Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di Passionetennis!
Da qui potete connettervi o registrarvi per far parte anche voi della nostra comunità.
La registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato e molto altro.
Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!
Buona navigazione su Passionetennis.it

Accedi
Ultimi argomenti commentati
Head lynx tourIeri alle 21:49novak 97
YONEX VCORE 100Ieri alle 15:11Ragus
Dunlop NTIeri alle 8:32Eiffel59
Yonex ezone 98 tourDom 24 Gen 2021 - 19:25Iron
Mantis Custom 98Dom 24 Gen 2021 - 16:35drichichi
Corde per EZone 100 2020Dom 24 Gen 2021 - 15:48matador66
Wilson Blade 104 v7Dom 24 Gen 2021 - 15:45geofr71
Giudizio incordatura.Dom 24 Gen 2021 - 14:52Rob.soli


Ultime dal mercatino
Link Amici

Andare in basso
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mar 15 Dic 2020 - 9:37
Nel corso della mia storia tennistica ho pensato a lungo a cosa potesse rappresentare suddetta linea di demarcazione. Di recente, ascoltando le chiacchiere di diversi giocatori, mi si è accesa la lampadina. La linea di demarcazione a mio parere è data dall'obiettivo che ci si pone: il giocatore di Club vive per riuscire a battere Tizio anzichè Caio invero Sempronio che di solito nel suo Club lo rulla. L'Agonista invece è concentrato sulla sua crescita tennistica, sia pure in Quarta Categoria, e quelli che lo rullano con buona regolarità li cerca apposta per poterli usare al fine di costruire suddetta crescita. E' un pò come paragonare una pozzanghera ad un lago: il giocatore da Club ha una visione del nostro Sport estremamente limitata dal proprio ego che vede come unico obiettivo sopravanzare il già citato tesserato dello stesso Club col quale perde regolarmente. E pensa di farlo giocandoci una volta ogni morte di Papa mentre nel frattempo accumula vittorie contro gente addirittura più triste di lui. L'Agonista cerca di giocar contro quante più palle diverse possibili ed il suo Credo è "when you lose don't lose the lesson". Io perlomeno la penso così. Ciao a tutti!
Anonymous
Ospite
Ospite

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 14:35
come ogni opinione di questo tipo, mi sembra piuttosto discriminante. parlare di tendenze viste con i propri occhi ok, ma estendere a tutti questa visione mi sembra eccessivo. ci sono tanti giocatori di quarta che non gliene frega assolutamente nulla di battere tizio ed avere un maggior prestigio del piffero. semplicemente non hanno voglia o possibilità di investire risorse in qualcosa di cui possono fare a meno. per vari motivi. caratteriali, fisici, tecnici, economici...in ogni motivazione può esistere il buono e il cattivo. non ha alcun senso pratico dedurre soltanto dai lati cattivi
Veterano
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2382
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 15:14
Non vedo assolutamente nulla di discriminante.....ognuno ha le Sue priorita'......se vuoi crescere il perorso e piu' o meno quello indicato dall' autores del 3d ,se no puoi continuaré a sparare ai piccioni senza problemi......a ognuno il suo....sonó semplicemente scelte....
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 15:59
VANDERGRAF ha scritto:come ogni opinione di questo tipo, mi sembra piuttosto discriminante. parlare di tendenze viste con i propri occhi ok, ma estendere a tutti questa visione mi sembra eccessivo. ci sono tanti giocatori di quarta che non gliene frega assolutamente nulla di battere tizio ed avere un maggior prestigio del piffero. semplicemente non hanno voglia o possibilità di investire risorse in qualcosa di cui possono fare a meno. per vari motivi. caratteriali, fisici, tecnici, economici...in ogni motivazione può esistere il buono e il cattivo. non ha alcun senso pratico dedurre soltanto dai lati cattivi

Premesso che in Winning Ugly di Brad Gilbert c'è un passo eufemisticamente illuminante nel quale lo zio Brad smonta la madre di tutte le s*******e ovvero:"non gioco a Tennis per vincere ma per divertirmi" replicando:"allora perchè conti i punti?" quelli da Club che menzionavo non fanno affatto mistero che campano per battere quello che non battono mai nel loro Club. Ora: mai fare di tutta l'erba un fascio ma se in ogni club dove metto il naso vedo la stessa identica dinamica ripetersi un sospetto mi viene eh  Laughing 

@Veterano ha scritto:Non vedo assolutamente nulla di discriminante.....ognuno ha le Sue priorita'......se vuoi crescere il perorso e piu' o meno quello indicato dall' autores del 3d ,se no puoi continuaré a sparare ai piccioni senza problemi......a ognuno il suo....sonó semplicemente scelte....

Gracias, Hombre
Anonymous
Ospite
Ospite

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 16:10
non hai compreso, veterano. la discriminazione di cui parlavo era riferito all'attribuire a tutti uno spirito povero che invece non è sempre presente. un conto è parlare di risorse di tempo, attitudine agonistica e abilità tecnica e un altro conto è essere miseri dentro l'anima
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 16:16
VANDERGRAF ha scritto:non hai compreso, veterano. la discriminazione di cui parlavo era riferito all'attribuire a tutti uno spirito povero che invece non è sempre presente. un conto è parlare di risorse di tempo, attitudine agonistica e abilità tecnica e un altro conto è essere miseri dentro l'anima

Di sicuro è largamente presente nei Clubbers che non ne fanno affatto mistero, però son convinto che l'arrampicata sugli specchi proseguirà imperterrita  Laughing
La buona notizia è che avendoti letto in giro posso tranquillamente escludere che il tuo sia un fatto personale con me. Rispondi sempre ad un Topic aperto da altri come uno appena uscito da una visita proctologica  Laughing
Però ammetto che fa folklore, di sicuro non sei un Ignavo di Dantesca memoria
taglia1964
taglia1964
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 626
Data d'iscrizione : 14.06.18

Profilo giocatore
Località: milano
Livello: ITR 5.5 FIT 4.NC
Racchetta: WILSON BLADE 98 CV - 16 X 19

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 16:54
noooooooooooooooooooo, ora inizierà un bubbone pazzesco  Very Happy
Anonymous
Ospite
Ospite

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 17:36
allora dovresti anche ricordare che certe pochezze non mi appartengono, tanto che ti consigliai su una cosa che avevi chiesto dopo un tuo attacco verso me. non vivo sulle frequenze del novantacinque per cento della gente, fortunatamente sono diverso. probabilmente è proprio per questo che certe mie valutazioni vengono viste come ambigue. ti assicuro che non devo arrampicarmi da nessuna parte. buona serenità e buon natale a tutti
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 17:43
VANDERGRAF ha scritto:allora dovresti anche ricordare che certe pochezze non mi appartengono, tanto che ti consigliai su una cosa che avevi chiesto dopo un tuo attacco verso me. non vivo sulle frequenze del novantacinque per cento della gente, fortunatamente sono diverso. probabilmente è proprio per questo che certe mie valutazioni vengono viste come ambigue. ti assicuro che non devo arrampicarmi da nessuna parte. buona serenità e buon natale a tutti

Eh già, perché uno si sveglia la mattina e, non sapendo cosa fare, "attacca" VANDERGRAF così a caso. E non perché, come ogni volta inclusa la presente, suddetto VDG interviene con tono sprezzante. Quasi dimenticavo: il delirio narcisistico della presunta appartenenza ad un imprecisato 5% della popolazione comunemente intesa è talmente geniale che temo tu sia troppo avanti per i nostri tempi. Quasi quasi ti chiedo i numeri da giocare al lotto 😂
Anonymous
Ospite
Ospite

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 17:50
il tono sprezzante tu lo vedi sempre, anche con altri, perché guardi solo l'interpretazione negativa, la tua. io ho soltanto detto, ed è una mia opinione, che non tutti i quarta da club si comportano in quel modo. modo che, a mio avviso, mi fa pensare ad una povertà di spirito sportivo. dove sta il disprezzo?! tu te le sogni le cose
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 17:53
Avrai sicuramente ragione 😂😂😂😂
Anonymous
Ospite
Ospite

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 17:59
la ragione non mi interessa proprio. ciao e buon natale
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 18:02
Sì immaginavo che la ragione non ti interessasse ma proprio "tout court" eh 😂
Vabbè, Buon Natale e viva la figa dai
Link90
Link90
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 67
Data d'iscrizione : 14.05.18

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 18:28
La differenza è molto più semplice: gli agonisti giocano, gli altri parlano (e aprono topic su corde e racchette, aggiungerei, lol) Wink


Ultima modifica di Link90 il Mer 16 Dic 2020 - 18:29, modificato 1 volta
Voloidion
Voloidion
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 126
Età : 55
Località : Bergamo
Data d'iscrizione : 08.09.10

Profilo giocatore
Località: Bergamo
Livello: ITR 3.68
Racchetta: Volkl V sense 8 315/ Volkl Organix 7 310

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 18:28
Nel corso della mia storia tennistica ho pensato a lungo a cosa potesse rappresentare suddetta linea di demarcazione. Di recente, ascoltando le chiacchiere di diversi giocatori, mi si è accesa la lampadina. La linea di demarcazione a mio parere è data dall'obiettivo che ci si pone: il giocatore di Club vive per riuscire a battere Tizio anzichè Caio invero Sempronio che di solito nel suo Club lo rulla. L'Agonista invece è concentrato sulla sua crescita tennistica, sia pure in Quarta Categoria, e quelli che lo rullano con buona regolarità li cerca apposta per poterli usare al fine di costruire suddetta crescita. E' un pò come paragonare una pozzanghera ad un lago: il giocatore da Club ha una visione del nostro Sport estremamente limitata dal proprio ego che vede come unico obiettivo sopravanzare il già citato tesserato dello stesso Club col quale perde regolarmente. E pensa di farlo giocandoci una volta ogni morte di Papa mentre nel frattempo accumula vittorie contro gente addirittura più triste di lui. L'Agonista cerca di giocar contro quante più palle diverse possibili ed il suo Credo è "when you lose don't lose the lesson". Io perlomeno la penso così. Ciao a tutti!


con tutto il rispetto questa mi sembra solo una generalizzazione
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 18:41
@Voloidion ha scritto:
con tutto il rispetto questa mi sembra solo una generalizzazione

Beh perlomeno non ho mai scritto di aver pretese di infallibilità papale dai 😸
Battuta a parte è come dici e non potrebbe essere altrimenti. Riporto la mia esperienza e, sebbene supportata dai fatti osservati, non è la verità assoluta per definizione. Mi sembra però curioso che quello che ho visto nei circoli frequentati sia qualcosa di completamente avulso a quelli che non ho frequentato. Tutto là! At salut
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 18:43
@Link90 ha scritto:La differenza è molto più semplice: gli agonisti giocano, gli altri parlano (e aprono topic su corde e racchette, aggiungerei, lol) Wink

Sagacissimo, oserei dire sagacerrimo 😸
Luchino 67
Luchino 67
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 881
Età : 53
Data d'iscrizione : 05.02.13

Profilo giocatore
Località: Reggio Emilia
Livello: Me la cavo bene a rete
Racchetta: Prince Rebel 98 exo3 Prince Tour 100 O3 310

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 21:52
Cavoli....a questo punto, non so da che parte sto.......io gioco i tornei di quarta, per giocare con più gente diversa e andar più avanti possibile nel torneo....i punti non sto a contarli, perchè se vado avanti spesso nei tornei, va da se che ne faccio abbastanza ma.....non mi interessa una cippa crescere tennisticamente....anche se diventassi 3/4 o 3/3 ( 3/5 lo son già stato ) non mi sentirei chissà chi....però mi considero un'agonista, perchè mi piace lo spirito della partita vera con qualcosa in palio che non sia solo il gusto di battere il mio amico di turno.....però mi piace moltissimo anche giocare partite amichevoli con i miei amici di circolo e non, che magari ho conosciuto in giro nei tornei, e ci metto tutto l'impegno possibile.....inoltre, non sono uno sfegatato dei tornei fit.....se ho voglia e non devo andar troppo lontano, ok.....altrimenti, va benissimo la solita partitella con amico del circolo....
Anonymous
Ospite
Ospite

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Mer 16 Dic 2020 - 22:49
io direi che più che l'obiettivo la cosa principale è il modo in cui si affronta il percorso. se hai caratteristiche e metodi che ti consentono di progredire tecnicamente e sei anche fisicamente preparato, va da sé che avanzerai di classifica. se invece non consideri necessario farlo oppure hai carenze eccessive che ti ostacolano che possono essere anche soltanto gli acciacchi dell'età, allora non avanzerai più di tanto. a prescindere dal fatto che tu possa avere una visione circoscritta al tuo giardinetto oppure a più ampio raggio. nel tennis serve tutto: testa, metodo, costanza, abilità tecnica e fisica
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Gio 17 Dic 2020 - 7:32
@Luchino 67 ha scritto:Cavoli....a questo punto, non so da che parte sto.......io gioco i tornei di quarta, per giocare con più gente diversa e andar più avanti possibile nel torneo....i punti non sto a contarli, perchè se vado avanti spesso nei tornei, va da se che ne faccio abbastanza ma.....non mi interessa una cippa crescere tennisticamente....anche se diventassi 3/4 o 3/3 ( 3/5 lo son già stato ) non mi sentirei chissà chi....però mi considero un'agonista, perchè mi piace lo spirito della partita vera con qualcosa in palio che non sia solo il gusto di battere il mio amico di turno.....però mi piace moltissimo anche giocare partite amichevoli con i miei amici di circolo e non, che magari ho conosciuto in giro nei tornei, e ci metto tutto l'impegno possibile.....inoltre, non sono uno sfegatato dei tornei fit.....se ho voglia e non devo andar troppo lontano, ok.....altrimenti, va benissimo la solita partitella con amico del circolo....

Non ti conosco ma da quel che leggo hai una dote rara nei Tennisti del "nostro" livello (o quasi, io la Terza Categoria al momento la vedo lontana e non per i punti ma per un discorso di fondo più complesso che richiederà tempo per venirne a capo) ossia l'umiltà. Il dramma dei Clubbers dei quali parlo è che, non avendo di fatto messo il naso quasi mai "là fuori", si considerano tennisti "forti". Roba che se riuscissero a battere la loro bestia nera del club probabilmente si sentirebbero in cima al ranking ATP 😂
Veterano
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2382
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Gio 17 Dic 2020 - 15:55
@Luchino 67 ha scritto:Cavoli....a questo punto, non so da che parte sto.......io gioco i tornei di quarta, per giocare con più gente diversa e andar più avanti possibile nel torneo....i punti non sto a contarli, perchè se vado avanti spesso nei tornei, va da se che ne faccio abbastanza ma.....non mi interessa una cippa crescere tennisticamente....anche se diventassi 3/4 o 3/3 ( 3/5 lo son già stato ) non mi sentirei chissà chi....però mi considero un'agonista, perchè mi piace lo spirito della partita vera con qualcosa in palio che non sia solo il gusto di battere il mio amico di turno.....però mi piace moltissimo anche giocare partite amichevoli con i miei amici di circolo e non, che magari ho conosciuto in giro nei tornei, e ci metto tutto l'impegno possibile.....inoltre, non sono uno sfegatato dei tornei fit.....se ho voglia e non devo andar troppo lontano, ok.....altrimenti, va benissimo la solita partitella con amico del circolo....
Beh Luchino tu ti trovi in una fascia di eta' dove giochi perche' ti piace farlo.....che  sia il torneo Fit che sia l'amichevole con il compagno di doppio ,l'importante e che giochi perche' ti piace giocare....
Ma sai anche quale sia la differenza tra una partita amichevole ed una ufficiale ,perche' per quanto ti impegni in una partita amichevole (che  va sempre bene) e magari riuscendo anche  a fare partita e vincere con chi ha una classifica superiore alla tua  non sara mai come giocare una partita ufficiale con lo stesso avversario....
IL campo non mente.....e spesso sento : sono 4.3 ma in amichevole me la gioco con molti terza....ecco a me dell' amichevole non me ne frega una chippa.....agonisiticamente parlando....
quando sarai in terza vorra ' dire che te la stai giocando con i terza.....l'amichevole lascia il tempo che trova....
E' una questione di scelta, e di tempo.....ma a questo punto  da quello che  leggo, e che  reputo molto importante, e che  a prescindere da che sia amichevole oppure torneo l'impegno non cambia..... e questo e' lo spirito giusto....
Ma ragazzi parliamoci chiaro.....non posso credere che si giochi solo per divertirsi.....perche' a me perdere due partite di fila con lo stesso avversario, anche se in amichevole.....fa ancora girare enormemente gli zebedei.....nonostante siano anni che non faccio tornei ufficiali...
Buon tennis e saluti a tutti
Andras
Andras
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1061
Età : 49
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: IN CAMPO
Livello: ITR 4.5
Racchetta: V CORE PRO 97 330

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Gio 17 Dic 2020 - 16:08
@Veterano ha scritto:
@Luchino 67 ha scritto:Cavoli....a questo punto, non so da che parte sto.......io gioco i tornei di quarta, per giocare con più gente diversa e andar più avanti possibile nel torneo....i punti non sto a contarli, perchè se vado avanti spesso nei tornei, va da se che ne faccio abbastanza ma.....non mi interessa una cippa crescere tennisticamente....anche se diventassi 3/4 o 3/3 ( 3/5 lo son già stato ) non mi sentirei chissà chi....però mi considero un'agonista, perchè mi piace lo spirito della partita vera con qualcosa in palio che non sia solo il gusto di battere il mio amico di turno.....però mi piace moltissimo anche giocare partite amichevoli con i miei amici di circolo e non, che magari ho conosciuto in giro nei tornei, e ci metto tutto l'impegno possibile.....inoltre, non sono uno sfegatato dei tornei fit.....se ho voglia e non devo andar troppo lontano, ok.....altrimenti, va benissimo la solita partitella con amico del circolo....
Beh Luchino tu ti trovi in una fascia di eta' dove giochi perche' ti piace farlo.....che  sia il torneo Fit che sia l'amichevole con il compagno di doppio ,l'importante e che giochi perche' ti piace giocare....
Ma sai anche quale sia la differenza tra una partita amichevole ed una ufficiale ,perche' per quanto ti impegni in una partita amichevole (che  va sempre bene) e magari riuscendo anche  a fare partita e vincere con chi ha una classifica superiore alla tua  non sara mai come giocare una partita ufficiale con lo stesso avversario....
IL campo non mente.....e spesso sento : sono 4.3 ma in amichevole me la gioco con molti terza....ecco a me dell' amichevole non me ne frega una chippa.....agonisiticamente parlando....
quando sarai in terza vorra ' dire che te la stai giocando con i terza.....l'amichevole lascia il tempo che trova....
E' una questione di scelta, e di tempo.....ma a questo punto  da quello che  leggo, e che  reputo molto importante, e che  a prescindere da che sia amichevole oppure torneo l'impegno non cambia..... e questo e' lo spirito giusto....
Ma ragazzi parliamoci chiaro.....non posso credere che si giochi solo per divertirsi.....perche' a me perdere due partite di fila con lo stesso avversario, anche se in amichevole.....fa ancora girare enormemente gli zebedei.....nonostante siano anni che non faccio tornei ufficiali...
Buon tennis e saluti a tutti

Prima evidenziatura: una verità assoluta a mio parere  QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA 622327
Seconda evidenziatura: sempre lo zio Brad (in Winning Ugly) scriveva che chi dice di "giocare per divertirsi" e/o che "vincere non conta" di solito in campo perde  Laughing
piccolit
piccolit
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 432
Data d'iscrizione : 08.07.19

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4NC
Racchetta:

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Gio 17 Dic 2020 - 16:20
@Veterano ha scritto:
@Luchino 67 ha scritto:Cavoli....a questo punto, non so da che parte sto.......io gioco i tornei di quarta, per giocare con più gente diversa e andar più avanti possibile nel torneo....i punti non sto a contarli, perchè se vado avanti spesso nei tornei, va da se che ne faccio abbastanza ma.....non mi interessa una cippa crescere tennisticamente....anche se diventassi 3/4 o 3/3 ( 3/5 lo son già stato ) non mi sentirei chissà chi....però mi considero un'agonista, perchè mi piace lo spirito della partita vera con qualcosa in palio che non sia solo il gusto di battere il mio amico di turno.....però mi piace moltissimo anche giocare partite amichevoli con i miei amici di circolo e non, che magari ho conosciuto in giro nei tornei, e ci metto tutto l'impegno possibile.....inoltre, non sono uno sfegatato dei tornei fit.....se ho voglia e non devo andar troppo lontano, ok.....altrimenti, va benissimo la solita partitella con amico del circolo....
Beh Luchino tu ti trovi in una fascia di eta' dove giochi perche' ti piace farlo.....che  sia il torneo Fit che sia l'amichevole con il compagno di doppio ,l'importante e che giochi perche' ti piace giocare....
Ma sai anche quale sia la differenza tra una partita amichevole ed una ufficiale ,perche' per quanto ti impegni in una partita amichevole (che  va sempre bene) e magari riuscendo anche  a fare partita e vincere con chi ha una classifica superiore alla tua  non sara mai come giocare una partita ufficiale con lo stesso avversario....
IL campo non mente.....e spesso sento : sono 4.3 ma in amichevole me la gioco con molti terza....ecco a me dell' amichevole non me ne frega una chippa.....agonisiticamente parlando....
quando sarai in terza vorra ' dire che te la stai giocando con i terza.....l'amichevole lascia il tempo che trova....
E' una questione di scelta, e di tempo.....ma a questo punto  da quello che  leggo, e che  reputo molto importante, e che  a prescindere da che sia amichevole oppure torneo l'impegno non cambia..... e questo e' lo spirito giusto....
Ma ragazzi parliamoci chiaro.....non posso credere che si giochi solo per divertirsi.....perche' a me perdere due partite di fila con lo stesso avversario, anche se in amichevole.....fa ancora girare enormemente gli zebedei.....nonostante siano anni che non faccio tornei ufficiali...
Buon tennis e saluti a tutti

Pensa che io perdo praticamente tutte le partite costantemente da 2 anni e mezzo a questa parte (cioè dal primo giorno che ho preso una racchetta in mano), pensa a me quanto girano... Very Happy Very Happy Very Happy
Roger75
Roger75
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 402
Località : Padova/Vicenza
Data d'iscrizione : 08.02.20

Profilo giocatore
Località:
Livello: I.T.R. 4.0
Racchetta: O3 Phantom 100X; Tour Heritage 290 gr; Beast 100; Ps L Laver;Speed mp '18

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Gio 17 Dic 2020 - 18:55
@Veterano ha scritto:
@Luchino 67 ha scritto:Cavoli....a questo punto, non so da che parte sto.......io gioco i tornei di quarta, per giocare con più gente diversa e andar più avanti possibile nel torneo....i punti non sto a contarli, perchè se vado avanti spesso nei tornei, va da se che ne faccio abbastanza ma.....non mi interessa una cippa crescere tennisticamente....anche se diventassi 3/4 o 3/3 ( 3/5 lo son già stato ) non mi sentirei chissà chi....però mi considero un'agonista, perchè mi piace lo spirito della partita vera con qualcosa in palio che non sia solo il gusto di battere il mio amico di turno.....però mi piace moltissimo anche giocare partite amichevoli con i miei amici di circolo e non, che magari ho conosciuto in giro nei tornei, e ci metto tutto l'impegno possibile.....inoltre, non sono uno sfegatato dei tornei fit.....se ho voglia e non devo andar troppo lontano, ok.....altrimenti, va benissimo la solita partitella con amico del circolo....
Beh Luchino tu ti trovi in una fascia di eta' dove giochi perche' ti piace farlo.....che  sia il torneo Fit che sia l'amichevole con il compagno di doppio ,l'importante e che giochi perche' ti piace giocare....
Ma sai anche quale sia la differenza tra una partita amichevole ed una ufficiale ,perche' per quanto ti impegni in una partita amichevole (che  va sempre bene) e magari riuscendo anche  a fare partita e vincere con chi ha una classifica superiore alla tua  non sara mai come giocare una partita ufficiale con lo stesso avversario....
IL campo non mente.....e spesso sento : sono 4.3 ma in amichevole me la gioco con molti terza....ecco a me dell' amichevole non me ne frega una chippa.....agonisiticamente parlando....
quando sarai in terza vorra ' dire che te la stai giocando con i terza.....l'amichevole lascia il tempo che trova....
E' una questione di scelta, e di tempo.....ma a questo punto  da quello che  leggo, e che  reputo molto importante, e che  a prescindere da che sia amichevole oppure torneo l'impegno non cambia..... e questo e' lo spirito giusto....
Ma ragazzi parliamoci chiaro.....non posso credere che si giochi solo per divertirsi.....perche' a me perdere due partite di fila con lo stesso avversario, anche se in amichevole.....fa ancora girare enormemente gli zebedei.....nonostante siano anni che non faccio tornei ufficiali...
Buon tennis e saluti a tutti

Sono d' accordo in gran parte; per quanto mi riguarda, ho fatto sempre e solo tornei amatoriali. Perdere però brucia sempre, a tutti i livelli, con ogni avversario, anche quando gioco con il mio migliore amico col quale ci troviamo un paio di volte al mese. Sinceramente, però, guardo anche al livello: vincere giocando di palta non mi soddisfa, mai. Ho la consapevolezza che quella non è una vittoria "utile"...ma almeno non ho perso..Altre volte, ho perso giocando al mio meglio e mi sono ritenuto più soddisfatto, perché ho dato il massimo del mio potenziale del momento.
Luchino 67
Luchino 67
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 881
Età : 53
Data d'iscrizione : 05.02.13

Profilo giocatore
Località: Reggio Emilia
Livello: Me la cavo bene a rete
Racchetta: Prince Rebel 98 exo3 Prince Tour 100 O3 310

QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA Empty Re: QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA

il Gio 17 Dic 2020 - 19:43
Condivido tutti i commenti.....e chiarisco: non vorrei perdere neanche se gioco a carte con mia nonna. QUARTA CATEGORIA: LA LINEA DI DEMARCAZIONE TRA IL GIOCATORE DI CLUB ED UN AGONISTA 113898 ....verissimo che tra una amichevole e una partita ufficiale ci sia differenza ma, credetemi, per come sono fatto io, certe partite con alcuni amici, mi mettono addosso un'ansia identica a quelle di torneo, se non peggio. pale .....e come dice Roger, non farò mai il pallettaro per portare a casa una partita....piuttosto scanchero con il back e tiro il dritto cioppatp stile Nicolescu, attacco in controtempo e non do mai una palla uguale, ma sia mai che mi metto ad alzare la palla 3 metri sopra la rete.....e se perdo giocando bene, canto pure sotto la doccia, perchè quello che dovevo fare l'ho fatto.... Basketball Basketball
Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.