Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da frear il Mer 3 Lug 2013 - 16:56

I più attenti del forum sanno che, riavvicinandomi al tennis giocato, sto facendo alcune prove con la Rebel 98 cercando di venire a capo di un po’ di teoria e fare la mano con le nuove corde, materiali e filosofie. E poi è importante aggiornarsi sulle mode del momento…

Ogni tanto mi imbatto in qualche suggerimento interessante, che punta il riflettore della curiosità su un particolare aspetto dell’arte tennistica. Ultimamente mi intrippa il tema: “tensione uguale o differenziata”? [Mi intrippa particolarmente perché non c’è post su come incordare la EXO3 in cui Eiffel non ci ribadisca di tirare O>V, o in alternativa almeno O=V].

Sul tema della differenza tensioni più in generale se ne legge di ogni genere, i forum americani sono particolarmente prolifici… ognuno dice la sua e tutti hanno ragione: infatti citano sempre un campione che fa quella certa cosa, e se la fai lui è certamente la soluzione migliore...

Poi oggi ho trovato questo stupendo intervento “tecnico” sul tema (leggasi da ingegnere), scritto da /Sten, che sento la necessità di riportare qui e tradurre per i più.

frear
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 247
Data d'iscrizione : 28.08.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.5
Racchetta: a.a. 12/13 Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Intervento di /Sten in inglese.

Messaggio Da frear il Mer 3 Lug 2013 - 16:57

/Sten ha scritto:With different strings in the mains and crosses the tension can be used to emphasize one or the other. With a gut/poly combination increasing the gut tension and decreasing the poly will make the gut carry more of the load and will probably give more "gut feeling" 

Also remember that the string bed is deformed quite a lot during impact and the tension situation will be different from the undeformed racquet. The crosses will increase their tension a little more since they are shorter. A poly will increase its tension much more than gut since it is stiffer.

Another effect to consider is that the strings also affect the racquet frame stiffness. The mains decrease the stiffness and the crosses increase it (to a lesser extent). The combined effect is that the strings makes the racquet softer. So increasing the tensions in the mains and lower the crosses will increase this effect. How large this effect is depends on the stiffness of the frame.

frear
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 247
Data d'iscrizione : 28.08.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.5
Racchetta: a.a. 12/13 Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Intervento di /Sten in italiano.

Messaggio Da frear il Mer 3 Lug 2013 - 16:59

[Traduzione libera, con enfasi]

Se montate corde diverse sulle verticali e le orizzontali, la tensione può essere usata per enfatizzare l’una o l’altra. Nel caso ad esempio di una combinazione di budello e poliestere, aumentare la tensione del budello e diminuire quella del poli farà sì che sia il budello a portare il carico maggiore, dando probabilmente la tipica sensazione di gioco del budello.

Inoltre tenete a mente che, durante il colpo, il piatto corde subisce una forte deformazione per l’impatto della palla e la situazione della tensione sarà perciò differente rispetto al piatto corde fermo: le orizzontali, infatti, aumenteranno la propria tensione in modo maggiore, essendo più corte; l’incremento di tensione del poliestere che si allunga sarà maggiore di quella di un budello, in quanto la stiffness è maggiore [uso stiffness per lasciare il termine corretto].

Un altro effetto da considerare è l’interazione tra il piatto corde e l’ovale della racchetta [fantastica argomentazione, questa!]. Le verticali rendono il telaio più morbido mentre le orizzontali lo rendono più rigido (seppure in misura minore). L’effetto combinato, ossia il solo fatto di incordare una racchetta, la rende meno rigida. Così aumentare la tensione delle verticali, diminuendo le orizzontali, aumenta questo effetto. Con quale intensità dipende dalla rigidità di una specifica racchetta.

frear
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 247
Data d'iscrizione : 28.08.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.5
Racchetta: a.a. 12/13 Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Ah beh, se lo dice /Sten …

Messaggio Da frear il Mer 3 Lug 2013 - 17:00

Sì, ma chi è questo /Sten che scrive sui forum di tw le cui teorie dovremmo avvalorare? Qui trovate il profilo completo: scoperta, é l’autore di RacquetTune!

Ora, non credo abbia scritto libri sul tema, ma siccome mi dà la sensazione di esserserla studiata bene -e bisogna dire che la sua app l’ha fatta benino e la usa mezzo mondo- proviamo a prendere la sua tesi per buona.

Riepilogo:


  1. La corda più tesa sopporta più carico risultando, di base, quella enfatizzata;
  2. L’impatto accentua la tensione delle orizzontali e della corda con maggiore stiffness;
  3. Differenziare le tensioni in modo canonico (V+O-) ammorbidisce il telaio.


Nota: Punto 3. Viceversa, ovviamente, lo irrigidisce.

frear
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 247
Data d'iscrizione : 28.08.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.5
Racchetta: a.a. 12/13 Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da Eiffel59 il Gio 4 Lug 2013 - 6:57

No.

Incordare ammorbidisce sempre il telaio, qualunque sia la combinazione (che è poi quanto correttamente dice /Sten). Su macchine meno sofisticate -relativamente- come RDC e RA-Test, e con determinati setup (corde morbide e tensione bassa su telai classici - sottolineo- ..classici) le misurazioni possono risultare, per approssimazione, identiche rispetto a quelle del telaio non incordato a causa dei parametri che pongono la rigidità al numero pieno seguente quando i decimali superano il punto .0 (RA reale 64.0= 64, RA 64.1=65). Ma su macchinari più sofisticati come ERT 4000 o meglio ancora FlexInfinity, la differenza permane...

Per quel che riguarda lo studio prestazionale via software di telai e corde, collaboro da circa due anni ad un progetto -partito da uno studio dell'Università di Magonza- che punta stabilire l'interazione tra corde e telaio in tutte le sue variabili. Come Stringbed (l'applicazione di Sten Kaiser che calcola la prestazione dell'insieme racchetta/corde mediante 700 parametri non lineari) tende a determinare come/quanto/in che modo l'interazione tra le diverse componenti influenza la resa finale del telaio in rapporto a parametri che includono anche nella maniera più precisa possibile caratteristiche fisiche e tecniche del giocatore.

Lo sviluppo del software è più complicato di quello dell'App dell'ingegnere svedese (anche perchè le variabili sono circa 5 volte tanto) e per renderlo ancor più preciso sono in corso contatti col Dott. Minh Phong Luong (ex docente della Sorbona, ora supervisore del reparto ricerche del CNRS/Ims di Parigi), autore di specifici studi sull'efficacia della termografia ad infrarossi come metodo di studio non invasivo e non dannoso della resa del connubbio corde/telaio (cfr. "Infrared observations of the mechanical performance of tennis strings", SPIE 2001).

More to follow...Wink

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40502
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da frear il Gio 4 Lug 2013 - 11:11

Giusto, giusto, grazie per la correzione! Ho scritto la nota senza pensarci su troppo.

Il telaio si ammorbisce sempre, per l'incordatura.
L'effetto risulta più marcato tirando di più le verticali, meno marcato tirando di più le orizzontali.

Ho trovato la cosa molto intrigante.

frear
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 247
Data d'iscrizione : 28.08.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.5
Racchetta: a.a. 12/13 Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da Eiffel59 il Gio 4 Lug 2013 - 14:05

Lo è...solo che chi a cose del genere ci sta dietro ogni giorno rischia di passare per matto o fissato..come il sottoscritto Very Happy

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40502
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da ronwelty il Gio 4 Lug 2013 - 14:31

Questa è una nozione mooolto interessante.. Grazie frear per lo spunto ed, ovviamente, grazie Mario per le ottime precisazioni. Rapportando quanto detto ad un caso studio reale: la mia racca nuova che hai incordato in Ibrido Reverse con il multi tirato più della AluPower dovrebbe ammorbidire il telaio? Perchè a me sembra che questo setup sia addirittura più morbido e gentile con il braccio del full multi che hai messo sull'altra..! scratch 


PS: Mario belli gli studi che fate, io nel Dottorato faccio roba simile ma su materiali più nobili (leggi: Carriolate di Cemento!) Very Happy Very Happy

ronwelty
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 2259
Età : 31
Località : Roma
Data d'iscrizione : 15.09.12

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: 4.NC
Racchetta: Yonex Vcore Tour G 310

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da frear il Gio 4 Lug 2013 - 14:54

Sì... da ferma!

Quando picchi la stiffness della Alu, e il fatto che stia sulle orizzontali, incrementa di brutto la tensione della corda, che a quel punto "prevale".

Risultato: telaio più stabile, maggiore controllo.

Io l'ho capita così Smile

frear
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 247
Data d'iscrizione : 28.08.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR 4.5
Racchetta: a.a. 12/13 Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Incordo 24x23, 23x24 o tutto 23,5? Teoria delle tensioni.

Messaggio Da Eiffel59 il Gio 4 Lug 2013 - 15:07

Esatte entrambe le percezioni..a seconda dei colpi.
Per capirci meglio: più si picchia, più si percepisce la rigidità dell'ibrido; ma con maggiore stabilità, ed appunto, maggior controllo.
Ma nello scambio a velocità di crociera, l'ibrido -a tensione dinamica più bassa- non va in massima estensione (come fa quasi sempre il full multi), ergo viene percepito quasi come "morbido" (in realtà si sta caricando mentre l'altro è già in scarico).

Questo ovviamente con quel setup specifico..poi ovviamente si varia da caso a caso Wink

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40502
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum