Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
Ospite
Ospite

Quelli che: con le racchette di legno non c'erano i pallettari

il Mer 18 Gen 2017 - 8:27
Promemoria primo messaggio :

Mi capita spesso di leggere nel forum assurdità come quella in titolo...

... che le racchette moderne favoriscono i pallettari.

Che con il legno i giocatori erano dotati di più talento.

Chi afferma questo NON ha mai fatto tornei con racchette di legno, non ha idea di cosa fossero i tornei NC (che equivalevano alla quarta categoria di oggi).

Io ho giocato svariati tornei con racchette di legno, ottenendo la misera classifica di C4 (il minimo per l'epoca).

È, vi posso assicurare, senza tema di smentita che i pallettari proliferavano alla grande!

Quello che è cambiato con gli attrezzi moderni è la velocità di palla: oggi anche le pippe possono tirare forte.

Con il legno, la palla andava piano, ed era molto più facile raggiungerla... per cui alzare dei candelotti, tra gli NC era una tattica molto pagante: perché se oggi si può chiudere con un dritto vincente una palla senza peso, con i racchettini di legno era impossibile (tra gli scarsi, ovviamente).

Quindi i nostalgici che evocano "i bei tempi del legno" non sanno in realtà di cosa parlano: ricordano giocatori pro dotati di gran talento che giocavano di volo.

Vero: tra i pro ci stavano.

Ma tra gli NC?

Assolutamente no!

Non esistevano i giocatori di rete! 

Ci stavano i "guerrieri Pippa" da terra rossa che si imbrattavano i i calzini in interminabili partite senza punti vincenti...

E badate bene che LA DURATA MEDIA dello scambio era più lunga di quella di oggi, per le ragioni che ho già detto sopra.

I nostalgici, quindi, parlano senza cognizione di causa perché, se avessero giocato tornei ai tempi del legno, non direbbero delle corbellerie del genere.

Probabilmente affermano cose di questo genere per giustificare la loro "pochezza tennistica": "perdo contro di te perché usi la PD: con il legno vincerei facile"

Minkiate! Sei una PIPPA con i telai moderni, ed eri una super Pippa con il legno.

Questa è la realtà.

Sia chiaro che non scrivo questo per un elogio agli attrezzi moderni: a me piacerebbe si tornasse a giocare con legno e piatti da 65 pollici: mi divertivo di più.

Ma, purtroppo, non è più possibile.

gianluca.dc
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 111
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: in giro per l'Italia per lavoro
Livello: nc
Racchetta: Babolat e Wilson

Re: Quelli che: con le racchette di legno non c'erano i pallettari

il Ven 3 Feb 2017 - 22:00
Cosa succederebbe che si introduce uno slam solo col legno... aumentiamo di troppo il tasso tecnico?
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2182
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Quelli che: con le racchette di legno non c'erano i pallettari

il Mar 7 Feb 2017 - 10:37
@gianluca.dc ha scritto:Cosa succederebbe che si introduce uno slam solo col legno... aumentiamo di troppo il tasso tecnico?
No ,solo che le partite al posto di durare tre ore durerebbero almeno cinque.......se basta......
avatar
gianluca.dc
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 111
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: in giro per l'Italia per lavoro
Livello: nc
Racchetta: Babolat e Wilson

Re: Quelli che: con le racchette di legno non c'erano i pallettari

il Mar 7 Feb 2017 - 22:01
ma i bravi restano bravi o finalmente vediamo bei stravolgimenti?
avatar
Matusa
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 426
Località : profondo Nord-est
Data d'iscrizione : 26.10.16

Profilo giocatore
Località: Nord-est
Livello: NC, ITR 4.0
Racchetta: Angell TC95, Angell TC100, Angell K7 red

Re: Quelli che: con le racchette di legno non c'erano i pallettari

il Mer 8 Feb 2017 - 9:32
Non tutti i bravi resterebbero bravi. Tutti coloro che adesso tirano randellate a tutto braccio contando su enormi sweet spot non vincerebbero più una partita.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 803
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Re: Quelli che: con le racchette di legno non c'erano i pallettari

il Mer 8 Feb 2017 - 10:10
Se ci riferiamo alle vecchie racchette in legno con piatto da 65-70" allora avresti ragione, ma va considerato che se fosse rimasto il legno come materiale, ad oggi avremmo ugualmente racchette con ovali e sweet spot più ampi, risultato di 35 di evoluzioni tecnologiche anche nella lavorazione del legno, magari accoppiato con lamine di grafite.

Quindi non si possono fare certi discorsi in assoluto.

Certo si può pensare che Federer sarebbe stato ugualmente forte, o magari più forte, e si può pensare che il gioco di Nadal possa essere meno efficace col legno, però ai tempi del legno classico Borg vinceva tutto, Vilas vinceva tanto, cioè giocatori che praticavano un gioco da fonda regolare ed arrotato, grandi difensori ma anche ottimi attaccanti,c he sapevano entrare in campo eprendersi il punto a rete.

Difficile dirlo.

E' più probabile pensare che i più forti sarebbero ancora i più forti anche col legno, così come Raonic, Isner e Karlovic, servirebbero ancora delle mazzate a 200 all'ora, magari ci sarebbero più difensori e più giocatori serve and volley.

Ecco, forse col legno ci potrebbe essere ancora maggiore differenziazione di stile di gioco, visto che la probabile velocità di uscita più bassa della palla agevolerebbe certe decisioni tattiche.

Piuttosto che cambiare materiale sulle racchette poi sarebbe bastato alleggerire e velocizzare le palline così come velocizzare la terra battuta (tipo quella blu di Mardid).
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum