Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

lo studio dell'avversario

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

lo studio dell'avversario

Messaggio Da netplay il Lun 29 Apr 2013 - 18:08

ciao a tutti,

vorrei aprire questo thread visto :no:che mi rendo conto di quanto sia importante, come fate voi?? in quale fase? come traete le conclusioni e poi applicate una strategia?Exclamation

ciao Shocked

netplay
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 07.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.5
Racchetta: non lo so

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da johnmcenroe96 il Mar 30 Apr 2013 - 10:19

Si, servi ed attacchi sul suo colpo passante più debole. Questo intendi ?

johnmcenroe96
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 982
Data d'iscrizione : 01.01.12

Profilo giocatore
Località: Scalea
Livello: 4.3
Racchetta: Wilson K Factor Blade 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da netplay il Mar 30 Apr 2013 - 13:17

no, volevo sapere come si fa lo studio dell'avversario, cioè quali sono gli accorgimenti che servono per capire i lati deboli, se soffre la palla alta sul rovescio, se soffre il bakc, cioè se lo fate durante il palleggio riscaldamento oppure in partita e poi come fate a cambiare gioco insistendo sui suoi lati deboli.
ciao

netplay
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 07.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.5
Racchetta: non lo so

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da johnmcenroe96 il Mar 30 Apr 2013 - 16:37

Nel riscaldamento. Devi vedere quale è il suo colpo passante meno sicuro. O nel riscaldamento quando provi le volée o nei primi due attacchi a rete, magari con la sua seconda ed i primi con il tuo servizio. Vedi il colpo passante meno sicuro, che quasi sempre è il rovescio e attacchi senza forza. Ogni tanto cambi però...

johnmcenroe96
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 982
Data d'iscrizione : 01.01.12

Profilo giocatore
Località: Scalea
Livello: 4.3
Racchetta: Wilson K Factor Blade 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Veterano il Mar 30 Apr 2013 - 17:14

Non sono daccordo Jhon,il riscaldamenteo serve per riscaldarti,nel senso che non me ne puo fregar di meno cosa faccia il mio avversario dall altra parte.Al meno che non sia veramente scarso e non si possa fare a meno di vedere certe carenze,il riscldamento ti fa capire poco nulla.Se facessi un podi tornei caro mac ti accorgeresti che ce gente che in riscaldamento tira pianissimo,non forza mai un colpo e avolte sbaglia di proposito dei colpi,per farti capire che ha delle debolezze.

Poi quando si incomincia a giocare......puffffff,scopri che il giocatore che non tirava mai in riscaldamento,gioca una palla bella pesante,e quel rovescio in slice che in palleggio sbagliava due volte su tre ora e' preciso come non mai e sbaglia un piffero.......occhio al riscaldamento....

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da ace59 il Mar 30 Apr 2013 - 17:17

@Veterano ha scritto:Non sono daccordo Jhon,il riscaldamenteo serve per riscaldarti,nel senso che non me ne puo fregar di meno cosa faccia il mio avversario dall altra parte.Al meno che non sia veramente scarso e non si possa fare a meno di vedere certe carenze,il riscldamento ti fa capire poco nulla.Se facessi un podi tornei caro mac ti accorgeresti che ce gente che in riscaldamento tira pianissimo,non forza mai un colpo e avolte sbaglia di proposito dei colpi,per farti capire che ha delle debolezze.

Poi quando si incomincia a giocare......puffffff,scopri che il giocatore che non tirava mai in riscaldamento,gioca una palla bella pesante,e quel rovescio in slice che in palleggio sbagliava due volte su tre ora e' preciso come non mai e sbaglia un piffero.......occhio al riscaldamento....
verissimo
secondo me cominci a capire qualcosa di come gioca dopo i primi due/tre game

ace59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3377
Età : 57
Data d'iscrizione : 29.06.11

Profilo giocatore
Località: treviso
Livello: fit 4.2
Racchetta: 1 PT57A pj MP , 1 PT57E pj MP l , 2 prestige MP , 1 PK Ki5 315

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Bjornborg96 il Mar 30 Apr 2013 - 17:22

In effetti anche a me è capitato di incontrare Persone che nel riscaldamento fanno poco o nulla, poi nel Match si sono rivelate ben diverse.
P.S. Sono da poco iscritto a questo forum, e già ho incontrato il mio vecchio rivale che mi è anche coetaneo credo. Cia John...

Bjornborg96
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 19
Età : 20
Località : Salò
Data d'iscrizione : 30.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da johnmcenroe96 il Mar 30 Apr 2013 - 17:26

Beh Veterano, hai ragione, anche durante il Match a me di chi ho difronte me ne può fregar di meno di cosa fa, però un occhio nel riscaldamento lo butto dall'altra parte. In Partita, non guardo mai dall'altra parte
Comunque mi piacerebbe sfidare Bjorn Wink

johnmcenroe96
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 982
Data d'iscrizione : 01.01.12

Profilo giocatore
Località: Scalea
Livello: 4.3
Racchetta: Wilson K Factor Blade 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Bjornborg96 il Mar 30 Apr 2013 - 17:27

John mi piacerebbe, ma siamo 1.500 Km lontani Smile

Bjornborg96
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 19
Età : 20
Località : Salò
Data d'iscrizione : 30.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Kmore il Mar 30 Apr 2013 - 17:55

L'ideale sarebbe vedere qualche game della partita precedente a quella che dovete giocare...se non e' il primo turno Very Happy
A me e' capitato qualche volta di cominciare a capircene qualcosa dopo il primo set, ma a quel punto diventa difficile recuperare Rolling Eyes

@john anche a me piacerebbe giocare in altri tempi, con altre racchette, con altre velocita' di palla e soprattutto con una curva mancina che mi permettano di fare il "mio gioco" infischiandome di avversari e superfici... Very Happy Very Happy Very Happy ed invece il massimo delle probabilita' di battermi le hai quando mi incontri la prima volta e non ti conosco ancora, dalla seconda diventano cavoli... afro lol! Very Happy Very Happy Very Happy

Kmore
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2656
Età : 53
Località : Torino
Data d'iscrizione : 25.09.11

Profilo giocatore
Località: Torino - sud - Sisport Fiat
Livello: O50 - 4.2 (obiettivo 2016 raggiunto: torno 4.1!!!!!!...a fine anno)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Raffus il Mar 30 Apr 2013 - 18:00

@Kmore ha scritto:L'ideale sarebbe vedere qualche game della partita precedente a quella che dovete giocare...se non e' il primo turno
A me e' capitato qualche volta di cominciare a capircene qualcosa dopo il primo set, ma a quel punto diventa difficile recuperare Rolling Eyes

quoto!
a me capita spesso, soprattutto ed ovviamente quando l'avversario è a me superiore...
vado in bambola e riesco a capire qualcosa (di me stesso intendo, sul tipo di gioco) dopo alcuni game...i primi game
li passo a cercare di bombardare l'avversario ma sbaglio molto!

Raffus
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1823
Età : 35
Data d'iscrizione : 31.08.12

Profilo giocatore
Località: MB
Livello: 4.2
Racchetta: ULTRA 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da DrDivago il Mar 30 Apr 2013 - 18:32

@ace59 ha scritto:
@Veterano ha scritto:Non sono daccordo Jhon,il riscaldamenteo serve per riscaldarti,nel senso che non me ne puo fregar di meno cosa faccia il mio avversario dall altra parte.Al meno che non sia veramente scarso e non si possa fare a meno di vedere certe carenze,il riscldamento ti fa capire poco nulla.Se facessi un podi tornei caro mac ti accorgeresti che ce gente che in riscaldamento tira pianissimo,non forza mai un colpo e avolte sbaglia di proposito dei colpi,per farti capire che ha delle debolezze.
Poi quando si incomincia a giocare......puffffff,scopri che il giocatore che non tirava mai in riscaldamento,gioca una palla bella pesante,e quel rovescio in slice che in palleggio sbagliava due volte su tre ora e' preciso come non mai e sbaglia un piffero.......occhio al riscaldamento....
verissimo
secondo me cominci a capire qualcosa di come gioca dopo i primi due/tre game

+1... diffidare sempre da quel che si vede in riscaldamento (io tra palleggio e partita mi trasformo nell'Incredibile Hulk... Very Happy )

DrDivago
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6416
Età : 29
Località : Deep NE
Data d'iscrizione : 31.05.10

Profilo giocatore
Località: Padova
Livello: ITR: 4.5 ca
Racchetta: 2x Angell TC105 RA70 DOC CUSTOM

http://www.zeroquaranta.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Kmore il Mar 30 Apr 2013 - 19:05

@DrDivago ha scritto:
@ace59 ha scritto:
@Veterano ha scritto:Non sono daccordo Jhon,il riscaldamenteo serve per riscaldarti,nel senso che non me ne puo fregar di meno cosa faccia il mio avversario dall altra parte.Al meno che non sia veramente scarso e non si possa fare a meno di vedere certe carenze,il riscldamento ti fa capire poco nulla.Se facessi un podi tornei caro mac ti accorgeresti che ce gente che in riscaldamento tira pianissimo,non forza mai un colpo e avolte sbaglia di proposito dei colpi,per farti capire che ha delle debolezze.
Poi quando si incomincia a giocare......puffffff,scopri che il giocatore che non tirava mai in riscaldamento,gioca una palla bella pesante,e quel rovescio in slice che in palleggio sbagliava due volte su tre ora e' preciso come non mai e sbaglia un piffero.......occhio al riscaldamento....
verissimo
secondo me cominci a capire qualcosa di come gioca dopo i primi due/tre game

+1... diffidare sempre da quel che si vede in riscaldamento (io tra palleggio e partita mi trasformo nell'Incredibile Hulk... Very Happy )

...infatti anche Isner...nel palleggio non e' piu' alto di 1.70 mt... Very Happy Very Happy Very Happy

Kmore
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2656
Età : 53
Località : Torino
Data d'iscrizione : 25.09.11

Profilo giocatore
Località: Torino - sud - Sisport Fiat
Livello: O50 - 4.2 (obiettivo 2016 raggiunto: torno 4.1!!!!!!...a fine anno)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da kingkongy il Mar 30 Apr 2013 - 19:33

Beh Vet....vecchio marpione... sarà che io ho un po' di sesto senso... ma da come l'avversario si muove in campo qualcosa si capisce. Intendo proprio come si sposta e come arriva sulla palla...perché quelli sono riflessi condizionati. Puoi steccare apposta tutto...ma se sei sulla palla...

Sulla velocità o peso di palla...per carità!!! Stra stra stra d'accordo con te!!! Ma è anche quello che facevo per scaldare me stesso: io cerco (cercavo, va, che è meglio!) solo timing e fluidità.

Poi bisogna pensare anche che se l'avversario è lì...una ragione ci sarà! Sul rispetto dell'avversario, sull'umiltà, la modestia ho preso vagonate di lezioni e rimbrotti!
Credo di averlo già "confessato"...ma una volta, in torneo, ho fatto accademia con un ragazzino mio coetaneo e il maestro, vedendomi, mi ha massacrato di punizioni! Bella lezione! Me la sono meritata... mi ricordo ancora tutto. Mi son sentito un verme.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Veterano il Mar 30 Apr 2013 - 19:57

Be sai anche li la simulazione si puo fare fino ad un certo livello dove ancora tutto e' incerto se giochi in seconda hai poco da simulare nel riscaldamento.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Veterano il Mar 30 Apr 2013 - 19:59

O se no ti puoi fingere zoppo e ti metti una bella fasciatura alla mano eh eh eh

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da kingkongy il Mar 30 Apr 2013 - 20:11

seee!!! e poi ti porti pure il pappagallo sulla spalla...hehehehhehehe

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Kmore il Mer 1 Mag 2013 - 0:19

@kingkongy ha scritto:seee!!! e poi ti porti pure il pappagallo sulla spalla...hehehehhehehe

...migliora l'equilibrio?!?!?!...ah si ... tu ne sai una piu' del diavolo Twisted Evil Very Happy Very Happy Very Happy

Kmore
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2656
Età : 53
Località : Torino
Data d'iscrizione : 25.09.11

Profilo giocatore
Località: Torino - sud - Sisport Fiat
Livello: O50 - 4.2 (obiettivo 2016 raggiunto: torno 4.1!!!!!!...a fine anno)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Bjornborg96 il Mer 1 Mag 2013 - 11:00

Può fingere di essere infortunato un pò come fa Murray !

Bjornborg96
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 19
Età : 20
Località : Salò
Data d'iscrizione : 30.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da pink floyd il Mer 1 Mag 2013 - 13:00

@Bjornborg96 ha scritto:Può fingere di essere infortunato un pò come fa Murray !

dichiarazione da 16 enne

ma nel profilo, ne hai 56

pink floyd
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1616
Età : 53
Località : brianza
Data d'iscrizione : 04.05.12

Profilo giocatore
Località: brianza
Livello: 4.2
Racchetta: head radical tour ----- dunlop max 200G ( 1983 )

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da netplay il Mer 1 Mag 2013 - 18:15

io ho visto persone giocare che non tirano una sola palla ma sanno dove metterla. questo intendevo io, lo studio dell'avversario deve permettere di impostare la partita in funzione dei suoi lati deboli.

cioè il mio avversario è capace di recuperare palle corte? se si, allora non le faccio

soffre la palla alta di rovescio?

come ribatte la seconda di servizio lenta?

cioè volevo sapere solo se voi lo fate questo studio o ve ne strafregate e giocate il vostro tennis rendeer

netplay
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 07.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.5
Racchetta: non lo so

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Bjornborg96 il Mer 1 Mag 2013 - 18:43

Certo, strafegarsene sarebbe bello, ma devi essere Djokovic, o Borg !

Bjornborg96
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 19
Età : 20
Località : Salò
Data d'iscrizione : 30.04.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da Veterano il Mer 1 Mag 2013 - 20:58

@netplay ha scritto:io ho visto persone giocare che non tirano una sola palla ma sanno dove metterla. questo intendevo io, lo studio dell'avversario deve permettere di impostare la partita in funzione dei suoi lati deboli.

cioè il mio avversario è capace di recuperare palle corte? se si, allora non le faccio

soffre la palla alta di rovescio?

come ribatte la seconda di servizio lenta?

cioè volevo sapere solo se voi lo fate questo studio o ve ne strafregate e giocate il vostro tennis rendeer
Net lo studio al quale ti riferisci tu puo avere un senso quando si aprla ancora di tennis a basso livello,dove dopo tre o quattro colpi se messi in difficolta' da una palla alta,o da una smorzata che non si arriva a giocare perche' si e' lenti per scarso allenamento o per problemi di movimento,footwork.Ma non possiamo parlare ne di tattcia ne di strategia semplicemente stiamo sfuttando una carenza tecnica evidente del nostro avversario e non stiamo ancora giocando a tennis.
ora se parlamo di un livello decente dove di carenze evidenti non ce ne sono molte,ma si ha gia' una certa solidita' di gioco,se non hai un gioco tuo ben definito che si basa su dei colpi solidi non vai da nessuna parte,il gioco che devi fare si deve basare sulla solidita' dei tuoi colpi non sulle debolezza dei colpi altrui,Ora che serva anche giocare su un colpo evidentemente piu debole,per vincere la aprtita del tornao dell oratorio va anche bene,ma quando le cose incominciano a diventare un po piu' serie non serve e non basta piu'.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: lo studio dell'avversario

Messaggio Da netplay il Mer 1 Mag 2013 - 22:13

ciao veterano, grazie per la tua risposta ma ovvio che io mi riferisco ai tornei di quarta ma a livello basso basso, io sono 4.5 e gioco al massimo con i 4.4, io di copli solidi ne ho pochi l'unico solido è quello di sbattere la racchetta per terra!

netplay
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 07.08.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.5
Racchetta: non lo so

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum