Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti
Nuove Beast 98 e 100Ieri alle 22:42fa
Racchette Ieri alle 16:27Hammer72
Tourna gritIeri alle 11:39Eiffel59
Diablo 19Ieri alle 9:37st13
Prince X...Ieri alle 8:23Eiffel59


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
wtgger
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 70
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: Lazio
Livello: 4.2
Racchetta: Pure Strike 98

Rovescio a una mano o due?

il Mer 13 Set 2017 - 15:42
Promemoria primo messaggio :

Hi guys... la faccio breve perchè penso sia un argomento che si espliciti abbastanza già dal titolo. Come avete capito che soluzione di rovescio adottare?
Impostazione del maestro? Naturale attitudine/predisposizione? Casualità?
Io ormai gioco a tennis da diverso tempo e mi capita purtroppo di non riuscire a scegliere quale colpo adottare definitivamente... mi sento come in mezzo a due donne che ti chiedono di scegliere.  Very Happy E' psicologicamente devastante... Ho fatto come mi hanno consigliato.. lunghi periodi insistendo su una soluzione e basta e vedere quale delle due porta maggiori risultati / confidence.
A quanto pare cambia poco, nel senso che i risultati dei tornei sono quelli, nel bene e nel male.

kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Rovescio a una mano o due?

il Sab 2 Dic 2017 - 1:05
...quello che conta è la velocità finale della testa della racchetta.
Se parte in seconda e lo swing è stretto e corto, vince il due mani.
Se si crea lo spazio per accelerare e gioca alla massima lunghezza di leva...vince quello a una mano.
Siam sempre alle solite: uno swing, un giocatore. Che poi le palle - in linea teorica, molto teorica - dovrebbero stare dentro al campo... hahahhahahah
Dieghost
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 316
Età : 45
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 20.09.14

Profilo giocatore
Località: Napule uè uè
Livello: 4.4
Racchetta: Babolat Roddik (addio gomito),PK Ki5 (schifo), Wilson ultra 100(vorrei ma non posso), Yonex sv98.

Re: Rovescio a una mano o due?

il Sab 2 Dic 2017 - 1:30
Comunque, nel tentativo di cercare di interpretare le leggi della fisica nella miriade di variabili spesso non valutate, vorrei ricordare che la potenza in meccanica si esprime in velocità per tempo(con un peso dato), ma la forza si esprime in coppia motrice kg per metro.
Tradotto possiamo interpretare che se il monomane POTREBBE accumulare più velocità al momento dell impatto della palla, sicuramente soffre una maggiore decelerazione della racchetta nell impatto stesso, in quanto la minore coppia muscolare del mono si affida più all inerzia della racchetta, mentre il bimane al momento dell impatto può ancora contare su una coppia muscolare ben superiore....da qui le dovute conclusioni, quindi facciamo prima a dire cosa ci piace di più e amen...se no non se ne esce più.

Da tennista di club come credo tutti qui, non posso fare a meno di notare che le mie discese a rete su rovesci monomani sono infinitamente più redditizie che sui bimani...per non parlare del palleggio da fondocampo, in cui i monomani ci pensano bene prima di tirarlo e si rifugiano spesso giustamente in un sicuro back.

Scusate se sono polemico, ma credo che se non si riesce a padroneggiare la teoria biomeccanica, almeno un pò di senso di osservazione quando siamo in campo ci aiuterebbe a capire meglio ed a "scrivere pratici".
Ciò detto mi autobanno!Very Happy
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Rovescio a una mano o due?

il Sab 2 Dic 2017 - 1:54
Certo Diego che i kilogrammetri contano... ma il problema non è solo l'energia scaricata "linearmente" ma anche l'energia trasmessa per imprimere spin alla palla. Il tutto considerando che il "sistema" racchetta-corde non è il massimo dell'efficienza: un vero divoratore di energia cinetica.
Fatto sta che, al momento, ai massimi livelli, i monomano sono i bombardieri da 155-160 km/h di palla + spin. E, allo stesso tempo, basta contare i due-mani per avere una statistica su "cosa funziona mediamente di più". Poi ci sono condizioni di gioco dove tecnicamente una modalità prevale sull'altra. In risposta, vista la brevità e strettezza dello swing, la coppia prevale sulla velocità. Questa è un'ottima ragione per preferire il due mani.
Poi vedi l'anticipo e gli angoli di Federer e ti rinco...
avatar
gio2012
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1907
Località : Torino
Data d'iscrizione : 31.10.12

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 9:47
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:da esperto di Fisica raccolgo:
In quello ad una mano hai più corsa quindi è più potente. Nn fa una grinza.


Purtroppo la grinza la fa eccome...ne fa più di uno Sharpei! Very Happy
Per capirlo domani entra in macchina e datti più spazio per raggiungere la massima velocità, ma parti con la seconda ....poi da esperto in fisica ci racconti.
... stai cambiando le condizioni iniziali, e, giustamente aggiungi delle grinze... Smile .... ma checc'entra questo??? mah
avatar
gio2012
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1907
Località : Torino
Data d'iscrizione : 31.10.12

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 9:54
ovviamente concordo sia con digo che con KK... magari mi sono espresso male ma il punto è proprio quello... se vogliamo ragionare a livello teorico di spin e potenza ci sta che in GENERALE il monomane è avvantaggiato, se ragioniamo invece sulla difficoltà in media a farlo monomane, osserviamo che in effetti in MEDIA il bimane è da preferire, si sbaglia di meno sempre in media.

Sinceramente trovo interessante (come già scritto in passato) addentrarsi sui criteri soggettivi di scelta... rimasi stupito anni fa nel constatare che di tutti i maestri avuti da un gruppetto di ragazzi (diciamo almeno una dozzina di maestri) sono UNO ad un certo punto iniziò in modo selettivo a far fare il monomane a pochissimi... con grandi contestazioni dei genitori... boh fa parte del giro di Piatti... ed aveva ottime ragioni, ma vinsero i genitori... no ho mai capito ....
avatar
wtgger
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 70
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: Lazio
Livello: 4.2
Racchetta: Pure Strike 98

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 15:55
@gio2012 Un paio di mesi fa sono andato in un circolo qui in zona... molto carino, pulito e attrezzato.
I ragazzi di tutte le età ognuno con telai nuovissimi e i maestri apparentemente molto preparati.
Poi mi è capitato di parlare con uno di questi maestri per 5 minuti e gli dicevo che questi ragazzini di oggi a 10-12 anni già sono fenomeni (fenomeni in modo relativo, in relazione a noi comuni mortali). Parlavamo un po' dell'impostazione generale e specifica, e mi diceva che loro ormai insegnano SOLO il rovescio a due mani e anzi, fanno un'azione di scoraggiamento nei confronti di quello a 1 mano. Qualora poi il ragazzo fosse particolarmente portato per farlo a 1 mano o ne esprima un forte desiderio, allora lì lo si asseconderebbe.
Il che credo sfiori i limiti dell'assurdo; però è un po' lo specchio dell'immaginario collettivo del tennis 2017.
Accettare il fatto che un colpo sia più solido dell'altro è un conto, pensare che sia meglio sotto tutti gli aspetti e plagiare le giovani menti, un altro. Non a tutti andrebbe concesso il diritto di insegnare.
avatar
gp75
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 202
Età : 43
Data d'iscrizione : 25.10.12

Profilo giocatore
Località: Al confine Liguria/Toscana
Livello: Infimo...da migliorare
Racchetta: Babolat Aereoprodrive 2013 e PD Team 2005

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 16:08
Io lascerei stare l'argomento bambini e genitori perchè altrimenti viene fuori il putiferio perchè in molti pensano di avere in casa il futuro Nadal.
avatar
Matusa
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 427
Località : profondo Nord-est
Data d'iscrizione : 26.10.16

Profilo giocatore
Località: Nord-est
Livello: NC, ITR 4.0
Racchetta: Angell TC95, Angell TC100, Angell K7 red

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 16:52
@Dieghost ha scritto:
Scusate se sono polemico,

Altro che polemica, mi sembrano considerazioni molto sensate. Detto da un monomane inveterato come me.

Monomanòmane.   lol!


Ti dirò che addirittura ora, a sessant'anni suonati, sto pensando di imparare a fare il bimane per cavarmela in situazioni critiche.
Però per ora la pigrizia ha avuto il sopravvento.
avatar
gio2012
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1907
Località : Torino
Data d'iscrizione : 31.10.12

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 17:41
@wtgger ha scritto:@gio2012 Un paio di mesi fa sono andato in un circolo qui in zona... molto carino, pulito e attrezzato.
[... etc...]
eh si, è così. eppure gli argomenti tecnici ci sarebbero... la fluidità di un movimento o dell'altro, l'elasticità, gli allungamenti... però in virtù del fatto che in media (aritmetica) va meglio il due mani, amen facciamo il due mani... ma lo stesso (e qui rispondo ad altro post) vale per gli adulti... ma ci saranno delle condizioni fisiche e di predisposizione ad un colpo piuttosto che all'altro... niente, sembra che la moda la faccia da padrone...

@kingkongy.... dicci la tua: "oltre i desideri personali, cosa devo vedere nel fisico e nell'attitudine per decidere se meglio per me mono o bi mane..?"
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 22:44
...heheheh purtroppo la regola n. 1 è la solita: "percentuali".
Il che è un altro modo di pronunciare la parola "attitudine".
Un buon maestro, comunque, arrivati a un certo livello tecnico di base...propone entrambi i movimenti, anche se si è partiti con il due mani.
Lo fa perché deve insegnare il back...e già che c'è prova con il piatto e con il lift.
Diciamo che si vede subito se c'è spazio per lavorare.
Il due mani, soprattutto con i ragazzini, ha troppi vantaggi in risposta e sulla solidità generale della diagonale.
Però...i materiali attuali, al netto della tecnica, consentono anche ai monomano di esprimersi compiutamente e con efficacia. Diciamo che tutti gli swing, si stanno "distendendo" in favore di leve lunghe. E' così per il dritto e lo è pure per il rovescio. Un po' alla Borg, per essere di moda con il cinema. hehehehhehe
Ecco quindi un'apertura a due mani, contatto con la palla sempre a due e poi distacco della sinistra. Se il colpo non perde in spin e in solidità...vuol dire che - con un po' di lavoro - ci può anche stare il monomane.
avatar
gio2012
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1907
Località : Torino
Data d'iscrizione : 31.10.12

Re: Rovescio a una mano o due?

il Lun 4 Dic 2017 - 23:48
... e se uno parte dal monomane come fa a capire che è meglio passare al bi....?
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 0:13
Quando sente che la mano si "sfalda" al contatto con la palla e che non tiene la diagonale perché troppo incostante nello swing, nella profondità, nella precisione e/o nell'overnet (inesistente).
E, ancora. Quando il movimento non è fluido o, in risposta a una palla pesante, non c'è segno di vita (o di timing): allorà è il momento di prendere seriamente in considerazione il passaggio alle due mani.
Dieghost
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 316
Età : 45
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 20.09.14

Profilo giocatore
Località: Napule uè uè
Livello: 4.4
Racchetta: Babolat Roddik (addio gomito),PK Ki5 (schifo), Wilson ultra 100(vorrei ma non posso), Yonex sv98.

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 2:14
@gio2012 ha scritto:
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:da esperto di Fisica raccolgo:
In quello ad una mano hai più corsa quindi è più potente. Nn fa una grinza.


Purtroppo la grinza la fa eccome...ne fa più di uno Sharpei! Very Happy
Per capirlo domani entra in macchina e datti più spazio per raggiungere la massima velocità, ma parti con la seconda ....poi da esperto in fisica ci racconti.
... stai cambiando le condizioni iniziali, e, giustamente aggiungi delle grinze... Smile .... ma checc'entra questo??? mah

Mi spiace, pensavo l esempio fosse esplicativo.

Vabè, semplifichiamo: dire che maggiore corsa equivale a maggior potenza è un insulto all intelligenza se non si considera cosa spinge la racchetta lungo quella corsa.
I muscoli deputati al rovescio monomane sono notevolmente inferiori a quelli del bimane. Quindi maggiore corsa per minor forza contro minore corsa per maggior forza...risultato non così scontato. Basta guardare il rovescio di Fognini, giusto per citare un italiano...una fucilata! ..ma poi entrano in gioco pesi racchette, corde etc. per mandare a sfacelo le teorie generaliste, quindi per favore non citate campioni inutilmente.

Rotazioni?!? Ok. Quanti monomani riescono a fare il pallonetto liftato?! E quanti bimani?!

Vi piace il monomane perchè vi sentite più sciolti? Bene, nella lista ci sono pure io, ma non ci raccontiamo bufale di parte e lasciamo stare la fisica se non riusciamo a gestire l insieme dei fattori in gioco..
That's all in my opinion
avatar
albs77
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1336
Età : 40
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: Yonex SV100

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 9:52
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:da esperto di Fisica raccolgo:
In quello ad una mano hai più corsa quindi è più potente. Nn fa una grinza.


Purtroppo la grinza la fa eccome...ne fa più di uno Sharpei! Very Happy
Per capirlo domani entra in macchina e datti più spazio per raggiungere la massima velocità, ma parti con la seconda ....poi da esperto in fisica ci racconti.
... stai cambiando le condizioni iniziali, e, giustamente aggiungi delle grinze... Smile .... ma checc'entra questo??? mah

Mi spiace, pensavo l esempio fosse esplicativo.

Vabè, semplifichiamo: dire che maggiore corsa equivale a maggior potenza è un insulto all intelligenza se non si considera cosa spinge la racchetta lungo quella corsa.
I muscoli deputati al rovescio monomane sono notevolmente inferiori a quelli del bimane. Quindi maggiore corsa per minor forza contro minore corsa per maggior forza...risultato non così scontato. Basta guardare il rovescio di Fognini, giusto per citare un italiano...una fucilata! ..ma poi entrano in gioco pesi racchette, corde etc. per mandare a sfacelo le teorie generaliste, quindi per favore non citate campioni inutilmente.

Rotazioni?!? Ok. Quanti monomani riescono a fare il pallonetto liftato?! E quanti bimani?!

Vi piace il monomane perchè vi sentite più sciolti? Bene, nella lista ci sono pure io, ma non ci raccontiamo bufale di parte e lasciamo stare la fisica se non riusciamo a gestire l insieme dei fattori in gioco..
That's all in my opinion


Sarai forte in fisica, ma ti manca la base della tecnica del rovescio monomane.

Nel monomane non si tira di braccio, si usa la catena cinetica: anche, tronco , spalle. Il braccio serve a tenere la racchetta attaccata alla spalla ed interviene attivamente solo all'ultimo per accelerare la testa e dare top ruotando l'avambraccio.

La difficoltà nel monomane sta proprio in questo: non puoi usare la forza per tirarlo, devi essere perfetto nel timing.

Cosa che invece è molto meno necessaria nel bimane, dove anche se arrivi tardi e tutto storto, puoi usare le braccia per ributtarla di la.
avatar
gio2012
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 1907
Località : Torino
Data d'iscrizione : 31.10.12

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 10:05
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:da esperto di Fisica raccolgo:
In quello ad una mano hai più corsa quindi è più potente. Nn fa una grinza.


Purtroppo la grinza la fa eccome...ne fa più di uno Sharpei! Very Happy
Per capirlo domani entra in macchina e datti più spazio per raggiungere la massima velocità, ma parti con la seconda ....poi da esperto in fisica ci racconti.
... stai cambiando le condizioni iniziali, e, giustamente aggiungi delle grinze... Smile .... ma checc'entra questo??? mah

Mi spiace, pensavo l esempio fosse esplicativo.

Vabè, semplifichiamo: dire che maggiore corsa equivale a maggior potenza è un insulto all intelligenza se non si considera cosa spinge la racchetta lungo quella corsa.
[omissi]
con rispetto per l'intelligenza altrui, spero, ma insisti nel cambiare la situazione, adesso aggiungi lo strumento che spinge: era sottointeso che era una semplificazione, così stai ulteriormente complicando. OK? ciao
avatar
wtgger
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 70
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: Lazio
Livello: 4.2
Racchetta: Pure Strike 98

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 10:40
@kingkongy A me tutte queste cose che dici riescono, facendolo a una mano.
I problemi che ho al momento sono altri: 1) quando mi arriva la pallata al corpo l'unica soluzione che riesco ad adottare è quella di fare un passo verso destra e tagliare la palla come viene (intendo quando non ho modo di spostarmi sul dritto); 2) ho meno ritmo rispetto al due mani e non riesco a giocare di controbalzo con la stessa efficacia; 3) quando arrivo a colpire la palla a metà campo (vicina alla linea sinistra del campo) finisco inesorabilmente per tirarla in diagonale. Da fondo trovo il lungolinea meglio della diagonale, da dentro il campo il contrario. Se da dentro il campo vado in lungolinea devo mettermi molto bene col corpo, far fare la curva alla palla e non tirarla forte. E' molto triste, tutto ciò, ma vedo che è un problema che ha anche Roger, a volte.
Però le altre cose che hai evidenziato mi riescono bene. Riesco ad avere un palleggio costante e profondo e trovare angolo. Boh... ^^
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 11:56
Beh, la gestione dello "stare in campo"...ovvero "dove cavolo mettersi per colpire" non è un tema banale.
La pallata al corpo e tutte le palle intermedie sono AMPIAMENTE meglio gestibili con un rovescio a due mani. Infatti, la combinazione delle due braccia e tutte le articolazioni (polso, gomito, spalla) fanno da "pantografo" e aiutano nel trovare la palla. In pratica, puoi anche essere un po' impreciso con la posizione del corpo che poi le due braccia ti mettono sulla palla con dei microaggiustamenti (e, magari, anche mica tanto "micro"....ahahahaha).
Come tu stesso hai notato, il rovescio monomano necessita di precisione in stance e timing.
Il tirare incrociato non è un male assoluto: hai più campo, la rete è più bassa e in fin dei conti giochi con la palla più avanti (inconsciamente la vedi meglio).
Tutto il resto...è campo di battaglia per un buon maestro. Perché gli errori di posizionamento e tutto il footwork è fondamentalissimissimo...ma ci vuole uno sveglio per aiutarti a "semplificare" e non a "complicare" la vita.
Dai per scontato che farai un bel container di esercizi per imparare a incrociare le gambe negli spostamenti laterali: a qualcuno risulta naturale...altri si incrostano a terra! hihihi
Tra l'altro hai elencato una serie di "contromisure" di buon senso: tanta fatica non farai per migliorare!
avatar
zak74
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 473
Età : 44
Località : Monza
Data d'iscrizione : 07.12.12

Profilo giocatore
Località: Monza
Livello: 0.00001 ITR
Racchetta: Volkl Organix 10-325/Volkl Super G V1 Pro/Volkl V1 Classic/Volkl C10 Pro/Yonex Dr 100/Wilson PS 97 CV

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 12:07
Tutto vero KK. Ma in certe condizioni,ritardo,timing errato....chi colpisce con una mano ha un arma in più. Back/slice. Per non parlare della dimestichezza sul proprio rovescio di approcciare colpi come smorzate e drop.
avatar
Cidio66
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 93
Età : 52
Località : Verona
Data d'iscrizione : 12.11.15

Profilo giocatore
Località: Verona
Livello: NC
Racchetta: Pro Kennex Q+5 Pro - Tecnifibre T-Flash 300 ATP

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 17:01
Dico la mia da ignorante.. sono un amatore NC.. gioco il rovescio a due mani ma mi rendo conto che la butto dall'altra parte.. e basta.. probabilmente non riesco a fare una torsione del tronco adeguata e non do assolutamente forza al colpo.. e quando devo arrivare alla palla in corsa allora è proprio tragedia.. devo andare in back ed un passante è proprio impossibile.. comunque la butto di là... vorrei iniziare a giocare ad una mano, mi sembra mi venga più naturale e se colpisco bene esce anche un bel colpo con forza adeguata.. per cui cerco di passare ad una mano o comunque ci provo...  e non mi frega nulla di emulare Federer o Nadal...
Dieghost
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 316
Età : 45
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 20.09.14

Profilo giocatore
Località: Napule uè uè
Livello: 4.4
Racchetta: Babolat Roddik (addio gomito),PK Ki5 (schifo), Wilson ultra 100(vorrei ma non posso), Yonex sv98.

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 19:14
@albs77 ha scritto:
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:
@Dieghost ha scritto:
@gio2012 ha scritto:da esperto di Fisica raccolgo:
In quello ad una mano hai più corsa quindi è più potente. Nn fa una grinza.



Mi spiace, pensavo l esempio fosse esplicativo.

Vabè, semplifichiamo: dire che maggiore corsa equivale a maggior potenza è un insulto all intelligenza se non si considera cosa spinge la racchetta lungo quella corsa.
I muscoli deputati al rovescio monomane sono notevolmente inferiori a quelli del bimane. Quindi maggiore corsa per minor forza contro minore corsa per maggior forza...risultato non così scontato. Basta guardare il rovescio di Fognini, giusto per citare un italiano...una fucilata! ..ma poi entrano in gioco pesi racchette, corde etc. per mandare a sfacelo le teorie generaliste, quindi per favore non citate campioni inutilmente.

Rotazioni?!? Ok. Quanti monomani riescono a


Sarai forte in fisica, ma ti manca la base della tecnica del rovescio monomane.

Nel monomane non si tira di braccio, si usa la catena cinetica: anche, tronco , spalle. Il braccio serve a tenere la racchetta attaccata alla spalla ed interviene attivamente solo all'ultimo per accelerare la testa e dare top ruotando l'avambraccio.

La difficoltà nel monomane sta proprio in questo: non puoi usare la forza per tirarlo, devi essere perfetto nel timing.

Cosa che invece è molto meno necessaria nel bimane, dove anche se arrivi tardi e tutto storto, puoi usare le braccia per ributtarla di la.

Non sono forte in fisica così come di basi me ne mancano non solo sul rovescio, ma a differenza tua io lancio spunti di riflessione e domande, tu certezze...e la storia insegna a cosa porta questo "atteggiamento mentale".

Mai detto che nel rovescio si usa solo il braccio, anche se i maestri mi dicevano di stare fermo col tronco, ma mi fa piacere darti ragione dicendo che se anche usassi tutta la catena possibile dalle gambe all avambraccio, passando dagli addominali/tronco/scapolare/deltoide/tricipite e chi più ne ha più ne metta, sarai sempre sottodimensionato rispetto al bimane; motivo per cui, come ci ricorda il fisico-gio, il mono si deve affidare ad una corsa lunga per recuperare con l inerzia la minore spinta.
Va da se che in virtù di meno forza e corsa lunga inerziale, se sbagli di poco il movimento è molto difficile "correggere durante", con conseguente 15 perso.

Ovviamente non nego i vantaggi del mono nel giocare più in relax sugli allunghi laterali, ma se dovessi tornare indietro, propenderei per il bimane per stare più "coperto".

@gio2012: certo che rispetto la tua intelligenza, ma non trovo ideologicamente corretto tirare in ballo le leggi universali considerando un solo fattore e ignorandone gli altri. Un ipotetico esperimento scientifico affrontato in tal modo avrebbe un margine di errore colossale.

Buon rovescio a tutti!
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 24.11.15

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mar 5 Dic 2017 - 22:26
@kingkongy ha scritto:Quando sente che la mano si "sfalda" al contatto con la palla e che non tiene la diagonale perché troppo incostante nello swing, nella profondità, nella precisione e/o nell'overnet (inesistente).
E, ancora. Quando il movimento non è fluido o, in risposta a una palla pesante, non c'è segno di vita (o di timing): allorà è il momento di prendere seriamente in considerazione il passaggio alle due mani.

... e il contrario? è uguale? sono tre anni che combatto col rovescio bi e forse da qualche me settimana vedo una timida luce in fondo al tunnel ma è sempre uno strazio...
avatar
kingkongy
Moderatore
Moderatore
Numero di messaggi : 13141
Età : 53
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mer 6 Dic 2017 - 2:23
Senti Maffa, io quando vedo il tuo avatar rido troppo perché penso che poi le palline sbavate dal cane me le devo anche mettere in tasca...

Secondo me, vale la proprietà commutativa: "guarda guarda, non è che magari...a una mano...fa provare, và!".
In ogni caso, d'istinto giochi a due mani su colpi come le risposte e le palle addosso, mentre appena sei messo bene, vai di mano singola. Non è malaccio. L'importante è che tu "stia comodo" sulla palla (magari dietro e in spinta).
Se però hai appena visto la luce...vuol dire che le distanze e il timing lo stai costruendo. Mannaggia! Troppe svolte e rivoluzioni non fanno bene alla "consistenza". Insomma, se devi provare il monomano, fallo con discrezione, magari con il braccio destro dominante e la mano sinistra in leggera spinta, così conservi alcune sensazioni.
Mi spiego. Dipende se fai un rovescio bimane ad azione unita (alla Nadal) o ad azione multipla (alla Ferrer o alla Djoko).
Nel primo caso, hai entrambe le braccia distese e tanto facile non è come esecuzione. Però, se passi al monomano, magari conservi l'impugnatura eastern sulla mano destra e, grosso modo, non è un abisso come passaggio da due a una mano.
Se invece sei ad azione multipla con entrambe le braccia flesse...beh, allora, passare da due a una mano, è un discreto casino.
Infine se hai il destro flesso e il braccio sinistro disteso, come Murray o Djokovic, vale lo stesso discorso: qui hai bisogno di un timing preciso per dare spin e anche il busto-spalle si muovono tanto. Insomma, non è proprio facile.
Mi mette ansia. Se hai un maestro che ti segue e ti corregge in diretta...beh, allora divertiti. Solo soletto...sei un po' in balia delle abitudini consolidate.
avatar
Matteo1970
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 670
Età : 47
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: Yonex VCore Duel G97

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mer 6 Dic 2017 - 9:50
Volete ridere? io sono un monomane....
Da bimbo, fino ai 3/4 anni ero mancino, se mi metto a giocare con la sinistra ovivamnete non sono bravo, ma un palleggio elementare di diritto (mancino) lo faccio.
Per curiosità ho provato qualche volta a fre il rovescio Bi.... un disastro, non becco nemmeno la palla.... avrei più facilità a giocare con due diritti che con un diritto e un rovesci Bi...
avatar
wtgger
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 70
Data d'iscrizione : 14.01.17

Profilo giocatore
Località: Lazio
Livello: 4.2
Racchetta: Pure Strike 98

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mer 6 Dic 2017 - 10:58
@Matteo1970 Il punto è proprio questo, però... se sei un disastro con una soluzione, allora non hai dubbi per la testa e vai tranquillo nell'altra direzione. Il problema è quando invece sei bravino con entrambi i rovesci.
avatar
Matteo1970
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 670
Età : 47
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: Yonex VCore Duel G97

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mer 6 Dic 2017 - 11:44
@wtgger ha scritto:@Matteo1970 Il punto è proprio questo, però... se sei un disastro con una soluzione, allora non hai dubbi per la testa e vai tranquillo nell'altra direzione. Il problema è quando invece sei bravino con entrambi i rovesci.
Beh, meglio abbondare no? usali entrambe, a seconda delle esigenze. Magari avessi il Bimante quando mi attaccano forte e teso sul rovescio, non dovrei rifugiarmi nel back. Altresì, sono contento di avere il monomane quando lavoro sulla diagonale e posso stracaricare di top o giocare stretto. O e devo accellerare.

Poi magari uno prenderà il sopravvento, o magari no. Lasciati guidare dall'istinto, ogni palla è diversa dall'altra.
avatar
Maffa
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 215
Data d'iscrizione : 24.11.15

Re: Rovescio a una mano o due?

il Mer 6 Dic 2017 - 18:57
@Matteo1970 ha scritto:
@wtgger ha scritto:@Matteo1970 Il punto è proprio questo, però... se sei un disastro con una soluzione, allora non hai dubbi per la testa e vai tranquillo nell'altra direzione. Il problema è quando invece sei bravino con entrambi i rovesci.
Beh, meglio abbondare no? usali entrambe, a seconda delle esigenze. Magari avessi il Bimante quando mi attaccano forte e teso sul rovescio, non dovrei rifugiarmi nel back. Altresì, sono contento di avere il monomane quando lavoro sulla diagonale e posso stracaricare di top o giocare stretto. O e devo accellerare.

Poi magari uno prenderà il sopravvento, o magari no. Lasciati guidare dall'istinto, ogni palla è diversa dall'altra.

mh, no. io sono pseudoambidestro come te, credo che il bimane non sia la migliore delle soluzioni perchè il cervello fa troppo casino con i cambi di lato e impugnature, ci metto troppo tempo e con tutte le altre cose che devo coordinare sono lento e dimentico sempre qualcosa. Forse con il monomane semplificherei tutto perchè dovrei gestire solo una impugnatura, non lo so. 

Se però su ogni palla sul rovescio dovessi scegliere se andare mono bi slice drop dritto anomalo o dritto di sinistro resterei paralizzato dove sono.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum