Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti
Wilson bladeOggi alle 9:37Hammer72
Novak DjokovicIeri alle 22:39nw-t
Rafael NadalIeri alle 0:09nw-t
Corde Stringlab Sab 14 Lug 2018 - 22:33Tor
Head Velocity MLTSab 14 Lug 2018 - 21:26araton32
Custom ultra tour 97Sab 14 Lug 2018 - 20:59Eiffel59
Pure Aero VSVen 13 Lug 2018 - 15:59nw-t


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
Ospite
Ospite

No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:12
Fonte: http://www.federtennis.it/DettaglioNews.asp?IDNews=73385


COLPI TRA ISTINTO E FOLLIA
No, questi non te li insegnano a lezione...


Chi ha detto che il tennis è monotono? Nelle chiacchiere da bar, chi non ama il nostro sport si lamenta della ripetitività dei gesti. Servizio, dritto, rovescio, sempre meno volèe....”Dopo un po' mi annoio”. A parte che l'asserzione è facilmente smontabile con “armi tradizionali”, il tennis sa offrire gemme di spettacolarità eccezionali. Sono i colpi strani, poco ortodossi, difficili anche soltanto da pensare. Ma che, a modo loro, hanno fatto la storia. Senza la pretesa di essere esaustivi, vi regaliamo i dieci colpi più curiosi dell'Era Open. Se pensate che il tennis non sia divertente, ci rivediamo dopo aver visto questi filmati... 


Ultima modifica di DrDivago il Dom 19 Mar 2017 - 10:00, modificato 1 volta (Motivazione : Aggiunta la fonte)
avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:14
IL SERVIZIO AL SALTO!
Il servizio è il colpo che più di tutti si presta alla personalizzazione. Tuttavia, nessuno ha mai raggiunto i livelli del simpatico Brian Battistone. Insieme al fratello Dann ha brevettato una racchetta con due manici, perfetta per...non capirci nulla! Tira dritti a una o due mani, rovesci da entrambi i lati...ma col servizio ha esagerato. Come nella pallavolo, lancia la palla in aria con la mano dominante, poi cambia mano con la racchetta e colpisce in salto, come un Andrea Zorzi qualsiasi. Un colpo iper-spettacolare ma che non gli ha regalato troppa gloria. Certo, forse era troppo scarso negli altri colpi...ha avuto più fortuna il tedesco Karsten Braasch, un tipo molto particolare. Mancino, barbuto, occhialoni da vista, il suo movimento preparatorio era talmente assurdo da essere indescrivibile. Meglio limitarsi a osservarlo...

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:15
L'EPOPEA DEL TWEENER
Inizialmente era un colpo rarissimo, spettacolare e spesso vincente perchè inatteso. Si dice che il primo a utilizzarlo sia stato Guillermo Vilas, tant'è che in Sud America non lo chiamano “tweener” bensì “Gran Willy”, ma é stato definitivamente sdoganato da Yannick Noah. Per anni è stato il “Colpo Noah”, poi le nuove attrezzature lo hanno reso accessibile a tutti. Abbiamo visto colpi straordinari, anche da parte degli azzurri (Seppi, Schiavone, Fognini), ma è stato portato a livelli onirici da Roger Federer e, pensate un po', da Rafa Nadal. Lo spagnolo si inventò un pallonetto-tweener in una finale di Madrid contro Djokovic, ma come si fa a fare meglio di Federer e dei due capolavori qui sotto? E voi, quale preferite dei due?

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:17
L'EQUIVOCO DELLA VERONICA
Ormai hanno sdoganato questo nome e vabbé, ce lo teniamo. Il colpo in questione è la volèe dorsale di rovescio, estremo tentativo di non essere scavalcati dal pallonetto. Il primo a usarla con efficacia fu Adriano Panatta negli anni 70. “Tutti sanno che giocherò quel colpo, tutti sanno dove andrà, ma nessuno ci arriverà” diceva l'ex campione romano. Il nome è mutuato dalla Corrida, dal gesto del torero con il drappo rosso quando viene caricato dal toro. In realtà è un errore, come scoprì Gianni Clerici informandosi presso il Club Taurino di Milano: nella Corrida, infatti, la “veronica” è un passaggio verso il basso e non verso l'alto come accade nel tennis. Ma è un nome talmente bello che va bene così. Di sicuro è più affascinante di “volata di rovescio”. Tra i maggiori interpreti, ovviamente, Roger Federer. Eppure è ancora più bravo Rafael Nadal: sfruttando le sue impressionanti doti acrobatiche, riesce quasi sempre a giocarla vincente, anche colpendo totalmente spalle alla rete. Davvero fenomenale. 

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:19
IL DRITTO DI MONICA NICULESCU
E' un colpo talmente assurdo che gli avevamo già dedicato un articolo. Ma in una carrellata del genere non poteva mancare. La rumena tiene la racchetta come se fosse il coltellaccio di un macellaio e la pallina un ammasso di carne cruda da fare a fettine. Dice che nessuno le ha insegnato a giocare così, che le è venuto naturale e l'efficacia l'ha convinta ad andare avanti. Per sua stessa ammissione, diverse avversarie sono andate fuori di testa e hanno persino provato a imitarla. Ovviamente, con pessimi risultati. 

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:20
IL ROVESCIO AL SALTO
Un colpo che espone a brutte figure. Se ti riesce, sei un fenomeno. Se sbagli, ti ridono dietro. Per questo in tanti lo evitano e soltanto alcuni fenomeni hanno saputo domarlo. I più bravi? Non c'è dubbio: Marcelo Rios e Marat Safin. Il primo ha sdoganato il colpo, forse era il simbolo più vivido del suo talento. Lo ha aiutato a diventare numero 1 ATP. Era un colpo di puro istinto, talento. Al contrario, Safin è stato la perfetta evoluzione: potente, preciso, una fiammata clamorosa. Ha mischiato i colpi di Ivanisevic (tra i primi a usarlo, insieme a Chang) e dello stesso Rios in una soluzione che ancora oggi non ha eguali. Nemmeno Djokovic e Murray, grandi interpreti del rovescio, hanno saputo imitarlo. Tirarlo a una mano? Quasi impossibile. Eppure ogni tanto qualcuno ce la fa. Sapete chi lo tra meglio? Grigor Dimitrov, come vedete qui sotto. Ma anche Sergiy Stakhovsky. Ogni tanto, tra le donne, ti lasciava a bocca aperta Amelie Mauresmo
avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:26
IL COLPO DIETRO LA SCHIENA
Non si è mai più vista una cosa del genere. Us Open 1991, semifinali: Stefan Edberg contro Ivan Lendl. Nel primo set, il cecoslovacco è colto in contropiede da un attacco dello svedese e non ha il tempo materiale per spostare il tronco. Allora tira un passante da dietro la schiena. La saetta mette in difficoltà Edberg, che poi perde il punto. Stefanello vinse senza problemi quella partita, ma se la legò al dito. Più in là, già avanti di due set, giocò un colpo analogo, chiudendo il punto con una maestosa volèe. Lendl fece il diamante, Edberg lo sgrezzò. Guarda caso, lunedì ad Halle abbiamo visto un colpo simile. Chi poteva farlo se non Roger Federer?

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:27
DOVREBBERO CHIAMARLO “COLPO DIMITROV”
Non sarà mai il nuovo Federer, eppure Grigor Dimitrov finisce sistematicamente nelle graduatorie dei colpi più belli dell'anno. Il colpo sotto le gambe, fronte alla rete, è pressochè inutilizzato salvo che nelle esibizioni delle leggende. Troppo complicato anche solo da pensare, figurarsi a tiare un vincente. Beh, il bulgaro ne ha tirati due, uno dopo l'altro, dinnanzi al povero Jack Sock. Vedere per credere...Oltre a lui, sono bravi i francesi. Gael Monfils, ovviamente, ma ricordiamo anche un gran colpo di Mary Pierce.

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:28
LA DONNA CHE NON TIRAVA IL ROVESCIO
Non sappiamo ancora se il primo maestro di Evgenia Koulikovskaya sia un genio oppure vada denunciato al telefono azzurro. Quando lei, ancora bambina, si allenava presso lo Spartak Club di Mosca, si rese conto che era ambidestra. Fin lì, tutto normale. Ma lui pensò bene di non insegnarle il rovescio. “Tira il dritto sia con la destra che con la sinistra, vediamo che ne esce”. E' emersa una delle giocatrici più strane di sempre, che ha riportato di moda un'usanza non così assurda negli anni dei pionieri (anche Giorgio De Stefano giocava così). Dai e dai, si è portata a ridosso delle top-100 ed era tra le attrazioni principali ovunque giocasse. Fossimo in lei, ci piacerebbe sapere dove sarebbe arrivata con un tennis più classico...

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:29
LA VOLEE IN TUFFO
Diffidare dalle imitazioni. Ne abbiamo viste tante, anche belle, ma il Re di questo colpo resterà sempre Boris Becker. Era nel suo DNA, un'arma in più, la ribellione del giocatore di volo all'inesorabile avanzata dei picchiatori. Boris non ci stava: con la sua inseparabile Estusa (ha cambiato tanti sponsor, ma la racchetta era sempre quella), piuttosto che farsi passare era disposto a rischiare l'incolumità. Sull'erba può essere piacevole farsi un tuffo, sulla terra al massimo ti sporchi un po', ma sul cemento rischi grosso. Ma Bum Bum non voleva sentire storie. Ed è stato leggenda anche per questo. 

avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Sab 11 Mar 2017 - 19:30
PERCHE', LA RACCHETTA HA DUE FACCE?
Il compianto Roberto Lombardi lo aveva soprannominato: “Il basco di ferro che vuole rivoluzionare il manuale del tennis a suon di dritti”. Giocando un dritto assurdo, Alberto Berasategui ha raggiunto una finale al Roland Garros ed è stato tra i primi 10 del mondo. La sua presa era talmente estrema che colpiva il dritto con la stessa faccia della racchetta con cui tirava il rovescio. Un movimento talmente veloce che nemmeno le macchine fotografiche più avanzate riuscivano a metterlo a fuoco. Lui era anche simpatico, poi si è riciclato come discreto coach, ma è un bene che nessuno lo abbia imitato. Era troppo brutto da vedere, su. Però si è tolto la soddisfazione di battere Rafter e Agassi all'Australian Open. Certo, si è ritirato a 27 anni. Motivo: problemi al polso. Ma va?

scrittore
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 152
Data d'iscrizione : 23.12.16

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Ven 17 Mar 2017 - 10:37
La Niculescu è inguardabile! Subito ho pensato "ma chi glielo ha insegnato??"

Il servizio al salto ci avevo pensato anch'io un giorno come evoluzione del servizio, ma richiede molte energie senza risultati per cui ne valga la pena. Però è da studiare.
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 210
Data d'iscrizione : 24.11.15

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Ven 17 Mar 2017 - 13:10
drichichi@alice.it ha scritto:LA DONNA CHE NON TIRAVA IL ROVESCIO
Non sappiamo ancora se il primo maestro di Evgenia Koulikovskaya sia un genio oppure vada denunciato al telefono azzurro. Quando lei, ancora bambina, si allenava presso lo Spartak Club di Mosca, si rese conto che era ambidestra. Fin lì, tutto normale. Ma lui pensò bene di non insegnarle il rovescio. “Tira il dritto sia con la destra che con la sinistra, vediamo che ne esce”. E' emersa una delle giocatrici più strane di sempre, che ha riportato di moda un'usanza non così assurda negli anni dei pionieri (anche Giorgio De Stefano giocava così). Dai e dai, si è portata a ridosso delle top-100 ed era tra le attrazioni principali ovunque giocasse. Fossimo in lei, ci piacerebbe sapere dove sarebbe arrivata con un tennis più classico...

Ah il mio sogno, giocare con due dritti...
scrittore
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 152
Data d'iscrizione : 23.12.16

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Ven 17 Mar 2017 - 13:19
io ogni tanto contro il muro mi diverto ad usare la sinistra, un po' ce la faccio
MB76
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 42
Data d'iscrizione : 11.02.16

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Ven 17 Mar 2017 - 13:25
Bella rassegna!

Aggiungerei la "slam dunk" di Sampras. Per me il colpo più spettacolare della storia del tennis, combinazione unica di tecnica e atletismo
avatar
AndreaTennis
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 75
Età : 24
Data d'iscrizione : 28.05.12

Profilo giocatore
Località: Fiumicino
Livello: 3.5 ITR
Racchetta: Blade 98S

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Ven 17 Mar 2017 - 14:44
Io aggiungerei anche la SABR! roba impensabile per praticamente tutti i giocatori del circuito tranne federer...
avatar
DrDivago
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 6929
Età : 31
Località : Deep NE
Data d'iscrizione : 31.05.10

Profilo giocatore
Località: Padova
Livello: ITR: 4.5 ca
Racchetta: Yonex DR 100, Yonex DR&AI 98
http://www.zeroquaranta.tk

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Dom 19 Mar 2017 - 9:57
@drichichi@alice.it , p.f. quando pubblichi contenuti non tuoi, cita sempre la fonte.

_____________________________________________________________
avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Dom 19 Mar 2017 - 10:36
@DrDivago Grazie ma non ho pensato minimamente che qualcuno potesse, anche solo per un attimo, vedere me come giornalista o tecnico.... Una mega pippa galattica... comunque grazie, in questi giorni sono stato poco lucido...vari problemi...
avatar
gianluca.dc
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 111
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: in giro per l'Italia per lavoro
Livello: nc
Racchetta: Babolat e Wilson

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Mer 22 Mar 2017 - 21:01
e la BANANA?
quel diritto uncinato, colpito basso, con una porzione di rotazione fornita lateralmente alla palla oltre al topspin, che dà una traiettoria che va fuori campo e poi rientra all'incrocio delle righe?
non saprei dire chi l'ha creato, ma prima di Nadal non lo ricordo. certo lui c'ha fatto i punti veri, non esibizioni, quindi è un'arma vera

https://www.youtube.com/watch?v=MXpKyLepYnY
avatar
gianluca.dc
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 111
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: in giro per l'Italia per lavoro
Livello: nc
Racchetta: Babolat e Wilson

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Mer 22 Mar 2017 - 21:02
@AndreaTennis ha scritto:Io aggiungerei anche la SABR! roba impensabile per praticamente tutti i giocatori del circuito tranne federer...

e Stan the man.
avatar
Ospite
Ospite

Re: No, questi non te li insegnano a lezione...

il Mer 22 Mar 2017 - 21:24
@gianluca.dc ha scritto:e la BANANA?
quel diritto uncinato, colpito basso, con una porzione di rotazione fornita lateralmente alla palla oltre al topspin, che dà una traiettoria che va fuori campo e poi rientra all'incrocio delle righe?
non saprei dire chi l'ha creato, ma prima di Nadal non lo ricordo. certo lui c'ha fatto i punti veri, non esibizioni, quindi è un'arma vera

https://www.youtube.com/watch?v=MXpKyLepYn
Bello Vero!
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum