Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti
Nuove Beast 98 e 100Ieri alle 22:42fa
Racchette Ieri alle 16:27Hammer72
Tourna gritIeri alle 11:39Eiffel59
Diablo 19Ieri alle 9:37st13
Prince X...Ieri alle 8:23Eiffel59


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
dario81
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 122
Data d'iscrizione : 04.03.17

Gioco a rete...questo sconosciuto

il Sab 10 Feb 2018 - 13:39
Promemoria primo messaggio :

un saluto a tutti, da circa 8 mesi ho ripreso a giocare sfruttando una piattaforma online (oratennis) e pian piano ho notato che nessun avversario viene mai a rete. tutti picchiatori o palleggiatori da fondo campo...
cosi ho deciso di andare controcorrente e nelle ultime partite ho deciso di fiondarmi costantemente a rete, cercando prima un colpo verso l'esterno quasi sempre sul rovescio dell'avversario
sono fermo da 20 anni quindi devo togliere ancora tanta ruggine e spesso l'irruenza mi fa cercare colpi forti a rete al posto del semplice appoggio

premesso questo volevo sapere se anche voi giocando con amici o tornei vari avete notate questo quasi totale abbandono del gioco a rete...

VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Dom 10 Giu 2018 - 23:01
Anche io mi riferivo all'erba vera. Sicuramente ci vuole manutenzione, come ci vuole (e spesso latita) anche per la terra. L'abitudine la fa da padrona. Se non erro anche in Australia hanno tolto l'erba dal torneo slam. Si vede che non va più tanto di moda. Più si va avanti e più spariscono le cose naturali
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 11:51
Sta venendo fuori proprio un bel topic!!
Premessa, giocare a tennis seguendo uno schema predefinito, nell’intento di imporre un proprio gioco è più difficile che giocare concentrandosi solo sul solo rimettere la palla dall’altra parte del campo, indipendentemente se si consideri un gioco di volo o si consideri l’impiego di soli fondamentali da fondo campo, ma è anche l’unico modo per poter aspirare e poter affermare un proprio tennis piuttosto che stare, più semplicemente, in un campo da tennis ed aspettare gli eventi.
La mia esperienza e la mia competenza non mi permettono di esprimermi su livelli di competizione particolarmente elevati essendo ed essendo stato sempre un giocatore amatore, quindi con ore nelle gambe e preparazione fisico atletica sempre collocata ai livelli tendenzialmente bassi di un ipotetico range di valori.
Fatta questa doverosa premessa, faccio seguire qualche esempio per confortare la convinzione sull’utilità e l’efficacia di poter impiegare anche un gioco che preveda l’approccio alla rete, almeno nella pratica amatoriale.
SCHEMA 1:
servizio da dx slice, o piatto, al corpo o solo leggermente esterno (eseguito da destrorso) nell’intento di aspettarsi una risposta tendenzialmente sul proprio dritto per favorire  un diritto incrociato tendenzialmente profondo ancora sulla parte dx del campo del nostro avversario (destrorso e, anche lui, amatore) che, presumibilmente giocherà ancora incrociato sulla parte dx o, al più, centrale del giocatore che ha servito pronto a giocare un lungo linea sul rovescio dell’avversario; se lo giocasse con uno slice (servirebbe l’impugnatura continental) potrebbe avvalersi anche di una più semplice, in questa situazione, open stance senza, quindi, dover cambiare, probabilmente, lo stance dal colpo precedente e poter anticipare un po’ la ribattuta incontrando la palla, se ciò non fosse nelle sue corde, potrebbe giocare un più comune spin con presa eastern su palla in ricaduta, ma dovrebbe, presumibilmente, aiutarsi con una neutral stance, cambiando, probabilmente impostazione delle gambe, rispetto al colpo precedente; a questo punto si aprono per lui almeno 3 scenari:
a)      Giocatore da fondo campo; aspetta la ribattuta dell’avversario sulla linea di fondo o, magari, un passo dentro il campo e gioca un diritto profondo sul lato dx del campo del suo avversario, incrociando o lungo linea in sidein, a seconda di dove l’avversario giocherà la ribattuta;
b)      Giocatore più poliedrico; aspetta la risposta dell’avversario un passo dentro il campo e gioca una smorzata di diritto incrociata sul lato dx del campo avversario (potrebbe anche essere necessario giocare la smorzata con il rovescio se l’avversario riuscisse ad incrociare molto – più difficile - senza cambiare di molto la difficoltà esecutiva);
c)      Giocatore di volo; segue il colpo che sarà, pertanto, un approccio alla rete o, anche in controtempo traslando a rete solo nel momento in cui l’avversario sarà in procinto di ribattere la palla (in questo ultimo caso non si eseguirà lo split step non essendoci il tempo per organizzarlo), per eseguire una volè incrociata o smash nel caso di palla alta.
SCHEMA 2:
servizio da sx slice, o piatto, al corpo o solo leggermente esterno (eseguito da destrorso) nell’intento di aspettarsi una risposta tendenzialmente sul proprio diritto per favorire  un diritto incrociato tendenzialmente profondo sulla parte dx del campo del nostro avversario (destrorso) che potrebbe giocare incrociato sulla parte dx del giocatore che ha servito o, più probabile, lungolinea (arrivando, forse, un po’ in ritardo), in entrambi i casi il giocatore al servizio posizionato al centro della sua linea di fondo, magari anche un ½ passo dentro,   sarà pronto a giocare ancora sul rovescio dell’avversario; a questo punto si aprono per lui almeno i medesimi 3 scenari simili a quelli illustrati in precedenza.
In tutte le opzioni illustrate le difficoltà esecutive mi sembrano molto simili, sia che si cerchi la chiusura del punto da fondo campo, sia che lo si cerchi con una volè a rete.
Inoltre, gli scenari illustrati sono praticabili da un giocatore di media competenza, niente di particolarmente evoluto, almeno mi sembra, è la riuscita dello schema dipenderà, sostanzialmente, solo dalla profondità che il giocatore al servizio riuscirà a proporre nei fondamentali. Quindi, in realtà, l’eventuale impiego della volè servirà solo per finalizzare la bontà del lavoro svolto in precedenza che con il gioco di rete ha molto poco.
Sono solo un paio di esempi di come ad un livello buono, ma comunque basico - vogliamo associarlo al giocatore medio di 4°, 3°? – il gioco di volo è praticabile con un po’ di esercizio acquisendo livelli di difficoltà analoghi al rimanere a fondocampo.
Continuo a pensare che sia solo un fatto di abitutine, mancanza di modelli (vincenti) diversi dal fondocampista e, forse, anche un po' di pigrizia mentale.
Per giocare a rete non si può improvvisare, giocare di istinto e, contemporaneamente, portare a casa molti punti. Bisogna, necessariamente, adottare degli schemi ed allenarli.
Diverso è, invece, giocare senza particolare strategie che non sia la ributto di la e vediamo cosa succede ... questa modalità di interpretare il tennis è sicuramente più semplice, non so quanto efficace? 
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 12:01
Reputazione del messaggio: 0% (1 voto)
Usa i verbi al passato dago. - Stava -venendo un bel topic, poi sei arrivato tu col tuo dono della sintesi e si salvi chi può
avatar
rey20
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 173
Età : 33
Località : roma
Data d'iscrizione : 31.07.17

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 12:15
@VANDERGRAF ha scritto:Usa i verbi al passato dago. - Stava -venendo un bel topic, poi sei arrivato tu col tuo dono della sintesi e si salvi chi può
Very Happy  mi hai fatto morire
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 12:39
@VANDERGRAF ha scritto:Usa i verbi al passato dago. - Stava -venendo un bel topic, poi sei arrivato tu col tuo dono della sintesi e si salvi chi può
Dagoooooo, dai, questa è davvero carina...
Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 12:41
Reputazione del messaggio: 0% (1 voto)
@Dagoberto ha scritto:
SCHEMA 1:
servizio da dx slice, o piatto, al corpo o solo leggermente esterno (eseguito da destrorso) nell’intento di aspettarsi una risposta tendenzialmente sul proprio dritto per favorire  un diritto incrociato tendenzialmente profondo ancora sulla parte dx del campo del nostro avversario (destrorso e, anche lui, amatore) che, presumibilmente giocherà ancora incrociato sulla parte dx o, al più, centrale del giocatore che ha servito pronto a giocare un lungo linea sul rovescio dell’avversario; se lo giocasse con uno slice (servirebbe l’impugnatura continental) potrebbe avvalersi anche di una più semplice, in questa situazione, open stance senza, quindi, dover cambiare, probabilmente, lo stance dal colpo precedente e poter anticipare un po’ la ribattuta incontrando la palla, se ciò non fosse nelle sue corde, potrebbe giocare un più comune spin con presa eastern su palla in ricaduta, ma dovrebbe, presumibilmente, aiutarsi con una neutral stance, cambiando, probabilmente impostazione delle gambe, rispetto al colpo precedente; a questo punto si aprono per lui almeno 3 scenari:
a)      Giocatore da fondo campo; aspetta la ribattuta dell’avversario sulla linea di fondo o, magari, un passo dentro il campo e gioca un diritto profondo sul lato dx del campo del suo avversario, incrociando o lungo linea in sidein, a seconda di dove l’avversario giocherà la ribattuta;
b)      Giocatore più poliedrico; aspetta la risposta dell’avversario un passo dentro il campo e gioca una smorzata di diritto incrociata sul lato dx del campo avversario (potrebbe anche essere necessario giocare la smorzata con il rovescio se l’avversario riuscisse ad incrociare molto – più difficile - senza cambiare di molto la difficoltà esecutiva);
c)      Giocatore di volo; segue il colpo che sarà, pertanto, un approccio alla rete o, anche in controtempo traslando a rete solo nel momento in cui l’avversario sarà in procinto di ribattere la palla (in questo ultimo caso non si eseguirà lo split step non essendoci il tempo per organizzarlo), per eseguire una volè incrociata o smash nel caso di palla alta.
Eh, guarda che - in risposta al servizio avversario - lo stance non è poi così "eterogeneo"...
E' uno split step proiettato leggermente in avanti e, pertanto, è un semiopen-open per il dritto e una specie di volée sul rovescio (ovvero gamba destra in avanti/incrociata)...oppure se è un servizio "prendibile" è un normalissimo rovescio che, proprio proprio se sei svogliato, è un po' in spaccata.
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 13:06
Ma che state dicendo ? Quando il giocatore tizio gioca la terza di servizio, il giocatore Sempronio risponde in mezza volee come se fosse antani e nel frattempo il giudice di sedia ne approfitta per scaccolarsi. Nemmeno le basi conoscete....
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 13:24
Pensavo si volesse parlare di tennis ...  scratch lol!
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Lun 11 Giu 2018 - 13:33
Reputazione del messaggio: 0% (1 voto)
nel film borotalco di verdone parlavano di attori. Ma tra al Pacino e de niro....? Ma mica stavano parlando di cinema. Cosi fate tu e king. Anzi...vado a scommettere sulla tris ai cavalli: king, Dagoberto e D'Artagnan
avatar
tommy82
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 22
Età : 36
Località : Cascina
Data d'iscrizione : 11.09.13

Profilo giocatore
Località: Cascina
Livello: 4.2 fit
Racchetta: Head Prestige Youtek MP, Babolat Aeropro Drive

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 12 Giu 2018 - 11:54
Reputazione del messaggio: 0% (1 voto)
Paradossalmente il gioco di volo a me torna molto utile quando gioco con giocatori più deboli di me. Spesso infatti l'abitudine a passare non c'è, si ritrovano a rispondere a un servizio e si trovano già uno davanti e non hanno la calma necessaria nel pensare a un pallonetto, ma colpiscono forte azzeccando magari un passante su 10. Stesso discorso in risposta. In sintesi, se trovi una giornata dove vuoi chiudere senza troppi rischi una partita semplice sulla carta ma che può complicarsi se ti metti a scambiare da fondo e magari l'altro ti mette fuori palla, il continuo cercare la rete può essere un ottimo viatico.
avatar
Feliciano Lopez
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 19
Data d'iscrizione : 06.06.18

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 12 Giu 2018 - 13:39
Sicuramente, come mi ero permesso di osservare qualche messaggio fa, cercare la rete con avversari più deboli o che comunque non hanno colpi di chiusura è una valida soluzione per portare a casa il match senza dover sudare le 12 maglie, in un arco di tempo fra le 3 e le 4 ore e mezza, che solitamente ci vogliono. Ma per adottare questa tattica, almeno un po' bisogna aver cognizione della rete e dei principi fondamentali che governano il gioco da quelle parti. Altrimenti ci si mette fuori palla da soli.
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2200
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 12 Giu 2018 - 21:41
Dagoberto hai dimenticato una categoría di giocatore il tennista.......che fa la cosa giusta al momento giusto......
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2200
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 12 Giu 2018 - 21:45
Il discorso del servizio e dello schema d'attacco puo' valere se il servizio e' ottimo......e da li che si incomincia a fare pressione..........se il servizio non fa il suo lavoro tutto il resto e' relativo.....anche in risposta vale lo stesso discorso......il tutto dipende da cosa ti arriva....
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 12 Giu 2018 - 23:38
Conosco bene la tua convinzione di un solo tennis, indipendentemente dal livello di gioco, convinzione espressa più volte nei tuoi commenti che rispetto e tengo in debita considerazione, ma fatico a condividerla. Io sono proprio convinto, invece, che tra tennis praticato da amatori per poche ore la settimana, magari senza continuitá e poca preparazione fisica, modesta consapevolezza e quello di atleti agonisti, più o meno avanzati, piuttosto che il tennis dei PRO, ci siano differenze sostanziali tali da far considerare soluzioni di approccio  molto diverse, molto distanti tra loro. Velocitá di palla, preparazione fisica ed atletica non paragonabile, abitudini ed attitudini diverse. Insomma, quasi due discipline diverse. 

Il servizio é sicuramente il colpo che ad ogni livello può fare la differenza, ma negli schemi da me volutamente proposti, applicabili per un livello amatoriale, appunto,  la sua efficacia può pagare piú o meno in tutte le opzioni proposte, quindi sará piú o meno efficace sia se si giocherá l'ultimo colpo suggerito con una volé o meno. Voglio dire, se si avrá un servizio modesto anche stando a fondo campo non si potrá pensare di averne un vantaggio. Insomma, gli schemi proposti, secondo me, dimostrano che tra lo stare a fondo campo o cercare la chiusura a rete si affronteranno divvicoltá assimilabili in quelle situazioni. Sicuramente non ti avrò convinto, poco male ...
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2200
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 13 Giu 2018 - 13:21
Dagoberto non devi convincermi....so che quello che giochiamo noi ed il tennis pro sonó due cose distinte ma le bási sempre quelle sonó....percio' ogni teoría o suggerimento che si possono daré si devono basaré su delle bási consolidate.....oppure at personam vedendo il giocatore in campo.....
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2200
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 13 Giu 2018 - 13:26
GLI schemi che proponi possono avere un senso se ci sonó le bási per applicarli......in quarta se sai serviré bene la volé manco hai bisogno di farla....
avatar
Veterano
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 2200
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: Wilson Blade 104

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 13 Giu 2018 - 14:03
Stavo rileggendo quello che hai scritto e purtroppo ce' un gran errore......non ci sonó difficolta' analoghe tra il restante a fondo e attacare.....il gioco d'attacco sara sempre piu difficile........
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 13 Giu 2018 - 14:07
Allo stesso modo si potrebbe dire che in quarta se sai rispondere bene la volée non hai bisogno di farla, perché chi esce dal servizio e deve far fronte a una buona risposta, nove volte su dieci neanche rimanda la palla oltre la rete. In quarta raramente testa, fisico e tecnica consentono di fare sistematicamente cose che abbiano un certo "valore" tennistico.
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 13 Giu 2018 - 14:11
Vorrei ricordare che molte valutazioni si fanno in base ad esperienze dirette. E ognuno ha le sue. Quindi sostituirsi agli occhi e alla testa di altri - quello - è un errore
avatar
demetrio75
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 271
Località : cosenza
Data d'iscrizione : 13.11.16

Profilo giocatore
Località: Cosenza
Livello: 3.0 ITR....in miglioramento
Racchetta: Prince Warrior Pro 100

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Dom 24 Giu 2018 - 21:48
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 26 Giu 2018 - 2:09
Bella domanda!!! Ah!Ah!Ah!Ah!Ah!Ah!

Come ben saprai, se la palla scende tagliata veloce e quando tocca terra ha un rimbalzo minimo...
...vuol dire che ha back spin e peso, l'effetto è simile a quello di un bel rovescio slice...

Come ottenerlo...

Siamo già all'Università del Tennis...

Devi fare tutto bene...
Impugnatura semi eastern... anche se non è ovviamente indispensabile...
Gambe!!! Split step, basso sulle gambe, peso in avanti, passo avanti piede opposto al lato dove colpirai, un istante prima dell'impatto... Testa della racchetta alta, ruoti leggermente le spalle, gomito avanti e vicino al fianco, apri poco... Colpisci davanti al corpo, taglio sotto, polso fermo, finale nella direzione che hai scelto di dare... Peso, Peso e ancora Peso!!!

Di dritto si ha più forza, dovrebbe essere più facile provare...
In allenamento puoi anche provare ad afferrare il polso con la mano sx... se sei destro... Ti obbliga ad aprire poco, a ruotare le spalle, migliora controllo e potenza.

Facile a dirsi... Difficile da spiegare...
Spero si sia capito qualcosa!

Qua ci vuole Enrico bello in forma!
Di norma in questi orari passa...
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 26 Giu 2018 - 2:16
Scusate dormivo...  Embarassed Embarassed Embarassed
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mar 26 Giu 2018 - 16:26
Napav, che succede? Qual è la domanda? Di cosa parliamo??? Una stop volley? Un drop? Demi volée a morire? Una "gillette"?
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 623
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 27 Giu 2018 - 2:17
Scusa Bruto Rapitore di Bionde!

Stai sereno! Riposa pure!

Inavvertitamente risposi all'ultimo quesito di pag 1!
Volee bassa veloce e corta che rimbalza bassa bassa...

Sarebbe una Gillette?
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Gioco a rete...questo sconosciuto

il Mer 27 Giu 2018 - 12:05
hehheheh no! La "gillette"...in realtà si scrive "Gillette", come la marca delle lamette da barba (correttamente come hai fatto tu).
Nello slang tennistico un po' vintage, la Gilette è una palla talmente "tagliata" (da qui la barba al pelo della palla) che quando rimbalza, torna indietro.
Spettacolarmente, il colpo che rimbalza in campo avversario e poi supera la rete per ritornare nel tuo.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum