Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Differenza tennis maschile / femminile

Pagina 3 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da wila il Ven 22 Gen 2010 - 10:05

Promemoria primo messaggio :

chiedo scusa se non è la sezione giusta.

Tenuto conto dei parametri di autovalutazione da 1 a 7, e premesso che un buon giocatore (maschio) di circolo può a mio avviso essere considerato 4 al massimo 4.5, a che livello corrisponde una giocatrice donna professionista con classifica mondiale da 250 in su (le giocatrici che si vedono nei tornei da 25.000 dollari e oltre)?

Grazie

wila
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 405
Età : 46
Data d'iscrizione : 02.01.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: più 3.5 che 4.0 NC
Racchetta: Prince Warrior

Tornare in alto Andare in basso


Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da alba77 il Mar 12 Apr 2011 - 20:10

Tempo fa lessi un'intervista della Pennetta che non riusciva a vincere contro i primi 600 e a malapena se la giocava con gli U16 affraid , mentre palleggiando con Nadal veniva sempre scavalcata dai suoi top o doveve giocare appiccicata alla rete delimitante la fine del campo.

Cosa che ho sperimentato sulla terra palleggiando col maestro al quale avevo esplicitamente di giocarmi con più top per abituarmi a gestire le palle del genere.

Ale, una curiosità - quanto sei alta?

Comunque una donna - anche ragazzina con una tecnica completa e una buona velocità di braccio e gestione dei margini del campo non farebbe vedere la palla a un uomo novello e comunque con poca esperienza.

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da oldest il Mar 12 Apr 2011 - 20:28

ai bei tempi Very Happy ma diciamo che non ero molto meglio di ora, mi allenavo con una 20enne 2a cat bassa e vincevo...boh non so se ha molto senso e se può essere un termine di paragone ma così è e lo riporto. La grossa differenza stava nelle gambette e basta, come colpi era nettamente + forte di me

oldest
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3389
Età : 43
Località : Rho (MI)
Data d'iscrizione : 02.07.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: FIT 3.4
Racchetta: non ne ho

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da rafapaul il Mar 12 Apr 2011 - 20:52

Secondo me c'è un abisso, quest'inverno ho giocato un set con una ragazza 3.1 e ho vinto facile, anche se tecnicamente lei è sicuramente più forte.
Sono convinto che una top ten perda con un uomo classificato 2.7

rafapaul
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2889
Età : 46
Località : Rho
Data d'iscrizione : 07.09.10

Profilo giocatore
Località: rho
Livello: 3.5 Fit
Racchetta: Babolat Pure Aero

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mar 12 Apr 2011 - 21:42

@alba77 ha scritto:
Ale, una curiosità - quanto sei alta?
1.70

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da alba77 il Mar 12 Apr 2011 - 21:46

@Alessandra76 ha scritto:
@alba77 ha scritto:
Ale, una curiosità - quanto sei alta?
1.70
Razz Sopra la media cheers e brava mamma che t'ha fatta Very Happy

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Età : 39
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mar 12 Apr 2011 - 21:52

..ahah! Very Happy ...eeeeh ma ho preso tutto da papà!! Laughing Razz

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da yokupoku il Mar 12 Apr 2011 - 21:55

si .. direi che l'unica incolmabile differenza è la rapidita di copertura del campo.. perchè come pesantezza di palla nei fondamentali non è tantissima... a parte il servizio e la quantita' industriale di doppi falli ( ma perchè poi...??? )

yokupoku
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 259
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mar 12 Apr 2011 - 22:01

Yuku....la muscolatura maschile ha una risposta molto più esplosiva di quella femminile....non capisco neanche questa discussione sinceramente....perché la cosa la vedo così normale e ovvia....siamo diversi...non c'è molto da dire...e non c'è colpa...la struttura muscolare-ossea fra uomo e donna è diversa...anche le riserve di grasso sono disposte diversamente....la trattenuta di liquidi femminile....e tanti altri aspetti.... Razz

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da yokupoku il Mar 12 Apr 2011 - 22:38

@Alessandra76 ha scritto:Yuku....la muscolatura maschile ha una risposta molto più esplosiva di quella femminile....non capisco neanche questa discussione sinceramente....perché la cosa la vedo così normale e ovvia....siamo diversi...non c'è molto da dire...e non c'è colpa...la struttura muscolare-ossea fra uomo e donna è diversa...anche le riserve di grasso sono disposte diversamente....la trattenuta di liquidi femminile....e tanti altri aspetti.... Razz

o spetta tè.. non farmi tanto banale il mio intervento ..i miei punti interrogativi si riferivano solo ai doppi falli... quelli con che me li spieghi ? Le doppie punte ?? Smile

...scherso nè...

yokupoku
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 259
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mar 12 Apr 2011 - 22:42

...semplicemente che la donna va a cercare dei limiti superiori...deve spingere di più...fa più fatica nel fare lo stesso gesto atletico maschile...e quindi è più portata all'errore...volendo quel che la donna fa con tutto il caricamento...l'uomo lo fa col solo braccio.....è una questione di limiti e il volerli superare...o il doverli superare...

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da yokupoku il Mar 12 Apr 2011 - 22:50

mah.... non ci metterei la mano sul fuoco sulla tua disamina, perchè anche le top ten collezionano un sacco di doppi falli ... probabilmente ci sono anche motivi tattici ... perchè con i milioni di dollari che ci sono in ballo, col cavolo che queste rischiano un doppio fallo che non sia "calcolato"....

yokupoku
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 259
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da oldest il Mar 12 Apr 2011 - 22:52

@Alessandra76 ha scritto:...semplicemente che la donna va a cercare dei limiti superiori...deve spingere di più...fa più fatica nel fare lo stesso gesto atletico maschile...e quindi è più portata all'errore...volendo quel che la donna fa con tutto il caricamento...l'uomo lo fa col solo braccio.....è una questione di limiti e il volerli superare...o il doverli superare...

no mi spiace non mi hai convinto...secondo me il discorso è interessante e non puoi limitarlo a "fa + fatica" "deve spingere di +" perchè scusa? perchè dovrebbe spingere di +? gioca contro un 'altra donna mica contro Federer
"va a cercare limiti superiori" perchè?
no mi spiace non mi è chiaro del perchè effettivam nelle donne il doppiofallo sia molto + diffuso, se è molto + diffuso, intendo dire anche a livello + basso tipo la 4a cat


oldest
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3389
Età : 43
Località : Rho (MI)
Data d'iscrizione : 02.07.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: FIT 3.4
Racchetta: non ne ho

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mar 12 Apr 2011 - 23:03

I vari livelli della classifica ricoprono semplicemente in scala quello che accade in alto...né più né meno....il servizio deve aprirmi il gioco...altrimenti di là si chiude....col servizio uno vuole mettere in difficoltà l'avversario....altrimenti dove starebbe il vantaggio del servire?

Mentalmente la donna confronto all'uomo ha una fragilità intrinseca....che va ad aggiungersi ai limiti fisici....la donna è in continua lotta nel voler alzare i propri limiti fisici avendo un continuo bisogno di dimostrare che tira più forte...

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da oldest il Mar 12 Apr 2011 - 23:20

@Alessandra76 ha scritto:I vari livelli della classifica ricoprono semplicemente in scala quello che accade in alto...né più né meno....il servizio deve aprirmi il gioco...altrimenti di là si chiude....col servizio uno vuole mettere in difficoltà l'avversario....altrimenti dove starebbe il vantaggio del servire?

Mentalmente la donna confronto all'uomo ha una fragilità intrinseca....che va ad aggiungersi ai limiti fisici....la donna è in continua lotta nel voler alzare i propri limiti fisici avendo un continuo bisogno di dimostrare che tira più forte...

mi spiace stasera proprio non ti seguo ma fa niente son io che son duro di cervice. Una donna fa doppiofallo perchè vuole dimostrare all'uomo (mentre sta giocando con un'altra donna affraid , quindi inconsciamente mi pare di capire) che può tirar forte in egual modo? Suspect ...vado a dormire e ci penso Smile

oldest
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3389
Età : 43
Località : Rho (MI)
Data d'iscrizione : 02.07.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: FIT 3.4
Racchetta: non ne ho

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mar 12 Apr 2011 - 23:31

Differenze nella struttura e nella composizione corporea
Come si è detto, il dimorfismo sessuale si manifesta in modo più distinto in corrispondenza dello sviluppo puberale. Le modificazioni che caratterizzano la pubertà consistono essenzialmente nell'accelerazione dell'accrescimento scheletrico, nella trasformazione della composizione corporea, con particolare riferimento alla quantità e alla distribuzione del grasso corporeo, nello sviluppo degli apparati circolatorio e respiratorio, delle gonadi e dell'intero apparato riproduttivo. Dal punto di vista biologico, come conseguenza di queste modificazioni, l'individuo si avvia ad acquisire le caratteristiche fisiche e le capacità funzionali dell'adulto, compresa quella riproduttiva. Per quanto concerne lo scheletro, l'accrescimento termina nelle ragazze a circa 18-20 anni di età e nei ragazzi a 21-23 anni. Confrontando le caratteristiche scheletriche generali di soggetti adulti di sesso diverso, le principali differenze riguardano soprattutto la robustezza, la lunghezza e il grado di mineralizzazione delle ossa lunghe, che risultano maggiori nei maschi, nei quali anche le articolazioni e le superfici articolari sono più grandi: a causa della maggiore lunghezza delle ossa, l'uomo raggiunge una statura che in media supera quella della donna di circa 9-13 cm. Le differenze antropometriche riguardano anche le proporzioni tra i vari segmenti corporei. Anche la composizione corporea è generalmente diversa nei due sessi, particolarmente rispetto alla quantità di grasso corporeo (massa corporea grassa) e alla sua relazione con la massa corporea magra, quest'ultima rappresentata essenzialmente dai muscoli, dalle ossa e dagli organi interni. Il grasso corporeo si deposita in vari siti dell'organismo, ma è soprattutto quello sottocutaneo che contribuisce in modo determinante a rendere più palesi le differenze sessuali. Nella donna il grasso sottocutaneo si accumula nelle regioni del bacino e delle spalle, nelle mammelle e nella parte posteriore delle braccia. Complessivamente il grasso costituisce nella donna il 22-25% della massa corporea, nell'uomo il 13-15%. Per quanto riguarda la massa muscolare, mentre prima della pubertà non ci sono sostanziali differenze tra i sessi, successivamente queste diventano assai vistose. Nell'età adulta il maschio è dotato di una muscolatura maggiore di quella della femmina, ma non vi sono differenze qualitative nelle caratteristiche contrattili delle fibre che compongono il muscolo. Le maggiori dimensioni dello scheletro e della muscolatura del maschio contribuiscono in modo sostanziale alla differenza di peso mediamente riscontrabile tra individui di sesso diverso. L'uomo in media pesa circa 11-13 kg più della donna e, se si considera soltanto il peso della massa corporea magra, la differenza diviene ancora più evidente, assumendo il valore di 18-20 kg. Diversità anatomiche tra i sessi si riscontrano anche nelle dimensioni e nel peso di alcuni organi interni. Particolarmente rilevanti per le implicazioni funzionali a esse collegate sono le differenze riguardanti il cuore e i polmoni. In tutti i mammiferi il peso del cuore è in media direttamente proporzionale al peso corporeo e può essere calcolato moltiplicando quest'ultimo per il valore 0,0066; in accordo con il maggiore peso corporeo, il peso del cuore dell'uomo è maggiore di quello della donna. Nel rapporto tra peso corporeo e peso del cuore si rilevano però anche delle differenze in relazione all'età: nell'arco di vita compreso tra 12 e 60 anni, nelle donne il valore medio di tale rapporto è inferiore del 10-15% rispetto agli uomini, mentre dopo i 60 anni i valori divengono simili. Anche le dimensioni dei diametri cardiaci sono diverse tra i due sessi: per es., il diametro trasverso è mediamente di circa 12 cm nell'uomo e di 10,5 cm nella donna. Così come per il cuore, anche le dimensioni del polmone sono direttamente proporzionali alla taglia corporea, pertanto i polmoni della donna sono più piccoli di quelli dell'uomo. Tale differenza si riflette sul valore delle grandezze respiratorie e in modo particolare sulla capacità vitale, cioè sul volume di aria che può essere espirato con un'espirazione massimale dopo aver eseguito un'inspirazione massimale. In soggetti adulti giovani la capacità vitale è in media di 2-3 litri nella donna e di 3-4 litri nell'uomo. Tra le varie misure antropometriche l'area della superficie corporea è quella più attendibilmente correlata con la capacità vitale. Nell'adulto il rapporto tra capacità vitale e area della superficie corporea è 2,6 l/m2 nell'uomo e 2,7 l/m2 nella donna.

Differenze funzionali
Le differenze strutturali sopra descritte svolgono un ruolo assai rilevante principalmente nel determinare quelle differenze funzionali che riguardano la capacità dell'individuo di eseguire un esercizio fisico intenso. Sebbene importanti fattori socioculturali possano essere almeno in parte considerati responsabili della diversa capacità fisica tra uomo e donna, è tuttavia ormai ben dimostrato che la capacità di lavoro muscolare della donna è approssimativamente minore del 20% rispetto a quella dell'uomo. Questa differenza viene in larga misura attribuita alle diversità di dimensioni e composizione corporea, mentre i meccanismi cellulari che controllano la maggior parte delle risposte fisiologiche e biochimiche all'esercizio fisico sono gli stessi per entrambi i sessi. Le differenze riscontrabili devono pertanto essere interpretate come dipendenti da fattori quantitativi piuttosto che qualitativi. Forza muscolare Prima dello sviluppo puberale non ci sono tra i due sessi sostanziali differenze nella forza muscolare ma, come comunemente dimostrato mediante test specifici, esse emergono chiaramente durante la pubertà, si mantengono nell'età adulta, e declinano nella vecchiaia. La differenza di forza è chiaramente correlata con lo sviluppo della massa muscolare, che nell'uomo, favorito dall'intensa azione anabolizzante del testosterone, può superare quella della donna perfino del 50%. Grazie alla maggiore massa muscolare, evidente soprattutto negli arti superiori, nelle spalle e nel tronco, l'uomo risulta avvantaggiato in tutte quelle attività fisiche che richiedono elevati livelli di forza, velocità e potenza. Esaminando la differenza di forza in termini assoluti, cioè senza considerare le diversità riguardanti la taglia fisica e la composizione corporea, risulta che nella donna la forza muscolare è pari a circa il 75% di quella dell'uomo. Si deve tuttavia tenere conto che la differenza può variare notevolmente a seconda dei gruppi muscolari considerati: generalmente essa è maggiore per i muscoli delle braccia che per quelli delle gambe.

Come per altre capacità funzionali, la differenza di forza tra maschio e femmina si riduce se viene rapportata ad alcune caratteristiche strutturali dell'individuo, quali la massa corporea totale o la massa corporea magra. Se si elimina l'influenza del primo fattore, cioè la differenza legata alla diversa taglia corporea, la forza muscolare della donna raggiunge l'80% di quella dell'uomo e la differenza si riduce ulteriormente se si rapporta la forza alla sola massa corporea magra. Infatti il rapporto tra la forza e la massa corporea totale è favorevole all'uomo non tanto a causa di una qualche differenza inerente il tessuto muscolare stesso, quanto, come indicato precedentemente, per la maggiore adiposità relativa della donna. Se si elimina anche l'influenza di questo fattore, sebbene permangano ancora differenze riguardanti la forza sviluppata dai muscoli degli arti superiori, esse si annullano completamente nel confronto tra i muscoli degli arti inferiori. Infine, prendendo in considerazione esclusivamente il rapporto tra la forza sviluppata da un muscolo e la sua dimensione, espressa come area della sua sezione trasversale massima, si rileva che la forza per unità di superficie è la stessa per l'uomo e per la donna e varia tra 4 e 8 kg/cm2 a seconda del muscolo considerato. Ciò indica che i processi funzionali che si attuano nella fibra muscolare per lo sviluppo della forza sono qualitativamente analoghi nei due sessi.

Metabolismo energetico
L'energia necessaria all'organismo per lo svolgimento delle varie forme di lavoro biologico, quale per es. il lavoro muscolare, viene fornita da reazioni chimiche di carattere demolitivo, che nel loro insieme costituiscono il metabolismo energetico. Poiché la quantità di lavoro eseguibile nell'unità di tempo da un organismo vivente può aumentare di molte volte nel passare dalla condizione di riposo assoluto a quella di esercizio muscolare strenuo, anche l'intensità del metabolismo energetico può presentare analoghe variazioni. Una condizione di minimo impegno del metabolismo energetico è quella definita come basale. Questa prevede che il soggetto abbia dormito per 8 ore, sia digiuno da 12-18 ore, sia in completo riposo fisico e mentale da almeno mezz'ora e si trovi in un ambiente a temperatura confortevole. La quota metabolica relativa a questa condizione assai speciale di riposo viene indicata con il termine metabolismo basale. Al fine di comparare tra loro le quote metaboliche basali di individui di taglia fisica diversa, esse vengono espresse in rapporto all'area della superficie corporea. Il metabolismo basale della donna è minore di quello dell'uomo a tutte le età; nella donna giovane esso è mediamente di circa 37 kcal/ora per m2 di superficie corporea, mentre per l'uomo è di circa 40. È probabile che il fattore che maggiormente contribuisce a determinare tale differenza sia la diversa composizione corporea nei due sessi e, in particolare, la massa grassa relativamente più abbondante della donna. A conferma di ciò, se il metabolismo basale viene rapportato alla sola massa corporea magra, invece che alla superficie corporea, le differenze sessuali scompaiono del tutto. Come si è detto, durante l'esercizio fisico il metabolismo energetico aumenta notevolmente in accordo con l'aumento dell'energia erogata dall'organismo. Se la prestazione deve essere protratta nel tempo (minuti o ore) l'unica via metabolica in grado di sostenere l'azione muscolare è quella che contempla la demolizione delle sostanze energetiche mediante l'impiego dell'ossigeno (metabolismo ossidativo o aerobico). La massima quantità di lavoro muscolare aerobico che può essere eseguita nell'unità di tempo (massima potenza aerobica) è sinteticamente rappresentata dal massimo consumo di ossigeno (VO2max) che può essere raggiunto dall'individuo durante l'esercizio fisico. Questo parametro fisiologico è un efficace indicatore della capacità degli apparati respiratorio e circolatorio di fornire ossigeno alle cellule attive e della capacità di queste ultime di utilizzarlo per eseguire un lavoro. La massima potenza aerobica nella donna è minore di circa il 20% rispetto a quella dell'uomo, differenza che, pressoché trascurabile nell'età infantile, diviene però evidente nell'adulto. Anche in questo caso, il fenomeno viene attribuito a differenze sessuali postpuberali concernenti la massa corporea e la sua composizione. Se anche per questo parametro funzionale si elimina infatti l'influenza della taglia corporea rapportando il VO2max alla massa corporea, la differenza si attenua e ciò è ancora più evidente se si esprime il consumo massimale di ossigeno in funzione della sola massa corporea magra. Nondimeno, anche dopo quest'ultima normalizzazione, lo svantaggio della donna non si annulla completamente e l'ulteriore differenza viene attribuita a fattori che riguardano la diversità dell'apparato cardiovascolare. A tal proposito, si tenga presente che né la funzione respiratoria né l'utilizzazione dell'ossigeno da parte dei muscoli vengono considerati fattori limitanti per il VO2max, essendo il limite costituito invece dalla funzione cardiocircolatoria. L'apparato cardiocircolatorio della donna si differenzia da quello maschile per alcuni aspetti particolarmente rilevanti ai fini della fornitura di ossigeno ai tessuti, quali le minori dimensioni delle camere cardiache, la minore concentrazione ematica di emoglobina e il minore volume di sangue circolante. Il volume cardiaco ha una rilevanza notevole sul valore della gittata cardiaca massima, cioè sulla massima quantità di sangue ossigenato che il cuore invia ai tessuti in un minuto. A causa del minore volume cardiaco la gittata cardiaca massima della donna è minore di circa il 25% rispetto a quella dell'uomo. Tale differenza si accompagna anche a una minore capacità di trasporto di ossigeno da parte del sangue femminile. Infatti, a causa del minore numero di globuli rossi per mm3 di sangue circolante (in media, 4,5 milioni nella donna e 5 milioni nell'uomo), e quindi del minore quantitativo di emoglobina, il contenuto di ossigeno in 100 ml di sangue arterioso è circa 16,5 ml nella donna e 19,5 ml nell'uomo.

Fonte: http://www.treccani.it/enciclopedia/corpo-maschile-e-corpo-femminile_(Universo_del_Corpo)/

Old, per fare un servizio che sia uomo o donna devono fare lo stesso gesto atletico...perché abbiamo un campo uguale, una pallina uguale.....ma una capacità intrinseca diversa...
Se vai a vedere....una donna nella generalità dei casi...preferisce ricevere piuttosto che servire....ti assicuro che è più faticoso servire che fare un dritto o un rovescio...quello che per voi è semplice...per noi lo è meno....ricordandoti che abbiamo lo stesso campo, stesse palline...ci sarà differenza di telai....ma quelli non li calcolerei alla fine....sta di fatto che il gesto atletico del servizio è identico....ma le energie a disposizione differenti.....non per niente in tutti gli sport uomini e donne gareggiano separati Smile
Ciò che per un uomo è semplice...non è detto che lo sia per la donna Wink

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da oldest il Mar 12 Apr 2011 - 23:44

Ti dico come la penso io (che secondo me non ha nulla a che fare con il confronto con l'uomo, con la voglia di andare over limit ecc ecc): una donna risponde molto meglio di come serve e il prob è che il differenziale tra i due colpi è talmente alto che chi serve è indotto a rischiare molto essendo consapevole che il suo servizio sarà molto facilmente attaccabile.
Non so se mi son spiegato, ma nel mio discorso, nel mio modo di "leggere" i doppifalli delle donne non entra minimamente il confronto con l'uomo.
Smile

oldest
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3389
Età : 43
Località : Rho (MI)
Data d'iscrizione : 02.07.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: FIT 3.4
Racchetta: non ne ho

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mer 13 Apr 2011 - 0:01

Il confronto fra uomo e donna è stato aperto in questo topic Wink

Ovvio, che il servizio richiede più energia di un dritto ed un rovescio...quindi ovvio il dover far di più col servizio....però questo è sia per l'uomo che per la donna Wink

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da alba77 il Mer 13 Apr 2011 - 11:42

Oldest, non mi sembrava che Alessandra intendesse il mettersi alla pari di un uomo o confrontarsi direttmante con lui, ma se una donna è conspevole di non poter far male sufficientemente col servizio cerca di oltrepassare i propri limiti ed ecco la spiegazione di Ale.

Per questo motivo nella WTA ci sono molti più breack e contro-breack che nell'ATP.

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Età : 39
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da yokupoku il Mer 13 Apr 2011 - 12:29

Allora è come dico io che il motivo è tattico....

...non potendo costruire una seconda sicura e al contempo inattaccabile ... in quanto in risposta al servizio le colleghe donne non hanno alcun problema a produrre potenza.... sono costrette a forzare piu' spesso dei colleghi maschi la seconda di servizio. Ne consegue che secondo lo stesso principio... le donne sono spesso piu' aggressive e corrono piu' rischi dei colleghi uomini in risposta al servizio...

nessun limite ... solo percentuali e schemi applicati computer alla mano a parer mio ...

yokupoku
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 259
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mer 13 Apr 2011 - 13:01

Ricordando pure che a stesso gesto atletico....ci sono potenzialità inferiori in una donna.....e qui non c'è nulla da spiegare....è una constatazione nuda e cruda, ahimé! Smile

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da alba77 il Mer 13 Apr 2011 - 13:12

Anche a parità di altezza e peso - se vuoi massa muscolare in rapporto ai grassi e a parità di tecnica la donna sarà sempre inferiore.
Cosa che comincia a delinearsi con l'inizio della pubertà.

alba77
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2845
Età : 39
Data d'iscrizione : 06.01.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4 / FIT 4.5 ¤—¤ Obiettivo: riuscire a giocare il mio miglior tennis e divertirmi / GA1
Racchetta: Leggere in firma... —>

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mer 13 Apr 2011 - 13:21

Esatto Smile
Infatti comprendo l'incapacità di capire quanta più fatica fa una donna a fare un servizio confronto ad un uomo...ma se solo si esamina la forza che una donna ci deve mettere per lanciare in aria il telaio ad un'alta velocità....ma se vuole crescere deve abituarsi ad aumentare questo suo limite....è brutto quando un uomo ti chiede..."ma perché voi donne fate tanti doppi falli"....come glielo spieghi?....son cose che si dovrebbero provare....a meno che non si impari ad osservare bene i gesti atletici e i vari risultati...con occhio critico di confronto.....forse qualcosa si può percepire Smile

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da yokupoku il Mer 13 Apr 2011 - 13:42

io sinceramente ero convinto che con gli altrezzi ultraleggeri di oggi non ci fosse piu' tutta sta differenza di impegno muscolare ...

a meno che il gioco non valga la candela ... e quindi è strategico, nel senso.... posso usare una racchetta da 280 grammi per ridurre drasticamente i doppifalli.... pero' tirero' caramelle e subiro' ancor peggio .. quindi conviene rischiare il doppiofallo.

yokupoku
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 259
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mer 13 Apr 2011 - 13:47

...se il telaio è più leggero è meno stabile....e subisco di più l'impatto con la palla...il telaio non serve solo per servire...poi credi davvero che 20/30/40/50g possano compensare la differenza atletica fra uomo e donna?

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da yokupoku il Mer 13 Apr 2011 - 14:16

@Alessandra76 ha scritto:...se il telaio è più leggero è meno stabile....e subisco di più l'impatto con la palla...il telaio non serve solo per servire...poi credi davvero che 20/30/40/50g possano compensare la differenza atletica fra uomo e donna?

Non lo so sinceramente, non ho mai approfondito su questo tema... anzi ti ringrazio perchè a me il tennis femminile piace molto e mi rendo conto di non capirne abbastanza. Quindi sarebbe semplicemente un minore naturale rendimento atletico generale ...

Capire che è naturale per una donna fare 5-6 doppi falli a set ... significa poter guardare una partita di femminile con maggior cognizione di causa .. senza pensare che quella giocatrice non si stia concentrando abbastanza...

yokupoku
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 259
Data d'iscrizione : 07.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Differenza tennis maschile / femminile

Messaggio Da Alessandra76 il Mer 13 Apr 2011 - 14:25

Quindi sarebbe semplicemente un minore naturale rendimento atletico generale ...

Smile

Non ho detto che sia normale fare 5-6 doppi falli a set....come non dirò il contrario....perché da donna potrebbe sembrare la ricerca di una giustificazione...e non amo cercare giustificazioni....ma semplicemente cerco di comunicare una differenza sostanziale nella capacità atletica fra uomo e donna....che comprendo difficile da comprendere....ma che si comprenda o meno...sta di fatto che c'è Smile

Alessandra76
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2173
Età : 40
Località : Roma
Data d'iscrizione : 05.11.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.3 FIT
Racchetta: Dunlop: Biomimetic 300tour (97 18*20)

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum