Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti
Wilson bladeOggi alle 9:37Hammer72
Novak DjokovicIeri alle 22:39nw-t
Rafael NadalIeri alle 0:09nw-t
Corde Stringlab Sab 14 Lug 2018 - 22:33Tor
Head Velocity MLTSab 14 Lug 2018 - 21:26araton32
Custom ultra tour 97Sab 14 Lug 2018 - 20:59Eiffel59
Pure Aero VSVen 13 Lug 2018 - 15:59nw-t


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
Ospite
Ospite

Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Mer 4 Gen 2017 - 8:09
Promemoria primo messaggio :

Vorrei iniziare questo 2017 con una dedica.

Dedico questo post a "quelli che giocano un bel tennis".

Chi sono (tennisticamente) io?

Un amatore di 54 anni, con un livello di gioco (certificato da svariati forumisti) che si pone tra il 4.1 buono  ed il 3.5 scarso... quindi una "nullità tennistica".

Ma in una cosa sono "bravo": frequentando circoli e giocando da 4 decenni conosco perfettamente tutti i personaggi che frequentano i campi rossi, e con i quali mi piace intrattenermi in scambi di idee, a volte anche "vivaci", ma sempre all'impronta delle buone maniere.

Essendo un autodidatta puro, il mio stile è artigianale, poco estetico... oserei dire piuttosto brutto a vedersi.

Scusate se mi sono dilungato nella presentazione, ma la ritenevo funzionale all'argomento.

Tale argomento riguarda quelli "che giocano un bel tennis", che per comodità chiamerò da ora i "belli", contrapposti a quelli come me, che appartengono alla categoria dei "brutti".

A tutti i livelli tennistico, la guerra dei belli contro i brutti si combatte con veemenza, e più scende il livello di gioco, tanto tale battaglia diventa più cruenta.

Nelle paludi di quarta, scorre il sangue a fiumi, come fiumi di parole e discussioni si ripetono, sempre uguali, negli anni.

Il bello ama Federer, MC Enroe, ed i tennisti di talento (e come non si potrebbe amarli?) E si identifica in loro...

Il brutto rispetta Nadal e Borg... Ed allo stesso modo a loro si ispira.

Fino a qui, tutto semplice, no?

No!

Perché poi ci sono le partite di tennis, le sfide di circolo.

Statisticamente, specialmente ai nostri bassi livelli, il brutto è vincente rispetto al bello... perché se si è pippe, non è facile vincere con i colpi che non si possiedono...

E qui i belli si incazzano a morte, mostrando spesso il peggio di loro (non sempre, naturalmente) dileggiando il brutto di turno che li ha battuti, con frasi irriverenti:

"Ho perso con una pippa"
"Sei senza colpi"
"Non fai un vincente"
"Hai uno stile inguardabile"

Normalmente il brutto incassa le sfuriate, e va sotto la doccia con il 62, 62 a suo favore è l'ennesimo scalpo del bello alla cinta.

Chiaro che a volte perde anche: è naturale...

Ma il nocciolo della questione non è questo:

Perché il bello deve rompere (quasi sempre ) il caxxo quando perde dal brutto?

Perché deve dileggiare il suo gioco?
Non ha alcun senso!

Ognuno (nel rispetto della regole) fa il gioco che vuole...

E, quando si perde, occorre, complimentarsi sempre con chi vince, prescindendo dal suo gioco.

Difficilmente al brutto interessa criticare  il tipo di gioco dell'avversario:entra in campo, si impegna, e cerca di vincere.

Perché quasi sempre il fine del brutto è vincere, quello del bello migliorare i propri colpi, il proprio stile... cosa lodevole.

Come si può criticare chi cerca di migliorarsi? Impossibile.

Ma si può criticare chi rompe "Los cojones" a quello che ti ha appena battuto, criticando il suo gioco e dicendo frasi del tipo: "tra un anno ti faccio fare due giochi".

Allora devo dare una brutta notizia statistica a chi fa questi ragionamenti (a meno che non siano ragazzi in crescita): nel 80% dei casi (o più) continuerete a perdere con i brutti.

Non è un bene o un male: è semplicemente la dura realtà della terra rossa.

Chiaramente ci sta un 20% di eccezioni...I belli che poi miglioreranno davvero, e vinceranno contro i brutti.

Ma questi belli, di solito, sono diversi: non parlano dello stile dei brutti, stanno zitti, si allenano duro, sputano sangue... rispettano gli avversari... si focalizzano sul loro tennis, non su quello degli altri!

Che, guarda caso, è quello che fanno i brutti.

Noi brutti non pensiamo agli altri, non critichiamo il loro gioco... 
Cerchiamo di dare il massimo con quel poco che abbiamo.

Concludo questo lungo post con una preghiera a voi belli: almeno per una volta nella vostra vita tennistica, quando perderete (come spesso succede) dal brutto di turno...

Fate uno sforzo: complimentatevi con lui.

Saluti dal vecchio Sonny.

wetton76
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1210
Data d'iscrizione : 01.06.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: giocatore di club
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:04
mha! ... alla fine oggi giocano quasi tutti alla stessa maniera, come diceva Agassi nel suo libro (parlando della finale con Gomez al RG 1990) è una gara a chi la spara di più!
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:07
http://www.tennisworlditalia.com/news/news/Interviste_Tennis/44981/gianni-clerici-federer-un-grande-ballerino-in-un-tennis-molto-fisico-/
avatar
wetton76
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1210
Località : bufalotta-talenti-conca d'oro (Roma)
Data d'iscrizione : 01.06.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: giocatore di club
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:20
Ma secondo voi è possibile introdurre un cambiamento nei materiali (racchette/corde) per rendere il tennis com'era negli anni '80 (se non prima)?
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:28
http://www.grantennistoscana.it/cera-una-volta-il-serve-and-volley-necrologio-di-uno-stile-di-gioco-ormai-scomparso-di-marco-mazzoni
avatar
Pizzampras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 563
Data d'iscrizione : 21.09.15

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.0-3.5
Racchetta: Donnay Pro One GT 97 - Wilson Staff 750 st

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:35
@wetton76 ha scritto:Ma secondo voi è possibile introdurre un cambiamento nei materiali (racchette/corde) per rendere il tennis com'era negli anni '80 (se non prima)?

Sì, tornando a piatti corde di 95" max.
Però così chi si approccia al tennis fa più fatica, molla, si vendono meno racchette, etc
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:41
http://ricerca.gelocal.it/ilpiccolo/archivio/ilpiccolo/2009/03/25/NZ_38_CENT.html?refresh_cesolo per non sentirmi troppo fuori dal coro e per rendere un po' meno autoreferenziali alcuni presenzialisti convinti di questo forum, i quali sicuramente saprammo commentare adeguatamente, consapevoli che dagli autori di questi scritti non avranno la ben che minima considerazione.
avatar
Solpemachaco
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 20
Età : 41
Località : Maranello (MO)
Data d'iscrizione : 31.08.15

Profilo giocatore
Località: Maranello (MO)
Livello: Amatoriale
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro / Yonex DuelG 97

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:48
@Pizzampras ha scritto:
@wetton76 ha scritto:Ma secondo voi è possibile introdurre un cambiamento nei materiali (racchette/corde) per rendere il tennis com'era negli anni '80 (se non prima)?

Sì, tornando a piatti corde di 95" max.
Però così chi si approccia al tennis fa più fatica, molla, si vendono meno racchette, etc

95" non sono neanche pochi, molti tennisti giocano comunque dei 97"/98" (anche io utilizzo il piatto da 98", pur non essendo certo un fenomeno, anzi  Sad)

Probabilmente bisognerebbe tornare almeno sotto ai 93", ma soprattutto occorrerebbe tornare ad avere un grande differenza di velocità tra le varie superfici, mentre negli ultimi 15 anni hanno fatto di tutto per uniformarle il più possibile (terra un po' più veloce, erba molto più lenta, cemento standard ed eliminazione del carpet). Con le superfici differenziate si avrebbe più interesse a saper variare maggiormente il gioco, perchè pagherebbe meno l'attuale gioco da sparapalle da fondocampo (almeno in teoria).

Ma siamo proprio sicuri che occorra tornare indietro? In fondo i materiali e le superfici contano, ma se un giocatore ha la mentalità di giocare solo per buttarla di là aspettando che l'avversario sbagli continuerà a fare questo, con la differenza che adesso è più facile anche cercare il vincente (oltre che difendersi), mentre tornando indietro sarebbe un pochino più difficile difendersi, mentre sarebbe molto più difficile cercare di chiudere lo scambio con un vincente... per chi cerca il gioco d'attacco non so cosa sarebbe meglio, onestamente.
avatar
Pizzampras
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 563
Data d'iscrizione : 21.09.15

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.0-3.5
Racchetta: Donnay Pro One GT 97 - Wilson Staff 750 st

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 16:55
@Solpemachaco ha scritto:
@Pizzampras ha scritto:
@wetton76 ha scritto:Ma secondo voi è possibile introdurre un cambiamento nei materiali (racchette/corde) per rendere il tennis com'era negli anni '80 (se non prima)?

Sì, tornando a piatti corde di 95" max.
Però così chi si approccia al tennis fa più fatica, molla, si vendono meno racchette, etc

95" non sono neanche pochi, molti tennisti giocano comunque dei 97"/98" (anche io utilizzo il piatto da 98", pur non essendo certo un fenomeno, anzi  Sad)

Probabilmente bisognerebbe tornare almeno sotto ai 93", ma soprattutto occorrerebbe tornare ad avere un grande differenza di velocità tra le varie superfici, mentre negli ultimi 15 anni hanno fatto di tutto per uniformarle il più possibile (terra un po' più veloce, erba molto più lenta, cemento standard ed eliminazione del carpet). Con le superfici differenziate si avrebbe più interesse a saper variare maggiormente il gioco, perchè pagherebbe meno l'attuale gioco da sparapalle da fondocampo (almeno in teoria).

Ma siamo proprio sicuri che occorra tornare indietro? In fondo i materiali e le superfici contano, ma se un giocatore ha la mentalità di giocare solo per buttarla di là aspettando che l'avversario sbagli continuerà a fare questo, con la differenza che adesso è più facile anche cercare il vincente (oltre che difendersi), mentre tornando indietro sarebbe un pochino più difficile difendersi, mentre sarebbe molto più difficile cercare di chiudere lo scambio con un vincente... per chi cerca il gioco d'attacco non so cosa sarebbe meglio, onestamente.
Ah sì, concordo con te eh.
Io a domanda rispondevo, ma sui presupposti della domanda non è che sia così d'accordo.
Anche da spettatore, io adesso è vero che mi diverto meno rispetto a quando guardavo Edberg e Becker, ma mi diverto di più sia rispetto a quando (prima di loro) si giocava a due all'ora, sia rispetto a quando (dopo di loro) si giocava a chi faceva più ace.
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2182
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 17:05
@Dagoberto ha scritto:http://ricerca.gelocal.it/ilpiccolo/archivio/ilpiccolo/2009/03/25/NZ_38_CENT.html?refresh_cesolo per non sentirmi troppo fuori dal coro e per rendere un po' meno autoreferenziali alcuni presenzialisti convinti di questo forum, i quali sicuramente saprammo commentare adeguatamente, consapevoli che dagli autori di questi scritti non avranno la ben che minima considerazione.
Dago in questo articolo si spiega il perche' della scomparsa del serve and volley.e che ci piaccia o meno oggi si gioca in un altro modo,che sia piu' o meno bello e' un discorso strettamente personale.....ma che si giochi in un altro modo rispetto al serve and volley e' un dato di fatto.........
MB76
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 42
Data d'iscrizione : 11.02.16

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 17:34
Ho dei seri dubbi che con superfici più veloci si tornerebbe al serve and volley ed al bel gioco.
Sampras e Ivanisevic servivano intorno ai 200 km/h di media, con percentuali sotto il 60% di prime.
Gente come Raonic, Karlovic o Anderson serve ben sopra i 200 km/h, con percentuali intorno al 65%.
Su campi veloci temo che il gioco diventerebbe servizio e dritto, e non mi entusiasma l'idea di gente come Isner (Raonic già meglio) plurivincitori di slam.

Secondo me bisognerebbe intervenire pesantemente sulle corde, sono loro che hanno davvero rivoluzionato il gioco.
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 21:22
Lo stimolo di andare a cercare degli interventi giornalistici all'insegna del ricordo, un po' triste e malinconico, del tennis che non c'è più (ne ho postati una mezza dozzina se non ricordo male), mi è stato fornito dall'intervento dell'altro ieri di Patrick Mouratoglou, l'allenatore di Serena Williams,  non proprio un vecchieto, nell'ambito del magazine su Eurosport,  Game, set and Mats, con Mats Wilander & Barbara Schett per gli Open d'Australia, all'insegna di quanto si abbia ancora fortemente bisogno di un Roger Federer - al quale si contano le settimane che mancano al suo ritiro - per tenere alta la bandiera del bel tennis a cospetto di così ricca monotonia nel gioco e nei giocatori contemporanei (queste le sue parole). A dar manforte, l'entusiasmo registrato nel pubblico presente alla vittoria odierna in soli 3 set dello svizzero contro l'arcigno regolarista Berdyc, con 5 minuti di appalusi alla fine di un incontro definito da Wilander una perfezione di stile, classe, eleganza, spettacolarità, completezza tennistica senza pari nel tennis odierno e, forse, anche passato. Insomma, due noti importanti rappresentanti del business tennistico preoccupati di come lo spettacolo attuale possa, via, via, non richiamare più così tanto pubblico, un po' come sta avvenendo nella formula 1. Insomma, se l'establishment si interroga, un motivo c'è l'avrà ... , va bene vincere, ma con gli stadi vuoti o, peggio, con il pubblico televisivo assente, chi pagherebbe i premi milionari a cui il movimento si è abituato?
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1033
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 21:30
@Veterano ha scritto:
@Dagoberto ha scritto:http://ricerca.gelocal.it/ilpiccolo/archivio/ilpiccolo/2009/03/25/NZ_38_CENT.html?refresh_cesolo per non sentirmi troppo fuori dal coro e per rendere un po' meno autoreferenziali alcuni presenzialisti convinti di questo forum, i quali sicuramente saprammo commentare adeguatamente, consapevoli che dagli autori di questi scritti non avranno la ben che minima considerazione.
Dago in questo articolo si spiega il perche' della scomparsa del serve and volley.e che ci piaccia o meno oggi si gioca in un altro modo,che sia piu' o meno bello e' un discorso strettamente personale.....ma che si giochi in un altro modo rispetto al serve and volley e' un dato di fatto.........

Gli articoli che ho postato sono tanti.
Il motivo l'ho scritto a seguire.
Più che il contenuto tecnico degli interventi è l'atmosfera di malinconia e rimpianto e preoccupazione espressa dagli interlocutori che intendevo evidenziare, a supporto della mia, ovviamente.
Forse non è così evidente ad una lettura più tecnica, ma era quella a cui desideravo focalizzare l'attenzione.
Insomma, la preoccupazione comune o di molti, è che con un simile tennis omologato e monotono, lo spettacolo scemi sempre più allontanando, via, via, il pubblico generalista, quello insegue lo spettacolo fine a se stesso, quello che fa che fa numero e alimenta la macchina economica.
I soli praticanti non bastano a finanziare un movimento mediatico come quello che ruota attorno al tennis moderno.
avatar
Robbyc
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 962
Età : 42
Data d'iscrizione : 12.03.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.0/4.5
Racchetta: PD

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 21:48
Quanti Monfils c'erano ai tempi delle racchette di legno?
 e Dustin Brown?
avatar
Matusa
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 426
Località : profondo Nord-est
Data d'iscrizione : 26.10.16

Profilo giocatore
Località: Nord-est
Livello: NC, ITR 4.0
Racchetta: Angell TC95, Angell TC100, Angell K7 red

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 22:41
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 831
Età : 52
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Head Radical MP Touch

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 23:08
@Robbyc ha scritto:Quanti Monfils c'erano ai tempi delle racchette di legno?
 e Dustin Brown?
Mai sentito parlare di tale Ilie Nastase?????
E' proprio il Monfis anni 70!
Vedere x credere.
Fabio.
avatar
fabioborg
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 831
Età : 52
Data d'iscrizione : 11.03.16

Profilo giocatore
Località: VICENZA
Livello: FIT 4.3
Racchetta: Head Radical MP Touch

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 23:14
@Dagoberto ha scritto:Lo stimolo di andare a cercare degli interventi giornalistici all'insegna del ricordo, un po' triste e malinconico, del tennis che non c'è più (ne ho postati una mezza dozzina se non ricordo male), mi è stato fornito dall'intervento dell'altro ieri di Patrick Mouratoglou, l'allenatore di Serena Williams,  non proprio un vecchieto, nell'ambito del magazine su Eurosport,  Game, set and Mats, con Mats Wilander & Barbara Schett per gli Open d'Australia, all'insegna di quanto si abbia ancora fortemente bisogno di un Roger Federer - al quale si contano le settimane che mancano al suo ritiro - per tenere alta la bandiera del bel tennis a cospetto di così ricca monotonia nel gioco e nei giocatori contemporanei (queste le sue parole). A dar manforte, l'entusiasmo registrato nel pubblico presente alla vittoria odierna in soli 3 set dello svizzero contro l'arcigno regolarista Berdyc, con 5 minuti di appalusi alla fine di un incontro definito da Wilander una perfezione di stile, classe, eleganza, spettacolarità, completezza tennistica senza pari nel tennis odierno e, forse, anche passato. Insomma, due noti importanti rappresentanti del business tennistico preoccupati di come lo spettacolo attuale possa, via, via, non richiamare più così tanto pubblico, un po' come sta avvenendo nella formula 1. Insomma, se l'establishment si interroga, un motivo c'è l'avrà ... , va bene vincere, ma con gli stadi vuoti o, peggio, con il pubblico televisivo assente, chi pagherebbe i premi milionari a cui il movimento si è abituato?
Concordo....e penso anche che quando tennisti tipo Monfis o Tsonga smetteranno sara' veramente la fine del bel tennis Sad
Fabio.
P.S. Chissa' perche' Roger fa comodo a tanti fin che gioca......
avatar
Robbyc
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 962
Età : 42
Data d'iscrizione : 12.03.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.0/4.5
Racchetta: PD

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 23:29
@Matusa ha scritto:
Beh Adriano è sempre Adriano....   
Però questi giocatori sarebbero spettacolari con ogni tipo di racchette credo.... Il talento non può essere legato all'attrezzatura
avatar
Robbyc
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 962
Età : 42
Data d'iscrizione : 12.03.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.0/4.5
Racchetta: PD

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Ven 20 Gen 2017 - 23:34
@fabioborg ha scritto:
@Robbyc ha scritto:Quanti Monfils c'erano ai tempi delle racchette di legno?
 e Dustin Brown?
Mai sentito parlare di tale Ilie Nastase?????
E' proprio il Monfis anni 70!
Vedere x credere.
Fabio.
Visto solo tramite qualche video in rete.... non era male ed era sicuramente più vincente dei due da me citati... però la fisicità di Gael credo sia qualcosa di unico... come i colpi assurdi di Brown... magari mi sbaglio
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13069
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 3:11
Nastase era Nastase anche in allenamento... Brown e Monfis in confronto sarebbero stati i raccattapalle educatini della scuola tennis....
avatar
Robbyc
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 962
Età : 42
Data d'iscrizione : 12.03.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.0/4.5
Racchetta: PD

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 8:43
@kingkongy ha scritto:Nastase era Nastase anche in allenamento... Brown e Monfis in confronto sarebbero stati i raccattapalle educatini della scuola tennis....
Passi Brown... ma Monfils raccattapalle mi pare un pò esagerato...
parlo unicamente della spettacolarità, poi sul fatto che Nastase abbia vinto due slam e tanti tornei non discuto (e l'ho detto) era sicuramente molto più forte
avatar
Ospite
Ospite

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 9:01
@Robbyc ha scritto:
@fabioborg ha scritto:
@Robbyc ha scritto:Quanti Monfils c'erano ai tempi delle racchette di legno?
 e Dustin Brown?
Mai sentito parlare di tale Ilie Nastase?????
E' proprio il Monfis anni 70!
Vedere x credere.
Fabio.
Visto solo tramite qualche video in rete.... non era male ed era sicuramente più vincente dei due da me citati... però la fisicità di Gael credo sia qualcosa di unico... come i colpi assurdi di Brown... magari mi sbaglio

Se pensi che la fisicità di Farlo fosse unica, ti consiglio di vedere qualche video di Noah da giovane.
avatar
Ospite
Ospite

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 9:57
Fisicità di Gael (t9 del menga)
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13069
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 10:38
Noah secondo me lavorava in un circo come Uomo-Molla.
Per Nastase intendo dire che era uno "show", con numeri e gag, commenti a bordo campo, discussioni con arbitro, giudice di sedia, ogni genere di cavolata gli venisse in mente. 
Un suo "classico" era lamentarsi per le palline. 
Sul lato "fisico", una volta ha preso uno smash avversario salendo in tribuna...
avatar
Robbyc
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 962
Età : 42
Data d'iscrizione : 12.03.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.0/4.5
Racchetta: PD

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 11:11
Sonny Liston ha scritto:
@Robbyc ha scritto:
@fabioborg ha scritto:
@Robbyc ha scritto:Quanti Monfils c'erano ai tempi delle racchette di legno?
 e Dustin Brown?
Mai sentito parlare di tale Ilie Nastase?????
E' proprio il Monfis anni 70!
Vedere x credere.
Fabio.
Visto solo tramite qualche video in rete.... non era male ed era sicuramente più vincente dei due da me citati... però la fisicità di Gael credo sia qualcosa di unico... come i colpi assurdi di Brown... magari mi sbaglio

Se pensi che la fisicità di Farlo fosse unica, ti consiglio di vedere qualche video di Noah da giovane.
Sinceramente Noah lo conosco poco... però ho sentito parlare della sua spettacolarità, colpo noah dovrebbe essere il tweener il che è tutto un dire....  però io non volevo affermare che i giocatori moderni siano superiori sotto quel punto di vista ma che l'essere o meno giocatori entusiasmanti prescinde dal tip di corde o racchette usato
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13069
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 11:29
Beh ci siamo dimenticati di uno come Pancho Gonzales che da autodidatta ha "inventato" il servizio moderno. Prima di lui quello che vediamo oggi in slow motion fatto da Federer non esisteva.
Spettacolare, atletico, rivoluzionario...legnodotato.
avatar
Ospite
Ospite

Re: Dedicato a "quelli che giocano un bel tennis"

il Sab 21 Gen 2017 - 11:31
Robbyc: sono totalmente d'accordo con te.

Gli attrezzi di un tempo permettevano una maggiore personalizzazione degli stili di gioco...
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum