Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Ultime dal mercatino
Ultimi argomenti
» E' tutto relativo ... nel tennis
Oggi alle 1:21 Da kingkongy

» Budello per prestige rev pro
Oggi alle 0:44 Da nw-t

» Multifilo per Pure Drive GT 2013
Oggi alle 0:39 Da LucaCs76

» Babolat Skin Feel pesa quanto il grip originale?
Oggi alle 0:25 Da fa

» piombo negli steli
Oggi alle 0:21 Da fa

» quando inizia l'apertura ?? pareri contrastanti
Oggi alle 0:11 Da drichichi@alice.it

» il mulinello nel servizio
Oggi alle 0:08 Da drichichi@alice.it

» racchetta adatta ad un swing veloce
Oggi alle 0:05 Da drichichi@alice.it

» l'importanza del servizio nel tennis
Oggi alle 0:01 Da drichichi@alice.it

» Textreme tour 100p 18x20
Ieri alle 23:57 Da drichichi@alice.it

» Nuove Pure Strike VS & VS Tour
Ieri alle 23:56 Da captivik

» Giovanni Falcone
Ieri alle 23:53 Da fabioborg

» Che scarpe usi per giocare a tennis?
Ieri alle 23:47 Da fa

» Corde per GrapheneXT Speed MP
Ieri alle 23:46 Da Paolo_69

» IBRIDO MIGLIORE
Ieri alle 23:31 Da drichichi@alice.it

» Stupore...
Ieri alle 23:24 Da drichichi@alice.it

» Ore dedicate al tennis per crescere!
Ieri alle 23:22 Da drichichi@alice.it

» Corde Synthetic Gut
Ieri alle 23:19 Da drichichi@alice.it

» Prestige MP: You Teck ig vs XT Graphene? Cambio alla pari?
Ieri alle 23:18 Da drichichi@alice.it

» PRINCE TENNIS FANS CLUB...sei appassionato Prince? Official Thread
Ieri alle 23:15 Da drichichi@alice.it

» Pura 1.25
Ieri alle 22:17 Da Uboat75

» Luxilon alu power feel 1.20
Ieri alle 22:13 Da Pat75

» Schiavone
Ieri alle 21:22 Da vdario

» corde per Vcore SV100
Ieri alle 19:27 Da Foundland

» Corde multifilamento per HEAD graphene xt speed mp
Ieri alle 18:21 Da fa

» Corde Extreme tennis
Ieri alle 17:29 Da Ivanlendl

» Migrazione alla nuova area "Mercatino"
Ieri alle 17:26 Da Alessandro

» Nuova Head Graphene Xt Prestige S
Ieri alle 17:12 Da pacianka

» Pure drive, che mettere???
Ieri alle 16:58 Da drichichi@alice.it

» Juan Martin Del Potro Fans Club
Ieri alle 16:35 Da micioneforever



Link Amici

Web stats powered by hiperstat.com


19515 Utenti registrati
191 forum attivi
657929 Messaggi
New entry: geofr71

Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da babolat94 il Ven 6 Gen 2017 - 15:20

E' un parametro importante o va anche esso considerato all'interno di un insieme di altre caratteristiche nel telaio?
Esiste un valore di range ottimale per la salute a chi non vuole rinunciare a corde agonistiche come i monofili??
avatar
babolat94
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6256
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Matley il Ven 6 Gen 2017 - 21:14

E' un parametro FONDAMENTALE ai fini dello shock da impatto che andrebbe dichiarato dalle case produttrici. A mio avviso non viene menzionato perchè creerebbe ulteriore confusione con gli altri parametri (almeno si conoscono i propri?).
Scusa se mi permetto di dire che non riesco a concepire la tipologia del pensiero: ...."non rinunciare alle corde agonistiche oppure, aggiungo io,  alla racchetta agonistica......."ma perchè mai? Non sarebbe meglio usare con un buon multi, una racchetta da 300 gr e la rimanenza dei soldi usati per cambiare continuamente (insoddisfazione?) in proficue ore con un buon maestro?

Matley
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 605
Data d'iscrizione : 27.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da VANDERGRAF il Ven 6 Gen 2017 - 22:17

@Matley ha scritto:E' un parametro FONDAMENTALE ai fini dello shock da impatto che andrebbe dichiarato dalle case produttrici. A mio avviso non viene menzionato perchè creerebbe ulteriore confusione con gli altri parametri (almeno si conoscono i propri?).
Scusa se mi permetto di dire che non riesco a concepire la tipologia del pensiero: ...."non rinunciare alle corde agonistiche oppure, aggiungo io,  alla racchetta agonistica......."ma perchè mai? Non sarebbe meglio usare con un buon multi, una racchetta da 300 gr e la rimanenza dei soldi usati per cambiare continuamente (insoddisfazione?) in proficue ore con un buon maestro?
che io sappia, le vibrazioni pericolose, oltre che con l'abbassarsi della rigidità del telaio, diminuiscono con l'aumentare del peso dello stesso, quindi il discorso del giocare con una racchetta da 300 grammi, in questo contesto, è fuorviante, perchè con una racchetta da 315 o 320 grammi puoi avere comunque ottimi risultati e nel frattempo hai una maggior tutela verso la salute del braccio, tanto più se si tratta di un braccio amatoriale, che è quasi sempre scarsamente allenato e di conseguenza maggiormente predisposto a patologie come epicondilite ed epitrocleite.
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3378
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger, puma cps e yonex 70cm

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da lorenz90 il Ven 6 Gen 2017 - 23:01

bisogna considerare tutti i fattori della racchetta, come il il tipo di flex (come e dove flette) si fa un pò complicata la questione, forse Mario può aiutarci

cmq è un parametro importante che può dare un'indicazione sulla sicurezza della racchetta ma non assicura niente 

ad esempio io ho visto sul mio braccio che se uso una PD da 165hz flex 70 e monofilo a 24kg (tensione alta provata di proposito) non sono tranquillo e qualche fastidio sporadico me l'ha dato

sulla SV100 che uso da quando è uscita, zero fastidi pure con mono a tensioni alte... eppure le racchette a dati misurati sono molto simili... solo per fare un esempio 

sempre ammesso di cambiare le corde appena muoiano cosa che in pochi fanno(la SV corde di bassa qualità me le uccide anche in 3/4ore)

sicuramente se si sceglie una racchetta maneggevole(swingweight sotto 315) con una frequenza di risonanza mediamente bassa (meno di 160hz) e un flex non troppo alto si sta più tranquilli
avatar
lorenz90
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3836
Età : 26
Data d'iscrizione : 23.10.13

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: I.T.R 4.5 - in miglioramento :D
Racchetta: Yonex SV100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Matley il Ven 6 Gen 2017 - 23:17

@VANDERGRAF ha scritto:
@Matley ha scritto:E' un parametro FONDAMENTALE ai fini dello shock da impatto che andrebbe dichiarato dalle case produttrici. A mio avviso non viene menzionato perchè creerebbe ulteriore confusione con gli altri parametri (almeno si conoscono i propri?).
Scusa se mi permetto di dire che non riesco a concepire la tipologia del pensiero: ...."non rinunciare alle corde agonistiche oppure, aggiungo io,  alla racchetta agonistica......."ma perchè mai? Non sarebbe meglio usare con un buon multi, una racchetta da 300 gr e la rimanenza dei soldi usati per cambiare continuamente (insoddisfazione?) in proficue ore con un buon maestro?
che io sappia, le vibrazioni pericolose, oltre che con l'abbassarsi della rigidità del telaio, diminuiscono con l'aumentare del peso dello stesso, quindi il discorso del giocare con una racchetta da 300 grammi, in questo contesto, è fuorviante, perchè con una racchetta da 315 o 320 grammi puoi avere comunque ottimi risultati e nel frattempo hai una maggior tutela verso la salute del braccio, tanto più se si tratta di un braccio amatoriale, che è quasi sempre scarsamente allenato e di conseguenza maggiormente predisposto a patologie come epicondilite ed epitrocleite.

Giusto! Il problema è che io, semplice n.c. magari autodidatta, riuscirei a giocare come vorrei con racchette pesanti come quelle che hai citato tu?
Ti faccio il mio esempio: quando iniziai a giocare a tennis il negoziante serio (non lo sapevo che lo era!) mi ha consigliato una Donnay All wood 3 e non la All wood Bjorn Borg capisci cosa intendo dire? Pesante sì ma non troppo. Non potevo permettermi di giocare come Borg, avevo comunque un telaio che lo rappresentava.

Matley
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 605
Data d'iscrizione : 27.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Matley il Ven 6 Gen 2017 - 23:37

@lorenz90 ha scritto:bisogna considerare tutti i fattori della racchetta, come il il tipo di flex (come e dove flette) si fa un pò complicata la questione, forse Mario può aiutarci

cmq è un parametro importante che può dare un'indicazione sulla sicurezza della racchetta ma non assicura niente 

ad esempio io ho visto sul mio braccio che se uso una PD da 165hz flex 70 e monofilo a 24kg (tensione alta provata di proposito) non sono tranquillo e qualche fastidio sporadico me l'ha dato

sulla SV100 che uso da quando è uscita, zero fastidi pure con mono a tensioni alte... eppure le racchette a dati misurati sono molto simili... solo per fare un esempio 

sempre ammesso di cambiare le corde appena muoiano cosa che in pochi fanno(la SV corde di bassa qualità me le uccide anche in 3/4ore)

sicuramente se si sceglie una racchetta maneggevole(swingweight sotto 315) con una frequenza di risonanza mediamente bassa (meno di 160hz) e un flex non troppo alto si sta più tranquilli

PD e SV 100 sono due telai che flettono in modo completamente diverso ed inoltre bisognerebbe verificare ulteriormente come flettono in ogni punto e non in un punto solo come si misura "di solito" con diagnostic center di Babolat per cui è molto difficile fare dei paragoni.
Piuttosto, quello che volevo dire è che senza continuare a cambiare telai e corde - soprattutto il mono - alla ricerca di chissà quale aiuto per diventare chi, non è meglio prendere una racca da 300 gr con un buon multi e giocarci? Investire cioè tutto quello che spendo di mono in maestro?

Matley
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 605
Data d'iscrizione : 27.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da napav il Sab 7 Gen 2017 - 0:05

Confermo anch'io quanto affermato da Lorenz90 che SV100, nonostante l'RA alto, 69 incordata! 71 non!  E frequenza vibrante alta! 158 Hz! Non da assolutamente fastidi! Mentre molti altri telai li soffro!

Se volete curiosare...
http://twu.tennis-warehouse.com/cgi-bin/vibfrequency.cgi

Entrano quindi probabilmente in gioco anche altri parametri tipo intensità e durata delle vibrazioni!

Vedi anche questo tread ed altri...
http://www.passionetennis.com/t44285p100-racchette-profilate-100-330-e-vibrazioni

Segue sproloquio personale...
La maggior parte delle persone compra senza sapere cosa compra, non prova il telaio, non viene consigliato bene dal venditore che spesso non è professionale... Se è professionale magari non viene ascoltato... Vedi caso citato da Matley...
Le racchette vengono scelte perché hanno il pj del campione che piace, senza avere consapevolezza che il telaio retail non ne è neppure lontano parente...
Per non parlare poi delle corde!!! La massa dei non agonisti, per la verità a volte anche qualche agonista, non sa che corda ha su ed a quale tensione e le porta comunque a rottura... O magari le cambia senza criterio, magari una o due volte l'anno!!! Purtroppo però nella stragrande maggioranza dei casi non si tratta ne di budello ne di un buon multi!!!
Ed anche in questo caso circoli, negozianti e aspiranti incordatori hanno le loro belle responsabilità!!!

Mah?!
Andiamo avanti così!
avatar
napav
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 276
Data d'iscrizione : 05.08.16

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da VANDERGRAF il Sab 7 Gen 2017 - 0:44

@Matley ha scritto:
@VANDERGRAF ha scritto:
@Matley ha scritto:E' un parametro FONDAMENTALE ai fini dello shock da impatto che andrebbe dichiarato dalle case produttrici. A mio avviso non viene menzionato perchè creerebbe ulteriore confusione con gli altri parametri (almeno si conoscono i propri?).
Scusa se mi permetto di dire che non riesco a concepire la tipologia del pensiero: ...."non rinunciare alle corde agonistiche oppure, aggiungo io,  alla racchetta agonistica......."ma perchè mai? Non sarebbe meglio usare con un buon multi, una racchetta da 300 gr e la rimanenza dei soldi usati per cambiare continuamente (insoddisfazione?) in proficue ore con un buon maestro?
che io sappia, le vibrazioni pericolose, oltre che con l'abbassarsi della rigidità del telaio, diminuiscono con l'aumentare del peso dello stesso, quindi il discorso del giocare con una racchetta da 300 grammi, in questo contesto, è fuorviante, perchè con una racchetta da 315 o 320 grammi puoi avere comunque ottimi risultati e nel frattempo hai una maggior tutela verso la salute del braccio, tanto più se si tratta di un braccio amatoriale, che è quasi sempre scarsamente allenato e di conseguenza maggiormente predisposto a patologie come epicondilite ed epitrocleite.

Giusto! Il problema è che io, semplice n.c. magari autodidatta, riuscirei a giocare come vorrei con racchette pesanti come quelle che hai citato tu?
Ti faccio il mio esempio: quando iniziai a giocare a tennis il negoziante serio (non lo sapevo che lo era!) mi ha consigliato una Donnay All wood 3 e non la All wood Bjorn Borg capisci cosa intendo dire? Pesante sì ma non troppo. Non potevo permettermi di giocare come Borg, avevo comunque un telaio che lo rappresentava.
315 grammi non è affatto pesante se pensi che negli anni 80 gli amatori giocavano anche con telai da 340 grammi. e c'erano gli autodidatta anche lì. sono luoghi comuni, anche perchè una racchetta più pesante ha un bilanciamento più verso il manico che la rende comunque maneggevole. io pure sono autodidatta e ci gioco tranquillamente, così come giocavo con quelle pesanti degli anni 80. pensa che un mio amico che gioca con 300 grammi, dopo aver giocato con una mia racchetta da 320, l'ha trovata più leggera della sua. poi ognuno ha i suoi percorsi e le sue attitudini, ma dare per scontata una cosa del genere significa precludersi una possibilità
avatar
VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3378
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: slazenger, puma cps e yonex 70cm

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da lorenz90 il Sab 7 Gen 2017 - 0:52

@Matley ha scritto:
@lorenz90 ha scritto:bisogna considerare tutti i fattori della racchetta, come il il tipo di flex (come e dove flette) si fa un pò complicata la questione, forse Mario può aiutarci

cmq è un parametro importante che può dare un'indicazione sulla sicurezza della racchetta ma non assicura niente 

ad esempio io ho visto sul mio braccio che se uso una PD da 165hz flex 70 e monofilo a 24kg (tensione alta provata di proposito) non sono tranquillo e qualche fastidio sporadico me l'ha dato

sulla SV100 che uso da quando è uscita, zero fastidi pure con mono a tensioni alte... eppure le racchette a dati misurati sono molto simili... solo per fare un esempio 

sempre ammesso di cambiare le corde appena muoiano cosa che in pochi fanno(la SV corde di bassa qualità me le uccide anche in 3/4ore)

sicuramente se si sceglie una racchetta maneggevole(swingweight sotto 315) con una frequenza di risonanza mediamente bassa (meno di 160hz) e un flex non troppo alto si sta più tranquilli

PD e SV 100 sono due telai che flettono in modo completamente diverso ed inoltre bisognerebbe verificare ulteriormente come flettono in ogni punto e non in un punto solo come si misura "di solito" con diagnostic center di Babolat per cui è molto difficile fare dei paragoni.
Piuttosto, quello che volevo dire è che senza continuare a cambiare telai e corde - soprattutto il mono -  alla ricerca di chissà quale  aiuto per diventare chi, non è meglio prendere una racca da 300 gr con un buon multi e giocarci? Investire cioè tutto quello che spendo di mono in maestro?
Sicuramente il multi aiuta ma nn risolve il problema

Per me nn ha senso usare una profilata rigida con sopra un multi perchè si soffre di problemi...

Io ad esempio con il multi nn riesco a giocarci sia perche lo rompo subito sia perche spara troppo...certo che di solito chi soffre di fastidi al braccio nn ha di questi problemi 

Come linea generale da persona nn esperta in materia cmq io consiglierei prima un multifilo, nel caso il fastidio dovesse rimanere allora il cambio di racchetta sarebbe obbligatorio a mio avviso

Sul discorso peso assolutanente per chi ha problemi starei su racchette da 280/300g...sicuramente nn una 315g che in 4cat in pochi sanno gestire a dovere e che tra l'altro puo creare ancora piu problemi di timing e peggiorare le cose...
avatar
lorenz90
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3836
Età : 26
Data d'iscrizione : 23.10.13

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: I.T.R 4.5 - in miglioramento :D
Racchetta: Yonex SV100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Matley il Sab 7 Gen 2017 - 1:14

@lorenz90 ha scritto:
@Matley ha scritto:
@lorenz90 ha scritto:bisogna considerare tutti i fattori della racchetta, come il il tipo di flex (come e dove flette) si fa un pò complicata la questione, forse Mario può aiutarci

cmq è un parametro importante che può dare un'indicazione sulla sicurezza della racchetta ma non assicura niente 

ad esempio io ho visto sul mio braccio che se uso una PD da 165hz flex 70 e monofilo a 24kg (tensione alta provata di proposito) non sono tranquillo e qualche fastidio sporadico me l'ha dato

sulla SV100 che uso da quando è uscita, zero fastidi pure con mono a tensioni alte... eppure le racchette a dati misurati sono molto simili... solo per fare un esempio 

sempre ammesso di cambiare le corde appena muoiano cosa che in pochi fanno(la SV corde di bassa qualità me le uccide anche in 3/4ore)

sicuramente se si sceglie una racchetta maneggevole(swingweight sotto 315) con una frequenza di risonanza mediamente bassa (meno di 160hz) e un flex non troppo alto si sta più tranquilli

PD e SV 100 sono due telai che flettono in modo completamente diverso ed inoltre bisognerebbe verificare ulteriormente come flettono in ogni punto e non in un punto solo come si misura "di solito" con diagnostic center di Babolat per cui è molto difficile fare dei paragoni.
Piuttosto, quello che volevo dire è che senza continuare a cambiare telai e corde - soprattutto il mono -  alla ricerca di chissà quale  aiuto per diventare chi, non è meglio prendere una racca da 300 gr con un buon multi e giocarci? Investire cioè tutto quello che spendo di mono in maestro?
Sicuramente il multi aiuta ma nn risolve il problema

Per me nn ha senso usare una profilata rigida con sopra un multi perchè si soffre di problemi...

Io ad esempio con il multi nn riesco a giocarci sia perche lo rompo subito sia perche spara troppo...certo che di solito chi soffre di fastidi al braccio nn ha di questi problemi 

Come linea generale da persona nn esperta in materia cmq io consiglierei prima un multifilo, nel caso il fastidio dovesse rimanere allora il cambio di racchetta sarebbe obbligatorio a mio avviso

Sul discorso peso assolutanente per chi ha problemi starei su racchette da 280/300g...sicuramente nn una 315g che in 4cat in pochi sanno gestire a dovere e che tra l'altro puo creare ancora piu problemi di timing e peggiorare le cose...

Centro! Se metà dei tennisti la pensasse come te noi tecnici andremo in vacanza meno volentieri! Very Happy

Matley
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 605
Data d'iscrizione : 27.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Sab 7 Gen 2017 - 8:26

Che in quarta categoria non si riesca a gestire una Racca da 315 grammi è una barzelletta!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Sab 7 Gen 2017 - 8:46

Aggiungo che la frequenza di risonanza è direttamente proporzionale alla rigidità della Racchetta.

Come si evince facilmente dalle tabelle del "learning center" di TW.

Le racchette con frequenza minore sono le più Flex, quelle con la frequenza maggiore sono le più rigide.

Niente di strano.

Concetti elementari correlati niente altro che allo shock da impatto, che come TUTTI sanno aumenta con l'aumentare della rigidità, e DIMINUISCE con l'aumentare del peso del telaio.

Quindi, consigliare racchette leggere a chi ha problemi di gomito, è un errore (grave).

Una Racchetta leggera (a parità di altri parametri ( AGGRAVA i problemi di epicondilite ed epitrocleite.

Se avete dei dubbi, date un ripasso alla fisica.

Oppure leggete cosa dicono i più grandi e titolati tecnici del pianeta (Bosworth, Raven, Ferguson...)

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Sab 7 Gen 2017 - 8:48

L'unica fattispecie ove la Racca pesante è un problema è se si hanno infiammazioni alla cuffia dei rotatori della spalla, ove il peso (per questioni di sforzo NON di vibrazioni o impatto) può acuire il problema.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da babolat94 il Sab 7 Gen 2017 - 8:54

Sonny Liston ha scritto:L'unica fattispecie ove la Racca pesante è un problema è se si hanno infiammazioni alla cuffia dei rotatori della spalla, ove il peso (per questioni di sforzo NON di vibrazioni o impatto) può acuire il problema.
Per quello basta servire da sotto
avatar
babolat94
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6256
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da lorenz90 il Sab 7 Gen 2017 - 9:23

@Matley ha scritto:

Centro! Se metà dei tennisti la pensasse come te noi tecnici andremo in vacanza meno volentieri! Very Happy 
Io non sono un tecnico e nn ho ancora fatto corsi a riguardo per cui parlo solo per i feedback che ricevo dal circolo tennis nn pretenderei mai di dire verità come altri qui sul forum fanno

Diversi qui da me con epicondilite riescono a giocare solo con la prokennex da 260g...

Ne vedo pochi in giro con racchette da 340g finite Suspect
avatar
lorenz90
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3836
Età : 26
Data d'iscrizione : 23.10.13

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: I.T.R 4.5 - in miglioramento :D
Racchetta: Yonex SV100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Sab 7 Gen 2017 - 10:18

La PK 260 va bene per il gomito per il fatto che ha 15 grammi di kinetic, sistema eccellente per lo shock da impatto.

Tanto per dire, la stessa Racca, in versione 300 grammi è Meglio per il gomito...

È semplicemente una questione di fisica, che è un fatto, non un'opinione.

Che poi una super Pippa si trovi meglio con una Racca super leggera, è TUTTO un altro discorso, su cui posso essere d'accordo.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Sab 7 Gen 2017 - 12:52

@lorenz90 ha scritto:
@Matley ha scritto:

Centro! Se metà dei tennisti la pensasse come te noi tecnici andremo in vacanza meno volentieri! Very Happy 
Io non sono un tecnico e nn ho ancora fatto corsi a riguardo per cui parlo solo per i feedback che ricevo dal circolo tennis nn pretenderei mai di dire verità come altri qui sul forum fanno

Diversi qui da me con epicondilite riescono a giocare solo con la prokennex da 260g...

Ne vedo pochi in giro con racchette da 340g finite Suspect

Lorenz, poiché leggo tra le righe che ti riferisci a me, sul fatto che prediche rei il verbo, devo dirti che quello che dico lo posso dimostrare, citando le fonti

http://www.racquetresearch.com

In questo magnifico sito trovi tutto, supportato da formule fisiche.

Prova a leggerlo, ed imparerai molte cose riguardo alla fisica Delle Racchette, e alla sua implicazione su danni provocati alle articolazioni.

Buona lettura!

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da demetrio75 il Dom 8 Gen 2017 - 0:46

Lezioni di fisica a parte...è chiaro che il fattore da tenere in considerazione a garanzia del nostro braccio è la frequenza vibrante.
Quindi magari al momento di acquistare la racchetta bisognerebbe controllare bene la scheda tecnica piuttosto che le leggere tomi di fisica...
Per SonnyListon, esistono racchette leggere (magari adatte ad una Pippa..) che possono essere considerate flex e con bassa frequenza vibrante...quindi dire che per tutelare il braccio bisogna scegliere racchette pesanti è un po' un azzardo.
avatar
demetrio75
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 245
Data d'iscrizione : 13.11.16

Profilo giocatore
Località: Cosenza
Livello: 3.0 ITR....in miglioramento
Racchetta: Prince Warrior Pro 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da babolat94 il Dom 8 Gen 2017 - 0:55

sonny invece ho capito cosa vuole dire.. le racchette pesanti avendo + massa riescono a disperdere lo shock meglio.. una volta i telai erano pesanti e non si ponevano di questi problemi, poi sono arrivati i tubolari vuoti e la musica è cambiata
avatar
babolat94
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6256
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da lorenz90 il Dom 8 Gen 2017 - 12:15

Sonny Liston ha scritto:
@lorenz90 ha scritto:
@Matley ha scritto:

Centro! Se metà dei tennisti la pensasse come te noi tecnici andremo in vacanza meno volentieri! Very Happy 
Io non sono un tecnico e nn ho ancora fatto corsi a riguardo per cui parlo solo per i feedback che ricevo dal circolo tennis nn pretenderei mai di dire verità come altri qui sul forum fanno

Diversi qui da me con epicondilite riescono a giocare solo con la prokennex da 260g...

Ne vedo pochi in giro con racchette da 340g finite Suspect

Lorenz, poiché leggo tra le righe che ti riferisci a me, sul fatto che prediche rei il verbo, devo dirti che quello che dico lo posso dimostrare, citando le fonti

http://www.racquetresearch.com

In questo magnifico sito trovi tutto, supportato da formule fisiche.

Prova a leggerlo, ed imparerai molte cose riguardo alla fisica Delle Racchette, e alla sua implicazione su danni provocati alle articolazioni.

Buona lettura!

Sonny lho gia letto tempo fa, so bene che la racchetta pesante assorbe di piu lo schock ma nn è cosi semplice la questione...
Dipende dai materiali usati e specialmente dalla disposizione delle masse nel telaio che ne influenzano flex e frequenza vibrante

Se uno usa una racchetta "pesante" ma poi stringe l'impugnatura pervhè nn è in grado di gestirla puoi stare sicuro che i problemi arriveranno prima o dopo...
Concordo con il fatto che la spalla è la prima a partire se uno nn ha il fisico adeguatamente allenato per gestire pesi oltre la sua portata

Il fatto è che ci sn racvhette pesanti ma rigide tipo radical pro che di sicuro non hanno priprio niente per il braccio

Sul discorso che in passato non cerano tutti sti problemi di epicondilite...be mi smebra normale si usava il budello e telai molto piu flessibili e morbidi...
Oggi si usano racchette rigide con in piu il poliestere che a tanti piace tenere su per un anno sulla racchetta senza sapere che gli sta rovinando telaio e braccio...

Sai quanti ne vedo con la puredrive e monofili a 25kg? Tutta gente che gioca con una bomba in mano pronta ad esplodere...

Per fare un altro esempio la Blade 104 è una racchetta abbastanza sicura eppure pesa solo 289g...semplicemente perchè è tollerante e morbida e vibra poco

Non è necessario giocare con racchette pesanti...basta prendere telai di qualità fatti come si deve
avatar
lorenz90
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3836
Età : 26
Data d'iscrizione : 23.10.13

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: I.T.R 4.5 - in miglioramento :D
Racchetta: Yonex SV100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Dom 8 Gen 2017 - 12:21

Tutto corretto 
Io non ho mai sostenuto che non vi siano racchette leggere e sicure!

Ho solo detto che, a parità di tutti i parametri, la racchetta che pesa di più è la più "safe"

Questo non vuole dire la più facile da usare

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da lorenz90 il Dom 8 Gen 2017 - 13:17

Sonny Liston ha scritto:Tutto corretto 
Io non ho mai sostenuto che non vi siano racchette leggere e sicure!

Ho solo detto che, a parità di tutti i parametri, la racchetta che pesa di più è la più "safe"

Questo non vuole dire la più facile da usare

Infatti siamo d'accordo

Nri miei interventi precedenti non ce lavevo con te, tu sei una persona che si informa anche se sei un po brutale nell'esporre i tuoi pensieri a volte lol!
avatar
lorenz90
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3836
Età : 26
Data d'iscrizione : 23.10.13

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: I.T.R 4.5 - in miglioramento :D
Racchetta: Yonex SV100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Ospite il Dom 8 Gen 2017 - 17:21

@lorenz90 ha scritto:


Nri miei interventi precedenti non ce lavevo con te, tu sei una persona che si informa anche se sei un po brutale nell'esporre i tuoi pensieri a volte lol!

Essere anche troppo  diretto è una deformazione professionale data dal fatto di essere un rude militare da più di 30 anni...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Frequenza vibrante di una racchetta: approfondimento

Messaggio Da Matley il Dom 8 Gen 2017 - 21:12

Sonny Liston ha scritto:Tutto corretto 
Io non ho mai sostenuto che non vi siano racchette leggere e sicure!

Ho solo detto che, a parità di tutti i parametri, la racchetta che pesa di più è la più "safe"

Questo non vuole dire la più facile da usare

Alla fine stiamo dicendo la stessa cosa.

Matley
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 605
Data d'iscrizione : 27.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum