Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Quando la tecnica non è tutto...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da Simonb il Gio 4 Apr 2013 - 10:38

Vedendo giocare gli over 40, mi sono accorto che spesso sono carenti in tecnica, ma riescono a sopperire con l'esperienza.
Niente split step, niente atletismo, niente cambio impugnatura, servizio semplice, volée eseguite senza particolare tecnica, niente posizione atletica di attesa.

Eppure, mancando tutto ciò, riescono a buttare la palla di la, spesso e volentieri. Questo grazie alle ore di gioco (almeno penso), dunque l'esperienza.

È un post così, tanto per chiacchierare: non ho domande! Very Happy
Solo che mi sono accorto che, usando sbaglio, non è sempre per un errore "tecnico", ma più che altro per una mancanza di ore giocate, di timing e confidenza con il gioco. Non che sia a zero ore, però non gioco nemmeno 4/5 volte a settimana.

Simonb
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1627
Età : 26
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 08.01.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: Boh!
Racchetta: Wilson PS90 - Yonex 89 - Volkl Ox10 Mid

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da Crisidelm il Gio 4 Apr 2013 - 10:40

Tu pensi davvero che basti l'esperienza per buttare di là la palla?

Crisidelm
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2479
Età : 41
Località : Bassa Piave (VE)
Data d'iscrizione : 25.11.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex V-Core Tour 89 - Yonex RQiS 1 Tour XL 95

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da Simonb il Gio 4 Apr 2013 - 10:43

No, ovvio che no. Però ho notato quanto scritto: non voglio dire che non sappiano giocare. Anzi, il post sta a significare che sono spesso bravi! È una sorta di complimento.

Poi, per buttare di la la palla, intendo non il mero palleggiò, ma anche fare vincenti o impostare il gioco.

Non vorrei che le mie parole siano fraintese: per me è proprio una questione di ammirazione nel vedere che comunque, anche se manca tecnica, c'è comunque gioco.

Ho appena pensato anche che ti possa riferire alla classe, al talento: possibilissimo! Però non credo tutti.

Simonb
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1627
Età : 26
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 08.01.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: Boh!
Racchetta: Wilson PS90 - Yonex 89 - Volkl Ox10 Mid

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da Crisidelm il Gio 4 Apr 2013 - 10:50

Potresti provare tu: prova una volta a giocare evitando di fare split-step, piegarti sulle ginocchia ecc. e vedi quante volte riesci a buttar di là la pallina. Ovviamente poche volte: allora come ci riescono loro? Evidentemente giocano di braccio e di polso e...di testa. Ridotto ai minimi termini, il tennis è un gioco scandalosamente semplice: colpire una pallina con una racchetta per farla andare dall'altra parte di un rete, dentro un'area delimitata. E si può giocare anche in modo scandalosamente semplice.

Crisidelm
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2479
Età : 41
Località : Bassa Piave (VE)
Data d'iscrizione : 25.11.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Yonex V-Core Tour 89 - Yonex RQiS 1 Tour XL 95

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da nardac il Gio 4 Apr 2013 - 11:02

@Crisidelm ha scritto:Potresti provare tu: prova una volta a giocare evitando di fare split-step, piegarti sulle ginocchia ecc. e vedi quante volte riesci a buttar di là la pallina. Ovviamente poche volte: allora come ci riescono loro? Evidentemente giocano di braccio e di polso e...di testa. Ridotto ai minimi termini, il tennis è un gioco scandalosamente semplice: colpire una pallina con una racchetta per farla andare dall'altra parte di un rete, dentro un'area delimitata. E si può giocare anche in modo scandalosamente semplice.

A velocità basse hai perfettamente ragione , un buon braccio e una buona testa sono più che sufficienti per giocare bene a tennis .

nardac
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 868
Data d'iscrizione : 20.12.10

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4.1
Racchetta: Pro Kennex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da Simonb il Gio 4 Apr 2013 - 11:24

Beh, allora significa che spesso siamo noi a complicare le cose, ricercando esecuzioni magari tecnicamente perfette, ma poi talmente complicate, da diventare controproducenti.

Forse, si potrebbe dire che, ovviamente, serve la tecnica; ma che non bisogna incapponirsi su questa. Una volta acquisita, va solo consolidata periodicamente. Il resto del tempo, dedicarlo alla semplicità di gioco (da cui potenza è fluidità dei colpi), per acquisire padronanza.

Lo so che per molti è logico e scontato come ragionamento, ma ero finito nel loop del tentativo strenuo del perfezionamento ad ogni colpo. Il che stava iniziando ad essere stancante.

Simonb
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1627
Età : 26
Località : Bologna
Data d'iscrizione : 08.01.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: Boh!
Racchetta: Wilson PS90 - Yonex 89 - Volkl Ox10 Mid

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da aieiebrase il Gio 4 Apr 2013 - 12:15

@Simonb ha scritto:
Lo so che per molti è logico e scontato come ragionamento, ma ero finito nel loop del tentativo strenuo del perfezionamento ad ogni colpo. Il che stava iniziando ad essere stancante.


Mio personalissimo parere.... ognuno deve trovare il suo "swing"...... ovviamente cercare sempre di migliorarsi.... ma non "incaponirsi" per cercare il colpo perfetto alla Federer.... ognuno deve trovare il suo colpo perfetto... (o almeno andarci vicino Laughing )
Vedo persone che eseguono un movimento sul servizio praticamente inguardabile.... ma nonostante questo, molto ma molto efficace (lo stesso Dolgopolov non è che sia bellissimo da vedere ma tira delle bellle mine)..... se riesci ad imprimere buone rotazioni, profondità e potenza alla palla con una impugnatura semiwestern perchè devi passare alla western se ogni volta tiri la palla in rete.... svilupperai il tuo gioco in funzione di quello che ti viene meglio.... lo stesso discorso vale per le stance.......in buona sostanza ognuno deve trovare il suo tennis.... poi se hai delle velleità superagonistiche..... il discorso può cambiare......

aieiebrase
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 119
Data d'iscrizione : 19.11.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da nardac il Gio 4 Apr 2013 - 13:15

@aieiebrase ha scritto:

Mio personalissimo parere.... ognuno deve trovare il suo "swing"...... ovviamente cercare sempre di migliorarsi.... ma non "incaponirsi" per cercare il colpo perfetto alla Federer.... ognuno deve trovare il suo colpo perfetto... (o almeno andarci vicino Laughing )
Vedo persone che eseguono un movimento sul servizio praticamente inguardabile.... ma nonostante questo, molto ma molto efficace (lo stesso Dolgopolov non è che sia bellissimo da vedere ma tira delle bellle mine)..... se riesci ad imprimere buone rotazioni, profondità e potenza alla palla con una impugnatura semiwestern perchè devi passare alla western se ogni volta tiri la palla in rete.... svilupperai il tuo gioco in funzione di quello che ti viene meglio.... lo stesso discorso vale per le stance.......in buona sostanza ognuno deve trovare il suo tennis.... poi se hai delle velleità superagonistiche..... il discorso può cambiare......

Completamente d'accordo .
Se non si è agonisti di un certo livello nn ha senso spulciare troppo nella tecnica .
Correggere solo difetti grossi e poi concentrarsi sul proprio tennis.
Se non esistono due pro che hanno un movimento identico ci sarà un motivo...

nardac
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 868
Data d'iscrizione : 20.12.10

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4.1
Racchetta: Pro Kennex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da Ospite il Gio 4 Apr 2013 - 13:26

Sopratutto non bisogna confondere la tecnica con lo stile: come dice Toni Nadal, la prima è la capacità di giocare un colpo in modo efficace, il secondo la capacità di giocarlo in modo esteticamente apprezzabile; solo la prima è necessaria per vincere.

In altre parole i circoli sono pieni di over 40 che sono perfettamente in grado di giocare un colpo, anche se esteticamente sono brutti a vedersi.
Giocare con questa gente è difficilissimo, perchè dato il loro cattivo stile uno tende a sottovalutarli, salvo poi essere massacrati sul campo.
Tieni presente poi che un autodidatta di 40 anni è spesso una persona che in gioventù ha praticato altri sport, anche ad un certo livello (è ben difficile che chi non ha mai fatto sport inizi a proprio 40 anni a giocare a tennis), e quindi ha comunque buone capacità atletiche e sopratutto una grande carica agonistica.

Riconosciuto il valore di queste persone, bisogna però anche dire che queste persone, per rimediare ai loro errori tecnici, spesso sforzano molto il loro corpo e quindi l'epicondilite e altri malanni sono dietro l'angolo...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da RaTPlayer il Gio 4 Apr 2013 - 14:55

IMHO

Secondo me bisogna fare delle distinzioni:
Una cosa è la tecnica che ti insegnano ai corsi di avviamento, cioè quell'insieme di movimenti con cuoi puoi riuscire a buttare la palla dall'altra parte della rete senza grosse pretese. Chiaramente il range di risultati ottenibili è piuttosto ampio, e l'autodidatta puoi arrivare con il tempo a muoversi in maniera meno inumana e a tirare anche discretamente forte per i canoni di un amatore.

Altra cosa è la tecnica che ti insegnano magari ai corsi di perfezionamento.
Li si va a ricercare l'ottimizzazione del gesto perseguendo risultati di efficienza ed efficacia, cioè a parità di energia utilizzata, si ottengono risultati migliori e che contribuiscono maggiormente allo scopo: vincere la partita.

Poi come diceva un altro utente, la giusta tecnica aiuta a prevenire gli infortuni.

RaTPlayer
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Età : 34
Località : Livorno
Data d'iscrizione : 29.01.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: quale livello?
Racchetta: 2x yonex ai 98

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da fedmex il Gio 4 Apr 2013 - 17:05

Concordo al 100%. Spero di non essere frainteso.
Però al riguardo della prevenzione degli infortuni non sono sicuro.
Io vengo da uno sport dove la tecnica è essenziale. E nel tennis ho cercato e cerco - complice miei malanni - di imparare la tecnica proprio per evitare infortuni.
Però vedo gente che gioca in modo osceno per le articolazioni con torsioni, strappi, rigiri strani delle giunture o gente che gioca per 3 mesi con le rpm babaolat a 27 chili ( giuro ) e sta meglio di me. Allora mi chiedo?
La tecnica che insegnano in generale serve per impostare bene ( salvo poi risultati che sappiamo ); ma serve anche per prevenire dagli infortuni?
Voglio dire. Chi mi dice che tutte le menate che sappiamo servano effettivamente?
Io so solo che sono pieno di acciacchi. Chi magari gioca da una vita senza tecnica o neanche ipotizzando certe cose, no. Boh

fedmex
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1733
Data d'iscrizione : 13.10.10

Profilo giocatore
Località: Chiavari
Livello: disastro ( ma in crescita)
Racchetta: Donnay Pro 1 GT biturbo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Quando la tecnica non è tutto...

Messaggio Da RaTPlayer il Gio 4 Apr 2013 - 17:13

In questo c'è da considerare le personale predisposizione a farsi male. C'è chi come me ha le ossa dure, ma i legamenti molli, è predisposto a lussazioni, infiammazioni ai tendini, crociati che si rompono. C'è chi ha i legamenti d'acciaio e le ossa di vetro.... insomma, a ognuno il suo.

Comunque per farti un esempio, ho notato che tendo a frenare il movimento proprio nell'ultimo tratto dello swing, e infatti mi si è infiammata la spalla, chissà che sia colpa di questo fatto.
Ora che me ne sono accorto cercherò di rimediare, ma non è facile.

RaTPlayer
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 176
Età : 34
Località : Livorno
Data d'iscrizione : 29.01.13

Profilo giocatore
Località:
Livello: quale livello?
Racchetta: 2x yonex ai 98

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum