Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Turbolz il Dom 2 Giu 2013 - 13:16

Buongiorno a tutti.
Qualcuno mi sa spiegare per cortesia questa cosa misteriosa? Ho un buon rovescio liftato ma, in torneo, al primo punto, mi si resetta la parte del cervello dove e' immagazzinato il colpo.
NON LO GIOCO PIU' . Solo rovescio tagliato.

Aiutatemiiiiiiii!!!!Cosa succede?Capita solo a me????

Turbolz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1691
Località : Verona-Cremona
Data d'iscrizione : 27.07.10

Profilo giocatore
Località: Verona-Cremona
Livello: 4.3 Fit (infortunato
Racchetta: ZUS 100 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Adolfo il Dom 2 Giu 2013 - 15:06

ciao, in questi casi dovresti porre attenzione a trovare con calma gli appoggi giusti e a sentire la palla scorrere nelle corde quando provi a toppare, possibilmente senza foga Wink

_____________________________________________________________

Adolfo
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3306
Data d'iscrizione : 07.10.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: ITR 4
Racchetta: Wilson Pro Open BLX

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Nalba92 il Dom 2 Giu 2013 - 15:24

@Turbolz ha scritto:Buongiorno a tutti.
Qualcuno mi sa spiegare per cortesia questa cosa misteriosa? Ho un buon rovescio liftato ma, in torneo, al primo punto, mi si resetta la parte del cervello dove e' immagazzinato il colpo.
NON LO GIOCO PIU' . Solo rovescio tagliato.

Aiutatemiiiiiiii!!!!Cosa succede?Capita solo a me????

Non preoccuparti, ci sono anch'io!

Non che in allenamento faccia sfraceli con il mio rovescio coperto, ma perlomeno la butto di là.

Nalba92
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 260
Età : 24
Località : Brescia
Data d'iscrizione : 06.02.12

Profilo giocatore
Località: Brescia
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: Yonex VCore 98D

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Turbolz il Dom 2 Giu 2013 - 15:25

Grazie del suggerimento. Qualche esercizio psicologico per ritrovare il colpo (che ripeto, in allenamento gioco tranquillamente)?

Turbolz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1691
Località : Verona-Cremona
Data d'iscrizione : 27.07.10

Profilo giocatore
Località: Verona-Cremona
Livello: 4.3 Fit (infortunato
Racchetta: ZUS 100 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Kmore il Dom 2 Giu 2013 - 15:29

...no ... rassegnati Mad

Kmore
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2651
Età : 53
Località : Torino
Data d'iscrizione : 25.09.11

Profilo giocatore
Località: Torino - sud - Sisport Fiat
Livello: O50 - 4.2 (obiettivo 2016 raggiunto: torno 4.1!!!!!!...a fine anno)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da defe88 il Dom 2 Giu 2013 - 16:28

secondo me è che come me in allenamento lo giochi tranquillamente e in partita male....mentre in allenamento dovremmo giocarlo divinamente e in partita tranquillamente Very Happy

defe88
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1213
Età : 28
Località : Toscana
Data d'iscrizione : 08.12.12

Profilo giocatore
Località: Toscana
Livello: Tra un top4 e un n.c. (più verso l' n.c.)
Racchetta: Dunlop Biomimetic M3.0 ; Wilson K Factor Pro Team

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Turbolz il Dom 2 Giu 2013 - 16:42

@Kmore ha scritto:...no ... rassegnati Mad

C'e sempre una speranza Smile

Turbolz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1691
Località : Verona-Cremona
Data d'iscrizione : 27.07.10

Profilo giocatore
Località: Verona-Cremona
Livello: 4.3 Fit (infortunato
Racchetta: ZUS 100 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Turbolz il Dom 2 Giu 2013 - 16:45

@defe88 ha scritto:secondo me è che come me in allenamento lo giochi tranquillamente e in partita male....mentre in allenamento dovremmo giocarlo divinamente e in partita tranquillamente Very Happy

Mi sa di si. Forse dovrei sbatterci la testa in allenamento. Pagare un palleggiatore e fare ore ed ore di rovesci

Contemporaneamente cercare di dimenticare il tagliato in partita...alla fine quando poi non si tocca si impara a nuotare no?

Turbolz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1691
Località : Verona-Cremona
Data d'iscrizione : 27.07.10

Profilo giocatore
Località: Verona-Cremona
Livello: 4.3 Fit (infortunato
Racchetta: ZUS 100 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Zagreus60 il Dom 2 Giu 2013 - 20:09

Credo che il problema sia quello di non preoccuparsi troppo se sbagli. Talvolta in torneo si ha troppa paura di fare gratuiti... e si finisce per farne a decine, giocando per giunta corto e male! Comincia col rovescio in top, se proprio ti accorgi che non va alterna, senza rinunciare del tutto.

Zagreus60
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1130
Età : 56
Località : Reggio Calabria
Data d'iscrizione : 28.11.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.0
Racchetta: Blade 98 16X19 - Prince Rebel 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Turbolz il Dom 2 Giu 2013 - 20:48

@Zagreus60 ha scritto:Credo che il problema sia quello di non preoccuparsi troppo se sbagli. Talvolta in torneo si ha troppa paura di fare gratuiti... e si finisce per farne a decine, giocando per giunta corto e male! Comincia col rovescio in top, se proprio ti accorgi che non va alterna, senza rinunciare del tutto.

Grazie del suggerimento Smile

Turbolz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1691
Località : Verona-Cremona
Data d'iscrizione : 27.07.10

Profilo giocatore
Località: Verona-Cremona
Livello: 4.3 Fit (infortunato
Racchetta: ZUS 100 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da GMB il Dom 2 Giu 2013 - 20:55

il tagliato di rovescio è generalmente un colpo difensivo giocabile anche quando si arriva male sulla palla, la si ha addosso perché si è in ritardo, si è troppo avanti coi piedi.
in queste condizioni giocare un top è praticamente impossibile.

GMB
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 225
Età : 47
Data d'iscrizione : 04.06.11

Profilo giocatore
Località: Perugia
Livello: n.c. ITR 3.5-4.0
Racchetta: Dunlop Biomimetic F5 Tour

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da mattiaajduetre il Dom 2 Giu 2013 - 21:03

Turbolz ciao

Prova ad arrivare al torneo in anticipo con un amico....ti fai dare a mano qualche palla che in top di rovescio da fondo campo dovrai sparare letteralmente contro il telone senza che tocchi il campo... poi palleggi un poco ovviamente solo in top.
Ripeti qualche volta la sequenza e poi..... vai a vincere!

Grazie per la cortesia

mattiaajduetre
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 11935
Località : tosco.made.milza.seni.sange.(throu' all)
Data d'iscrizione : 27.10.12

Profilo giocatore
Località: deepest padan
Livello: deepest lev.: fired out
Racchetta: once pt57e, now... yonex's 2 better!

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da longjohn il Dom 2 Giu 2013 - 21:08

Stessa cosa per me, addirittura a me capita anche nelle partitelle: appena c'è il punto in ballo... vai col back.

Una piccola spiegazione me la so dare, anche se non riesco a uscirne.
Il rovescio a una mano (ancor più del dritto secondo me) necessita di un buon appoggio sulle gambe, in particolare la gamba più avanzata (destra per i destri).
Generalmente l'ansia tende a far irrigidire le gambe ed ecco perchè si iniziano a sparare rovesci in top ovunque, perdita di fiducia e quindi ... back , garanzia di remata anche in condizioni di equilibrio non proprio ottimale.
Tutto IMHO ovviamente

longjohn
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 148
Data d'iscrizione : 17.12.11

Profilo giocatore
Località: Torino + Ponente ligure
Livello: FIT 4.5
Racchetta: Yonex Ezone DR100 - Yonex VCORE Xi 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Adolfo il Dom 2 Giu 2013 - 21:20

Ragazzi tutti i colpi che non riuscite a portare dall'allenamento alla partita dipende dalla poca sicurezza su quel colpo.... a me capita con la volee Wink

_____________________________________________________________

Adolfo
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 3306
Data d'iscrizione : 07.10.10

Profilo giocatore
Località: Roma
Livello: ITR 4
Racchetta: Wilson Pro Open BLX

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da kingkongy il Dom 2 Giu 2013 - 21:55

Direi che Adolfo ha ben sintetizzato... Il blocco psicologico per un colpo...che e' un fondamentale, non può esistere. Sussiste - come colpo proibito - se non fa parte della "cassetta degli attrezzi".

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da mano de piedra il Dom 2 Giu 2013 - 22:17

@Turbolz ha scritto:Buongiorno a tutti.
Qualcuno mi sa spiegare per cortesia questa cosa misteriosa? Ho un buon rovescio liftato ma, in torneo, al primo punto, mi si resetta la parte del cervello dove e' immagazzinato il colpo.
NON LO GIOCO PIU' . Solo rovescio tagliato.

Aiutatemiiiiiiii!!!!Cosa succede?Capita solo a me????

Tranquillo..è un problema comune per tutti i "monomani" su cui influiscono sia fattori tecnico-tattici che psicologici. Ci siamo passati un po' tutti.
Sul piano tecnico non ti posso consigliare granchè ma deduco dal tuo "liftato" che usi una discreta rotazione e questo è sicuramente indice di buona consistenza del colpo (consistenza=giocare la palla di là e in campo).
Il fatto che usi molto (o quasi sempre..) il back, è indice che in partita preferisci manovrare, piazzare la palla, e questo è un aspetto tattico comune: nella gran parte dei casi lo slice è un colpo che ti garantisce più precisione (direzione+profondità). Se hai queste caratteristiche anche con il colpo coperto e nonostante ciò non lo usi, il meccanismo è subito svelato ed è una questione sia tecnica e che psicologica.
Mi spiego meglio..per giocare il rovescio coperto a una mano devi "garantire" al colpo un maggior equilibrio sugli appoggi dei piedi rispetto alla esecuzione in back. In altre parole devi essere più coordinato mentre con il back è più facile "compensare" con il braccio/polso. Questo ti costa più attenzione (concentrazione) sulla parte inferiore del corpo ed è il motivo per cui in allenamento (dove pensi esclusivamente a te stesso) lo giochi più facilmente che in partita (dove pensi all'avversario e a dove tirare la palla).
Di certo con il back corri di meno e hai più tempo per "rientrare". Il problema è che, se non giochi rasoiate vicino alla riga, ti trovi sempre ad essere pressato su quel colpo. Usalo tranquillamente in manovra ma magari inizia a giocare il top quando ti pressano (lo so, sembra un controsenso..): questo di darà fiducia anche per giocarlo in altre sitazioni.
Spero di esserti stato utile..

mano de piedra
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 142
Età : 44
Località : Brescia
Data d'iscrizione : 10.02.11

Profilo giocatore
Località: Brescia
Livello: ITR4.5 FIT4.2 IS1
Racchetta: T-FIGHT 315 LTD 16M

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da matador66 il Dom 2 Giu 2013 - 22:25

@mano de piedra ha scritto:
@Turbolz ha scritto:Buongiorno a tutti.
Qualcuno mi sa spiegare per cortesia questa cosa misteriosa? Ho un buon rovescio liftato ma, in torneo, al primo punto, mi si resetta la parte del cervello dove e' immagazzinato il colpo.
NON LO GIOCO PIU' . Solo rovescio tagliato.

Aiutatemiiiiiiii!!!!Cosa succede?Capita solo a me????

Tranquillo..è un problema comune per tutti i "monomani" su cui influiscono sia fattori tecnico-tattici che psicologici. Ci siamo passati un po' tutti.
Sul piano tecnico non ti posso consigliare granchè ma deduco dal tuo "liftato" che usi una discreta rotazione e questo è sicuramente indice di buona consistenza del colpo
(consistenza=giocare la palla di là e in campo).
Il fatto che usi molto (o quasi sempre..) il back, è indice che in partita preferisci manovrare, piazzare la palla, e questo è un aspetto tattico comune: nella gran parte dei casi lo slice è un colpo che ti garantisce più precisione (direzione+profondità). Se hai queste caratteristiche anche con il colpo coperto e nonostante ciò non lo usi, il meccanismo è subito svelato ed è una questione sia tecnica e che psicologica.
Mi spiego meglio..per giocare il rovescio coperto a una mano devi "garantire" al colpo un maggior equilibrio sugli appoggi dei piedi rispetto alla esecuzione in back. In altre parole devi essere più coordinato mentre con il back è più facile "compensare" con il braccio/polso. Questo ti costa più attenzione (concentrazione) sulla parte inferiore del corpo ed è il motivo per cui in allenamento (dove pensi esclusivamente a te stesso) lo giochi più facilmente che in partita (dove pensi all'avversario e a dove tirare la palla).
Di certo con il back corri di meno e hai più tempo per "rientrare". Il problema è che, se non giochi rasoiate vicino alla riga, ti trovi sempre ad essere pressato su quel colpo. Usalo tranquillamente in manovra ma magari inizia a giocare il top quando ti pressano (lo so, sembra un controsenso..): questo di darà fiducia anche per giocarlo in altre sitazioni.
Spero di esserti stato utile..
Ottimo, quoto in pieno!!
Esattamente quello che penso!

matador66
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1610
Località : Roma - Eur
Data d'iscrizione : 20.04.11

Profilo giocatore
Località: roma
Livello: itr 4.0 (quasi)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da abracadabra78 il Dom 2 Giu 2013 - 22:58

@Turbolz ha scritto:Buongiorno a tutti.
Qualcuno mi sa spiegare per cortesia questa cosa misteriosa? Ho un buon rovescio liftato ma, in torneo, al primo punto, mi si resetta la parte del cervello dove e' immagazzinato il colpo.
NON LO GIOCO PIU' . Solo rovescio tagliato.

Aiutatemiiiiiiii!!!!Cosa succede?Capita solo a me????
ehhh....in realta' non e' completamente immagazzinato.....sta ancora nello sgabuzzino! Smile ...cmq anche in qualche finale lim 4.1 succede di vedere solo back di rovescio,quindi stai tranquillo!....a dir la verita' anche il signor feliciano lopez che e' un professionista va avanti praticamente solo a back...anche la signorina roberta vinci conosce solo il rovescio in back e ce ne sono altri tra i professionisti.....probabilmente,pur essendo dei pro,nessuno gliel'ha insegnato decentemente da piccoli,quindi adesso nn lo tirano mai perche' non sono sicuri del colpo

abracadabra78
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 10016
Età : 38
Località : milano
Data d'iscrizione : 11.08.09

Profilo giocatore
Località: milano
Livello: fit 4.2
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Nalba92 il Lun 3 Giu 2013 - 11:18

@mano de piedra ha scritto:Tranquillo..è un problema comune per tutti i "monomani" su cui influiscono sia fattori tecnico-tattici che psicologici. Ci siamo passati un po' tutti.
Sul piano tecnico non ti posso consigliare granchè ma deduco dal tuo "liftato" che usi una discreta rotazione e questo è sicuramente indice di buona consistenza del colpo (consistenza=giocare la palla di là e in campo).
Il fatto che usi molto (o quasi sempre..) il back, è indice che in partita preferisci manovrare, piazzare la palla, e questo è un aspetto tattico comune: nella gran parte dei casi lo slice è un colpo che ti garantisce più precisione (direzione+profondità). Se hai queste caratteristiche anche con il colpo coperto e nonostante ciò non lo usi, il meccanismo è subito svelato ed è una questione sia tecnica e che psicologica.
Mi spiego meglio..per giocare il rovescio coperto a una mano devi "garantire" al colpo un maggior equilibrio sugli appoggi dei piedi rispetto alla esecuzione in back. In altre parole devi essere più coordinato mentre con il back è più facile "compensare" con il braccio/polso. Questo ti costa più attenzione (concentrazione) sulla parte inferiore del corpo ed è il motivo per cui in allenamento (dove pensi esclusivamente a te stesso) lo giochi più facilmente che in partita (dove pensi all'avversario e a dove tirare la palla).
Di certo con il back corri di meno e hai più tempo per "rientrare". Il problema è che, se non giochi rasoiate vicino alla riga, ti trovi sempre ad essere pressato su quel colpo. Usalo tranquillamente in manovra ma magari inizia a giocare il top quando ti pressano (lo so, sembra un controsenso..): questo di darà fiducia anche per giocarlo in altre sitazioni.
Spero di esserti stato utile..


E io che in teoria dovrei essere bimane?!?!?!

PS Saluti concittadino

Nalba92
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 260
Età : 24
Località : Brescia
Data d'iscrizione : 06.02.12

Profilo giocatore
Località: Brescia
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: Yonex VCore 98D

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Turbolz il Lun 3 Giu 2013 - 16:16

Ragazzi ringrazio tutti.
A questo punto credo abbiate tutti un po ragione. Probabilmente non ho cosi immagazzinato il colpo, mi irrigidisco in partita con le gambe e non vado a cercare la palla (anche perche' mi focalizzo sull'avversario) ....cmq domani un'ora di palleggi di rovescio con un 2.8 e giovedi in torneo, a parte attaccando per venire a rete divieto assoluto di back Smile

Turbolz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1691
Località : Verona-Cremona
Data d'iscrizione : 27.07.10

Profilo giocatore
Località: Verona-Cremona
Livello: 4.3 Fit (infortunato
Racchetta: ZUS 100 18x20

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Hammer72 il Lun 3 Giu 2013 - 16:19

io vi dico solo che nei tornei FIT di quest'anno ho giocato quasi solo back e i rovesci che ho piantato quasi solo lungo linea ( 2 mani ) son stati sempre vincenti ed era il mio colpo peggiore....

PS non ho ancora passato un turno... Very Happy

Hammer72
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 4709
Età : 43
Località : Alessandria / Torino
Data d'iscrizione : 25.05.10

Profilo giocatore
Località: Alessandria
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: BABOLAT PURE AERO E APD GT ROLAND GARROS

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da longjohn il Lun 3 Giu 2013 - 16:32

@Turbolz ha scritto:Ragazzi ringrazio tutti.
A questo punto credo abbiate tutti un po ragione. Probabilmente non ho cosi immagazzinato il colpo, mi irrigidisco in partita con le gambe e non vado a cercare la palla (anche perche' mi focalizzo sull'avversario) ....cmq domani un'ora di palleggi di rovescio con un 2.8 e giovedi in torneo, a parte attaccando per venire a rete divieto assoluto di back Smile

Che bello leggere il forum, ti rendi conto che NON SEI SOLO NELLA DISGRAZIA
Tema palleggi con un 2.8 ...

Da anni "palleggio" con un 2.4 che agli annali giocò anche un match contro Nole...

A tratti "mi guardo" e sembro un fenomeno: ritmo altissimo, palla pesantissima, rotazioni mai viste, etc etc
Peccato che poi il giorno dopo becco 6-1 dal ragazzino che gioca da un anno e tira una seconda di servizio col secondo rimbalzo.... nel quadrato del servizio, un dritto che se c'è vento torna indietro e un rovescio che se giochi sotto il pallone leva le ragnatele
Ovviamente questo perchè un conto è giocare colpendo palle pesanti il giusto tutte con lo stesso angolo e velocità, un conto è rincorrere avanti e indietro palle senza peso

Mi piace troppo la sensazione di "palleggio" col seconda e continuo ad elargire palanche, che messe insieme potevo farmi un mese da zio Nick Bollettieri, però razionalmente parlando la cosa va bene solo se vuoi "tarare" il colpo, ma per avanzare e vincere match penso che sia di gran lunga meglio "nuotare" nella melma dei quarta, più bassi sono meglio è Wink

longjohn
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 148
Data d'iscrizione : 17.12.11

Profilo giocatore
Località: Torino + Ponente ligure
Livello: FIT 4.5
Racchetta: Yonex Ezone DR100 - Yonex VCORE Xi 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Hammer72 il Lun 3 Giu 2013 - 17:01

@longjohn ha scritto:
@Turbolz ha scritto:Ragazzi ringrazio tutti.
A questo punto credo abbiate tutti un po ragione. Probabilmente non ho cosi immagazzinato il colpo, mi irrigidisco in partita con le gambe e non vado a cercare la palla (anche perche' mi focalizzo sull'avversario) ....cmq domani un'ora di palleggi di rovescio con un 2.8 e giovedi in torneo, a parte attaccando per venire a rete divieto assoluto di back Smile

Che bello leggere il forum, ti rendi conto che NON SEI SOLO NELLA DISGRAZIA
Tema palleggi con un 2.8 ...

Da anni "palleggio" con un 2.4 che agli annali giocò anche un match contro Nole...

A tratti "mi guardo" e sembro un fenomeno: ritmo altissimo, palla pesantissima, rotazioni mai viste, etc etc
Peccato che poi il giorno dopo becco 6-1 dal ragazzino che gioca da un anno e tira una seconda di servizio col secondo rimbalzo.... nel quadrato del servizio, un dritto che se c'è vento torna indietro e un rovescio che se giochi sotto il pallone leva le ragnatele
Ovviamente questo perchè un conto è giocare colpendo palle pesanti il giusto tutte con lo stesso angolo e velocità, un conto è rincorrere avanti e indietro palle senza peso

Mi piace troppo la sensazione di "palleggio" col seconda e continuo ad elargire palanche, che messe insieme potevo farmi un mese da zio Nick Bollettieri, però razionalmente parlando la cosa va bene solo se vuoi "tarare" il colpo, ma per avanzare e vincere match penso che sia di gran lunga meglio "nuotare" nella melma dei quarta, più bassi sono meglio è Wink

io pure una volta a settimana o 15 gg palleggio con un 2.7 ex 2.3 che mi dà anche consigli tecnici e quando il ritmo sale e ogni volta tengo di + mi dice BRAVO OO e io credo di poterle andare a suonare a "quasi" tutto il mio circolo, immaginando me che al prossimo torneo FIT passo un turno dopo l'altro sino ai quarti x impegnarmi....

MA al primo l'ometto sui 60 con una oversize da 235gr mi gioca palle sporche o campanile appaggiondosi a quei pochi dritti che riesco a spingere su quelle palle e mi ritrovo ad aver perso 6.4 / 6.4 Sad

Hammer72
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 4709
Età : 43
Località : Alessandria / Torino
Data d'iscrizione : 25.05.10

Profilo giocatore
Località: Alessandria
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: BABOLAT PURE AERO E APD GT ROLAND GARROS

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da marti il Lun 3 Giu 2013 - 17:10

@Hammer72 ha scritto:
@longjohn ha scritto:
@Turbolz ha scritto:Ragazzi ringrazio tutti.
A questo punto credo abbiate tutti un po ragione. Probabilmente non ho cosi immagazzinato il colpo, mi irrigidisco in partita con le gambe e non vado a cercare la palla (anche perche' mi focalizzo sull'avversario) ....cmq domani un'ora di palleggi di rovescio con un 2.8 e giovedi in torneo, a parte attaccando per venire a rete divieto assoluto di back Smile

Che bello leggere il forum, ti rendi conto che NON SEI SOLO NELLA DISGRAZIA
Tema palleggi con un 2.8 ...

Da anni "palleggio" con un 2.4 che agli annali giocò anche un match contro Nole...

A tratti "mi guardo" e sembro un fenomeno: ritmo altissimo, palla pesantissima, rotazioni mai viste, etc etc
Peccato che poi il giorno dopo becco 6-1 dal ragazzino che gioca da un anno e tira una seconda di servizio col secondo rimbalzo.... nel quadrato del servizio, un dritto che se c'è vento torna indietro e un rovescio che se giochi sotto il pallone leva le ragnatele
Ovviamente questo perchè un conto è giocare colpendo palle pesanti il giusto tutte con lo stesso angolo e velocità, un conto è rincorrere avanti e indietro palle senza peso

Mi piace troppo la sensazione di "palleggio" col seconda e continuo ad elargire palanche, che messe insieme potevo farmi un mese da zio Nick Bollettieri, però razionalmente parlando la cosa va bene solo se vuoi "tarare" il colpo, ma per avanzare e vincere match penso che sia di gran lunga meglio "nuotare" nella melma dei quarta, più bassi sono meglio è Wink

io pure una volta a settimana o 15 gg palleggio con un 2.7 ex 2.3 che mi dà anche consigli tecnici e quando il ritmo sale e ogni volta tengo di + mi dice BRAVO OO e io credo di poterle andare a suonare a "quasi" tutto il mio circolo, immaginando me che al prossimo torneo FIT passo un turno dopo l'altro sino ai quarti x impegnarmi....

MA al primo l'ometto sui 60 con una oversize da 235gr mi gioca palle sporche o campanile appaggiondosi a quei pochi dritti che riesco a spingere su quelle palle e mi ritrovo ad aver perso 6.4 / 6.4 Sad

Ma infatti il primo salto di qualità del tennista di quarta è rappresentato nell'imparare a spingere la palla che ti recapita l'ometto con l'oversize.
appoggiarsi alla palla tesa del maestro o dell'ex 2.3 che ti fa palleggiare fornendoti una palla pesante ma comunque costante è sicuramente più facile.

il mio maestro dice che serve tutto:quindi ben vengano anche i tornei sociali con l'ultra60enne che ci fa dannare.
io sto cercando di variare un pò gli avversari proprio per abituarmi a tutto:dal corridore pallettaro che ti rimanda sempre indietro tutto, all'affettatore vintage, dallo spinnatore nadaliano (vabbè sto esagerando...), al buon terza che mi concede un'ira del suo tempo.
inutile dire che quando esco dal campo ho sensazioni diverse positive o negative a seconda dell'avversario e della palla che mi ha fornito

marti
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 861
Data d'iscrizione : 23.11.11

Profilo giocatore
Località: genova
Livello: FIT 4.4
Racchetta: babolat pure drive

Tornare in alto Andare in basso

Re: Tornei e psicologia il mistero del rovescio

Messaggio Da Veterano il Lun 3 Giu 2013 - 17:18

Il problema molto spesso e' proprio questo ti abitui a giocare palle con peso,poi quando ti serve spingere di tuo se il peso lo devi mettere tu non ne sei capace.Ce una gran differenza tra il colpire e lo spingere.A colpire sono capaci tutti a spingere no.Su una palla senza peso bisogna saper accompaganare bene il colpo e spingere la palla,percio' tecnicamente e' piu complicato,invece su un bolide piatto o una palla piu pesante a volte basta sapersi appoggiare bene.......ora safatiamo il mito di palleggio con un seconda e mi sembra di tenergli testa,per poi prendere randellate dal piu bieco dei quarta che ti tira solo mozzarelle,se perdi con il mozzarellaio e' perche' il livello il tuo livello tecnico e ancora molto basso,occhio perche' un maestro bravo o un buon giocatore in palleggio possono far sembrare bravo anche uno abbastanza scarso........per vedere il vostro vero livello ci va la partita di torneo,se siete tecnicamente solidi e fisicamente state abbastanza bene la qurta la volate senza se e senza ma.......

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1989
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum