Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Problematiche riavvincinamento al Tennis

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 2 Mar 2016 - 11:46

Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti,

sono nuovo di questo forum e mi presento (sperando di aver beccato la sezione giusta). Matteo, 45 anni, provincia di Torino.
Ho giocato a tennis (in modo molto dilettantistico) dai 16 ai 22 anni, partecipando a qualche all'epoca "coppa Italia" (mi pare si chiamasse così), e a qualche torneo (NC  fino a limitai C2). Non sono mai stato un classificato.
Ho sempre giocato serve & volley, anche se ero più performante come giocatore da fondocampo, questo semplicemente perchè il gioco a rete mi piaceva (e mi piace) di più, e in una filosofia tutta mia del gioco lo ritenevo più stimolante.
A 22 anni ho abbandonato, militare prima, poi ho iniziato a giocare più seriamente all'altro sport della mia vita, la pallavolo e il beach volley, e praticando questi due in maniera decisamente agonistica (categorie nazionali) non ho più avuto tempo per il tennis.

Ora, a 45 anni, ho ripreso in mano le racchette, per piacere e per cercare di riprendere una forma fisica decente. Non cerco successi, ma divertimento e relax.

Ma iniziano i problemi. Stecco una quantità indicibile di palle, specie con il il rovescio in back e la voleè di rovescio. A mente fredda del dopo partita, la mia anlisi è che sono troppo in ritardo sul colpo, e mi pare di non guardare la palla correttamnete fino all'impatto ma di abbandonarla prima. Il rovescio in top non sta in campo (ne tengo dentro si e no uno su 3), il che mi porta a giocarlo piatto e senza forza.

Da ex agonista seppur in altri sport, non vi dico il nervosismo nel giocare così.

Uso racchette ovviemente dell'epoca, una coppia di magnifiche Pro Kennex destiny ceramic che ho fatto reincordare a 24/24, ma ho l'impressione che il profilo e la potenza siano penalizzanti, la steccata è sempre in agguato e per tenere il colpo teso e in campo devo passare a filo rete sempre.

Dunque, avete consigli per esercitare il colpo (specie il rovescio) senza ricorrere ai maestri (non ho tempo, riesco a malapena a ritagliare un'ora a settimana per fare 4 palleggi e 4 games ) ?

Grazie e un saluto a tutti.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso


Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Lun 7 Mar 2016 - 23:29

@Matteo1970 ha scritto:Ti ringrazio. I consigli ovviamente non li vorrei per risolvere la situazione, per oltre 12 anni della mia vita ho lavorato su uno sport alla media di 10 ore a settimana, so bene qual'è la strada per sistemare le lacune, correggere gli errori, migliorare e competere. Ed ero per di più in un ambiente dove ero un tappo fisicamente scarso. Quindi il lavoro tecnico e fisico era oro.
Ora sto cercando qualche consiglio non per risolvere, ma per avere idee per imboccare la strada giusta risparmiando magari ore che non ho. Potessi provare racchette, palleggiare 4 ore a settimana, lo farei anziché star qui a scrivere. Avessi tempo per passare dall'incordatore ad imparare lo farei. Invece pensa che le lascio a chi può passare e le riprendo la settimana dopo.

Sicuramente sto sbagliando tutto, probabilmente sono troppo 'amatore' per questo forum , mi scuso pertanto per la puerilità delle mie domande e vi ringrazio per i gentili consigli che mi avete dispensato
sono un amatore anche io, proprio per questo considero adeguata la risposta che ti ho dato. strade giuste non esistono nel tennis perchè dipende da chi le percorre e da come le percorre; conosco persone che hanno dedicato 7 mesi a prendere lezioni tutte le settimane e non hanno migliorato nulla !  conosco maestri che non sarebbero in grado nemmeno di dirti se stai sbagliando impugnatura sul rovescio e non so' se lo fanno per convenienza o per aver scelto un mestiere sbagliato. qualsiasi strada che vuoi intraprendere richiede tempo e dedizione, se tu poni come condizione imprescindibile il fatto di non avere tempo per praticare cose diverse da quelle che già stai praticando, mi spieghi che tipo di consigli ti aspetti ? ti ho proposto un sito dove puoi vedere comodamente da un computer tutto quello che puoi ripetere in campo per migliorare e correggere eventuali errori. ti ho proposto anche una tipologia di racchetta. il resto ce lo devi mettere tu, non esistono altre scorciatoie

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Lun 7 Mar 2016 - 23:44

poi se invece vogliamo limitarci alla tua richiesta in coda al primo post, su come esercitare il rovescio (che mi sembra di capire sia a una mano), prima di tutto devi vedere se lo fai nel modo giusto, da quello che scrivi sembra proprio di no; non avrebbe senso esercitare un colpo eseguito non correttamente. dopo aver compreso le modalità corrette puoi farlo sia contro un muro che sul campo, ma nel primo caso non hai modo di renderti conto della giusta profondità e nel secondo devi trovare un partner che ti consente di giocarlo spesso, perchè se giochi contro un pari livello che ti mette quasi sempre la palla solo sul dritto è come se il rovescio lo lasciassi nella borsa. come vedi, non si tratta di idee geniali, ma solo di seguire una logica, esaminare gli errori, correggerli e prendere sempre maggiore confidenza con l'esecuzione giusta. ma un'esecuzione giusta comprende che ci sia un piazzamento giusto e un riflesso visivo giusto, cose che devono andare di pari passo all'esecuzione. in un altro punto del post di apertura parli di voler praticare il tennis per divertimento e relax, ma imparare a far bene un colpo complesso come il rovescio a una mano non può consentirti di farlo mentre ti diverti e ti rilassi. apposta ho parlato di confusione. o pensi a migliorare o pensi a divertirti. se pensi a migliorare il divertimento lo devi necessariamente posticipare a quando sarai migliorato. come in ogni sport il miglioramento richiede applicazione, autocritica e sacrificio.

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Lun 7 Mar 2016 - 23:50

Matteo, andiamo per gradi. Vieni dall'agonismo (di un altro sport)? Bene, allora parliamoci senza peli sulla lingua.
Le Yonex sono racchette che hanno una filosofia progettuale particolare, pertanto possono piacerti molto o farti giocare male e controvoglia alcuni colpi se non in generale. Pertanto NON te le consiglio in assoluto se non dopo qualche ora di prova. Non un'ora...."qualche". Questo per farti risparmiare tempo e denaro.
Monofilo senza marca a 24 Kg e racchetta da 355 grammi sono due parametri che dicono: "uomo in cerca di guai". Pertanto, per riprendere, vai di multi o di budello, che non fa mai male e ti risparmi qualche viaggio dell'amico-fattorino visto che lo puoi usare fino a rottura. Come vedi anche qui ti facciamo risparmiare un po' di fatica. E, magari, un po' di ortopedico.
Racchetta da provare: fattele spedire da TennisWarehouse o da chi ha questo servizio di test.
Magari bastano due "best seller" e, in base alle tue sensazioni, possiamo vedere cosa consigliarti di più "mirato".
Detto questo, la Solinco è una gran bella racchetta.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12076
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mar 8 Mar 2016 - 12:34

Grazie... più che in cerca di guai, diciamo uomo "che non conosce gli strumenti e che ha ricominciato con l'attrezzo che usava quando giocava"....

Intendiamoci, non è che non vi sono grato per le risposte che mi avete dato prima, ma ho l'impressione che le strade descritte siano 2, ovvero o trovi il tempo per provare, testare e prendere lezioni, o lascia perdere. Per questo ho scritto le parole sopra. Purtroppo il tempo è una cosa che non ho.

Ma ho capito che un minimo devo riuscire a tirarlo fuori, magari riuscirò a provare un paio di racchette nei prossimi 2/3 mesi, ed a seguire magari riuscirò a prendere un 4/5 ore di maestro per capire la natura dei miei errori macroscopici in modo da avere un imput su come lavorarci. Mi ci vorranno un 3 o 4 mesi, ma se è l'unica strada la si percorrerà.

Grazie per i consigli.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Mar 8 Mar 2016 - 12:43

Matteo...senza fretta! Oh, meglio, sulle cose importanti meglio non averne.
I "guai" sono l'uso del monofilo a tensioni "border line". Ovvero nessuno ti dirà mai che non posson esser usati a quelle tensioni...però non tutti i monofilo rendono a quelle tensioni (perché danno il massimo a tensioni più basse o molto più basse), oppure, si tratta di armeggi che durano un amen e hanno un senso per giocatori agonistici. Il tutto, considerato che si tratta di corde che possono (non ho detto che danno sicuramente, bensì che "possono") creare problemi fisici alle articolazioni.
Per il telaio...eh sì, meglio partire da un telaio che conosciamo in tanti e su quello ragionare. Perché non un'economica ma validissima Pro Open? A quel punto hai una pietra di paragone e tutto diventa "parametrizzato" (per esempio, Matteo dice: "mmm ok comfort ma la voglio più aggressiva", oppure "ok, precisa ma vorrei più spin").
Per la tecnica di base...beh...un ripassino col maestro fa sempre bene. Almeno sai più o meno dove lavorare. E questo è un gran risparmio di tempo.
Dai, forza!!! Buon lavoro!

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12076
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Veterano il Mar 8 Mar 2016 - 13:47

Ciao Matteo,concordo con quello scritto da king,Yonex puo' piacere come no,sono ottime racchette ma particolari che si possono adorare o odiare.......Per iniziare con qualcosa di piu' moderno ti direi le stesse cose che dice King.Il peso che citi per me specialmente all 'inizio, e' elevato,il discorso della velocita' di braccio ben venga,piu' giri veloce e piu' spin riesci a dare.Non e' il peso che ti da controllo ma la gestione dello spin e anche il giocare con la tensione delle corde.Ritornando al tecnico, ed al discorso controllo,benissimo se il braccio viaggia rapido,avercelo un braccio che gira veloce,come dicevo antecedentemente si tratta solo di imparare bene il top spin che detto terra terra e' quella cosa che ti fa rimanere la palla in campo lasciando andare al massimo il braccio.Per questo e' importante vedere come giochi per poterti consigliare,e per darti dei suggerimenti su dove lavorare.Tanto per dirne una la presa che usi puo' essere piu' portata a dare spin,per esempio una estern e' piu' portata ad un gioco con meno spin che una semiwestern,o  una western,gli swing a secondo della presa che usi cambiano,e da li in avanti visto la presa che usi e come muovi la racchetta sul campo si puo fare un lavoro specifico...cosa che puoi ovviamente fare anche da solo,ma almeno un giretto dal maestro fallo,se sei stato un alteta di buon livello sai quanto sia importante la tecnica.Ritornando al discorso racchetta per quello che mi riguarda non salirei troppo di peso diciamo sui 300 gr,la pro open e' un buon compromesso,come la hed radical o la Pure drive,sono racchette versatili che vanno bene un po per tutti,e per  i primi due anni ne hai da vendere....

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1993
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mar 8 Mar 2016 - 15:01

Il disocrso corde mi sconcerta... non perchè non abbia fiducia, intendiamoci, ma per i ricordi ancestrali della fine anni 80 inizio anni 90, quando giocavo. Sicuramente erano altri materiali sia le racchette che le corde, ma ricordo tensioni spesso vicine ai 31/32 per gli oversize, le 95 le consigliavano tra i 25/27... altri tempi... ma ovviamente io che arrivo dall'epoca, scegliendo una 24/24 credevo di essere stato morbido... Sad 

Con i telai generosi, diciamo da 100 a salire, non mi ci trovavo in assoluto, mi toglievano (impressione mia) un sacco di controllo, per questo sono sempre stato tra i 90 e i 95.
Idem per le racchette morbide, per questo avevo scelto la pro kennex DC , all'epoca era tra le rigide, e mi ci trovavo molto bene, con le morbide ricordo la sensazione di allargare sempre verso l'esterno.

La mia presa (lo ammetto, ho cercato le figure su internet ) è Eastern sia di diritto che di rovescio ( una mano), continental nel gioco a rete (non so se se ne usano anche altre).

Per chi ha i miei anni.... (sarete pochi) quando giocavo (mi devo basare un po' su quello per avere una base di partenza) ho provato tante racchette. Non mi trovavo con Head Prestige Pro, Prince Graphite ( quella con la stanghetta in mezzo al cuore ) 110 mentre andava discretamente con la 90, non mi trovavo per nulla con W Pro Staff, ma la peggiore era la Donnay Pro One (nessuna sensibilità).
Da quando ho ripreso (metà gennaio) ho provato una Yonex da 290 g (credo la tour F ) per circa 30 minuti (Poco) e mi è piaciuto molto l'impatto e l'uscita, ma il poco peso (o forse il bilanciamento) non mi davana la percezione della testa della racchetta e a rete faticavo un po' nelle volee da spingere... però, pensandoci, steccavo meno il back di rovescio rispetto alle mie (boh? va a sapere) ...

Dai, vedrò di cercare di provare... .e vediamo che porta...

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Attila17 il Mar 8 Mar 2016 - 15:38

Ciao,
io ho avuto più o meno il tuo stesso percorso, ti parlo di quello che ho riscontrato io tornando a giocare a tennis dopo oltre 20 anni, il gioco, i materiali e sopratutto le corde sono cambiati tantissimo, prima si avevano delle mazze in mano da oltre 350/370 gr nude ( io ho iniziato con una prince woodie da 370 gr nuda ed avevo 13/14 anni quando la usavo) adesso ci si spaventa se è oltre i 300 gr. ma gli attrezzi sono performanti,molto di più e più facili.
Detto ciò non ti dico che siano meglio, anzi , la qualità costruttiva era nettamente migliore un tempo, adesso ci sono tante " cinesate" e altre sottovalutate che invece sono interessanti.
Per quello che riguarda il gioco, anche una o due ore, investile con un maestro come ti hanno consigliato. Già quel poco se hai giocato in passato ti fa rendere l'idea delle differenze di gioco e di movimenti rispetto un tempo. Questo direi fondamentale.
Per le racchette dipende dal tuo braccio, provale sicuramente, le Yonex come ha detto King sono particolari, meglio una Pro Open per riniziare.
A meno che vedendo le tue caratteristiche ( su carta però nn dal vivo, ovvero quello che ti senti e dici tu) provi una Prince Response 97, gran telaio che con il S&V si sposa alla grande.
Ciao ciao

Attila17
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1474
Età : 47
Località : Albissola Marina
Data d'iscrizione : 18.05.13

Profilo giocatore
Località: Albissola Marina , ma sun de Milan
Livello: NC. ITR 3,5-4,0
Racchetta: Prince POG 4 stipes 1987; Prince Tour Pro 100; Prince Warrior 107;Yonex Duel G 100

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da PistolPete il Mar 8 Mar 2016 - 16:08

Oddio, un S&V che non si trovava con la Wilson Pro Staff non si può sentire... Very Happy

A parte gli scherzi, anch'io ho sostanzialmente interrotto per anni, ma la la Pro Staff Classic (se ti riferisci a quella) era il sacro Graal del serve&volley, ed anch'io la usavo, con tanto di spalla dolente perché non riuscivo a trovare una alternativa vagamente valida...

Il mio consiglio per chi riparte e non ha le idee particolarmente chiare sull'attrezzo, è sempre quello di prendere una 300x100 (300g x 100 pollici quadrati), come la Pro Open che ti hanno consigliato, che poi è quella che ho preso pure io quando ho ripreso a giocare più assiduamente (sempre S&V). Secondo me ha il pregio/difetto di non essrer molto caratterizzata, cioè come ha detto anche qualcun altro, fa bene un po' di tutto senza eccellere in niente.
Io comunque ci ho giocato con soddisfazione per circa 3 anni prima che mi venissa la voglia di cercare qc di diverso...

PistolPete
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 427
Località : Roma Garbatella
Data d'iscrizione : 09.09.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.0
Racchetta: Head Extreme MPA

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mar 8 Mar 2016 - 16:50

@PistolPete ha scritto:Oddio, un S&V che non si trovava con la Wilson Pro Staff non si può sentire... Very Happy

A parte gli scherzi, anch'io ho sostanzialmente interrotto per anni, ma la la Pro Staff Classic (se ti riferisci a quella) era il sacro Graal del serve&volley, ed anch'io la usavo, con tanto di spalla dolente perché non riuscivo a trovare una alternativa vagamente valida...

Il mio consiglio per chi riparte e non ha le idee particolarmente chiare sull'attrezzo, è sempre quello di prendere una 300x100 (300g x 100 pollici quadrati), come la Pro Open che ti hanno consigliato, che poi è quella che ho preso pure io quando ho ripreso a giocare più assiduamente (sempre S&V). Secondo me ha il pregio/difetto di non essrer molto caratterizzata, cioè come ha detto anche qualcun altro, fa bene un po' di tutto senza eccellere in niente.
Io comunque ci ho giocato con soddisfazione per circa 3 anni prima che mi venissa la voglia di cercare qc di diverso...


Lascia perdere....mi vergognavo di me stesso... poi io Fan di Edberg.... ci ho provato in tutti i modi a farmela piacere..ma nulla!

Dai, mi avete messo il tarlo di provare le racchette, sabato mi prendo un'oretta per visitare 2 posti e raccogliere racchette da provare... se poi divorzio è colpa vostra... Rolling Eyes

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da maurotrevi il Mar 8 Mar 2016 - 18:10

tieni presente che se cerchi una racchetta più moderna senza sapere cosa cercare di preciso puoi sempre andare sull'usato, spendi poco, lo tieni 2 mesi e lo rivendi per cambiarlo con un altro senza grosse spese in più.

maurotrevi
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 231
Località : trieste
Data d'iscrizione : 16.11.13

Profilo giocatore
Località: Trieste
Livello: 4.0 itr
Racchetta: PS 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 8 Mar 2016 - 20:54

io ho iniziato nei primi anni 80. quelle tensioni che hai citato probabilmente si riferivano a corde di budello naturale, non a monofili. i monofili in genere si incordano da 19 a 23 chili. poi bisogna distinguere tra le tensioni usate dai pro (che sono mediamente più alte) e quelle che dovrebbero usare gli amatori. dici di trovarti nettamente meglio con ovali piccoli ma dici anche che hai steccato una quantità notevole di palle, quindi qualcosa non quadra. è vero che i telai da 100 in su hanno meno controllo, ma è anche vero che se hai tra i tuoi problemi quello di steccare troppo, non puoi usare, almeno per ora, piatti troppo inferiori. raccogliere racchette per poi provarle serve solo a confonderti le idee. devi provare una prima racchetta almeno 5 ore e poi in base a come va con quella, puoi orientarti sulla scelta della seconda.

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Mer 9 Mar 2016 - 1:17

poi non capisco nemmeno il senso di valutare le cose in base al ricordo delle sensazioni di 23 anni fa !  nel frattempo sei cambiato tu, sono cambiate le racchette, le corde e persino le palline. un piatto 100 di allora poteva darti sensazioni nettamente diverse sia perchè allora i telai con piatto 100 erano diversi e sia perchè eri abituato a giocare con piatti 90/95 e (giustamente) ti trovavi male nel passare a piatti nettamente maggiori. ora che l'abitudine fisica non esiste più la vuoi far ritornare a memoria ? sei passato dal minimo indispensabile alla "raccolta" di racchette, ma non è questo il modo di capirci qualcosa nel tennis; devi trovare una logica graduale che ti consente prima di tutto di crescere tecnicamente e fisicamente e in secondo luogo trovare un attrezzo che sia il più possibile idoneo; se ancora non hai messo a punto le basi il tuo telaio è attualmente in stand by, ossia ancora non esiste, come puoi pretendere di trovare un telaio ideale nei confronti di qualcosa che non ha ancora preso forma ? sarebbe come provare una serie di automobili senza aver preso prima la patente, rischi solo di fare danni e valutare fischi per fiaschi. fidati, ci sono passato, ho anche io 45 anni, ho avuto anche io un lungo periodo di stop e avevo i tuoi stessi dubbi amletici

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mer 9 Mar 2016 - 7:12

Lasciando perdere il discorso racchetta, che certamente devo valutare in maniera diversa a quanto previsto ( e l'idea dell'usato è forse la più percorribile , così da poter fare dei passi senza buttare via troppi soldi... Ovvero prova di qualche telaio, acquisto dell'usato di quello che ha dato migliori sensazioni, rivendita in caso dopo una decina di ore se le sensazioni non fossero definitive) devo dirti che nel mio caso la memoria è però fattore importante. Mi sono stupito, ma i colpi, i movimenti, perfino i difetti sono ritornati gli stessi . Ovviamente con meno fiatò... ( molto meno) e con
Meno precisione nell'impatto ( da qui le steccate, che comunque sono già diminuite moltissimo già nell'ultima ora di gioco).


Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Lun 14 Mar 2016 - 9:15

Bene, inizio le prove... Parlando con il negoziante dove mi appoggio delle mie sensazioni, del mio "gioco", della mia forma fisica, del mio attrezzo precedente... proviamo come prima racchetta (e secondo lui dovrei trovarmici bene, sicuramente meglio degli attrezzi che mi ha incordato a inizio febbraio) Wilson Pro Staff 97 S, con un manico leggermente più piccolo del mio usuale ( quindi un 3 con overgrip da 1,2 mm al posto di un 4 con overgirp da 1 mm) e corde Tecnifibre Black Code 22/23...

Sinceramente non la conosco, io avevo provato la Pro Staff classic e non mi ci ero trovato troppo bene (ma usata solo 2 ore), quindi sono curioso.

Inizio a provarla domani sera, vediamo che sensazioni mi darà...

Per il gioco, credo che da aprile se mi danno disponibilità e se riesco a creare lo spazio nei sabato mattina, inizierò con lezioni individuali, inizierò con 4, poi vediamo come mi trovo.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Lun 14 Mar 2016 - 11:24

praticamente è come se non avessi mai chiesto consigli qui sul forum !  ti sei fatto consigliare una racchetta molto agonistica con uno schema corde particolare e un'inerzia molto alta, la cosa più lontana possibile da quello che ti servirebbe e che ti era stato suggerito qui. contento tu......

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Lun 14 Mar 2016 - 11:42

@VANDERGRAF ha scritto:praticamente è come se non avessi mai chiesto consigli qui sul forum !  ti sei fatto consigliare una racchetta molto agonistica con uno schema corde particolare e un'inerzia molto alta, la cosa più lontana possibile da quello che ti servirebbe e che ti era stato suggerito qui. contento tu......

Scusa? tu stesso mi hai detto di non fare raccolta di racchette ma di provarne una per almeno 5 ore e poi valutare...
Hai suggerito di non prenderne una troppo sotto i 100 perchè ho detto di steccare troppo, cosa che prima di tutto da quando ho scritto il primo post e scemata quasi completamente, e in secondo luogo non ho preso una 85, ma una 97 (3 " in meno) è già troppo?

Mah, magari sono io troppo vecchio per questo forum, e di certo il mio senso estremamente pratico mi mette in difficoltà, ma è vero che ho chiesto consiglio qui, ma non l'ho chiesto solo qui, e credo che la scelta di seguire il consiglio di un professionista, che mi conosce, conosce l'attrezzo che utilizzavo, sente le mie impressioni, e vede di persona qual'è la mia corporatura e forma fisica abbia un qualche metro di giudizio maggiore. Poi magari si sbaglia, e hai ragione tu... ma da qualche parte devo iniziare... no?


Domani sera la proverò per la prima volta, metterò le mie prime impressioni... anche se sono solo le impressioni di un amatore...

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Lun 14 Mar 2016 - 20:57

@Matteo1970 ha scritto:
@VANDERGRAF ha scritto:praticamente è come se non avessi mai chiesto consigli qui sul forum !  ti sei fatto consigliare una racchetta molto agonistica con uno schema corde particolare e un'inerzia molto alta, la cosa più lontana possibile da quello che ti servirebbe e che ti era stato suggerito qui. contento tu......

Scusa? tu stesso mi hai detto di non fare raccolta di racchette ma di provarne una per almeno 5 ore e poi valutare...
Hai suggerito di non prenderne una troppo sotto i 100 perchè ho detto di steccare troppo, cosa che prima di tutto da quando ho scritto il primo post e scemata quasi completamente, e in secondo luogo non ho preso una 85, ma una 97 (3 " in meno) è già troppo?

Mah, magari sono io troppo vecchio per questo forum, e di certo il mio senso estremamente pratico mi mette in difficoltà, ma è vero che ho chiesto consiglio qui, ma non l'ho chiesto solo qui, e credo che la scelta di seguire il consiglio di un professionista, che mi conosce, conosce l'attrezzo che utilizzavo, sente le mie impressioni, e vede di persona qual'è la mia corporatura e forma fisica abbia un qualche metro di giudizio maggiore. Poi magari si sbaglia, e hai ragione tu... ma da qualche parte devo iniziare... no?


Domani sera la proverò per la prima volta, metterò le mie prime impressioni... anche se sono solo le impressioni di un amatore...
aridaje co sto troppo vecchio ! hai la stessa età mia, come ti avevo detto. ma poi che c'entra ? senso pratico non l'ho visto, anzi. senso pratico significa prima di tutto saper valutare i parametri di una racchetta, cosa di cui non ti sei preoccupato minimamente. ti erano stati consigliati dei modelli più accessibili ma non li hai presi in considerazione. la corporatura non c'entra niente con il telaio, si inizia con i telai che sono più versatili e adatti anche a livelli tecnici bassi, non con racchette superagonistiche come quella che ti è stata suggerita. tanto più che con lo stesso modello in versione base hai detto tu stesso che ti eri trovato male. nessuno ha ragione, bisogna solo comprendere come funzionano le racchette per avere un'idea su come orientarsi. nel sito tennis warehouse europe trovi tutti i modelli in produzione con le schede e i relativi parametri. tra questi è fondamentale l'inerzia (swingweight) che non deve essere al di sopra di 330 per garantire che l'attrezzo possa essere maneggiato con fluidità, la tua pro staff supera quel valore. questo non significa che tu non possa trovarti ugualmente bene, ma proprio perchè si tratta dell'inizio di un percorso, che ci si augura il più breve possibile, sarebbe molto più logico e prudente iniziare con parametri più equilibrati, in un range di valori che può consentire a tutti la fruibilità e nel caso ce ne fosse bisogno l'eventuale personalizzazione con aggiunta di peso. se parti da un parametro che sta già oltre il limite massimo non puoi personalizzare nulla e sei comunque costretto a subirne i probabili svantaggi

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Lun 14 Mar 2016 - 21:13

Il ragionamento non fa una grinza... Io non conosco i parametri di cui mi parli ( sono vecchio,

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Lun 14 Mar 2016 - 21:14

Il ragionamento non fa una grinza... Io non conosco i parametri di cui mi parli ( sono vecchio,

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da VANDERGRAF il Lun 14 Mar 2016 - 21:27

@Matteo1970 ha scritto:Il ragionamento non fa una grinza... Io non conosco i parametri di cui mi parli ( sono vecchio,
ma perchè pensi che la gioventù regali la conoscenza....? conoscere parte dal cervello, dalla voglia di farlo. con internet basta fare una rapida ricerca e trovi tutto. ci sono 15enni che non ne sanno nulla e 60enni che sanno tutto, ti ripeto, l'età non c'entra nulla, tranne i casi in cui generi testardaggine, che a quanto pare è il tuo. se a 45 anni si è già vecchi stiamo freschi !  quindi io che ho imparato a conoscere questi parametri solo da tre anni dovrei andare a lourdes a ringraziare la madonna.....?

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Lun 14 Mar 2016 - 21:53

J
Era una battuta, ma scrivendo dal cell mi ha tagliato il resto della risposta.

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da kingkongy il Mar 15 Mar 2016 - 1:12

Matteo, personalmente ti trovo simpaticissimo perché hai la "testolina di quadrello" tipica del tennista.
Ti racconto un aneddoto.
Io giocavo con le Wilson Kramer (custom). Ma era una racchetta abbastanza diffusa. Così un giorno decisi di andare controcorrente come un salmone e decisi di comprare Yamaha (Kramer gratis, Yamaha pagamento...). Presi due telai e li incordai in VS. Visto che le racchette erano due cessi lontani anni luce dai miei parametri, cominciai a giocare malaccio. Ma io dichiaravo che erano il massimo. Visto che non ne cavavo un ragno dal buco, la seconda settimana, rotta una corda, montai budello Miller da 17, il "mito"...per intenderci l'equivalente di 80-90 euro attuali...!!!
La terza settimana il maestro appoggiato alla ringhiera mi dice con un sorriso al veleno: "Senti, testolina di c...o, hai finito di prenderti per il c...o? No, perché se hai finito volevo dirti di riprendere le tue racchette (le Wilson) che avremmo un po' da fare...". 
Soffice come la carta vetrata ma molto efficace...
Very Happy

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12076
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Matteo1970 il Mar 15 Mar 2016 - 9:16

Ieri sera non riuscivo a scrivere con il cell... scusate. Mi salvava solo la prima riga... boh

Si, testa quadra mi si addice abbastanza, in generale, in questo caso secondo me un po' meno.

Quando parlo di essere vecchio è semplicemente per dire che non conosco tutte le nuove definizioni. Quando giocavo non so nemmeno se c'erano, o se c'erano erano poco "utilizzate" ( o semplicemente a 20 anni non ci si badava).

Io capisco che la vostra esperienza sia importante, frutto di centinaia di ore sul campo, di prove, di studi, ma non capisco la radicalità di determinati concetti. Una racchetta è uno strumento. In ogni cosa dove ci sia di mezzo uno strumento entrano in gioco sensibilità, confort, gusti, tecnica, forza, resistenza, etcc... tutti fattori personali che messi insieme rendono praticamente unica ogni persona, ed ogni esigenza. Questo credo sia innegabile.

Ora, quello che sinceramente non capisco (ignoro), è perchè questo strumento che ho preso in prova sia tanto sbagliato. Magari lo è, non lo metto in dubbio, ma perchè lo è già in fase teorica?
Ho parzialmetne seguito i consigli dati qui (No Yonex, no troppo sotto i 100) e parzialmente quelli del negozio ( le corde, la tensione, la scelta tra i modelli proposti).
Non vedo nemmeno motivo per il negoziante di farmi provare una racchetta particolare, i costi sono tutti li da quanto vedo, e sopratutto se mi trovo bene ci torno, se mi trovo male gli lascio la racchetta e vado da un'altro...
Tra 8 modelli, mi sono fatto evidenziare quelli più votati al controllo a discapito della potenza, più simili possibile come caratteristiche alle mie vecchie (perchè partire stravolgendo ? )  ed ho scelto quello che sentivo meglio in mano... proviamolo!

Ora, io sto giocando con un paio di attrezzi che pesano circa 370 grammi incordati , rigidi come assi, e potrei continuare pure a giocarci, di certo mi ci trovo ancora alla grande. Cerco qualcos'altro perchè non so quanto possono reggere (inizio a sentire il manico un po' ballerino e delle vibrazioni strane). Non ho metri di paragone in assoluto con racchette moderne.
Ritengo che senza metri di paragone iniziare con una rispetto ad un'altra sia praticamente la stessa cosa... tanto o hai fortuna (10%) o devi fare altre prove (90%) .... voi no?

Se è come dite voi, io stasera provandola mi dovrei accorgere dell'errore fatto, non mi troverò bene, la riporverò qualche altra ora e avrò maggiormente chiare le mie esigenze. Sbagliato? In base alla mia esperienza, sbagliando si impara... magari divento pure forte se è vero il detto...

@kingkongy bell'aneddoto.... anche io ha avuto un paio di maestri molto "diretti" all'epoca... mi prendevano a pallinate!!! Very Happy

Matteo1970
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 413
Età : 46
Località : Trofarello
Data d'iscrizione : 02.03.16

Profilo giocatore
Località: Trofarello (TO)
Livello: scarso
Racchetta: W PS 97 S

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da gabr179 il Mar 15 Mar 2016 - 9:52

secondo me la PS97S è sbagliata IN VIA TEORICA perchè è un telaio abbastanza pesante e soprattuto sbilanciato in testa che lo rende poco manovrabile se non si ha un bel braccio; farlo girare per dare topspin non è alla portata di tutti. Quindi non hai preso il telaio più facile e nemmeno il più versatile facendo una scelta piuttosto estrema.
Nulla vieta però che tu ti ci possa trovare bene. Nella peggiore delle ipotesi, se invece tu non riuscissi ad esprimere il tuo miglior tennis, sai che un telaio con quelle caratteristiche non è adatto a te. Così puoi provare un telaio con caratteristiche opposte.
Comunque io piuttosto che la PS97S avrei preso la RF97 che rimane più manovrabile nonostante i 340 gr di peso ma bilanciati al manico.

gabr179
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1017
Età : 37
Località : Monza Brianza Como
Data d'iscrizione : 08.08.12

Profilo giocatore
Località: Monza Brianza - Como
Livello: Scarso
Racchetta: Solinco Protocol 325 - Prince Response 97 - Wilson RF97A - Angell TC95 - Volkl Super G 8 315

Tornare in alto Andare in basso

Re: Problematiche riavvincinamento al Tennis

Messaggio Da Theo_84 il Mar 15 Mar 2016 - 10:11

@Matteo1970 ha scritto:Ieri sera non riuscivo a scrivere con il cell... scusate. Mi salvava solo la prima riga... boh

Si, testa quadra mi si addice abbastanza, in generale, in questo caso secondo me un po' meno.

Quando parlo di essere vecchio è semplicemente per dire che non conosco tutte le nuove definizioni. Quando giocavo non so nemmeno se c'erano, o se c'erano erano poco "utilizzate" ( o semplicemente a 20 anni non ci si badava).

Io capisco che la vostra esperienza sia importante, frutto di centinaia di ore sul campo, di prove, di studi, ma non capisco la radicalità di determinati concetti. Una racchetta è uno strumento. In ogni cosa dove ci sia di mezzo uno strumento entrano in gioco sensibilità, confort, gusti, tecnica, forza, resistenza, etcc... tutti fattori personali che messi insieme rendono praticamente unica ogni persona, ed ogni esigenza. Questo credo sia innegabile.

Ora, quello che sinceramente non capisco (ignoro), è perchè questo strumento che ho preso in prova sia tanto sbagliato. Magari lo è, non lo metto in dubbio, ma perchè lo è già in fase teorica?
Ho parzialmetne seguito i consigli dati qui (No Yonex, no troppo sotto i 100) e parzialmente quelli del negozio ( le corde, la tensione, la scelta tra i modelli proposti).
Non vedo nemmeno motivo per il negoziante di farmi provare una racchetta particolare, i costi sono tutti li da quanto vedo, e sopratutto se mi trovo bene ci torno, se mi trovo male gli lascio la racchetta e vado da un'altro...
Tra 8 modelli, mi sono fatto evidenziare quelli più votati al controllo a discapito della potenza, più simili possibile come caratteristiche alle mie vecchie (perchè partire stravolgendo ? )  ed ho scelto quello che sentivo meglio in mano... proviamolo!

Ora, io sto giocando con un paio di attrezzi che pesano circa 370 grammi incordati , rigidi come assi, e potrei continuare pure a giocarci, di certo mi ci trovo ancora alla grande. Cerco qualcos'altro perchè non so quanto possono reggere (inizio a sentire il manico un po' ballerino e delle vibrazioni strane). Non ho metri di paragone in assoluto con racchette moderne.
Ritengo che senza metri di paragone iniziare con una rispetto ad un'altra sia praticamente la stessa cosa... tanto o hai fortuna (10%) o devi fare altre prove (90%) .... voi no?

Se è come dite voi, io stasera provandola mi dovrei accorgere dell'errore fatto, non mi troverò bene, la riporverò qualche altra ora e avrò maggiormente chiare le mie esigenze. Sbagliato? In base alla mia esperienza, sbagliando si impara... magari divento pure forte se è vero il detto...

Non fa una grinza, secondo me fai benissimo a provare quello che ti senti di provare! Alla peggio non ti ci trovi e buonanotte. Non vedo il dramma. Secondo me teoricamente nessuno strumento è "sbagliato" perché non esiste proprio il concetto di giusto o sbagliato applicato alle racchette, semplicemente c'è roba con cui ti trovi bene per la combinazione delle tue personalissime caratteristiche fisiche e di gioco, e roba con cui non ti trovi bene. E puoi capirlo solo provandoci (un po' come per tutto nella vita).

E poi via, fino a 30-40 anni fa si davano le clave di legno da 4 etti anche a bimbi e donnette Laughing Altri tempi d'altra parte...


Theo_84
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 214
Età : 32
Località : Milano
Data d'iscrizione : 11.06.15

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4 NC
Racchetta: Yonex VCore Duel G 100

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum