Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultimi argomenti
» Racchetta impatto pastoso
Oggi alle 16:39 Da viciohead

» corde per donnay pro one 97 pentacore
Oggi alle 16:10 Da Rizza

» Prestige S Graphene XT
Oggi alle 15:09 Da MattiaMugello

» Head Graphene Touch Instinct MP
Oggi alle 14:57 Da Rafa74

» EZone 2017
Oggi alle 14:57 Da Generous

» Babolat Pure Aero Pro Stock
Oggi alle 14:44 Da Eiffel59

» 2018 - Passionetennis cambia look
Oggi alle 14:35 Da Rafa74

» Alternativa a Head Lynx per Radical S
Oggi alle 14:24 Da Eiffel59

» Pro line2 1,25
Oggi alle 14:21 Da Eiffel59

» Domande sparse Starburn
Oggi alle 14:14 Da Eiffel59

» Wilson pro stock Blade 16 x 20
Oggi alle 13:53 Da Eiffel59

» Miglior budello 1.25 in full per Prince tx235p
Oggi alle 9:21 Da franzx

» Signum Pro Poly Plasma
Oggi alle 8:27 Da Eiffel59

» Corde per Yonex Ezone DR 100
Oggi alle 8:03 Da Eiffel59

» Pure drive 2018
Oggi alle 7:17 Da Eiffel59

» head rip perfect control
Oggi alle 6:55 Da Eiffel59

» Wilson synthetic gut power
Oggi alle 6:49 Da Eiffel59

» Polarizzazione e maneggevolezza
Oggi alle 6:44 Da Eiffel59

» Cambio racchetta
Oggi alle 0:01 Da Attila17

» Che corde montare su Wilson burn100 cv
Ieri alle 20:46 Da matador66

» Corde per Wilson Blade 104 sw Courtevail Serena Williams
Ieri alle 15:32 Da archifaoro

» Tnt2 tour /Live wire xp
Ieri alle 14:45 Da nw-t

» Incordatura "a sei nodi"
Ieri alle 14:16 Da Eiffel59

» bow brand
Ieri alle 11:21 Da rey20

» Confronto duel g 310 - sv 95
Ieri alle 10:28 Da mattiaajduetre

» Forza Schumacher
Ieri alle 10:20 Da mattiaajduetre

» Che corde montare sulla Wilson pro staff 97 autograph
Ieri alle 10:14 Da Crowren91

» Incordare a Firenze
Ieri alle 10:02 Da tempesta

» Perché questi "raggruppamenti" ?
Ieri alle 9:04 Da Alessandro

» Budello interessante per prezzo
Ieri alle 8:50 Da franzx



Ultime dal mercatino
Link Amici


Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Pagina 4 di 25 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 14 ... 25  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Mer 4 Gen 2017 - 8:09

Promemoria primo messaggio :

Vorrei iniziare questo 2017 con una dedica.

Dedico questo post a "quelli che giocano un bel tennis".

Chi sono (tennisticamente) io?

Un amatore di 54 anni, con un livello di gioco (certificato da svariati forumisti) che si pone tra il 4.1 buono  ed il 3.5 scarso... quindi una "nullità tennistica".

Ma in una cosa sono "bravo": frequentando circoli e giocando da 4 decenni conosco perfettamente tutti i personaggi che frequentano i campi rossi, e con i quali mi piace intrattenermi in scambi di idee, a volte anche "vivaci", ma sempre all'impronta delle buone maniere.

Essendo un autodidatta puro, il mio stile è artigianale, poco estetico... oserei dire piuttosto brutto a vedersi.

Scusate se mi sono dilungato nella presentazione, ma la ritenevo funzionale all'argomento.

Tale argomento riguarda quelli "che giocano un bel tennis", che per comodità chiamerò da ora i "belli", contrapposti a quelli come me, che appartengono alla categoria dei "brutti".

A tutti i livelli tennistico, la guerra dei belli contro i brutti si combatte con veemenza, e più scende il livello di gioco, tanto tale battaglia diventa più cruenta.

Nelle paludi di quarta, scorre il sangue a fiumi, come fiumi di parole e discussioni si ripetono, sempre uguali, negli anni.

Il bello ama Federer, MC Enroe, ed i tennisti di talento (e come non si potrebbe amarli?) E si identifica in loro...

Il brutto rispetta Nadal e Borg... Ed allo stesso modo a loro si ispira.

Fino a qui, tutto semplice, no?

No!

Perché poi ci sono le partite di tennis, le sfide di circolo.

Statisticamente, specialmente ai nostri bassi livelli, il brutto è vincente rispetto al bello... perché se si è pippe, non è facile vincere con i colpi che non si possiedono...

E qui i belli si incazzano a morte, mostrando spesso il peggio di loro (non sempre, naturalmente) dileggiando il brutto di turno che li ha battuti, con frasi irriverenti:

"Ho perso con una pippa"
"Sei senza colpi"
"Non fai un vincente"
"Hai uno stile inguardabile"

Normalmente il brutto incassa le sfuriate, e va sotto la doccia con il 62, 62 a suo favore è l'ennesimo scalpo del bello alla cinta.

Chiaro che a volte perde anche: è naturale...

Ma il nocciolo della questione non è questo:

Perché il bello deve rompere (quasi sempre ) il caxxo quando perde dal brutto?

Perché deve dileggiare il suo gioco?
Non ha alcun senso!

Ognuno (nel rispetto della regole) fa il gioco che vuole...

E, quando si perde, occorre, complimentarsi sempre con chi vince, prescindendo dal suo gioco.

Difficilmente al brutto interessa criticare  il tipo di gioco dell'avversario:entra in campo, si impegna, e cerca di vincere.

Perché quasi sempre il fine del brutto è vincere, quello del bello migliorare i propri colpi, il proprio stile... cosa lodevole.

Come si può criticare chi cerca di migliorarsi? Impossibile.

Ma si può criticare chi rompe "Los cojones" a quello che ti ha appena battuto, criticando il suo gioco e dicendo frasi del tipo: "tra un anno ti faccio fare due giochi".

Allora devo dare una brutta notizia statistica a chi fa questi ragionamenti (a meno che non siano ragazzi in crescita): nel 80% dei casi (o più) continuerete a perdere con i brutti.

Non è un bene o un male: è semplicemente la dura realtà della terra rossa.

Chiaramente ci sta un 20% di eccezioni...I belli che poi miglioreranno davvero, e vinceranno contro i brutti.

Ma questi belli, di solito, sono diversi: non parlano dello stile dei brutti, stanno zitti, si allenano duro, sputano sangue... rispettano gli avversari... si focalizzano sul loro tennis, non su quello degli altri!

Che, guarda caso, è quello che fanno i brutti.

Noi brutti non pensiamo agli altri, non critichiamo il loro gioco... 
Cerchiamo di dare il massimo con quel poco che abbiamo.

Concludo questo lungo post con una preghiera a voi belli: almeno per una volta nella vostra vita tennistica, quando perderete (come spesso succede) dal brutto di turno...

Fate uno sforzo: complimentatevi con lui.

Saluti dal vecchio Sonny.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso


Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Gio 5 Gen 2017 - 15:38

@spalama ha scritto:Pura filosofia.
Quando perdi sei stato inferiore e basta, magari solo in quella partita, ma sei stato inferiore al tuo avversario.
Ricordati caro Dagoberto, che il tennis è prima di tutto uno sport "infame", che giochi al volo o da fondo, giochi con la grafite o col legno, con 100 pollici o 65, è lo sport dove si perde anche facendo più punti del tuo avversario, perchè non tutti i punti sono importanti allo stesso modo.
Non mi sembra di aver detto cose contrarie, ma un tempo, fino a 25/30 anni fa, si doveva vincere con un attrezzo e delle palle  che senza una base tecnica, anche coltivata autodidatticamente, ma rispettosa di una pur minima ortodossia, e una pur minima preparazione atletica, non ti agevolava certo, anzi ... e non ricordo gesto tecnico insegnato che sia, esteticamente, brutto o goffo alla vista altrui. Un bel gesto tecnico era presupposto imprescindibile per la buona riuscita ed efficacia del colpo, cosa non più necessaria ora con racchette ultraleggere dall'ovale con dimensioni spropositate rispetto alla palla.  L'eleganza dei gesti, oltre che nell'apparire (ora anche tale aspetto è spesso dimenticato con completi che per agevolare l'economia di produzione dettata dalla globalizzazione - made in china docet - appaiono sempre più aprossimativi e di bieco gusto estetico) ha sicuramente caraterizzato i maggiori interpreti di questo sport almeno fino alla fine degli anni 80/90.
La continua, per un verso utile, popolarizzazione del tennis (alcuni la chiamavano democratizzazione del tennis, tra i tanti un certo Mc Enroe che, inconsapevolmente, contribuì un po' a scavarsi la propria tomba o, quantomeno, la tomba al tennis che più amava), un tempo considerato sport d'elite, ha esteso moltissimo la sua pratica, ma l'ha incredibilmente imbarbarito, introducendo dinamiche da grande distribuzione che necessita di grandi numeri per giustificare i lauti guadagni attesi; una prima conseguenza il continuo allargamento del piatto corde delle racchette introdotte con il principale scopo di avvicinare anche neofiti poco disponibili, o con poca disponibilità economica, a sobbarcarsi ore e ore di lezione che, con racchette più facili, si sarebbero avvicinati più agevolmente ad uno sport visto in precedenza con eccessiva riverenza.
Risultato, artigiani falliti, racchette che potrebbero apparire tranquillamente in qualche mostra di arte artigiana relegate ad oggetti di culto da salotto, racchette oggi prodotte con analoghe caratteristiche estetiche, diverse l'una dall'altra spesso solo per il colore  della vernice finale data, finiture plasticose e dozzinali, materiali naturali inesistenti, alla faccia dell'attenzione all'ambiaente tanto sbandierata, infiammazioni di ogni dove sulla direttiva braccio spalla, divise da tennis di dubbio gusto che assomigliano sempre più a pigiami estivi, giocatori di tennis che prendono spunto sempre più dalla pelota basca, piuttosto che dalla pallatamburello.
Certo, alla fine quello che conta è fare un 15 in più; io sono tra quelli che pensa sia importante anche come ed in che modo conquistarli Very Happy

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 657
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da ilNovakdellabassa il Gio 5 Gen 2017 - 15:38

Ciao a tutti e Buon 2017 
aggiungerei un paio di cose:
-spesso il bello crede di essere bello ma non lo è...è bello colui che gioca 4/5 palle profonde e cariche con buon margine di sicurezza e poi chiude con un vincente, non quello che tira tutto piatto e fa un vincente e 4 errori; è bello quello che serve una buona percentuale di prime con variazioni di angoli e rotazioni ed ha un seconda di servizio inattaccabile, non quello che prende la riga e fa ace una volta ogni 3 game e poi fa 10 doppi falli; è bello quello che gioca spingendo in topspin con buon margine di errore, non quello che tira solo botte piatte da ogni parte del campo e in ogni situazione
-come il bello (in realtà non bello) pensa di essere forte e di perdere solo per congiunzioni astrali temporanee, parlando a sproposito e rendendosi ancora più ridicolo, ci sono "brutti" che credono che il tennis sia quello...cioè non sbagliare mai o comunque meno dell'altro e si permettono al pari dei belli di parlare a fine partita a sproposito facendo la lezioncina al finto bello di turno

ho detto questo perche secondo me questa discussione nei club nasce spesso perche uno dei due o anche tutti e due i giocatori in realtà non sanno di cosa stanno parlando...mi spiego meglio
il bello che perde dal brutto deve capire una cosa sola...in realtà non è bello, perche se fosse bello davvero avrebbe battuto il brutto
il brutto deve capire che se vince senza troppa tecnica, con meccanismi assimilati da anni di gioco, questo sarà sempre un suo limite e vincerà SEMPRE contro falsi belli, ma mai contro belli veri

chiudo dicendo: massimo rispetto per tutti gli"stili" e tutte le idee, ma se tutti fossero consapevoli del loro tennis veramente, queste discussioni nei club non ci sarebbero mai...
perche il finto bello non esisterebbe, esisterebbe un bellino che prova ad imparare (nella maniera corretta però) e si allena anche prendendo batoste dai brutti che gli evidenziano i suoi limiti ancora presenti
i brutti giocherebbero consapevoli che entro una certa categoria hanno il comando totale...se la facciano piacere e godano li perche oltre non ci vanno

il tennis è uno sport difficile che richiedete tempo, impegno, costanza e tanta volontà...è bene che chi vuole diventare bello lo sappia da prima

il tennis è uno sport bellissimo, divertente, competitivo ma rilassante, che ti fa gioire per una vittoria sul tuo eterno rivale e non ti fa prendere sonno per un eliminazione al primo turno di un quarta categoria...è bene che chi vuole rimanere brutto lo sappia...o forse già lo sa

ilNovakdellabassa
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 64
Data d'iscrizione : 05.09.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da viciohead il Gio 5 Gen 2017 - 15:48

Concordo bel post
avatar
viciohead
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 427
Data d'iscrizione : 30.03.14

Profilo giocatore
Località: bologna
Livello: 4.1
Racchetta: coppia zus

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Gio 5 Gen 2017 - 16:09

@ilNovakdellabassa ha scritto:
-...è bello colui che gioca 4/5 palle profonde e cariche con buon margine di sicurezza e poi chiude con un vincente, ... è bello quello che serve una buona percentuale di prime con variazioni di angoli e rotazioni ed ha un seconda di servizio inattaccabile, ... è bello quello che gioca spingendo in topspin con buon margine di errore
mi sa che un giocatore così più che bello si deve definire C3 Very Happy .

io ho interpretato il bello ed il brutto nello spirito con cui si affronta la pratica del tennis, indipendentemente dall'efficacia della performance che si riesce a mettere in campo, cioè lo spirito a cui si tende quando si colpisce la pallina, comunque ed in ogni modo.
se vogliamo fare un discorso vero e realistico, allora nell'ambito amatoriale, cioè da 4.1 ad andare indietro, si dovrebbe considerare  anche il numero di ore di pratica alla settimana che si ha nelle gambe, aspetto che a questi livelli conta molto di più di ogni gesto tecnico, per quanto perfetto sia, aspetto importante, ma che appartiene più alla componente atletica che non precisamente tennistica.
se gioco contro un tennista che corre 4 volte quanto corro io, se fisicamente tiene il palleggio 4 volte quello che tengo io, se gioca 4 volte alla settimana e io fatico a rispettare il mio modesto impegno monosettimanale, non ci sarà mai confronto tecnico che tenga e lui potra scendere in campo anche con la padella; questo è l'attuale tennis amatoriale.
Un tempo, potevi correre quanto volevi, ma se la pallina non la colpivi con la posizione corretta del corpo, con il timing giusto, con il peso bilanciato correttamente 1 volta su 2 steccavi, adesso hai margini di tolleranza decisamente più estesi ed è sufficiente raggiungere la palla che, come per magia, la palla va dall'altra parte e vai dall'altra parte 1 volta, vai dall'altra parte un'altra volta, arrivai dall'altra parte la 3° volta, magari pure una 4°, prima o poi il punto lo fai per deficienza altrui e non per aver costruito un vincente Wink .
Questo è il padellaro d'oggi giorno che spesso mette sotto il tennista più accademico.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 657
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da spalama il Gio 5 Gen 2017 - 16:11

Il tennis è uno sport mentale, solitario, e che sfida l'ego di ognuno di noi.

E' tutt'altro che uno sport rilassante.

Ergo tutte queste discussioni, che maleducazione a parte, sono l'anima dei club e delle sfide tra amici, sono comunque interessanti e meno male che ci sono.

L'agonismo è un'altra cosa.
Nell'agonismo vale tutto per portare a casa una vittoria, anche veleggiare ai limiti della lealtà e della correttezza sportiva.
Tutti straparlate di McEnroe, ma era il più stronzo degli stronzi in campo, odioso come pochi, è che con il tempo ci si dimentica delle cose brutte e si ricordano solo le cose belle.
Lendl pure non era proprio il massimo in campo.
Brad Gilbert ci ha scritto un libro su questo argomento: "Winning Ugly" se non sbaglio, che spesso viene citato come una sorta di bibbia.
L'Italia ci ha vinto un mondiale con la provocazione di Materazzi e Zidane, e se fosse stata al contrario staremmo ancora qui a dire quanto sono stronzi e prepotenti questi francesi...
In campo ne succedono di tutti i colori, ma forse come nel rugby, uscendo dal campo ci si dovrebbe dare educatamente la mano e poi andare a farsi una birra insieme, invece che continuare a smadonnare negli spogliatoi.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 803
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Gio 5 Gen 2017 - 16:24

@spalama ha scritto:...
Brad Gilbert ci ha scritto un libro su questo argomento: "Winning Ugly" se non sbaglio, che spesso viene citato come una sorta di bibbia.
Brad Gilbert è un para culo, tipico statunitense che sa come fare i soldi. Io l'ho letto il suo libro, lo consiglio a tutti, ma chi pensa che per aver scritto questo libro Gilbert rappresenti un'analfabeta del tennis, sbaglia di grosso. Io ho osservato con attenzione alcuni suoi filmati disponibili su youtube, ha un tennis per certi versi tecnicamente perfetto. Non è dotato del colpo mortale alla McEnroe, o della costanza di palleggio di un Borg, piuttosto che della pesonalità di un Lendl, insomma, non è dotato del sacro gral tennistico, ma quello che era da fare nei vari momenti della partita lo faceva con assoluta affidabilità e doviza di detagli maniacali. 
Questo gli consentiva di variare tattica e strategia a seconda delle esigenze e un amatore non è certo nelle sue stesse condizioni, figuriamoci un padellaro.
Quindi vincere sporco, ma con un tennis tecnicamente perfetto, bisognerebbe aggiungere, con o senza padella Very Happy .

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 657
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da spalama il Gio 5 Gen 2017 - 16:31

Ho letto anch'io il libro e non pensavo a Gilbert come un analfabeta della tecnica del tennis, ma come uno che non era dotatissimo come gli altri, che lo sapeva perfettamente e che sfruttava tutte le altre qualità mentali e fisiche per batterli, e ci è anche riuscito.

Tra l'altro giocava con una Fox Bosworth.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 803
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Mauro 66 il Gio 5 Gen 2017 - 16:45

se non ricordo male comunque nel libro Gilbert spiega un po di furbizie anche per giocatori di club per avere dei vantaggi a prescindere dal livello in cui si gioca( ad esempio arrivare alla partita già caldi, o avere esatta percezione di quali sono i punti fondamentali in un game o in un set )
Questo tipo di suggerimenti ha secondo me maggiore efficacia a bassi livelli, perchè salendo di livello sono cose scontate...
Che poi sia un esempio del tipico paraculismo statunitense mirato ai quattrini m trova pienamente d'accordo  cheers cheers cheers
avatar
Mauro 66
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 939
Età : 51
Località : Milano
Data d'iscrizione : 14.03.14

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 4.0
Racchetta: Prince Tour Pro 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da mikroman il Gio 5 Gen 2017 - 17:32

@ilNovakdellabassa ha scritto:Ciao a tutti e Buon 2017 
aggiungerei un paio di cose:
-spesso il bello crede di essere bello ma non lo è...è bello colui che gioca 4/5 palle profonde e cariche con buon margine di sicurezza e poi chiude con un vincente, non quello che tira tutto piatto e fa un vincente e 4 errori; è bello quello che serve una buona percentuale di prime con variazioni di angoli e rotazioni ed ha un seconda di servizio inattaccabile, non quello che prende la riga e fa ace una volta ogni 3 game e poi fa 10 doppi falli; è bello quello che gioca spingendo in topspin con buon margine di errore, non quello che tira solo botte piatte da ogni parte del campo e in ogni situazione
-come il bello (in realtà non bello) pensa di essere forte e di perdere solo per congiunzioni astrali temporanee, parlando a sproposito e rendendosi ancora più ridicolo, ci sono "brutti" che credono che il tennis sia quello...cioè non sbagliare mai o comunque meno dell'altro e si permettono al pari dei belli di parlare a fine partita a sproposito facendo la lezioncina al finto bello di turno

ho detto questo perche secondo me questa discussione nei club nasce spesso perche uno dei due o anche tutti e due i giocatori in realtà non sanno di cosa stanno parlando...mi spiego meglio
il bello che perde dal brutto deve capire una cosa sola...in realtà non è bello, perche se fosse bello davvero avrebbe battuto il brutto
il brutto deve capire che se vince senza troppa tecnica, con meccanismi assimilati da anni di gioco, questo sarà sempre un suo limite e vincerà SEMPRE contro falsi belli, ma mai contro belli veri

chiudo dicendo: massimo rispetto per tutti gli"stili" e tutte le idee, ma se tutti fossero consapevoli del loro tennis veramente, queste discussioni nei club non ci sarebbero mai...
perche il finto bello non esisterebbe, esisterebbe un bellino che prova ad imparare (nella maniera corretta però) e si allena anche prendendo batoste dai brutti che gli evidenziano i suoi limiti ancora presenti
i brutti giocherebbero consapevoli che entro una certa categoria hanno il comando totale...se la facciano piacere e godano li perche oltre non ci vanno

il tennis è uno sport difficile che richiedete tempo, impegno, costanza e tanta volontà...è bene che chi vuole diventare bello lo sappia da prima

il tennis è uno sport bellissimo, divertente, competitivo ma rilassante, che ti fa gioire per una vittoria sul tuo eterno rivale e non ti fa prendere sonno per un eliminazione al primo turno di un quarta categoria...è bene che chi vuole rimanere brutto lo sappia...o forse già lo sa

quoto tutto, anche le virgole!  cheers
avatar
mikroman
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 119
Età : 32
Data d'iscrizione : 08.02.16

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: 4.5
Racchetta: Tecnifibre T-Fight 315 Dynacore

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Lenders999 il Gio 5 Gen 2017 - 18:13

Ho perso contro i brutti e ho rosicato, ho tentato di abbellire il mio tennis, migliorare la tecnica, fare il vincente..

Ora ho finalmente accettato me stesso: predilezione per la riga di fondo, poco tempo per imparare le voleè e tanta, tanta corsa.

Quando gioco così è dura per tutti (del mio livello, 4.3 in su perdo). 
Sopratutto, se vinco io, i commenti "hai un gioco insopportabile" ed "eh ma a rimettere tutto.." sono come una medaglia   Smile
avatar
Lenders999
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 273
Età : 33
Data d'iscrizione : 19.04.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: Pensavo meglio
Racchetta: Blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Gio 5 Gen 2017 - 18:47

@Lenders999 ha scritto:

Ora ho finalmente accettato me stesso: predilezione per la riga di fondo, poco tempo per imparare le voleè e tanta, tanta corsa.

Quando gioco così è dura per tutti (del mio livello, 4.3 in su perdo). 
Sopratutto, se vinco io, i commenti "hai un gioco insopportabile" ed "eh ma a rimettere tutto.." sono come una medaglia   Smile

Grande Leander!

Far rosicare un bello è una soddisfazione come quando, da giovane, ti facevi la ragazza di uno stronzo!

Impagabile!
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da wetton76 il Gio 5 Gen 2017 - 19:10

Sonny Liston ha scritto:
@Lenders999 ha scritto:

Ora ho finalmente accettato me stesso: predilezione per la riga di fondo, poco tempo per imparare le voleè e tanta, tanta corsa.

Quando gioco così è dura per tutti (del mio livello, 4.3 in su perdo). 
Sopratutto, se vinco io, i commenti "hai un gioco insopportabile" ed "eh ma a rimettere tutto.." sono come una medaglia   Smile

Grande Leander!

Far rosicare un bello è una soddisfazione come quando, da giovane, ti facevi la ragazza di uno stronzo!

Impagabile!

E se lo veniva a sapere non erano caxxi?!! What a Face

Tornando nel thread ho letto i vari interventi, posso essere d'accordo sul fatto che le nuove racchette (e corde) hanno facilitato il gioco in quarta cat., mentre prima con quelle in legno o i mid era richiesta una maggiore tecnica ed abilità, però il tennis è fatto anche di una parte atletica (che potrebbe contare anche un 50%)! Se uno è più bravo nel bel gesto che nella corsa, forse è più adatto al doppio che al singolo!
Se il "bello" perde, o è poco "bello" oppure il fisico non lo supporta, o anche è fragile tatticamente/mentalmente.
In ogni caso c'è un po' da lavorare, e poi si affronterà la prossima sfida! Twisted Evil
avatar
wetton76
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1168
Località : bufalotta-talenti-conca d'oro (Roma)
Data d'iscrizione : 01.06.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: giocatore di club
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Maffa il Gio 5 Gen 2017 - 19:49

{@=154}Mauro{/@} 66' data-id='154' class='mentiontag' title='Vedere il profilo di: Mauro'>@Mauro 66[/mention] ha scritto:se non ricordo male comunque nel libro Gilbert spiega un po di furbizie anche per giocatori di club per avere dei vantaggi a prescindere dal livello in cui si gioca( ad esempio arrivare alla partita già caldi, o avere esatta percezione di quali sono i punti fondamentali in un game o in un set )

nel suo libro, Agassi ricorda che aveva incontrato Gilbert per assumerlo come coach e gli ha chiesto cosa avrebeb cambiato del suo gioco, e quello gli risponde qualcosa sulla falsariga di: "Non capisco perchè tu debba giocare ogni punto come se ci fosse una giuria che debba dare dei voti di bellezza" (parafrasando, non trovo il libro ora). Gilbert è stato l'artefice del ritorno negli annio 2000 di Agassi dopo il blackout degli ultimi anni 90.
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 199
Data d'iscrizione : 24.11.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da wetton76 il Gio 5 Gen 2017 - 22:02

Non male però questo tennis con le racchette in legno ...

avatar
wetton76
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1168
Località : bufalotta-talenti-conca d'oro (Roma)
Data d'iscrizione : 01.06.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: giocatore di club
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da tempesta il Gio 5 Gen 2017 - 22:41

Sonny Liston ha scritto:
@Lenders999 ha scritto:

Ora ho finalmente accettato me stesso: predilezione per la riga di fondo, poco tempo per imparare le voleè e tanta, tanta corsa.

Quando gioco così è dura per tutti (del mio livello, 4.3 in su perdo). 
Sopratutto, se vinco io, i commenti "hai un gioco insopportabile" ed "eh ma a rimettere tutto.." sono come una medaglia   Smile

Grande Leander!

Far rosicare un bello è una soddisfazione come quando, da giovane, ti facevi la ragazza di uno stronzo!

Impagabile!
Grande Sonny!
Mi sono ritrovato più spesso nella seconda cosa
avatar
tempesta
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1677
Età : 46
Località : Prato
Data d'iscrizione : 08.11.13

Profilo giocatore
Località: Prato
Livello: 4a cat....
Racchetta: Donnay XDual Silver 2016!!!!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Solpemachaco il Ven 6 Gen 2017 - 9:30

Sonny Liston ha scritto:

Grande Leander!

Far rosicare un bello è una soddisfazione come quando, da giovane, ti facevi la ragazza di uno stronzo!

Impagabile!

Per niente d'accordo, se il "brutto" pretende rispetto allora lo deve anche dare, se no è troppo facile e si mette allo stesso livello del "bello" che tanto odia, sportivamente parlando.

In campo prima di tutto ci vuole rispetto dell'avversario, ma non si può pretenderlo senza darlo, almeno secondo me.

E' lo stesso concetto del: se l'avversario mi ruba un punto io gli rubo quello dopo... non esiste, se no siamo uguali ed io non ho motivo di arrabbiarmi se lo fa lui!

Almeno io la vedo così.
avatar
Solpemachaco
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 20
Età : 40
Località : Maranello (MO)
Data d'iscrizione : 31.08.15

Profilo giocatore
Località: Maranello (MO)
Livello: Amatoriale
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro / Yonex DuelG 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da VANDERGRAF il Ven 6 Gen 2017 - 10:39

si, mi sembra che non fa una piega. spesso si discrimina senza rendersi conto che poi la reazione è anche quella una discriminazione. l'ideale sarebbe non far caso a bello e brutto, ma pensare solo a giocare sportivamente e coltivare tutto quello che dovrebbe far parte della sensibilità umana. ci sono giocatori che nemmeno si pongono mai il problema che il costo delle palline se lo sta accollando tutto l'altro; chiaramente parlo di partite frequenti e continuative.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3834
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger challenge tour 320 e pro graphite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da joes il Ven 6 Gen 2017 - 10:46

@ilNovakdellabassa ha scritto:Ciao a tutti e Buon 2017 
aggiungerei un paio di cose:
-spesso il bello crede di essere bello ma non lo è...è bello colui che gioca 4/5 palle profonde e cariche con buon margine di sicurezza e poi chiude con un vincente, non quello che tira tutto piatto e fa un vincente e 4 errori; è bello quello che serve una buona percentuale di prime con variazioni di angoli e rotazioni ed ha un seconda di servizio inattaccabile, non quello che prende la riga e fa ace una volta ogni 3 game e poi fa 10 doppi falli; è bello quello che gioca spingendo in topspin con buon margine di errore, non quello che tira solo botte piatte da ogni parte del campo e in ogni situazione
-come il bello (in realtà non bello) pensa di essere forte e di perdere solo per congiunzioni astrali temporanee, parlando a sproposito e rendendosi ancora più ridicolo, ci sono "brutti" che credono che il tennis sia quello...cioè non sbagliare mai o comunque meno dell'altro e si permettono al pari dei belli di parlare a fine partita a sproposito facendo la lezioncina al finto bello di turno

ho detto questo perche secondo me questa discussione nei club nasce spesso perche uno dei due o anche tutti e due i giocatori in realtà non sanno di cosa stanno parlando...mi spiego meglio
il bello che perde dal brutto deve capire una cosa sola...in realtà non è bello, perche se fosse bello davvero avrebbe battuto il brutto
il brutto deve capire che se vince senza troppa tecnica, con meccanismi assimilati da anni di gioco, questo sarà sempre un suo limite e vincerà SEMPRE contro falsi belli, ma mai contro belli veri

chiudo dicendo: massimo rispetto per tutti gli"stili" e tutte le idee, ma se tutti fossero consapevoli del loro tennis veramente, queste discussioni nei club non ci sarebbero mai...
perche il finto bello non esisterebbe, esisterebbe un bellino che prova ad imparare (nella maniera corretta però) e si allena anche prendendo batoste dai brutti che gli evidenziano i suoi limiti ancora presenti
i brutti giocherebbero consapevoli che entro una certa categoria hanno il comando totale...se la facciano piacere e godano li perche oltre non ci vanno

il tennis è uno sport difficile che richiedete tempo, impegno, costanza e tanta volontà...è bene che chi vuole diventare bello lo sappia da prima

il tennis è uno sport bellissimo, divertente, competitivo ma rilassante, che ti fa gioire per una vittoria sul tuo eterno rivale e non ti fa prendere sonno per un eliminazione al primo turno di un quarta categoria...è bene che chi vuole rimanere brutto lo sappia...o forse già lo sa
qua gia stiamo parlando di un 4.1 e un 4.3...........è normale che non ci sia partita
Sonny ha aperto la discussione, mettendo a confronto due giocatori di pari livello (esempio 2 4.3 reali  ma stilisticamente diversi esteticamente.

joes
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 171
Data d'iscrizione : 08.05.12

Profilo giocatore
Località: CERNUSCO S/N
Livello: ITR 4.5 | FIT 4.3
Racchetta: BABOLAT Pure storm YONEX duel g 97 310g

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da joes il Ven 6 Gen 2017 - 10:55

Io mi considero un bello, sono un narcisita dei miei colpi....e ne vado fiero.
Allo stesso tempo sono molto umile e corretto nei confronti dei miei avversari.
Quando perdo con un brutto, gli stringo la mano e gli faccio i complimenti. E' stato piu bravo di me.
Mi incaxxo...con me stesso se ho perso..non con lui. in quel momento, partita, giorno, nei punti chiave, nel gestire le situazioni....quindi nel complesso è stato più forte.....NON NEI SINGOLI COLPI.
 

Di solito quando si perde, belli o brutti hanno sempre una scusa pronta:
non era giornata, 
ha preso 10 righe
avevo il sole contro
mi sono deconcetrato
mi ha rubato i punti
...e chi piu ne ha piu ne metta.

le sconfitte bruciano a tutti, zitti e pedalare....analizzare e capire cosa non ha funzionato e migliorare, per fare in modo che non avvenga piu.
solo cosi di cresce tennisticamente parlando.

joes
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 171
Data d'iscrizione : 08.05.12

Profilo giocatore
Località: CERNUSCO S/N
Livello: ITR 4.5 | FIT 4.3
Racchetta: BABOLAT Pure storm YONEX duel g 97 310g

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Ven 6 Gen 2017 - 11:28

@wetton76 ha scritto:Non male però questo tennis con le racchette in legno ...

è inevitabile apparire come nostalgico Rolling Eyes , ma la bellezza di questo tennis mi sembra incontestabile da chiunque e siamo in presenza di due non certo tra i migliori rappresentanti del più bel tennis dell'epoca, eppure tutto appare armonico, leggero, ma elettrizzante ed appassionante allo stesso tempo nell'attesa di quanto possa accadere allo scambio sucessivo. Starei davanti al video delle ore, come non cercare di emularli. Adesso sono solo mazzate, gli scambi da fondo campo mi ricordano le scazzottate della più tipica iconografia da far west dove i contendenti dopo aver dato un pugno aspettano semplicemente quello dell'avversario, della serie porgi l'altra guancia, una monotonia mortale accompagnato da urletti di apparente sofferenza, tanto fastidiosi, quanto antisportivi (in un torneo di tanti, tantissimi anni fa, fui pure reguardito dall'arbitro per palla disturbata dopo un mio urletto fatto durante lo scambio; mi sono sempre chiesto se sia cambiato il regolamento e se ci sia solo più accondiscendenza?). Bei tempi Sad

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 657
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Ven 6 Gen 2017 - 11:35

@Solpemachaco ha scritto:
Sonny Liston ha scritto:

Grande Leander!

Far rosicare un bello è una soddisfazione come quando, da giovane, ti facevi la ragazza di uno stronzo!

Impagabile!

Per niente d'accordo, se il "brutto" pretende rispetto allora lo deve anche dare, se no è troppo facile e si mette allo stesso livello del "bello" che tanto odia, sportivamente parlando.

In campo prima di tutto ci vuole rispetto dell'avversario, ma non si può pretenderlo senza darlo, almeno secondo me.

E' lo stesso concetto del: se l'avversario mi ruba un punto io gli rubo quello dopo... non esiste, se no siamo uguali ed io non ho motivo di arrabbiarmi se lo fa lui!

Almeno io la vedo così.

Eh no, non ami!
La mia soddisfazione è INTIMA, non la manifesto allo sconfitto.
MAI nessun commento... Sia che mi piaccia, o sia uno che non sopporto.

È cosa ben diversa.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Ven 6 Gen 2017 - 11:46

@joes ha scritto:

qua gia stiamo parlando di un 4.1 e un 4.3...........è normale che non ci sia partita
Sonny ha aperto la discussione, mettendo a confronto due giocatori di pari livello (esempio 2 4.3 reali  ma stilisticamente diversi esteticamente.

Certo: la mia discussione si basa su due giocatori di simile livello: altrimenti NON esisterebbe partita.

Qui molti fanno "supercazzole con piroetta" per difendere le proprie idee... ma andando regolarmente fuori tema.

Non è un post sul gioco del pallettaro, se conviene, se è noioso, se è corretto.

Io volevo solo parlare della MIRIADE di giocatori "stilosi" che quando perdono con giocatori "grezzi" con gioco difensivo si sentono in dovere di denigrare il gioco del vincitore.

[size=41]A me, questo atteggiamento fa semplicemente schifo.[/size]

Mia idea.

E quando asfalti uno di questi pagliacci (cosa che succede spesso), godo tennisticamente.

Ma in modo "intimo".
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Ven 6 Gen 2017 - 12:00

@joes ha scritto:Io mi considero un bello, sono un narcisita dei miei colpi....e ne vado fiero.
Allo stesso tempo sono molto umile e corretto nei confronti dei miei avversari.
Quando perdo con un brutto, gli stringo la mano e gli faccio i complimenti. E' stato piu bravo di me.
Mi incaxxo...con me stesso se ho perso..non con lui. in quel momento, partita, giorno, nei punti chiave, nel gestire le situazioni....quindi nel complesso è stato più forte.....NON NEI SINGOLI COLPI.
 

Di solito quando si perde, belli o brutti hanno sempre una scusa pronta:
non era giornata, 
ha preso 10 righe
avevo il sole contro
mi sono deconcetrato
mi ha rubato i punti
...e chi piu ne ha piu ne metta.

le sconfitte bruciano a tutti, zitti e pedalare....analizzare e capire cosa non ha funzionato e migliorare, per fare in modo che non avvenga piu.
solo cosi di cresce tennisticamente parlando.

Ineccepibile 
Massimo rispetto ad un "bello" del tuo tipo! 
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Ven 6 Gen 2017 - 12:05

Sonny Liston ha scritto:


E quando asfalti uno di questi pagliacci (cosa che succede spesso), godo tennisticamente.

Ma in modo "intimo".

A scanso di equivoci, il pagliaccio, per me non è quello che ricerca lo stile dei colpi....

Ma quello che denigra il gioco brutto dell'avversario da cui è stato appena sconfitto.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Ven 6 Gen 2017 - 13:43

Alla fine, non comprendo molto lo spirito del post.
Di cosa stiamo parlando?
Nella vita di tutti i giorni ognuno di noi decide come affrontare la giornata.
C'è chi apprezza una cravatta ben intonata con il resto dell'abbigliamento (mi scuso con il gentil sesso che dovesse sentirsi escuso dal mio esempio al maschile, ma evidentemente vale lo stesso discorso per un bel completino all'ultimo grido :-)) e per questo si senta meglio e chi fatica ad abbinare due colori, ma non ne soffre minimamente, c'è chi ha modi formali ed attento al bob ton e chi ruttare in pubblico lo ritenga quasi un vezzo che renda omaggio ad un più sano informalismo comportamentale, chi fa del saluto un simbolo di rispetto e signorilità e chi, fatica a dire salve.
Insomma, ognuno di noi è libero di vivere questa avventura dandosi i modelli che più lo rendano  appagato.
Nel tennis è uguale, c'è chi si accontenta di giocare un tennis rozzo ed elementare pur di portarsi a casa il salame di mortadella come baluardo delle sue imprese e chi si pone limiti invalicabili cercando di emulare i più grandi testimonial di eleganza e bellezza di questa disciplina inorgogliendo anche per quella singola volta nella quale si è appena avvicinato al gesto perfetto illudendosi di poter essere in quell'istante quasi loro pari.
Un ultimo esempio su tutti per meglio far comprendere il mio pensiero; per anni l'immagine simbolo delle figurine panini - chi non ha conosciuto il valore mediatico e sociale delle figurine panini alzi la mano - è stata la bella e mitica sforbiciata di Valentino Mazzola e non un anonimo tackle di qualche arcinio difensore catenacciaro! Un motivo ci sarà ... Smile

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 657
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da joes il Ven 6 Gen 2017 - 14:17

Dago, forse non hai capito il senso del post di Sonny, ovvero:
non sta criticando il fatto che si siano 2 stlli di gioco in questo sport.
certo che ognuno è libero di giocare come gli pare e piace....come ognuno è libero di vestirsi come gli pare

Sonny sta solo criticando chi gli rinfaccia che ha vinto una partita non giocando da bello!! ....a volte per il bello non riesce a farsene una ragione.
tutto qui.
ovvero come se quello che va in ufficio vestito in giacca e cravatta fa l' operaio e critica chi invece va vestito in maniera sportivo, barba incolta tuattuaggi e orecchini,piercing fa carriera.
in sintesi guarda solo l' apparenza: l' abito non fa il monaco

joes
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 171
Data d'iscrizione : 08.05.12

Profilo giocatore
Località: CERNUSCO S/N
Livello: ITR 4.5 | FIT 4.3
Racchetta: BABOLAT Pure storm YONEX duel g 97 310g

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 25 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 14 ... 25  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum