Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Pagina 4 di 14 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 9 ... 14  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

12% 12% 
[ 11 ]
88% 88% 
[ 78 ]
 
Totale dei voti : 89

Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Durbans il Lun 19 Gen 2015 - 12:04

Promemoria primo messaggio :

Per "ultradifensivo" non intendo semplicemente fare il pallettaro (nella categoria ci sono anche quelli ma non solo), ma chi gioca sempre una palla senza peso in totale sicurezza abbastanza profonda e due metri sopra la rete (quindi non facilmente attaccabile), non rischiando mai assolutamente niente e vincendo una partita facendo zero vincenti e con 200 errori dell'avversario.

Vorrei sapere che ne pensate.

Durbans
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 12.04.13

Tornare in alto Andare in basso


Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Paolo070 il Mar 20 Gen 2015 - 17:24

Perfetto !!!  cheers

Paolo070
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2811
Data d'iscrizione : 10.08.12

Profilo giocatore
Località: Mud City by nigth
Livello: condizionate dalla pubalgia...
Racchetta: 2 x Ai100 ; 2 x APD 2013

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Roger66 il Mar 20 Gen 2015 - 18:30

il tennis è uno sport selettivo e fatto di categorie.
Se sei di categoria superiore "devi" vincere almeno 8-9 volte su 10,se sei di categoria nettamente superiore vinci 10 volte su 10.
Non ci sono altri argomenti in merito.
Solo il fatto di pensare ad una sorta di antisportività per il modo di giocare presuppone che l'antisportivo sia in realtà chi lo pensa o lo scrive o che,semplicemente,non abbia ancora capito che nel tennis,a qualunque livello,vince chi sbaglia meno.
E non lo dico io,lo dicono fior fior di statistiche.
Per cui,il sondaggio ha la valenza dell'aria fritta Laughing

Roger66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 326
Età : 50
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 01.02.10

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: FIT 4.1 O45 2015
Racchetta: Pro Kennex QTOUR

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Sonny Liston il Mar 20 Gen 2015 - 18:37

@Roger66 ha scritto:
Per cui,il sondaggio ha la valenza dell'aria fritta Laughing

Roger: bisogna considerare che tali questioni vengono poste per solito da "giocatori acerbi", o "perdenti seriali".

Il "giocatore serio" entra in campo, vince (o perde) stringe la mano all'avversario... e cerca di allenarsi sui propri punti carenti, piuttosto che "denigrare" il modo di giocare dell'avversario.

Ai circoli sono piuttosto "duro e diretto" con chi fa questi discorsi deleteri...

Purtroppo, fino che esisteranno i pallettari, ci saranno anche i loro "critici asperrimi" che passano le giornate a criticare il loro gioco, piuttosto che migliorare il proprio.

Ed io, di solito, mi siedo sulla sponda del fiume, e GODO nel vederli perdere miseramente contro il pallettarino di turno, al torneo sociale.

Musica, per le mie orecchie! Cool

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da MB66 il Mar 20 Gen 2015 - 18:40

Secondo me Sonny sta facendo uno sforzo ENORME per non essere paternalistico.   Laughing

E soprattutto per mantenere la calma.  Shocked

MB66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Età : 50
Data d'iscrizione : 29.04.13

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: FIT 4.2
Racchetta: Head Graphene XT Speed MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Roger66 il Mar 20 Gen 2015 - 18:54

@Sonny Liston ha scritto:
@Roger66 ha scritto:
Per cui,il sondaggio ha la valenza dell'aria fritta Laughing

Roger: bisogna considerare che tali questioni vengono poste per solito da "giocatori acerbi", o "perdenti seriali".

Il "giocatore serio" entra in campo, vince (o perde) stringe la mano all'avversario... e cerca di allenarsi sui propri punti carenti, piuttosto che "denigrare" il modo di giocare dell'avversario.

Ai circoli sono piuttosto "duro e diretto" con chi fa questi discorsi deleteri...

Purtroppo, fino che esisteranno i pallettari, ci saranno anche i loro "critici asperrimi" che passano le giornate a criticare il loro gioco, piuttosto che migliorare il proprio.

Ed io, di solito, mi siedo sulla sponda del fiume, e GODO nel vederli perdere miseramente contro il pallettarino di turno, al torneo sociale.

Musica, per le mie orecchie! Cool

i primi 4-5 anni che ho ripreso a giocare sai quante volte ho perso con i pallettari o presunti tali? decine e decine di volte.
Grandi arrabbiature ma grande voglia di migliorare...e alla fine fino ad un certo livello li batto regolarmente.
Ma a livello di 4.1-3.5 ne ho trovato uno 2 anni fa che mi ha dato 6-3 6-2 in 2h e 45. (e hai visto più o meno come gioco),dopo ha battuto un 3.5 ,e gioca scientemente coi candeloni (fatti molto bene ovviamente )ma se non lo attacchi sa passarti benissimo e corre come un matto.
bravo lui,poche pippe!
e mi piacerebbe incontrarlo di nuovo a distanza di 2 anni,per vedere come va a finire.
questo deve essere lo spirito,e solo così si può pensare di migliorare.
Perchè il tennis è uno sport in cui si può migliorare sempre e a qualunque età,basta la volonta e l'umiltà. Cool

Roger66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 326
Età : 50
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 01.02.10

Profilo giocatore
Località: Bologna
Livello: FIT 4.1 O45 2015
Racchetta: Pro Kennex QTOUR

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Sonny Liston il Mar 20 Gen 2015 - 19:28

@MB66 ha scritto:Secondo me Sonny sta facendo uno sforzo ENORME per non essere paternalistico.   Laughing

E soprattutto per mantenere la calma.  Shocked


No, sono influenzato e debole...
E' il quarto giorno con 38 di febbre! Cool

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da babolat94 il Mar 20 Gen 2015 - 20:36

Azz. Giovà pure te con la febbre. Io l'ho avuta 2 sett. fa. 
 È una moria di vacche in questo  periodo. Anche il tuo  avversario n.1 è accasato causa influenza.

babolat94
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6164
Data d'iscrizione : 14.01.12

Profilo giocatore
Località: della Capitale
Livello: tra Federer e un 4.6
Racchetta: ?????? xchè una alla fine vale l'altra

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 20 Gen 2015 - 20:57

@Durbans ha scritto:Per "ultradifensivo" non intendo semplicemente fare il pallettaro (nella categoria ci sono anche quelli ma non solo), ma chi gioca sempre una palla senza peso in totale sicurezza abbastanza profonda e due metri sopra la rete (quindi non facilmente attaccabile), non rischiando mai assolutamente niente e vincendo una partita facendo zero vincenti e con 200 errori dell'avversario.

Vorrei sapere che ne pensate.
scusa ma come fa a essere senza peso una palla abbastanza profonda ?  da dove la tira ? la fa scendere da un piccione viaggiatore che sorvola il campo e si ferma vicino alla riga di fondo ?  se la palla arriva sempre vicino alla riga di fondo, anche se non ha una traiettoria molto tesa, vuol dire che è una palla profonda e quindi devi saperla gestire anche indietreggiando a volte, quindi ha comunque un suo peso, quantomeno agli effetti della gestibilità. diversamente da quando rimbalza molto più verso il centro del campo, che ti dà comunque più tempo di preparazione e più facilità di spinta, a meno che non l'abbia tirata nadal in persona. se passa due metri sopra la rete vuol dire che è carica di rotazione in topspin e quindi dovrebbe avere una certa velocità, se non l'avesse sarebbe una tattica suicida, quindi non capisco di che cosa stai parlando. forse ci vorrebbe un video per capire. io sono per il gioco propositivo ma quello di cui parli tu non mi sembra un gioco d'attesa, visto che è assai difficile far rimbalzare la palla sempre profonda. ovviamente parlo di livelli tecnici medio-bassi

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Ziryab il Mar 20 Gen 2015 - 21:29

@Sonny Liston ha scritto:
@Ziryab ha scritto:
Innanzitutto voglio premettere che io non considero il pallettaro antisportivo (e l'ho anche scritto.
Se mi si vuol far credere poi che uno che corre e spaletta ha più tecnica di uno che tira topponi a 120km/h solo perché sbaglia meno, garbatamente rispondo con una risata.
Poi, se proprio ci tieni Sonny, ti racconto la mia esperienza con i pallettari in due parole.
Quando ho cominciato, tre anni fa, giocavo una o due volte la settimana e perdevo abbastanza regolarmente contro i pallettari, tentando di impostare dritto e rovescio in top (per questo ho regolarmente evitato il back per due anni) e accumulando un bel numero di errori.
Oggi ho un ottimo servizio (prima e seconda) e reggo piuttosto bene il palleggio, tirando forte e abbastanza toppato dritto e rovescio a due mani.
A volte gioco ancora con i pallettari con cui perdevo prima e che giocano "esattamente" come giocavano allora e li asfalto regolarmente dandogli uno o due game a set.
Ovviamente ho ancora tanto da imparare ma se devo guardare ai progressi fatti da me è da loro direi che stiamo 10 a 100.

Zyrab: senza polemica...
Se giochi a tennis da 3 anni, ti trovi ancora nella fase "tennista molto acerbo".
Ergo, ci sono ancora una MOLTITUDINE di pallettari che ti farebbero fare "uno o due game a set"
Se poi sbaglio, e dopo 3 anni di tennis (e senza una "classifica") asfalti tutti i pallettari, ti faccio i più vivi complimenti.
Sonny, io non ho mai detto che asfalto tutti i pallettari del mondo, ne ho mai messo in firma che sono un giustiziere di pippe; ho semplicemente detto che i pallettari che prima mi battevano quasi regolarmente oggi perdono regolarmente e pure male.
Poi, se vogliamo sostenere che uno che tira forte ma non regge 10 palleggi ha serie carenze tecniche probabilmente a livello di timing e di footwork, dobbiamo anche dire che uno che tira campanili e non sa fare nient 'altro ha carenze un po' in tutti gli aspetti della tecnica.
Tra le due categorie però corre una differenza essenziale per me: uno è un tennista "in progress" quindi tende al miglioramento (in modo più o meno velleitario) mentre l'altro ha semplicemente rinunciato a determinati aspetti del gioco sacrificandoli sull 'altare della regolarità.
Ribadisco per l'ennesima volta che io non ho mai tacciato di "antisportività" i pallettari ma tra chi cerca di fare il punto è chi cerca di far sbagliare l'altro io preferisco e appartengo alla prima categoria.

Ziryab
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1892
Data d'iscrizione : 16.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da kingkongy il Mar 20 Gen 2015 - 21:31

Prima di tutto una tonnellata di "in bocca al lupo" e Vitamina C virtuale per Giò!

Però leggere questo argomento mi ha fatto riflettere. Chiamo pertanto i miei coevi ad aiutarmi nel ragionamento.
I "pallettari" son sempre esistiti e, 40-30 anni fa, i giocatori più aggressivi li odiavano e li amavano. Li amavano quando il loro tennis pimpante era "sufficiente" (ovvero vincevano...), li odiavano quando il loro tennis non era sufficientemente tecnico e consistente da impedire al pallettaro di infilarlo come un tordo a rete o soffocarlo a fondo campo.
Beh, ma i "candelottieri" non esistevano! Non esisteva nessuno in grado di tenerti sulla recinzione a rispondere a topponi! 
Perché ? Perché i materiali non te lo permettevano. E se qualcuno ci avesse provato...si sarebbe suicidato, perché ogni palla più alta di 92 cm andava rispedita al mittente senza troppi complimenti. 
Morale... Son tempi felici per chi "candelotta".
E i pallettari? Quelli "di una volta" son sempre più forti e si mangiano in un boccone chi prova a fare il "fenomeno"...
E i pallettari odierni? Fanno "l'argomento" preferito del Forum. 
Però, al di là delle battute, tecnicamente possiamo discuterne?

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12075
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da cialisforever il Mar 20 Gen 2015 - 21:37

Sonny con la febbre a 38.....voglio subito un match!Almeno un paio di giochi li vinco!

cialisforever
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2048
Età : 48
Località : Arce (Frosinone)
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località: Arce (FR)
Livello: Livello Esaurito...e scarso il giusto,anzi di più!
Racchetta: Bridgestone

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 20 Gen 2015 - 21:45

king, secondo me ancor prima che un argomento tecnico dovrebbe essere considerato dal punto di vista dell'approccio allo sport inteso come passione e crescita personale. tralasciando tutto quello che è una valutazione oggettiva o personale sull'efficacia di un certo gioco e sull'eventuale inadeguatezza nel fargli fronte, ma che gusto estetico ci può essere nel giocare sempre in quel modo ? non mi riferisco di certo a chi lo sceglie in fasi avanzate come stile più redditizio ma a tutti quelli che lo scelgono perchè vedono che ci vincono già a livelli amatoriali o comunque bassi e non gli interessa provare altro. ossia siamo sicuri che è il punteggio a conferire bellezza a uno sport praticato a certi livelli ? secondo me è anche quello un lato caratteriale, chi è opportunista e pratico sceglie un certo gioco costante e chi è più "artista" o amante del bello o come altro lo si voglia definire, sceglie anche altre tattiche e altri colpi. perlomeno a me sembra che possa essere così, perchè se fosse solo un problema di vincere per essere contenti sarebbe molto più drammatico, ma non per chi lo fa, ma per come certi aspetti mentali possano influire persino su semplici hobbies senza pretese

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Sonny Liston il Mar 20 Gen 2015 - 22:14

Io continuo a ribadire il concetto che non valga la pena di concentrarsi e a farsi domande sulla "bontà" dell'altrui gioco.

Occorre concentrarsi sul proprio e, possibilmente, migliorarlo.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Ziryab il Mar 20 Gen 2015 - 22:20

...e su questo ti quoto in pieno.

Ziryab
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1892
Data d'iscrizione : 16.11.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Sonny Liston il Mar 20 Gen 2015 - 22:25

@Ziryab ha scritto:...e su questo ti quoto in pieno.




Ziryab: ovviamente in quello che scrivo non vi è NULLA di personale nei tuoi confronti...


E' solo il mio personalissimo punto di vista, che porto avanti da sempre.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 20 Gen 2015 - 22:25

è la stessa cosa che sto dicendo io sonny. non si tratta di bontà del gioco ma di una valutazione molto più estesa e universale. il tennis a certi livelli è solo un gioco, che ci fa soffrire e gioire ma pur sempre un gioco. e come tale bisognerebbe viverlo in tutte le sue varianti, possibilmente imparandole correttamente per poi trarne beneficio sia in termini di partita che di divertimento fine a sè stesso. altrimenti sarebbe come giocare a scacchi muovendo sempre solo i pedoni e lasciando fermi tutti gli altri pezzi

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da kingkongy il Mar 20 Gen 2015 - 23:30

Ok Vander, mettiamola così: come ognuno di noi, personalmente, affronta i propri limiti.
Nello specifico. Io non so vincere con i candelottari. O, meglio, io non so giocare il mio tennis (vario ed elegante) con i candelottari. Perché ? Come faccio? Sviluppo il mio tennis elegante fino a portarlo al massimo delle mie possibilità ...oppure cambio modo di giocare per arrivare a un risultato in cui non sono perdente in partenza?
Accetto l'inadeguatezza? mi adatto darwinianamente al nuovo contesto? Cosa è "vincere"?

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12075
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 20 Gen 2015 - 23:50

@kingkongy ha scritto:Ok Vander, mettiamola così: come ognuno di noi, personalmente, affronta i propri limiti.
Nello specifico. Io non so vincere con i candelottari. O, meglio, io non so giocare il mio tennis (vario ed elegante) con i candelottari. Perché ? Come faccio? Sviluppo il mio tennis elegante fino a portarlo al massimo delle mie possibilità ...oppure cambio modo di giocare per arrivare a un risultato in cui non sono perdente in partenza?
Accetto l'inadeguatezza? mi adatto darwinianamente al nuovo contesto? Cosa è "vincere"?
quello di cui parli è una fase successiva ed eventuale, non il mio discorso. io sto parlando di chi si avvicina ad uno sport e lo vuole praticare senza considerare minimamente l'ipotesi di poter imparare discretamente tutti i vari tipi di colpi per poi sperimentarli anche nei palleggi e nelle partite. non sto parlando di chi ha già le basi e sceglie una tattica o predilige certi colpi ad altri perchè li trova più efficaci, in relazione anche agli avversari. sto parlando di chi, in generale, pratica uno sport o un gioco, fatto di cento situazioni diverse e ne continua a praticare sempre e soltanto una minima parte. i motivi possono essere tanti, ma volevo impostare il discorso su un approccio naturale verso un qualsiasi gioco o sport, ossia quello che dovrebbe essere la natura intrinseca dell'apprendimento e della crescita tecnica e tattica contrapposto agli aspetti mentali limitativi, vuoi che sia pigrizia, vuoi opportunismo, vuoi "mi diverto così" o "se vinco perchè aggiungere o variare ?"  e chi più ne ha più ne metta. sappiamo tutti cosa significa vincere e cosa siamo disposti a fare per farlo, ma io parlavo di altro, perchè credo che ogni sport praticato per passione (non per soldi) sia da affrontare prima nella sua completezza e poi, in base a ogni situazione personale, nelle attitudini che n e derivano fisiologicamente ed inevitabilmente

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da VANDERGRAF il Mar 20 Gen 2015 - 23:55

è ovvio che poi di necessità si faccia virtù, ma quello può valere per chi sta facendo un torneo, per chi ha esigenze di classifica, per chi pratica puramente a livello agonistico, non per chi gioca due o tre ore a settimana con amici tanto per divertirsi. di quello sto parlando, della misteriosa (come direbbe kazzenger) forza che ci trascina verso la ripetitività ossessiva delle solite poche cose a discapito della voglia costante di scoperta e sperimentazione. è un discorso che può valere per molti contesti, apposta ho parlato di probabile carattere che va a contaminare anche l'aspetto ludico, inconsapevolmente o per un approccio limitato verso le proprie potenzialità

VANDERGRAF
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2802
Località : roma
Data d'iscrizione : 20.03.14

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: 4 nc
Racchetta: becker - tecnifibre -slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Dieghost il Mer 21 Gen 2015 - 1:28

Devo ammettere che mi piace molto questo argomento, perchè porta a galla una problematica di molti tennisti.
Quella di vivere questo sport idealizzandolo, emulando le gesta dei campioni, ma rimanendo ad un livello tennistico basso, ignorando totalmente ciò che i campioni della tv hanno passato per arrivare a quei livelli....alle tonnellate di "pallettari" che si son trovati sul loro cammino, magari egli stessi pallettari al tempo, prima di riuscire a salire di livello per poi sfociare nelle categorie superiori.
Trovo questo argomento molto educativo verso quelli che non arrivano a comprendere questo punto: quelli che si fossilizzano su un gioco di stile, ignorando spesso di colmare i loro punti deboli, continuando ad insistere sul colpo preferito, quasi sempre il dritto, che giocano magari alla grande solo con la pallina ad una determinata altezza in una zona preferita del campo.
Un esempio? Il mio compagnio di corso.
Buon fisico e buon dritto arrotato anche se di difficile chiusura, rovescio di rimessa, scarso gioco di volo e in difficoltà su palle basse a metà campo.
In una delle nostre prime partite di fine corso, con me in grande difficoltà nel tirare lungo per scarso allenamento e corde troppo tese perchè ancora alla ricerca del miglior set up, si ferma incazzato nero e mi fa " ma porca p...... Possibile che non riesci a giocare oltre la linea di metà campo?!?!?"
Io lo guardo sbigottito e gli faccio " scusami, ci sto provando...ma dovresti incazzarti più con te stesso visto che non riesci a chiudere sul mio gioco corto".
Stava perdendo.
In seguito ci ho dovuto litigare per fargli capire che doveva curare anche le cose che non gli piacevano se voleva migliorare il suo gioco... Ottimo giocatore se lo facevi giocare sul dritto all altezza dell anca, ma pessimo se gli rispondevi tagliato basso, se lo chiamavi a rete con palle corte o gli giocavi alto.

Se odiate i pallettari, il succo de discorso é: vi piace giocare emulando i campioni? bene, lasciate perdere i tornei e sceglietevi i compagni che la pensano come voi.
Vi piace fare i tornei? ok, allenatevi seriamente per superare la quarta categoria il più in fretta possibile...perchè a questi livelli si vince pedalando nel fango.

Tutto ciò in mia modesta opinione.

Dieghost
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 162
Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 20.09.14

Profilo giocatore
Località: Napule uè uè
Livello: NC pippa speranzosa!
Racchetta: ex Babolat Roddick(gomito addio)- ex Pro Kennex 295(odiata!) - Wilson Ultra 100 (sperem)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da kingkongy il Mer 21 Gen 2015 - 1:55

Letto Diego e sorrido per la scenetta carina... compagno scemo...
Torno un po' a Vander. La tendenza, la vocazione al miglioramento, alla "scoperta"? Beh, ci vuole anche chi insegni... Internet, amici, maestro ?
Bisogna avere anche una forte motivazione, perché il gioco non lo reggi con i colpi "fuori dal solito menù". Pertanto la voglia di imparare deve esser proprio tanta. Le volée manco le insegnano (seriamente) nella scuola tennis. Il lob? Saranno 20 anni che non lo vedo più. Il drop? Solo di rovescio e pure come sostituto di uno slice venuto male.
Penso che questa mia affermazione non faccia molto piacere e mi attirerà qualche antipatia, ma l'impoverimento tecnico del tennis nostrano è prima di tutto da attribuire alla grande povertà dei programmi e del "metodo" italiano. E, di conseguenza, questo si riverbera nel mondo amatoriale.
Il misterioso anelito verso il nuovo e lo sperimentare? Roba da setta satanica, da loggia massonica.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12075
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da albs77 il Mer 21 Gen 2015 - 10:54

@kingkongy ha scritto:Letto Diego e sorrido per la scenetta carina... compagno scemo...
Torno un po' a Vander. La tendenza, la vocazione al miglioramento, alla "scoperta"? Beh, ci vuole anche chi insegni... Internet, amici, maestro ?
Bisogna avere anche una forte motivazione, perché il gioco non lo reggi con i colpi "fuori dal solito menù". Pertanto la voglia di imparare deve esser proprio tanta. Le volée manco le insegnano (seriamente) nella scuola tennis. Il lob? Saranno 20 anni che non lo vedo più. Il drop? Solo di rovescio e pure come sostituto di uno slice venuto male.
Penso che questa mia affermazione non faccia molto piacere e mi attirerà qualche antipatia, ma l'impoverimento tecnico del tennis nostrano è prima di tutto da attribuire alla grande povertà dei programmi e del "metodo" italiano. E, di conseguenza, questo si riverbera nel mondo amatoriale.
Il misterioso anelito verso il nuovo e lo sperimentare? Roba da setta satanica, da loggia massonica.

Quoto.
Ed è quello su cui insistevo io: la qualità dell'insegnamento.

Si imparano i fondamentali da un tizio che ti tira delle palle morbide e tese ad altezza anca.
Ci credo che poi i poracci che mettono il naso al primo torneo se ne tornano a casa con il mal di testa: e chi mai ha insegnato loro a difendersi dai candelotti?

E non confondiamoli con i topponi alti e curvi che spesso vedi fare ai ragazzini: il top acquista velocità lineare quando atterra, quindi è una palla che pesa e su cui ci si può appoggiare.

Difatti qualunque under 14 con rovescio bimane se lo metti a pallettare o gli cominci a fare un paio di back sul rovescio lo mandi fuori di cabeza: lui manco sa come si tira su un back, anzi non sa cos'è il back.

A me non pare normale, anzi non pare serio.

albs77
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1181
Età : 38
Data d'iscrizione : 29.11.11

Profilo giocatore
Località: Oriago di Mira
Livello: itr 4
Racchetta: Pacific Xfeel tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 21 Gen 2015 - 11:00

Bravo Dieguito! cheers

Tutto corretto.

Il fatto che non ho MAI visto un "critica-pallettari" arrivare in Terza Categoria.

E nemmeno 4.1

Continueranno a perderci, ed a lamentarsi (IMPOTENTI) del loro "gioco da vigliacchi".

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 21 Gen 2015 - 11:01

@Dieghost ha scritto:

Se odiate i pallettari, il succo de discorso é: vi piace giocare emulando i campioni? bene, lasciate perdere i tornei e sceglietevi i compagni che la pensano come voi.
Vi piace fare i tornei? ok, allenatevi seriamente per superare la quarta categoria il più in fretta possibile...perchè a questi livelli si vince pedalando nel fango.

Tutto ciò in mia modesta opinione.

Bravo Dieguito!

Tutto corretto.

Il fatto che non ho MAI visto un "critica-pallettari" arrivare in Terza Categoria.

E nemmeno 4.1

Continueranno a perderci, ed a lamentarsi (IMPOTENTI) del loro "gioco da vigliacchi".

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da kingkongy il Mer 21 Gen 2015 - 11:43

Non vorrei però esser frainteso: io parlo di povertà tecnica (anche nell'insegnamento), non perché un buon Quarta non sia in grado di battere un "candelottaro"! Un candelottaro lo si batte con il sudore, la buona volontà, la costanza, l'allenamento e l'UMILTA'.
Io parlo di atteggiamento sbagliato all'imparare. Anche "imparare" a buttarla di là, sempre una in più dell'avversario, è - per me - un atteggiamento positivo.
Quello che mi spiace è che "correre sempre di più e picchiare sempre più forte" venga intesa come l'unica via per migliorare. Per me non è sufficiente. Perché troverai sempre quello che corre di più e che picchia più duro. 
Per carità, ognuno vive il tennis come meglio gli pare.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12075
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare "ultradifensivo" può essere considerato spotivamente scorretto?

Messaggio Da tizio88 il Mer 21 Gen 2015 - 12:35

Non penso Durbans,

non c'è niente di scorretto nell'imporre il proprio modo di giocare.
La scorrettezza interviene con il tuo atteggiamento nei confronti dell'avversario. Fino a che ognuno mette in campo quello che ha non vedo nulla di male.

tizio88
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 11
Data d'iscrizione : 21.01.15

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 14 Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 9 ... 14  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum