che altri possano pensarla diversamente. Gli stessi maestri FIT, non sempre dimostrano questa fedeltà di vedute e non è una novità quella di importanti tecnici o testimonial che non condividano completamente le visioni di alcune amm.ni della Federazione ...  
 Personalmente, ho sempre ritenuto importante nella pratica umana lasciare libera il più possibile creatività e fantasia ed un eccesso di omologazione non può che soffocare ciò.
 Detto ciò, credo tu debba liberarti di un po' di pressione psicologica che, evidentemente, vivi non so per quali motivi personali, rispetto a certi argomenti che non ti appartengono, non ti vedono quale difensore unico, il tennis non è cosa tua e anche senza KK e Dagoberto va avanti comunque, anche indipendentemente da quello che dice la FIT.
Stai un po' più sereno e mettiti il cuore il pace!
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13113
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 11:32
Carissimo Dago,
non capisco a cosa tu ti possa riferire. Sei tu che hai detto di essere un appassionato di danza: io ho fatto degli esempi molto calzanti a te vicini, senza offendere nessuno né, tantomeno, mettere in cattiva luce la tua vita privata o le tue amicizie. Io ho solo cercato di creare un parallellismo tra la tua vita pubblica (informazioni prese da Internet, io non mi interesso alla vita privata di chicchessia) che tra l'altro considero interessante e degna di stima e la ho proiettata nella tua "esistenza parallela", qui sul Forum, dove il buon senso evapora tra le tue righe.
Non c'è nulla di offensivo, nulla di scorretto, nulla di strano. Si chiama "parlare per analogia".
E come prendere in giro Giovanni (Correnelvento) che è un ufficiale dell'Aeronautica Militare: è cosa nota che lui sia pilota. E allora? Di quale lesa maestà son reo? E cosa c'è di offensivo nel citare nomi di grandi coreografi? Cosa dovevo citare piccoli coreografi? Un mese fa ho citato Bolle e forse un anno fa Pina Bausch: cosa è, tuo unico privilegio "scrivere" nomi qui sul forum?

Tu, purtroppo, preso dal tuo "dagocentrismo" non hai capito (ancora) che non puoi piegare il mondo alla tua visione personale di tennis. Per di più ti sorprendi che la Federazione Italiana Tennis abbia dei programmi, metodi e metodologie didattiche! Diciamo che sarebbe grave il contrario, non credi?

Un forumista che ha appena frequentato un corso di tennis chiede aiuto. Bene! Aiutalo! No, gli dici che la continental la può usare serenamente e, anzi, ha un sacco di vantaggi! Che in fin dei conti il "qui qualcosa non quadra" del suo maestro all'ultima lezione è totalmente giustificato dal fatto che Rod Laver (classe 1938) giocava tutto in continental. Ma ti sembra normale quello che dici? Ma di che omologazione parli? Si tratta solo di affrontare con umiltà ed entusiasmo un corso di tennis di base! Ma di che rivoluzione parli?

Il problema, caro Dago, è che tu non fai alcun distinguo. Se tu dicessi - semplicemente - A ME piace giocare in continental, per di più con racchette vintage. Sai che ti risponderei io? Fantastico! Pure a me. Hai fatto un torneo vintage molto carino, sarebbe bello replicarlo. E sono convinto che attireresti una indiscussa e unamime simpatia! Ma così non è. Tu prendi te stesso e lo metti al centro del mondo cercando di dimostrare che tu sei l'unica "anima libera". E fin qui tutto bene... ma tu vai oltre. Tu sei l'unico con la mente aperta mentre chi dice "beh, prima di scalare l'Everest, meglio fare una collina" è un bacchettone ortodosso. Non te ne frega nulla di professionisti come Veterano o Eiffel: tutti sepolcri imbiancati.

Ti sto sulle scatole perché ti faccio notare di essere - spessissimo - sopra le righe? Mi spiace. Però non cercare di farmi sembrare diverso da come sono. Ti sei offeso per il parallellismo con la danza? Eh vabbé, me ne farò una ragione. Vuoi delle scuse? Non capisco per cosa...ma ti faccio anche delle scuse. Stai sereno Dagoberto, quando puoi, "atterra".
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 12:30
KK, sei molto bravo a girare la frittata, forse farai fesso qualche distratto lettore, ma non il sottoscritto scratch .

Andiamo per punti:

... Tu, purtroppo, preso dal tuo "dagocentrismo" non hai capito (ancora) che non puoi piegare il mondo alla tua visione personale di tennis ...
Mai pensato, mai fatto, è solo un tuo pregiudizio e prendere mie parole (KKcentrico Laughing )per rigirale verso me non cambia ciò.
Io dico la mia, come tu o altri dicono la loro e ritengo solo lecito avere pari dignità, nulla di più. Hai mai letto miei interventi dove dico che giocare con una presa eastern o western sia sbagliato? 

... Per di più ti sorprendi che la Federazione Italiana Tennis abbia dei programmi, metodi e metodologie didattiche! Diciamo che sarebbe grave il contrario, non credi?
Non è quello che ho detto io, ma tu lo sai bene! E' agli altri che vuoi far sembrare diverse le mie parole (pessimo scriba manipolatore che non sei altro  Very Happy ). Quello che ritengo poco utile delle metodologie formative proposte monoliticamente nelle convention di aggiornamento didattico proposte dalla FIT è la mancanza di alternative, di una qualche libera interpretazione rispetto ad una disciplina fatta, invece, di una miriade di opzioni e dove la fantasia dovrebbe imperare. D'altro canto tutti si lamentano di quanto omologato sia il tennis attuale, ma nessuno che si chieda perchè, fermo poi sorprendersi e tifare al primo che si evidenzi fuori dal coro, manco fosse il messia atteso da tempo per salvare il mondo? Forse tu hai interessi personali a farti vedere particolarmente ligio e rispettoso dei dettami FIT, ma io ho la fortuna di non avere questi affettivi bisogni e posso permettermi di spingermi anche fuori dal coro ... 

... Un forumista che ha appena frequentato un corso di tennis chiede aiuto. Bene! Aiutalo! No, gli dici che la continental la può usare serenamente e, anzi, ha un sacco di vantaggi ...
Anche qui il tuo istinto di scriba manipolatore emerge in tutta la sua creatività Very Happy ! Io non ho proposto damblè di usare la continental ad un tennista che usava una eastern, come soluzione migliore in assoluto. Io sono intervenuto solo per tranquillizzare un tennista che segnalava di già usare la continental circa il fatto che avrebbe anche potuto continuare ad usarla come tanti tennisti amatori non più giovani o giovanissimi, usano e anche con ottimi risultati.
 
... Che in fin dei conti il "qui qualcosa non quadra" del suo maestro all'ultima lezione è totalmente giustificato dal fatto che Rod Laver (classe 1938) giocava tutto in continental ...
Ho già detto che se un tennista amatore potesse avvicinarsi solamente vagamente al tennis di un Rod Laver avrebbe di che divertirsi abbondantemente con molti classificati e questo mio pensiero non me lo cambia certo il tuo sarcasmo. Detto ciò, ti ricordo che per analogia si potrebbe dire che un certo Bill Tilden usava la eastern 20 anni prima dell'Australiano e, quindi, seguendo il tuo discorso, nel proporre una eastern sarebbe come proporre di giocare il tennis che si giocava addirittura nel 1930?  

Ti sto sulle scatole perché ti faccio notare di essere - spessissimo - sopra le righe? 
NO! Mi disturba la tua poca tolleranza, il tuo cercare di tacere il verbo altrui quando diverso dal tuo, per giunta con mezzucci molto viscidi e poco edificanti, nonostante le risatine iconografiche che aggiungi alla fine delle tue dissertazioni per stemperare i toni non sempre aulici. 
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13113
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 12:38
Dagobero, questo tuo ultimo intervento non fa che confermare il tuo modus vivendi.

Credo sia meglio sorridere alle tue affermazioni. Ognuno si formerà la propria opinione.
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dritto e dintorni

il Lun 2 Lug 2018 - 13:51
Penso che state sbagliando entrambi, cosi' come spesso faccio io. Come già evidenziato sul nascere, queste diatribe non interessano altri utenti. E se interessano e' una cosa da eliminare e non da alimentare. In poche parole fatevi una telefonata e parlate tra di voi. Avete rotto gli zebbedei
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum