Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da Simonedrink il Ven 7 Giu 2013 - 12:59

Salve a tutti,sono nuovo del forum ma vorrei porvi questa domanda,nel momento che incontrate un'avversario che ha un buon dritto ma un rovescio non all'altezza del dritto e che cerca di chiudere dopo due tre scambi con il suo colpo preferito(dritto),preferite inchiodarlo sul rovescio giocando topponi alti e profondi e al momento giusto chiudere dall'altra parte oppure giocare una palla a destra e una a sinistra consapevoli del fatto che lui dopo il terzo quarto scambio forzerà e le percentuali di un suo errore sono alte? Grazie a tutti per le eventuali risposte

Simonedrink
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 3
Età : 27
Località : Civitavecchia
Data d'iscrizione : 04.06.13

Profilo giocatore
Località: Civitavecchia
Livello: Basso
Racchetta: Aereopro drive gt

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da Crisidelm il Ven 7 Giu 2013 - 13:08

Sia l'una che l'altra: fissarsi troppo su un solo schema può essere improduttivo e pericoloso alla lunga.

Crisidelm
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2479
Età : 41
Località : Bassa Piave (VE)
Data d'iscrizione : 25.11.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex V-Core Tour 89 - Yonex RQiS 1 Tour XL 95

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da marti il Ven 7 Giu 2013 - 14:16

Io prima tendeva molto ad insistere sul colpo debole dell avversario col rischio che questo si girasse x colpire col dritto o col rischio di metterlo in palla anche sul suo colpo debole .

Ora tendo a giocare a far muovere l'avversario e quindi a farlo colpire col suo colpo migliore possibilmente in corsa o comunque fornendo palle profonde e un Po'cariche x poi chiudere oppure attaccare sul suo colpo più debole

marti
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 861
Data d'iscrizione : 23.11.11

Profilo giocatore
Località: genova
Livello: FIT 4.4
Racchetta: babolat pure drive

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da kingkongy il Ven 7 Giu 2013 - 14:49

Già uno ne ha abbastanza dei propri, di guai...perché deve andare a interessarsi di quelli altrui?

Continuare a giocare su quello che sembra un punto debole dell'avversario non è proprio una grande idea...perché si rischia di farlo rientrare in palla, ovvero di fargli prendere in giusto timing.
Se, invece, l'avversario è proprio debole su quel lato...prendilo a pallate come ti pare e punta alla doccia.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da mattiaajduetre il Ven 7 Giu 2013 - 15:11

Buon pomeriggio
Se il colpo è debole veramente..... si martella. Oppure variare sempre per non dare continuità e evitare il rischio " di mettere in palla."
A presto

mattiaajduetre
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 11931
Località : tosco.made.milza.seni.sange.(throu' all)
Data d'iscrizione : 27.10.12

Profilo giocatore
Località: deepest padan
Livello: deepest lev.: fired out
Racchetta: once pt57e, now... yonex's 2 better!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da Simonb il Ven 7 Giu 2013 - 22:26

Comunque, se noti che è carente sul rovescio, per dire, prova il "vincente" su quel fondamentale, piuttosto che su quello forte. Oppure, se vedi che colpisce bene il dritto in corsa, peggio quello da fermo, cerca di fargli giocare più quello. Insomma, adeguati. Ma rendita imprevedibile, giocando sempre da tutte le parti. Conta anche che se il suo fondamentale debole lo è davvero, sbilanciando lo da una parte all'altra lo renderai ancora più debole:)

Un altro esempio: rovescio debole? Con il servizio punta su quello, sia a destra che a sinistra. Ogni tanto varia, però: sapendo che tirerai sempre sul rovescio, tenderà a sbilanciarsi da quella parte. A questo punto puoi forzare sul dritto:)

Simonb
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1627
Età : 26
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 08.01.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: Boh!
Racchetta: Wilson PS90 - Yonex 89 - Volkl Ox10 Mid

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da longjohn il Ven 7 Giu 2013 - 23:03

Anni fa un video di qualche guru americano (Bollettieri, Jensen o simili) suggeriva di far giocare il colpo debole all'avversario nella maniera più scomoda possibile.
In sostanza , se è debole sul rovescio, buttarlo fuori dal campo con dritto a uscire e poi costringerlo a rincorrere una palla sul rovescio per venire poi a rete.
Questo non so però a che target di giocatore si riferisse.

Un caro amico che gioca da anni, livello 3.4 o superiore, mi consiglia sempre, appena l'avversario è in difficoltà , di "attaccarlo" con un bel top che rimbalzi alto e lungo sul colpo debole per poi venire a rete: pare che per il quarta medio sia devastante, peccato che non mi riesca così facile da applicare in maniera efficace Sad

longjohn
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 148
Data d'iscrizione : 17.12.11

Profilo giocatore
Località: Torino + Ponente ligure
Livello: FIT 4.5
Racchetta: Yonex Ezone DR100 - Yonex VCORE Xi 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da kingkongy il Ven 7 Giu 2013 - 23:22

Bollettieri ha ragione...hihihihi ma lui lavora con quelli che hanno già fatto i compiti...
Ed e' pienamente condivisibile l'attacco suggerito dal Terza...ma se uno sa spostare e mettere in difficoltà l'avversario... non si pone il problema...conosce già tutte le risposte....
Very Happy

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Disparità di rendimento tra dritto e rovescio del tuo avversario,cosa fare

Messaggio Da longjohn il Ven 7 Giu 2013 - 23:35

@kingkongy ha scritto:Bollettieri ha ragione...hihihihi ma lui lavora con quelli che hanno già fatto i compiti...
Ed e' pienamente condivisibile l'attacco suggerito dal Terza...ma se uno sa spostare e mettere in difficoltà l'avversario... non si pone il problema...conosce già tutte le risposte....
Very Happy

In entrambi i casi mi permetto di precisare.
I video di Bollettieri&C generalmente sono rivolti a chi incomincia e crede di imparare a giocare a tennis davanti a un monitor (me compreso ancora oggi!), non credo che la Williams stanotte ripasserà quelle teorie con la VHS insomma Very Happy
Quindi la teoria descritta credo possa essere un buono spunto soprattutto per chi cerca di capire come "giocare" e non solo colpire la pallina.

Sul fatto di saper spostare l'avversario "nessuno nasce imparato", però l'idea di giocare un tennis a vanvera pensando solo a ributtare di là la palla proprio non la concepisco, quindi almeno mentalmente (visto che il braccio non fa quasi mai quello che la mente vorrebbe) consiglierei di imporsi un minimo di strategia, che tradotto vuol dire avere quella manciata di automatismi di gioco (schemi?!?!) su cui far fede in momenti di apnea o di braccino galoppante.
Qualcuno potrebbe obiettare che Nadal e Ferrer col gioco "a ributtare" sono in finale a RG: bene, allora iniziate a correre se volete far quel gioco Wink

longjohn
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 148
Data d'iscrizione : 17.12.11

Profilo giocatore
Località: Torino + Ponente ligure
Livello: FIT 4.5
Racchetta: Yonex Ezone DR100 - Yonex VCORE Xi 98

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum