Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

La mano debole, questa sconosciuta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da blackbishop il Lun 15 Feb 2016 - 0:30

Guardando i video autoprodotti su questo ed altri forum, ho notato che tanti giocatori non utilizzano la mano debole come sostegno, quella che non impugna per intenderci, e tengono sempre il telaio con una mano sola. E' un atteggiamento molto dannoso perche' costringe l'avambraccio ad una contrazione funesta che pregiudica tutti i colpi, ma facile da correggere credo. Mi domando perche' e' cosi' diffuso questo atteggiamento, qualcuno sa darmi una risposta?

blackbishop
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 119
Data d'iscrizione : 11.12.15

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: NC
Racchetta: Prince Response 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da VANDERGRAF il Lun 15 Feb 2016 - 0:37

perchè in mancanza di abitudine impostata sin dall'inizio della pratica, si tende a sintetizzare i gesti togliendo elementi considerati istintivamente superflui. io ad esempio ho visto persino giocatori che mentre colpiscono tengono l'altro braccio immobile disteso accanto alla gamba.

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da Sonny Liston il Lun 15 Feb 2016 - 7:05

Solo chi gioca in Continental può non usare l'altra mano, in quanto l'impugnatura non cambia tra dritto e rovescio...

Oppure i principianti che giocano un orribile rovescio con impugnatura di dritto.

Se guardi un video dell'immenso Rod L'aver, vedrai che non toccava mai la Racca con la mano non dominante...

Giocava in Continental.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8053
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da ale.crl76 il Lun 15 Feb 2016 - 11:23

E' una cosa orribile a vedersi, oltre che dannosa, come giustamente osservato. Credo sia un atteggiamento da tennisti autodidatti, nella scuola-tennis una delle prime cose che viene insegnato è proprio di utilizzare l'altra mano nel supportare la racchetta durante l'attesa.

ale.crl76
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 42
Data d'iscrizione : 24.08.15

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: NC - ITR 3.5-4
Racchetta: Yonex DR100

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da Sonny Liston il Lun 15 Feb 2016 - 11:40

@ale.crl76 ha scritto:E' una cosa orribile a vedersi, oltre che dannosa, come giustamente osservato. Credo sia un atteggiamento da tennisti autodidatti, 
Ne sei proprio sicuro?
Guarda questo video di Rod L'aver, probabilmente il più grande di sempre, e dimmi se sia orribile a vedersi...


Giocava in Continental, e non usava l'altra mano.


Non credo fosse un autodidatta...


http://www.passionetennis.com/t39926-rod-laver-a-36-anni?highlight=Laver

Ovviamente, con le prese moderne occorre per forza sostenere la Racca per girare l'impugnatura.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8053
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da ale.crl76 il Lun 15 Feb 2016 - 16:52

Beh ogni tanto mi sembra che Lever toccasse la racchetta con l'altra mano..comunque io mi riferivo ai giocatori da circolo...vederli con un braccio a penzoloni lungo il fianco non è proprio il massimo...

PS: Lever sembra un gatto...

ale.crl76
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 42
Data d'iscrizione : 24.08.15

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: NC - ITR 3.5-4
Racchetta: Yonex DR100

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da albs77 il Lun 15 Feb 2016 - 17:44

Ne conosco uno che lo fa apposta a giocare col braccio sinistro a penzoloni.
E' convinto che il "vero" tennis si giochi in continental e se non sei d'accordo vuol dire che non capisci niente di tennis.

albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1186
Età : 38
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: Pacific Xfeel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da Sonny Liston il Lun 15 Feb 2016 - 18:56

Ormai il tennis in continental e morto e sepolto.

Ciò non toglie che molti veterani ci giocano molto bene...

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8053
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da kingkongy il Lun 15 Feb 2016 - 19:17

Ci vuole un polso in cromo-vanadio per giocare tutto in continental...e Laver era tutto in lega... Very Happy

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da Sonny Liston il Lun 15 Feb 2016 - 19:29

@kingkongy ha scritto:Ci vuole un polso in cromo-vanadio per giocare tutto in continental...e Laver era tutto in lega... Very Happy

Per un'altezza di 172 cm, aveva un polso (misurato) delle stesse dimensioni di Cassius Clay...

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8053
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da gp75 il Ven 19 Feb 2016 - 16:54

@ale.crl76 ha scritto:E' una cosa orribile a vedersi, oltre che dannosa, come giustamente osservato. Credo sia un atteggiamento da tennisti autodidatti, nella scuola-tennis una delle prime cose che viene insegnato è proprio di utilizzare l'altra mano nel supportare la racchetta durante l'attesa.

Più che da autodidatta direi autodidatta alle primissime armi. Io sono autodidatta ed uso entrambe le mani: per cambiare impugnatura tra diritto e rovescio , per portare indietro la racchetta nel rovesco, quando mi presnto a rete. Penso che solo un fenomeno possa presentarsi a rete tenendo la racchetta con una sola mano e riuscire a fare entrambe le volee. E come dicevano altri ci vorrebbe un polso in lega! Very Happy

gp75
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 142
Età : 41
Data d'iscrizione : 25.10.12

Profilo giocatore
Località: dove c'è da giocare
Livello: sempre da migliorare, ora FIT 4.1, ITR sempre 4.0
Racchetta: Babolat Aereoprodrive 2013 e PD Team 2005

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da ThirdEye_ il Ven 19 Feb 2016 - 18:01

Un conto però è l'utilizzo della mano sinistra (facciamo finta di parlare di un destrorso che colpisce di diritto) per cambiare impugnatura e basta, altra cosa è usarla (anche) per prendere la distanza dalla palla e costringere il busto a ruotare. Che poi le due cose possano (e spesso debbano) avvenire insieme è un altro discorso.
In risposta (sempre di dritto) al servizio si presuppone che si sia già preparati con l'impugnatura da dritto, per cui la mano sinistra, se uno la usa solo per trovare il grip giusto, sulla carta potrebbe starsene a far nulla. Invece portarla a destra serve eccome. Col fatto che 'ste racchette pesano niente e sparano lontano, tanta gente colpisce in super-open stance, ovvero se ne sta completamente frontale ad aspettare la palla per colpire di solo braccio. Cosa non esattamente ortodossa.


ThirdEye_
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1400
Età : 38
Data d'iscrizione : 26.09.14

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.5 - 4.0
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 16M Ltd; 2x Wilson Pro Staff 97 RFA.

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da blackbishop il Sab 20 Feb 2016 - 21:10

Federer immenso, ogni volta che lo guardi impari qualcosa di nuovo. Notare come la sinistra serve a far ruotare le spalle prima da una parte e poi dall'altra.

blackbishop
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 119
Data d'iscrizione : 11.12.15

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: NC
Racchetta: Prince Response 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: La mano debole, questa sconosciuta

Messaggio Da ThirdEye_ il Sab 20 Feb 2016 - 21:21

E non solo: una volta ruotate le spalle verso sinistra, nel primo dritto, quello a sventaglio, il braccio si "chiude" e blocca la rotazione. La perfezione.

ThirdEye_
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1400
Età : 38
Data d'iscrizione : 26.09.14

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.5 - 4.0
Racchetta: Tecnifibre TFight 315 16M Ltd; 2x Wilson Pro Staff 97 RFA.

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum