Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di Passionetennis!
Da qui potete connettervi o registrarvi per far parte anche voi della nostra comunità.
La registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato e molto altro.
Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!
Buona navigazione su Passionetennis.it

Accedi





Ultime dal mercatino
Link Amici

Andare in basso
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 7:30
Ciao a tutti. Galoppando verso i 49 e vivendo la mia terza vita tennistica dopo due stop 1993/2011 e 2014/2018 ho realizzato che (buona) parte degli insegnamenti cardine della vecchia scuola (diciamo la SAT di metà anni 80 per avere un riferimento temporale) son da metter via senza troppi scrupoli. Non sprecherò tempo su come open/semiopen stance sul dritto abbiano pensionato la closed stance alla quale noi ragazzini 35 anni fa venivamo costretti pena 100 piegamenti sulle nocche (LOL) ma mi concentrerò piuttosto su un altro aspetto fondamentale ossia il punto d'impatto. Tornando all'era vintage di 35 anni fa uno dei comandamenti urbi et orbi era l'immancabile "colpire la palla davanti al corpo". Posso dirlo senza offendere nessuno? E' una panzana. O meglio, è una variabile che ogni giocatore deve relazionare a come si muove in campo. Faccio un esempio semplicissimo: da quando sul rovescio bimane aspetto che la palla superi la linea della mia spalla destra prima di partire con lo swing ne sbaglio 1 su 100 anzichè 1 su 5 come prima. Volete un esempio ben più celebre, blasonato e vincente del Mister Nessuno che sta scrivendo queste righe? Andre Agassi. Esattamente, carissimi tutti. Uno dice Agassi e tutti pensano a come colpiva "in anticipo" la palla. Se parliamo della traiettoria del rimbalzo siamo tutti d'accordo. Se parliamo di dove colpiva rispetto al suo corpo invece ne scopriamo delle belle. Agassi nelle interviste "tecniche" non fa mistero del fatto che il suo punto d'impatto sul rovescio a due mani era all'altezza della sua anca sinistra. Letto bene? Anca sinistra. Alla faccia del "colpire la palla davanti al corpo" eh. Lui, da fenomeno qual'era, in questo modo riusciva a nascondere perfettamente dove avrebbe tirato perchè poteva far partire una sassata lungolinea o una incrociata senza la minima differenza nella preparazione dei due colpi (anzi). Ma col piffero che "colpiva la palla davanti al corpo" sul rovescio a due mani. Considerando che Andre Agassi è stato a tutti gli effetti il padre del Tennis moderno che vediamo oggi penso che quanto dice non solo sia meritevole di estrema considerazione ma anche di riflessione sulla tecnica di ognuno di noi nessuno escluso. Il punto d'impatto è fondamentale, ma la questione è che non esistono dogmi assoluti/talebani su quale sia quello ideale. Il nocciolo è trovare quale sia quello ideale per ciascuno di noi anzi, pure meglio, per ciascuno dei nostri colpi. Perchè per alcuni di essi (voleè in primis ma non solo) "colpire davanti al corpo" funziona. Per altri (vedasi sopra) anche no. 
Grazie a chi legge, un caro saluto a Vandergraf che so quanto adora i miei sproloqui  Laughing


Ultima modifica di Alessandro il Ven 16 Ott 2020 - 15:29, modificato 1 volta (Motivo : Formattazione del titolo)
andyvakgj
andyvakgj
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1986
Età : 52
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 04.02.14

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: del mare
Racchetta: Pure Strike Tour 2019

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 7:45
Beh, sul punto d'impatto nel rovescio bimane non mi pare tu abbia scoperto quale novità. L'impugnatura a martello insegna che la pallina non può essere colpiata davanti al corpo e nel rovescio a due mani l'impugnatura è tendenzialmente quella.
Il discorso di trovare il punto ideale d'impatto per ciascuno dei nostri colpi va bene ma ricordando che nel tennis per dar peso alla palla è necessario che il baricentro del corpo si sposti dalla parte posteriore a quella anteriore con la conseguenza che più si riesce a colpire davanti, facendo il movimento appropriato e avendo il timing giusto, più si imprime forza e peso alla pallina.

ciao e buon tennis
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:02
Vedo che la simpatia regna sempre sovrana su questo forum (cit "non mi pare tu abbia scoperto quale novità"), è bello avere certezze come questa nella vita. Sul rovescio a due mani non uso la Continental ma la Eastern di rovescio con la mano dx e la Semiwestern di dritto con la sx. Messe via le ovvietà prendo atto della cordialità imperante e auguro buona prosecuzione anche a quelli con l'acido gastrico a livelli di guardia. Bye
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 7163
Età : 52
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.6 fit
Racchetta: Mantis Custom 98 16x19 - Prince Beast 100 16x19 & Phantom pro 100P 16x18 - Zus Custom 100 ra 62 e 70 16x19 & Wepem X 100 16x19, Prince Graphite 100 Longbody 16x18, Tour 100 290gr 16x18

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:17
Credo che colpire in linea con le anche e non davanti al corpo depotenzia il colpo considerato che non siamo dei novelli Agassi. Poi non credo sarebbe attuabile per i one hand backhand.
andyvakgj
andyvakgj
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1986
Età : 52
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 04.02.14

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: del mare
Racchetta: Pure Strike Tour 2019

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:20
Ma prendi atto male, molto male.
Ho semplicemente affermato quello che penso dicendoti che non è una novità che nel rovescio a due mani il punto d'impatto è meccanicamente e fisiologicamente più arretrato.
Evidentemente se non si viene assecondati ci si offende.
Mi spiace ma non era per nulla mia intenzione
ciao e buon tennis
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:24
Sul discorso anche/Agassi non posso che essere d'accordo per ovvi motivi. Sulla questione potenza son ragionevolmente certo subentrino anche altri fattori come ad esempio la rotazione delle anche et similia. Colpendo appena la linea della traiettoria supera la mia spalla destra ad occhio e croce l'impatto avviene in prossimità della mia anca destra. Sul rovescio ad una mano non mi esprimo se non per dire che, prima di passare al bimane, cercando anche lì di colpire davanti al corpo non trovavo mai il timing giusto con risultati pure peggiori rispetto al bimane prima di essere sistemato. Ciao
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:27
@andyvakgj ha scritto:
Evidentemente se non si viene assecondati ci si offende.
Evidentemente non ti accorgi del tono che usi, puoi anche menzionare delle verità assolute ma se ti esprimi in maniera supponente ("chissà quale novità" del primo post) hai poco di che sorprenderti se la gente si incazza.
Con buona pace dei giramenti di frittata eh. At salut
andyvakgj
andyvakgj
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1986
Età : 52
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 04.02.14

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: del mare
Racchetta: Pure Strike Tour 2019

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:42
Francamente di girare la frittata non mi importa nulla. Se ti sei offeso, ti chiedo scusa e ti ribadisco che non era mia intenzione essere offensivo.

Però il concetto resta, non è una novità che nel rovescio a due mani il punto d'impatto sia più arretrato
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 8:48
@andyvakgj ha scritto:Francamente di girare la frittata non mi importa nulla. Se ti sei offeso, ti chiedo scusa e ti ribadisco che non era mia intenzione essere offensivo.

Però il concetto resta, non è una novità che nel rovescio a due mani il punto d'impatto sia più arretrato

Scuse non necessarie, è solo che uno vuole parlare in modo rilassato condividendo le sue esperienze ed il sarcasmo d'ordinanza come risposta non aiuta. Pace, giriamo pagina. Il concetto resta? Concordo. Anche se, dimmi pure la tua, sfido chiunque a fare un dritto lungolinea in open stance colpendo la palla davanti al corpo. Senza essere Fognini intendo
avatar
davenrk
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.07.17

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 9:02
Post interessante. Beh Agassi era un fenomeno per cui poteva anche colpire anche dietro le anche  Laughing
Mi viene il dubbio che anche sul diritto non la colpisse tanto davanti, ma è solo una sensazione, bisognerebbe trovare qualche video da un'angolazione laterale.
andyvakgj
andyvakgj
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1986
Età : 52
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 04.02.14

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: del mare
Racchetta: Pure Strike Tour 2019

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 9:04
La Azarenka spesso lo fa. Ma ovviamente parliamo di alti livelli. Ai nostri livelli capita di farlo quando si è in corsa/recupero, ma è un colpo che in genere ci fa perdere il punto o perchè lo sbagliamo o perchè il nostro avversario ci rimanda una palla incrociata quasi impossibile da raggiungere.
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 9:11
@davenrk ha scritto:Post interessante. Beh Agassi era un fenomeno per cui poteva anche colpire anche dietro le anche  Laughing
Mi viene il dubbio che anche sul diritto non la colpisse tanto davanti, ma è solo una sensazione, bisognerebbe trovare qualche video da un'angolazione laterale.

Sensazione corretta direi. Ciao!
Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Cattur10
avatar
davenrk
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.07.17

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 9:13
Beccato! Se riuscissi a trovarne uno anche ad inizio carriera, te ne sarei grato
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 9:18
@andyvakgj ha scritto:La Azarenka spesso lo fa. Ma ovviamente parliamo di alti livelli. Ai nostri livelli capita di farlo quando si è in corsa/recupero, ma è un colpo che in genere ci fa perdere il punto o perchè lo sbagliamo o perchè il nostro avversario ci rimanda una palla incrociata quasi impossibile da raggiungere.

Quando parli di lungolinea in corsa/recupero intendi il pallettone liftato lungo all'angolo alla nostra destra (o alla sinistra del nostro avversario se ci ha mandato in tribuna a colpirlo....) presumo. Mi sono espresso in modo troppo generico prima, intendevo il dritto lungolinea da palleggio col quale "martellare" sul rovescio dell'avversario. Ho notato che, complice l'open stance (volesse Iddio che la traiettoria viene ancora data dalla linea delle spalle....), non lo gioca più nessuno o quasi. Contrariamente al dritto anomalo da sinistra a destra sempre sul rovescio dell'avversario. Personalmente per giocare il lungolinea di dritto vero e proprio devo impormi di lasciarmi (appena) superare dalla palla (intendo la linea delle spalle che in open stance di fatto è parallela alla rete). Così facendo mi costringo a chiudere di più la stance e porre i presupposti per indirizzare la palla in quell'angolo. A leggerlo è più cervellotico che a farlo, garantito!
avatar
davenrk
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.07.17

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 9:33
Per quanto riguarda il diritto, dirò una ovvietà, ma fondamentale è l'impugnatura, con una continental per esempio non potrai colpire la palla davanti, ma laterale altrimenti la spareresti sempre alta....
quindi si parte da eastern, per passare alla semi-western e , più esasperata la western.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 5500
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 10:09
il tono che ha usato andy era normale, evidentemente sei tu che non ti accorgi che te la prendi per ogni minima cosa. un saluto
taglia1964
taglia1964
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 563
Data d'iscrizione : 14.06.18

Profilo giocatore
Località: milano
Livello: ITR 5.5 FIT 4.NC
Racchetta: WILSON BLADE 98 CV - 16 X 19

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 13:41
So che verrò frainteso ma ci provo: il punto di impatto è determinato da impugnatura e tipologia di swing (distensione o 3L). Il punto di impatto è rispetto al busto/spalla e non ai piedi. Se semiopen e open stance sono eseguite bene con la giusta rotazione del busto il punto di impatto non cambia rispetto ad una stance neutra. Nelle varie stance cambia quale gamba spinge e come ma non il punto di impatto "teorico".  La open stance di oggi è sicuramente abusata ed è la stance in cui è più difficile trovare equilibrio e timing, di fatto anche i big la giocano nei recuperi e nelle situazioni estreme. I 4° categoria la giocano per pigrizia e la palla non cammina. ovviamente ci sono eccezioni. Credo che, indipendentemente dalla stance che si adotta, l'importante sia non perdere la lateralità rispetto alla palla ed è indubbio che giocare in open stance porti maggior difficoltà nel mantenere la lateralità. Nel rovescio, se è vero che il mono mano si gioca sempre in closed o in neutral (anche qui ci sono le eccezioni) e che il punto di impatto è sempre avanzato (eccezione il back) e resta esterno alla linea delle spalle, è  vero anche che il bimane dovendo colpire all'interno delle spalle può farlo anche con open e semiopen (e le loro intermedie).
la dinamica è di semplice illustrazione sul campo, mentre lo spiegone annoia e forse non chiarisce neppure abbastanza il concetto.
buon tennis
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 13:50
@VANDERGRAF ha scritto:il tono che ha usato andy era normale, evidentemente sei tu che non ti accorgi che te la prendi per ogni minima cosa. un saluto

Altro intervento fondamentale per la Storia del Tennis come quello sul confronto Juice/Steam. Continua così che vai alla grande (sic)
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 13:59
@davenrk ha scritto:Per quanto riguarda il diritto, dirò una ovvietà, ma fondamentale è l'impugnatura, con una continental per esempio non potrai colpire la palla davanti, ma laterale altrimenti la spareresti sempre alta....
quindi si parte da eastern, per passare alla semi-western e , più esasperata la western.

Sul dritto usando la semiwestern il mio punto di contatto ideale è quando la palla entra nell'ultimo quarto della sua parabola dopo il rimbalzo (pensa al secondo/terzo "quarto" come a quelli immediatamente antecedente e postecedente l'apice del rimbalzo, coi quattro quarti rappresentati da archi congruenti). A quel punto della traiettoria direi che la palla è sì e no dinnanzi alla linea della mia anca più davanti nella stance sul cross ed appena dietro sul lungolinea. Il mio problema sul dritto è che ha tantissima consistenza/profondità ma non il peso che vorrei, m'è capitato di giocar con gente che di dritto chiude da fondo coi piedi fuori dal campo ed onestamente non ne sono affatto capace. Discorso diverso per il dritto a chiusura col rimbalzo entro la linea del servizio ma lì parliamo di tutt'altra cosa ovviamente
andyvakgj
andyvakgj
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1986
Età : 52
Località : Rimini
Data d'iscrizione : 04.02.14

Profilo giocatore
Località: Rimini
Livello: del mare
Racchetta: Pure Strike Tour 2019

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 14:09
Andras cerca di non esagerare però. Chi sei il censore di questo forum?
Qui abbandono il topic per noia sopraggiunta.
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 14:11
@taglia1964 ha scritto:So che verrò frainteso ma ci provo: il punto di impatto è determinato da impugnatura e tipologia di swing (distensione o 3L). Il punto di impatto è rispetto al busto/spalla e non ai piedi. Se semiopen e open stance sono eseguite bene con la giusta rotazione del busto il punto di impatto non cambia rispetto ad una stance neutra. Nelle varie stance cambia quale gamba spinge e come ma non il punto di impatto "teorico".  La open stance di oggi è sicuramente abusata ed è la stance in cui è più difficile trovare equilibrio e timing, di fatto anche i big la giocano nei recuperi e nelle situazioni estreme. I 4° categoria la giocano per pigrizia e la palla non cammina. ovviamente ci sono eccezioni. Credo che, indipendentemente dalla stance che si adotta, l'importante sia non perdere la lateralità rispetto alla palla ed è indubbio che giocare in open stance porti maggior difficoltà nel mantenere la lateralità. Nel rovescio, se è vero che il mono mano si gioca sempre in closed o in neutral (anche qui ci sono le eccezioni) e che il punto di impatto è sempre avanzato (eccezione il back) e resta esterno alla linea delle spalle, è  vero anche che il bimane dovendo colpire all'interno delle spalle può farlo anche con open e semiopen (e le loro intermedie).
la dinamica è di semplice illustrazione sul campo, mentre lo spiegone annoia e forse non chiarisce neppure abbastanza il concetto.
buon tennis

Un grosso grazie per un intervento che a mio parere è lo stato dell'arte circa il topic che ho aperto. Nella parte che ho evidenziato a mio parere fai un centro grande quanto una casa. Pensa che sul dritto, oltre alla questione che giustamente menzioni, io ho un paio di problemi aggiuntivi 1 il mio occhio dominante è il destro quindi, nonostante i 10/10 garantiti dai Fast Jacket della Oakley graduati che uso, dalla parte del rovescio la palla la gestisco prima e meglio 2 i (goffi) tentativi di sganciarmi dalla open stance (che, come rispondevo ad un altro ragazzo, perlomeno mi garantisce consistenza/profondità (ma non la potenza che desidero)) sul dritto mi portano ad incasinarmi (ulteriormente, 194cm son comunque una "gestione" importante da fare) col footwork. E' un gran bel casino perchè come dicevo altrove ad Eiffel quando negli scambi comandati si ha bisogno di 1/2 colpi in più per chiudere si è costretti ad accettarne i rischi. A fronte della certezza di non avere un vincente in tasca oltre alla prima di servizio (che infatti se non fa il suo dovere quando incontro gente forte la partita è tutta in salita)
Andras
Andras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 921
Età : 48
Località : Ferrara
Data d'iscrizione : 29.08.11

Profilo giocatore
Località: FERRARA
Livello: ITR 4.5
Racchetta: STEAM99S JUICE100S

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 14:15
@andyvakgj ha scritto:Andras cerca di non esagerare però. Chi sei il censore di questo forum?
Qui abbandono il topic per noia sopraggiunta.

Ma quale censore, non sono nessuno. Certo che se il mister interviene esclusivamente per darmi contro (siamo alla seconda volta su due topic aperti) si fa una discreta fatica a non ribattere dai. Volendo soprassedere sulla dabbenaggine dell'essere intervenuto oltre tempo massimo (ossia a chiarimento già avvenuto inter nos) si fa poi presto ad ignorare topics ritenuti noiosi o poco interessanti. Sbaglio? Ciao
avatar
davenrk
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.07.17

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 14:31
q
avatar
davenrk
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.07.17

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 14:41
@taglia1964 ha scritto:
So che verrò frainteso ma ci provo: il punto di impatto è determinato da impugnatura e tipologia di swing (distensione o 3L). Il punto di impatto è rispetto al busto/spalla e non ai piedi. Se semiopen e open stance sono eseguite bene con la giusta rotazione del busto il punto di impatto non cambia rispetto ad una stance neutra. 
esatto


@taglia1964 ha scritto:
La open stance di oggi è sicuramente abusata ed è la stance in cui è più difficile trovare equilibrio e timing, di fatto anche i big la giocano nei recuperi e nelle situazioni estreme. I 4° categoria la giocano per pigrizia e la palla non cammina. 
nella open stance fondamentale il caricare bene con le gambe mentre porti la racchetta dietro


@taglia1964 ha scritto:
Nel rovescio, se è vero che il mono mano si gioca sempre in closed o in neutral (anche qui ci sono le eccezioni) e che il punto di impatto è sempre avanzato (eccezione il back) e resta esterno alla linea delle spalle, 
cosa intendi con rovescio a una mano closed o neutral?
ovviamente rovescio a 1 mano in open stance non esiste davvero
avatar
davenrk
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.07.17

Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati Empty Re: Punto d'impatto: tra leggende metropolitane ed insegnamenti superati

il Ven 16 Ott 2020 - 14:48
@Andras ha scritto:

Sul dritto usando la semiwestern il mio punto di contatto ideale è quando la palla entra nell'ultimo quarto della sua parabola dopo il rimbalzo (pensa al secondo/terzo "quarto" come a quelli immediatamente antecedente e postecedente l'apice del rimbalzo, coi quattro quarti rappresentati da archi congruenti). A quel punto della traiettoria direi che la palla è sì e no dinnanzi alla linea della mia anca più davanti nella stance sul cross ed appena dietro sul lungolinea. Il mio problema sul dritto è che ha tantissima consistenza/profondità ma non il peso che vorrei, m'è capitato di giocar con gente che di dritto chiude da fondo coi piedi fuori dal campo ed onestamente non ne sono affatto capace. Discorso diverso per il dritto a chiusura col rimbalzo entro la linea del servizio ma lì parliamo di tutt'altra cosa ovviamente
non è molto semplice da capire , comunque se usi una semiwestern, e apri correttamente (se sei destro) tirando indietro la spalla sinistra x farti spazio , devi per forza colpire davanti, altrimenti c'è qualcosa nel tuo gesto che non va.

poi c'è anche da dire che più si allontana la racchetta dal braccio, più si perde la percezione della potenza, per questo la stragrande maggioranza dei pro tende a colpire di diritto con il braccio un po' piegato, non completamente disteso....anche se sicuramente loro lo fanno perché gli viene naturale farlo così
Torna in alto
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.