Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

tecnicA: ritorno al passato

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da andrea1974 il Mer 13 Ago 2014 - 13:39

Aggiorno quello che è successo. mi sposto qui perchè non parlo più di dolore ma di tecnica.

http://www.passionetennis.com/t37662-nuovi-dolori-freschissimi-colpa-della-racchetta

come è andata a finire.

MI SCUSO se mi dilungo, scrivo e cito TUTTO QUELLO CHE MI HA DETTO IL MAESTRO con cui ho analizzato la situazione.
Essendo cosa importante ho citato TUTTO, voi che ne pensate?


Ho giocato di nuovo nonostante abbia scaldato a fondo il braccio e il polso nelle prime battute di palleggio ho accusato un forte dolore al polso, cosa strana, sparito dopo qualche palla giocata. mah
Comunque mi sono rivolto ad un maestro del circolo, maestro FIT di primo livello, spiegandogli tutto il mio decorso tennistico e i miei problemi.
Mi ha dato un occhio con un oretta di palleggio, prima con lui poi con uno "sparring" mentre lui mi osservava da vicino.

Mi ha detto che degli anni  di lezione è rimasto qualcosa. ma non praticando il tennis per un pò di anni, evidentemente a causa di un forte imprinting muscolare in gioventù, tendo a tornare ai vecchi movimenti. eseguendo un "ibrido tra i due" :O


In pratica mi ha detto,
"è come un disco sovrascritto!

Hai lavorato 2 anni passati per trasformare il dritto in open stance e top frontale, e il rovescio in maniera differente.

Ma non avendo giocato per un pò, sono usciti i vecchi movimenti e adesso fai un "ibrido" tra i due. "




Un ibrido ovviamente sbagliato che sovraccarica un sacco il polso. Non ti consente di esprimere il reale tennis che puoi fare in campo.
Mi ha anche detto che questo movimento è molto dannoso, e facendo in pratica il tergicristallo (ma fatto male) non sono affatico il polso un casino correggendo TUTTO, ma non spingo sulla palla come potrei.


MI ADDENTRO NEL TECNICISMO

in pratica non affiancando più e non facendo l'apertura (da dietro ad avanti classica), ma un movimento a tergicristallo senza spingere avanti, perdo incidenza nel colpo.
NON PORTO la racchetta in avanti colpendo in anticipo, ANZI colpisco in ritardo quando la palla è all'altezza della mia figura, E CORREGGO TANTISSIMO con il polso
Ed è proprio questa estrema correzione che devo eseguire SU OGNI DIRITTO, che mi sta massacrando il polso.

Di fatto rimando ma senza spingere.
E così con il beck, non accompagnato dall'avambraccio morbidamente in avanti , ma frustato perde di controllo e di incidenza ne colpo.


Mi manca l'apertura classica e la posizione classica che ti fa spingere la palla. Sfruttando l'inerzia del braccio.
Ha detto che in realtà ho un diritto potentissimo, ma è coperto totalmente da questo "strano movimento". Suspect 

Io ero PERPLESSO a dir poco, e gli ho detto
"Scusami sei il maestro ok, ma...capiscimi sono anni che gioco così..ma siamo sicuri???"



così per verifica mi ha detto
" ok capisco che non è facile dopo anni che lo fia credere, facciamo una cosa...gioca libero ora, senza pensare allo stence ed a tutte quelle cose.

Affiancati, apri fai i movimenti che ti vengono naturali."


...

Dopo 15 - 20 minuti stavo giocando con apertura e affiancamento "classico" , non me la sono imposta...è tornata da sola...stranissimo!
Beh stavo giocando molto molto meglio, e la palla era VERAMENTE PESANTE come i vecchi tempi!!!! RASA alla rete. rimbalzava bassa e potente appena dopo l'aria di battuta allungandosi tantissimo e abbassandosi.

Il polso non si affaticava perchè affiancandomi bene arrivavo anche meglio sulla palla e riuscivo a mantenere il braccio in una apertura pulita e dritta.
Ho cominciato ad usare anche leggerissimi movimenti del polso per indirizzare la palla, e per "ammorbidire" il finale, con OTTIMI risultati riuscivo a indirizzare la palla senza alcuno sforzo.
Almeno cosi mi sembra.



Alla fine dell' allenamento avevo il polso riposato ma sentivo il braccio molto molto stanco.
Mi ha confermato
" ora hai giocato con il braccio che non è abituato, e te lo sei stancato ma il polso come vedi sta bene, è così che deve essere! Ora che lo alleni vedrai che anche il braccio non si stancherà".



Poi mi ha detto:
"Se vuoi continuare e ci tieni a sta roba che alla fine a te non è che serva tanto... ok, se vuoi ci lavoriamo per qualche mese ma sappi che non è il tuo tennis, e se non giochi sempre tenderai sempre a tornare ai vecchi movimenti"


aggiunge
"Per me è tempo perso, tu hai un OTTIMA impostazione classica, avresti dovuto lavorare su quello che è il tuo tennis senza fronzoli aggiunti. Io personalmente ti consiglio di giocare TANTO e lavorare per "RIPULIRTI MENTALMENTE" da tutti questi movimenti.
Arriva la palla, ti muovi ti fermi ti affianchi ti pieghi e colpisci.Impugnatura classica, sul rovescio la giri. Usi il polso sul beck morbido, battuta a martello".
Hai un tennis semplice e pulito che ti permette di sbagliare meno, perchè complicarlo?"


continua

"Non devi fare altro.

Oltretutto adesso hai un'arma in più.

Puoi usare sia il diritto di piatto sia il beck in movimento per scendere e mettere in difficoltà con gli attacchi.

Lo passi con il piatto, lo attacchi con il beck. Così ti diverti, e ti salvi il polso altrimenti con il tennis prima o poi hai finito."
Il rovescio, è SEPOLTO li sotto, sotto due anni di quel rovescio strano. Se giri l'impugnatura come ti hanno insegnato a 13 anni, vedi che un mesetto ed esce una bella bomba, ed anche controllabile. Vecchia scuola è il tennis migliore per divertirti e giocare bene.semplice e palla in campo"



"Se vuoi invece lavorare su top ed open stance OK , io i soldi non li rifiuto Very Happy ma ti avviso che non è tennis per te" .




L'ho pagato e sono andato via
Questo è tutto quello che mi ha detto il maestro, non conoscendo la sua fama non so che pensare? voi ? che idea vi siete fatti?

andrea1974
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 22
Località : Lecce
Data d'iscrizione : 31.07.14

Profilo giocatore
Località: lecce
Livello: amatoriale scarsino
Racchetta: Head Extreme

http://andreafiocca1.wix.com/home

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da MAS CELLI il Mer 13 Ago 2014 - 16:28

bhè hai provato a fare quello che ti ha suggerito e hai visto come è andata. Se questo ti ha soddisfatto allora quella è la strada, se vuoi invece tentare altre vie hai modo di farlo con tutti i rischi del caso.
Diciamo che hai testato clinicamente il tuo gioco ideale e quello che vorresti fare.

La frase che mi ha colpito è "Vecchia scuola è il tennis migliore per divertirti e giocare bene.semplice e palla in campo".

Avendo io 47 anni non posso che essere concorde, poi certo i materiali attuali aiutano a fare qualche cosa di diverso che era impensabile un trentennio fa, ma se la matrice è antica, vintage meglio non rischiare in tutti i sensi (tecnico & fisico).

MAS CELLI
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 155
Età : 49
Località : (VA)
Data d'iscrizione : 13.05.14

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex 97 Tour G - AI 100 - AI 98 G - Si100 - Xi100

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da MB66 il Mar 19 Ago 2014 - 18:45

Hai trovato un ottimo Maestro.
Concordo con tutte le cose che ti ha detto e come te le ha dette.

Questa è una risposta perfetta a tutti quelli che hanno imparato da ragazzi e dopo 20-30 anni vogliono cambiare gioco: open stance, top esasperato, rovescio bimane etc.

Solo quello che hai imparato da ragazzo sarà naturale.  

MB66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Età : 50
Data d'iscrizione : 29.04.13

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: FIT 4.2
Racchetta: Head Graphene XT Speed MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mar 19 Ago 2014 - 19:50

Se l'allievo gioca meglio...il maestro e' bravo.
Se l'allievo potrebbe giocare meglio di quanto gioca...non è bravo né il maestro né l'allievo.
Non ho capito bene la definizione di "gioco classico" e quando tu abbia finito di prendere lezioni...perché io ne ho 49 di anni...e l'open stance me lo ricordo... Hehehehe
Se ne parlava proprio con Veterano (coach in un'accademia spagnola, pertanto un maestro-maestro molto accreditato) che chi parte dall'impostazione anni '75-'80 non ha problemi a "capire" lo swing più moderno ed evoluto (ATP).
Ora, la salute viene prima di ogni ragionamento e pippa...però mi spiace tanto! Mi spiace la "resa". Ma si può vedere 'sto benedetto swing?

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Veterano il Mar 19 Ago 2014 - 20:59

Mah il maestro puo vederci bene,o puo' anche no avere voglia di mettersi li a ricominciare da capo su un colpo che tra al'altro sembra funzioni, e stravorgelo totalmente.
Comunque in linea di massima qualche tentativo si puo fare e come dicevamo con king a volte fare qualche piccolo cambiamento non e' poi cosi tanto traumatico.
Ora l'unica cosa che non mi piace tra quello che ci raconti e'......la palla viagiava bella tesa a filo del nastro-Ecco old o new style che sia bisognerebbe un po rivedere questo punto.Una domanda mi sorge spontanea,ma con che impugnatura giochi ????

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mar 19 Ago 2014 - 21:05

...se giochi open stance e vuoi un overnet importante...con una continental cavoli se ti affatichi il polso!

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mar 19 Ago 2014 - 21:07

Comunque l'amichetta di Veterano conosce "movimenti" terapeutici molto esotici.... Very Happy 

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Veterano il Mar 19 Ago 2014 - 21:14

@kingkongy ha scritto:Comunque l'amichetta di Veterano conosce "movimenti" terapeutici molto esotici.... Very Happy 
 Very Happy  Very Happy  Very Happy 
Ecco perche' chiedo con che impugnatura gioca eh eh eh.ma li si deve vedere sul campo,ci sono diversi fattori da analizzare,ma comunquue dipendendo un po dal soggetto in questione,come dicevamo il passaggio ad una presa un po piu' umana e di consegunza ad un cambio del gesto puo anche essere abbastanza facile.Chiaro gia' dire compenso di polso non va bene,pero' la domanda e' perche' compensi di polso,e prorpio li che bisognerebbe vedere.....anche sapendo che impugnatura usa.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Veterano il Mer 20 Ago 2014 - 11:56

Bueno mi sono riletto il tutto con calma,ieri le avevo dato un occhiatina veloce.
Allora se sono due anni che non hai risultati probabilmente non digerisci la semi open o open che sia,per diversi motivi,si e' vero che  abbiamo una memoria muscolare ed i movimenti imparati e "forse2 per noi piu0 naturali saltano sempre fuori,ma per giudicare bisognerebbe vedere il lavoro che hai fatto in questi anni.Le due impostazioni sono totalmente differenti,una si basa sulla rotazione delle spalle mentre l'altra sul passaggio di peso.Ora a parte questo bisogna considerare che se sei abituato a giocare old style il braccio e' motlto piu disteso ed il colpo e' molto piu' di braccio,che in una open,dove per forza di cose la gestione degli angolil braccio ,polso, racchetta e' fondamentale.Ora analizzando cosa dici e immaginando che giochi con una continental o con una estern,la chiusura del colpo sara' sempre problematica,non solo perche' per forza di cose con questo tipo di prese e' piu difficile spinnare,ma proprio per una questione legata all abitudine che avevi di giocare a braccio piu disteso,percio' il risultato e come dice il tuo maestro,un ibtido tra i due,che per forza di cose,vedi braccio disteso,e distanze della palla differenti,ti fa compensare con il polso per spinnare e per non tirare la palla sui pini,ma togliendoti potenza ed efficacia  dannegiandoti il polso.
Ora mica te lo ha detto il dottore che devi per forza giocare in open.Onestamente seguirei i consigli del maestro,magari con qualche piccolo accorgimento,per giocare in open solo quando e' necessario,se la base che hai e' buona puoi essere competitivo a buoni livelli senza per forza dover giocare un tennis diciamo piu' moderno.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da MB66 il Mer 20 Ago 2014 - 14:19

A quarant'anni puoi capire tutta la tecnica che vuoi, ma non la sentirai mai tua se hai imparato cose diverse da ragazzo.
Sotto pressione ti ritrovi a giocare un "ibrido" perché la tua mente razionale vuole una cosa e il tuo istinto ne vuole un'altra.
Ascolta il tuo "corpo", riscopri il tuo vero gioco.

Believe in your non-verbal self.  sunny

MB66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Età : 50
Data d'iscrizione : 29.04.13

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: FIT 4.2
Racchetta: Head Graphene XT Speed MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Veterano il Mer 20 Ago 2014 - 15:01

@MB66 ha scritto:A quarant'anni puoi capire tutta la tecnica che vuoi, ma non la sentirai mai tua se hai imparato cose diverse da ragazzo.
Sotto pressione ti ritrovi a giocare un "ibrido" perché la tua mente razionale vuole una cosa e il tuo istinto ne vuole un'altra.
Ascolta il tuo "corpo", riscopri il tuo vero gioco.

Believe in your non-verbal self.  sunny
Ma vedi su questo punto ci sarebbe da discutere,anche perche' non siamo tutti uguali.
Il discorso e che se non hai mai smesso di giocare anche se di anni ne hai 50 ma hai seguito tecnicamente le varie evoluzioni del tennis,almeno che tu non sia di coccio i vari cambi sono abbastanza naturali,anche avendo una preparazione classica,che come dicevamo con king a livello preparazione non dista molto dal tipo di preparazione attuale.Cosa molto diversa invece hai smesso ad un buon livello 20 anni fa con un impostazione clasica e ora vuoi ricominciare con una western in semi open.Bueno tutto si pùo fare,ma visto che il passaggio non e' stato graduale vedo piu difficile assimilare di botto nuove nozioni,che poi alla fin fine almeno che non si voglia competere con i 20 enni,non servono piu di tanto per produrre un buon tennis.
In questo caso sono daccordo nel dire believe in your self,anche se penso che pur mantenendo uno style classico con i giusti accorgimenti ci si puo aggiornare e magari aggiungere qualcosa di utile al proprio repertorio anche a 50 anni.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mer 20 Ago 2014 - 15:25

Eh sì Vet...proprio così.
Poi io ci aggiungo un po' di irrefrenabile voglia di divertirsi col tennis. Forse perché l'insegnamento più "importante", quell'automatismo che rimane, e' proprio la voglia di provare, di capire perché e' meglio, la voglia di mettersi alla prova.
Il mio swing ATP ultimo modello full optional fa schifo? Cascasse Wimbledon se non ci provo, se non mi invento qualcosa per swingare così !!!! Ma ti puoi scordare che non ci provo e non la metto dentro a manetta!!!
Questo non significa che non mi piaccia giocare in continental... Ma anche full western. Ma anche così e cosà... L'unica roba che non mi è mai riuscita bene e' il rovescio a due mani. Lo ammetto. E' che quando vedo arrivare la palla e son messo bene, il braccio va. Mi annoio. E' come non riuscire a mettersi in dieta: "ok - dico - quello dopo lo gioco bene a due mani" hehehe sono un po' indisciplinato.
Questo non vuol dire che non sappia tirare così... Se dovessi ricevere la grazia dal pool dei Santi e riprendessi a giocare...un paio di settimane sul rovescio a due mani le dedicherei! Poi, se non "rende" (concetto importante!), mollo il colpo.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 15:37

Personalmente, quello che non capisco, è il motivo per cui molti giocatori "over" vogliano, a tutti i costi, giocare in "open stance".

Come se l'open stance fosse l'unico modo di produrre spin.

Se un giocatore ha per anni usato la tecnica dell'affiancamento, nei momenti DI TENSIONE, quando la partita sarà dura TORNERA' INEVITABILMENTE a quella.

E poi... chi dice che con tecnica "old style" non si produce spin?

Avete mai visto, dal vivo, un certo Vilas?

Io si!

Al limite, guardate qualche video!

Tirava dei lift IMPRESSIONANTI!

Non siete soddisfatti?

Provate a vedere il top che dava, con posizione affiancata Kent Carlsson!

Nel mio piccolo, senza giocare in open (se non raramente, quando arrivo tardi sulla palla), spinno in maniera molto efficiente (a detta dei miei avversari)...

Quindi concordo con il Maestro che consigliava di MIGLIORARE quello che si ha.

Non complicatevi la testa cambiando la vostra tecnica consolidata da anni...

Piegatevi
Andate sotto la palla
Colpitela con movimento a salire

Fate le cose semplici...

Non pensate, mentre eseguite un colpo... GUARDATE LA PALLA!

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 15:41

Kent Carlsson:

Un omaggio a questo incredibile giocatore degli anni '80.

Il suo fisico gracile non ha retto al suo M O S T R U O S O gioco in top-spin, e si è ritirato giovane. Era uno dei 2 o 3 più forti in assoluto sul rosso.

La cosa incredibile era l'effetto che imprimeva alla palla, senza giocare in open-stance. questo grazie ad una enorme torsione di busto-spalla.

Un "omaggio" ai giovani che pensano che 25 anni fa non si toppava...  

http://www.youtube.com/watch?v=vObiYJ6xQnM&feature=relmfu

Soprannominato, dagli altri giocatori, "IL DIAVOLO"!.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 15:48

... ed ora date un'occhiata al dritto "old style" di Vilas...

Che dite: sapeva spinnare?

https://www.youtube.com/watch?v=v8HiVZ5wfk0

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mer 20 Ago 2014 - 15:52

Hihihihi Sonny, io gioco in open perché neutral devo fare un passo e mezzo in più .... Troppa fatica per un bradipo come me! Hihihihihi
Carlsson e' un fenomenale esempio! E Vilas lo vidi dal vivo! Liftava da paura, traiettorie "attualissime"!

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 16:02

@kingkongy ha scritto:Hihihihi Sonny, io gioco in open perché neutral devo fare un passo e mezzo in più .... Troppa fatica per un bradipo come me! Hihihihihi
Carlsson e' un fenomenale esempio! E Vilas lo vidi dal vivo! Liftava da paura, traiettorie "attualissime"!

Con stance "antica"!  Cool 

Questo, amico KK, perchè troppe volte, nei forum, leggo post di utenti (medio-giovani) che sostengono che per spinnare sia IMPERATIVO mettersi in OPEN STANCE...

Non è così!




Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mer 20 Ago 2014 - 16:24

Sonny bello...son ragazzi...son ragazzi...hihihiihi
Sulle pippe mica si può disturbare, che diamine!

Mi piace molto la definizione "medio-giovani" !!!! Introduce il concetto della mezza stagione... hahahahhahahah

Piuttosto, dico una cosa seria: un abbraccio a te e alla vostra arma, in ricordo dei vostri quattro amici-compagni dei due Tornado. A volte siamo tentati di pensare che è impossibile che certe cose accadano e ci sentiamo sicuri guardando alla tecnologia come "garante" d'immortalità. Onore a loro.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mer 20 Ago 2014 - 16:26

@Sonny Liston ha scritto:
@kingkongy ha scritto:Hihihihi Sonny, io gioco in open perché neutral devo fare un passo e mezzo in più .... Troppa fatica per un bradipo come me! Hihihihihi
Carlsson e' un fenomenale esempio! E Vilas lo vidi dal vivo! Liftava da paura, traiettorie "attualissime"!

Con stance "antica"!  Cool
Beh Vilas, sull'aspetto tecnico del gomito alzato, era un maestro...soprattutto perché, alla sera, si "allenava" moltissimo.... Very Happy

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 16:28

@kingkongy ha scritto:
Piuttosto, dico una cosa seria: un abbraccio a te e alla vostra arma, in ricordo dei vostri quattro amici-compagni dei due Tornado. A volte siamo tentati di pensare che è impossibile che certe cose accadano e ci sentiamo sicuri guardando alla tecnologia come "garante" d'immortalità. Onore a loro.

Grazie.
Un vero peccato.
Avevo conosciuti entrambi i piloti, quando erano allievi.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da andrea1974 il Mer 20 Ago 2014 - 17:00

Salve ragazzi.
Mi scuso per il ritardo ma mi son goduto un pò di pace estiva lontano dal PC.
Dunque sono, d'accordo con tutto quello che avete detto.
Io personalmente credo nella "memoria muscolare" e quello che apprendi da piccolo in età dello sviluppo è quello che rimarrà meglio "inciso" nella memoria dei tuoi muscoli.

per dire la differenza tra prima e dopo

semplice.




Sul dritto
prima: OPEN STANCES con impugnatura Eastern
dopo: CLOSED STANCES con impugnatura tra la Continental e la Eastern più piatta.


Sul rovescio
prima: OPEN STANCES con impugnatura Eastern
dopo: CLOSED STANCES ruotando dal dritto l'impugnatura fino ad avere questa

andrea1974
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 22
Località : Lecce
Data d'iscrizione : 31.07.14

Profilo giocatore
Località: lecce
Livello: amatoriale scarsino
Racchetta: Head Extreme

http://andreafiocca1.wix.com/home

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Veterano il Mer 20 Ago 2014 - 17:11

Grande Karlson,ma come giocava Noah.....serve and volley su terra.....un altro pianeta.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2001
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 17:12

Ragazzi: non commettiamo l'errore di collegare l'impugnatura alla stance!

Mi spiego: si può tranquillamente giocare in neutral/close, usando una semi-western (Vilas) o addirittura una full-western (Carlsson)...


Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da Sonny Liston il Mer 20 Ago 2014 - 17:13

@Veterano ha scritto:Grande Karlson,ma come giocava Noah.....serve and volley su terra.....un altro pianeta.

Il fascino del tennis anni 80 è che non esistevano due giocatori uguali!
Ognuno con il proprio particolare stile!

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: tecnicA: ritorno al passato

Messaggio Da kingkongy il Mer 20 Ago 2014 - 17:15

@andrea1974 ha scritto:Salve ragazzi.
Mi scuso per il ritardo ma mi son goduto un pò di pace estiva lontano dal PC.
Dunque sono, d'accordo con tutto quello che avete detto.
Io personalmente credo nella "memoria muscolare" e quello che apprendi da piccolo in età dello sviluppo è quello che rimarrà meglio "inciso" nella memoria dei tuoi muscoli.

per dire la differenza tra prima e dopo

semplice.




Sul dritto
prima: OPEN STANCES con impugnatura Eastern
dopo: CLOSED STANCES con impugnatura tra la Continental e la Eastern più piatta.


Sul rovescio
prima: OPEN STANCES con impugnatura Eastern
dopo: CLOSED STANCES ruotando dal dritto l'impugnatura fino ad avere questa
NON CI CAPISCO UNA FAVA ALPESTRE!!!!!
Stai dicendo che da piccolo (30 anni fa?) giocavi il rovescio open stance ? E il dritto pure open in eastern (più fattibile ma con sofferenza) ?
Minkiaz! Poi sono io quello che fa esperimenti !!!

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12081
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum