Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Umberto il Gio 8 Apr 2010 - 18:37

Premesso che secondo me chi vince ha sempre ragione, vorrei sapere (così puramente a titolo consolatorio) se vi è mai capitato di incontrare un regolarista, uno dal tennis non appariscente ma "pulito", diritto piatto e revescio in back, uno che a fine gara ha commesso errori non forzati prossimi allo zero, uno che quando ci palleggiate nel riscaldamento dite nella vostra testa "questa me la posso giocare" e poi finisce la partita 6-1 6-0 (come è finita la mia) e vi accorgete che praticamente non avete affatto GIOCATO!!! Ma è normale o capita solo a me? Non sono riuscito a comandare una sola volta uno scambio!!! Quello (un 4.5 O45) stava lì, senza apparentemente il minimo sforzo, e tra un cambio e l'altro di campo (essendo del circolo) scambiava pure le battute con gli amici! IMPOTENZA e FRUSTRAZIONE INSIEME!!! Che brutta sensazione: queste sono le partire che mi smontano completamente...

Umberto
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 100
Età : 41
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 17.01.10

Profilo giocatore
Località: Napoli
Livello: FIT 4.4
Racchetta: Babolat Pure Drive GT Roddick

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da foreveredberg il Ven 9 Apr 2010 - 16:12

dici bene.. dopo qualche torneo fatto una cosa l'ho imparata: la volta che durante il riscaldamento pensi "con questo me la gioco" hai già perso minimo un set....e forse l'incontro!

foreveredberg
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 312
Età : 42
Località : forlì
Data d'iscrizione : 21.12.09

Profilo giocatore
Località: forlì
Livello: ITR 4.0 / fit 4.4
Racchetta: wilson BLX blade98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Alex il Ven 9 Apr 2010 - 16:21

@Umberto ha scritto:Che brutta sensazione: queste sono le partire che mi smontano completamente...

Non devi farti smontare.

Quello che hai incontrato tu è il classico "animale" da circolo ed è il primo obiettivo da superare per migliorare il proprio tennis.

Cerca col maestro di rendere il tuo tennis più costante e consistente possibile, inutile incaponirsi a giocare con tennisti così, accumuli solo frustrazione e basta.

Ho parecchi amici che ho portato a battere la tipologia di tennista che hai sopra descritto proprio migliorando la loro consistenza.

Lavoraci su e vedrai che poi a correre sarà lui (e non avrà più il fiato di scherzare con gli amici ai cambi di campo ).

Ciao.

Alex
Aiutante
Aiutante

Numero di messaggi : 6106
Data d'iscrizione : 05.12.08

Profilo giocatore
Località: Mondo
Livello: ITR : 5.5
Racchetta: Wilson N-Six One Tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Trick il Ven 9 Apr 2010 - 17:42

Interessante Alex; mi spieghi meglio per cortesia cosa intendi per "migliorare la consistenza"? ( magari qualche suggerimento/esempio)
Grazie

Trick
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 73
Età : 52
Località : Provincia di Modena
Data d'iscrizione : 15.03.10

Profilo giocatore
Località: Provincia di Modena
Livello: Ludico
Racchetta: Babolat Pure Storm GT 295 gr.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Umberto il Ven 9 Apr 2010 - 17:47

@Trick ha scritto:Interessante Alex; mi spieghi meglio per cortesia cosa intendi per "migliorare la consistenza"? ( magari qualche suggerimento/esempio)
Grazie

Quoto pienamente: restiamo in attesa...

Umberto
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 100
Età : 41
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 17.01.10

Profilo giocatore
Località: Napoli
Livello: FIT 4.4
Racchetta: Babolat Pure Drive GT Roddick

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Neoh il Ven 9 Apr 2010 - 17:57

In attesa tutti

Neoh
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 286
Età : 42
Località : Tivoli
Data d'iscrizione : 12.02.10

Profilo giocatore
Località: Tivoli
Livello: 0 (+ o -)
Racchetta: 2 Yonex RDX 500_MP (che spettacolo)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da casa il Ven 9 Apr 2010 - 21:40

aiuto io alex:

essere consistenti equivale a non fare errori gratuiti!

sei consistente quando l'avversario ti fa punto, non quando glielo regali tu!

casa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 340
Età : 42
Località : rimini
Data d'iscrizione : 09.12.09

Profilo giocatore
Località: rimini
Livello: itr 3.5
Racchetta: head radical MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da jenius il Sab 10 Apr 2010 - 0:18

Vi spiego meglio il significato di consistenti e vi do' alcuni consigli fondamentali.

-consistente significa riuscire a sostenere 6-7 palleggi all'interno dello stesso scambio senza diminuire potenza e profondita'.

*******

Consigli fondamentali per fare il salto di qualita' e far morire i pallettari.
Guardatevi una partita in tv di qualche professionista...COSA SCOPRITE?????GUARDATE BENE...

La rete per un tennista non esiste....il professionista non colpisce mai la rete e tira palline a 20-35 cm di distanza dalla rete.
Imparate a non colpire la rete.
Come fate????
Durante gli allenamenti...dovete coprire la rete con un telo nero...imparate (fondamentale) ad arrotare almeno un pochino...e tirare anche voi almeno 20 cm sopra la rete. LA RETE NON ESISTE.

GUARDATE ANCORA BENE LA PARTITA...COSA SCOPRITE???

La palla deve sempre cadere almeno un metro oltre la linea della battuta....cascasse il mondo ma la pallina deve cadere oltre un metro dalla riga della battuta.
Imparate a fare questo.
Come fate????
Durante gli allenamenti stendete una fascia colorata da lato a lato a meta' tra la riga della battuta ed il fondo campo.....imparate a tirare in quella porzione di campo...sempre e comunque (a volte..se in difficolta'..anche a scapito della velocita' della pallina).

Con questi 2 insegnamenti...batterete gente che prima vi nascondeva la pallina.

Ritornando al discorso iniziale.....
SE IMPARATE A NON PRENDERE LA RETE + GIOCARE SEMPRE/SPESSO NELL'ULTIMO METRO DI CAMPO E MANTENERE LA CONSISTENZA ( non diminuire la velocita' all'interno dello scambio)....farete faville!!!

Quello che vi dico non utopia...in quanto si puo' applicare queste regole anche avendo una tecnica ballerina ed una velocita' scarsa...quindi non pensate che questo mio post sia dedicato solo ai campioni....QUESTE REGOLE LE POSSONO APPLICARE VERAMENTE TUTTI I TENNISITI.....l'importante è seguire le regole all'interno del vostro schema tattico e all'interno delle vostre capacita' tecniche (non bisogna strafare...bisogna attenersi alle regole).

Una cosa tecnica che bisogna sforzarsi di imparare è......almeno un po' di rotazione....altrimenti una palla piatta che passa 20-35 cm sopra la rete (NON DOVETE MAI PRENDERE LA RETE) esce dal campo.
RICORDATEVI CHE E' MEGLIO TIRARE FUORI...PIUTTOSTO CHE PRENDERE LA RETE.

Aspetto commenti...

Ciaoooooooooooooo

jenius
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 42
Età : 38
Località : Mantova
Data d'iscrizione : 06.04.10

Profilo giocatore
Località: mantova
Livello: 4.1
Racchetta: prince o3 tour mp

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Alex il Sab 10 Apr 2010 - 1:25

@casa ha scritto:aiuto io alex:

essere consistenti equivale a non fare errori gratuiti!

sei consistente quando l'avversario ti fa punto, non quando glielo regali tu!

Grazie casa.


@jenius ha scritto:Vi spiego meglio il significato di consistenti e vi do' alcuni consigli fondamentali.

...

Una cosa tecnica che bisogna sforzarsi di imparare è......almeno un po' di rotazione....altrimenti una palla piatta che passa 20-35 cm sopra la rete (NON DOVETE MAI PRENDERE LA RETE) esce dal campo.
RICORDATEVI CHE E' MEGLIO TIRARE FUORI...PIUTTOSTO CHE PRENDERE LA RETE.

Aspetto commenti...

Ciaoooooooooooooo

Beh, che dire caro jenius...

...per prima cosa: benvenuto nel forum!

Complimenti per il tuo primo post, quando si dice un "ingresso" col BOTTO.

Non ho quotato tutto il tuo post solo per questioni di "spazio", altrimenti il 3d diventava troppo lungo e di difficile lettura ma mi è piaciuto tutto.

L'esercizio che hai descritto con la "fascia colorata" io lo faccio fare con i "cinesini".

Altro esercizio utile è quello di imparare a tenere bene la diagonale, sia di dritto (più importante) che di rovescio.

Anche qui dovete essere costanti e riuscire a fare l'esercizio almeno per 8-10 scambi senza mai sbagliare e tirando sempre oltre (e di lato) i "cinesini / fasce colorate" che avete messo per terra.

Esercizio un po' più avanzato è quello della diagonale con lo sventaglio di dritto e dopo 4-6 colpi costanti il maestro accorcia e voi entrate e chiudete, o lungolinea anomalo o con una voleé dopo un'accelerazione.

Ma per questi aspettiamo ancora un po'...

Altro esercizio molto utile per la consistenza (e per la concentrazione) è quello di mettere sul campo un cerchio da hula hop (sempre circa a metà strada tra la riga di fondo e quella del servizio) ed imparare a farci finire dentro il primo rimbalzo del vostro colpo (se siete in grado di farlo per 10 scambi consecutivi i tennisti che avete descritto sopra non li vedrete neppure ).

Mi fermo qui altrimenti finisco lo spazio del Forum...

Ciao.

Alex
Aiutante
Aiutante

Numero di messaggi : 6106
Data d'iscrizione : 05.12.08

Profilo giocatore
Località: Mondo
Livello: ITR : 5.5
Racchetta: Wilson N-Six One Tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da F4bius il Sab 10 Apr 2010 - 10:52

@Alex ha scritto:
Altro esercizio molto utile per la consistenza (e per la concentrazione) è quello di mettere sul campo un cerchio da hula hop (sempre circa a metà strada tra la riga di fondo e quella del servizio) ed imparare a farci finire dentro il primo rimbalzo del vostro colpo (se siete in grado di farlo per 10 scambi consecutivi i tennisti che avete descritto sopra non li vedrete neppure ).
Ciao.

bellissima questa cosa...
però pongo un quesito...
il mio insegnante mi vieta di usare il poso per dare direzione alla palla, perchè dice che non sono ancora capace....e sicuramente ha ragione.

Provando a centrare il cerchio, come posso fare allora per migliorarmi?

F4bius
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3191
Età : 52
Data d'iscrizione : 11.07.09

Profilo giocatore
Località: Modena
Livello: ITR 2.5 FIT 4 NC
Racchetta: Pro Kennex ki5 295 e Ki5 PSE USA

http://www.miotorneo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da casa il Sab 10 Apr 2010 - 10:54

jenius, ma così come dici si diventa pallettari!
e noi odiamo i pallettari!!!!!




benvenuto!

casa
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 340
Età : 42
Località : rimini
Data d'iscrizione : 09.12.09

Profilo giocatore
Località: rimini
Livello: itr 3.5
Racchetta: head radical MP

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da F4bius il Sab 10 Apr 2010 - 10:56

@casa ha scritto:jenius, ma così come dici si diventa pallettari!
e noi odiamo i pallettari!!!!!




benvenuto!

ahahah
è vero, anche io odio i pallettari...me le suonano sempre!!!

;-)

F4bius
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3191
Età : 52
Data d'iscrizione : 11.07.09

Profilo giocatore
Località: Modena
Livello: ITR 2.5 FIT 4 NC
Racchetta: Pro Kennex ki5 295 e Ki5 PSE USA

http://www.miotorneo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da spaceoddity66 il Sab 10 Apr 2010 - 11:49

Ciao a tutti,
concordo che giocare lungo e profondo è il primo punto chiave (il mio "distruttore" (non istruttore, lui è peggio!! ) appena accorcio mi fa smorzate a 2mm dalla rete!!! (lo definisce "didattico", lui!!) ma, a mio parere, se non si aggiunge un po' di pepe (o precisione vicino alle righe o velocità) è comunque dura contro chi sbaglia poco... inoltre c'è la variabile tipo di superficie che può indirizzare verso colpi arrotati (terra, direi) o colpi con taglio sotto (sintetici)...
saluti

spaceoddity66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 364
Località : Roma
Data d'iscrizione : 29.01.10

Profilo giocatore
Località: Roma/Parma
Livello: 4.5
Racchetta: Maxima Torneo deluxe, Pro Kennex KI15 ma anche altre

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Trick il Sab 10 Apr 2010 - 12:14

@spaceoddity66 ha scritto:Ciao a tutti,
concordo che giocare lungo e profondo è il primo punto chiave (il mio "distruttore" (non istruttore, lui è peggio!! ) appena accorcio mi fa smorzate a 2mm dalla rete!!! (lo definisce "didattico", lui!!) ma, a mio parere, se non si aggiunge un po' di pepe (o precisione vicino alle righe o velocità) è comunque dura contro chi sbaglia poco... inoltre c'è la variabile tipo di superficie che può indirizzare verso colpi arrotati (terra, direi) o colpi con taglio sotto (sintetici)...
saluti

Ciao credo che quanto detto da te sia corretto, ma suppongo che l'ottimo intervento di jenius sia rivolto a chi deve prima "imparare a fare il compito", come me per esempio. Poi sicuramente ci sarà lo spazio (speriamo ) per le eventuali evoluzioni del gioco.
Sbaglio?

Trick
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 73
Età : 52
Località : Provincia di Modena
Data d'iscrizione : 15.03.10

Profilo giocatore
Località: Provincia di Modena
Livello: Ludico
Racchetta: Babolat Pure Storm GT 295 gr.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da spaceoddity66 il Sab 10 Apr 2010 - 12:20

@Trick ha scritto:
@spaceoddity66 ha scritto:Ciao a tutti,
concordo che giocare lungo e profondo è il primo punto chiave (il mio "distruttore" (non istruttore, lui è peggio!! ) appena accorcio mi fa smorzate a 2mm dalla rete!!! (lo definisce "didattico", lui!!) ma, a mio parere, se non si aggiunge un po' di pepe (o precisione vicino alle righe o velocità) è comunque dura contro chi sbaglia poco... inoltre c'è la variabile tipo di superficie che può indirizzare verso colpi arrotati (terra, direi) o colpi con taglio sotto (sintetici)...
saluti

Ciao credo che quanto detto da te sia corretto, ma suppongo che l'ottimo intervento di jenius sia rivolto a chi deve prima "imparare a fare il compito", come me per esempio. Poi sicuramente ci sarà lo spazio (speriamo ) per le eventuali evoluzioni del gioco.
Sbaglio?

ciao e benvenuto!
non del tutto, in effetti... io rigioco da circa un anno e mezzo (dopo oltre 20 anni di abbandono) e ho dovuto ricominciare molte cose... credo che anche per chi è agli inizi si possa considerare la differenza di campo, mentre il "pepe" forse richiede un po' di esercizio in più...

spaceoddity66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 364
Località : Roma
Data d'iscrizione : 29.01.10

Profilo giocatore
Località: Roma/Parma
Livello: 4.5
Racchetta: Maxima Torneo deluxe, Pro Kennex KI15 ma anche altre

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da Alex il Sab 10 Apr 2010 - 16:35

@F4bius ha scritto:
@Alex ha scritto:
Altro esercizio molto utile per la consistenza (e per la concentrazione) è quello di mettere sul campo un cerchio da hula hop (sempre circa a metà strada tra la riga di fondo e quella del servizio) ed imparare a farci finire dentro il primo rimbalzo del vostro colpo (se siete in grado di farlo per 10 scambi consecutivi i tennisti che avete descritto sopra non li vedrete neppure ).
Ciao.

bellissima questa cosa...
però pongo un quesito...
il mio insegnante mi vieta di usare il poso per dare direzione alla palla, perchè dice che non sono ancora capace....e sicuramente ha ragione.

Provando a centrare il cerchio, come posso fare allora per migliorarmi?

Concordo in pieno con il tuo istruttore.

Non è con il polso che si dà la direzione al colpo.

Il polso ti può essere utile in particolarissime situazioni di gioco che, fino a quando sei un principiante, devi cercare di evitare sempre.

Ciao.

P.S.= Puoi farlo tranquillamente l'esercizio del cerchio e non stupirti se dopo poco tempo "vai già via di testa": è normale perché richiede un altissimo grado di concentrazione.

Alex
Aiutante
Aiutante

Numero di messaggi : 6106
Data d'iscrizione : 05.12.08

Profilo giocatore
Località: Mondo
Livello: ITR : 5.5
Racchetta: Wilson N-Six One Tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da jenius il Sab 10 Apr 2010 - 18:03

Ottima precisazione di "spaceoddity66".......prima bisogna imparare a fare il compito....dopo si impara a fare qualcosa di +.
Per diventare dei buoni giocatori...si parte dal saper pallettare........
Troveremo sempre uno tecnicamente + forte i qualche torneo.....in questi casi serve: PAZIENZA+TATTICA+CONSISTENZA=PALLETTARE.

Il palleggio in diagonale è un altro esercizio molto importante...PERCHE'?????
Sempre se guardate un partita di professionisti....è molto difficile vedere 4-5 scambi consecutivi lungolinea (NON HA SENSO)....mentre è molto facile fare 4-5 scambi in diagonale.
Sempre come dice "spaceoddity66"......un bellissimo esercizio è quello di palleggiare solo in diagonale per 5-6 scambi..aumentando l'intensita' per poi chiudere con un attacco e volee.

REGOLA FONDAMENTALE....quando fate il colpo d'attacco dopo 5-6 diagonali.....tiratelo lungolinea..............
Questa regola è da seguire anche se l'attacco lungolinea viene fatto sul colpo + forte dell'avversario. (sempre che non sia un Dio).

Ultima precisazione....mi scontro con "spaceoddity66".......credo che ai nostri livelli la superficie non conta un tubo.

jenius
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 42
Età : 38
Località : Mantova
Data d'iscrizione : 06.04.10

Profilo giocatore
Località: mantova
Livello: 4.1
Racchetta: prince o3 tour mp

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da jenius il Sab 10 Apr 2010 - 18:08

@Alex ha scritto:
@F4bius ha scritto:
@Alex ha scritto:
Altro esercizio molto utile per la consistenza (e per la concentrazione) è quello di mettere sul campo un cerchio da hula hop (sempre circa a metà strada tra la riga di fondo e quella del servizio) ed imparare a farci finire dentro il primo rimbalzo del vostro colpo (se siete in grado di farlo per 10 scambi consecutivi i tennisti che avete descritto sopra non li vedrete neppure ).
Ciao.

bellissima questa cosa...
però pongo un quesito...
il mio insegnante mi vieta di usare il poso per dare direzione alla palla, perchè dice che non sono ancora capace....e sicuramente ha ragione.

Provando a centrare il cerchio, come posso fare allora per migliorarmi?

Concordo in pieno con il tuo istruttore.

Non è con il polso che si dà la direzione al colpo.

Il polso ti può essere utile in particolarissime situazioni di gioco che, fino a quando sei un principiante, devi cercare di evitare sempre.

Ciao.

P.S.= Puoi farlo tranquillamente l'esercizio del cerchio e non stupirti se dopo poco tempo "vai già via di testa": è normale perché richiede un altissimo grado di concentrazione.


Il polso non serve a un tubo....come detto sopra.....serve solo in situazioni particolari.....Il colpo non si basa sull'utilizzo del polso.

L'esercizio del cerchio è un esercizio che vi porta ad una concentrazione incredibile......vi consiglio di fare prima l'esercizio della striscia colorata che ho spiegato sopra....e dopo qualche tempo l'esercizio del cerchio....

jenius
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 42
Età : 38
Località : Mantova
Data d'iscrizione : 06.04.10

Profilo giocatore
Località: mantova
Livello: 4.1
Racchetta: prince o3 tour mp

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da spaceoddity66 il Sab 10 Apr 2010 - 18:29

@jenius ha scritto:Ottima precisazione di "spaceoddity66".......prima bisogna imparare a fare il compito....dopo si impara a fare qualcosa di +.
Per diventare dei buoni giocatori...si parte dal saper pallettare........
Troveremo sempre uno tecnicamente + forte i qualche torneo.....in questi casi serve: PAZIENZA+TATTICA+CONSISTENZA=PALLETTARE.

Il palleggio in diagonale è un altro esercizio molto importante...PERCHE'?????
Sempre se guardate un partita di professionisti....è molto difficile vedere 4-5 scambi consecutivi lungolinea (NON HA SENSO)....mentre è molto facile fare 4-5 scambi in diagonale.
Sempre come dice "spaceoddity66"......un bellissimo esercizio è quello di palleggiare solo in diagonale per 5-6 scambi..aumentando l'intensita' per poi chiudere con un attacco e volee.

REGOLA FONDAMENTALE....quando fate il colpo d'attacco dopo 5-6 diagonali.....tiratelo lungolinea..............
Questa regola è da seguire anche se l'attacco lungolinea viene fatto sul colpo + forte dell'avversario. (sempre che non sia un Dio).

Ultima precisazione....mi scontro con "spaceoddity66".......credo che ai nostri livelli la superficie non conta un tubo.

ciao e benvenuto,
grazie per le indicazioni... tutte precise e preziose... anche sulla superficie forse hai ragione, ma a me, che spesso "cambio" (terra, sintetico, cemento, erba sintetica...) un nuovo campo richiede un po' di adattamento alla superficie, soprattutto sul tipo di rimbalzo... per questo penso che qualche effetto sul tipo di gioco possa averlo...

spaceoddity66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 364
Località : Roma
Data d'iscrizione : 29.01.10

Profilo giocatore
Località: Roma/Parma
Livello: 4.5
Racchetta: Maxima Torneo deluxe, Pro Kennex KI15 ma anche altre

Tornare in alto Andare in basso

Re: Giocare (non necessariamente vincere) contro i regolaristi

Messaggio Da jenius il Sab 10 Apr 2010 - 18:39

@spaceoddity66 ha scritto:
@jenius ha scritto:Ottima precisazione di "spaceoddity66".......prima bisogna imparare a fare il compito....dopo si impara a fare qualcosa di +.
Per diventare dei buoni giocatori...si parte dal saper pallettare........
Troveremo sempre uno tecnicamente + forte i qualche torneo.....in questi casi serve: PAZIENZA+TATTICA+CONSISTENZA=PALLETTARE.

Il palleggio in diagonale è un altro esercizio molto importante...PERCHE'?????
Sempre se guardate un partita di professionisti....è molto difficile vedere 4-5 scambi consecutivi lungolinea (NON HA SENSO)....mentre è molto facile fare 4-5 scambi in diagonale.
Sempre come dice "spaceoddity66"......un bellissimo esercizio è quello di palleggiare solo in diagonale per 5-6 scambi..aumentando l'intensita' per poi chiudere con un attacco e volee.

REGOLA FONDAMENTALE....quando fate il colpo d'attacco dopo 5-6 diagonali.....tiratelo lungolinea..............
Questa regola è da seguire anche se l'attacco lungolinea viene fatto sul colpo + forte dell'avversario. (sempre che non sia un Dio).

Ultima precisazione....mi scontro con "spaceoddity66".......credo che ai nostri livelli la superficie non conta un tubo.

ciao e benvenuto,
grazie per le indicazioni... tutte precise e preziose... anche sulla superficie forse hai ragione, ma a me, che spesso "cambio" (terra, sintetico, cemento, erba sintetica...) un nuovo campo richiede un po' di adattamento alla superficie, soprattutto sul tipo di rimbalzo... per questo penso che qualche effetto sul tipo di gioco possa averlo...


Si..l'adattamento è ovvio...pero' ai nostri livelli non possiamo cambiare tipo di gioco sulla base della superficie.....TROPPO COMPLICATO

jenius
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 42
Età : 38
Località : Mantova
Data d'iscrizione : 06.04.10

Profilo giocatore
Località: mantova
Livello: 4.1
Racchetta: prince o3 tour mp

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum