Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

IL GUSTO DELLA VITTORIA INASPETTATA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

IL GUSTO DELLA VITTORIA INASPETTATA

Messaggio Da incompetennis il Gio 20 Giu 2013 - 13:04

Torneo di doppio sociale; giochiamo contro una coppia ben considerata e testa di serie. Uno è uno scattante giovane che ti tira addosso tutte le palle (ma senza cattiveria) e l'altro è un non più giovane (ma che dico, ha la mia età ) pallettaro che da sempre  pascola nei fondo campo con buoni risultati.  la nostra è una coppia estemporanea, qualificata per la fase finale grazie ad un ritiro e nella quale io sono l'anello debole per la mia particolare dote di non tenere un palleggio e qualche errore di troppo a rete ( so già che vi chiederete: ma allora che sai fare!! beh mi diverto).Comunque se un'agenzia di scommesse ci avesse quotato penso proprio che ci avrebbe dato almeno a 5 .
Comunque per farla breve vinciamo in 3 set :cheers:e faccio un partitone a rete e più che discreto da fondo. A fine partita, spettatori che ci davano (giustamente) per spacciati e che ci spiegavano (rendetevi conto study) il perché avevamo vinto, fino ad arrivare ad affermare temerariamente" Eppure me l'immaginavo che potesse finire così"  ... Spudorati mentitori incapaci di tenere la racchetta in mano.
Ma quanto è bello il gusto della vittoria in una partita che era persa sulla carta, specialmente se tutti ti davano perdente e magari godevano per questo.  Magari ti davi perdente anche tu stesso ed entravi in campo disincantato e quasi rassegnato. Poi giocando, pian pianino ti accorgevi che c'era qualche speranza, che non era quel mostro che pensavi fosse, che valeva la pena provarci e crederci. Dite di quella partita senza speranza, quella che un attimo prima di entrare in campo avevate preso un appuntamento per un'ora dopo (compresa la doccia) e che poi si trasforma in una impresa  tennistica da raccontare ai posteri anche perché potremmo assimilarla ad una lezione di vita del tipo "mai dire gatto se non ce l'hai nel sacco" oppure "finché c'è vita c'é speranza" o anche "il diavolo non é così brutto come sembra" ... Fate voi...Wink

incompetennis
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 669
Località : Etna
Data d'iscrizione : 04.01.13

Profilo giocatore
Località: Etna
Livello: N.C (Non Cagato)
Racchetta: Babbolatt

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum