Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Problematiche riavvincinamento al Tennis

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 2 Mar 2016 - 11:46

Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti,

sono nuovo di questo forum e mi presento (sperando di aver beccato la sezione giusta). Matteo, 45 anni, provincia di Torino.
Ho giocato a tennis (in modo molto dilettantistico) dai 16 ai 22 anni, partecipando a qualche all'epoca "coppa Italia" (mi pare si chiamasse così), e a qualche torneo (NC  fino a limitai C2). Non sono mai stato un classificato.
Ho sempre giocato serve & volley, anche se ero più performante come giocatore da fondocampo, questo semplicemente perchè il gioco a rete mi piaceva (e mi piace) di più, e in una filosofia tutta mia del gioco lo ritenevo più stimolante.
A 22 anni ho abbandonato, militare prima, poi ho iniziato a giocare più seriamente all'altro sport della mia vita, la pallavolo e il beach volley, e praticando questi due in maniera decisamente agonistica (categorie nazionali) non ho più avuto tempo per il tennis.

Ora, a 45 anni, ho ripreso in mano le racchette, per piacere e per cercare di riprendere una forma fisica decente. Non cerco successi, ma divertimento e relax.

Ma iniziano i problemi. Stecco una quantità indicibile di palle, specie con il il rovescio in back e la voleè di rovescio. A mente fredda del dopo partita, la mia anlisi è che sono troppo in ritardo sul colpo, e mi pare di non guardare la palla correttamnete fino all'impatto ma di abbandonarla prima. Il rovescio in top non sta in campo (ne tengo dentro si e no uno su 3), il che mi porta a giocarlo piatto e senza forza.

Da ex agonista seppur in altri sport, non vi dico il nervosismo nel giocare così.

Uso racchette ovviemente dell'epoca, una coppia di magnifiche Pro Kennex destiny ceramic che ho fatto reincordare a 24/24, ma ho l'impressione che il profilo e la potenza siano penalizzanti, la steccata è sempre in agguato e per tenere il colpo teso e in campo devo passare a filo rete sempre.

Dunque, avete consigli per esercitare il colpo (specie il rovescio) senza ricorrere ai maestri (non ho tempo, riesco a malapena a ritagliare un'ora a settimana per fare 4 palleggi e 4 games ) ?

Grazie e un saluto a tutti.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso


Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Ven 24 Giu 2016 - 10:24

Sono passati 3 mesi, ho giocato una media di 1 volta a settimana.
Che dire, ho ripreso molto fiato (da un mese e qualche giorno ho anche mollato le sigarette per riuscire a tornare a correre per più di 5 minuti...).

Il gioco ha ripreso, il rovescio è un po' migliorato da quando ho postato il video, il servizio anche, come anche il gioco di volo. Ninete di eccezionale ovviamente, ma comunque un filo meglio. Tutto questo fino a 2 settimane fa.
Le ultime 3 orette, 1 la scorsa settimana e 2 questa settimana, sono state un disastro, involuzione mostruosa, tando da chiedere scusa mestamente all'avversario di turno, poichè realemente mi ono reso conto di non farlo divertire per nulla.

Mi aspettavo un momento di "panico" tecnico, ma le ultime 3 orette di gioco mi sono stupito di quanto sono crollato.

Forse (anzi, direi probabilmente) è un processo mentale che mi porta ad una involuzione del gioco, dovuto al non affrontare correttamente un fisiologico calo.

Ma fatico veramente a tenere in campo le palline. Specie sul dritto, mio colpo più naturale, se provo a palleggiare senza spingere esco di lungo costantemente, e ho enormi problemi ad incorciare ( perchè? Mad Question ). Le difficoltà sul colpo forte si riperquotono ovviamente su tutti gli altri colpi, perchè nel momento in cui si gioca con il pensiero di non avere certezze, sono ca@@i.

Come affrontare il momento? una pausa di scarico di un paio di settimane?

Per aiutarmi psicologicamente, faro reincordare le racchette. Sicuramente è una mia sensazione, ma mi pare la palla esca con effetto un po' elastico, non sarà così, è sicuramente solo una mia impressione sbagliata, ma se può aiutare il mio subconscio perchè non farlo (hanno circa 8/10 ore cad di monofilo Black Code, non credo abbia perso così tanto, ma liberiamoci dal pensiero).

Qualcuno può aiutarmi a capire come resettare il tutto, ovvero la confusione mentale che mi porta all'involuzione tecnica nonostante la crescita di capacità aerobica ?

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Andrea Malagoli il Ven 24 Giu 2016 - 11:34

10 ore di monofilo non mi sembrano così poche, e poi ai nostri livelli siete sicuri che sti monofili danno tutti sti vantaggi?? secondo me a livello amatoriale non c'è nulla di meglio di un bel budello naturale o tuttalpiù un multifilo, dopo 10 ore di tennis il tuo monofilo ha già perso almeno il 50% della sua prestazione, lavora su corde più "easy" e vedrai che il tuo gioco ne gioverà, questo ovviamente è solo un pensiero personale Wink

Andrea Malagoli
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 122
Data d'iscrizione : 06.06.16

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: amatoriale
Racchetta: head graphene xt- pro kennex KI 15 300

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Ven 24 Giu 2016 - 13:34

Black Code e problemi a incrociare il dritto non vanno molto d'accordo... Sento lo stridere di vetri...
E quel che dice Andrea non mi sembra male come ragionamento....

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Ven 24 Giu 2016 - 14:36

In che senso KK?
non credo che la corda dia problemi ad incrociare, sono slegate le cose.
Il problema ad incrociare credo sia dato da un qualche vizio nello swing che mi porta a fare un movimento sbaliato. Forse perfino di timing, ho recuperato velocità e capacità aerobica, potrebbe essere mutato il timing e non ancora adeguato lo swing adeguatamente.
Il problema della corda è un "non problema", nel senso che "mi pare" diano ultimamente una sensazione "elastico", ma non è detto sia vero. Può essere il mio EGO che dice " sbagli perchè lecorde sono molli", quindi penso reincorderò per togliere al mio EGO ogni appiglio...

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Andrea Malagoli il Ven 24 Giu 2016 - 15:46

Il problema delle corde in monofilo e' che perdono le loro caratteristiche molto molto velocemente, fondamentalmente si allungano ma non rientrano, forse per questo senti un effetto elastico, io ho ripreso a giocare da poco e con il monofilo ho riscontrato molti più problemi che vantaggi, almeno il budello se lo incordi a 25 sai che dopo qualche ora ti trovi una tensione sui 23/23,5 però da li non si muove più, e così riesci a giocare con una racchetta che non cambia ogni due ore, adesso tutti vogliono racchette super toste, corde tostissime, ma poi se si gioca la palla a 50km orari a che serve?? Capisco che se uno risponde come agassi il monofilo gli offra qualcosa, ma al nostro livello meglio preservare le braccia.
Ultima cosa, occhio a giocare con un monofilo che ha tante ore, soprattutto se come me hai ripreso da poco, perché potrebbe darti problemi fisici abbastanza seri, prova un multifilo e vedrai che ritroverai il tuo gioco Wink

Andrea Malagoli
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 122
Data d'iscrizione : 06.06.16

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: amatoriale
Racchetta: head graphene xt- pro kennex KI 15 300

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Ven 24 Giu 2016 - 15:59

Si, avevo intenzione di provare un multi. Vedrò cosa mi consigliano gli incordatori per avere comunque un qualcosa che vada bene per il mio gioco. Ma le corde non sono il punto "dolente", è solo una cosa che ho aggiunto a completamente di un discorso più largo. Ovvero, voi che avete reiniziato dopo qualche anno, avete avuto un momento di "down" oppure il ritorno è stato in crescita constnate? Avete avuto momenti di black out su colpi naturali?

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Andrea Malagoli il Ven 24 Giu 2016 - 16:30

@Matteo1970 ha scritto:Si, avevo intenzione di provare un multi. Vedrò cosa mi consigliano gli incordatori per avere comunque un qualcosa che vada bene per il mio gioco. Ma le corde non sono il punto "dolente", è solo una cosa che ho aggiunto a completamente di un discorso più largo. Ovvero, voi che avete reiniziato dopo qualche anno, avete avuto un momento di "down" oppure il ritorno è stato in crescita constnate? Avete avuto momenti di black out su colpi naturali?
Io è solo un paio di mesi che ho ricominciato seriamente, tecnicamente ho una crescita costante, il problema e' che il mio gioco non è supportato dalla parte fisica, sabato per esempio ho palleggiato con mikroman ( un ragazzo qui che ho trovato sul forum) e dopo ci abbiamo messo su anche un set, diciamo un paio d'ore in tutto, ma a metà del set faticavo un bel po', con inevitabili errori causati dalla poca lucidità

Andrea Malagoli
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 122
Data d'iscrizione : 06.06.16

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: amatoriale
Racchetta: head graphene xt- pro kennex KI 15 300

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Ven 24 Giu 2016 - 16:41

Io ho ripreso ufficialemte le ostilità a metà marzo. un'ora e mezza di media a settimana.
Fisicamente (capacità aerobica sopratutto) il miglioramento è stato repentino, ovvio non è ancora al top, ci vorrà del tempo, ma ora riesco a recuperare e a stabilizzare meglio respirazione e cuore dopo gli scambi concitati (lunghi palleggi, discese a rete, recuperi sui lob, palle corte, etcc..). Mi accorgo anche che a volte sono troppo addosso alla palla.
Ma l'involuzione delle ultime 2 settimane un po' mi spaventa.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da albs77 il Ven 24 Giu 2016 - 21:43

Qualsiasi cosa succeda è colpa tua. (punto)

Per migliorare devi resettare tutto e cambiare obiettivi..

1) il tuo dio deve diventare la Consistenza. Consistenza vuol dire almeno almeno 10 palleggi tutti in campo in ogni situazione possibile. Il che significa che quando vai per colpire il tuo più grande desiderio deve essere quello di tenere la palla in campo e comportarti di conseguenza. 

2) profondità prima della potenza. Una palla profonda (in campo) vale tanto quanto un cannonata che rimbalza a metà campo. Anzi vale di più Perchè impedisce al tuo avversario di entrare. 

3) Favorisci la tecnica quando la studi e ti alleni per perfezionarla ma dimenticala quando giochi. La cosa più importante di tutte, prima della tecnica , prima del fisico, prima di qualsiasi cosa è la tua volontà. Pensa a dove vuoi tirare ,che tipo di colpo vuoi fare e che traiettoria deve avere la palla.
Se ti soffermi sul piano tecnico, apri qua apri la metti il piede qui sposta il peso li, quasi sicuramente invece il risultato sarà disastroso il che potrebbe essere la causa primaria dei tuoi attuali risultati.

la tecnica si manifesta naturalmente nel momento in cui tu decidi che cosa fare. Devi arrivare all'appuntamento con la palla che hai già deciso la traiettoria che uscirà dalla tua racchetta.

Vedrai che se ti concentri sul cosa vuoi ottenere i risultati positivi saranno immediati

albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1180
Età : 38
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: Pacific Xfeel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Ven 24 Giu 2016 - 23:15

No no Matteo, non sbagli a incrociare per le Black Code, ci mancherebbe !!! È che quando vedo delle corde del genere "abbinate" a un bipede che sta riprendendo ....mi preoccupo. 
È un problema di swing, ovviamente.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da KevinKline il Ven 24 Giu 2016 - 23:54

@albs77 ha scritto:Qualsiasi cosa succeda è colpa tua. (punto)

Per migliorare devi resettare tutto e cambiare obiettivi..

1) il tuo dio deve diventare la Consistenza. Consistenza vuol dire almeno almeno 10 palleggi tutti in campo in ogni situazione possibile. Il che significa che quando vai per colpire il tuo più grande desiderio deve essere quello di tenere la palla in campo e comportarti di conseguenza. 

2) profondità prima della potenza. Una palla profonda (in campo) vale tanto quanto un cannonata che rimbalza a metà campo. Anzi vale di più Perchè impedisce al tuo avversario di entrare. 

3) Favorisci la tecnica quando la studi e ti alleni per perfezionarla ma dimenticala quando giochi. La cosa più importante di tutte, prima della tecnica , prima del fisico, prima di qualsiasi cosa è la tua volontà. Pensa a dove vuoi tirare ,che tipo di colpo vuoi fare e che traiettoria deve avere la palla.
Se ti soffermi sul piano tecnico, apri qua apri la metti il piede qui sposta il peso li, quasi sicuramente invece il risultato sarà disastroso il che potrebbe essere la causa primaria dei tuoi attuali risultati.

la tecnica si manifesta naturalmente nel momento in cui tu decidi che cosa fare. Devi arrivare all'appuntamento con la palla che hai già deciso la traiettoria che uscirà dalla tua racchetta.

Vedrai che se ti concentri sul cosa vuoi ottenere i risultati positivi saranno immediati
Nulla da eccepire, completamente d'accordo

KevinKline
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 583
Età : 46
Data d'iscrizione : 26.03.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4a scarso, sempre Infortunato
Racchetta: In cerca di quella perfetta

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 29 Giu 2016 - 15:48

Ieri sera ho provato le nuove incordature, ho messo un ibrido mono/multi babolat (il mono più "morbido" di babolat), mantenendo i 24/23 kg. Che stranezza! L'impatto sembra come essere ovattato, sia nel rumore che in ciò che trasmette al braccio... strano davvero, ci vuole un attimo ad abiutarsi...

Per il gioco... ho fatto schifo i primi 45 minuti... poi dopo l'ennesima ca@@ata, ho iniziato a giocare meglio. Anche fisicamente ero più fresco alla fine dell'ora, più reattivo, più aggressivo.

Riuscivo ad incrociare e ad attaccare meglio...

Temo ci voglia lo psicologo...

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 29 Giu 2016 - 16:08

@albs77 ha scritto:Qualsiasi cosa succeda è colpa tua. (punto)

Per migliorare devi resettare tutto e cambiare obiettivi..

1) il tuo dio deve diventare la Consistenza. Consistenza vuol dire almeno almeno 10 palleggi tutti in campo in ogni situazione possibile. Il che significa che quando vai per colpire il tuo più grande desiderio deve essere quello di tenere la palla in campo e comportarti di conseguenza. 

2) profondità prima della potenza. Una palla profonda (in campo) vale tanto quanto un cannonata che rimbalza a metà campo. Anzi vale di più Perchè impedisce al tuo avversario di entrare. 

3) Favorisci la tecnica quando la studi e ti alleni per perfezionarla ma dimenticala quando giochi. La cosa più importante di tutte, prima della tecnica , prima del fisico, prima di qualsiasi cosa è la tua volontà. Pensa a dove vuoi tirare ,che tipo di colpo vuoi fare e che traiettoria deve avere la palla.
Se ti soffermi sul piano tecnico, apri qua apri la metti il piede qui sposta il peso li, quasi sicuramente invece il risultato sarà disastroso il che potrebbe essere la causa primaria dei tuoi attuali risultati.

la tecnica si manifesta naturalmente nel momento in cui tu decidi che cosa fare. Devi arrivare all'appuntamento con la palla che hai già deciso la traiettoria che uscirà dalla tua racchetta.

Vedrai che se ti concentri sul cosa vuoi ottenere i risultati positivi saranno immediati

Considerazioni interessanti, ma sono a mio avviso un po' povere di sostanza.

Considera che io gioco partitelle, purtroppo non sono ancora riuscito ad organizzarmi per fare palleggio con qualche maestro, quindi cerco di giocare con amici, che ovviamente prediligono la partita. Io stesso la prediligo, e non essendo un 14enne che può crescere o uno che ha obbiettivi di diventare chissà chi, cerco di divertirmi.
Fatta questa premessa, tenere 10 palleggi è una base, ma non serve  a molto in una partita. L'avversario cerca di non farteli fare... ovviamente. Quindi ok, bisogna saper fare palleggio sostenuto, ma non so voi, a me capita poche volte in un match di colpire la palla più di 6/7 volte in uno scambio. Non ho e non avrò mai la concezione mentale di "aspetto che sbagli lui", dovessi giocare così, smetto subito, non mi piace. Io cerco di prendere campo, di farlo muovere, di attaccare ed andare a chiudere a rete. Questo mi piace. Non vinco, pazienza. L'importante è che abbia giocato bene e mi sia divertito.
La lunghezza del colpo... è abbastanza una ovvietà.
La parte sulla tecnica invece, fa riflettere, ma non mi ci ritrovo, o meglio mi ci ritrovo sui colpi natuali, su quelli meno naturali (rovescio top)invece ho bisogno anche di penare a piedi e spostamento del peso, se non ci penso mi costa troppo in palline perse nei dintorni del centro sportivo...  Laughing . Quando riesco a pensarci, invece, e metto in atto, il rovescio non è vincente, ma mi permette di giocare decentemente anche il top anzichè giocare solo il back...

Il mio problema esposto non è "voglio vinceere cosa devo fare", non mi interessa quell'aspetto, vncerò quando sarò più bravo del mio avversario.
Il problema è una forte involuzione... e capirne le cause, ma ritengo siano quasi compeltamente mentali..

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Mer 29 Giu 2016 - 16:26

Matteo... Fare un "sequenza 9" o 10.... Sono proprio la base per migliorare. Per vincere, forse, non basta. Tenere 10 palleggi non vuol dire che in partita ti capitino scambi da 20...ma significa saper gestire ognuna delle 10 palline da te tirate e le rispettive 10 risposte. 
Se non sai gestire il rovescio in top...sei a "sequenza 1"! 
Testa, fisico fresco, tenuta da maratoneta, attrezzatura da pro room: tutte minkiate! Metti dentro una sequenza 10 e questo è il termometro di piedi a posto, peso a posto, timing a posto, concentrazione a posto. 
Fine del palo.
Dai, comincia a guardare il tennis con una prospettiva diversa. Non ho detto migliore, ho detto diversa. Poi, le conclusioni le trai da solo...

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 29 Giu 2016 - 16:48

KK

Come si dice della mie parti, "mi sun nen bun" ma a me capita o di andare in difficoltà per la pressione avversaria o di andare io in pressione sull'avversario, di solito molto prima di toccare 10 volte la palla...

di certo sono io che non capisco o che ho una concezione errata, ma se ho la possibilità di attaccare, io attacco la rete.

Mi state dicendo che invece dovrei cercare di fare il "ribattitore" ? se è così....

"Vendo 2 racchette usate poco, poche palline in campo (tante fuori), appena reincordate"...

Very Happy

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Veterano il Mer 29 Giu 2016 - 17:07

La tattica si esprime con la tecnica,percio' leggendo cosa dici riguardo il rovescio in top mi sorgono dei dubbi......mi spiego meglio,se pensi  al gesto tecnico,che comprende,metti bene il piedino,stai basso,non perdere l'equilibrio etc etc etc vuol dire che non hai ancora assimilato gli automatismi necessari per esprimere il tuo tennis.......e da li ritorniamo al discorso di King.......
IL discorso non e' che devi metterti li a tenere lo scambio fino allo sfinimento dell'avversario,ma avere una solidita' tecnica che riesca a farti esprimere il tuo gioco qualunque esso sia e se stai ancora pensando al gesto tecnico non ce tattica che ti possa aiutare.Detto questo molti pensano che il giocare in attacco sia piu' facile che restare a fondo,visto che si tenta di accorciare la durata del punto andando a rete,in pratica e' tutto l'opposto,cioe' per andare a prendermi il punto a rete il mio attaco non deve essere approssimativo ma ben fatto,per non farmi passare come un tordo quando cerco di giocare la vole'.Per questo servono i 30 scambi in allenamento,cioe' se con una palla abbordabile in allenamento non ho una percentuale di 25 su 30 di riuscita,precisione e profondita' d'attacco,come posso pensare di averla in partita,e 25 -30 son l'inizio.Che poi in partita lo scambio si riduca a 6-8 colpi non vuol dire niente perche' va valutata la solidita' del colpo o dell attacco su tutta la base della partita.E ritorniamo al punto di partenza,in quarta non conosco nessuno che in allenamento mi metta 30 palle di fila in un determinato punto del campo non riuscire a farlo poi in partita,piuttosto mi risulta il contrario......non e' questione di mettersi li a remare ma per essere bravi ad attacare bisogna saper costruire bene il punto da fondo percio' che piaccia o no la soluzione e solo una........

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1989
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 29 Giu 2016 - 17:30

VET, concordo. Se mi dici che occorre saperlo fare in allenamento ti do pienamente ragione.

Io parlo di involuzione in partita, ovvero fino a 20 gg fa riuscivo a giocare in un modo, ora sbaglio tutto.

Idem sulla tattica tutto corretto,ma io non ho espresso problemi di tattica.

Il discorso è poi andato sulla tecnica (non so perchè) e allora posso dire si, i problemi ci sono, il mio rovescio in top è tutt'altro che assimilato, non è un colpo naturale per me, ancora non ho nemmeno l'impugnatura definitiva, la sto studiando in base alle sensazioni, figuriamoci il resto. Io devo pensare perchè se non penso al gesto faccio sicuramente errori. Tra 6 mesi, magari, se ho fortuna, sarà assimilato. Ma il problema c'era anche il mese scorso qundo giocavo senza tutti questi errori.

Per il tipo di gioco...non sto dicendo che "è meglio attaccare", sto dicendo che io attacco, perchè mi diverto a giocare così. Quando ero pischello, i maestri mi hanno sempre detto che avrei vinto di più stando a fondo campo, e certamente era ed è vero. Ma non pi piace, che non vuol dire che non si deve fare, solo che a me non piace. E se non mi piace, perchè devo farlo? Per vincere una partita che non mi porta dei soldi ? E che piacere avrei dal vincere una partita facendo una cosa che non mi piace? Mica vivo con il tennis... per me deve essere divertimento, rilassamento, un antistress e attività fisica.

Ho fato l'agonista in altri sport, ho giocato per i soldi, la concezione è diversa. Ora ho 45 anni, posso giocare per il piacere di farlo, e le sconfitte non mi turbano per ora, se poi accadrà e vorro vincere a tutti i costi il discorso cambierà. Per ora non ci sono problemi a perdere, ma vorrei giocare al meglio come mi piace.

Se sbaglio un attacco e mi passano, dovrò migliorare l'attacco. Se faccio un attacco che mi piace e mi passano, applaudo. Il mio problema è che lattacco che mettevo in campo 1 mese fa con costanza 90% , ora la 90% va furoi di 2 metri... Questo è il succo della mia perplessità.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Mer 29 Giu 2016 - 19:09

Hihihi Matteo, ok ok te la dico senza peli..."sei andato fuori palla". È' un'espressione poco precisa e alla cavolo per dire che hai perso automatismi e riferimenti (peggio se pure il timing maledetto).
Ora, prima o poi, capita a tutti. Alcuni guariscono in mezz'ora, altri ci mettono settimane. Tu sei sfigato e ci metti un po' di più !  Hahahahaha
Visto che hai questo spirito indomito...ti do la triste novella: in genere, per "guarire", si riparte da zero. Ovvero zero velocità, zero blocchi, zero forzature: tutto all'insegna del morbido per cercare di "sentire" fisicamente i riferimenti dello swing.
E....indovina un po' ? Scambi interminabili a 50 km/h... Hahaha hahaha ma non 6, non 10 o 20.... 
Very Happy

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 29 Giu 2016 - 19:24

Noooooo!!!! Se mi sparavi con il 12 mi facevi meno male... Very Happy

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mar 30 Ago 2016 - 11:40

@kingkongy ha scritto:Hihihi Matteo, ok ok te la dico senza peli..."sei andato fuori palla". È' un'espressione poco precisa e alla cavolo per dire che hai perso automatismi e riferimenti (peggio se pure il timing maledetto).
Ora, prima o poi, capita a tutti. Alcuni guariscono in mezz'ora, altri ci mettono settimane. Tu sei sfigato e ci metti un po' di più !  Hahahahaha
Visto che hai questo spirito indomito...ti do la triste novella: in genere, per "guarire", si riparte da zero. Ovvero zero velocità, zero blocchi, zero forzature: tutto all'insegna del morbido per cercare di "sentire" fisicamente i riferimenti dello swing.
E....indovina un po' ? Scambi interminabili a 50 km/h... Hahaha hahaha ma non 6, non 10 o 20.... 
Very Happy

Apprifittando di 15 gg di vacanze, ho preso due ore con maestro (o meglio, maestra la prima ora, ed un maestro la seconda).

Dopo qualche minuto di palleggio, hanno apportato le correzioni principali:
- Diritto: diminuzione della rotazione busto /anca/piede ed aumento dell'uso del braccio. Avanzamento punto di impatto sulla palla di buoni 30 cm.
- Rovescio: Maggior carico sulla gamba anteriore, avanzamneto punto di impatto di buoni 40 cm, ampliamento finale di braccio.
- Entrambe: Apertura troppo ritardata (e troppo ampia sul diritto)

Risultato. 2 ore di diagonali.... Very Happy Very Happy Very Happy

Però una soddisfazione non da poco fare anche 30 scambi con una pallina, giocando teso e spingendo.

Ho poi partecipato al mio primo torneo FIT (iniziato sabato 27). Ho passato il primo turno giocando male sabato (vecchi errori), ho perso domenica poi con un 4.4 (simpaticissimo) giocando meglio. Mi sono sforzato di seguire i dettami, ma per farlo ho dovuto arretrare la posizione di attesa si 1 metro (quindi 1 metro dietro la linea di fondo). Ovviamente vado un po' in confusione ogni tanto, ma devo essere sincero poco per volta sono mi sembra di riuscire ad adattarmi. Una cambiamneto che devo assolutamente apportare è il servizio. Se lo gioco piatto come sono abituato mi si disrugge la spalla (domenica avevo il braccio a mezzo servizio causa la partita di sabato) , devo imparare a coprire ed a caricare la spalla, almeno finchè non l'avro riportata a una tonicità adeguata.

KK, Vet.... ve l'ho detto, occorre lavorare sulle diagonali con i 30 scambi.... Wink

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum