Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

"SENTIRE" LA PARTITA

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

"SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da celho74 il Dom 5 Set 2010 - 19:21

Ciao, a me capita che nei match più importanti "sento" la partita, ovvero sbaglio un pochino di più del solito. Voi altri, se e quando vi capita come vi comportate?

celho74
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 42
Località : Pianoro (BO)
Data d'iscrizione : 07.04.10

Profilo giocatore
Località: Pianoro
Livello: 4.5
Racchetta: Head Prestige MP

http://dreamteampianoro.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da giorgio ruggieri il Dom 5 Set 2010 - 20:37

io la partita la sento quasi sempre! e non riesco mai a giocare come in allenamento o in palleggio!

giorgio ruggieri
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 43
Età : 21
Località : itri
Data d'iscrizione : 09.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: NC
Racchetta: head radical microgel mp

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da celho74 il Dom 5 Set 2010 - 21:33

Vedendo alcuni giocatori meglio di me, mi chiedo sempre come facciano a superare i momenti difficili in campo. Pensa solo a quanti iniziano con un rovescio forte e laciato e subito dopo passano a giocare in back per tutta la partita...

celho74
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 42
Località : Pianoro (BO)
Data d'iscrizione : 07.04.10

Profilo giocatore
Località: Pianoro
Livello: 4.5
Racchetta: Head Prestige MP

http://dreamteampianoro.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da cristiano75 il Dom 5 Set 2010 - 23:49

Penso che anche i prof sentano la partita... o come i calciatori quando tirano i rigori sentano la paritita/pressione...

E parliamo di gente pagata per fare "solO"quello... se la sentono loro, vuoi nn sentirla tu!??!

cristiano75
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1461
Età : 41
Data d'iscrizione : 17.06.09

Profilo giocatore
Località: Pordenone
Livello: 4.0
Racchetta: Head Radical MG Pro

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da Hammer72 il Lun 6 Set 2010 - 0:56

la differenza tra noi e i giocatori di categoria + alta sta anche in questo :
noi sentiamo la partita facendocela addosso dall'emozione e giocando peggio che con i soliti amici con cui ci alleniamo.

loro sentono la partita come un momento dove possono e SANNO di esprimersi al meglio. traformano la paura in rabbia e grinta

Hammer72
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 4709
Età : 43
Località : Alessandria / Torino
Data d'iscrizione : 25.05.10

Profilo giocatore
Località: Alessandria
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: BABOLAT PURE AERO E APD GT ROLAND GARROS

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da abracadabra78 il Lun 6 Set 2010 - 1:20

@cristiano75 ha scritto:Penso che anche i prof sentano la partita... o come i calciatori quando tirano i rigori sentano la paritita/pressione...

E parliamo di gente pagata per fare "solO"quello... se la sentono loro, vuoi nn sentirla tu!??!
sono d'accordo.....quanti hanno sbagliato rigori per esempio nn per mancanze tecniche ma perche' tesi psicologicamente dunque di conseguenza muscolarmente?TANTISSIMI CAMPIONI.....come ha detto cristiano,figuriamoci noi.....e lo stesso per il tennis...braccino.........

abracadabra78
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 10016
Età : 38
Località : milano
Data d'iscrizione : 11.08.09

Profilo giocatore
Località: milano
Livello: fit 4.2
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da doppiofallo il Lun 6 Set 2010 - 1:33

Ciao. Noi al campo abbiamo l'abitudine di fare solo partite, e ne facciamo così tante che alla fine il punto o non il punto non conta più niente, idem quando ci giochiamo il campo o il caffe o la pizza. Certo passiamo anche giornate ad allenarci, però facciamo allenamenti mirati e se sono mirati vuol dire che servono a correggere errori che abitualmente si fanno in partita. Con il tempo si limano anche quelle paure che in genere scaturiscono dalla presenza del "punteggio". Se posso permettermi di dare un consiglio: In un momento della gara in cui un game è perso o quasi, provare a giocare in totale assenza di tensione, ossia mirare in un lato del campo , liberare il braccio e buuum, poi succede che "inaspettatamente" da quella palla nasce un punto bellissimo ed allora si capisce che se si gioca sciolti , anche il colpo e la mira vanno alla grande e che la tensione porta solo ad un'altra tensione , quella muscolare e la maggior parte dei colpi si sbagliano perchè tutto il sistema si blocca, si arriva tardi o presto sulla palla e la frittata è fatta. Certo non è che si deve tirare sempre a tutto braccio, ma dobbiamo avere la nostra velocità di palleggio di "crociera" ed imporla, poi alla prima opportunità si tira. Intendiamoci, la tensione partita un pò ci sarà sempre, ma è la stessa tensione che poi se vinci.....ti fa esultare , allora bisogna convincersi "serenamente" che non esiste un modo magico per liberarsi della "tensione gara" quello che si può fare è conviverci al meglio.......... o almeno meglio dell'avversario Ciaooo

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da boris75 il Lun 6 Set 2010 - 18:53

Io di solito gioco meglio il 2 set perchè mi lascio andare sia che abbia vinto o perso il primo. Prima la sentivo di più ora un pochino meno perchè mi sono detto che non lo lascio andare il braccio non impararò mai ..... tanto vale fare il pallettaro ;-)

boris75
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 599
Età : 41
Località : Siena
Data d'iscrizione : 25.12.09

Profilo giocatore
Località: Siena
Livello: giocatore di club 3.5
Racchetta: Aerostorm GT custom, Volkl DNX9

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da Hammer72 il Mar 7 Set 2010 - 0:45

giusto .. pallettaro rulez

Hammer72
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 4709
Età : 43
Località : Alessandria / Torino
Data d'iscrizione : 25.05.10

Profilo giocatore
Località: Alessandria
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: BABOLAT PURE AERO E APD GT ROLAND GARROS

Tornare in alto Andare in basso

Velicità di crociera!!!

Messaggio Da otello69 il Mar 7 Set 2010 - 10:36

@doppiofallo ha scritto:Ciao. Noi al campo abbiamo l'abitudine di fare solo partite, e ne facciamo così tante che alla fine il punto o non il punto non conta più niente, idem quando ci giochiamo il campo o il caffe o la pizza. Certo passiamo anche giornate ad allenarci, però facciamo allenamenti mirati e se sono mirati vuol dire che servono a correggere errori che abitualmente si fanno in partita. Con il tempo si limano anche quelle paure che in genere scaturiscono dalla presenza del "punteggio". Se posso permettermi di dare un consiglio: In un momento della gara in cui un game è perso o quasi, provare a giocare in totale assenza di tensione, ossia mirare in un lato del campo , liberare il braccio e buuum, poi succede che "inaspettatamente" da quella palla nasce un punto bellissimo ed allora si capisce che se si gioca sciolti , anche il colpo e la mira vanno alla grande e che la tensione porta solo ad un'altra tensione , quella muscolare e la maggior parte dei colpi si sbagliano perchè tutto il sistema si blocca, si arriva tardi o presto sulla palla e la frittata è fatta. Certo non è che si deve tirare sempre a tutto braccio, ma dobbiamo avere la nostra velocità di palleggio di "crociera" ed imporla, poi alla prima opportunità si tira. Intendiamoci, la tensione partita un pò ci sarà sempre, ma è la stessa tensione che poi se vinci.....ti fa esultare , allora bisogna convincersi "serenamente" che non esiste un modo magico per liberarsi della "tensione gara" quello che si può fare è conviverci al meglio.......... o almeno meglio dell'avversario Ciaooo

Concordo alla grande. Sottolineo in particolare la "velocità di crociera". La solidità del palleggio (ognuno per quello che può produrre in base a capacità e allenamento) credo sia la base per fare buoni risultati e divertirsi (e perchè no vincere qualche partita...). Quando ho capito questa cosa (spesso sottovalutata) ho fatto grandi progressi. Buon tennis a tutti

otello69
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2762
Età : 47
Località : Pavia - Milano
Data d'iscrizione : 12.02.10

Profilo giocatore
Località: Pavia - Milano
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: TGK 260.1 xl

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da doppiofallo il Mar 7 Set 2010 - 17:52

Una cosa che non ho scritto prima per non appesantire il post, ma che può aiutare molto da un punto di vista mentale che poi era il punto del topic. Non sto a dirvi tutta la storia ma per motivi vari di lavoro ho studiato molto il body language e gli stati d'animo che comunica e come si può sfruttare al meglio. Non so quanti di voi per lavoro (sopratutto agenti vendita) hanno sicuramente studiato ed appreso che il corpo comunica quello che la mente prova, ma questo processo e bilaterale, ossia il corpo ed il suo atteggiamento può far variare lo stato d'animo. Ex: Una persona con le braccia conserte comunica chusura, quindi in quella postura è meglio da parte di chi vuole qualcosa, non insistere, ma (vecchio trucco) porgere qualcosa alla persona in modo che questa prendendola apra le braccia ,di conseguenza anche lo stato d'animo della persona diventa appunto "più aperto". Questo è vero in ogni campo della vita, anche nel campo da tennis!! Scommetto quello che volete che quando la partita è ancora tirata ed equilibrata, se dopo un punto vi trovate a camminare verso la linea di fondo ma lo fate a testa bassa, e guardate un pò qua ed un pò la, i pensieri che vi passano per la testa sono più o meno:""Se mettevo quella volè ora eravamo 3 a 0--sti ca..o di nastri sono solo dalla sua parte--oggi non mi entra la prima--dopo tremila palle break non sfruttate scommetto che al primo vantaggio si frega il game--etc etc"" Se alla fine di un punto invece camminate con la testa bella ALTA, petto impettito, passo sicuro e lungo senza ciondolare, guardando le corde anche se sono perfette, dando un'occhiata di tanto in tanto all'avversario, abozzando un mezzo sorriso, la positività cambia alla grande ed allora anche la mente inizia a sviluppare pensieri del tipo "" Adesso ti brekko-- se spingo come so' fare la palla non la prendi mai-- oggi mi sento centrato su tutti i colpi--ho le gambe che vanno a mille--non avverto nessun fastidio alla spalla /braccio/gomito--la racchetta fa quello che voglio io etc etc"" Provate...anche se le state prendendo sonoramente, partita dopo partita, se avete perso, alla fine, alla stretta di mano un sorriso cordiale vi fa dimenticare "quasi" subito la sconfitta. Datevi tempo , all'inizio non sarà facile ,anche la mente ha bisogno di un pò di tempo per metabolizzare il tutto Wink Ciaooo

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da Gulfa il Mar 7 Set 2010 - 18:15

giusto...

Gulfa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 437
Età : 20
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 01.07.10

Profilo giocatore
Località: Napoli
Livello: 4.4
Racchetta: Wilson [K] Blade 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da andreanegrelli il Mer 8 Set 2010 - 17:47

Concordo in pieno con "doppiofallo"
penso che la differenza sostanziale tra un allenamento ed una partita (magari di torneo) la faccia solo la mente. Credo che proprio per questo motivo siamo noi ad avere la possibilità di fornire alla nostra mente le giuste intuizioni. E' come avere a disposizione un computer che a seconda di come noi lo impostiamo fa quello che vogliamo. Facile, basta fermarsi un attimo, chiudere gli occhi e immaginare come se fosse tutto reale di essere in grado di giocare sciolti ed il nostro miglior tennis, vedere tutti i colpi che ci riescono in modo impeccabile, che tutte le prime di servizio entrano nel rettangolo di battuta...
Se riusciamo a mostrare al nostro cervello quanto siamo rilassati e bravi a giocare a tennis ... lui penserà che lo siamo realmente... e più punti farai e più esulterai per la tua bravura ... e più riuscirai a giocare tranquillamente e con determinazione.
Grande "doppiofallo" mi piace un sacco il modo che hai di vedere le cose !!! cheers

andreanegrelli
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 188
Età : 47
Località : carpi (mo)
Data d'iscrizione : 06.09.10

Profilo giocatore
Località: Carpi
Livello: N.C.
Racchetta: Dunlop AEROGEL 4D 600

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da doppiofallo il Mer 8 Set 2010 - 18:04

Ciao Andrea, ti ringrazio, quello che hai scritto richiama alla visualizzazione, è come hai detto tu, impostare un computer. Io all'inizio non lo sospettavo, invece poi un ex tennista mi disse che molti giocatori prima di servire , si immaginano "loro stessi" che servono guardandosi da dietro, questo perchè il nostro cervello è molto sensibile alle immaggini impresse più che ai suoni e gli odori, quindi dopo aver visualizzato il punto, lo giocano, lo riproducono, è ovvio che ci vuole allenamento e non sempre riesce,altrimenti sai che p...e.Laughing Facci caso, lo fanno anche e sopratutto gli atleti del salto in lungo e ancor di più quelli del salto triplo Wink

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da wbtit il Mer 8 Set 2010 - 20:10

Molto interessante quello che hai detto doppiofallo, in parte non è quello che le antiche arti marziali fanno da secoli? Imitare l'immagine di un animale per assimilarne le caratteristiche "tecniche". Sento parlare molto anche di Programmazione Neuro Linguistica fun con alterni risultati: Napoletone!, ma fammi il piacere! Smile
Su Repubblica.it mi semba di ricordare un articolo in cui la Schiavone parlava anche di esercizi di meditazione zen, riepilogando: 8 ore di allenamento, 4 di meditazione, 2 di tecniche mentali, 1 di pnl... affraid Va che accendo la Wii...
Di sicuro da quando è andata all'estero ad allenarsi è molto migliorata quindi, scienza o non scienza, anche la mente deve essere allenata.

wbtit
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 607
Età : 46
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 08.08.10

Profilo giocatore
Località: Veneto
Livello: I.T.R. 2.5 NO iscritto FIT difensivo da fondo campo
Racchetta: Vedi firma.

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da celho74 il Mer 8 Set 2010 - 20:47

Al di la' di meditazione, pnl e quant'altro il pensiero positivo è sicuramente importante. Se quando sei sotto di 1 game pensi che perderai è sicuro che perdi!

celho74
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 42
Località : Pianoro (BO)
Data d'iscrizione : 07.04.10

Profilo giocatore
Località: Pianoro
Livello: 4.5
Racchetta: Head Prestige MP

http://dreamteampianoro.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da doppiofallo il Mer 8 Set 2010 - 21:10

Ex: pratico, aldilà della PNL che però è un pò più specifica e ci vuole più tempo, quello che dicevo io era un pò più immediata, un pò più leggera, la PNL comporta varie sedute poi si devono ascoltare nastri del tipo (inerenti al tennis per esempio): il mio diritto è sciolto, sono tranquillo e rilassato etc etc. Quello che intendevo io era comunque la positività ed il divertimento in se, oltre alla visualizzazione. L'esempio che volevo fare è calzante. Un Sabbato mattina mi chiama il gestore del campo per dirmi che un terza categoria era rimasto senza avversario (forfait) , io conoscevo il tipo e pensavo :" sai che pa..e, questo mo comicia a dire vabbè giochiamo piano cosi e colì"" Era un periodo che a lavoro le cose andavano pure così e così, stavo con il morale sotto i piedi, insomm apreparato allo 0-6 0-6. Arrivo al campo iniziamo a palleggiare, e lì sul palleggio vede che riesco a tenerlo lontano dalla linea di fondo e per mettere le cose a posto mi fa :" Ti và di fare un set?" ""Eccolo"" penso io. Allora approfitto e dico "vabbè, batti tu però": Iniziamo e vado in un minuto 3-0 per me,senza che pensassi minimamente al risultato (scontato); in quel momento mi passa per la testa un pensiero ..."Vabbè almeno se perdo non perdo 6-0" Non lo avessi MAI pensato, mi va 4-3 in un secondo: A quel punto lo vedo che inizia a fare serve&volley Shocked ,Penso:" Fossi venuto la mattina presto a farti fare Stefan Edberg Mad " Primo set ...6-4 per me. OVVIAMENTE mi fà :" Ce la fai a farne un'altro?" -" Come " Replico io, "nessun probblema", Il mio primo pensiero è stato: "tanto al massimo facciamo un set pari Laughing Laughing " Ovviamente 3-0 subito per lui, vabbè per non portarla per le lunghe il secondo è finito 6-4 per me. Lui gentilissimo mi fa i complimenti e ci salutiamo. Poi abbiamo giocato altre due volte . Risultati 6-2 6-2 per lui e 7-5 6-4 sempre per lui, questo perchè E' più forte e non si discute, però....la testa aiuta molto Wink Ciaooo

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da andreanegrelli il Mer 8 Set 2010 - 21:25

sempre più d'accordo con te "doppiofallo".
E' chiaro che per certe tecniche occorre pratica... del resto pure per giocare a tennis .... occorre pratica!!!!
Ciao a tutti! Wink

andreanegrelli
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 188
Età : 47
Località : carpi (mo)
Data d'iscrizione : 06.09.10

Profilo giocatore
Località: Carpi
Livello: N.C.
Racchetta: Dunlop AEROGEL 4D 600

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da wbtit il Mer 8 Set 2010 - 23:57

@doppiofallo ha scritto:Quello che intendevo io era comunque la positività ed il divertimento in se, oltre alla visualizzazione.
Quello che dici e come lo racconti è contemporaneamente interessante e spassoso, complimenti.
Un incontro è veramente soddisfacente solo se tutti e due giocano al meglio delle proprie possibilità.
Ciao.

wbtit
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 607
Età : 46
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 08.08.10

Profilo giocatore
Località: Veneto
Livello: I.T.R. 2.5 NO iscritto FIT difensivo da fondo campo
Racchetta: Vedi firma.

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da doppiofallo il Gio 9 Set 2010 - 0:57

Quello che dici e come lo racconti è contemporaneamente interessante e spassoso
.Ti ringrazio. Questo perchè non ho mai raccontato di quando in doppio servendo una prima (ti assicuro che qualche anno fa facevo i fossi a terra ) sbilanciandomi ......ho colpito in pieno rene sinistro il mio compagno di doppio di 62 anni. E' rimasto immobile per un minuto mentre gli avversari dall'altro lato del campo strisciavano a terra tra la disperazione ed il riso Laughing ...non ho mai visto un livido farsi così velocemente.....qualcuno afferma di aver intravisto anche la scritta "dunlop fort" sulla schiena.... Rolling Eyes ...però francamente ci credo poco scratch . P.S mi era venuta la mezza idea di chiedere ai moderatori o gli amministratori, di aprire una sezione chiamandola " le vostre partite" in modo che ognuno di noi potesse scrivere le cose come queste, un pò di tennis vissuto, aneddoti, caxxate di campo, belle partite e quant'altro, magari domani provo a parlarne con qualcuno di loro.Dopotutto i tennisti di questo forum...siamo noi Wink Ciaooo

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da Bonifacio Angius il Gio 9 Set 2010 - 15:24

Succede anche a me di sentire la partita. Ultimamente cerco di affrontare ogni match a là Borg massima calma e gioco ogni 15 come se fosse il primo anche se sono sotto. Sviluppare la forza mentale è utile e più gioco partite e più mi rendo conto quanto sia vera l'affermazione di Panatta che diceva: Di giocatori Bravi che colpiscono forte ce ne sono tanti ma vincere è un'altra cosa.

Bonifacio Angius
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 33
Località : Sassari, Italia
Data d'iscrizione : 27.04.10

Profilo giocatore
Località: Sassari
Livello: n.c.
Racchetta: Babolat APD Gran Turismo

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da celho74 il Ven 10 Set 2010 - 21:28

Io ultimamente mi trove che vado sopra e tutto ad untratto perdo il set...provabilmente penso troppo"...vinco io..."

celho74
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 42
Località : Pianoro (BO)
Data d'iscrizione : 07.04.10

Profilo giocatore
Località: Pianoro
Livello: 4.5
Racchetta: Head Prestige MP

http://dreamteampianoro.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da doppiofallo il Ven 10 Set 2010 - 23:04

Ciao celho. In effetti è propio quello che può succedere, (certe volte è solo una coincidenza) però è bene fare un distinguo, una cosa è essere positivi e "propositivi" , un'altra è ovviamente immagginare il risultato finale quando questo ancora non è sicuro, questo può portare ad un rilassamento e nel tennis sappiamo tutti come va a finire Laughing Meglio immagginare un punto alla volta, sopratutto quando dobbiamo servire noi, non si può immagginare e prevedere cosa farà il nostro avversario, quindi la nostra mente non "può" predisporsi in maniera vincente ad una cosa che non saremo noi a fare. Però è in grado di fare altre cose, : tipo , osservare il nostro avversario come si muove prima di servire, così da prevederne la direzione del servizio per esempio Wink Lo sapete come faceva Agassi? La storia che raccontava su Becker in particolare? Laughing

doppiofallo
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1025
Età : 40
Data d'iscrizione : 02.08.10

Profilo giocatore
Località: A sud di goteborg
Livello: Mai più bravo di un 4.1 ma non oltre 4,5
Racchetta: si si , ne ho due!

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da wbtit il Ven 10 Set 2010 - 23:17

@doppiofallo ha scritto:Ciao celho. In effetti è propio quello che può succedere, (certe volte è solo una coincidenza) però è bene fare un distinguo, una cosa è essere positivi e "propositivi" , un'altra è ovviamente immagginare il risultato finale quando questo ancora non è sicuro, questo può portare ad un rilassamento e nel tennis sappiamo tutti come va a finire Laughing Meglio immagginare un punto alla volta, sopratutto quando dobbiamo servire noi, non si può immagginare e prevedere cosa farà il nostro avversario, quindi la nostra mente non "può" predisporsi in maniera vincente ad una cosa che non saremo noi a fare. Però è in grado di fare altre cose, : tipo , osservare il nostro avversario come si muove prima di servire, così da prevederne la direzione del servizio per esempio Wink Lo sapete come faceva Agassi? La storia che raccontava su Becker in particolare? Laughing
Conta, conta... Smile

wbtit
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 607
Età : 46
Località : Vicenza
Data d'iscrizione : 08.08.10

Profilo giocatore
Località: Veneto
Livello: I.T.R. 2.5 NO iscritto FIT difensivo da fondo campo
Racchetta: Vedi firma.

Tornare in alto Andare in basso

Re: "SENTIRE" LA PARTITA

Messaggio Da celho74 il Sab 11 Set 2010 - 13:54

Sono curioso come faceva Agassi?

celho74
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 129
Età : 42
Località : Pianoro (BO)
Data d'iscrizione : 07.04.10

Profilo giocatore
Località: Pianoro
Livello: 4.5
Racchetta: Head Prestige MP

http://dreamteampianoro.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum