Passionetennis - Il portale del tennista
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Passionetennis - Il portale del tennistaAccedi











Monofilo e articolazioni

power_settings_newAccedi per rispondere
+3
Tennis Forever
Eiffel59
Ragus
7 partecipanti

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyMonofilo e articolazioni

more_horiz
Perché un monofilo rischia di causare problemi alle articolazioni se non cambiato entro una certa tempistica? Qual è il processo meccanico o fisico che fa sì che, ad esempio, dopo 15 ore sia opportuno tagliare per evitare fastidi articolari?
Grazie

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Il monofilo lavora oltre il suo limite elastico sin da quando è montato. Quindi plasticizza progressivamente ed inesorabilmente più o meno velocemente fino a perdere ogni elasticità residua. A quel punto, dipende dalla corda, tensione, gioco e racchetta, è dinamicamente morto, quindi lavora solo in plasticizzazione, senza alcuna possibilità di smorzate o filtrare l'impatto.
Questo è il motivo per cui perder tensione, si sta allungando poco a poco da quando montato.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Più chiaro (e definitivo) di così penso non si possa essere.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Grazie per la risposta.
Plasticizza, ovvero perde la sua elasticità e diventa più rigido. In questo modo trasmette maggiormente le vibrazioni al braccio, non essendo più in grado di restituire energia alla pallina. Ho capito bene?

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
tennistadiprovincia ha scritto:
Grazie per la risposta.
Plasticizza, ovvero perde la sua elasticità e diventa più rigido. In questo modo trasmette maggiormente le vibrazioni al braccio, non essendo più in grado di restituire energia alla pallina. Ho capito bene?

Puoi leggere qualcosa sulle caratteristiche dei materiali altrimenti si trasforma in una lezione.
Esistono diagrammi tensione applicata/deformazione che fanno capire cosa sia la platicizzazione. 
Fino al limite Elastico un materiale sottoposto a carico (trazione qui) torna alla sua lunghezza originaria quando il carico viene rimosso. Oltre il limite Elastico avverrà una deformazione plastica permanente, la plasticizzazione.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Credo si sapere cos'è la plasticizzazione, anche se non ne conoscevo il termine (oprattutto ne ignoravo l'azione in questo ambito), in altri contesti mi pare si chiami limite di snervamento.
Grazie per la risposta, ciao

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
In pratica l'allungamento irreversibile del filamento fa perdere tensione e questo processo fa percepire il piatto meno duro di quello che è in termini di trasmissione di vibrazioni

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
tennistadiprovincia ha scritto:
Credo si sapere cos'è la plasticizzazione, anche se non ne conoscevo il termine (oprattutto ne ignoravo l'azione in questo ambito), in altri contesti mi pare si chiami limite di snervamento.
Grazie per la risposta, ciao

Si, cambiano le curve di risposta ma il concetto è quello.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Tennis Forever ha scritto:
In pratica l'allungamento irreversibile del filamento fa perdere tensione e questo processo fa percepire il piatto meno duro di quello che è in termini di trasmissione di vibrazioni

Se la corda non ha più elasticità non può assorbire quella quota di energia che viene trasmessa al telaio ed al braccio.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Che io sappia l' elasticità non la perde, è solo più difficile da attivare data l'aumento di rigidità della corda.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Tennis Forever ha scritto:
Che io sappia l' elasticità non la perde, è solo più difficile da attivare data l'aumento di rigidità della corda.

Se aumenta la rigidità, è proprio che l'elasticità iniziale non è più la stessa dopo l'uso. Poi a seconda di come viene usata la corda la durata è variabile. SE la usa uno che tira a 2 all'ora gli dura molto, se la usa un 2.2 che ad ogni impatto spacca la palla...la corda "cuoce" in poche ore...secca e si spacca. Il caso della mancata attivazione della corda SE DA NUOVA...è perchè quella corda non è adatta al LIVELLO del giocatore.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Per quello che ho capito io sulle proprietà dei filamenti in generale:

Resistenza tensile (allungamento totale a seguito di trazione)= elasticità (allungamento reversibile)+duttilità (allungamento irreversibile/plasticizzazione)

L'irrigidimento dovuto a plasticizzazione comporta che per allungare la corda serve più energia proprio perché l'allungamento plastico non è più accessibile.

Sulla racchetta questo si traduce che dopo la completa o parziale plasticizzazione la perdita di tensione fa percepire il piatto corde più molle, ma la corda è più rigida (infatti si allunga di meno), ma si può ancora allungare perché la parte elastica c'è ancora, ma a regimi più alti (più forza) perché la corda è più rigida.

Questo è quello che ho capito! Ovviamente non dico che sia la verità assoluta e sono sempre pronto a capire di più con il confronto!

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Ovviamente nel nylon e poliammide l'allungamento plastico è inferiore ai poly

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Tennis Forever ha scritto:
Per quello che ho capito io sulle proprietà dei filamenti in generale:

Resistenza tensile (allungamento totale a seguito di trazione)= elasticità (allungamento reversibile)+duttilità (allungamento irreversibile/plasticizzazione)

L'irrigidimento dovuto a plasticizzazione comporta che per allungare la corda serve più energia proprio perché l'allungamento plastico non è più accessibile.

Sulla racchetta questo si traduce che dopo la completa o parziale plasticizzazione la perdita di tensione fa percepire il piatto corde più molle, ma la corda è più rigida (infatti si allunga di meno), ma si può ancora allungare perché la parte elastica c'è ancora, ma a regimi più alti (più forza) perché la corda è più rigida.

Questo è quello che ho capito! Ovviamente non dico che sia la verità assoluta e sono sempre pronto a capire di più con il confronto!

Credo ci sia confusione.
Deformazione elastica è reversibile
Deformazione plastica non è reversibile 

I cicli ripetuti a cui la corda è sottoposta aumentano la plasticizzazione cancellando l'elasticità. La corda infatti viene sottoposta a cicli di fatica in regime elastoplastico.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Poi bisogna vedere, ci sono tipi di mescola x vari livelli di rigidità che hanno comportamenti diversi tra loro. Anche se 2 mono in partenza rigidi, uno con l'uso si può elasticizzare ed ammorbidire perdendo un bel pò di tensione (vedi Alu) ed altri che man mano usati si induriscono pendendo poca tensione. Ma senza quella "poca" elasticità di base costruttiva quest'ultimi di possono creare MOLTI danni al braccio. Te picchi uguale...ma trovi un impatto più rigido e duro che ti porta ad infiammarti i tendini (sempre se non sei Terminator  Smile  )

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Ragus ha scritto:
Tennis Forever ha scritto:
Per quello che ho capito io sulle proprietà dei filamenti in generale:

Resistenza tensile (allungamento totale a seguito di trazione)= elasticità (allungamento reversibile)+duttilità (allungamento irreversibile/plasticizzazione)

L'irrigidimento dovuto a plasticizzazione comporta che per allungare la corda serve più energia proprio perché l'allungamento plastico non è più accessibile.

Sulla racchetta questo si traduce che dopo la completa o parziale plasticizzazione la perdita di tensione fa percepire il piatto corde più molle, ma la corda è più rigida (infatti si allunga di meno), ma si può ancora allungare perché la parte elastica c'è ancora, ma a regimi più alti (più forza) perché la corda è più rigida.

Questo è quello che ho capito! Ovviamente non dico che sia la verità assoluta e sono sempre pronto a capire di più con il confronto!

Credo ci sia confusione.
Deformazione elastica è reversibile
Deformazione plastica non è reversibile 

I cicli ripetuti a cui la corda è sottoposta aumentano la plasticizzazione cancellando l'elasticità. La corda infatti viene sottoposta a cicli di fatica in regime elastoplastico.


Premesso che nel mio intervento ho scritto resistenza tensile (che dovrebbe essere il carico massimo della corda in trazione prima di rompersi) anzichè tenacità, io non credo sia così.
Per quello che ho capito, se io tiro una corda 25 kg la corda si allunga di x mm di cui y mm per deformazione irreversibile (plastica) e z mm per deformazione reversibile (elastica). Se continuo ad allungarla a 25 kg continuamente (ciclo di cui parli), la corda si allunga sempre e continua a plasticizzare tornando indietro sempre meno. Se per assurdo la corda si allunga talmente tanto da non allungarsi più a 25kg, se successivamente la tiro a 27 kg (sempre se non ha raggiunto il punto di rottura), la corda si allunga e torna indietro un po' (cioè è ancora elastica) e così via.
Quindi se io ho sulla racchetta una corda che si è plasticizzata (ovvero si è irrigidita e ha perso tensione), se colpisco fortissimo (come può fare Sinner per es.) la corda ha ancora una riserva elastica. Ogni giocatore, in base al proprio livello e ai watt di potenza che riesce ad esprimere, può deformare corde più o meno rigide, quindi più o meno plasticizzate.
Una corda come la Lynx magari, una volta plasticizzata avrà un modulo elastico che può avvicinarsi a quello della 4G (non ho dati, magari lo supera pure) e io non riesco a defletterla per sfruttare la scarsa elasticità che ha, ma Tsitsipas marari si!
Spero di aver spiegato quello che voglio dire.
Detto questo, anche stavolta ho scritto quello che ho capito, approfondirò per vedere se sto prendendo un granchio!

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Direi che è meglio. Quando la plasticizzazione è completata la corda non ha più alcuna "riserva elastica", tant'è che i pro le cambiano ogni nove giochi e comunque PRIMA che la plasticizzazione sia completa.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Domanda probabilmente stupida ma vediamo se quello che sto dicendo ha un senso.
Tralasciando il lato salutare, una corda completamente plasticizzata, che ha reso quindi il piatto corde rigidissimo, può favorire il controllo in qualche modo?

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Si, ma se è plasticizzata ha perso tanta tensione quindi occorre vedere in base al tuo livello di gioco di quanto controllo hai bisogno

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Si si certo era più una domanda teorica, come dire visto che è meno elastica è più facile regolarsi con la profondità dei colpi dato che la risposta dinamica delle corde dovrebbe essere più regolare... Spero di essermi spiegato bene e di aver capito il concetto

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] forever  Quando vai a tensionare una corda extra la mescola già da li si "sfalda" è meno uniforme di una tensione minore, quindi già così la vita è più breve. Poi bisogna vedere anche le caratteristiche di ogni singola mescola, non si comportano tutte uguali. 

@Sky room quando plasticizzata/indurita ha perso le sue caratteristiche di gioco x come è stata concepita, la corda ha ancora spinta ma non ha più il comportamento che fa avere un controllo come da fresca.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Ok, quindi esattamente il contrario di quello che avevo ipotizzato... 😁
Io pensavo meno spinta in quanto meno elastica, ma più controllo... Tutto ciò però a danno delle articolazioni e quindi "sconsigliabile"

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Una corda da controllo ancora resiliente ha una logica. Una corda totalmente plasticizzata non ne ha più alcuna.
Proprio per quello come descritto da nw-t esistono diverse miscele 8e, soggiungo, trattamenti termici) per personalizzare quanto più possibile il risultato che si vuole ottenere.

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] si possono considerare Diadem Evolution 125, Babolat RPM Soft e YPF Project Mor-Gut 122 tra i "monofilamenti" più sicuri ?

descriptionMonofilo e articolazioni EmptyRe: Monofilo e articolazioni

more_horiz
Si, a patto che si gradiscano le sensazioni all' impatto.
privacy_tip Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
power_settings_newAccedi per rispondere