Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultimi argomenti
» Telaio 100/300 comfort
Oggi alle 8:52 Da VANDERGRAF

» Corde pèer six one 16x18 2014
Oggi alle 8:45 Da kent08

» Forza Schumacher
Oggi alle 8:32 Da mattiaajduetre

» aiutatemi a scegliere la scarpa
Oggi alle 8:27 Da VANDERGRAF

» Head Radical Graphene XT S: recensioni/prestazioni? Scelta (compresa incordatura) azzeccata?
Oggi alle 8:12 Da kgb1969

» Domande sparse Starburn
Oggi alle 8:10 Da st13

» Grip 1.7/1.8mm peso 11g max
Oggi alle 7:59 Da Lucasss

» Blade 104 Serenona Williams autograph
Oggi alle 7:48 Da Victor69

» RAFTennis: nuovo circuito amatoriale
Oggi alle 7:41 Da andyvakgj

» Dubbio sensazioni corde su babolat aero pro drive
Oggi alle 7:40 Da NikRafa22

» Un saluto a tutto il forum, mi presento.
Oggi alle 7:36 Da chiaralt

» Che marca di abbigliamento scegliere?
Oggi alle 7:29 Da chiaralt

» Scelta racchetta
Oggi alle 7:16 Da DrDivago

» Consiglio corde per Wilson pro staff 97 rf Autograph
Oggi alle 6:49 Da nw-t

» Pro Kennex Q+ Tour 300 2017
Oggi alle 6:49 Da Eiffel59

» Andreas Seppi
Oggi alle 5:37 Da pagaz

» Blade 98 16x16 rovescio una mano
Ieri alle 22:45 Da VANDERGRAF

» Prince Textreme Tour 100T
Ieri alle 21:50 Da Phil78

» Mirko se ci sei batti un colpo
Ieri alle 21:45 Da silli67

» Concorso PT-100 - Novembre 2017
Ieri alle 21:32 Da manuel17787

» Incordatura tennis warehouse
Ieri alle 20:22 Da nw-t

» Rafael Nadal
Ieri alle 19:34 Da Max1966

» Fognini .... per parlare solo di tennis giocato
Ieri alle 19:24 Da Max1966

» Tecnifibre VO2 max T Fight 320
Ieri alle 19:07 Da VANDERGRAF

» FORMULA 100 GT 2016
Ieri alle 19:04 Da Zulasmi

» Wilson Ultra Tour
Ieri alle 18:15 Da Uboat75

» Pure drive 2018
Ieri alle 17:07 Da fa

» Club PT57A - PT57E - PT10
Ieri alle 16:33 Da glenn uguccioni

» Yonex VCore SV
Ieri alle 15:06 Da lorenz90

» Corda per pure aero
Ieri alle 14:32 Da zenone.domenico



Ultime dal mercatino
Link Amici




19982 Utenti registrati
187 forum attivi
672918 Messaggi
New entry: belloribello123

Tempo nel servizio

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Lun 12 Dic 2016 - 22:09

Ciao a tutti, il mio problema nella prima di servizio è avere in mente un tempo costante per riuscire a colpire la palla nella maniera corretta. Molti professionisti usano il metronomo per calcolare il tempo corretto (soluzione utile ma di difficile utilizzo)...avete dei rituali o dei movimenti che vi aiutano a calcolare il tempo nel servizio? Grazie in anticipo per le risposte.
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Mar 13 Dic 2016 - 13:21

Per chiarire meglio il discorso, vedo certi tennisti sollevare il piede avanzato e "darsi un tempo" per semplificare il servizio.
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da kingkongy il Mar 13 Dic 2016 - 14:34

Dani quello non è solo per il ritmo ma anche per scaricare il peso e caricare "dietro". Poi, sulla punta alzata c'è tutta una certa mitologia di contorno.
Dani, il problema è la distinzione tra tempo e timing. Nel tennis è un po' meno marcata, nel golf (parente stretto) è fondamentale.
Tempo = è quanti millesimi di secondo, minuti o ore impieghi per eseguire completamente lo swing del servizio.
Timing = è come sono suddivise percentualmente le varie fasi dello swing.

In pratica puoi tirare un servizio in 1 secondo oppure in 5 secondi e farlo con lo stesso timing.
Viceversa, puoi tirare un servizio con lo stesso tempo, mettiamo 4 secondi (per le varie fasi di apertura, lancio e impatto con la palla) ma con timing completamente differenti. Ovvero una lunga preparazione e poi lancio basso e mulinello velocissimo senza stallo, oppure una Trophy Position lunga due secondi e poi la palla colpita...etc etc all'infinito.
Se vuoi usare il metronomo, quelli elettronici sono piccolissimi, stanno in tasca (o in cintura) e li trovi a 10 euro.
Se vuoi puoi usare una filastrocca, una frase, il ritornello di una canzone. In genere funziona. Si usa la musica proprio perché ha il "senso del ritmo".
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da gabr179 il Mar 13 Dic 2016 - 15:29

Per darsi ritmo non ho idea di come si possa fare ma per misurare il timing ora potresti utilizzare un sensore come il Qlipp che analizza il tempo di ogni fase del servizio (preparazione, accelerazione, finale) confrontandolo con quello dei professionisti. E' una gran figata!
avatar
gabr179
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1584
Età : 38
Località : Monza Brianza Como
Data d'iscrizione : 08.08.12

Profilo giocatore
Località: Monza Brianza - Como
Livello: Scarso
Racchetta: Solinco Protocol 325, Prince Response 97, Wilson RF97A, Angell TC95, Volkl SG8 315, POG 4Stripes, Head Radical Tour Zebra 107, Head Radical Tour Agassi LTD

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da albs77 il Mar 13 Dic 2016 - 16:21

Comunque sia, ognuno ha il suo di timing. E spesso il timing determina tutto il movimento del servizio. Quindi cambiare timing vuol dire ripartire da zero spesso...
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Mar 13 Dic 2016 - 16:27

Grazie mille per i consigli. Kk mi hai dato delle definizioni da antologia!! Nello specifico, come vi orientate? Andate a memoria o cercate di calcolare il tempo perdendo (forse) un po' di naturalezza nel movimento? Sapevo che la prima fase del servizio dovrebbe essere più lenta rispetto alla seconda.
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da Veterano il Mar 13 Dic 2016 - 17:40

Nel caso del servizio piu che di timing parlerei di ritmo,il timing come lo definisci tu ha troppe variabili percio' e quasi impossibile da calcolare,anche perche' per trovare la perfezione bisognerebbe lanciare sempre alla stessa velocita' ed alla stessa altezza e colpire sempre con la stessa velocita'...parametri che sono quasi impossibili da ripetere costantemente.
Percio' senza un lancio accettile in termini di altezza,direzione e velocita' e' quasi impossibile avere un buon timing di esecuzione.
IL lancio puo essere piu o meno lento,ma tanto non e' da li che si prende il timing, il timing che serve a te e quello che parte dalla trophy pose per andare a colpire la palla,teoricamente tu potresti avere un ottimo timing a colpire che pero' si fa a far benedire se il lancio palla non e' sempre preciso........piu che di timing io mi preoccuperei di lanciare sufficentemente alto....per poi avere il tempo sufficente per andare a colpire......cioe presa la trophy pose si puo aspettare di  piu' o di meno per andare a colpire...percio' il timing e' abbastanza variabile......si dice che quel giocatore ha un bouon timing quando capisce a che velocita' deve viaggiare il braccio per andare a colpire.......ma da li ad 
avere dei parametri fissi come usare il metronomo ce ne passa...
avatar
Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2153
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Mar 13 Dic 2016 - 22:24

Veterano ha scritto:Nel caso del servizio piu che di timing parlerei di ritmo,il timing come lo definisci tu ha troppe variabili percio' e quasi impossibile da calcolare,anche perche' per trovare la perfezione bisognerebbe lanciare sempre alla stessa velocita' ed alla stessa altezza e colpire sempre con la stessa velocita'...parametri che sono quasi impossibili da ripetere costantemente.
Percio' senza un lancio accettile in termini di altezza,direzione e velocita' e' quasi impossibile avere un buon timing di esecuzione.
IL lancio puo essere piu o meno lento,ma tanto non e' da li che si prende il timing, il timing che serve a te e quello che parte dalla trophy pose per andare a colpire la palla,teoricamente tu potresti avere un ottimo timing a colpire che pero' si fa a far benedire se il lancio palla non e' sempre preciso........piu che di timing io mi preoccuperei di lanciare sufficentemente alto....per poi avere il tempo sufficente per andare a colpire......cioe presa la trophy pose si puo aspettare di  piu' o di meno per andare a colpire...percio' il timing e' abbastanza variabile......si dice che quel giocatore ha un bouon timing quando capisce a che velocita' deve viaggiare il braccio per andare a colpire.......ma da li ad 
avere dei parametri fissi come usare il metronomo ce ne passa...
Sono d'accordo con Veterano sul metronomo, infatti avevo subito detto che poteva essere un accorgimento di difficile utilizzo con troppe variabili ed utile principalmente ai pro (legato a movimenti automatizzati da anni e con impercettibili variazioni). Un passo difficile nel servizio (comune a molti giocatori) è "il saltare verso l'alto" per prendere la palla più in alto possibile. La consuetudine nel tennis è di avere gli appoggi saldi a terra per essere in equilibrio e riuscire a trasferire bene il peso del corpo in avanti...nel servizio mi trovo in difficoltà (so che saltare verso l'alto è la soluzione più corretta per prendere la palla più in alto e trovare gli angoli) ma mi trovo in una posizione di squilibrio (non sento la stabilità a terra).
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da kingkongy il Mer 14 Dic 2016 - 8:10

Mi son dimenticato di dire una cosa che poi ha sottolineato Vet.
La Trophy Position è un po' il cuore "ritmico" del servizio.
Lo divide in due e, al tempo stesso, unisce armonicamente due fasi.
Se si annulla completamente la TP...ovvero la pausa tra il movimento di preparazione-lancio della palla e il vero impatto con la palla... tutto lo swing compatto sarebbe impossibile! Come dice il vecchiaccio in vacanza in Spagna...solo una macchina potrebbe.
QUINDI....
Da questo si capisce a che kakkio serve la Trophy Position e un lancio bello morbido per poi arrivare "in accelerazione" e non "a strappo".
Pertanto, millisecondo più o qualche correzione più lunga...la TP serve ad "aspettare la posizione giusta della palla"!
Il metronomo serve per quelli che hanno bisogno di sentire fisicamente il "meccanismo fisico" funzionare, ovvero puoi solo metterlo molto veloce come sottofondo...NON come ritmo principle. Altrimenti sballi tutto! Il ritmo è quello che "balli" tu con lo swing, il metronomo lo puoi mettere a 120 RPM (2 battiti al secondo) e ti sembra di essere alla moviola. Il che è una sensazione che a me piaceva soprattutto per il lancio palla (ovvero rallentavo). Me lo ha messo il maestro per alcuni mesi proprio perché per la voglia di tirare sempre più forte...tendevo a strappare la Trophy Position con un lancio palla pericolosamente basso. Ovvero l'errore era contrarre tutto il tempo di esecuzione...a discapito del timing!


Ultima modifica di kingkongy il Mer 14 Dic 2016 - 8:18, modificato 1 volta
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da kingkongy il Mer 14 Dic 2016 - 8:15

Il rock e la musica commerciale offrono un tale campionario di ritmi che basta prendersene uno a piacimento ed ecco una bella nota lunga o una vocale (cuoreeeeeeeee! soleeeeeeee! amoreeeeeeeee!) sul lancio palla e poi via con il mulinello!
Very Happy
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Mer 14 Dic 2016 - 13:11

Bisogna calcolare anche il tempo del pin point stance (unione dei piedi) perchè, se mi piego e carico con entrambe le gambe, faccio una pausa e devo alzare di più la palla nel servizio. Ora, questa pausa mi crea dei fastidi perchè spezza e rallenta l'esecuzione...devo alzare la palla tipo la Graf tempi d'oro Smile per riuscire a prenderla in alto (il lancio è difficile soprattutto in condizioni climatiche avverse). Non riesco a fare sempre il pin point stance in modo armonioso, forse piego troppo le gambe (per dare più spinta) perchè quando vado a prendere la palla è già in fase calante.
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Gio 15 Dic 2016 - 22:53

Sto cambiando modo di servire sulla prima di servizio, prima facevo un movimento unico mentre adesso lo preparo in due tempi (facendo una piccola pausa nel momento dell'impatto). Mi è stato consigliato perché mi consente di prepararmi prima sul colpo e di partire da una posizione "neutra" (più stabile). Ora, prima di colpire, per una frazione di secondo sono fermo...questa soluzione mi porta più potenza e stabilità rispetto ad un movimento continuo?
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da albs77 il Ven 16 Dic 2016 - 9:18

dani81 ha scritto:Sto cambiando modo di servire sulla prima di servizio, prima facevo un movimento unico mentre adesso lo preparo in due tempi (facendo una piccola pausa nel momento dell'impatto). Mi è stato consigliato perché mi consente di prepararmi prima sul colpo e di partire da una posizione "neutra" (più stabile). Ora, prima di colpire, per una frazione di secondo sono fermo...questa soluzione mi porta più potenza e stabilità rispetto ad un movimento continuo?


E' importante che tu non stia veramente "fermo", altrimenti ti scarichi.
Devi essere in tensione, quindi devi avere ancora una vagonata di inerzia pronta per essere rilasciata, ovvero non sei veramente fermo ma sei all'apice del caricamento pronto ad esplodere
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Ven 16 Dic 2016 - 10:14

Grazie del chiarimento, in particolare il mio maestro mi dice di fare una pausa impercettibile prima dell'impatto per dare più forza e stabilità al colpo. Questo concetto mi risulta abbastanza difficile perché faccio una pausa troppo lunga o un movimento continuo. Devo dire che quando riesco a fare questa piccola pausa servo molto bene...
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da spalama il Lun 19 Dic 2016 - 10:51

Quando pensi troppo a tutte queste cose significa che la cura è solo una:
- prendi due tonnellate di palline ed una decina di carrelli del supermercato e passa le tue ore sul campo a fare solo cestini di servizio.

Il servizio va allenato ed automatizzato più di ogni altro colpo.

Ogni quindici, infatti, lo tiri solo una volta dentro il campo (a meno che non fai doppio fallo) e quindi giocando le partite lo eserciti meno degli altri colpi.

E' l'unico colpo che giochi da fermo e colpendo una pallina che ti tiri da solo.

Il metronomo al nostro livello serve a poco, il ritmo del servizio, dopo molto allenamento, ce l'hai nel cervello.

Cosa può aiutarti nel frattempo?

Mentre servi prova a contare uno-due-tre dove il tre coincide con l'impatto della pallina.

E' un metronomo artigianale, ma spesso funziona per non farti andare fuori tempo e trovare il ritmo giusto.

Uno è la fase iniziale, due quella di caricamento e tre quella dell'impatto.

Avere solo due fasi nel servizio significa che si serve come servono le donne, partendo già con le due braccia sollevate verso l'alto e minimizzando il passaggio dietro.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da albs77 il Lun 19 Dic 2016 - 13:43

A me piace come serve la Garcia, secondo me è un ottimo sistema per semplificare senza perdere di efficacia.

Gomito già alti, movimento spezzato, corto, semplice, ma mica tira le mozzarelle come la Errani
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1280
Età : 39
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: pacific X feel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da spalama il Lun 19 Dic 2016 - 15:09

Infatti io non ho mica detto che non si può fare, anzi al nostro livello il 90% di noi serve peggio della Errani....quindi......
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da Ospite il Lun 19 Dic 2016 - 15:18

spalama ha scritto:
al nostro livello il 90% di noi serve peggio della Errani....quindi......

Presente: io servo tipo la Errani, ma più lento!
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Lun 19 Dic 2016 - 15:26

Concordo nell'allenare il servizio con il cestino, anche se può risultare monotono è molto utile per trovare gli automatismi. Spesso, bisognerebbe pensare a giocare i colpi meno sicuri per migliorarsi...un esempio classico è quello di giocare due seconde palle piuttosto di una prima forte di servizio per paura di fare un doppio fallo oppure non venire a rete per paura di sbagliare. Spesso anche nella partita d'allenamento si gioca sempre nella stessa maniera e non si migliora.
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da kingkongy il Mer 21 Dic 2016 - 2:04

Guarda Dani, io sul servizio ci ho perso i capelli a forza di fare, disfare, provare e poi, ora, studiare.
Domenica un maestro FIT esperto di bambini e ragazzini mi ha "illuminato".
Si parlava di "servizio da agonismo", ovvero come fare punto (e come non farselo fare). A un certo punto, questo maestro esce con una frase che mi ha fatto tanto pensare: "Per i ragazzini che fanno tornei e che magari sono agli inizi, la seconda palla è un problema prettamente psicologico. Non c'è american slice o kick che tenga...la seconda palla è quella che deve entrare anche se la spadellano... La seconda palla io la insegno (con metodo) dopo mesi che fanno tornei, perché tanto possono fare cesti e cersti...ma se hanno la caga da seconda palla...se la fanno addosso".
Io maliziosetto: "Hanno la caga perché non hanno la sicurezza del colpo...".
Risposta: "Ovvio che sì. Ma giocare due seconde non risolve il problema. Tanto vale che si abituino a giocare una prima e una seconda abbassando il livello di rischio piuttosto che NON giocare".

Non fa una grinza....
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da spalama il Mer 21 Dic 2016 - 10:27

Servizio da agonismo?

Ragazzini che sono all'inizio e fanno tornei??

Spadellare??

Insegnare dopo??

Caga della seconda palla??

Se lo scopo è che si devono divertire prima di tutto, allora possono condividere qualcosa di questo discorso, altrimenti ho molte perplessità.
avatar
spalama
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 802
Data d'iscrizione : 21.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.2 FIT / I.T.R. 5.0
Racchetta: in prova

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da VANDERGRAF il Mer 21 Dic 2016 - 10:41

per quello che ho potuto vedere io, posso dire che per la complessità del colpo, viene quasi sempre insegnato con metodi insufficienti. qualcuno usa il cellulare per poi far vedere gli errori in video all'allievo, ma di base dovrebbe esserci una serie di attrezzi che preparano alla corretta esecuzione, ossia tutto quello che può servire per acquisire sicurezza ed efficienza nella spinta con le gambe, il posizionamento dei piedi, l'inarcamento della schiena, la distensione del braccio e via dicendo. ad esempio esercizi di coordinazione propriocettiva con apposite pedane basculanti, insomma ce ne sarebbero almeno una decina di cose che potrebbero aiutare, ma non le ho mai viste di persona, solo qualcosa in video, quindi evidentemente qualcuno le mette in pratica, ma tipo cattedrale nel deserto
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3708
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger e yonex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da dani81 il Mer 21 Dic 2016 - 13:07

kingkongy ha scritto:Guarda Dani, io sul servizio ci ho perso i capelli a forza di fare, disfare, provare e poi, ora, studiare.
Domenica un maestro FIT esperto di bambini e ragazzini mi ha "illuminato".
Si parlava di "servizio da agonismo", ovvero come fare punto (e come non farselo fare). A un certo punto, questo maestro esce con una frase che mi ha fatto tanto pensare: "Per i ragazzini che fanno tornei e che magari sono agli inizi, la seconda palla è un problema prettamente psicologico. Non c'è american slice o kick che tenga...la seconda palla è quella che deve entrare anche se la spadellano... La seconda palla io la insegno (con metodo) dopo mesi che fanno tornei, perché tanto possono fare cesti e cersti...ma se hanno la caga da seconda palla...se la fanno addosso".
Io maliziosetto: "Hanno la caga perché non hanno la sicurezza del colpo...".
Risposta: "Ovvio che sì. Ma giocare due seconde non risolve il problema. Tanto vale che si abituino a giocare una prima e una seconda abbassando il livello di rischio piuttosto che NON giocare".

Non fa una grinza....
Condivido il tuo ragionamento, spesso si fa un "tennis percentuale" ossia pochi rischi ed aspettare gli errori dell'avversario. Questo sistema di gioco è pericoloso fin dalla più tenera età perché porta a risultati immediati nel breve termine a scapito di una formazione completa di tutti i colpi del giocatore. In partita si pensa: la prima non la gioco perché posso fare il doppio fallo...i colpi di tocco? Troppo rischiosi...la rete? Non alleno mai le volè. Allora ti ritrovi a fare sempre le stesse cose come un automa, vincendo ma non divertendoti mai fino in fondo. Mai un rischio, mai uno schema atipico...capisco che certi giocatori non abbiamo i requisiti tecnici per giocare dei colpi importanti ma penso sia anche un fatto di mentalità. Lunga vita ai pallettari ma, secondo me, non apprezzeranno mai il tennis fino in fondo perché avranno sempre un bagaglio tecnico limitato e non capiranno mai la soddisfazione di tirare un vincente.
avatar
dani81
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Data d'iscrizione : 13.08.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Graphene Prestige Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da kingkongy il Mer 21 Dic 2016 - 15:15

spalama ha scritto:Servizio da agonismo?

Ragazzini che sono all'inizio e fanno tornei??

Spadellare??

Insegnare dopo??

Caga della seconda palla??

Se lo scopo è che si devono divertire prima di tutto, allora possono condividere qualcosa di questo discorso, altrimenti ho molte perplessità.
Ueh, cosa c'è di strano?

Ragazzini che sono all'inizio e che stanno per iniziare a fare i tornei FIT... all'inizio vuol dire un anno per il talento e tre anni per uno normale. Le parole son sacchi vuoti, ognuno li riempie del significato che vuole.

"Servizio da agonismo", modo mio per dire che non rimettono in gioco la palla ma che giocano il colpo. Anche qui un minimo di flessibilità....daiiiiiii.... Anche perché se non giocano il servizio decentemente, cominciano a prendere bordate di risposta o cross stretti.

Spadellare: perché, mai visto appoggiare una seconda palla con movimento poco ortodosso? Basta assistere a un normalissimo torneo per Quarta. Non tutti i Quarta giocano a 178 Km/h la seconda con slice a uscire.... Ho pure scritto "insegnare con metodo", ovvero il maestro ha un programma didattico a step progressivi.

Insegnare dopo: leggasi "a lavorare la palla".

Caga della seconda di servizio: vedi punto "Tornei di Quarta".

Lo scopo è SEMPRE PRIMA si devono DIVERTIRE. C'è un "prima devono piangere"?
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tempo nel servizio

Messaggio Da kingkongy il Mer 21 Dic 2016 - 15:23

dani81 ha scritto:
kingkongy ha scritto:Guarda Dani, io sul servizio ci ho perso i capelli a forza di fare, disfare, provare e poi, ora, studiare.
Domenica un maestro FIT esperto di bambini e ragazzini mi ha "illuminato".
Si parlava di "servizio da agonismo", ovvero come fare punto (e come non farselo fare). A un certo punto, questo maestro esce con una frase che mi ha fatto tanto pensare: "Per i ragazzini che fanno tornei e che magari sono agli inizi, la seconda palla è un problema prettamente psicologico. Non c'è american slice o kick che tenga...la seconda palla è quella che deve entrare anche se la spadellano... La seconda palla io la insegno (con metodo) dopo mesi che fanno tornei, perché tanto possono fare cesti e cersti...ma se hanno la caga da seconda palla...se la fanno addosso".
Io maliziosetto: "Hanno la caga perché non hanno la sicurezza del colpo...".
Risposta: "Ovvio che sì. Ma giocare due seconde non risolve il problema. Tanto vale che si abituino a giocare una prima e una seconda abbassando il livello di rischio piuttosto che NON giocare".

Non fa una grinza....
Condivido il tuo ragionamento, spesso si fa un "tennis percentuale" ossia pochi rischi ed aspettare gli errori dell'avversario. Questo sistema di gioco è pericoloso fin dalla più tenera età perché porta a risultati immediati nel breve termine a scapito di una formazione completa di tutti i colpi del giocatore. In partita si pensa: la prima non la gioco perché posso fare il doppio fallo...i colpi di tocco? Troppo rischiosi...la rete? Non alleno mai le volè. Allora ti ritrovi a fare sempre le stesse cose come un automa, vincendo ma non divertendoti mai fino in fondo. Mai un rischio, mai uno schema atipico...capisco che certi giocatori non abbiamo i requisiti tecnici per giocare dei colpi importanti ma penso sia anche un fatto di mentalità. Lunga vita ai pallettari ma, secondo me, non apprezzeranno mai il tennis fino in fondo perché avranno sempre un bagaglio tecnico limitato e non capiranno mai la soddisfazione di tirare un vincente.
Sì Dani, la questione "tecnica" secondo me rimane un problema della Scuola Italiana. Se ti va bene...ti va bene. Se ti va male...cresci a percentuali. Non che io abbia qualcosa contro le percentuali!!! Ma secondo me vanno applicate con libertà di scelta, ovvero non con un bouquet tecnico ristretto a due colpi in croce.
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12713
Età : 52
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum