Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Messaggio Da felipe il Lun 1 Giu 2015 - 18:26

mettiamo per ipotesi che dobbiamo costruire una racchetta che pesi senza corde 320 grammi.

è giusto fare una racchetta che abbia peso abbastanza distribuito in maniera uniforme oppure è giusto polarizzare?
KK vedi di rispondere e di illuminarmi così come facesti con la pronazione dell'avambraccio.. Very Happy 

graditissimi commenti di tutti... se fosse possibile anche del sommo

felipe
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 837
Data d'iscrizione : 03.03.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: prima nmm (non mollare mai) ora mdcv (ma dove caxxo vado)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Messaggio Da nw-t il Lun 1 Giu 2015 - 18:48

Che forma deve avere il telaio/steli? Boxato...profilato...o una via di mezzo... Punto di flessione...? Rigidità/flex? Grandezza piatto corde? Schema corde..?

nw-t
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 15458
Data d'iscrizione : 24.04.10

Profilo giocatore
Località: Terra di nessuno
Livello: Riesco a buttarla di là...benino...
Racchetta: HEAD TGT 312.1 Prestige Grafene Rev Pro XL 69 cm

Tornare in alto Andare in basso

Re: su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Messaggio Da felipe il Lun 1 Giu 2015 - 19:03

la mia domanda è correlata unicamente al peso.
A parità degli altri parametri scelti, è meglio uniformare o polarizzare?

felipe
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 837
Data d'iscrizione : 03.03.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: prima nmm (non mollare mai) ora mdcv (ma dove caxxo vado)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Messaggio Da kingkongy il Lun 1 Giu 2015 - 22:28

Con 320 grammi e i materiali odierni le corde lavorano bene.
A questo punto, visto lo swing "agonistico" medio (ovvero quello che va per la maggiore)...polarizzare senza se e senza ma. L'unico obiettivo, tolte le torsioni, è accelerare al massimo la testa della racchetta anche su spazi brevi (swing stretti), pertanto il peso di 320 è "moderno" e coerente.
Su masse così un po' in "dieta" e velocità di palla così elevate, serve energia cinetica sul piatto corde...pertanto servono telai "avanti".
Poi ci aggiungi tutte le domande di Luca, con un occhio di riguardo al flex point.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12080
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 2 Giu 2015 - 0:03

per avere un'idea più precisa, come sarebbe distribuito il peso tra manico, steli e piatto corde ? ossia in che proporzioni ?  mi riferisco all'ipotesi del peso polarizzato. il peso uniforme, invece, non sarebbe garanzia di un attrezzo comunque più progressivo e con maggior controllo complessivo ? parlando di sensazioni, esistono dei "segnali" avvertibili anche dai comuni mortali di basso livello tecnico, da cui intuire se una racchetta ha il peso distribuito in modo nettamente più uniforme rispetto ad un'altra ?

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: su come si costruisce in maniera ottimale una racchetta agonistica

Messaggio Da kingkongy il Mer 3 Giu 2015 - 10:21

No non è così facile... la distribuzione dei materiali, l'orientamento delle fibre e la scelta dei compositi sono essenziali, proprio perché la racchetta non è la tavola di un trampolino ovverossia un pezzo unico con una forma regolare.  La difficoltà e proprio in questo, nel gestire le vibrazioni e nel gestire gli sforzi meccanici nei vari punti "chiave" della racchetta, che sono veramente tanti.
 Basti pensare ai punti nevralgici che sono le orecchie (ovvero le ore 3 e 9), l'attaccatura degli  steli all'ovale e l'attaccatura degli steli al manico.  Non per niente si dice che il cuore della racchetta è un po' il motore della stessa.  C'è anche da dire che l'importanza crescente delle corde fanno propendere a una  progettazione sempre più in funzione dell'ovale.
La distribuzione delle masse sta cambiando  in funzione dei nuovi materiali.  Prendi ad esempio le Yonex che da anni utilizzano i fullereni e una geometria isometrica dell'ovale: le masse sono l'ultima delle loro preoccupazioni, tanto è vero che molti le giudicano "vuote" in testa... Ma prendi la Tour F da 295 gr che tira come una dannata ma con un tocco niente male.
Un altro esempio "classico": il cuore delle PT57 è considerato ancora dopo due decenni un'opera d'arte e non sono racchette leggere: accelerarle non è da tutti e rischiano di porsi fuori mercato. Infatti il Graphene è entrato in gioco. Ci manca solo il Carbyde e facciamo una racchetta da 100 grammi con percentuali di restituzione dell'energia da paura! 
La massa? A questo punto, vista la stabilità strutturale, la mancanza di torsioni e la capacità di far lavorare il piatto corde in funzione delle corde (nuova generazione)...dopo che dai massa a ore 3 e 9 per favorire gli Spin...tanto vale metterne un po' in testa per favorire i servizi-bomba e gli swing veloci. Gli SW son sempre alti, ma non impossibili. 
Per le distribuzioni delle masse in percentuali.... citofonare Mario o Raffaello o Michele.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12080
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum