Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultimi argomenti
» Yonex VCore SV
Oggi alle 23:11 Da lorenz90

» Grigor Dimitrov
Oggi alle 23:06 Da Max1966

» Scelta racchetta
Oggi alle 22:55 Da Vale piga

» Head Graphene XT Radical S vs Head Graphene XT Instinct Lite
Oggi alle 21:55 Da dario81

» EZone 2017
Oggi alle 21:16 Da ifabricos

» Polytour Tough
Oggi alle 21:16 Da nw-t

» aiutatemi a scegliere la scarpa
Oggi alle 20:41 Da VANDERGRAF

» Concorso PT-100 - Novembre 2017
Oggi alle 20:39 Da Leutonio

» dunlop nt 3.0 2017 (308 g)
Oggi alle 18:39 Da sallac

» Pro Kennex Q+ Tour 300 2017
Oggi alle 17:44 Da mirkoc

» Grip 1.7/1.8mm peso 11g max
Oggi alle 17:06 Da adip89

» Wilson Pro Staff CV (Countervail)
Oggi alle 16:36 Da Paolo070

» Club PT57A - PT57E - PT10
Oggi alle 16:36 Da glenn uguccioni

» Requisiti e regole per l'utilizzo del "Mercatino"
Oggi alle 16:28 Da marconadal

» EZONE DR
Oggi alle 15:57 Da Paramahansa

» Consiglio per Yonex vcore duel g 100 (300g)
Oggi alle 15:32 Da Attila17

» Yonex Poly Tour Spin G 125
Oggi alle 15:25 Da Stefan63

» Nick Kyrgios
Oggi alle 14:41 Da Max1966

» PRO STAFF L CV
Oggi alle 13:37 Da MEGA77

» Telaio 100/300 comfort
Oggi alle 13:02 Da Eiffel59

» Lotto Stratosphere
Oggi alle 12:15 Da gabr179

» Luxilon Element
Oggi alle 11:31 Da ANTROB

» Corde pèer six one 16x18 2014
Oggi alle 10:45 Da kent08

» Forza Schumacher
Oggi alle 10:32 Da mattiaajduetre

» Head Radical Graphene XT S: recensioni/prestazioni? Scelta (compresa incordatura) azzeccata?
Oggi alle 10:12 Da kgb1969

» Domande sparse Starburn
Oggi alle 10:10 Da st13

» Blade 104 Serenona Williams autograph
Oggi alle 9:48 Da Victor69

» RAFTennis: nuovo circuito amatoriale
Oggi alle 9:41 Da andyvakgj

» Dubbio sensazioni corde su babolat aero pro drive
Oggi alle 9:40 Da NikRafa22

» Un saluto a tutto il forum, mi presento.
Oggi alle 9:36 Da chiaralt



Ultime dal mercatino
Link Amici




19982 Utenti registrati
187 forum attivi
672969 Messaggi
New entry: belloribello123

Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Pagina 24 di 25 Precedente  1 ... 13 ... 23, 24, 25  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Mer 4 Gen 2017 - 8:09

Promemoria primo messaggio :

Vorrei iniziare questo 2017 con una dedica.

Dedico questo post a "quelli che giocano un bel tennis".

Chi sono (tennisticamente) io?

Un amatore di 54 anni, con un livello di gioco (certificato da svariati forumisti) che si pone tra il 4.1 buono  ed il 3.5 scarso... quindi una "nullità tennistica".

Ma in una cosa sono "bravo": frequentando circoli e giocando da 4 decenni conosco perfettamente tutti i personaggi che frequentano i campi rossi, e con i quali mi piace intrattenermi in scambi di idee, a volte anche "vivaci", ma sempre all'impronta delle buone maniere.

Essendo un autodidatta puro, il mio stile è artigianale, poco estetico... oserei dire piuttosto brutto a vedersi.

Scusate se mi sono dilungato nella presentazione, ma la ritenevo funzionale all'argomento.

Tale argomento riguarda quelli "che giocano un bel tennis", che per comodità chiamerò da ora i "belli", contrapposti a quelli come me, che appartengono alla categoria dei "brutti".

A tutti i livelli tennistico, la guerra dei belli contro i brutti si combatte con veemenza, e più scende il livello di gioco, tanto tale battaglia diventa più cruenta.

Nelle paludi di quarta, scorre il sangue a fiumi, come fiumi di parole e discussioni si ripetono, sempre uguali, negli anni.

Il bello ama Federer, MC Enroe, ed i tennisti di talento (e come non si potrebbe amarli?) E si identifica in loro...

Il brutto rispetta Nadal e Borg... Ed allo stesso modo a loro si ispira.

Fino a qui, tutto semplice, no?

No!

Perché poi ci sono le partite di tennis, le sfide di circolo.

Statisticamente, specialmente ai nostri bassi livelli, il brutto è vincente rispetto al bello... perché se si è pippe, non è facile vincere con i colpi che non si possiedono...

E qui i belli si incazzano a morte, mostrando spesso il peggio di loro (non sempre, naturalmente) dileggiando il brutto di turno che li ha battuti, con frasi irriverenti:

"Ho perso con una pippa"
"Sei senza colpi"
"Non fai un vincente"
"Hai uno stile inguardabile"

Normalmente il brutto incassa le sfuriate, e va sotto la doccia con il 62, 62 a suo favore è l'ennesimo scalpo del bello alla cinta.

Chiaro che a volte perde anche: è naturale...

Ma il nocciolo della questione non è questo:

Perché il bello deve rompere (quasi sempre ) il caxxo quando perde dal brutto?

Perché deve dileggiare il suo gioco?
Non ha alcun senso!

Ognuno (nel rispetto della regole) fa il gioco che vuole...

E, quando si perde, occorre, complimentarsi sempre con chi vince, prescindendo dal suo gioco.

Difficilmente al brutto interessa criticare  il tipo di gioco dell'avversario:entra in campo, si impegna, e cerca di vincere.

Perché quasi sempre il fine del brutto è vincere, quello del bello migliorare i propri colpi, il proprio stile... cosa lodevole.

Come si può criticare chi cerca di migliorarsi? Impossibile.

Ma si può criticare chi rompe "Los cojones" a quello che ti ha appena battuto, criticando il suo gioco e dicendo frasi del tipo: "tra un anno ti faccio fare due giochi".

Allora devo dare una brutta notizia statistica a chi fa questi ragionamenti (a meno che non siano ragazzi in crescita): nel 80% dei casi (o più) continuerete a perdere con i brutti.

Non è un bene o un male: è semplicemente la dura realtà della terra rossa.

Chiaramente ci sta un 20% di eccezioni...I belli che poi miglioreranno davvero, e vinceranno contro i brutti.

Ma questi belli, di solito, sono diversi: non parlano dello stile dei brutti, stanno zitti, si allenano duro, sputano sangue... rispettano gli avversari... si focalizzano sul loro tennis, non su quello degli altri!

Che, guarda caso, è quello che fanno i brutti.

Noi brutti non pensiamo agli altri, non critichiamo il loro gioco... 
Cerchiamo di dare il massimo con quel poco che abbiamo.

Concludo questo lungo post con una preghiera a voi belli: almeno per una volta nella vostra vita tennistica, quando perderete (come spesso succede) dal brutto di turno...

Fate uno sforzo: complimentatevi con lui.

Saluti dal vecchio Sonny.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso


Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Sab 21 Gen 2017 - 11:31

Robbyc: sono totalmente d'accordo con te.

Gli attrezzi di un tempo permettevano una maggiore personalizzazione degli stili di gioco...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Matusa il Sab 21 Gen 2017 - 11:35

Robbyc ha scritto:
Beh Adriano è sempre Adriano....   
Però questi giocatori sarebbero spettacolari con ogni tipo di racchette credo.... Il talento non può essere legato all'attrezzatura

Il talento no, ma il livello che esso ti permette di raggiungere sì.
A noi Borg pareva gigantesco, ma era solo 1,80 x 72 (lo dico anche perché io sono 1,80 x 72  Very Happy   ).
Ora sarebbe un nanerottolo. Quelli della generazione precedente erano in media ancora meno voluminosi, Laver 1,72, Rosewall 1,70. C'erano anche i giganti tipo Sirola, ma non eccellevano nel singolo, perché toccava correre di più e la potenza rendeva meno.
avatar
Matusa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 397
Località : profondo Nord-est
Data d'iscrizione : 26.10.16

Profilo giocatore
Località: Nord-est
Livello: NC, ITR 4.0
Racchetta: Angell TC95, Angell TC100, Head Youtek Speed Pro, Prince Spectrum Comp 90

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Matusa il Sab 21 Gen 2017 - 11:36

A proposito del tennis di una volta, prendo una citazione da qui

https://it.wikiquote.org/wiki/John_McEnroe

"[Sul tennis nel 2002] A guardarlo, tutto così uguale a se stesso, con le superfici sempre più dure e simili, mi sembra di essere più vecchio, perché una volta tutto era più bello, più vario, più appassionante. La prima cosa che mi viene in mente è che oggi i primi non sembrano tanto affamati e desiderosi di prendersi tutto. Si accontentano di quello che hanno, che non sono gli Slam, ma magari i tanti altri tornei che si giocano adesso e che ai miei tempi contavano molto meno."
avatar
Matusa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 397
Località : profondo Nord-est
Data d'iscrizione : 26.10.16

Profilo giocatore
Località: Nord-est
Livello: NC, ITR 4.0
Racchetta: Angell TC95, Angell TC100, Head Youtek Speed Pro, Prince Spectrum Comp 90

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Sab 21 Gen 2017 - 11:46

Vorrei solo (sommessamente) far notare che da circa  15 pagine siamo ampiamente OFF TOPIC...
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da demetrio75 il Sab 21 Gen 2017 - 14:28

Tornando in tema... Stamattina, da bruttissimo, ho giocato un paio di set con un amico molto più bello di me tecnicamente ed atleticamente.
Ho perso di brutto... Ma quanto mi sono divertito(spero anche il mio compagno Smile)
E se anche avessi vinto non avrei rischiato insulti... Morale della favola e restando in tema... Nel tennis come nella vita bisogna scegliere bene i compagni.
avatar
demetrio75
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 256
Data d'iscrizione : 13.11.16

Profilo giocatore
Località: Cosenza
Livello: 3.0 ITR....in miglioramento
Racchetta: Prince Warrior Pro 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da st13 il Sab 21 Gen 2017 - 14:45

Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy

L'amico "bello" dovrei essere io????
Comunico a tutto il forum che Demetrio è un emerito bugiardo Very Happy

In ogni caso, non cullarti, non ho usato toni offensivi solo perché si trattava di tennis!
Se fosse stata una partita di calcetto avremmo litigato di brutto Twisted EvilTwisted Evil

st13
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 736
Età : 37
Data d'iscrizione : 03.01.14

Profilo giocatore
Località: Cosenza e dintorni
Livello: itr 3.5 - fino a 4.3 me la gioco
Racchetta: ai 98 - prince classic response 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Sab 21 Gen 2017 - 15:02

kingkongy ha scritto:Beh ci siamo dimenticati di uno come Pancho Gonzales che da autodidatta ha "inventato" il servizio moderno. Prima di lui quello che vediamo oggi in slow motion fatto da Federer non esisteva.
Spettacolare, atletico, rivoluzionario...legnodotato.


Proprio una monotonia!! Vuoi mettere gli scambi interminabili sulle diagonali del giorno d'oggi, o l'arcigna resistenza che alcuni pallettari sanno mettere in campo Very Happy Very Happy Very Happy

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da fabioborg il Dom 22 Gen 2017 - 7:44

Consiglio a tutti gli amanti del " bel tennis" di vedere Murray - Zverev a Melbourne e ditemi se non vi divertite Very Happy Very Happy Very Happy
Fabio.
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 733
Età : 51
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Prince Textreme Tour 100P, Textreme Warrior 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da giper il Dom 22 Gen 2017 - 8:45

Che scorretto quel M. Zverev a sfruttare la potenza dei colpi di Murray per fare volee profonde senza nemmano faticare, così sono capaci tutti.

giper
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 18.09.13

Profilo giocatore
Località: Cosenza
Livello: 3 itr, 4.3 FIT
Racchetta: pro kennex ki 15 300

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da fabioborg il Dom 22 Gen 2017 - 8:54

giper ha scritto:Che scorretto quel M. Zverev a sfruttare la potenza dei colpi di Murray per fare volee profonde senza nemmano faticare, così sono capaci tutti.
Very Happy Very Happy
Fabio.
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 733
Età : 51
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Prince Textreme Tour 100P, Textreme Warrior 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da spalama il Lun 23 Gen 2017 - 12:00

Dopo giorni di influenza cerco di riassumer un pò di concetti:

1) a tennis il regolamento non impone alcuno stile di gioco, alcuna velocità di palla, alcuna altezza massima dei colpi sopra la rete ergo i pallettari sono legali, non sono sleali, perseguono lo stesso obiettivo degli altri, e nel tennis ci stanno e ci devono stare.
Chi perde contro i pallettari semplicemente non ha una tattica o una tecnica, o semplicemente la testa, per contrapporsi efficacemente  a quello stile di gioco.

2) Chi denigra un avversario durante o a fine partita va tacciato di comportamento antisportivo, oltre che di maleducazione, ed andrebbe sanzionato (a calcio ad esempio vieni espulso anche a partita finita mentre vai negli spogliatoi oppure finchè sei nel recinto della struttura e non hai varcato il cancello di uscita).

3) A tutti noi piacerebbe vedere giocare e saper giocare come Sampras o Federer, ma sia a livello pro, che sicuramente tra di noi, di gente così dotata e votata all'attacco non ce n'è più tantissima.
Sicuramente c'è più gente che gioca in modo completo in tutto le zone del campo, ed i difensori strenui non sono moltissimi, nemmeno loro al pari dei giocatori serve&volley.
Ma non per questo siamo nostalgici di Pietrangeli o dobbiamo per forza pensare ai gesti bianchi di Gianni Clerici o Lea Pericoli. 

4) Chi dice che gli attrezzi non dovrebbero essere più grandi di 95" non conosce bene gli attrezzi moderni, in quanto tutti quelli che giocano Head e moltissimi di quelli che giocano Wilson, giocano con piatti da 95 (la prestige è 95" e non 98"). Quindi non è scendendo di dimensione che cambia il tennis. 

5) I due più grandi giocatori degli ultimi anni per numero di slam vinti, Sampras e Federer, hanno vinto con una racchetta da 85" pesante da 355 a 400 grammi, e di concezione di trenta anni fa.
Siamo sicuri che le dimensioni contano???

6) Se si vanno a vedere vecchi filmati di Borg, ad esempio, lo si vede vincere con la racchetta di legno, contro Lendl già dotato di racchetta di grafite, ed anche all'epoca giravano già racchette di alluminio o di fibra, che contro il legno perdevano.
C'era un certo Roscoe Tanner che con l'alluminio serviva già a duecento all'ora ai tempi in cui Borg vinceva 5 Wimbledon con in legno.

7) Le profilate e tubolari, contro le quali ci si scaglia per l'abbrutimento progressivo di questo sport, senza l'avvento delle nuove corde in poliestere non sono mai state usate da nessuno con profitto.
Le nuove corde hanno dato un senso a questa tipologia di racchette, ma hanno reso più efficaci anche le boxed, pesanti e flessibili.

8)La battaglia dei materiali credo che oramai sia stata persa a meno di clamorosi ripensamenti della Federazione Internazionale, l'unica che può intervenire a livello regolamentare.
Purtroppo non sapremo mai se continuando a costruire racchette in legno di concenzione sempre più moderna il gioco sarebbe stato migliore o si sarebbe arrivati allo stesso punto di oggi. L'esperimento più evoluto con il legno lo ha fatto la Prince con la Prince Woodie (unico racchettone in legno mai realizzato e stratificato con la grafite), non sappiamo se si sarebbero potute realizzare racchette più rigide e potenti, magari profilate anche con il legno, semplicemente perchè le aziende hanno virato sui nuovi materiali, più economici ed industrializzabili (prima in Taiwan e poi in Cina) aumentando i profitti.

9) Il tennis di oggi di cui tanto si parla è noioso?
Dipende, ho visto partite noiosissime negli anni 70 con il legno, negli anni 80 con le fibre, negli anni 90 con la grafite, e così via.
Secondo me riflette più l'evoluzione fisica dei giocatori che quella tecnica, anche legata ai nuovi materiali.
Oggi quando si parla di scambi noiosi sulle diagonali parliamo di 10-12 scambi al massimo, oggi un match 2 su 3 dura mediamente 2 ore, oggi come uno dei due tennisti accorcia la palla l'altro entra in campo e prova a guadagnare la rete, insomma oggi per chi mastica tennis e ne ha masticato sui campi, facendo tornei, vede un livellamento abbastanza uniforme verso l'alto.
Secondo me il problema è questo, sembrano tutti uguali, impostati allo stesso modo, con un unico foglio tattico da seguire.
In questo il tennis di oggi è un pò noioso, e lo vedi soprattutto guardando i tornei della wta.

10) Cosa si può fare per renderlo più avvincente senza dover aspettare doni del cielo come Sapras e Federer?

Faccio le mie proposte:
1) Reintroduzione del legno con % minima del 70% nelle racchette.
2) A livello professionistico vietate le incordature full mono.
3) Abolizione del rovescio a due mani dagli under 14 in poi.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da fabioborg il Lun 23 Gen 2017 - 14:18

Ottima analisi!! concordo in tutto e per tutto.
Unico dubbio sull'ultima proposta che contrasta la tua affermazione sul punto 1 e sopratutto sul fatto che presumo i maestri di nuova generazione non saprebbero certamente insegnare il rovescio ad una mano. Sad
Fabio.
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 733
Età : 51
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Prince Textreme Tour 100P, Textreme Warrior 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Lun 23 Gen 2017 - 15:06


Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Lun 23 Gen 2017 - 15:13


Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da spalama il Lun 23 Gen 2017 - 17:35

@Fabioborg, hai ragione, l'abolizione del rovescio a due mani contrasta col regolamento di gioco, che appunto andrebbe modificato vietando la pratica dei colpi a due mani, pena la perdita del punto, perchè la regola deve valere per il dritto, per il rovescio, per le volèè e per gli altri colpi.
La racchetta deve essere tenuta da una mano solamente per tutto l'arco del colpo successivo all'apertura, non solo al momento del contatto tra le corde e la pallina.
La reintroduzione del rovescio ad una mano sarebbe una vera rivoluzione tecnica.

I maestri lo insegnerebbero alla pari di come insegnano quello a due mani, è solo una questione di pigrizia mentale da vincere.

@Dagoberto, sono articoli condivisibili nei contenuti e purtroppo c'è una frase che racchiude molto del mio pensiero a riguardo: i maestri e gli allievi non amano i fallimenti.
E' vero tutto, gli attrezzi, le superfici, la preparazione fisica, tutto ha contribuito alla meccanizzazione del tennis, ma soprattutto è mancato un approccio critico all'insegnamento del tennis moderno, si insegna a giocare a tennis così perchè oggi si gioca così, dritto per dritto, rovescio a due mani, dritto in top, servizio in kick, il back non esiste, non ti inventare niente, non cambiare mai tu per primo la diagonale, colpisci la palla sempre allo stesso modo, mettiti li non ti spostare e vinciamo la partita.

E' un tennis diverso, che personalmente a me non piace, ma che a dirlo sia Wilander, francamente lascia il tempo che trova.
Lui, il più noioso dei tennisti dell'era moderna, il più palloso svedese che abbia calcato i campi da tennis, che in confronto Borg era Federer.
Lui giocava con una racchetta dal flex paragonabile a quelle di legno, ma lui, gli altri già giocavano con racchette dai flex simili a quelli di oggi.
Lui che dice che la pallina arrivava più veloce allora.
Come fa a dirlo se non gioca contro questi di adesso, tra l'altro quella di adesso forse camminerà meno, o uguale, ma sono sicuro che gli piega la racchetta per quanto è più complessa e quindi pesante.
Adesso è più facile rispondere con gli ovali grandi.....Ma l'oversize fu inventato da Prince, anzi dal sig. Howard Head di Prince, nel 1976, dico 1976!!!

http://www.80s-tennis.com/pages/prince.html

Ma quante castronerie.

Le superfici, prima US OPEN si giocavano sulla terra verde di Forest Hills, e gli Australian Open sull'erba di Sydney.

Prima sull'erba non si giocava, la palla nemmeno rimbalzava, dai non si poteva guardare.

Ma pure sul cemento non è che si giocasse moltissimo.

Che poi abbiano rallentata tutto troppo è un dato di fatto.

Non serviva arrivare a tale omogeneizzazione di materiali e superfici, poi si parla di corde, ma forse non sa che oramai sono moltissimi a giocare con ibrido budello/mono.

Poi parla del serve and volley, lui che andava a rete solo per dare la mano all'avversario, mentre gli altri si ammazzavano di scatti in avanti per aggredirlo e lui che gli tirava quei "cani morti" da fondo campo senza sbagliare per tre quarti d'ora.....

Il serve and volley è più diffcile perchè è aumentata la velocità del gioco, perchè i giocatori sono più fisici e tirano più forte, si allenano in palestra, si allenano sulla risposta al servizio, si allenano sul passante.....ai suoi tempi si allenava solo Lendl e qualche altro disperato, gli altri facevano la bella vita (lui compreso).
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da fabioborg il Lun 23 Gen 2017 - 21:03

Beh....io ho avuto l'onore di palleggiare con Mats e non mi sembrava avesse una palla cosi' pesante...pero' era un'esibizione....magari in torneo spinge di piu' Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
Fabio.
P.S. Persona tra l'altro squisita che ho avuto modo di conoscere assieme a Leconte e Bruguera.
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 733
Età : 51
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Prince Textreme Tour 100P, Textreme Warrior 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da fabioborg il Lun 23 Gen 2017 - 21:27

spalama ha scritto:@Fabioborg, hai ragione, l'abolizione del rovescio a due mani contrasta col regolamento di gioco, che appunto andrebbe modificato vietando la pratica dei colpi a due mani, pena la perdita del punto, perchè la regola deve valere per il dritto, per il rovescio, per le volèè e per gli altri colpi.
La racchetta deve essere tenuta da una mano solamente per tutto l'arco del colpo successivo all'apertura, non solo al momento del contatto tra le corde e la pallina.
La reintroduzione del rovescio ad una mano sarebbe una vera rivoluzione tecnica.

I maestri lo insegnerebbero alla pari di come insegnano quello a due mani, è solo una questione di pigrizia mentale da vincere.

@Dagoberto, sono articoli condivisibili nei contenuti e purtroppo c'è una frase che racchiude molto del mio pensiero a riguardo: i maestri e gli allievi non amano i fallimenti.
E' vero tutto, gli attrezzi, le superfici, la preparazione fisica, tutto ha contribuito alla meccanizzazione del tennis, ma soprattutto è mancato un approccio critico all'insegnamento del tennis moderno, si insegna a giocare a tennis così perchè oggi si gioca così, dritto per dritto, rovescio a due mani, dritto in top, servizio in kick, il back non esiste, non ti inventare niente, non cambiare mai tu per primo la diagonale, colpisci la palla sempre allo stesso modo, mettiti li non ti spostare e vinciamo la partita.

E' un tennis diverso, che personalmente a me non piace, ma che a dirlo sia Wilander, francamente lascia il tempo che trova.
Lui, il più noioso dei tennisti dell'era moderna, il più palloso svedese che abbia calcato i campi da tennis, che in confronto Borg era Federer.
Lui giocava con una racchetta dal flex paragonabile a quelle di legno, ma lui, gli altri già giocavano con racchette dai flex simili a quelli di oggi.
Lui che dice che la pallina arrivava più veloce allora.
Come fa a dirlo se non gioca contro questi di adesso, tra l'altro quella di adesso forse camminerà meno, o uguale, ma sono sicuro che gli piega la racchetta per quanto è più complessa e quindi pesante.
Adesso è più facile rispondere con gli ovali grandi.....Ma l'oversize fu inventato da Prince, anzi dal sig. Howard Head di Prince, nel 1976, dico 1976!!!

http://www.80s-tennis.com/pages/prince.html

Ma quante castronerie.

Le superfici, prima US OPEN si giocavano sulla terra verde di Forest Hills, e gli Australian Open sull'erba di Sydney.

Prima sull'erba non si giocava, la palla nemmeno rimbalzava, dai non si poteva guardare.

Ma pure sul cemento non è che si giocasse moltissimo.

Che poi abbiano rallentata tutto troppo è un dato di fatto.

Non serviva arrivare a tale omogeneizzazione di materiali e superfici, poi si parla di corde, ma forse non sa che oramai sono moltissimi a giocare con ibrido budello/mono.

Poi parla del serve and volley, lui che andava a rete solo per dare la mano all'avversario, mentre gli altri si ammazzavano di scatti in avanti per aggredirlo e lui che gli tirava quei "cani morti" da fondo campo senza sbagliare per tre quarti d'ora.....

Il serve and volley è più diffcile perchè è aumentata la velocità del gioco, perchè i giocatori sono più fisici e tirano più forte, si allenano in palestra, si allenano sulla risposta al servizio, si allenano sul passante.....ai suoi tempi si allenava solo Lendl e qualche altro disperato, gli altri facevano la bella vita (lui compreso).
Sai qual'e' il vero problema secondo me?? E' che a partire dalle scuole tennis stanno formando tutti giocatori uguali, fatti con lo stesso stampo, si mettono a fondo campo e da li' non li muovi neanche con le bombe, rovescio bimane, gioco al volo non sanno neanche cos'e' , palle corte ogni tanto e quando vengono chiamati avanti....ritornano indietro per paura Sad Sad
e' questo che a me fa piu' paura...gioco troppo standardizzato...nessuno che prova qualcosa di diverso, back di rovescio neanche parlarne.
Io nel io piccolo almeno ci provo..con tutti i miei limiti tecnici ed fisici , ma almeno ci provo.... Laughing
Fabio.
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 733
Età : 51
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Prince Textreme Tour 100P, Textreme Warrior 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Lun 23 Gen 2017 - 21:46

spalama ha scritto:
Poi parla del serve and volley, lui che andava a rete solo per dare la mano all'avversario, mentre gli altri si ammazzavano di scatti in avanti per aggredirlo e lui che gli tirava quei "cani morti" da fondo campo senza sbagliare per tre quarti d'ora.....

Il serve and volley è più diffcile perchè è aumentata la velocità del gioco, perchè i giocatori sono più fisici e tirano più forte, si allenano in palestra, si allenano sulla risposta al servizio, si allenano sul passante.....ai suoi tempi si allenava solo Lendl e qualche altro disperato, gli altri facevano la bella vita (lui compreso).

Condivido il tuo pensiero in questa discussione, ma su Wilander due imprecisioni te le contesto:
1) Wilander si allenava e pure tanto ed infatti correva come un dannato, ha cominciato a tirare i remi in barca dopo essere diventato n. 1 nel 1989 dopo aver battuto Lendl in una battaglia epica a Flushing Meadows;
2) Wilander nasce come "pedalatore da fondo", ma si è saputo costruire con il tempo un dignitosissimo gioco a rete, tanto è vero che la succitata finale del 1989 con Lendl l'ha vinta attaccando come un matto, ci sono i video su you tube e ti meraviglierai a vedere Mats fare frequentissimamente il serve and volley!
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Dagoberto il Lun 23 Gen 2017 - 22:54

Non è importante chi dice cosa, ma sempicemente cosa si dice e, semmai, quale ruolo è ricoperto attualmente nel movimento tennistico istituzionale. Ho postato  interviste e redazionali di persone che ricoprono ruoli strategici e mediaticamente influenti nel tennis d'oggi, poco importa come giocassero a tennis in passato, l'allenatore di Serena Wiliams Mouratoglou non è neanche stato un grande del tennis giocato, ma non credo si possa affermare che non sia persona autorevole, ed emerge una generale preoccupazione, più o meno esplicita, sulla poca spettacolarità generale  del gioco del tennis sempre più spesso caraterizzato da scambi da fondo campo basati sulla sola forza fisica. Se  personaggi così significativi nella piramide tennistica mondiale nutrono dubbi e perplessità su un certo modo di interpretare il tennis per perseguire una adeguata dose di spettacolarità, senza la quale il business tennis stesso è in pericolo, non vedo per quale motivo si dovrebbe elevare a modello di ispirazione il gioco utilitaristico e privo di una pur minima componente tecnica, di cui molti si sono fregiati di essere campioni di pratica con contestuale maggiore capacità di performance, alla faccia di quei pochi che, invece, si ostinano a perseguire un tennis più tecnico e rispettoso di una certa ortoodossia; diciamo più bello. Questo è il fil rouge che può alimentare una qualche animosità, per quanto discutibile, tra il bello del tennis che perde con il brutto.

Dagoberto
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 611
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 24 Gen 2017 - 0:04

io non la farei così tragica, giocatori noiosi c'erano allora e ci sono adesso, partite idem. tra l'altro, ispirato da quell'articolo in cui pietrangeli tratta gli attuali giovani pro come dei bamboccioni capricciosi, sono andato a cercare conferme di quanto avevo memoria, cioè che lo stesso pietrangeli, ma anche panatta, erano tutt'altro che atleti esemplari, si dedicavano agli stravizi anche la sera prima di gare importanti e si allenavano pochissimo, come lo stesso mcenroe. pietrangeli si lamenta dei miseri guadagni di allora ma al tempo stesso rifiutò di passare a professionista per continuare a fare la bella vita che faceva. oggi nel tennis ci sono guadagni altissimi a certi livelli ed è anche per questo che si tende a perseguire un gioco fatto più di regolarità e tenuta che di fantasia e tecnica squisita. il talento è spesso abbinato alla sregolatezza, mentre la costruzione tenace di un campione di oggi è fatta di maggior sacrificio fisico e mentale rispetto a prima, anche perchè la frequenza di gioco è aumentata. il problema principale sta sempre nei soldi. oltre a questo ci sono fattori generazionali di cui ci si dimentica spesso: come mai prima gli stati uniti avevano fior di campioni in ambito maschile singolare e da parecchi anni non ne trovano nessuno ? tra le prestigiose accademie ce ne sono di ugali a quelle di prima, non sono cambiate. ma il talento e l'attitudine al talento non sono cose che nascono regolarmente e non sono nemmeno programmabili. il successo di uno sport, oggi, non è dato tanto dalla quantità di talenti in circolazione, ma dal carisma mediatico che alcuni giocatori possono avere, vedi ad esempio sharapova in ambito femminile o nadal in ambito maschile. fino a che ci sarà questo tipo di pubblico non ci saranno problemi perchè invece di andare a vedere il tocco a rete di mcenroe, si andrà a vedere i tic di nadal o la gonnellina della sharapova
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 24 Gen 2017 - 0:16

wilander l'ho visto dal vivo al foro italico e a livello di rotazioni in topspin non aveva nulla da invidiare ai moderni giocatori che usano impugnature più estreme e telai-corde più performanti. poi se vogliamo pure trasformare in scamorza un giocatore che ha vinto 7 slam ed è stato numero uno...fate pure.....
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da spalama il Mar 24 Gen 2017 - 9:29

No nessuno vuole trasformare Wilander in scamorza, figurati, è stato un grande interprete del tennis in un momento poco brillante del nostro sport, ad avercelo noi un Wilander. Magari.

Anche lui però era un amante della bella vita, come molti tennisti che ora si mostrano preoccupati della fisicità del tennis moderno.

Ma in tutti gli sport è accaduta la stessa cosa, la preparazione fisica la fa da padrone in ogni disciplina oramai, a scapito del talento.

Il talento ti capita, il resto lo costruisci.

Lo sport è diventato un lavoro, un business per troppa gente.

Un giocatore viaggia con il coach, il preparatore fisico, il terapista, lo sparring partner, e quando può anche col mental coach.

Non si parla più di un giocatore ma di un team per ogni giocatore.

Diciamo che siamo all'esasperazione della costruzione.

La domanda vera è: perchè se negli ultimi anni 31 tornei dello Slam e non so quante settimane da numeri 1, sono a favore di giocatori di stampo classico, con rovescio ad una mano, dritto poco coperto, gran servizio e gran gioco a rete (Sampras e Federer), con racchette da 85"-90" e pesi 350-400 grammi, corde in budello/ibrido, tutte le accademie e le scuole del mondo indirizzano gli allievi verso un altro modello di gioco e di tecnica?

Perchè stiamo sempre li: accecati dal fatto che così può giocare solo uno con un talento divino, ed in attesa che ci capiti un altro talento dal cielo, allora costruiamo tanti operai medi che qualche soddisfazione in termini economici se la tolgono, cioè ci campano. Ed allora via a botte di rovescio a due mani, costruendo automi che sanno fare due cose fatte bene, che non devono pensare troppo se non a mettere quei due colpi in quella porzione di campo per tutta la durata della partita.
Degli atleti "impiegati" del tennis più che dei giocatori.

E comunque in questo momento nonc'è solo Federer a giocare un  bel tennis, ce ne sono molti altri che ci fanno ben sperare per il futuro del tennis.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 24 Gen 2017 - 10:03

è quello che stavo dicendo io. ma siamo sicuri che il problema sia l'insegnamento ? noi non siamo lì presenti tutti i giorni a vedere quello che succede, quindi su che basi parliamo ? siamo sicuri che un maestro, di qualsiasi livello, stia allenando male un allievo ? chi ha preparato federer avrebbe fatto lo stesso con qualsiasi altro allievo oppure ha lavorato in un certo modo perchè si è trovato tra le mani federer ? se l'allievo non ha predisposizioni di livello clamoroso o se non raggiunge determinati risultati a breve termine, mi sembra anche normale che ci sia una sorta di ripiego su quello che può essere per lui più idoneo o facilmente attuabile. ripeto, campioni talentuosi e vincenti non ne nascono facilmente, si lavora su quello che si ha a disposizione, non è detto che le nostre ipotesi corrispondano a una tendenza "forzata"
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3712
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Ospite il Mar 24 Gen 2017 - 10:31

spalama ha scritto:No nessuno vuole trasformare Wilander in scamorza, figurati, è stato un grande interprete del tennis in un momento poco brillante del nostro sport, ad avercelo noi un Wilander. Magari.

Anche lui però era un amante della bella vita, come molti tennisti che ora si mostrano preoccupati della fisicità del tennis moderno.


Spalama so che sei una persona competente, ma mi sa che su Wilander e quell'epoca tennistica i tuoi ricordi sono un po' difettosi. Epoca poco brillante del nostro sport, gli anni in cui i migliori erano Lendl, McEnroe, Becker, Edberg e c'erano giocatori come Mecir, Leconte e Noah!? Quanto al fatto che Wilander amasse la bella vita, si sicuramente, ma negli anni dal 1983 al 1988 si allenato più che duramente, ha cominciato a mollare dopo aver coronato il sogno di detronizzare Lendl e diventare n. 1 del mondo.
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da Maffa il Mar 24 Gen 2017 - 10:43

Probabilmente in epoche precedenti c'era meno consapevolezza scientifica su cosa bisognasse fare, e quindi diversi giocatori cercavano diverse strade e sperimentavano, portando a stili differenti e riconoscibili. Adesso c'è più "metodo", il gioco più o meno si amalgama, si "inventa" meno e il talento è meno visibile perchè è stato irregimentato prima, e/o perchè giocatori altrimenti meno dotati sono stati elevati dal punto di vista fisico e quindi le differenze si assottigliano. Dopotutto, il campo è rimasto grande uguale. E' stato così anche per il calcio e per il rugby, per dire.
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 190
Data d'iscrizione : 24.11.15

Tornare in alto Andare in basso

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

Messaggio Da spalama il Mar 24 Gen 2017 - 10:45

Sai qual'è il problema vero?!
E' che c'è tanta gente che non gli va di fare nulla e che intravede nel tennis la possibilità di guadagnare qualche soldo, senza studiare, senza impegnarsi, fai due tornei, prendi un minimo di classifica, investi 400 euro per un corso di due giorni in cui diventi istruttore di tennis, istruttore di padel, e giudice arbitro, ti metti in campo a tirare quattro palle accanto ad un maestro scoglionato, incazzato con la FIT, non capisci nulla di nulla, nè di tennis, nè di preparazione fisica, nè di didattica, fai lo sgarzellino al circolo tutto il giorno, ti fai qualche lezione privata, tiri a campare, l'anno dopo ti fai l'altro corso FIT e diventi istruttore di secondo livello in due giorni, e così via....

E da questa gente, incluse le migliaia di maestri che campano nei circoli e di circoli, che più che altro sono circoli dopolavoristici, che cosa ci aspettiamo?

Che tirino fuori il talento dei ragazzini che si iscrivono alle loro scuole tennis?

Gaudenzi per trovare la sua strada nel tennis professionistico è dovuto andare ad allenarsi in Austria con Muster.
Le Italiane, Errani, Schiavone, Pennetta, per citare chi ha vinto qualcosa negli ultimi anni, sono tutte figlie di accademie spagnole, e parlano spagnolo.
Fognini pure sta provando a raddrizzarsi con il contributo di allenatori stranieri.
La Giorgi da quando è tornata in Italia non fa progressi, e meno male che non si è piegata alle logiche federali, come invece ha fatto Quinzi che è drammaticamente scomparso.
Ripeto, abbiamo solo due esempi di giocatori italiani con coach italiani, Seppi e  Vinci.
Non esistono accademie di livello per i giovani.

I nostri ex tennisti non si dedicano alla carriera di coach, non c'è sviluppo  e crescita del movimento a livello professionistico.

In questo contesto cosa vuoi tirare fuori?

In Spagna almeno hanno una identità stilistica, hanno una scuola, sono uniformati ad uno stile di gioco, hanno una serie di replicanti che giocano un tennis standard e che ha prodotto più di qualche risultato.

In Svizzera sono stati baciati dal sole, con Federer e Wawrinka, ma siamo sicuri che se fossero nati cento chilometri più a sud della svizzera, quei due adesso sarebbero i tennisti che sono?

In America non so come vadano le cose a livello di scuola, so che quando ero piccolo io, i maestri ci raccontavano che in america, per abituare gli allievi a giocare sui campi veloci, non insegnavano subito i colpi da fondo, ma gli insegnavano a palleggiare al volo, a giocare le volè prima che i colpi di rimbalzo.
E comunque hanno avuto Bollettieri che ha sfornato campioni a tutto spiano per un gran periodo di tempo.

Gli australiani e gli inglesi, che erano, causa erba, i fautori della scuola del serve and volley, si sono ritrovati ad essere numeri uno del mondo con due fabbri, Hewitt e Murray.

Per giocare il serve and volley ci vule fisico, tecnica, testa, allenamento tecnico specifico, ma che siamo matti!! Mettiti a fondo, rovescio a due mani, a randellare, se sono diventati numeri uno due come Hewitt e Murray, vuoi che non ci arriviamo pure noi'
Chi te lo fa fare ad impelagarti nel serve and volley, mica sei Federer o Sampras.
E continuiamo così.

P.S. Wilander lo ricordo bene, e la supremazia Wilander di quegli anni non ha fatto bene al nostro sport, intendevo quello.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 24 di 25 Precedente  1 ... 13 ... 23, 24, 25  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum