Passionetennis - Il portale del tennista
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Accedi
Ultimi argomenti attivi




Link Amici

Ultime dal mercatino
Andare in basso
russo_f
russo_f
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 79
Località : CERIGNOLA (FG)
Data d'iscrizione : 09.12.19

Profilo giocatore
Località: Cerignola
Livello: 4.1
Racchetta: Wilson Blade V8 18x20

Ansia, paura e braccino Empty Ansia, paura e braccino

Sab 5 Mar 2022 - 10:29
Salve a tutti. Ho già letto post simili a questo, ma vorrei parlarvi del mio caso che credo abbia qualcosa di diverso rispetto agli altri. Classifica 4.1 , insomma non malaccio. Il problema è che gioco in allenamento (detto da altri) a livello molto più alto. Quando devo fare i tornei inizia il nervosismo già da quando escono i tabelloni. Non devo aspettare neanche la partita. Il punto più basso credo di averlo toccato la scorsa settimana perdendo contro un ragazzino di 14 anni 4.3. Per carità il ragazzino era bravo , ma non dovevo perderci. Non vedevo l’ora che la partita finisse. Ho buttato set point per via della mia testa di cavolo poco razionale in determinati momenti. Ho giocato malissimo tutta la partita. Non picchiavo se non in casi davvero rari. Non ero tranquillo, ma nervoso. Ero teso, incazzato, furioso. Non mi sono divertito. Sono entrato in campo partendo dal presupposto che se avessi perso avrei fatto una figuraccia con i miei compagni. Ovviamente il tutto si è concretizzato. In pratica siamo meno di una decina di amici che abbiamo un gruppo whatsapp chiuso . Siamo più o meno tutti allo stesso livello, che poi è il più alto del nostro circolo. Giochiamo e ci alleniamo contro. Quindi ci sono sfottò e “insulti” gratuiti quando si batte il proprio avversario. Loro mi dicono che me la faccio sotto negli incontri ufficiali. Nella semifinale regionale dei campionati invernali di quarta categoria ho giocato contro un 3.5 (quando era iniziato il campionato il ragazzo era 4.1 , nel frattempo passato 3.5). Ho perso 7-6 6-4 ma il giocatore era perfettamente alla mia portata. Ai quarti di finale contro un 4.1 al terzo set , tie break a 10, ero avanti 9-5 , quindi 4 match point : ho perso 11-9. Mi capita spesso che sono avanti per esempio 6-3 3-0 , e perdo il secondo set. Mi dicono che spesso regalo un set prima di mettermi a giocare come so fare. Insomma sono un gran casino nella mia testa e questo non mi fa essere quello che realmente sarei se giocassi come so fare. Inoltre credo di detenere un record del tutto personale : l’ultima volta che ho vinto un terzo set al tie break a 10 è stato ad ottobre 2020. Nel 2021 ne ho persi 5 su 5 è in questo 2022 già 2 su 2. Siamo a 7 consecutivi e mi viene da piangere. Molti di questi miei amici conoscono la mia fragilità psicologia e giocano su questo aspetto anche quando dobbiamo allenarci. Quindi mi dicono che soffro la partita , che ho paura e creano già una problematica nella mia testa, per farmi perdere.  Domanda : c’è qualcosa che mi possa rilassare prima della gara ? Non so, un integratore o qualcosa di simile? Purché non intacchi la muscolatura ovviamente. Che rilassi il mio cervello insomma. Ho l’adrenalina al massimo , quindi credo che questo livello debba abbassarsi. Non so se è corretto, ma se c’è qualcuno più pratico che può aiutarmi. Grazie.
avatar
rocco11
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 128
Data d'iscrizione : 07.11.13

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Sab 5 Mar 2022 - 11:38
potresti provare con la "bomba" di fantozzi alla coppa cobram Very Happy
magari esistesse.....credo che molti di noi avrebbero una classifica moooolto più alta.
io mi definisco un "leone" da palleggi, in torneo, quasi sempre, finita la fase di riscaldamento, nella quale i miei avversari restano a bocca aperta, quando inizia la partita, il corpo non è più sciolto e non riesco a esprimere il mio gioco.
Ho letto diversi libri in merito......rilassarsi, concentrarsi sulla respirazione, pensare all'avversario come un amico di gioco.....secondo me tutte caz...te, è una questione di carattere, o ce l'hai o non ce l'Hai . Ho amici che quanto più hanno il pubblico contro o l'avversario si comporta in maniera scorretta.....tanto più si caricano e giocano anche sopra il loro potenziale.
Sono queste le cose che fanno la differenza...e a tutti i livelli.
poi ci sono i mental coach, che magari per qualcuno possono anche essere utili.....Mi fanno ridere i calciatori.......vedi esultanze  come se avessero segnato un goal per rimesse laterali, deviazioni in calcio d'angolo o parate di mer...da!!!!...per poi fare cazzate enormi dopo 5 minuti.
Donnari Massimo
Donnari Massimo
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 258
Data d'iscrizione : 12.01.22

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Sab 5 Mar 2022 - 14:30
Ti capisco e come se ti capisco, il tennis è uno sport molto particolare,(lo sappiamo tutti) soprattutto quando si fanno tornei, non si sa quando si inizia, quando si finisce (non si va a tempo), non si conosce l'avversario e soprattutto non c'è il PAREGGIO e tutto questo crea ansia e nervosismo, a differenza della partitella con gli amici, dove si prenota il campo per un tempo limitato sapendo che si inizia e finisce a quell'ora, ma soprattutto conoscendo pregi e difetti dell'avversario . A volte il risultato è bugiardo, cioè vince colui che è meno bravo, però riesce ad essere più calmo, più concentrato e per più tempo. Ecco uno dei segreti è proprio questo, il rimanere calmi e concentrati ed esprimere al meglio il proprio TENNIS, fregandosene del pubblico (a volte di parte dell'avversario) e degli SFOTTÒ degli amici!!!!
avatar
cesaremigliaccio
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 96
Età : 48
Località : Francia
Data d'iscrizione : 28.09.10

Profilo giocatore
Località: Francia
Livello: volenteroso
Racchetta: Head Prestige touch tour

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Sab 5 Mar 2022 - 16:23
Prova con la coerenza cardiaca. Sono dei semplici esercizi di respirazione, ci sono anche delle app per smartphone. Io ho cominciato a usarli per calmarmi prima delle presentazioni al lavoro quando ho cominciato a farne anche in lingua straniera e con me funzionano.
johnnyyo
johnnyyo
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 931
Località : Emilia Romagna
Data d'iscrizione : 24.01.12

Profilo giocatore
Località: Emilia Romagna
Livello: 3.5 FIT
Racchetta: -

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Sab 5 Mar 2022 - 19:38
Prima di tutto grazie per aver condiviso la tua esperienza, [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] 
La chiave del problema è la paura del giudizio. Sia quello degli amici, che del tuo verso te stesso.
Ci si può lavorare tantissimo, bisogna solo guardare la raltà: questa cosa va allenata esattamente come un colpo.
Quello che bisogna evitare, invece sono le scappatoie, come "pozioni magiche" per traquillizzarsi. Sono solo paglaitivi che non risolvono il problema.

Il primo consiglio che ti dò è quello di andare al prossimo match per perdere. Apposta!
Andrea0
Andrea0
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 94
Età : 52
Località : Genova
Data d'iscrizione : 12.09.18

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Sab 5 Mar 2022 - 23:42
Il primo consiglio che ti voglio dare è di smetterla di pensare che sia un problema “tuo”. Tutti hanno questo problema, anche i pro. Ma devi liberarti dell’idea di “essere un perdente” e pensare semplicemente che se hai sbagliato un punto facile, magari importante non c’è nessuna regola che ti impedisca di vincere quello dopo. Farne un complesso, o un tratto della tua personalità, come chi ha scritto “o ce l’hai o non c’è l’hai” e il modo migliore per auto sabotarti.
Poi ci sono tecniche di rilassamento basate sulla respirazione o sulla visualizzazione che possono aiutare molto. Ma la cosa che devi fare più di ogni altra è allenarti di più, cercare degli automatismi, degli schemi che ti danno sicurezza nei momenti difficili e seguirli con scioltezza e sicurezza, senza improvvisazioni o esperimenti.
Karim79
Karim79
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 13
Età : 43
Località : Montelupone (MC)
Data d'iscrizione : 21.02.22

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Dom 6 Mar 2022 - 7:12
Successo anche a me, ma da come leggo a tutti. E la cosa divertente, se si può chiamare così, è che ho iniziato a giocare bene e a divertirmi quando ho capito che non sarei passato al turno successivo ( poi invece proprio perché ho vinto e per uno strano incrocio sono passato). Un trucco che tento di attuare è convincermi che non mi interessa il risultato e di godermi il momento anche perché mi piace moltissimo giocare con persone nuove. Poi se vinco o perdo è lo stesso ma tanto se mi viene il braccino avrei perso comunque. Insomma cerco di concentrarmi, impegnarmi e basta. Non ti consiglio di fare come me ma spero che la mia esperienza possa essere d'aiuto.
Roger75
Roger75
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1231
Località : Padova/Vicenza
Data d'iscrizione : 08.02.20

Profilo giocatore
Località:
Livello: I.T.R. 4.0
Racchetta: 107G, Mantis 300 PS III, Extreme 360+mp, Beast, Ps V13 L,Tour 100P

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Dom 6 Mar 2022 - 12:25
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] condivido in toto quello che ha scritto da [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] (ot: se è l' Andreescu, complimenti..stessi gusti..tennistici anche..lol), specie nella parte che invita a star lontano da aiuti esterni. Quando ce la facessi in quel modo, ti rimarrebbe il tarlo. "ma è stato merito mio?" e diventerebbe una "dipendenza". Pensa invece la soddisfazione di superare il tutto da "solo". Con tecniche e accorgimenti, chiaro. Io mi trovo spesso nella tua situazione, specie quando sono favorito: comincio a contrarmi, gesti meno fluidi etc...L' unica strada che ho trovato finora è concentrarmi esclusivamente sul gesto tenico e sulla tattica (sembra banale, ma non distogliere l' attenzione da questo, MAI, è molto faticoso). Se ci riuscissi prima per 10', poi per 20, e via andare, risolveresti il tuo problema. Con le TUE SOLE forze e capacità. Ah, l' unica cosa cui puoi pensare di extra: quello al di là della rete ha le tue stesse paure.... Wink
johnnyyo
johnnyyo
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 931
Località : Emilia Romagna
Data d'iscrizione : 24.01.12

Profilo giocatore
Località: Emilia Romagna
Livello: 3.5 FIT
Racchetta: -

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Dom 6 Mar 2022 - 13:24
Roger75 ha scritto:se è l' Andreescu, complimenti..stessi gusti..tennistici anche..lol

CERRRRRRTO che è lei =)))
piccolit
piccolit
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 596
Data d'iscrizione : 08.07.19

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4NC
Racchetta:

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Lun 7 Mar 2022 - 11:23
Bisogna cambiare completamente visione del gioco, altrimenti le tecniche di rilassamento non funzionano. 
Se ti concentri su quello che ti terrorizza hai voglia a respirare...devi focalizzare l'attenzione su altro e contemporaneamente rilassarti, ALLORA il discorso funziona.
Io ho risolto non andando più dal maestro. Può sembrare azzardato ma per me ha funzionato.

Il maestro mi metteva in testa l'idea che se fai a+b fai punto se non lo fai invece no. E chi è più bravo a fare a+b vince le partite, chi non lo è le perde.
Sto semplificando al massimo ma l'idea era quella.
(frasi celebri: gioca solo sul rovescio / il back è un colpo di difesa / sventaglio di dritto sul rovescio come non ci fosse un domani ecc ecc)
Questa idea portava a una frustrazione atomica nel cercare di fare al meglio a+b e nel sentirsi di cacca qualora non ci riuscissi, e mi portava a voler perfezionare a+b allo spasmo, cosa voglia dire perfezionare poi non si sa. 
Liberandomi da questa impostazione ho cominciato a giocare in maniera magari più disordinata, ma più efficace e soprattutto più divertente e meno snervante. Mi diverto e invece di puntare a fare bene quello che la didattica prevede, il mio scopo è romperti le balle con ogni colpo.
Differenza enorme. Inoltre non legandomi a schemi prestabiliti scritti nella pietra (da chi poi non si sa), sono più pronto e più consapevole di quanto succede in campo, che spesso ha pochissimo a che fare con la didattica, soprattutto in 4a categoria ma anche in 3a.
Prima eseguivo, adesso gioco.
Magari il tuo caso è totalmente diverso ma credo che la mia esperienza possa aiutare..
taglia1964
taglia1964
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 820
Data d'iscrizione : 14.06.18

Profilo giocatore
Località: milano
Livello: ITR 5.5
Racchetta: WILSON BLADE 98 CV - 16 X 19 - AERO PRO 2019

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Lun 7 Mar 2022 - 12:13
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] ciao
Intanto tengo a dirti ciò che vivi è abbastanza comune in uno sport/gioco così dispendioso come il tennis.
ti vorrei dare solamente un paio di dritte per anestetizzare la tua ansia:
1) Non temere la sconfitta! Le sconfitte sono gli eventi da cui si impara. 
2) Sii autoironico, scherza per primo sul tuo braccino e  godi delle risate che farai di te e che farai fare al tuo gruppo di whatsapp.
3) Relativamente al gioco, limitati a giocare e concentrati nel guardare sempre la palla fino all'impatto. Serenamente fai il tuo gioco togliendo i pensieri del punto precedente e di quello futuro. A tennis si gioca un punto alla volta 
4) non sentirti sfidato ogni volta che ti alleni e poniti degli obiettivi di gioco che puoi tenere sotto controllo
Ragus
Ragus
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1002
Località : Regno Unito
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex Vcore100 2018 (310g)

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Lun 7 Mar 2022 - 13:22
Ciao, credo che la risposta sia non ci sono prodotti che risolvano il problema.

Concordo con chi scrive che l'allenamento, da fare sempre con l'intensita' di una partita, soprattutto come atteggiamento mentale, e' quello che aiuta molto a creare fiducia e riferimenti. Si dovrebbe giocare un punto alla volta, ogni punto come se avessimo tutto il tempo del mondo, facendo quello che abbiamo provato e riprovato in allenamento soprattutto nei punti importanti.

Un lavoro che si puo' fare e' quello sulla concentrazione, che e' una cosa che si allena, focalizzandosi su quello che si puo' controllare, se stessi e il proprio gioco. Tenere alta la concentrazione richiede tante energie mentali e nel farlo non si puo' pensare ad altro. Ovvio che da giocatori amatoriali i cali di attenzione ci sono sempre, ma si puo' imparare a riconoscerli e mettere in atto strategie per riconcentrarsi: rallentare, respirare 4/5 volte a lungo e lentamente, focalizzarsi su un pensiero o una sensazione positiva di un allenamento etc. Deve essere una routine.

Non risolve sempre, ma almeno non si esce dal match e poi tutto puo' succedere, tipo che le paure invadano il tuo avversario o arrivi la stanchezza.

Nel mio caso, per allenare certe situazioni, gioco contro i regolaristi che sono spesso i piu' forti mentalmente. Giocare con loro aiuta ad allenare la concentrazione, dosare il rischio, alzare il livello quando serve. Ovvio piu' sali di livello piu' i regolaristi tirano forte ma hanno sempre in comune il non mollare un punto, mai.
baccio7
baccio7
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 682
Data d'iscrizione : 01.10.20

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Wilson blade 104 v.6 - Prince TEXTREME tour 100 -Dunlop CX 400 -

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Mar 8 Mar 2022 - 9:22
Ciao .. ho lo stesso problema... oramai non conto i tie break persi.. dovrebbero essere 20 degli ultimi 25.

Oggi gioco con un tipo con il quale l'incontro precedente stavo conducendo 3-6 6-0 8-4 al tie.. be' ho perso 10-4 senza nessun suo vincente, solo errori.

Penso che i consigli sopra possano aiutare.. rimanere concentrati sul punto..non pensare ai punti precedenti e nemmeno ai futuri..solo al prossimo... cercare di rimanere fluido.

Al tie ti consiglio di attaccare.. l'ho visto fare ad altri ed alla fine penso funzioni piu' che stare ad aspettare... e se perdi ridici su... io ci sto provando...  Very Happy  (Te lo so dire domani..)
Alessandro
Alessandro
Amministratore
Amministratore
Numero di messaggi : 5201
Età : 44
Località : Acireale (CT) - Comiso (RG)
Data d'iscrizione : 17.11.08

Profilo giocatore
Località: Acireale (CT)
Livello:
Racchetta: Yonex Ezone 100
https://www.passionetennis.com

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Mar 8 Mar 2022 - 15:16
Sembra quasi che mi stiate leggendo nella mente!
Mi rincuora il fatto che sia un problema comune....Vi leggo con attenzione  Ansia, paura e braccino 113898 Ansia, paura e braccino 113898 Ansia, paura e braccino 113898

_______________________________________________

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
baccio7
baccio7
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 682
Data d'iscrizione : 01.10.20

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Wilson blade 104 v.6 - Prince TEXTREME tour 100 -Dunlop CX 400 -

Ansia, paura e braccino Empty Re: Ansia, paura e braccino

Mar 8 Mar 2022 - 15:21
baccio7 ha scritto:Ciao .. ho lo stesso problema... oramai non conto i tie break persi.. dovrebbero essere 20 degli ultimi 25.

Oggi gioco con un tipo con il quale l'incontro precedente stavo conducendo 3-6 6-0 8-4 al tie.. be' ho perso 10-4 senza nessun suo vincente, solo errori.

Penso che i consigli sopra possano aiutare.. rimanere concentrati sul punto..non pensare ai punti precedenti e nemmeno ai futuri..solo al prossimo... cercare di rimanere fluido.

Al tie ti consiglio di attaccare.. l'ho visto fare ad altri ed alla fine penso funzioni piu' che stare ad aspettare... e se perdi ridici su... io ci sto provando...  Very Happy  (Te lo so dire domani..)

Ho perso 10-8 (ora ho visto l'errore).  Laughing
Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.