Passionetennis - Il portale del tennista
Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it
Accedi
Ultimi argomenti


Ultime dal mercatino
Link Amici

Condividi
Andare in basso
avatar
netplay
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 286
Data d'iscrizione : 07.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.5
Racchetta: non lo so

Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Gio 14 Mag 2015 - 13:12
Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti,
sono stato ieri mercoledi' 13 maggio, la giornata principale a quanto si dice. Ho preso un biglietto al centrale da euro 80 e rotti, non mi ricordo la cifra esatta. Le partite sul centrale sono iniziate alle 12 e alle 17:30 erano già finite per riprendere alle 19 con Roger... si potevano vedere solo tre incontri del diurno, perché ho scoperto che nonostante aver pagato 80 euro, se si voleva vedere il match di roger bisognava fare un altro biglietto! Io lo trovo incredibile, non lo so voi. Cioè dalle 12 alle 17:30 per 80 euro (e il mi biglietto era un dei piu' economici).
Per non parlare delle acque minerali che caso strano al Pietrangeli nessuno vende ( 2 euro una bottigliettaaaaaa) ma si vendevano solo salati pop-corn che ti facevano venire sete oppure bottiglie di Gatorade a 4 eurooooooooo........
SE volevi l'acqua dovevi uscire dal Petrangeli e poi pregare il povero steward per farti rientrare.... lui che non ci credeva che avevi lasciato il tuo posto un attimo per andare a prendere l'acqua. Pazzesco.
Un hot dog? 5 euro, micro hot-dog, piccolissimo, ce ne volevano almeno due.
Una Birra corona?? 6 euro!!
Vuoi entrare  al Supertennis arena???? UN ALTRO BIGLIETTO! Io lo trovo un business pazzesco.
E poi lasciatemi dire due paroline sul Centrale: ma chi è quella mente fulgida che l'ha progettato? Per passare e andare a occupare il tuo posto, se sono presenti altri spettatori prima del tuo posto, si devono letteralmente alzare per farti passare perché c'è talmente tanto poco pazio per passare che nemmeno girando le gambe si riesce a passare. Scomodissimo, per chi è gia' seduto e per chi deve andare a serdersi.
Poi.... è talmente tanto ripido che va venire le vertigini. Veramente brutto.

Per il tennis.......... purtroppo si passa sopra a tutto, ma sono rimasto deluso.

ciao!

miguel
Utente attivo
Utente attivo
Numero di messaggi : 321
Data d'iscrizione : 15.01.09

Profilo giocatore
Località: torino
Livello: decente
Racchetta: ezone xi 98

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Ven 22 Mag 2015 - 14:30
capisco le tue proposte ma credo siano impraticabili.
qui da noi molti circoli organizzano tornei giusto per riempire le ore vuote, lasciare quindi ai giocatori  il compito di autogestirsi andrebbe contro i loro interessi e sarebbe comunque di difficile attuazione.
idem quadruplicare la durata del torneo, non mi sembra logico che un torneo debba durare un mese e mezzo.
la soluzione più semplice sarebbe tornare ai tabelloni in linea con i più forti avanti al massimo di uno/due turni, cosi' da avere almeno un giorno di riposo a livello di primi turni e poi far giocare dai sedicesimi/ottavi in avanti non più di una partita al giorno, cosa fattibile anche perché a quei turni arriva già gente abbastanza allenata.
avatar
ale.lorenz
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 3110
Età : 41
Località : Milano
Data d'iscrizione : 03.07.11

Profilo giocatore
Località: Milano - Pro Patria -
Livello: 4.1 (bye bye Abracadabra78)
Racchetta: 3 TGT 307,2 Radical Graphene MP con Head Lynx 1,25 a 24/23

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Sab 23 Mag 2015 - 9:03
Adolfo ha scritto:
@miguel ha scritto:
quello lo vedo difficile: venire incontro a 128 persone ed allo stesso tempo far finire un torneo in tempi ragionevoli mi sembrano due cose praticamente inconciliabili

Le soluzioni ci sarebbero e potrebbero essere applicate solo ai tornei di quarta:

Obiettivi:
- evitare di far giocare la gente ogni giorno ma dare almeno un giorno di riposo tra un match e l'altro
- fare accordare (per quanto possibile) i giocatori tra loro

Mezzi per raggiungerli
- Allungare la durata di ogni torneo quadruplicandola.
Questo vorrà dire che: chi vuole giocare ogni giorno si segna a più tornei contemporaneamente, chi si segna ad un solo torneo ha la possibilità di evitare di giocare ogni giorno, il circolo avrà maggiore disponibilità dei propri campi per i giorni del torneo quindi non deve bloccare tutto come succede adesso ma può far convivere benissimo partite di torneo e partite dei soci.
- Predisporre e regolamentare un meccanismo in cui siano i due giocatori a fissare l'orario del proprio match, prevedendo naturalmente anche un'imposizione "d'ufficio" se questo orario non viene comunicato entro un certo tempo.

Se facessero una cosa del genere vedrebbero lievitare il proprio giro in breve tempo, ma cambiare presuppone elasticità, per questo sono sicuro che non accadrà mai Razz
cheers cheers cheers
avatar
Frank71
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 4549
Età : 46
Data d'iscrizione : 12.01.12

Profilo giocatore
Località: Latina...già Littoria Olim Palus
Livello: Basso...molto basso...
Racchetta:

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Sab 23 Mag 2015 - 9:39
Sono andato agli Internazionali ininterrottamente per 6 anni di fila...sempre peggio.
L' anno scorso iperaffollamento, non è più vivibile...ergo quest' anno ho rinunciato e la domenica che avevo preventivato di esserci per le qualifiche ho fatto una bella pedalata al mare e dintorni
avatar
jagui
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1458
Età : 46
Località : Roma
Data d'iscrizione : 04.03.11

Profilo giocatore
Località: Roma Nord
Livello: ITR 4.0
Racchetta: Babolat Pure Drive

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Sab 23 Mag 2015 - 14:51
Sonny Liston ha scritto:
@isomax89 ha scritto:

Ma figuriamoci.
Supertennis è per gli appassionati.

A fare la differenza in un movimento in espansione a livello mondiale possono essere solo i protagonisti.
Le battaglie tra Rafa e Roger hanno dato tanto in termini di audience.
E Nole ora non è da meno.

Se non ci fosse SUPERTENNIS chi chi avrebbe mai visto le partite tra Rafa e Roger?

Un caxxo di nessuno! (a parte gli appassionati che pagano sky)...

E' EVIDENTISSIMO che supertennis abbia dato un ENORME IMPULSO a tutto il movimento amatoriale tennistico italiano.

Quotone.
E' la cosa più ovvia del mondo, gli italioti si fanno influenzare dalla tv più che da qualsiasi altra cosa.
avatar
sampras63
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 40
Data d'iscrizione : 25.01.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head Speed Pro GrapheneXT/ Blade 98cv 16x19

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Sab 30 Mag 2015 - 17:56
@ale.lorenz ha scritto:
@jasper ha scritto:
@onehandjack ha scritto:Mah non mi sembra niente di pazzesco sinceramente poi basta partire un pò organizzati ti porti tutto da casa e costo zero. Il costo del biglietto pure è allineato con gli altri tornei.
infatti... a Montecarlo è anche peggio.
Sull'acqua di sicuro  Very Happy
4 euro per una 33 cl Mad
Azz... addirittura, anchio sono stato a Roma ed è tutto bello, però effettivamente è un vero e proprio business, tutto carisssimo per il cibo e bevande, mentre negli stand bene o male erano nella media i prezzi.
avatar
Ospite
Ospite

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Dom 31 Mag 2015 - 0:47
Negli stand 70€ per una maglietta. Purtroppo si... erano nella media Shocked
andrea scimiterna
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1119
Data d'iscrizione : 26.01.14

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Gio 18 Feb 2016 - 21:11
Ultimamente sono andato su Ubitenns e nel giro di circa una settimana due articoli non esattamente pro FIT è un caso oppure ogni tanto capita?
avatar
babolat94
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 6303
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Gio 18 Feb 2016 - 22:51
Poi si sono fatta la regoletta ad Hoc che se uno entra e poi esce dalla struttura non può più rientrare. Deve acquistare un altro biglietto. Questo cosa comporta? È vero che hanno implementato gli stand ma la gente ha due possibilità: o si porta un pranzo al sacco ma tra macchine fotografiche ecc.. Finisci per portare zaini da 5 kg.. Il che non è il massimo. Oppure ti fai spennare dai punti ristoro che hanno prezzi per bibite e cibo da strozzini.. Hanno fatto in modo che  la gente sia costretta a consumare tutto li dentro.. Questa è una strategia che è a limite della legalità, sembra quasi un sequestro. Perché non posso rientrare? Io ho il biglietto! Che matti che sono!
avatar
babolat94
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 6303
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Gio 18 Feb 2016 - 22:57
Con super tennis il tennis è diventato sicuramente più seguito ma credo che a livello di pratica abbia influito a livello marginale. Forse può spronare la massa a giocare ma se il tennis non piace dopo appena poco la gente abbandona.. Non credo infine che super tennis potrà rimanere free all'infinito. Vedrete che molleranno la patacca tra un pó. Prima ti fanno assaggiare lo zuccherino e poi non ne puoi più fare a meno. Io avrei fatto così: abbonamento annuale 10/20 euro ma trasmetti i master 1000 e gli slam. Super tennis è ottimo perché dal punto di vista femminile trasmette fior di tornei. È un po carente nel maschile dove si trovano spesso tornei minori e pochi big concentrati nello stesso tabellone. Però alla fine come si dice meglio questo che niente. Nel 2010 St a pare coppa Davis e piccolissimi tornei era al 90 % repliche. Meglio così dai..
skettles
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 49
Località : Frosinone
Data d'iscrizione : 12.01.15

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Lun 16 Mag 2016 - 12:30
Io non vado agli internazionali più che altro per la calca di persone. Però alla fine i prezzi mi sembrano più che proporzionati al tipo di evento.

E' uno dei massimi tornei dopo gli slam. C'è tutto il meglio del tennis.
Se vai una sera a sentire un musicista dello stesso livello  paghi 80/90€ per un ora e mezza di spettacolo, in piedi da 5/6 ore prima e con le bevande anche a prezzi più alti di quelli che avete detto. E soprattutto non fanno entrare niente dall'esterno.

Per vedere juve galatasaray a torino, ottavi di Champions, ho speso due anni fa 90€ . Tanto per dire. A Barcellona , Barca-Milan, sempre ottavi. quarto anello del camp nou 57€ . 5 anni fa
avatar
danitennis
Fedelissimo
Fedelissimo
Numero di messaggi : 1253
Età : 38
Località : Roma
Data d'iscrizione : 28.12.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: ITR 4.5
Racchetta: Yonex SV98

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Lun 16 Mag 2016 - 13:22
Io sono stato mercoledi sera al centrale a vedere Nadal, biglietto comprato tempo fa e pagato 25 euro, cena al sacco e via. I prezzi sono nella media di tanti altri eventi !!
PiryLove
Frequentatore
Frequentatore
Numero di messaggi : 84
Località : Frosinone
Data d'iscrizione : 15.04.13

Profilo giocatore
Località: Frosinone
Livello: 4.5
Racchetta: Radical Graphene Pro

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Lun 16 Mag 2016 - 13:28
anche io ci sono stato per 4 anni di fila e dallo scorso anno ho detto basta.  e' normale l'affollamento visto il seguito che sta avendo il tennis in Italia, costo dei biglietti sempre piu' alto ma la cosa che mi ha fatto desistere sono state le eccessive chiusure che hanno fatto nel corso degli anni.  Mi spiego meglio, tra il Pietrangeli ed i campi minori hanno creato un bar/ristorante ma non e' piu' stato possibile passare alle spalle di questo per poter raggiungere i campi.  Morale della favola, visto l'elevato numero di persone sei sempre in mezzo alla calca.  Non dico nulla dei prezzi dei ristori perche' ampiamente trattati ed alti anche i prezzi degli stand.  Io non ho mai pagato una polo da tennis 70 euro.
avatar
lorenz90
Veterano
Veterano
Numero di messaggi : 3953
Età : 27
Data d'iscrizione : 23.10.13

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: I.T.R 5 - in miglioramento :D
Racchetta: PureDrive Pro Room custom by Medri

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Lun 16 Mag 2016 - 13:45
chissà l'anno prossimo quanto aumenteranno i biglietti, 100€ per il centrale quando anno scorso costava 85 per la classica giornata del mercoledì...

arriveranno ad un punto in cui spero che la gente capisca che bisogna starsi a casa e boicottarli
nardac
Assiduo
Assiduo
Numero di messaggi : 878
Data d'iscrizione : 20.12.10

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4.1
Racchetta: Pro Kennex

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Lun 16 Mag 2016 - 18:26
E poi in finale mandano una interprete che traduce a caso quello che dice Murray ?
Peracottari !!!!
skettles
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 49
Località : Frosinone
Data d'iscrizione : 12.01.15

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Lun 16 Mag 2016 - 23:38
Ragazzi la richiesta è enorme è normale che ci sono questi prezzi.
avatar
daw
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 7
Età : 44
Località : cento
Data d'iscrizione : 16.12.15

Profilo giocatore
Località: Cento
Livello: Del Suolo
Racchetta: Wilson ProStaff97

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Mar 17 Mag 2016 - 15:40
Mi associo a Skettles.
Sono stato al Centrale il mercoledì per la prima volta nella mia vita. Giornatona, Roger, Nole e Vinci in sequenza, Vika al Pietrangeli la mattina e Kirgios-Raonic al pomeriggio. Biglietto più che ripagato. Entrare al Pietrangeli è sempre un'impresa, naturalmente, ma ne vale la pena.
I prezzi sono assolutamente in linea con il livello dell'evento, secondo me, e il paragone con i prezzi dei concerti è totalmente calzante.
Ah regà, siam capaci di spendere 150 eurate ogni mese per una racchetta nuova, stiamo a fare le pulci su uno dei pochissimi eventi che possono scalzare per una settimana il calcio dal suo perenne (e noiosissimo) primo posto nelle preferenze dell'italiano medio?
Ancora: c'è qualcuno convinto che la FIT sia una ONLUS?
skettles
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato
Numero di messaggi : 49
Località : Frosinone
Data d'iscrizione : 12.01.15

Re: Internazionali d'Italia, un vero business per la federazione

il Mar 17 Mag 2016 - 18:24
che poi in questi eventi c'è tutta una serie di sistemi di royalties. Paghi un panino 7€ perchè il coni prende la sua royalties, cosi come l'atp e la wta. In più hai i normali costi di gestione di un bar e le tasse + il contributo siae sugli incassi.
La FIT inoltre ha un evento del genere all'anno da sfruttare per cui è chiaro che cerca di guadagnare il più possibile. 

Farsi i conti a casa è sempre facile poi dal vero cambia tutto.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum