Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da andrea77ve il Lun 14 Giu 2010 - 15:49

Promemoria primo messaggio :

Sta prendendo piede l'idea che "sbaglio tutto" nel movimento. Mi spiego:

ho un movimento molto completo: da dietro alto..a dietro la schiena (molte volte la tocco per terminare il movimneto) => molte volte arrivo tardi all'impatto, molto arretrato, così mi metto "di fianco" come si usava una volta.

Inoltre ho i muscoli contratti, me ne accordo a fine partita quando un po' per stanchezza e relax mentale, sfrutto meglio l'inerzia della racchetta.

In parole povere tendo a giocare con movimento completo ed ad avere sempre il controllo sulla racchetta che, mi rendo conto, forse uso come un'ascia

Non giocherei arrotato ma ho notato che quando la palla è "sporca" l'avversario è in difficoltà. Così a volte, per dare spin, faccio il movimento alla "nadal" (solo con palle alte )

Forse è meglio ridurre il movimento? Oppure ognuno ha il suo stile e
movimento?

Fin'ora tutti i maestri con cui ho giocato mi hanno solo saputo "far correre" oppure hanno cercato di stravolgere il mio movimento (oramai credo sia un po' tardi per re-imparare a giocare)

Cosa ne pensate amici del forum?

andrea77ve
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 886
Età : 39
Località : Mestre
Data d'iscrizione : 27.02.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 3.5 - N.C.
Racchetta: Wilson Blx 6.1 Tour 90 (custom)

Tornare in alto Andare in basso


Re: Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da Alex il Mar 29 Giu 2010 - 16:07

@andrea77ve ha scritto:

Un problema che avevo era che non riuscivo a chiudere in top il colpo e scannonavo di piatto: cambiato racchetta e tutto è venuto assolutamente naturale (a inizio post usavo Prestige MP di fabbrica, poi le ho customizzate ed ora sono con Wilson 6.1 Tour).
Inoltre l'appoggio non mi porta più a correre a rete! Bene!

Non so se sia effettivamente il telaio però anche chi mi osservava ha detto che mi vedeva più a mio agio e più sciolto.

...tanto che ora mi sto dedicando al dritto in back!!

Credo che una spiegazione plausibile, anche se non è certo che sia questo il motivo, possa essere in effetti data dal fatto del diverso bilanciamento - inerzia tra i 2 telai, a vantaggio, per la tua tecnica, della Wilson naturalmente.

Alex
Aiutante
Aiutante

Numero di messaggi : 6106
Data d'iscrizione : 05.12.08

Profilo giocatore
Località: Mondo
Livello: ITR : 5.5
Racchetta: Wilson N-Six One Tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da guidoyouth il Mar 29 Giu 2010 - 17:03

@Veterano ha scritto:Se guardi Verdasco come usa gli appoggi e come prepara la racchetta tutto ok pero la fase di impatto con la palla si discosta da una tecnica corretta.Insomma possiamo considerarlo un errore o una personalizzazione del colpo che nel suo caso risulta esere efficace ma che lo porta ad andare spesso fuori giri dopo uno scambio un po prolungato,quel braccio cosi disteso non consente di controllare bene la palla perche' e' lasciato libero d'agire cone vuole esnza rispettare l'angolo braccio racchetta,rispetta l'angolo polso racchetta ma questo non e' sempre sufficiente a garantire un controllo ottimale,diciamo che verdasco gioca con una tecnica moderna(,preparazione e footwork) ma colpisce con tecnica old style (braccio completamente stirato),se una tecnica cosi fa andare fupri giri un
profesionista figuriamoci cosa puo fare in un giocatore con una tecnica ancora poco sicura.
Guarda come in questo video Tsonga mantenga l'angolo braccio racchetta in fase impatto della palla per vedere la differenza dei due tipi di colpo.
http://www.youtube.com/watch?v=K7YuzLLqG0Q&feature=channel


bel dilemma...
meglio un dritto con gomito disteso (alla Verdasco)?
o meglio un dritto con gomito piegato e vicino al corpo (alla Tsonga)...
ho letto altrove che in realtà, per avere costanza di rendimento, si fa preferire la prima opzione (l'opposto di quello che dici tu) ma non ne ero rimasto pienamente convinto.

voi cosa ne pensate?

guidoyouth
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1505
Età : 38
Località : Saluzzo
Data d'iscrizione : 19.03.10

Profilo giocatore
Località: saluzzo
Livello: zero
Racchetta: head extreme microgel mp teflon

Tornare in alto Andare in basso

Re: Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da Ospite il Mar 29 Giu 2010 - 17:38

Effettivamente le parole di Veterano mi hanno lasciato un pò perplesso. Nadal, Federer e Verdasco giocano il diritto con il braccio disteso e se avete letto sull'ultimo numero del tennis italiano l'analisi del diritto di Tsonga fatta da Sartori viene considerato quasi un difetto l'impatto a braccio piegato.

Invito perciò veterano, che dai post lasciati su altri forum sembra molto competente, a spiegare un pò meglio le sue parole.

Una cosa però mi sento di dire: non credo che si possa parlare di tecnica moderna quando si parla di impatto a braccio piegato, indipendentemente se sia il modo più corretto o meno di giocare, dal momento che già negli anni '90 si parlava di "double bend", cioè dell'impatto con gomito e polso piegati.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da locanton il Mar 29 Giu 2010 - 21:51

g867500 ha scritto:Effettivamente le parole di Veterano mi hanno lasciato un pò perplesso. Nadal, Federer e Verdasco giocano il diritto con il braccio disteso e se avete letto sull'ultimo numero del tennis italiano l'analisi del diritto di Tsonga fatta da Sartori viene considerato quasi un difetto l'impatto a braccio piegato.

Invito perciò veterano, che dai post lasciati su altri forum sembra molto competente, a spiegare un pò meglio le sue parole.

Una cosa però mi sento di dire: non credo che si possa parlare di tecnica moderna quando si parla di impatto a braccio piegato, indipendentemente se sia il modo più corretto o meno di giocare, dal momento che già negli anni '90 si parlava di "double bend", cioè dell'impatto con gomito e polso piegati.
con prese molto aperte(western) sarebbe preferibile mantenere all'impatto un angolo tra braccio a avambraccio prossimo ai 90°, stessa cosa vake per il polso sempre iperesteso...
questa è la tecnica teoricamente parlando, e quasi tutti i tennisti giocano in questo modo, vedi ad esempio la posizione del braccio all'impatto di roddick, soderling, tsonga e tutte le donne in generale.
gli unici che nonostante abbiano una presa quasi western ma colpiscono con il braccio disteso, sono nadal e verdasco...
per federer il discorso è un pò diverso dato che usa una presa più chiusa.

ovviamente questa è la tecnica teorica, poi a mio modesto parere tutto diventa soggettivo e bisogna vedere la fluidità del gesto e tanti altri fattori per decretare quale sia migliore Smile

locanton
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 238
Data d'iscrizione : 10.06.10

Profilo giocatore
Località: Roma - Avellino
Livello: 5.0 ITR/3.4 FIT
Racchetta: Babolat Aeropro Drive GT

Tornare in alto Andare in basso

Re: Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da Veterano il Mer 30 Giu 2010 - 14:26

Se hai il gomito vicino al fianco ad un angolo piu' o meno di 90 gradi con l'avambraccio, vedrai che la racchetta si mette in posizione automatica per cercare un punto d'impatto ideale e che sia sufficientemente avvanzato rispetto al corpo.
Per il resto locaton a gia' risposto (prese aperte),il discorso della differenza tra tecnica moderna e tecnica piu' chiusa ,closed , con prese meno esasperate e appoggi piu chiusi, la posizione piu' distesa va bene per trovare spazio tra corpo e palla visto che in posizione classica si colpisce in modo piu' ravvicinato.
Poi per carita' il quasi a 90°,quasi, perche' e imposibile colpire sempre a 90° e dovuto a diversi fattori in primis a come arrivi sulla palla se in ritardo,o se devi colpire una palla bassa,insomma dipende da diverse variabili,anche perche' e' molto difficile colpire due palle uguali e a secondo delle circostanze ci si deve adattare,percio nei video dei campioni si possono vedere diverse situazioni di gioco con notevoli variazioni di questo famoso angolo.
Pero in una situazione di gioco comoda diciamo che vale la regola dell' angolo a 90°.
Il discorso di Tsonga come di altri professionisti credo che nell' analisi che hanno fatto(non leggo giornali italiani perche' vivo all' estero) si possa definire un quasi errore una personalizzazione del colpo,pero' se andate a vedere in quasi tutti i video ci sono degli errori o quasi,questo credo sia dovuto al fattore che siamo umani e anche se ci sono personalizzazioni o errori l'importante e che il colpo sia efficace nel totale,sempre restando dentro a dei parametri che per diversi fattori posono variare.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1998
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Colpire di forza? Qual'è il movimento più corretto?

Messaggio Da Alex il Mer 30 Giu 2010 - 15:13

@Veterano ha scritto:...sempre restando dentro a dei parametri che per diversi fattori posono variare.

Credo che il punto sia proprio questo.

Ci sono parametri che se guardate bene non vengono MAI disattesi dai PRO.

Il motivo è di carattere biomeccanico e da lì non ci si scappa.

Quindi il nostro obiettivo deve essere, con tutta l'elasticità del caso (data dalla nostra non perfetta forma fisico - atletica, da nostre carenze varie, ecc...), rimanere dentro a quei parametri il più possibile e il più delle volte possibili.

Ciao.

Alex
Aiutante
Aiutante

Numero di messaggi : 6106
Data d'iscrizione : 05.12.08

Profilo giocatore
Località: Mondo
Livello: ITR : 5.5
Racchetta: Wilson N-Six One Tour

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum