Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Livello di attenzione

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Livello di attenzione

Messaggio Da araba il Lun 7 Mar 2011 - 23:01

Promemoria primo messaggio :

Rispondo con un nuovo topic ad alba visto che l'argomento è differente dall'originale
http://www.passionetennis.com/t125p15-3-lezione-la-respirazione

@alba77 ha scritto:
Non riesco a seguirti, puoi spiegare meglio il concetto cortesemente?
A quei livelli credo che l'attenzione non manchi mai o quasi, anche se delle volte vediamo calare Federer di concentrazione, lo stesso succede anche a Nole, ma uno sembra fresco dopo 4 set e l'altro boccheggia dopo alcuni game...
Non parlo di freschezza nei colpi ma di apparenza quando guardi la persona mentre non si gioca.

L'attenzione deve sempre esserci, ma dev'esserne gestito il livello, questo è molto importante.

Parto dall'esempio da una mia partita di qualche giorno fa contro un amico con cui spesso incrociamo la racchetta e sempre con sfide epiche all'ultimo sangue.
Terzo set 3-3, lui serve e vinco il suo servizio, servo io 4-3 e penso, se mi porto 5-3 ora non mi prende più e alzo al massimo il mio livello di attenzione, decido di servire per fare ace concentrandomi al massimo e tirando fortissimo agli angoli pensando proprio "ora ti faccio vedere io cos'è servire", la cosa mi riesce 30-0, ma al terzo servizio succede l'ovvio, mi esce la prima e sulla seconda mi tiene a lungo sullo scambio finchè mollo per stanchezza, vincerà quel game ritornando così in parità di breack e sullo slancio vincerà 7-5 il terzo set e così la partita.
Mi sono semplicemente comportato come un pollo alle prime armi ed è per quello, per quei due servizi al massimo dei massimi che ho perso un incontro che avrei portato a casa quasi sicuramente.

Vediamo partendo da questo esempio di capirne il motivo.
Ogni giocatore ha un serbatoio di benzina da consumare, quello è e quello resta, non ci sono alternative ed il combustibile deve servire per arrivare a destinazione, la fine della partita.
Ora, chiamiamo l'accelleratore della nostra auto "livello di attenzione", più accelleriamo e più consumiamo benzina e meno ne avremo a disposizione per arrivare alla fine, ovvero a parità di chilometri percorsi se accelleriamo consumiamo molto di più col risultato che poi dovremmo per arrivare alla fine andare molto piano, altrimenti non arriviamo a destinazione.
Tempo addietro questo lo chiamiavo livello di concentrazione, un amico mi fece notare che chiamare concentrazione è un'aspetto molto, troppo mentale ed in effetti ha ragione. I parametri sono due, uno fisico e uno mentale intimamente legati e la dizione livello di attenzione è molto più esplicativo.
All'aumentare dell'impegno mentale corrisponde un'aumento dell'impegno fisico per cui se sono più attento corrisponde anche una maggiore attività fisica per consentire di raggiungere l'obbiettivo "giocare meglio quel punto".

Premesso questo, altra cosa che sappiamo è che i punti a tennis visto il particolar modo di contarli non sono assolutamente tutti uguali, 0-15 non ha l'importanza di 30-40, 0-1 al primo set non ha l'importanza di 4-5 al terzo. Se questi sono casi limite abbastanza evidenti ci sono tutti i casi intermedi meno evidenti, ma che fanno comunque la differenza di importanza fra punto e punto.

Altro fattore importante, non è possibile mantenere il proprio livello di concentrazione e di conseguenza quello di attenzione (impegno psicofisico) al massimo se non per un periodo limitato, che non è MAI l'intero arco di una partita.
Se riferito al fattore fisico questo ci è chiaro, sappiano tutti che non possiamo correre come matti per 90 minuti, non tutti hanno chiaro che lo stessa identica cosa avviene per la concentrazione, dopo un po' viene a mancare (questa ad esempio è spesso la ragione vera della comparsa del famoso braccino).

Mettiamo assieme i pezzi allora e arriviamo a una conclusione,
IL LIVELLO DI ATTENZIONE è "quanta ce ne mettiamo", quanta ce ne mettiamo dobbiamo sceglierlo ad ogni punto, ad ogni game, sapendo che non possiamo mettercene sempre il massimo, che abbiamo dei limiti fisiologici invalicabili, che dobbiamo comunque arrivare alla fine, e che il tipo di gioco stesso che adottiamo richiede impegno psicofisico differente. Saper gestire al meglio queste variabili è fondamentale per vincere.

Andiamo oltre
e cominciamo a parlare di tipologia di gioco in relazione a quanto detto.
Djokovic è un giocatore di pressione, deve spingere in palleggio qualsiasi cosa per sfiancarti e tenere un ritmo alto, per farlo deve tenere sempre un livello di attenzione elevato e deve mantenerlo a lungo perchè il palleggio pesante è dove vuol portare la partita. Questo tipo di giocatore è sempre ai suoi limiti fisiologici e si allena per poter mantenere alti i suoi limiti.
Federer è un giocatore da uno-due, improvvisi cambi di velocità, improvvise variazioni di ritmo ed effetto, colpi talentuosi, il palleggio è ridotto al minimo. Questo tipo di giocatore ha variazioni di livello di attenzione altissime anche all'interno dello steso punto, è continuamente ad accelleratore che và e viene. Tutto bene, finchè tiene il numero degli scambi a punto basso, tutto male quando è costretto da avversari che giocano di pressione o ritmo come Djoko o Nadal perchè la benzina in questo modo finisce in fretta.
Nei suoi incontri Federer infatti è calcolato corra il 60% in media di un normale giocatore i una normale partita.

Questo Federer lo sà ed infatti è un maestro nell'arte di concentrarsi e deconcentrarsi, nel scegliere i punti importanti dove alzare o abbassare la sua concentrazione, perchè al bisogno la vuole tutta. Parliamo ovviamente del Federer dei tempi d'oro, oggi s'è un po' arrugginito.
Ma se voi andate a guardarvi qualche incontro del Federer ingiocabile di qualche anno fa, ai cambi di campo vedrete che nemmeno sembra sia in campo, è da un'altra parte, totalmente estraniato, questo perchè stà riposando la concentrazione, e questo sistema gli consente di allungare i suoi tempi di mantenimento "del livello di attenzione".
Un Nadal ad esempio, adotta un sistema leggermente differente da Federer proprio perchè le tipologie di gioco dei due sono differenti, Federer cambia i livelli molto a seconda del punto, Nadal che è giocatore di ritmo spesso e volentieri invece abbassa il livello per un'intero game dopo averne vinto uno molto importante giocandolo tutto a livello di attenzione molto alto, a volte lo si vede proprio consegnare il game che non gli interessa per poter riposare la concentrazione, ed averla poi tutta a pieno regime nel game successivo che gli interessa.

Al momento mi fermo qui altrimenti ti faccio solo confusione, sperando di essere stato chiaro, magari aggiungerò e puntualizzerò qualcosa in seguito.

araba
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 415
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso


Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Alessandra76 il Gio 10 Mar 2011 - 14:27

@chiros ha scritto:
Ora per favore, mi dici quali sono le discussioni in cui sei intervenuta(o?) così mi leggo tutto Very Happy

Clicca sul nick della persona che ti interessa per andare nel suo profilo...da qui vai a Statistiche:

Numero di argomenti: sono gli argomenti aperti dall'utente.
Trovare tutti i messaggi di xxxx: trovi tutti i messaggi da lui inviati.

Spero di esserti stata utile Smile

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Cobrama il Gio 10 Mar 2011 - 14:29

Veterano sono d'accordo infatti ho detto in particolari situazioni.
Come possono essere attaccare sul colpo migliore lasciato un po' scoperto dopo aver preso in mano lo scambio in precedenza.
Cmq sopra un certo livello i rischi se così vogliamo chiamarli (io li chiamo rischi calcolati)diventano una necessita se si vuole vincere.

Cobrama
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 266
Data d'iscrizione : 16.01.11

Profilo giocatore
Località: toscana
Livello: 2.1 2.2
Racchetta: blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da wbtit il Gio 10 Mar 2011 - 14:32

@araba ha scritto:
La costruzione del gioco e la costruzione della partita sono per me il vero divertimento, e tanto più facile è il vincente dopo costruzione e tanto più lineare è una mia vittoria in una partita tanto più mi diverto.
Provare per credere.
Così sembri parlare come un giocatore di scacchi!

wbtit
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 607
Età : 46
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 08.08.10

Profilo giocatore
Località: Veneto
Livello: I.T.R. 2.5 NO iscritto FIT difensivo da fondo campo
Racchetta: Vedi firma.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Cobrama il Gio 10 Mar 2011 - 14:48

Vi racconto una cosa che secondo me sembra non centrare nulla ma serve a spiegare quello che voglio dire:
Anni fa un mio amico gran giocatore di tresette mi sfido' a giocare con lui per scommessa ( premetto che lui conta le carte sa tutti i modi di giocare in ogni situazione e per chi conosce il tressette non serve dire che giocando in due e non in quattro e per di piu contro l'altro che sarei io che non contava le carte e non era così esperto come lui). Si decise quindi di giocare al meglio delle 5 partite e ogni partita a 31 punti, quindi ulteriore vantaggio al giocatore più forte e fortuna che incide quasi zero sul risultato finale.
Morale vinsi velocemente 5 a 1 con carte strappate al termine del Match

Cobrama
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 266
Data d'iscrizione : 16.01.11

Profilo giocatore
Località: toscana
Livello: 2.1 2.2
Racchetta: blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Veterano il Gio 10 Mar 2011 - 15:30

Si il tuo esempio rende l'idea,pero' e poco paragonabile al tennis,nel caso delle carte per bravo che tu sia giochi sempre con le carte che hai in mano e la componente fortuna e' molto alta,nel tennis la componente fortuna e' relativa.Se parliamo di rischi calcolati il discorso diventa differente,ma piu che rischi direi decisioni prese,tutto questo dipende anche un po dalla natura del giocatore,se parliamo di serve and volley,naturalmente il giocatore che pratica questo tipo di gioco prendera' piu rischi di uno che si limita a stare a fondo campo,ma questo fa parte della natura del giocatore,se parliamo di alto livello,dove la tecnica e le caratteristiche di gioco sono gia' ben definite.Il tennis e' un gioco a percentuale e se andiamo a vedere gli incontri dei professionisti solitamente non si vince per fare piu ace o per tirare di piu sulle righe ma mantenendo la palla dentro il campo piu' dell avversario.Poi il tennis e' uno sport veramente complesso e ci sono differenti causanti che possono definire la vittoria e la sconfitta.
Piu che altro direi di andare in campo e cercare di fare quello che si sa fare,niente di piu' niente di meno.
Vedi un esempio valido potrebbe essere Murray,Murray e' un giocatore completo e spesso arriva alle finalio dei tornei piu importanti,ma non riesce a vincere niente di importante.Per esempio l'ultima finale importante con Dijokovic,molti dicono che Murray e' stato troppo remissivo in quella finale,bene io dico che Murray ha fatto quello che poteva,non e' che Murray non prenda rischi e non spinga,spinge e prende rischi con chi lo puo fare,Il Diokovic di quella finale non le ha permesso niente o quasi,poi per carita' possiamo dire che Murray ha problemi psicologici visto la pressione di tutto il tennis britannico alle spalle e quella arpia della madre che si sente sua allenatrice,mah onestamente e' difficile capirne le ragioni,seconda ipotesi puo' essere quella che il tuo tipo di gioco e quello e che spingi quando puoi, ma quando sei in difficolta incominci a remare eliminando i rischi........difficile da dirsi.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da alba77 il Gio 10 Mar 2011 - 15:41

@araba ha scritto:
La costruzione del gioco e la costruzione della partita sono per me il vero divertimento, e tanto più facile è il vincente dopo costruzione e tanto più lineare è una mia vittoria in una partita tanto più mi diverto.
Provare per credere.
Sai che ultimamente sto prendendo gusto e fiducia quando faccio un bel punto (nemmeno un vincente a 300km/h, ma all'80% con un ottimo controllo) a conclusione di uno scambio combattuto e magari con recupero di mezzo da parte mia...o addirittura vincente in corsa piazzato con precisione... Poi il vincente (o colpo molto agressivo) in risposta al servizio o dopo 1-2 scambi non lo disdegno nemmeno...

@Cobrama ha scritto:Vi racconto una cosa che secondo me sembra non centrare nulla ma serve a spiegare quello che voglio dire:
Anni fa un mio amico gran giocatore di tresette mi sfido' a giocare con lui per scommessa ( premetto che lui conta le carte sa tutti i modi di giocare in ogni situazione e per chi conosce il tressette non serve dire che giocando in due e non in quattro e per di piu contro l'altro che sarei io che non contava le carte e non era così esperto come lui). Si decise quindi di giocare al meglio delle 5 partite e ogni partita a 31 punti, quindi ulteriore vantaggio al giocatore più forte e fortuna che incide quasi zero sul risultato finale.
Morale vinsi velocemente 5 a 1 con carte strappate al termine del Match
Mi hai incuriosita... come hai fatto se non eri così esperto?
Caspita - a carte non gioco più perché mi arrabbio troppo, mentre a tennis sono sempre serena (non Williams Laughing ) e ho scoperto il motivo a carte ci sono troppi fattori esterni che non posso controllare, a tennis lavorandoci si riesce a tenergli testa...

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Età : 39
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da araba il Gio 10 Mar 2011 - 16:30

@chiros ha scritto:
Questo lo stampo e lo appendo al muro.
Sembrerò ingenuo ma mi hai aperto un mondo!
Grazie.
Ora per favore, mi dici quali sono le discussioni in cui sei intervenuta(o?) così mi leggo tutto Very Happy
ne hai un migliaio in un altro forum dove mi hai diffamato accusandomi di cose non vere, vattele a leggere che magari qualcosa capisci anche non di tennis.

araba
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 415
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da chiros il Gio 10 Mar 2011 - 16:33

Non mi ricordo proprio. Io non diffamo mai nessuno, magari ti sei sbagliato con un altro.

chiros
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 956
Data d'iscrizione : 24.11.09

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: Adolfo dice 4 ITR
Racchetta: Prince Classic Response 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da araba il Gio 10 Mar 2011 - 17:19

ehm, scusate il piccolo sfogo, ma mi è uscita proprio fuori dai denti, Rolling Eyes
continuo questa conversazione con chiros in privato Wink

araba
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 415
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da araba il Gio 10 Mar 2011 - 17:27

@wbtit ha scritto:
@araba ha scritto:
La costruzione del gioco e la costruzione della partita sono per me il vero divertimento, e tanto più facile è il vincente dopo costruzione e tanto più lineare è una mia vittoria in una partita tanto più mi diverto.
Provare per credere.
Così sembri parlare come un giocatore di scacchi!
in effetti ho sempre pensato il tennis essere una partita a scacchi, la cui componente di rischio è in relazione al tuo avversario, più è bravo e più devi rischiare, ma meno rischi hai possibilità di non prendere più probabilità hai di vincere.

araba
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 415
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da chiros il Gio 10 Mar 2011 - 17:32

@araba ha scritto:ehm, scusate il piccolo sfogo, ma mi è uscita proprio fuori dai denti, Rolling Eyes
continuo questa conversazione con chiros in privato Wink

Comodo infangare il mio nome e poi rifugiarsi nel privato. Qui ci vorrebbe un "cartellino giallo".
Io non risponderò per rispetto del forum. Per fortuna qui mi conoscono e non ho mai avuto motivo di cambiare nome per scrivere, al contrario di qualcun altro.

chiros
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 956
Data d'iscrizione : 24.11.09

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: Adolfo dice 4 ITR
Racchetta: Prince Classic Response 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Cobrama il Gio 10 Mar 2011 - 19:02

X Alba. Te cosa avresti fatto in quella situazione ?
X veterano. Ti posso assicurare che a 31 punti al meglio delle 5 partite la fortuna incide forse meno che nel tennis
@alba77 ha scritto:
@araba ha scritto:
La costruzione del gioco e la costruzione della partita sono per me il vero divertimento, e tanto più facile è il vincente dopo costruzione e tanto più lineare è una mia vittoria in una partita tanto più mi diverto.
Provare per credere.
Sai che ultimamente sto prendendo gusto e fiducia quando faccio un bel punto (nemmeno un vincente a 300km/h, ma all'80% con un ottimo controllo) a conclusione di uno scambio combattuto e magari con recupero di mezzo da parte mia...o addirittura vincente in corsa piazzato con precisione... Poi il vincente (o colpo molto agressivo) in risposta al servizio o dopo 1-2 scambi non lo disdegno nemmeno...

@Cobrama ha scritto:Vi racconto una cosa che secondo me sembra non centrare nulla ma serve a spiegare quello che voglio dire:
Anni fa un mio amico gran giocatore di tresette mi sfido' a giocare con lui per scommessa ( premetto che lui conta le carte sa tutti i modi di giocare in ogni situazione e per chi conosce il tressette non serve dire che giocando in due e non in quattro e per di piu contro l'altro che sarei io che non contava le carte e non era così esperto come lui). Si decise quindi di giocare al meglio delle 5 partite e ogni partita a 31 punti, quindi ulteriore vantaggio al giocatore più forte e fortuna che incide quasi zero sul risultato finale.
Morale vinsi velocemente 5 a 1 con carte strappate al termine del Match
Mi hai incuriosita... come hai fatto se non eri così esperto?
Caspita - a carte non gioco più perché mi arrabbio troppo, mentre a tennis sono sempre serena (non Williams Laughing ) e ho scoperto il motivo a carte ci sono troppi fattori esterni che non posso controllare, a tennis lavorandoci si riesce a tenergli testa...

Cobrama
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 266
Data d'iscrizione : 16.01.11

Profilo giocatore
Località: toscana
Livello: 2.1 2.2
Racchetta: blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da nanobabbo8672 il Gio 10 Mar 2011 - 19:02

@chiros ha scritto:
@araba ha scritto:ehm, scusate il piccolo sfogo, ma mi è uscita proprio fuori dai denti, Rolling Eyes
continuo questa conversazione con chiros in privato Wink

Comodo infangare il mio nome e poi rifugiarsi nel privato. Qui ci vorrebbe un "cartellino giallo".
Io non risponderò per rispetto del forum. Per fortuna qui mi conoscono e non ho mai avuto motivo di cambiare nome per scrivere, al contrario di qualcun altro.

chiedo gentilmente di terminare questa vostra discussione e di continuarla eventualmente in altra sede, così qui continuiamo a goderci i vostri interessanti interventi di argomento tennistico...
grazie
andy/nanobabbo8672

nanobabbo8672
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6677
Età : 44
Località : Ravenna
Data d'iscrizione : 10.09.09

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: ITR 4.0 - FIT NC
Racchetta: Pro Kennex KI15 300 2011

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Veterano il Gio 10 Mar 2011 - 21:09

[quote="Cobrama"]
X veterano. Ti posso assicurare che a 31 punti al meglio delle 5 partite la fortuna incide forse meno che nel tennis
[quote="alba77"]
Allora visto che il tennis e le carte non si possono paragonare per diversi fattori che credo siano evidenti,io sono aperto a qualsiasi discussione e a questo punto visto che il tuo avversario era piu bravo di te come dici,o ti a preso sotto gamba o non aveva un socio degno,oppure non aveva le carte in mano..........se no sono curioso di sapere secondo te qual'e il criterio che ti ha fatto vincere..........

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da vince75 il Gio 10 Mar 2011 - 21:28

@araba ha scritto:
@wbtit ha scritto:
@araba ha scritto:
La costruzione del gioco e la costruzione della partita sono per me il vero divertimento, e tanto più facile è il vincente dopo costruzione e tanto più lineare è una mia vittoria in una partita tanto più mi diverto.
Provare per credere.
Così sembri parlare come un giocatore di scacchi!
in effetti ho sempre pensato il tennis essere una partita a scacchi, la cui componente di rischio è in relazione al tuo avversario, più è bravo e più devi rischiare, ma meno rischi hai possibilità di non prendere più probabilità hai di vincere.

Qualche tempo fa su Ubitennis c'era un interessante articolo sul mai troppo rimpianto David Foster Wallace
http://www.ubitennis.com/sport/tennis/2010/12/18/430800-tennis_uomo_dimensione.shtml

il tennis agonistico, come il biliardo professionistico, richiede una mente geometrica, l’abilità di calcolare non soltanto le vostre angolazioni ma anche le angolazioni di risposta alle vostre angolazioni. Poiché la crescita delle possibilità di risposta è quadratica, siete costretti a pensare in anticipo a un numero n di colpi, dove n è una funzione iperbolica limitata dal seno della bravura dell’avversario e dal coseno del numero di colpi scambiati fino a quel momento (approssimativamente). Io lo sapevo fare. (…). Riuscivo a pensare in base otto”... “è come giocare a scacchi correndo” (6) Smile

vince75
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 12
Data d'iscrizione : 15.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 3.5 ITR
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da araba il Gio 10 Mar 2011 - 21:42

no, non l'avevo letta questa su Ubitennis, è carina......

araba
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 415
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da vince75 il Gio 10 Mar 2011 - 21:43

@Veterano ha scritto: Nel tennis, una volta che si avvia il punto si gioca per istinto, sulla base delle competenze automatizzate.

Grazie Vet Smile
Il rendimento in partita di torneo è dato solo dai colpi che abbiamo automatizzato, per questo si ha l'impressione di giocare peggio rispetto all'allenamento.

vince75
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 12
Data d'iscrizione : 15.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 3.5 ITR
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da vince75 il Gio 10 Mar 2011 - 21:45

@araba ha scritto:no, non l'avevo letta questa su Ubitennis, è carina......

Lo immaginavo.. wbtit araba wallace Smile Smile

vince75
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 12
Data d'iscrizione : 15.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 3.5 ITR
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da araba il Gio 10 Mar 2011 - 21:49

@vince75 ha scritto:
@Veterano ha scritto: Nel tennis, una volta che si avvia il punto si gioca per istinto, sulla base delle competenze automatizzate.

Grazie Vet Smile
Il rendimento in partita di torneo è dato solo dai colpi che abbiamo automatizzato, per questo si ha l'impressione di giocare peggio rispetto all'allenamento.

Eccolo lì un punto importantissimo, competenze automatizzate, e questo è un grande vantaggio per giocare meglio in partita vince75, perchè hai possibilità di non pensare più ai colpi, ma solo a quello che devi fare per ottenere il massimo dallo scambio.

araba
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 415
Data d'iscrizione : 18.02.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da GIANLUINI DICA il Ven 11 Mar 2011 - 10:35

@araba ha scritto:
@chiros ha scritto:
Questo lo stampo e lo appendo al muro.
Sembrerò ingenuo ma mi hai aperto un mondo!
Grazie.
Ora per favore, mi dici quali sono le discussioni in cui sei intervenuta(o?) così mi leggo tutto Very Happy
ne hai un migliaio in un altro forum dove mi hai diffamato accusandomi di cose non vere, vattele a leggere che magari qualcosa capisci anche non di tennis.

Vorrei ricordare a TUTTI che siamo su Passionetennis e tutto quello che è accaduto in altre sedi non può e non deve minare la tranquillità e la serenità del forum stesso; tutti devono potersi sentire liberi d'intervenire in qualsiasi argomento e qualsiasi forma di autogestione delle sezioni non sono tollerate dallo Staff. Buon proseguimento di giornata

_____________________________________________________________


Bookmark and Share

GIANLUINI DICA
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3667
Età : 44
Località : CREMONA
Data d'iscrizione : 08.11.09

Profilo giocatore
Località: CREMONA
Livello: 3.0 ITR. 4.2
Racchetta: Wilson Pro Open

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da F4bius il Ven 11 Mar 2011 - 11:32

sia araba che chiros hanno capito che se necessario affronteranno i loro problemi in separata sede.

Ed aggiungo che qui si chiude la questione, non sono ammesse repliche. In caso contrario provvederò a chiudere il post, sia ben chiaro.

F4bius
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3191
Età : 52
Data d'iscrizione : 11.07.09

Profilo giocatore
Località: Modena
Livello: ITR 2.5 FIT 4 NC
Racchetta: Pro Kennex ki5 295 e Ki5 PSE USA

http://www.miotorneo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Cobrama il Ven 11 Mar 2011 - 14:00

No la partita era testa testa in due e non in quattro e non so se conosci il tressette (noi lo chiamiamo 31) ma la fortuna incide poco alla lunga, soprattutto con le condizioni che avevamo stabilito e con la differenza di capacita'. Inoltre lui ha giocato secondo 'regola' (come si deve giocare). Io ho solo fatto in modo che le ultime mani dove lui avrebbe saputo cosa avevo in mano non fossero decisive. Ho preso dei rischi calcolati(in quanto non fossero stati tali(come si direbbe giocare a cu.o) alla lunga mi avrebbero penalizzato)ma senza i quali avrei perso senza la minima possibilità(tipo un B contro un 4.5)
Se io avessi giocato la stessa partita contro un avversario peggiore di me le parti probabilmente si sarebbero invertite (ma non e' detto ehhh), le analogie secondo me sono molte. Non attribuiamo un valore eccessivo al Giocare senza rischi, più volte osannato, non e' una ricetta valida per ogni occasione, almeno da un minimo livello in su. Con questo non voglio neanche dire di essere un fautore dello sparecchiare colpi a destra e manca, figuriamo sono tutto l'opposto pero'.....
[quote="Veterano"][quote="Cobrama"]
X veterano. Ti posso assicurare che a 31 punti al meglio delle 5 partite la fortuna incide forse meno che nel tennis
@alba77 ha scritto:
Allora visto che il tennis e le carte non si possono paragonare per diversi fattori che credo siano evidenti,io sono aperto a qualsiasi discussione e a questo punto visto che il tuo avversario era piu bravo di te come dici,o ti a preso sotto gamba o non aveva un socio degno,oppure non aveva le carte in mano..........se no sono curioso di sapere secondo te qual'e il criterio che ti ha fatto vincere..........

Cobrama
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 266
Data d'iscrizione : 16.01.11

Profilo giocatore
Località: toscana
Livello: 2.1 2.2
Racchetta: blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Veterano il Ven 11 Mar 2011 - 14:33

Ok in questo caso il paragone ci puo' stare,ci sono delle situazioni dove sei costretto a prenderti dei rischi diciamo calcolati con un avversario che altrimenti non riusciremmo a battere.Pero' in linea di massima e quello che dico io,al posto di cercare il vincente cerca il vincentino..........(eh eh eh mi fa ridere il vincentino).Quello che voglio dire io e che se non hai le carte (visto che abiamo parlato di carte) in mano per riuscire a prenderti qualche rischio in piu' e 'inutile che tu lo faccia,si in alcune situazioni ti puo andare bene ma in altre no,vedi se giochi con un altro della stessa categoria che pero ha qualcosa in piu e ti riesce a mettere pressione mandandoti sempre in difficolta capisici chiaramente che se stai a fondo prendi mazzate,e devi cercare di fare qualcosa di diverso per uscire da questa situazione.Bene la domanda e' cosa posso fare per uscire da questa situazione ??????????e li che casca l'asino (o il tennista Very Happy ) la risposta e' da cercare in quello che so fare per cambiare qualcosa,se gioco con il pallettaro che mi tiene a fondo e non sbaglia una palla e mi fa usicre di testa tenendomi in campo 4 ore magari la soluzione sarebbe di cercare di piu la rete,pero' sono capace di fare un serve and volley decente e di avere un buon approch per permettermi di fare questo gioco ?????? be la risposta in genere e no e l'unica cosa da fare e mettersi li a migliorare il dritto (per esempio) per riuscire a non soffrire piu quella pressione e addirittura per mettere in difficolta.Si azzadare in certe occasioni va bene ma sempre nel limite del possibile.La cosa sarebe diversa se anche non sia il tuo massimo come tipo di gioco nel caso che ho citato cerchi la variazione che non ti riesce sempre ma ogni tanto funziona,si ci puo stare,ma alla fine siamo sempre punto a capo,stavolta mi e' andata bene ma chissa la prossima.
Vedi il discorso e' legato a molte cose e dipende da molti fattori,in primis parlando di un giocatore di quarta sui 30-35, se non di piu, tempo e voglia per dedicarsi a migliorare,se no piu che cercare soluzioni approssimative che possono funzionare una volta e 10 no la chiave e quella di migliorare quello che si ha.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da alain proust il Ven 11 Mar 2011 - 16:14

a mio avviso il paragone carte tennis è improponibile. le carte , qualunque sia il gioco, hanno una altissima valenza di probabilità. poker o briscola, se non hai le carte buone , non vinci e questa è fortuna. poi certo che c'è l'abilità, l'abitudine al gioco, la memoria per ricordare le carte, ma il paragone è quanto mai fuori luogo.
se cobram ha vinto con uno molto più esperto di lui, probabilmente ha avuto c*lo oppure è stata particolarmente bravo in quella occasione.
ma il tennis non è fortuna. è tante cose insieme, ma soprattutto allenamento, tecnica, testa (e qui ho scoperto l'acqua calda).
se trovi uno tecnicamente superiore a te, c'è poco da fare. se il divario è minimo, puoi giorcartela tentando qualcosa di più rischioso ma che non sia troppo oltre il tuo gioco a regime. se si pensa che basti l'ispirazione di due ore per vincere contro uno davvero più forte di te pensando di poter giocare magicamente colpi vincenti che non sono nelle nostre possibilità, ci si sbaglia di grosso.
con uno più forte si perde. punto. e se il divario è netto il punteggio prevedibile è 60 60. se si è vicini tecnicamente, allora può essere che qualche rischio preso nelle palle importanti, se va bene, ci porti la vittoria.
diversamente, come diceva autorevolmente veterano, l'unica possibilità è cercare di migliorare nell'allenamento cercando di migliorare e rendere più solido il proprio tennis.
semmai, vedo meglio il paragone tennis -golf, altro sport a percentuale, in cui i colpi in una partita sono molti ed è importante sbagliare meno, piuttosto che fare una buca spettacolare e poi mandare una palla sì e una no nel bosco.

alain proust
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1429
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: 4.0
Racchetta: PRINCE EXO3 TOUR 16x18

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da Cobrama il Ven 11 Mar 2011 - 20:09

Si vede che non conosci il gioco del tressette in due. Se due sanno giocare bene le partitefiniscono sempre con la differenza di un terzo di punto, in pratica e' come giocare a tris. Infatti i veri giocatori giocano solo in quattro che allora diventa veramente un bel gioco.
@alain proust ha scritto:a mio avviso il paragone carte tennis è improponibile. le carte , qualunque sia il gioco, hanno una altissima valenza di probabilità. poker o briscola, se non hai le carte buone , non vinci e questa è fortuna. poi certo che c'è l'abilità, l'abitudine al gioco, la memoria per ricordare le carte, ma il paragone è quanto mai fuori luogo.
se cobram ha vinto con uno molto più esperto di lui, probabilmente ha avuto c*lo oppure è stata particolarmente bravo in quella occasione.
ma il tennis non è fortuna. è tante cose insieme, ma soprattutto allenamento, tecnica, testa (e qui ho scoperto l'acqua calda).
se trovi uno tecnicamente superiore a te, c'è poco da fare. se il divario è minimo, puoi giorcartela tentando qualcosa di più rischioso ma che non sia troppo oltre il tuo gioco a regime. se si pensa che basti l'ispirazione di due ore per vincere contro uno davvero più forte di te pensando di poter giocare magicamente colpi vincenti che non sono nelle nostre possibilità, ci si sbaglia di grosso.
con uno più forte si perde. punto. e se il divario è netto il punteggio prevedibile è 60 60. se si è vicini tecnicamente, allora può essere che qualche rischio preso nelle palle importanti, se va bene, ci porti la vittoria.
diversamente, come diceva autorevolmente veterano, l'unica possibilità è cercare di migliorare nell'allenamento cercando di migliorare e rendere più solido il proprio tennis.
semmai, vedo meglio il paragone tennis -golf, altro sport a percentuale, in cui i colpi in una partita sono molti ed è importante sbagliare meno, piuttosto che fare una buca spettacolare e poi mandare una palla sì e una no nel bosco.

Cobrama
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 266
Data d'iscrizione : 16.01.11

Profilo giocatore
Località: toscana
Livello: 2.1 2.2
Racchetta: blade 104

Tornare in alto Andare in basso

Re: Livello di attenzione

Messaggio Da alain proust il Sab 12 Mar 2011 - 8:50

sarà... continua comunque a parermi imparagonabile al tennis. in ogni caso, non importa, ritorniamo on topic. Smile

alain proust
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1429
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: 4.0
Racchetta: PRINCE EXO3 TOUR 16x18

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum