Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi

Ultimi argomenti
polytour fireIeri alle 22:41DinoP
PRINCE 2020Ieri alle 21:42drichichi
YonexVen 6 Dic 2019 - 22:04Thewall1997
PURE AERO 2019Ven 6 Dic 2019 - 19:24NikRafa22
SPEED MP GRAPHENE 360Ven 6 Dic 2019 - 14:56MARATIVAN82
Ibrido Instinct MPVen 6 Dic 2019 - 14:03joker83
Borsone più capienteVen 6 Dic 2019 - 12:47Jimbo77





Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1963
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98; Prince Beast 100.

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Sab 30 Nov 2019 - 23:25
Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)


Siete d'accordo? Si? No? Forse?


Dite la vostra....


La mia è si, molto più mentale che fisico. Il tennis è Concentrazione


"Per giocare bene a tennis, quale che sia il proprio livello, bisogna volere e sapere ragionare e questo diventa molto difficile se dominano stati d’animo di rabbia o di svalutazione di se stessi. Altrimenti non si sa dove dirigere l’attenzione." cit Alberto Cei
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4739
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello:
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 0:27
penso che la percentuale notevole della condizione mentale è più da rapportare al tennis agonistico di livello medio/alto. scendendo, la fa da padrone la condizione fisica, perché se non hai la necessaria reattività di gambe per un'ora o più, sulla palla arrivi male e lo si può notare facilmente anche nell'arco di pochi giorni quando abbiamo giornate di stanchezza o piccoli infortuni da smaltire. se stiamo in forma e possiamo fare il nostro tennis, a livello di quarta, è già quasi tutto il potenziale. poi chiaramente c'è l'aspetto tattico eventuale da tirar fuori
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4739
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello:
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 1:06
non penso che nell'affermazione in oggetto si intenda l'aspetto mentale come concentrazione generica, altrimenti sarebbe il cento per cento. chi potrebbe far fronte a uno sport del genere senza concentrazione costante ? quando si parla di aspetto mentale si parla di qualità ben più circostanziate, ad esempio trovare la forza di rimontare un primo set schiacciante o avere la freddezza in un tiebreak o servire al top nei momenti chiave o più in generale essere sempre in partita senza mollare mai un centimetro. questo è piuttosto variabile, anche ad alti livelli. o meglio in acuni giocatori è variabile, in altri, ad esempio nadal, molto meno. se poi estendiamo il concetto di mentale si va a coprire praticamente tutto, perché tutta la gestualità fisica e tecnica è strettamente correlata all'impegno mentale, anche quando sembrano colpi più istintivi
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13458
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 9:09
Le percentuali sul tennis "mentale", in genere, le danno o chi ci sa giocare per davvero o chi non ci ha capito molto.
Vista la fonte... crediamogli sulla parola. Molto divertente il "tennistico al 5%", come dire "sì, ok, diamo per scontato che...". Ecco, appunto, "diamo per scontato"....
Very Happy
framan
framan
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1031
Data d'iscrizione : 29.11.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: ex
Racchetta: Head gravity mp

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 9:55
Quando si parla di queste percentuali, si fa sempre l'errore di considerarle assolute, vanno considerate in relazione a quanto bravo sei.
Ferrero, con una tecnica sopraffina, parla di 5%, vabbè, voglio vedere pinco pallino con 20 ore di maestro e una ferrea condizione mentale magari derivata da altro sport praticato per anni, quanti punti mi fa contro di lui.
In realtà queste percentuali partono da un 100% tecnica se non hai mai preso una racchetta in mano, percentuale che si assottiglia sempre di più facendo crescere la percentuale di parte fisica con le ore di tennis praticato, fino a percentuali sostenute da Ferrero in campo professionistico.
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1963
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98; Prince Beast 100.

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 10:39
@kingkongy ha scritto:Le percentuali sul tennis "mentale", in genere, le danno o chi ci sa giocare per davvero o chi non ci ha capito molto.
Vista la fonte... crediamogli sulla parola. Molto divertente il "tennistico al 5%", come dire "sì, ok, diamo per scontato che...". Ecco, appunto, "diamo per scontato"....
Very Happy
Ma scontato tipo Black Friday?  Suspect
Very Happy Very Happy Very Happy
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1963
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98; Prince Beast 100.

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 14:52
@VANDERGRAF ha scritto:non penso che nell'affermazione in oggetto si intenda l'aspetto mentale come concentrazione generica, altrimenti sarebbe il cento per cento. chi potrebbe far fronte a uno sport del genere senza concentrazione costante ? quando si parla di aspetto mentale si parla di qualità ben più circostanziate, ad esempio trovare la forza di rimontare un primo set schiacciante o avere la freddezza in un tiebreak o servire al top nei momenti chiave o più in generale essere sempre in partita senza mollare mai un centimetro. questo è piuttosto variabile, anche ad alti livelli. o meglio in acuni giocatori è variabile, in altri, ad esempio nadal, molto meno. se poi estendiamo il concetto di mentale si va a coprire praticamente tutto, perché tutta la gestualità fisica e tecnica è strettamente correlata all'impegno mentale, anche quando sembrano colpi più istintivi
Esattamente, hai colto il segno. 
Noi siamo genericamente amatoriali, l'affermazione citata è fatta da un campione ATP ma riferita a noi in relazione alla scarsa tenuta mentale piuttosto che alla scarsa tecnica. 
La nostra tenuta mentale è quella di chi 20 minuti prima di arrivare al campo eravamo impegnati in tutt'altro... altro che training autogeno...
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4739
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello:
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 17:30
mah.... sinceramente non capisco di cosa parli. tieni presente che anche i nostri avversari abituali sono nelle stesse condizioni, quindi è una partenza ad armi pari. ci sono persone che si innervosiscono subito, altre scazzate, altre serene, ma quello è un altro discorso ancora. tenuta mentale in quel caso è avere la capacità di autodisciplinarsi e pensare soltanto al gioco senza tropppe paranoie, nei limiti fisiologici personali ovviamente. in termini squisitamente tennistici avere tenuta mentale significa giocare per vincere e arrivare ad una costanza decente per poter esprimere al meglio il proprio potenziale senza grandi sbalzi imputabili al proprio stato d'animo
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1963
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98; Prince Beast 100.

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 17:54
Certo che siamo nelle stesse condizioni ma vince il meno peggio, quello meno stanco mentalmente, quello che ha la mente più libera quindi la concentrazione più forte. 
Un'altra cosa gli agonisti amatoriali, più costanti, più allenati e più disciplinati. 
Le 2 orette settimanali possono servire solo per tenersi in forma. 
Serve costanza ed allenamento più intenso per potenziare mente, fisico e tecnica.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4739
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello:
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Dom 1 Dic 2019 - 18:10
della serie se mio nonno aveva le palle era un flipper. io se gioco contro un avversario anche più giovane ma lento di gambe piazzo il triplo dei vincenti. se gioco col mio avversario abituale in una sua giornata di piena forma fisica mi prende in recupero quasi tutto. se invece è giù di reattività mi prende meno della metà. sono le gambe che fanno la differenza perché la palla la devi andare a prendere. in soldoni. rimango della mia opinione e valutazione di quello che vedo concretamente
piccolit
piccolit
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 170
Data d'iscrizione : 08.07.19

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4NC
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 8:37
Per i professionisti la frase è vera, per noi comuni amatori non direi...almeno per come la vedo io.
I professionisti il problema tecnico non ce l'hanno, visto che sono praticamente perfetti, ecco dunque che la tecnica vale il 5%.
Al nostro livello se uno è più bravo di te a livello tecnico vince anche stando fermo (vedi ad esempio il mio maestro contro di me).
il mio maestro è tecnico nazionale e ha 55 anni, contro di me vince anche da fermo e tirando piano, e vi assicuro che io corro 100 volte più di lui.
Posso anche pensare di mandargliela di la tutte le volte che lui me la butta di qua, ma non andrà mai in difficoltà se non su colpi che mi vengono fuori con la frequenza di un 6 all'enalotto, e non sono quelli che ti fanno vincere le partite...
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1963
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98; Prince Beast 100.

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 9:09
@piccolit ha scritto:Per i professionisti la frase è vera, per noi comuni amatori non direi...almeno per come la vedo io.
I professionisti il problema tecnico non ce l'hanno, visto che sono praticamente perfetti, ecco dunque che la tecnica vale il 5%.
Al nostro livello se uno è più bravo di te a livello tecnico vince anche stando fermo (vedi ad esempio il mio maestro contro di me).
il mio maestro è tecnico nazionale e ha 55 anni, contro di me vince anche da fermo e tirando piano, e vi assicuro che io corro 100 volte più di lui.
Posso anche pensare di mandargliela di la tutte le volte che lui me la butta di qua, ma non andrà mai in difficoltà se non su colpi che mi vengono fuori con la frequenza di un 6 all'enalotto, e non sono quelli che ti fanno vincere le partite...
E quindi secondo te queste percentuali come dovrebbero essere scritte riferite a noi?
Grazie
piccolit
piccolit
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 170
Data d'iscrizione : 08.07.19

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4NC
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 9:19
@drichichi ha scritto:
@piccolit ha scritto:Per i professionisti la frase è vera, per noi comuni amatori non direi...almeno per come la vedo io.
I professionisti il problema tecnico non ce l'hanno, visto che sono praticamente perfetti, ecco dunque che la tecnica vale il 5%.
Al nostro livello se uno è più bravo di te a livello tecnico vince anche stando fermo (vedi ad esempio il mio maestro contro di me).
il mio maestro è tecnico nazionale e ha 55 anni, contro di me vince anche da fermo e tirando piano, e vi assicuro che io corro 100 volte più di lui.
Posso anche pensare di mandargliela di la tutte le volte che lui me la butta di qua, ma non andrà mai in difficoltà se non su colpi che mi vengono fuori con la frequenza di un 6 all'enalotto, e non sono quelli che ti fanno vincere le partite...
E quindi secondo te queste percentuali come dovrebbero essere scritte riferite a noi?
Grazie

Lungi da me fare un discorso valido per TUTTI noi.. 
Se  però devo fare un ragionamento su me stesso, credo che il mio miglioramento passerà al 100% per l'evoluzione tecnica. 
Anche io ho giornate in cui "mi riesce tutto il poco che so fare al mio massimo" e altre in cui "non mi riesce niente". Anzi le seconde sono decisamente più frequenti delle prime.
Nel mio piccolo però, non credo che gli alti e bassi siano influenzati dalla testa.
Piuttosto ritengo che  la mia tecnica sia acerba, e questo non mi consente di mantenere la prestazione a un livello "medio" senza scarti importanti, soprattutto nel momento in cui cerco di "fare punto", quindi in partita.
drichichi
drichichi
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1963
Età : 51
Data d'iscrizione : 02.01.19

Profilo giocatore
Località: Ovunquemente
Livello: 4.5 fit
Racchetta: Mantis Custom 98; Prince Beast 100.

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 10:43
Ottimo ragionamento.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4739
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello:
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 12:28
è ovvio che un tennista di livello tecnico nettamente più alto non ha bisogno di tanto impegno fisico per stracciarti. qui si stava parlando di quanto incidono, nel tennis di ognuno, le varie componenti
piccolit
piccolit
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 170
Data d'iscrizione : 08.07.19

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4NC
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 13:09
Yes vandergraf, diciamo che nel perseguimento della costanza darei più importanza alla tecnica che non a tutto il resto...
piccolit
piccolit
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 170
Data d'iscrizione : 08.07.19

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4NC
Racchetta:

Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero) Empty Re: Il gioco è mentale per il 50%, fisico per il 45% e tennistico per il 5%. (Juan Carlos Ferrero)

il Lun 2 Dic 2019 - 13:26
Ho cercato di modificare il messaggio ma non ci sono riuscito, volevo un attimo articolare il discorso:
Capisco che la pressione si faccia importante nel momento in cui ci sono 2 persone in campo che sbagliano zero, e sanno chiudere il punto molto bene. In quel caso li la testa gioca un ruolo importante. Sai che non devi sbagliare, e sai che l'altro non perdona, quindi anche tatticamente devi essere molto lucido.
Io sono un principiante, per cui nel mio caso, una partita è caratterizzata da un numero N di errori tale per cui mettere in mezzo la testa mi sembra una buona scusa ma niente di più.
E' chiaro che mi capita di innervosirmi e magari non giocare al meglio, ma è la frustrazione di non saper fare che porta alla rabbia, non il contrario.
Io quando finisco di giocare penso che se sapessi colpire meglio in tutte le situazioni vincerei di più e più facilmente.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum