Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Lun 25 Mar 2013 - 12:04

Salve, sto iniziando ad incordare con una 442a plus, sto valutando di fare l'upgrade ad una elettronica, tipo la Tyger 410.

Sto leggendo prettamente giudizi positivi.

Su quel budget mi consigliate qualcos'altro??

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Lun 25 Mar 2013 - 12:12

Dimenticavo, altra alternativa potrebbe essere quella di mettere su il wise 2086.

Sicuramente, devo ancora migliorare ancora tantissimo nell'arte dell'incordatura, ho ancora tantissima difficolta con i nodi, che vengono in maniera aberrate!!

Inoltre ho difficoltà anche nel passaggio da verticali ad orizzontali Very Happy .

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da Eiffel59 il Lun 25 Mar 2013 - 14:17

Prima sarebbe meglio affinare la tecnica, specie quella dei nodi.
Un'ottimo lavoro di incordatura fatto con tutti i "sacri crismi" ma finito da un pessimo nodo resta un lavoro mediocre...

Per la difficoltà di passaggio V/O non capisco a che ti riferisci.

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40388
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Lun 25 Mar 2013 - 16:45

Grazie come al solito per la tua disponibilità!!

Premetto che fin'ora ho incordato tre racchette.... Stasera spero di fare la 4a, tempo permettendo.

Le verticali, nessun problema inizio dal centro e poi man mano tiro i lato sia sx e dx.
Finito le verticali, sulle orizzontali ho due problemi.

1) devo affinare la tecnica di passaggio sotto-sopra sono ancora lentissimo, e spesso sbaglio e devo ripetere il passaggio.

2) mi trovo in alcuni passaggi i fori d'uscita ostruiti dalle corde verticali. E nn ho ben capito come spostare le corde per fare uscire la testa della corda.

Ora sto usando una sorta di punteruolo per allargare la corda e poi far passare la corda.
Ma in due occasioni ho graffiato il telaio, quindi sicuramente sbaglio qualcosa.

Come telaio cavia sto usando una Wilson hammer, e come corde quelle date in dotazione della mia protennis 442a plus.

Sicuramente prima di effettuare il passaggio voglio affinare la mia tecnica, a meno di nn trovare ghiottissime occasioni, ma con la manuale in alcuni casi ho la sensazione di nn riuscire esattamente a mettere la tensione desiderata.

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da Eiffel59 il Mar 26 Mar 2013 - 6:52

Vediamo se posso esserti d'aiuto..allora, per le verticali immagino (spero) che tu vada in alternato destra/sinistra e non facendo tutte le corde prima da un lato e poi dall'altro.
Una volta eseguito il nodo (imparati, cercando con Google, solo questi tre: Parnell knot, Wilson pro knot, Babolat starting knot...altri "non esistono" nel senso che sono del tutto inutili) ti troverai, specie partendo con le orizzontali dal basso -tipico delle incordature a due nodi- in molti casi il passaggio ostruito dall'altro lato. Come aiuto d'emrgenza, non avendo altro sottomano, meglio un cacciavite piatto che un punteruolo. Però sarebbe meglio procurarsi accessori come questo http://eagnas.com/maxgen/st101.html o questo http://www.gammasports.com/gamma.cfm?product=278

Per i passaggi sopra/sotto è soprattutto un problema di manualità (che crescerà col crescere dei telai incordati) e posizione del telaio rispetto a te (non ti devi spostare tu, devi far girare il telaio Wink ); inoltre, per ridurre la frizione, impara infilare prima la corda seguente -lasciandone abbastanza per trazionare- prima di tendere la precedente (Google: "weaving cross strings" o "weaving one ahead").
Scegli la tecnica a te più confacente (pushing, pulling o stitching) ed abituati ad usare solo quella.
Poi sarà il momento di usare pattern alternativi, perchè è sempre meglio, in caso di telaio a 2 nodi (con il 4 nodi non serve perchè le orizzontali iniziano sempre dall'alto) non iniziare le orizzontali dal basso...il sito di riferimento è www.stringerspad.com

Sentiti libero di fare domande quando vuoi.



Ah..un occhiata ai video di YuLitle (Michael del team TF) su YouTube è un buon aiuto Wink

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40388
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Mar 26 Mar 2013 - 10:23

Grazie sei sempre gentilissimo!!

Allora cerco di schematizzare

1) faccio in modo alternato le verticali, quindi credo di eseguire la giusta procedura Wink (infatti ho letto che fare prima un lato e poi l'altro stressa il telaio)

2) l'accessorio da te evidenziato di gammasport (è quello che io ho chiamato impropriamente punteruolo), infatti con quello ho graffiato il telaio.
Mi sono trovato ostruito il foro d'uscita quindi ho infilato il 'punteruolo' dal lato esterno del telaio e cercato di allargare le corde per liberare il foro.
Ma così facendo la punta ha inciso il telaio.
Sicuramente sbaglio qualcosa.
Ma non ho capito cosa.

3) ieri sera per esercitarmi nei nodi, ho creato (prendendo spunto da yulitle) un sistema con lacci di scarpe.
Il parnell con i lacci mi viene discretamente bene.
Ovviamente con le corde, e il poco spazio sarà 1000 volte più difficile, ma il capire dove tirare e quando mi sarà sicuramente d'aiuto!



Dubbi che mi pervadono Very Happy

Mi sta arrivando la starting clamp della Babolat (quella blu), per iniziare dove dovrei posizionarla correttamente??

Io incorderei principalmente le mie Babolat aereo pro gt modello 2012 e 2013, come faccio a partire con le orizzontali dall'alto se finisco in basso?
Leggevo un tuo precedente intervento, in cui dicevo che le Babolat avendo il sistema woofer consentono di partire anche dal basso.
Ma ciò nn toglie che vorrei capire, ugualmente, come partire dall'alto su questa tipologia di telai.

Attualmente usando una Wilson hammer come muletto nn ho problemi perché, finisco in alto e quindi le orizzontali partono naturalmente dall'alto.

Precisione nella tensione delle corde, premettendo che ho una protennis 442a plus con pinze s2, il dubbio è il seguente
Leggo che l'asta con il contrappeso dovrebbe essere perfettamente in linea retta, ciò spesso nn accade perché tende spesso un po' verso l'alto, il sistema circolar block nn aiuta da questo punto di vista. Qualche consiglio/trucchetto su come far rimanere perfettamente dritta l'asta??

Dubbio più grande in assoluto

Quando devo fare il primo nodo alle verticali??
Quante corde orizzontali devo far passare prima??


Scusa per tutto questo mio papiello/sproloquio Very Happy !!



neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da Eiffel59 il Mar 26 Mar 2013 - 14:31

Dal principio...il pathfinder della Gamma va infilato lentamente, completamente retratto, in modo da agire comepunteruolo; una volta uscito dall'altro lato (sempre esterno>interno ovviamente) va ritratta la parte nera 8guida punta) infilata la punta della corda nel cavo ed estratto il tutto.

Buona l'idea dell'esercizio con i lacci. Importante comunque la posizione dell'incordatore rispetto al nodo ed il fatto che il piatto sia bloccato.

La Starting Clamp blu della babolat, se è quella "classica", con i mordenti larghi e non la più recente (stretta) dalla pure a me, non è granchè...(scherzo, è la migliore e la mia principale Wink ).
La sua posizione corretta all'inizio di verticali ed orizzontali è all'esterno del telaio (usando il safe method). Nelle verticali, andrà posizionata all'esterno della corda su cui la pinza fissa è ancorata più distante, nelle orizzontali all'esterno del telaio con una quantità sufficiente di corda tale da raggiungere il blocco per poter ritrazionare la prima traversa alla fine, giusto prima di fare il nodo (cosa che può essare fatta anche a mano se la corda non fosse sufficiente...).

Se si iniziano le corde orizzontali con uno starting knot, la SC andrà messa sulla parte di corda che sporge dal nodo, il più vicino possibile al nodo stesso affinchè non rientri.

Le Babolat, come detto, possono essere iniziate anche dal basso; ciò non toglie che molti (io compreso) preferiscano comunque dall'alto, generalmente usando pattern come il Box oppure il Liam.

L'asta della macchina funziona per gravità, per cui non è necessario che sia "perfettamente" diritta, ma l'angolo di incidenza non deve superare i 10 gradi in più o meno.

Ultime due risposte...il nodo delle orizzontali in alto, come detto sopra si può fare in due modi...alla fine ritrazionando la prima corda, oppure all'inizio (starting knot) utilizzando la SC in contrasto.
Prima però dovrai infilare la seconda corda dall'alto, poi quella iniziale (in modo da ridurre gli attriti) lasciando abbastanza corda da tirare, e solo a quel punto potrai fare il nodo oppure lasciare lo spezzone da annodare alla fine...

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40388
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Mar 26 Mar 2013 - 15:41

Allora, premesso che mi rileggerò attentamente il tuo post più volte per ragionarci con calma su.

La Starting clamo Babolat blu l'ho presa in Inghilterra, è quella ha due molle.

Stasera proverò ad utilizzare correttamente il 'punteruolo' Wink

Per quanto riguarda i nodi.

Allora, premesso che uso una Wilson come telaio cavia, partendo dalle verticali le posiziono in testa (nella babolat invece parto dalla pancia) e mi ritrovo le corde che finiscono in testa... Ora

1) il nodo in alto nn è per l'appunto quello delle verticali ed il nodo in basso quello delle orizzontali??

2) stasera mi studierò il liam ed il box x partire anche con la babolat dall'alto perché nn ho idea di cosa stiamo parlando.

3) mi sfugge ancora un concetto.
A) prima Metto tutte le verticali
B) poi quando inizio con le orizzontali metto per prima la seconda corda orizzontale, poi metto la prima
C) a questo punto faccio il nodo in alto delle verticali .
D) tiro la seconda e la prima corda orizzontale.
E) a questo punto passo dalla prima corda orizzonatele alla terza???


Scusami, ma da come è evidente sono un super niubbo.

Grazie ancora per la tua disponibilità.

Ps ma un corso base x incordatori da Roma a scendere lo organizzi, relativamente a breve ?? Se riuscissi ad organizzarmi con il lavoro nn mi spiacerebbe partecipare.

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Mar 26 Mar 2013 - 15:50

Scusa dimenticavo... Ma se compro la SC della babolat, devo comunque fare lo starting knot??

Devo farlo lo stesso??

In giro i filmati in italiano, ovvero le istruzioni della mia incordatrice noto che hanno un sacco di imperfezioni (partenza delle orizzontali dal basso, partenza iniziale del tensionamento delle verticali ecc).

Grazie ancora per la tua disponibilità.

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da Eiffel59 il Mer 27 Mar 2013 - 7:42

I filmati in italiano sono purtroppo fatti da gente talora volonterosa ma senza la corretta tecnica, talora da veri e propri incapaci che "vantano" esperienze più che decennali ed eventuali partecipazioni ad importanti tornei (e purtroppo, per come vanno avanti le cose in Italia, con risultati tipo quelli di un paio di anni fa al Foro... Rolling Eyes) con tecniche spesso ancora inferiori, cosa gravissima visto che quello dovrebbe essere il loro lavoro.
Comunque...questo è un video su come iniziare le verticali con lo Yusuki method http://www.youtube.com/watch?v=Ff0eT4Il8P8. nel safe method,l'unica differenza è che una volta trazionate le due centrali, anche la seconda pinza fissa viene messa in posizione, in questo caso dal lato opposto alla precedente. A seguire si ritraziona la corda dal lato opposto a quella della SC, si montano altre due/tre corde dallo stesso lato, si ritraziona la corda precedentemente messa in sicurezza con la SC, si montano e trazionano due/tre corde su quel lato e via così...

Se si usa un montaggio a due nodi, nel tuo caso specifico non avremo problemi, giacchè le verticali finiranno comunque in testa e le orizzontali partiranno dalla testa; nel caso in cui il montaggio a 2 nodi sia effettuato su un telaio con le verticali che terminano nella gola, meglio adottare un pattern alternativo per evitare che le orizzontali partano dal basso. La Babolat permette il montaggio dal basso nel 2 nodi, ma i suoi telai hanno specifici rinforzi e grommet particolari (Woofer) che permettono tale tipo di montaggio.
Normalmente però meglio che il nodo delle verticali sia sempre in testa e quello delle orizzontali nella gola del telaio, tant'è che più di un giocatore vuole che le sue Babolat siano comunque incordate con metodi alternativi (col Liam come più diffuso). Altri telai con pattern simili vengono più spesso eseguiti con pattern tipo il Box od il Reverse Box variant, di più facile esecuzione, che è oltretutto il metodo adottato dal Team Wilson nei più importanti tornei mondiali.
Veniamo ora alle incordature a quattro nodi....una volta terminate le verticali -sia che chiudano in alto che in basso- le orizzontali andranno iniziate (ovviamente sempre e comunque in alto, ça va sans dire... Wink ) sia con uno starting knot http://www.youtube.com/watch?v=iuQS6g5TPgI (preferibile perchè garantisce una miglior tenuta della tensione) oppure conla SC in appoggio esterno http://www.youtube.com/watch?v=vIbR7OzJJ5k, da utilizzare come alternativa soprattutto in telai come ad esempio la Pure Storm di Babolat in cui il nodo va eseguito sulla terza orizzontale dall'alto.
E' appunto nel caso di montaggi a 4 nodi che le orizzontali vanno iniziate infilando (come visibile nei video) prima la seconda orizzontale per ridurre gli attriti (cosa che ti aveva causato dei dubbi, per un fraintendimento rispetto a quel che ti avevo scritto... Wink )


Per il corso a Roma, ne ho già fatti due, ma ce ne sono comunque in programmazione.

Stay tuned... Wink

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40388
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Mer 27 Mar 2013 - 13:23

Grazie ancora per la tua disponibilità!!

Allora, visto che cmq ho una babolat apd gt ma vorrei imparare ad incordare a prescindere dal mio telaio.

Istintivamente mi sembra più semplice incordare a 4 nodi rispetto a 2.

Unica "difficolta" è quella di fare 4 nodi invece di 2, ma se imparo a fare bene i nodi la cosa dovrebbe migliorare o no??

Tutto questo per dire, e se io sulla mia babolat facessi un 4 nodi invece che usare il sistema liam per poi portare su far iniziare cmq le orizontali in testa?

Ho visto il video, ma ancora sono troppo poco pratico per far mio da "subito" questo metodo.
Dovrò sicuramente esercitarmi un bel pò.
Ma se posso ovviare con il 4 nodi, tendenzialmente lo preferirei.


Ora due cose, io sono della Calabria quindi anche se dovessi organizzari altri corsi sotto Roma per me andrebbe bene, l'unica cosa è saperlo un pò di tempo prima per cercare di organizzarmi con il lavoro.


Infine, se dovessi risucire a vendere la mia attuale manuale, ed arrivare ad un budget di 700/1000€, precisando che cmq sono interessato (ovviamente) ad una costant pull affidabile e che risparmio e qualità spesso non vanno a braccetto, cosa mi consigli tra

Tyger eco 410E
Pro tennis 480i
Penta premium Stinger 8700
Penta premiun Stringer 9200 (anche se insieme alla 480i siamo davvero al super limite di budget).

Tieni presente che io incorderò si e no 3/4 racchette al mese, e non credo di estendere ad amici tale servizio sopratutto per mancanza di tempo (anche se mai dire mai, visto che da noi in città c'è solo un incordatore, di dubbia abilità)
Ma ciò non toglie che mi sono appassioanto e vorrei imparare a fare un lavoro quanto meno decente e poi andare in campo con la racchetta incordata da me.

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da Eiffel59 il Mer 27 Mar 2013 - 15:43

Per la prima domanda, vai di 4 nodi finchè non ti senti perfettamente a tuo agio.

Per la seconda, relativa alla macchina, d'accordo che la 9200 è già "ultra budget" ma la sola consistenza del piatto, il microprocessore di controllo e la regolazione della tensione a suddivisione a 50 grammi ne giustifica la maggior spesa.

In seconda battuta, la protennis.

Per il corso, sarà mio piacere avvisarti quanto prima.

E poi..vuoi mettere la soddisfazione di giocare con uno strumento finalmente montato come dio comanda da sè stessi? Wink

Eiffel59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 40388
Età : 57
Località : Brescia/Parigi
Data d'iscrizione : 06.10.09

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: vedi firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da renatolib il Mer 27 Mar 2013 - 15:51

@Eiffel59 ha scritto:Per la prima domanda, vai di 4 nodi finchè non ti senti perfettamente a tuo agio.

Per la seconda, relativa alla macchina, d'accordo che la 9200 è già "ultra budget" ma la sola consistenza del piatto, il microprocessore di controllo e la regolazione della tensione a suddivisione a 50 grammi ne giustifica la maggior spesa.

In seconda battuta, la protennis.

Per il corso, sarà mio piacere avvisarti quanto prima.

E poi..vuoi mettere la soddisfazione di giocare con uno strumento finalmente montato come dio comanda da sè stessi? Wink

Per il corso non dimenticare anche me, Mario.

Grazie e saluti

renatolib
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 628
Età : 51
Data d'iscrizione : 09.03.13

Profilo giocatore
Località: Palermo
Livello: amatoriale
Racchetta: head graphene speed pro.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Passaggio Macchina incordatrice da manuale ad elettronica

Messaggio Da neorunner il Mer 27 Mar 2013 - 22:19

Scontistisca per i partecipanti al forum niente Very Happy

La dotazione della 9200 quale sarebbe, cioè oltre all'incordatrice cosa mi arriverebbe a casa??
Pinze, tronchesina, pathfinder (ho imparato pure a scrivere come si chiama fino a due giorni fa per me era un punteruolo Very Happy ), corde???

Le pinze sono diamantate? Sono paragonabili o migliori rispetto alle mie attuali s2??
Le s2 sono adattabili??

Fammi sapere perché se vendo la mia 442a ci faccio concretamente un pensierino ( ne hai una pronta consegna??)

neorunner
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 370
Data d'iscrizione : 10.11.12

Profilo giocatore
Località:
Livello: ....livello????? :-D
Racchetta: Head Radical Pro Graphene x 2

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum