Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Io, l'allenatore di me stesso.....

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da boris75 il Dom 10 Ott 2010 - 10:14

Promemoria primo messaggio :

Ciao ragazzi ho capito una cosa , lo sò forse avrò scoperto l'acqua calda ,però ai maestri noi vecchietti serviamo solo per fare soldi. Il nostro rapporto inizia e finisce nell'ora di lezione e quello che viene fatto in quell'ora è improvvisato , non c'è diciamo un programma un qualcosa di continuo . Mi rendo conto che è impossibile imparare a giocare a tennis con una sola ora a settimana , ma uno si può sempre allenare da solo o con gli amici , oppure fare anche più ore con il maestro se se lo può permettere. Mi trovo in un momento che avrei tantissima voglia di imparare e migliorarmi ma mi trovo solo, come ho scritto io l'allenatore di me stesso , ma se ci capivo a giocare a tennis facevo io l'allenatore . Mi ritrovo a palleggiare per un'ora di diritto e rovescio , ma il servizio ? ma la seconda liftata, ma il gioco al volo ? ecc ecc.... io vorrei imparare un pò tutto , ma devo essere sempre io a proporlo al mio allenatore , non c' è un minimo di programma , e quando mi sono provato a proporre qualcosa sono stato preso anche un pò per il culo ... Al mio circolo alle 10 di sera i campi sono pressochè vuoti , avevo proposto di fare una tariffa speciale per il maestro per vedere se chi fosse interessato poteva risparmiare qualcosa e il circolo faceva lavorare i campi un pò di più ... niente, avevo proposto di fare una pacchetto diverso per i corsi per adulti di aggiungere un'ora in più a settimana risparmiando qualcosa e niente..... La dura realtà è questa almeno per me . Non gliene frega niente e nessuno se tu hai voglia o no , noi fuori categoria serviamo solo per fare soldi punto. Per fortuna ho un amico che si è nella mia situazione e spesso ci alleniamo insieme , senza per forza fare la partitina
Era un piccolo sfogo scusate.

boris75
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 599
Età : 41
Località : Siena
Data d'iscrizione : 25.12.09

Profilo giocatore
Località: Siena
Livello: giocatore di club 3.5
Racchetta: Aerostorm GT custom, Volkl DNX9

Tornare in alto Andare in basso


Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da Ospite il Lun 11 Ott 2010 - 13:16

Questa è la mia esperienza:

io ho girato tante città per lavoro, così ho conosciuto diversi maestri di tennis e posso dire che l'approccio è molto diverso. C'è chi individua alcuni tuoi difetti e cerca di lavorare con te, chi se ne frega del lato tecnico e semplicemente palleggia con te, c'è chi se ne frega di te e gli interessano solo i tuoi soldi etc.

In genere comunque c'è sempre un andamento tipico della lezione; quello del mio maestro attuale è: riscaldamento a metà campo (5 min), incrociato di diritto (2 cesti), lungolinea di diritto ( 2 cesti) , sventaglio di diritto (un cesto), rovescio incrociato (un cesto, è il mio colpo migliore), un esercizio al cesto a per correggere un difetto che quel giorno il maestro ha individuato. In più a lezioni alterne servizio o volee al cesto. Certamente non c'è un programma di lungo periodo!

Dal mio punto di vista, il mio maestro ideale è uno che mi corregge solo l'indispensabile (un maestro ha cercato di cambiare il mio swing di diritto, secondo lui troppo ovalizzato e per sei mesi non mandavo una palla dall'altra parte del campo; quando sono tornato al mio movimento, ha avuto il coraggio di dirmi "hai visto che il lavoro ti ha premiato?), mi dà tante palle pulite su cui giocare (in modo che possa colpire sempre allo stesso modo, migliorando il gesto tecnico, cosa che non posso fare giocando con uno del mio livello, che mi dà sempre palle sporche). Per me il maestro è poi anche un "combinatore di incontri", nel senso che ogni qualvolta ho cambiato maestro, a seguito dei miei spostamenti di lavoro, la mia prima domanda è stata "mi presenti qualche tuo allievo del mio livello con cui giocare?".


Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da Veterano il Lun 11 Ott 2010 - 15:24

Non bisogna valutare un maestro peri drill che ti fa fare,i drill servono solo a non farti annoiare.............ma le basi su cui bisogna lavorare sono quelle che stai facendo,non serve a niente cambiare tante cose (drill) ma fare le cose essenziali e bene.Se la base non e' solida ,non serve a niente fare drill tattici o situazionali,perche' la tattica di gioco dipende dalle tue possibilita' tecnico fisiche,percio' impariamo bene a tenere le diagonali senza fare errori ,servizio solido,e vole' rispettabile,poi possiamo incominciare a parlare di tattica.
In genere in quarta se stai bene fisicamente e hai una buona solidita' nel tenere le diagonali porti a casa le partite senza scervellarti in tattiche che poi al lato pratico non sai eseguire.Chiaro che puo' essere noiso fare sempre le stesse cose,e anche qui un po di varieta' ci vuole,ma la base e quella ,diagonali..............e poi quando si ha la palla corta si entra
in campo per il colpo lungo linea e se e' necessario si chiude a rete,niente di tanto complicato.ma tutto cio' deve essere supportato da una base solida,pochi errori gratuiti,e riuscire a tenere un palleggio profondo ad una buona velocita',se poi il servizio ci aiuta un po ancora meglio,ma come ripeto per primeggiare in quarta non bisogna essere dei fenomeni.
Purtroppo i maestri sono persone come tutte le altre,e nell' ambito del lavoro,qualsiasi tipo di lavoro ,si trova di tutto...........anche li bisogna avere fortuna.............ma sopratutto parlare chiaro ed essere onesti con se stessi............la prima lezione serve al maestro per vedere il livello attuale dell' alunno e da li in avanti si decide programma in base a quello che vuole fare l'alunno l'allenamento.
Come dicevo bisogna avere fortuna a trovare un bravo maestro che non abia paura di dirti chiaro in faccia quello che sei(sempre nell ambito tennistico) a volte vengonp da me dei personaggi che pretendono in sei mesi di diventare dei terza categoria,sicuramente si puo' ma ci devono esere delle basi per lavorare,se no e tempo sprecato per te e per il tuo allievo.Se non c'e possibilita' o ci sono dei problemi di base il maestro ha l'obbligo di parlare chiaramente ai suoi allievi,pero' come dicevo anche li c'e di tutto.............

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1998
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da doppiofallo il Lun 11 Ott 2010 - 15:51

Vorrei spezzare una lancia per dovere e correttezza nei confronti di quei maestri che per anni hanno alllenato e portato avanti allievi facendoli partire da zero, io voglio dire una cosa, ho avuto molti amici che mi hanno convinto a fargli qualche lezione (io non sono un maestro ed è bene precisarlo) per divertimento, poi dopo due o tre mesetti in cui, non so, forse perchè ci sono portato, oppure perchè ho metodo, oppure sono stato fortunato perchè ho beccato persone coordinate, fatto sta che dopo tre mesi tenevano tranquillamente la velocità di crociera con me,......PERO' dopo un po presi dalle cose di tutti i giorni , le solite cose, lavoro , infortuni, famiglie etc etc. lasciavano un pò. Quindi io pur continuando a giocare con tutti quelli del campo, rimanevo male, mi spiego: Se hai passione e ti da soddisfazione vedere che chi sta dall'altra parte della rete impara e fa quello che dici tu, allo stesso tempo ti smorza vedere che mentre procedi ....il tutto si ferma, poi quando vuole ricominciare, ovviamente devi recuparare il ben fatto precedente. A me personalmente non è che mi cambia la vita, io non ci mangio, ma per l'appunto, mettiamoci per un attimo nei panni di un maestro che fa tanto per insegnare qualcosa a qualcuno, e vedete che insegnare non è cosa da niente, anzi è molto faticoso, ci vuole applicazione e molto investimento su te stesso e sulla tua pazienza sopratutto, poi di punto in bianco un allievo che dava i primi frutti scompare e tu devi ricominciare d'accapo con un altro che alle prime lezioni non riesce nemmeno a beccare la palline in tutti i sensi. Insomma piacerebbe a tuti i maestri arrivare ad insegnare la copertura degli angoli sulla diagonale, oppure i vari tipi di servizi o il diritto più avanzato, oppure lo s.step per fare la prima volè dopo il serve&volley, ed invece di punto in bianco...ricominciare...allora il diritto si fa tenendo la racchetta cosi e cosi e cosi. Con questo voglio dire che è normale che certi maestri sopratutto giunta una certa età inizino anche e legittimamente a sentirsi un attimino ....ehm... strasfottuti di fare lezione, è umano ...

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da Ospite il Lun 11 Ott 2010 - 16:09

Quello che dice doppiofallo è per me correttissimo; è chiaro che col passare del tempo il maestro perde stimoli, sopratutto dal momento che, a parte casi rari di maestri che hanno la fortuna di seguire agonisti veri, in genere un maestro ha a che fare con principianti/amatori.

Detto questo, però, visto che una lezione costa ben 25 euro qui a Roma, che non è cifra da poco, pretendo che il mio maestro si impegni, mettendo da parte le sue "delusioni professionali".

Se proprio devo tener conto delle sue difficoltà umane, spero che lui ricambi tenendo conto delle mie difficoltà economiche e mi abbassi il prezzo della lezione!!!!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da andrea1672 il Lun 11 Ott 2010 - 16:15

Ahahahah!!! Grande g867.... aho, ma un nome più umano pe' chiamatte? Very Happy

andrea1672
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1983
Età : 44
Località : Roma
Data d'iscrizione : 07.06.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: ITR 4.5/5.0 - Fit 4.3; Istruttore 1˚grado FIT
Racchetta: Babolat Pure Storm Tour GT; ZUS (prot.-49RA); Yonex AI98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da Adolfo il Lun 11 Ott 2010 - 17:09

forse sono stato fortunato, ma il mio maestro in 2 mesi mi ha messo su un bel rovescietto... cheers

_____________________________________________________________

Adolfo
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3307
Data d'iscrizione : 07.10.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: ITR 4
Racchetta: Wilson Pro Open BLX

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da seamaster76 il Lun 11 Ott 2010 - 17:24

Pensa che il mio in 15 minuti è riuscito a darmi delle speranze (che avevo perso) sul servizio... Very Happy

seamaster76
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 476
Età : 40
Località : Pescara
Data d'iscrizione : 07.09.10

Profilo giocatore
Località: Pescara
Livello: FIT 4.4
Racchetta: 2x Babolat APD 2014 Custom

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da Bonifacio Angius il Lun 11 Ott 2010 - 17:38

Ciao Boris anche a me è successo di sentirmi come ti senti tu. E' vero a molti maestri del cosidetto "corso adulti" non frega molto. Se non per il lato pecuniario. Quello che ti suggerisco è di giocare tanto e spesso con i tuoi sparring, poi quando ti senti che hai bisogno di una lezione in particolare chiami il tuo maestro e fai una lezione individuale. Io sto facendo così lezioni mirate e per il resto cerco di giocare il più possibile. E piano piano si migliora.

Bonifacio Angius
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 33
Località : Sassari, Italia
Data d'iscrizione : 27.04.10

Profilo giocatore
Località: Sassari
Livello: n.c.
Racchetta: Babolat APD Gran Turismo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da boris75 il Mar 12 Ott 2010 - 19:09

@Veterano ha scritto:
In genere in quarta se stai bene fisicamente e hai una buona solidita' nel tenere le diagonali porti a casa le partite senza scervellarti in tattiche che poi al lato pratico non sai eseguire.Chiaro che puo' essere noiso fare sempre le stesse cose,e anche qui un po di varieta' ci vuole,ma la base e quella ,diagonali..............e poi quando si ha la palla corta si entra
in campo per il colpo lungo linea e se e' necessario si chiude a rete,niente di tanto complicato.ma tutto cio' deve essere supportato da una base solida,pochi errori gratuiti,e riuscire a tenere un palleggio profondo ad una buona velocita',se poi il servizio ci aiuta un po ancora meglio,ma come ripeto per primeggiare in quarta non bisogna essere dei fenomeni.



Prendo spunto da questo intervento di veterano che mi ha fatto capire tante cose. Ci tengo a precisare per la 2 volta che il mio allenatore è una persona molto seria e ci mette l'anima quando mi allena , solo che siccome in un'ora secondo lui non s'impara a giocare a tennis e lui mi vorrebbe fa fare cose e io invece ne vorrei fare altre. Dal discorso di veterano ho capito che un maestro di oggi ti insegna il minimo indispensabile per poter primeggiare con i tuoi compagni , il tennis come mi ha detto il maestro oggi è servizio e diagonale di diritto . Per questo mi fa palleggiare per un'ora molto sul diritto , perchè migliorando così posso battere tanti miei pari. Tenendo conto che poi io sono mancino per cui il mio diritto incrociato va sulla diagonale del rovescio che di solito a livello di club è il colpo più debole , vai che vinco le partite facile . Forse sarà tennis moderno ,ma a me fa schifo . Nella mia logica ( sbagliata) è quello di far crescere tutti i colpi, e non perchè così vinco facile gioco in diagonale per un'ora. Io non ho da fare tornei , io devo divertirmi e mi diverto se mi sento un giocatore completo e posso mettere in difficoltà il mio avversario solo con un colpo in diagonale. Per il mio livello ho un bel diritto e voglio portare il rovescio in top al suo pari , voglio poter accellerare di rovescio come di diritto, lui sorride quando gli dico questa cosa. Sempre per la mia logica sbagliata se io vedo uno che ha un colpo forte e uno debole , cerco di fargli crescere quello debole così da essere ancora più forte. E ho capito che siccome lui vede le cose in modo diverso da me mi dice su cosa ti vuoi allenare, almeno sono contento visto che pago io...per cui adesso sono ancora più convinto che io sono l'allenatore di me stesso...

boris75
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 599
Età : 41
Località : Siena
Data d'iscrizione : 25.12.09

Profilo giocatore
Località: Siena
Livello: giocatore di club 3.5
Racchetta: Aerostorm GT custom, Volkl DNX9

Tornare in alto Andare in basso

Re: Io, l'allenatore di me stesso.....

Messaggio Da Veterano il Mar 12 Ott 2010 - 21:53

Ciao Boris,ik tuo maestro a ragione il tennis moderno e servizio e dritto,ma on solo quello di oggi,il dritto ogi ha un importanza fondamentale per diversi motivi che adesso non vado ad elencare,comunque ritornando a te siccome fai un ora sola a settimana,e lui non ci sente bene,ma ti chiede cosa vuoi fare,bene sfrutta l'occasione,se e' bravo come dici ti ascoltera'.Essere un giocatore comp`leto con una sola ora a settimana e veramente difficile,comunque io mi accontenterei di avere perlomeno una basa solida.
Se hai un buon dritto ma il rovescio e' inguardabile e non riesci a tenere 10 palleggi di fila nulla ti serve a vere un dritto alla Gonzales,si ti servirebbe ma dovresti avere anche la sua capacita' nello spostarsi per colpire il piu' possibile il dritto anomalo.Comunque credo che il bravo maestro confonda un po il tuo allenamento con quello di un giocatore agonista.
Sicuramente puoi crescere visto che hai quattro allenamenti insisti di piu su un colpo alla volta,ossia riscaldamento dritto rovescio,poi per esempio piu cesti col dritto,un cedto di vole e smash e uno di servizio.Bueno abbiamo visto tutti gli aspetti del gioco.la prossima sessione lo stesso ma insisti di piu sul rovescio,e cosi via,una si insiste di piu' sulla vole' e l'altra sul servizio.
Sempre pero senza tralasciare niente.Poi puoi dedicare una lezione al palleggio per diagonali,sempre dopo aver riscaldato prima tutti i colpi.
Mah non riesco a capìre come un buon maestro non sia in grado di pianificare tutto cio'.Chiaramente sa che un ora e poco pero non ha senso non fare un programma per farti crescere,magari i progressi saranno piu lenti ma ci devono essere,e senza pianificazione non si va da nessuna parte,ricorda che ad ogni colpo va data una direzione .................

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1998
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum