Passionetennis - Il portale del tennista
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.












Accedi
Articoli suggeriti
Scarpe: Tennis VS Badminton
Ultimi argomenti attivi
braccio meccanico, confronto tra due racchetteOggi alle 17:50kingkongynuova extreme tourOggi alle 17:39Tozzo83Tutore epicondilite/epitrocleite....Oggi alle 17:11UbaldonePalline senza pressione, le usate in partita?Oggi alle 17:08TennistraccioneOcchiali da vista Oggi alle 17:00TennistraccioneBerrettini ce lo siamo giocato definitivamente?Oggi alle 16:51rogermaestro555Artengo tr 960Oggi alle 16:37TennistraccioneYonex PerceptOggi alle 16:24CezaHead rip controlOggi alle 16:14TennistraccioneLorenzo MusettiOggi alle 15:15rogermaestro555Misura tensione e stabilizzazione Oggi alle 14:22Awarenessnuova pure drive: eccolaOggi alle 12:48andry164Corde per Yonex Percept 100Oggi alle 11:41Rom75Head Speed LegendOggi alle 10:29AlessandroOff Topic - Europei Atletica Leggera Roma '24Oggi alle 10:21francesco_jsb




Ultime dal mercatino
Link Amici

Andare in basso
tennistadiprovincia
tennistadiprovincia
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 109
Data d'iscrizione : 22.09.23

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Monofilo e articolazioni

Gio 21 Dic 2023 - 18:48
Promemoria primo messaggio :

Perché un monofilo rischia di causare problemi alle articolazioni se non cambiato entro una certa tempistica? Qual è il processo meccanico o fisico che fa sì che, ad esempio, dopo 15 ore sia opportuno tagliare per evitare fastidi articolari?
Grazie

Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 72507
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Sab 23 Dic 2023 - 11:35
Si, a patto che si gradiscano le sensazioni all' impatto.
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 20861
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Sab 23 Dic 2023 - 12:13
A volte per giocare serve un compromesso
Ragus
Ragus
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1573
Località : Regno Unito
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex Vcore98 2021

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Sab 23 Dic 2023 - 12:48
Alcune corde morbide durano un amen ed alle volte diventano più fastidiose di quelle più rigide dopo alcune ore (4 o 5 ore). Già edesso mi serve un incordatura a settimana, anche se faccio da solo non ho tempo se non il weekend.
Tennis Forever
Tennis Forever
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1281
Età : 51
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 06.12.09

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: 3.5 Fit
Racchetta: PD 2015

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 12:34
Tennis Forever ha scritto:
Ragus ha scritto:
Tennis Forever ha scritto:Per quello che ho capito io sulle proprietà dei filamenti in generale:

Resistenza tensile (allungamento totale a seguito di trazione)= elasticità (allungamento reversibile)+duttilità (allungamento irreversibile/plasticizzazione)

L'irrigidimento dovuto a plasticizzazione comporta che per allungare la corda serve più energia proprio perché l'allungamento plastico non è più accessibile.

Sulla racchetta questo si traduce che dopo la completa o parziale plasticizzazione la perdita di tensione fa percepire il piatto corde più molle, ma la corda è più rigida (infatti si allunga di meno), ma si può ancora allungare perché la parte elastica c'è ancora, ma a regimi più alti (più forza) perché la corda è più rigida.

Questo è quello che ho capito! Ovviamente non dico che sia la verità assoluta e sono sempre pronto a capire di più con il confronto!
Credo ci sia confusione.
Deformazione elastica è reversibile
Deformazione plastica non è reversibile 

I cicli ripetuti a cui la corda è sottoposta aumentano la plasticizzazione cancellando l'elasticità. La corda infatti viene sottoposta a cicli di fatica in regime elastoplastico.

Premesso che nel mio intervento ho scritto resistenza tensile (che dovrebbe essere il carico massimo della corda in trazione prima di rompersi) anzichè tenacità, io non credo sia così.
Per quello che ho capito, se io tiro una corda 25 kg la corda si allunga di x mm di cui y mm per deformazione irreversibile (plastica) e z mm per deformazione reversibile (elastica). Se continuo ad allungarla a 25 kg continuamente (ciclo di cui parli), la corda si allunga sempre e continua a plasticizzare tornando indietro sempre meno. Se per assurdo la corda si allunga talmente tanto da non allungarsi più a 25kg, se successivamente la tiro a 27 kg (sempre se non ha raggiunto il punto di rottura), la corda si allunga e torna indietro un po' (cioè è ancora elastica) e così via.
Quindi se io ho sulla racchetta una corda che si è plasticizzata (ovvero si è irrigidita e ha perso tensione), se colpisco fortissimo (come può fare Sinner per es.) la corda ha ancora una riserva elastica. Ogni giocatore, in base al proprio livello e ai watt di potenza che riesce ad esprimere, può deformare corde più o meno rigide, quindi più o meno plasticizzate.
Una corda come la Lynx magari, una volta plasticizzata avrà un modulo elastico che può avvicinarsi a quello della 4G (non ho dati, magari lo supera pure) e io non riesco a defletterla per sfruttare la scarsa elasticità che ha, ma Tsitsipas marari si!
Spero di aver spiegato quello che voglio dire.
Detto questo, anche stavolta ho scritto quello che ho capito, approfondirò per vedere se sto prendendo un granchio!
Riprendo l'argomento perchè oggi ho avuto l'occasione di fare due chiacchiere con l'Ing. Medri per un paio di ore ed abbiamo affrontato anche questo aspetto.
Mi ha confermato tutto quello che avevo scritto a suo tempo, ovvero che l'elasticità del filamento non viene meno, è solo meno accessibile causa l'irrigidimento dovuto alla plasticizzazione.
Gli ho fatto lo stesso esempio che facevo sopra (modulo elastico che si avvicina a quello di una 4G) e mi ha confermato tutto.
Lo scrivo solo per dare un contributo alla discussione.
Intanto buon anno a tutti e buon tennis!
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 20861
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 13:32
Tennis Forever ha scritto:
Tennis Forever ha scritto:
Ragus ha scritto:
Tennis Forever ha scritto:Per quello che ho capito io sulle proprietà dei filamenti in generale:

Resistenza tensile (allungamento totale a seguito di trazione)= elasticità (allungamento reversibile)+duttilità (allungamento irreversibile/plasticizzazione)

L'irrigidimento dovuto a plasticizzazione comporta che per allungare la corda serve più energia proprio perché l'allungamento plastico non è più accessibile.

Sulla racchetta questo si traduce che dopo la completa o parziale plasticizzazione la perdita di tensione fa percepire il piatto corde più molle, ma la corda è più rigida (infatti si allunga di meno), ma si può ancora allungare perché la parte elastica c'è ancora, ma a regimi più alti (più forza) perché la corda è più rigida.

Questo è quello che ho capito! Ovviamente non dico che sia la verità assoluta e sono sempre pronto a capire di più con il confronto!
Credo ci sia confusione.
Deformazione elastica è reversibile
Deformazione plastica non è reversibile 

I cicli ripetuti a cui la corda è sottoposta aumentano la plasticizzazione cancellando l'elasticità. La corda infatti viene sottoposta a cicli di fatica in regime elastoplastico.

Premesso che nel mio intervento ho scritto resistenza tensile (che dovrebbe essere il carico massimo della corda in trazione prima di rompersi) anzichè tenacità, io non credo sia così.
Per quello che ho capito, se io tiro una corda 25 kg la corda si allunga di x mm di cui y mm per deformazione irreversibile (plastica) e z mm per deformazione reversibile (elastica). Se continuo ad allungarla a 25 kg continuamente (ciclo di cui parli), la corda si allunga sempre e continua a plasticizzare tornando indietro sempre meno. Se per assurdo la corda si allunga talmente tanto da non allungarsi più a 25kg, se successivamente la tiro a 27 kg (sempre se non ha raggiunto il punto di rottura), la corda si allunga e torna indietro un po' (cioè è ancora elastica) e così via.
Quindi se io ho sulla racchetta una corda che si è plasticizzata (ovvero si è irrigidita e ha perso tensione), se colpisco fortissimo (come può fare Sinner per es.) la corda ha ancora una riserva elastica. Ogni giocatore, in base al proprio livello e ai watt di potenza che riesce ad esprimere, può deformare corde più o meno rigide, quindi più o meno plasticizzate.
Una corda come la Lynx magari, una volta plasticizzata avrà un modulo elastico che può avvicinarsi a quello della 4G (non ho dati, magari lo supera pure) e io non riesco a defletterla per sfruttare la scarsa elasticità che ha, ma Tsitsipas marari si!
Spero di aver spiegato quello che voglio dire.
Detto questo, anche stavolta ho scritto quello che ho capito, approfondirò per vedere se sto prendendo un granchio!
Riprendo l'argomento perchè oggi ho avuto l'occasione di fare due chiacchiere con l'Ing. Medri per un paio di ore ed abbiamo affrontato anche questo aspetto.
Mi ha confermato tutto quello che avevo scritto a suo tempo, ovvero che l'elasticità del filamento non viene meno, è solo meno accessibile causa l'irrigidimento dovuto alla plasticizzazione.
Gli ho fatto lo stesso esempio che facevo sopra (modulo elastico che si avvicina a quello di una 4G) e mi ha confermato tutto.
Lo scrivo solo per dare un contributo alla discussione.
Intanto buon anno a tutti e buon tennis!
Grazie  Monofilo e articolazioni - Pagina 2 622327
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 20861
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 13:32
Buon Anno pure a te  [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Ragus
Ragus
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1573
Località : Regno Unito
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex Vcore98 2021

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 13:43
Grazie per averlo riportato.
Era questo riferito al comportamento della corda nella sua vita utile, i sui primi cicli elastoplastici, o a fine vita? Il secondo era punto iniziale di questa discussione.
Nei primi cicli, quando la corda si stabilizza dopo una certa deformazione plastica ha certamente elasticita' residua con un modulo elastico che aumenta.
Come descrive Medri il comportamento a fine vita? Quando tagli una corda e non si sposta dalla sua posizione, ergo non ha elasticita' residua.
Tennis Forever
Tennis Forever
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1281
Età : 51
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 06.12.09

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: 3.5 Fit
Racchetta: PD 2015

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 16:46
Mi riferisco al fatto che la corda, sottoposta a trazione (o anche in fase di gioco a contatto con la palla) si allunga e questo allungamento è di un totale x millimetri (parte plastica e parte elastica). La sua elasticità fa si che la corda, dopo essere stata allungata per x mm, torni indietro, ma non del tutto (plasticizzazione. Plasticizzazione che c'è anche a racchetta ferma dopo l'incordatura). Mano a mano che plasticizza si irrigidisce e per poterla allungare ci vuole sempre più forza perchè il modulo elastico è via via crescente. Poi dipende dalla forza del giocatore. Se si ha a che fare con un giocatore che produce tanti watt di potenza riuscirà ad accedere alla parte elastica anche quando la corda ha plasticizzato completamente o quasi, ma a quel punto la corda avrà perso tanto di quella tensione che la racchetta potrebbe essere ingovernabile.
L'elasticità non diminuisce e non si perde, ma è meno accessibile. 
Forse si confonde l'elasticità con la tenacità (allungamento complessivo sia plastico che elastico).
E' evidente che stiamo parlando di teoria più che di pratica perchè:

a) occorre vedere se la corda si rompe prima di aver plasticizzato completamente perchè, se il giocatore è molto forte o sfrutta molto la corda, potrei non raggiungere tale stato;
b) nessuno sano di mente gioca con una corda morta con controllo pari a zero causa perdita di tensione (anche se a molti piace giocare con la corda morta perchè la palla sta tanto sul piatto, hai tanto controllo causa rigidità del filamento ed hai la sensazione di morbidezza del piatto corde, non della corda, proprio a causa della perdita di tensione. 

Questo è il comportamento nel corso della vita di una incordatura.
Luchino 67
Luchino 67
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2537
Età : 57
Data d'iscrizione : 05.02.13

Profilo giocatore
Località: Reggio Emilia
Livello: Me la cavo bene a rete
Racchetta: Prince Rebel 98 exo3 Prince Tour 100 O3 310 Prince Tour 100P 2022

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 18:33
Prima puntualizzazione; io non sono sano di mente anche se cambio le corde al momento opportuno  Laughing però, trovo contradditoria la frase, "anche se a molti piace giocare con la corda morta perchè la palla sta tanto sul piatto, hai tanto controllo causa rigidità del filamento" se prima dici che la corda morta, ha controllo pari a zero causa perdita della tensione. Io, una volta, ho acquistato una racchetta usata da un mio amico con su le Black code nere ormai usate tanto; non resistetti e la provai così, giocando benissimo e con sensazioni all'impatto di palla, di lunga permanenza sulle corde e grandissimo controllo. Chiesi allora al mio amico, da quanto tempo le aveva montate e a che tensione e la risposta fu " un anno e più a 26 kg."
Feci allora controllare le tensioni e risultarono effettivamente molto lente, per l'esattezza, 19 vert. 16 orizz. ma il controllo era elevatissimo e la precisione direzionale superba, ma facendola reincordare a 20 kg. con corde meno rigide, mi ci trovai bene ma non come con le corde morte.....scrivo tutto questo solo per "contestare" la mancanza di controllo causa perdita di tensione......forse questo, viene in parte compensato, dalla oramai persa reattività, che facilita la capacità di riuscire a tenere la palla sul piatto corde, che di fatto fa si che il giocatore, riesca ad avere maggior controllo in virtù della palla che non esce veloce dal piatto corde ed egli la "sente meglio".......
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 20861
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 19:07
Luchino 67 ha scritto:Prima puntualizzazione; io non sono sano di mente anche se cambio le corde al momento opportuno  Laughing però, trovo contradditoria la frase, "anche se a molti piace giocare con la corda morta perchè la palla sta tanto sul piatto, hai tanto controllo causa rigidità del filamento" se prima dici che la corda morta, ha controllo pari a zero causa perdita della tensione. Io, una volta, ho acquistato una racchetta usata da un mio amico con su le Black code nere ormai usate tanto; non resistetti e la provai così, giocando benissimo e con sensazioni all'impatto di palla, di lunga permanenza sulle corde e grandissimo controllo. Chiesi allora al mio amico, da quanto tempo le aveva montate e a che tensione e la risposta fu " un anno e più a 26 kg."
Feci allora controllare le tensioni e risultarono effettivamente molto lente, per l'esattezza, 19 vert. 16 orizz. ma il controllo era elevatissimo e la precisione direzionale superba, ma facendola reincordare a 20 kg. con corde meno rigide, mi ci trovai bene ma non come con le corde morte.....scrivo tutto questo solo per "contestare" la mancanza di controllo causa perdita di tensione......forse questo, viene in parte compensato, dalla oramai persa reattività, che facilita la capacità di riuscire a tenere la palla sul piatto corde, che di fatto fa si che il giocatore, riesca ad avere maggior controllo in virtù della palla che non esce veloce dal piatto corde ed egli la "sente meglio".......
non l'avrei detto  Very Happy
nw-t
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 20215
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Italia
Livello: Riesco a buttarla di là.
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 19:24
Luchino 67 ha scritto:Prima puntualizzazione; io non sono sano di mente anche se cambio le corde al momento opportuno  Laughing però, trovo contradditoria la frase, "anche se a molti piace giocare con la corda morta perchè la palla sta tanto sul piatto, hai tanto controllo causa rigidità del filamento" se prima dici che la corda morta, ha controllo pari a zero causa perdita della tensione. Io, una volta, ho acquistato una racchetta usata da un mio amico con su le Black code nere ormai usate tanto; non resistetti e la provai così, giocando benissimo e con sensazioni all'impatto di palla, di lunga permanenza sulle corde e grandissimo controllo. Chiesi allora al mio amico, da quanto tempo le aveva montate e a che tensione e la risposta fu " un anno e più a 26 kg."
Feci allora controllare le tensioni e risultarono effettivamente molto lente, per l'esattezza, 19 vert. 16 orizz. ma il controllo era elevatissimo e la precisione direzionale superba, ma facendola reincordare a 20 kg. con corde meno rigide, mi ci trovai bene ma non come con le corde morte.....scrivo tutto questo solo per "contestare" la mancanza di controllo causa perdita di tensione......forse questo, viene in parte compensato, dalla oramai persa reattività, che facilita la capacità di riuscire a tenere la palla sul piatto corde, che di fatto fa si che il giocatore, riesca ad avere maggior controllo in virtù della palla che non esce veloce dal piatto corde ed egli la "sente meglio".......
Non c'è niente di strano, se ti sei trovato bene. Però la tua "esperienza" non fà testo x la maggior parte dell'agonisti. Basta poco x chi picchia dalla prima all'ultima palla x andare fuori "misura" se la corda perde le sue caratteristiche di base/costruzione. Ricordo che i mono sono corda da CONTROLLO.
Luchino 67
Luchino 67
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2537
Età : 57
Data d'iscrizione : 05.02.13

Profilo giocatore
Località: Reggio Emilia
Livello: Me la cavo bene a rete
Racchetta: Prince Rebel 98 exo3 Prince Tour 100 O3 310 Prince Tour 100P 2022

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 19:29
nw-t ha scritto:
Luchino 67 ha scritto:Prima puntualizzazione; io non sono sano di mente anche se cambio le corde al momento opportuno  Laughing però, trovo contradditoria la frase, "anche se a molti piace giocare con la corda morta perchè la palla sta tanto sul piatto, hai tanto controllo causa rigidità del filamento" se prima dici che la corda morta, ha controllo pari a zero causa perdita della tensione. Io, una volta, ho acquistato una racchetta usata da un mio amico con su le Black code nere ormai usate tanto; non resistetti e la provai così, giocando benissimo e con sensazioni all'impatto di palla, di lunga permanenza sulle corde e grandissimo controllo. Chiesi allora al mio amico, da quanto tempo le aveva montate e a che tensione e la risposta fu " un anno e più a 26 kg."
Feci allora controllare le tensioni e risultarono effettivamente molto lente, per l'esattezza, 19 vert. 16 orizz. ma il controllo era elevatissimo e la precisione direzionale superba, ma facendola reincordare a 20 kg. con corde meno rigide, mi ci trovai bene ma non come con le corde morte.....scrivo tutto questo solo per "contestare" la mancanza di controllo causa perdita di tensione......forse questo, viene in parte compensato, dalla oramai persa reattività, che facilita la capacità di riuscire a tenere la palla sul piatto corde, che di fatto fa si che il giocatore, riesca ad avere maggior controllo in virtù della palla che non esce veloce dal piatto corde ed egli la "sente meglio".......
Non c'è niente di strano, se ti sei trovato bene. Però la tua "esperienza" non fà testo x la maggior parte dell'agonisti. Basta poco x chi picchia dalla prima all'ultima palla x andare fuori "misura" se la corda perde le sue caratteristiche di base/costruzione. Ricordo che i mono sono corda da CONTROLLO.
Assolutamente d'accordo con te....ho puntualizzato, proprio per far capire che non tutte le regole generali, siano applicabili sempre  Cool
Tennis Forever
Tennis Forever
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1281
Età : 51
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 06.12.09

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: 3.5 Fit
Racchetta: PD 2015

Monofilo e articolazioni - Pagina 2 Empty Re: Monofilo e articolazioni

Mer 3 Gen 2024 - 19:37
drichichi ha scritto:
Luchino 67 ha scritto:Prima puntualizzazione; io non sono sano di mente anche se cambio le corde al momento opportuno  Laughing però, trovo contradditoria la frase, "anche se a molti piace giocare con la corda morta perchè la palla sta tanto sul piatto, hai tanto controllo causa rigidità del filamento" se prima dici che la corda morta, ha controllo pari a zero causa perdita della tensione. Io, una volta, ho acquistato una racchetta usata da un mio amico con su le Black code nere ormai usate tanto; non resistetti e la provai così, giocando benissimo e con sensazioni all'impatto di palla, di lunga permanenza sulle corde e grandissimo controllo. Chiesi allora al mio amico, da quanto tempo le aveva montate e a che tensione e la risposta fu " un anno e più a 26 kg."
Feci allora controllare le tensioni e risultarono effettivamente molto lente, per l'esattezza, 19 vert. 16 orizz. ma il controllo era elevatissimo e la precisione direzionale superba, ma facendola reincordare a 20 kg. con corde meno rigide, mi ci trovai bene ma non come con le corde morte.....scrivo tutto questo solo per "contestare" la mancanza di controllo causa perdita di tensione......forse questo, viene in parte compensato, dalla oramai persa reattività, che facilita la capacità di riuscire a tenere la palla sul piatto corde, che di fatto fa si che il giocatore, riesca ad avere maggior controllo in virtù della palla che non esce veloce dal piatto corde ed egli la "sente meglio".......
non l'avrei detto  Very Happy
Si Luchino 67 hai ragione, mi sono espresso male per essere troppo veloce. Intendo questo: quando la corda ha plasticizzato tanto vuol dire che ha perso anche tanta tensione e su questo non c'è dubbio.
Quando ha plasticizzato ha aumentato di molto il proprio modulo elastico quindi, se da un lato la corda è più dura (e di tanto), dall'altra il calo di tensione non mi fa percepire questo irrigidimento fino in fondo perchè il piatto corde diventa più molle.
Una corda più rigida controlla di più perchè deforma di più la palla a parità di tutti gli altri parametri, ma una tensione più bassa va esattamente nel senso opposto quindi: in base al mio livello/stile di gioco, fisico, telaio, tensione di partenza, tensione dopo tot ore, percepirò il piatto in un certo modo e mi ci troverò bene oppure no. Quindi quello che per me potrebbe essere un piatto corde ingovernabile, per te potrebbe essere il top.
Quindi ci sta che tu ti trovassi bene con le Black Code usate tanto e ci sta pure che non perdessi controllo. Il fatto che a 20 kg non ti trovassi così bene così come con le corde "morte" ti fa capire proprio quello che è successo.
Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.