Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti
Fabio FogniniIeri alle 23:13Poliwhirl
ZUS WEPEN XVen 21 Set 2018 - 22:37Turbolz
multifilo o double arVen 21 Set 2018 - 22:06pasky76
nuove Yonex VCORE Ven 21 Set 2018 - 20:35Eiffel59
Adidas Delta Club 2 Ven 21 Set 2018 - 20:23seneca85
Corde da Tennis ?Ven 21 Set 2018 - 19:52Eiffel59
Pure Drive vsVen 21 Set 2018 - 18:19Iron
Servizio in kickVen 21 Set 2018 - 16:38kingkongy


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 7:07
Buongiorno. Vorrei sapere quale racchetta sia adatta per il mio gioco in back sia di rovescio sia di dritto, al massimo colpi piatti, preciso e di tocco. La smorzata è il mio forte. Diciamo gioco vecchio stile anni 80, anni in cui ho cominciato con le racchette di legno. Battuta piatta anche forte e buon gioco di volo. Livello di gioco 4.3 - 4.4. Attuale racchetta con cui gioco Ki 5 280 a causa di epicondilite. Grazie.


Ultima modifica di DrDivago il Mar 10 Ott 2017 - 16:54, modificato 1 volta (Motivazione : Titolo modificato in minuscolo)
avatar
Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 48961
Età : 59
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 7:37
Il gioco in back richiede telai pesanti e stabili e con buona/ottima sweetzone. I problemi di epicondilite telai non rigidi, possibilmente bilanciati neutri od al manico ma comunque con buona inerzia per contrastare insieme al peso lo shock da impatto, meglio se abbinati ad un multifilamento o ad una corda composita per aumentare la protezione in un senso, e tocco e resa nell'altro.

Ora, non conosco le corde né la loro tensione, ma tutte le altre scelte vanno nella direzione opposta e non ne capisco la ragione... scratch
"Perché" la Ki5 280? E spero sia almeno l'ultima versione (o meglio la penultima, essendo uscita da pochi giorni la nuova) e non la precedente o siamo alla follia pura...ancor più se incordata in monofilamento.

Benvenuto nel Forum...con una tirata d'orecchi
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 10:06
Ho scritto proprio per chiedere un consiglio e non una tirata d'orecchie!
La Ki 5 280 è quella precedente all’ultima uscita pochi giorni fa. Ne avevo un'altra più vecchia acquistata nel 2009 . Scelsi questo modello per via dell'epicondilite che ancora mi dà fastidio. Incordo sempre con multifilamento Babolat Xcel 1,25, 24/23 kg e cambio spesso le corde.
Ora la richiesta era un'altra. Quale modello di qualsiasi marca è adatta al mio gioco? Da quello che mi scrivi la Ki 5 no. Se ho scritto qua non pretendevo che la Ki 5 fosse quella giusta ma a questo punto spiegami il perchè. Io non sono un esperto altrimenti non scrivevo qua. Grazie.
avatar
Jaco
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 327
Età : 52
Località : Grugliasco (TO)
Data d'iscrizione : 04.10.10

Profilo giocatore
Località: Grugliasco (TO)
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Troppe... e tutte vecchie, per fortuna

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 13:25
Mi pare che sia stato spiegato bene da Mario, la tua racchetta è leggera rigida e bilanciata in testa, l'esatto contrario di quello che servirebbe per contrastare l'epicondilite e facilitare il back.
Qui le tiratine d'orecchie son sempre bonarie, non prenderla così.
avatar
Eiffel59
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 48961
Età : 59
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 13:38
le spiegazioni c'erano già nella prima risposta, come scritto da @Jaco. E la tiratina dì orecchie era più che bonaria, ma evidentemente non gradita.

Me ne faccio una ragione, continuo a non capire le ragioni della scelta -protratta nel tempo peraltro, e non spiegata- e senza quelle ho difficoltà a dare consigli logici.

Buon tennis...
avatar
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 17320
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 14:07
@Falciomax ha scritto:Ho scritto proprio per chiedere un consiglio e non una tirata d'orecchie!
La Ki 5 280 è quella precedente all’ultima uscita pochi giorni fa. Ne avevo un'altra più vecchia acquistata nel 2009 . Scelsi questo modello per via dell'epicondilite che ancora mi dà fastidio. Incordo sempre con multifilamento Babolat Xcel 1,25, 24/23 kg e cambio spesso le corde.
Ora la richiesta era un'altra. Quale modello di qualsiasi marca è adatta al mio gioco? Da quello che mi scrivi la Ki 5 no. Se ho scritto qua non pretendevo che la Ki 5 fosse quella giusta ma a questo punto spiegami il perchè. Io non sono un esperto altrimenti non scrivevo qua. Grazie.

Prova la Pure Aero VS da 295 gr. se trovi un incordatore capace puoi farci montare un ibrido reverse con un multi da 1,30 e un mono più sottile 1,25/1,23. Se la senti poco potente bastano 2-3 gr ad ore 12.
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 15:45
@Falciomax ha scritto:Buongiorno. Vorrei sapere quale racchetta sia adatta per il mio gioco in back sia di rovescio sia di dritto, al massimo colpi piatti, preciso e di tocco. La smorzata è il mio forte. Diciamo gioco vecchio stile anni 80, anni in cui ho cominciato con le racchette di legno. Battuta piatta anche forte e buon gioco di volo. Livello di gioco 4.3 - 4.4. Attuale racchetta con cui gioco Ki 5 280 a causa di epicondilite. Grazie.

Provo a dire la mia, non tanto in quanto mi considero esperto, ma perchè, come te, ho cominciato a giocare con le racchette di legno e chi ha cominciato con quelle, passerà il resto dei suoi giorni a rincorrere sensazioni e feeling difficilmente riscontrabili con le racchette in grafite, in particolare quelle attuali.
Gioco in full continental, come mi hanno insegnato negli anni '70, tipologia di impugnatura che agevola, in particolare, i colpi dall'alto al basso, ergo back e chop, se proprio vogliamo differnziarli tra rovescio e diritto, piuttoso che slice (con effetto ad uscire - insideout - per intenderci).
Insomma, colpi che, se non ho capito male appartengono anche a te.
Per giocare con buona efficacia e un'utile tolleranza questi colpi , ancor più per un amatore, è necessario ottenere un buon dweel time, cioè la palla, al contatto con il piatto corde, non deve schizzare subito via, ma darti il tempo di gestirla.
Si tratta di qualche decimo, forse centesimo di secondo in più, ma sufficiente a garantire una maggiore tolleranza ed il tempo per permettere di trasferire alla palla quello spin che rende particolarmente efficace un back e tremendamente fastidioso per il tuo avversario.
Quindi, se usi una racchetta nel suo complesso (telaio e corde) estremamente rigida,  la palla avrà meno tempo di essere lavorata, schizzando via.
Puoi lavorare su più campi:
 - telaio: tendenzialmente flessibile (il legno su tutto, ma quando sfoderi la tua woddy racket dalla borsa non ti devi preoccupare di apparire come quello che è appena uscito dal museo delle cere Very Happy ), boxed su tutti per i modelli in graphite (quelli a sezione quadrangolare) con spessore della cornice del piatto corde intorno ai 2 cm, con qualche grammo in più di peso della media di quelli tanto in voga al giorno d'oggi (l'ideale sarebbe trovare qualche cosa intorno ai 340/350 compreso corda ed eventuali accessori vari), per compensare la mancanza di rigidità, e bilanciamento tendenzialmente al manico. se ti orienterai, invece, su un telaio rigido, dovrai lavorare con particolare efficacia sul piatto corde, pattern, corda e sua tensione.
- piatto corde: più corde hai, più il piatto corde risulta compatto e meno reattivo (a parità di tutte le altre caratteristiche del telaio), diciamo più controlloso, meno elettrico, ma anche meno potente, ma se giochi in back, la potenza non potrà essere una priorità ... la migliore caratteristica del colpo in back è proprio la maggiore capacità di controllo della palla. ergo, un piatto corde con qualche corda in più non potrà che fare bene ai tuoi colpi in back; io gioco abitualmente con un midsize in legno con pattern 16 V x 20 O e mi sono appena organizzato con una yonex in graphite da 95'' degli anni '80 con pattern 16 V x 21 O. Ciò non significa che non puoi giocare un buon back con un più usato attualmente 16 V x 19 O, ma avrai a disposizione, tendenzialmente (tendenzialmente perchè dipende anche dagli altri aspetti della tua racchetta), un minore dweel time.
- corde: la corda, più è sottile è più offrirà elasticità che può significare anche potenza, restituendo buona parte dell'energia ricevuta dalla palla in arrivo, più è spessa, maggiore sarà la sua rigidità. ovviamente ciò dovrà essere contestualizzato con la tensione di montaggio che più sarà maggiore, minore sarà l'elasticità ottenibile.

Per concludere e cercare di offrire un contributo concreto e non solo dell'aria fritta, tendenzialmente, io mi orienterei su telai boxed, attuali o più datati (accantonerei, quindi, i profilati) come, p.e., le ottime più recenti Pro Kennex Redondo o la Tecnifibre T Fight 315 entrambe con pattern 18 V x 20 O e leggere in testa con pesi attorno ai 340 gr incordate, o le mitiche Yonex degli anni '80, le serie R, per intenderci, ma trovarle nuove, meglio intonse, non è facilissimo, anche se non impossibile nel fertile mercato vintage USA.
Corde da 17 gauge (1,25 mm circa) e tensioni lasse (quanti chili  lo devi vedere tu con il tuo incordatore), tenuto anche conto dei problemi al gomito segnalati; materiale? O syngut o budello, il multifilo tanto consigliato come alternativa al budello è molto particolare, devi provarlo, ma se ti piace può essereuna buona alternativa (io lo trovo colloso, in particolare su tensioni basse). Tieni psente che un pattern fitto, come un 18 x 20 o 16 x 20 offre di suo una maggiore rigidità/consistenza e ciò, tendenzialmente, ti può permettere una maggiore elesticità degli altri aspetti riguardanti la corda (calibro e tensione utilizzata).
Infine, ma non per importanza, usare dei power pad, quei cuscinetti in cuoio alla base delle 6 corde verticali, aumenta ulteriormente il feeling con la palla e ottimo anche come amortizzatore delle vibrazioni, già attenuate da tutti gli altri aspetti già illustrati.
cheers
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 15:53
@Eiffel59 ha scritto:le spiegazioni c'erano già nella prima risposta, come scritto da @Jaco. E la tiratina dì orecchie era più che bonaria, ma evidentemente non gradita.

Me ne faccio una ragione, continuo a non capire le ragioni della scelta -protratta nel tempo peraltro, e non spiegata- e senza quelle ho difficoltà a dare consigli logici.

Buon tennis...
La Pro Kennex Ki 5 è stata scelta perché ha il sistema Kinetic venduto come soluzione per l'epicondilite e tra le Pro Kennex era quella con la quale mi trovavo meglio.
Ora da come dite sembra che questa racchetta non vada bene per chi ha l'epicondilite ... bisognerebbe dirlo alla Pro Kennex. 
Nella tua prima risposta e anche in questa non mi hai fornito delle soluzione specifiche (marca e modello che vada bene a me) ma ti ringrazio lo stesso.
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 15:56
@Jaco ha scritto:Mi pare che sia stato spiegato bene da Mario, la tua racchetta è leggera rigida e bilanciata in testa, l'esatto contrario di quello che servirebbe per contrastare l'epicondilite e facilitare il back.
Qui le tiratine d'orecchie son sempre bonarie, non prenderla così.
Anche a te rispondo che La Pro Kennex Ki 5 è stata scelta perché ha il sistema Kinetic venduto come soluzione per l'epicondilite e tra le Pro Kennex era quella con la quale mi trovavo meglio.
Ora da come dite sembra che questa racchetta non vada bene per chi ha l'epicondilite ... bisognerebbe dirlo alla Pro Kennex. 
C’è qualche modello che mi puoi indicare che vada bene sia per il back sia per l'epicondilite oppure sono caratteristiche che non possono essere assecondate contemporaneamente? Anche a te dico grazie.
avatar
Jaco
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 327
Età : 52
Località : Grugliasco (TO)
Data d'iscrizione : 04.10.10

Profilo giocatore
Località: Grugliasco (TO)
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Troppe... e tutte vecchie, per fortuna

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 22:07
Anche io presi una Pro Kennex KI 15 260 pensando che mi potesse far passare il dolore al gomito grazie al sistema Kinetic ma la racchetta si è rivelata inadatta allo scopo. Ho cominciato a star meglio utilizzando una Radical Liquidmetal OS che è morbidissima, portata a 340g di peso e bilanciamento a 310mm unita ad un multifilo tirato a 23 kg.
Passata l'epicondilite ora con tutte le mie racchette non scendo mai sotto quel peso.
Non conosco molto le racchette moderne, non m'interessano gran che, e a parte le Angell penso che tra quelle da negozio una che potrebbe essere adatta allo scopo è la Prince Textreme Tour 95. Probabilmente spinge poco ma le caratteristiche tecniche sembrano favorevoli e solitamente i materiali Prince sono molto validi.
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 23:22
@Eiffel59 ha scritto:Il gioco in back richiede telai pesanti e stabili e con buona/ottima sweetzone. I problemi di epicondilite telai non rigidi, possibilmente bilanciati neutri od al manico ma comunque con buona inerzia per contrastare insieme al peso lo shock da impatto, meglio se abbinati ad un multifilamento o ad una corda composita per aumentare la protezione in un senso, e tocco e resa nell'altro.

Ora, non conosco le corde né la loro tensione, ma tutte le altre scelte vanno nella direzione opposta e non ne capisco la ragione... scratch
"Perché" la Ki5 280? E spero sia almeno l'ultima versione (o meglio la penultima, essendo uscita da pochi giorni la nuova) e non la precedente o siamo alla follia pura...ancor più se incordata in monofilamento.

Benvenuto nel Forum...con una tirata d'orecchi
Eiffel59 me lo dici qualche marca e modello adatto a me? Grazie.
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Ven 6 Ott 2017 - 23:27
@nw-t ha scritto:
@Falciomax ha scritto:Ho scritto proprio per chiedere un consiglio e non una tirata d'orecchie!
La Ki 5 280 è quella precedente all’ultima uscita pochi giorni fa. Ne avevo un'altra più vecchia acquistata nel 2009 . Scelsi questo modello per via dell'epicondilite che ancora mi dà fastidio. Incordo sempre con multifilamento Babolat Xcel 1,25, 24/23 kg e cambio spesso le corde.
Ora la richiesta era un'altra. Quale modello di qualsiasi marca è adatta al mio gioco? Da quello che mi scrivi la Ki 5 no. Se ho scritto qua non pretendevo che la Ki 5 fosse quella giusta ma a questo punto spiegami il perchè. Io non sono un esperto altrimenti non scrivevo qua. Grazie.

Prova la Pure Aero VS da 295 gr. se trovi un incordatore capace puoi farci montare un ibrido reverse con un multi da 1,30 e un mono più sottile 1,25/1,23. Se la senti poco potente bastano 2-3 gr ad ore 12.
Ho letto che la Pure Aero VS sia abbastanza rigida e non dovrebbe andar bene per l'epicondilite. O sbaglio?
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 5:29
La Wilson Ultra Tour o La Ultra Tour 100 CV possono andar bene? Quale delle due?
giper
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 34
Data d'iscrizione : 18.09.13

Profilo giocatore
Località: Cosenza
Livello: 3 itr, 4.3 FIT
Racchetta: pro kennex ki 15 300

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 7:27
Io per l'epicondilite uso una ki 15 300 incordata con multifilamento. Da solo tutto ciò non basta. L'incordatore deve essere capace e i tuoi movimenti devono essere fluidi. Con questi accorgimenti io ho risolto i problemi al gomito.
VANDERGRAF
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4372
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 10:40
falcio, usa il sito racquet finder, imposta i parametri e ottieni l'elenco di tutti i modelli che vanno bene. la cosa principale è non scendere col peso sotto ai 300 grammi e non salire con la rigidità (stiffness o flex) sopra ai 64. considera anche che con profili sopra ai 23 mm senti poco la palla ma ti aiutano nella spinta, viceversa hai più sensibilità ma meno spinta. per lo swingweight (inerzia) ti conviene non salire troppo altrimenti rischi di perdere fluidità, quindi direi da 305 a 320. evita gli schemi corde 18x20 perchè tendono a generare un piatto corde più rigido rispetto a 16x19
avatar
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 17320
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 10:52
@Falciomax ha scritto:
@nw-t ha scritto:
@Falciomax ha scritto:Ho scritto proprio per chiedere un consiglio e non una tirata d'orecchie!
La Ki 5 280 è quella precedente all’ultima uscita pochi giorni fa. Ne avevo un'altra più vecchia acquistata nel 2009 . Scelsi questo modello per via dell'epicondilite che ancora mi dà fastidio. Incordo sempre con multifilamento Babolat Xcel 1,25, 24/23 kg e cambio spesso le corde.
Ora la richiesta era un'altra. Quale modello di qualsiasi marca è adatta al mio gioco? Da quello che mi scrivi la Ki 5 no. Se ho scritto qua non pretendevo che la Ki 5 fosse quella giusta ma a questo punto spiegami il perchè. Io non sono un esperto altrimenti non scrivevo qua. Grazie.

Prova la Pure Aero VS da 295 gr. se trovi un incordatore capace puoi farci montare un ibrido reverse con un multi da 1,30 e un mono più sottile 1,25/1,23. Se la senti poco potente bastano 2-3 gr ad ore 12.
Ho letto che la Pure Aero VS sia abbastanza rigida e non dovrebbe andar bene per l'epicondilite. O sbaglio?

Hai letto malissimo...se minimamente customizzata da i suoi 295 gr con 5 gr di silicone e 2-3 di piombo ad ore 12 diventa una vera prostock...flette agli steli in impatto e rimane molto morbida. Ne ho già fate una decina a ragazzi di qui della mia zona
avatar
Dagoberto
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1081
Data d'iscrizione : 10.03.15

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 16:29
@Dagoberto ha scritto:
@Falciomax ha scritto:Buongiorno. Vorrei sapere quale racchetta sia adatta per il mio gioco in back sia di rovescio sia di dritto, al massimo colpi piatti, preciso e di tocco. La smorzata è il mio forte. Diciamo gioco vecchio stile anni 80, anni in cui ho cominciato con le racchette di legno. Battuta piatta anche forte e buon gioco di volo. Livello di gioco 4.3 - 4.4. Attuale racchetta con cui gioco Ki 5 280 a causa di epicondilite. Grazie.

Provo a dire la mia, non tanto in quanto mi considero esperto, ma perchè, come te, ho cominciato a giocare con le racchette di legno e chi ha cominciato con quelle, passerà il resto dei suoi giorni a rincorrere sensazioni e feeling difficilmente riscontrabili con le racchette in grafite, in particolare quelle attuali.
Gioco in full continental, come mi hanno insegnato negli anni '70, tipologia di impugnatura che agevola, in particolare, i colpi dall'alto al basso, ergo back e chop, se proprio vogliamo differnziarli tra rovescio e diritto, piuttoso che slice (con effetto ad uscire - insideout - per intenderci).
Insomma, colpi che, se non ho capito male appartengono anche a te.
Per giocare con buona efficacia e un'utile tolleranza questi colpi , ancor più per un amatore, è necessario ottenere un buon dweel time, cioè la palla, al contatto con il piatto corde, non deve schizzare subito via, ma darti il tempo di gestirla.
Si tratta di qualche decimo, forse centesimo di secondo in più, ma sufficiente a garantire una maggiore tolleranza ed il tempo per permettere di trasferire alla palla quello spin che rende particolarmente efficace un back e tremendamente fastidioso per il tuo avversario.
Quindi, se usi una racchetta nel suo complesso (telaio e corde) estremamente rigida,  la palla avrà meno tempo di essere lavorata, schizzando via.
Puoi lavorare su più campi:
 - telaio: tendenzialmente flessibile (il legno su tutto, ma quando sfoderi la tua woddy racket dalla borsa non ti devi preoccupare di apparire come quello che è appena uscito dal museo delle cere Very Happy ), boxed su tutti per i modelli in graphite (quelli a sezione quadrangolare) con spessore della cornice del piatto corde intorno ai 2 cm, con qualche grammo in più di peso della media di quelli tanto in voga al giorno d'oggi (l'ideale sarebbe trovare qualche cosa intorno ai 340/350 compreso corda ed eventuali accessori vari), per compensare la mancanza di rigidità, e bilanciamento tendenzialmente al manico. se ti orienterai, invece, su un telaio rigido, dovrai lavorare con particolare efficacia sul piatto corde, pattern, corda e sua tensione.
- piatto corde: più corde hai, più il piatto corde risulta compatto e meno reattivo (a parità di tutte le altre caratteristiche del telaio), diciamo più controlloso, meno elettrico, ma anche meno potente, ma se giochi in back, la potenza non potrà essere una priorità ... la migliore caratteristica del colpo in back è proprio la maggiore capacità di controllo della palla. ergo, un piatto corde con qualche corda in più non potrà che fare bene ai tuoi colpi in back; io gioco abitualmente con un midsize in legno con pattern 16 V x 20 O e mi sono appena organizzato con una yonex in graphite da 95'' degli anni '80 con pattern 16 V x 21 O. Ciò non significa che non puoi giocare un buon back con un più usato attualmente 16 V x 19 O, ma avrai a disposizione, tendenzialmente (tendenzialmente perchè dipende anche dagli altri aspetti della tua racchetta), un minore dweel time.
- corde: la corda, più è sottile è più offrirà elasticità che può significare anche potenza, restituendo buona parte dell'energia ricevuta dalla palla in arrivo, più è spessa, maggiore sarà la sua rigidità. ovviamente ciò dovrà essere contestualizzato con la tensione di montaggio che più sarà maggiore, minore sarà l'elasticità ottenibile.

Per concludere e cercare di offrire un contributo concreto e non solo dell'aria fritta, tendenzialmente, io mi orienterei su telai boxed, attuali o più datati (accantonerei, quindi, i profilati) come, p.e., le ottime più recenti Pro Kennex Redondo o la Tecnifibre T Fight 315 entrambe con pattern 18 V x 20 O e leggere in testa con pesi attorno ai 340 gr incordate, o le mitiche Yonex degli anni '80, le serie R, per intenderci, ma trovarle nuove, meglio intonse, non è facilissimo, anche se non impossibile nel fertile mercato vintage USA.
Corde da 17 gauge (1,25 mm circa) e tensioni lasse (quanti chili  lo devi vedere tu con il tuo incordatore), tenuto anche conto dei problemi al gomito segnalati; materiale? O syngut o budello, il multifilo tanto consigliato come alternativa al budello è molto particolare, devi provarlo, ma se ti piace può essereuna buona alternativa (io lo trovo colloso, in particolare su tensioni basse). Tieni psente che un pattern fitto, come un 18 x 20 o 16 x 20 offre di suo una maggiore rigidità/consistenza e ciò, tendenzialmente, ti può permettere una maggiore elesticità degli altri aspetti riguardanti la corda (calibro e tensione utilizzata).
Infine, ma non per importanza, usare dei power pad, quei cuscinetti in cuoio alla base delle 6 corde verticali, aumenta ulteriormente il feeling con la palla e ottimo anche come amortizzatore delle vibrazioni, già attenuate da tutti gli altri aspetti già illustrati.
cheers
Grazie ...!

Very Happy
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 19:16
Potresti provare Wilson Pro Staff 97 RF, meglio penultimo modello ma anche ultimo...

O anche Wilson Pro Staff 97S modello attuale con 5 grammi sul tappo del manico...

Anche il back dell'ultima Pure Drive non è male ed ovviamente è anche di gran lunga la più facile delle 3 indicate.

Buoni Test, in bocca al lupo e Buon Tennis
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 19:19
@nw-t come incordi le Pure Aero VS così customizzate?
avatar
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 17320
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 19:34
Come mono  (x quelli che la vogliono un pò più agonistica) la più usata è la Twisted Razor Genesis. Un paio di giorni fa fatta una al mio amico GIUMOR qui sul forum la sta usando con soddisfazione in questi giorni...sentito proprio ieri sera. Poi il TOP x chi non ha problemi di spesa... è l'ibrido reverse con budello Wilson 1,30 e Firestorm 1,25

avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 19:40
Ok! Grazie
avatar
nw-t
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 17320
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 19:53
Comunque ce ne stanno anche molti altri meno costosi di ibridi. Come puoi montarci altri mono x il full...il telaio ne "digerisce" molti tipi
avatar
Falciomax
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 06.10.17

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 20:00
@napav ha scritto:Potresti provare Wilson Pro Staff 97 RF, meglio penultimo modello ma anche ultimo...

O anche Wilson Pro Staff 97S modello attuale con 5 grammi sul tappo del manico...

Anche il back dell'ultima Pure Drive non è male ed ovviamente è anche di gran lunga la più facile delle 3 indicate.

Buoni Test, in bocca al lupo e Buon Tennis
Grazie. Le Pro staff mi sa che sono un pò difficile e io che ho l'epicondilite forse non vanno bene, non so. Che ne dici della Wilson Ultra Tour o della Ultra 100 CV o della Pro Kennex Q+Tour?
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 20:41
Ultra Tour più difficile della Pro Staff... Forse la Ultra 100 CV
Anche la Q+ Tour bel telaio, fa tutto bene ma devi spingere te, back compreso...

Troppo vasta la scelta... Dobbiamo restringere il campo...

Se vuoi una PK inizia a provare la Ki Q+ 5 Pro... Poi ci dici cosa Ti piace e cosa no... Poi ci si indirizza meglio...
avatar
napav
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 621
Data d'iscrizione : 05.08.16

Re: Racchetta per gioco in back e preciso

il Sab 7 Ott 2017 - 21:34
Nessuna racchetta cura l'epicondilite...

Sicuramente nessuna di quelle consigliate la fa venire...
Okkio alle corde, se ne soffri, quando stai meglio e puoi giocare utilizza budello o multi...

Cura la tecnica, colpisci in decontrazione, per il back utilizza bene il tacco della racchetta, cerca ampiezza, fluidità, evita di bloccare e presta molta attenzione al finale dei colpi.

Cura un minimo la preparazione atletica ed il riscaldamento, fai esercizi specifici ed okkio alla misura del manico.

Sono stati consigliati telai boxed... ergo Pro Staff...
telai non troppo leggeri... ergo Pro Staff RF da 340 e la 315...

Purtroppo la pallina ha un suo peso e viaggia! Com'è stato evidenziato, il peso maggiore del telaio aiuta a ridurre lo shock da impatto... e stimola la ricerca della fluidità.

Poi dovremmo cercare bassa rigidità, ancor più bassa frequenza vibrante, scegliere bene il pattern, le corde e la loro sostituzione.

Bla bla bla... il discorso è molto ampio...

Se cerchiamo qualcosa di più semplice e più leggero allora la nuova Pure Drive secondo me entra in gioco...

Anche la Utra 100 CV potrebbe andare ma l'ho trovata più all round della PD... Il back mi è piaciuto di più quello della PD e... mie sensazioni, non meno rigida o più confortevole e cominicativa...

In bocca al lupo.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum