Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

La racchetta dei miracoli (dedicato ai malati di racchettite)

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La racchetta dei miracoli (dedicato ai malati di racchettite)

Messaggio Da alain proust il Gio 4 Lug 2013 - 10:40

Promemoria primo messaggio :

Lo copio per intero per evitare che col link vada perduto. Dopo questo articolo, tutti gli amici affetti da racchettite devono sapere che non guariranno mai più. Very Happy 

da www.tennisbest.com 

Appena ha impugnato la Babolat Aeropro Drive, Fernando Verdasco ha giocato un ottimo Wimbledon

Di Lorenzo Cazzaniga - 4 luglio 2013


Rino Tommasi è solito ripetere che ciò che conta è il manico, nel senso del braccio che impugna la racchetta. Impossibile dargli torto. Difficile che un telaio trasformi un ronzino in purosangue, ma vi sono casi di improvvisi miglioramenti quando un giocatore cambia racchetta. Fernando Verdasco è l'ultimo caso. Lo spagnolo è un caso limite. Lo ricordiamo grande protagonista all'Australian Open 2009 quando imbracciava una Tecnifibre e raggiunse la top 10 mondiale. Con l'arrivo nel Gotha del tennis internazionale, arrivarono anche le prime proposte economicamente interessanti. A febbraio scelse Yonex, vinse un torneo ATP ma decise che non era la sua racchetta ideale. Passò a Dunlop, marchio storico alla disperata ricerca di un testimonial di buon appeal. I risultati non sono stati quelli sperati, per lui e per il brand britannico. Ed ecco la scelta, proprio alla vigilia di Wimbledon, di passare alla Babolat Aeropro Drive, lo stesso telaio di Rafael Nadal. Scelta coraggiosa da prendere nel bel mezzo della stagione, ma evidentemente azzeccata se è arrivato subito un quarto di finale Slam. "Una nuova racchetta può fare un'enorme differenza - ha raccontato Ivan Ljubicic a Sky Sport - come nel caso di Verdasco. Ora utilizza un telaio più potente e che consente di esasperare le rotazioni: mi sembra perfetto per lui e i risultati si sono visti immediatamente".

Non è la prima volta che una racchetta Babolat compie dei miracoli. Non passa intervista in cui Sara Errani non ringrazi la sua Pure Drive, per la quale è stata disposta a pagare una penale a Wilson: "Negli anni non ho cambiato nulla nella mia preparazione, se non la racchetta. Mi ha fatto compiere un salto di qualità immediato. Tiro più forte, con maggior rotazione e minor fatica" ha più volte dichiarato l'azzurra. In precedenza c'erano stati altri casi. Si ricorda quello di Nikolay Davydenko che rubacchiò una O3 Tour della Prince dalla sacca di Guillermo Coria e non la restituì più, così come Tomas Berdych che, appena passato da Dunlop a Head, raggiunse semifinale a Roland Garros e finale a Wimbledon. In generale, è difficile che un giocatore cambi attrezzo perchè ci sono sensazioni e abitudini difficili da modificare. Tuttavia, in certi casi ha rappresentato una vera svolta nella carriera. Per questo vale sempre la pena provare nuovi telai, non solo tra i professionisti.

alain proust
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1429
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: 4.0
Racchetta: PRINCE EXO3 TOUR 16x18

Tornare in alto Andare in basso


Re: La racchetta dei miracoli (dedicato ai malati di racchettite)

Messaggio Da Sevenis il Gio 14 Gen 2016 - 19:53

@Sonny Liston ha scritto:Con 1 euro compri un ritolo di normalissimo nastro isolante.

Lo applichi in diversi strati sull' ovale della racca, e sul fondo per fissare una moneta.

Fai il custom provvisorio che vuoi...

Poi, eventualmente, lo farai definitivo, o comprerai una racca piu' pesante.

Vorrei provare, grazie mille! Ma il nastro dici tutto intorno all'ovale o soltanto in testa e coda? E in che proporzione con la moneta?

Sevenis
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 136
Data d'iscrizione : 08.06.15

Profilo giocatore
Località:
Livello: WannaBe
Racchetta: Head YOUTEK IG Extreme Pro 2.0

Tornare in alto Andare in basso

Re: La racchetta dei miracoli (dedicato ai malati di racchettite)

Messaggio Da Sonny Liston il Gio 14 Gen 2016 - 19:57

Inizia ad ore 3 e 9 dell'ovale, stesso peso della moneta che metti sotto.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8047
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: La racchetta dei miracoli (dedicato ai malati di racchettite)

Messaggio Da Mauro 66 il Gio 14 Gen 2016 - 20:22

Nastri adesivi di graphene non ne fanno ? Andrebbero a ruba... :-)))

Mauro 66
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 287
Età : 50
Località : Milano
Data d'iscrizione : 14.03.14

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: ITR 3.5
Racchetta: Prince POG OS 4 stripes; Prince EXO3 Tour 100

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum