Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

stance e posizione in campo

Pagina 3 di 13 Precedente  1, 2, 3, 4 ... 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Dom 6 Gen 2013 - 13:48

Promemoria primo messaggio :

Abbiamo più volte discusso della differenza tra open stance e neutral stance del diritto.
Ho però una curiosità.
Mi pare di aver capito che, al di là delle preferenze del giocatore, conviene giocare in neutral dal centro del campo, in open o semiopen quando si gioca dall'angolo dx per giocare incrociato, in neutral o addirittura in closed per giocare dall'angolo sx sul rovescio dell'avversario, in neutral quando si avanza.
Insomma il piede sx punta la direzione che si vuole dare alla palla.
Ho capito bene?
Grazie a chi mi darà una risposta.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso


Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 12:57


andreino aiutali tu..

copiatevi questo link su youtube che non me lo fa linkare, ma che storia è che bisogna aspettare 7 giorni per i video..boh

Andre Agassi against the tennis wall and Bollettieri forehand Attack

fino a 0.50 agassi vi dice e vi fa vedere quello che è il tennis, niente piu niente meno.




Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 13:00

Non ce il link..........

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ljubo il Lun 7 Gen 2013 - 13:02

kennex ha scritto:
andreino aiutali tu..

copiatevi questo link su youtube che non me lo fa linkare, ma che storia è che bisogna aspettare 7 giorni per i video..boh

Andre Agassi against the tennis wall and Bollettieri forehand Attack

fino a 0.50 agassi vi dice e vi fa vedere quello che è il tennis, niente piu niente meno.




Questo?


Ljubo
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 54
Data d'iscrizione : 20.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 13:04

kennex ha scritto:
andreino aiutali tu..

copiatevi questo link su youtube che non me lo fa linkare, ma che storia è che bisogna aspettare 7 giorni per i video..boh

Andre Agassi against the tennis wall and Bollettieri forehand Attack

fino a 0.50 agassi vi dice e vi fa vedere quello che è il tennis, niente piu niente meno.



Se per questo anche Rod Laver e Mac ci fanno vedere cosa e' il tennis,ma credi che sia produttivo tentare di copiarli.........

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 13:12

Bello il video,ma se ascolti quello che dice il Buon Andreino ,dice che sta lavorando per il footwork e per l'accellerazione......la stance e la presa non le nomina minimamente.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 13:49

il video è quello

footwork non vuol dire stance... significa danzare a ritmo della palla, accellerazione impressa alla palla aggiungo data dallo swing determinato dal tipo di chiusura scelta da andre..

Io vi ho dato 2 esercizi da fare, wall e contro avversario. Non è copiarli è semplicemente tirare fuori il vostro tennis, ciò che siete voi, non cio che gli altri dicono che voi siete

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Sonny Liston il Lun 7 Gen 2013 - 14:10

kennex ha scritto:il video è quello

accellerazione

Togli una "L", Kennex! Cool

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 14:23

@Sonny Liston ha scritto:
kennex ha scritto:il video è quello

accellerazione

Togli una "L", Kennex! Cool

scusami sonny è che scrivo velocemente e facendolo curo poco la forma perchè il mio pensiero è concentrato sulle emozioni..

ve ne faccio vedere un altro, questa volta di un italiano che diventera parecchio forte e guarda caso in italia ci torna solo per mangiare la pasta. chapeau

scrivete su youtube questo link:

Gianluigi Quinzi Tandil 2012

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Hammer72 il Lun 7 Gen 2013 - 14:24

@Ljubo ha scritto:
kennex ha scritto:
andreino aiutali tu..

copiatevi questo link su youtube che non me lo fa linkare, ma che storia è che bisogna aspettare 7 giorni per i video..boh

Andre Agassi against the tennis wall and Bollettieri forehand Attack

fino a 0.50 agassi vi dice e vi fa vedere quello che è il tennis, niente piu niente meno.




Questo?


bello sto video !!

Hammer72
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 4709
Età : 44
Località : Alessandria / Torino
Data d'iscrizione : 25.05.10

Profilo giocatore
Località: Alessandria
Livello: 4.1 FIT
Racchetta: BABOLAT PURE AERO E APD GT ROLAND GARROS

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ljubo il Lun 7 Gen 2013 - 14:41

kennex ha scritto:
@Sonny Liston ha scritto:
kennex ha scritto:il video è quello

accellerazione

Togli una "L", Kennex! Cool

scusami sonny è che scrivo velocemente e facendolo curo poco la forma perchè il mio pensiero è concentrato sulle emozioni..

ve ne faccio vedere un altro, questa volta di un italiano che diventera parecchio forte e guarda caso in italia ci torna solo per mangiare la pasta. chapeau

scrivete su youtube questo link:

Gianluigi Quinzi Tandil 2012

Lo trovate qui:

http://www.youtube.com/watch?v=xiyQnscEBBc

Kennex, belli 'sti video, per carità. Però sinceramente non capisco più cosa c'entrino con l'argomento a cui è dedicato il topic, come ha già fatto notare Veterano.

Agassi e Quinzi si stanno esercitando al Welby's Wall, una metodologia di allenamento che è stato introdotta da Welby Van Horn e che non ha una correlazione immediata con la stance.
Per parlare di Quinzi, credo che questo allenamento non possa fargli che bene per un motivo: vedendo i primi video di Quinzi mi aveva lasciato molto perplesso l'apertura di diritto che mi sembrava davvero un po'troppo ampia. Giocando contro il muro i tempi di reazione che si hanno a disposizione per organizzare un colpo vengono contratti al minimo, cosa che costringe il ragazzo a giocare di diritto con un'apertura più breve ed essenziale.

Detto questo, io né nel video di Agassi né in quello di Quinzi vedo quello che avevi sostenuto all'inizio: non vedo nessun cambio di grip al variare della stance.
Quinzi esegue tutti i diritti nel video con la stessa impugnatura.

Ljubo
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 54
Data d'iscrizione : 20.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da lollo__87 il Lun 7 Gen 2013 - 14:56

Molto probabilmente è perchè il mi livello è decisamente basso rispetto ai paragoni fatti, ma c'è una cosa che non mi torna. Per esperienza personale, cambiare impugnatura nel dritto mi ha portato a:

- non capirci niente per i primi 1/2 mesi, salvo poi abituarmi e notare i miglioramenti;

- capire che cambiare impugnatura non è la cosa più semplice del mondo;

- una volta capito come muovere il braccio, la differenza la fa il posizionamento prima del colpo - senza cambiare presa - anche se con diversa stance;

Quindi: saper tirare in ogni modo, in qualsiasi posizione, con diverse impugnature, non è addirittura "superfluo"? Padroneggiare perfettamente tutte queste cose, non porta via tempo prezioso ad altri fondamentali/aspetti del gioco?

lollo__87
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 319
Età : 29
Località : castiglione d'adda (LO)
Data d'iscrizione : 24.08.12

Profilo giocatore
Località: castiglione d'adda (LO)
Livello:
Racchetta: ce l'ho!

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 14:58

come cosa centrano, ti sto dicendo come si gioca a tennis, come far venire fuori la tua natura. Guardalo, è iperconcentrato sulla palla, se gli vai vicino non ti vede nemmeno e ti colpisce in testa con la chiusura.. Non ha bisogno di cambi di grip contro il muro e la stance varia di pochissimo è chiaro che non è programmato ad hoc come un processore che il piede si trovera sempre nello scacco predefinito dalla stance qualche piccolissima variazione è sempre consentita, altrimenti sarebbe il dio del tennis e quello è un altro, si quello che state pensando..

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 15:05

quando dico cambiare impugnatura non intendo cambiarla da western a estearn, o da continental a semiwestern, sono piccole variazioni, un po piu stretta o un po piu larga, a seconda del tipo di palla che arriva e tipo di colpo che dobbiamo giocare, non si allontana mai la presa da quella usata come predefinita di 2 tipi di prese successive, sono variazioni di mezze prese, per quello vi sembra sempre la stessa presa e la stance varia di poco

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da lollo__87 il Lun 7 Gen 2013 - 15:09

Ah ok, diciamo che quelli che tu intendi come "cambi di impugnatura" io li chiamo "aggiustamenti". Ora è tutto più chiaro...

lollo__87
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 319
Età : 29
Località : castiglione d'adda (LO)
Data d'iscrizione : 24.08.12

Profilo giocatore
Località: castiglione d'adda (LO)
Livello:
Racchetta: ce l'ho!

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da chiros il Lun 7 Gen 2013 - 15:19

kennex ha scritto:
@chiros ha scritto:
kennex ha scritto:
chiros tu nn sei un poppante pero se fossi cosi bravo a tennis non ci mettrresti tanto a capire che quello che ho detto e una verita inequivocabile, pero certi meccanismi devi viverli non puoi leggerli sui libri , tu invece sei uno che legge ma di momenti illuminanti sul campo ne ha avuti pochi.

A parte il fatto che leggere farebbe bene a tutti e che io ho sempre dichiarato il mio livello, mi sorge spontanea la domanda che ha già posto Sonny.

Comunque voglio solo precisare che io non scrivo quel che leggo. Ho l'umiltà necessaria per scrivere solo quello che sento dire dai maestri FIT che ho. Fino ad oggi ho avuto sempre conferme anche dai maestri che appaiono in TV e che tu critichi.
Non aggiungo nulla di mio.

G897500, qui ci sono tanti bravi giocatori che hanno perso di vista la "base tecnica" oppure non hanno mai preso serie lezioni. Quel che hai scritto va benissimo, il resto è pure un po' OT.

KK quanto mi manchi! Ritorna tra noi!

leggere, ascoltare memorizzi sempre cose di altri. se i maestri fit migliori, che devono esporre il verbo a tutta l'italia, sono quelli che hanno parlato ieri sera, non mi soprende il fatto che l'ultimo campione vero italiano risale agli anni 70, uno che si faceva comandare poco, pochissimo.

Certo.
Tu quindi devi seguire un verbo tutto tuo. Beato te. Sai che significa giocare contro i dritti della Williams, sai come giocano i Pro e sai che i maestri FIT che appaiono in televisione rovinano il tennis italiano.
Spero che tu sia il Keplero del tennis. In caso contrario ci vorrà un sano bagno di umiltà.
Auguri.

chiros
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 956
Data d'iscrizione : 24.11.09

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: Adolfo dice 4 ITR
Racchetta: Prince Classic Response 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da benti77 il Lun 7 Gen 2013 - 15:32

Per sdrammatizzare parlando di colpi della buon Serena, qualcuno ha esperienza da vicino e saprebbe paragonarmeli alla Selles?
Da piccolo raccattai al foro italico ed ebbi l'onore... di raccattare alla Capriati (perse e piangeva... piccola Smile ) e di vedere da vicino molti giocatori, Courier incluso, ebbene la Seles non tirava molto più forte di noi giovini, ma sulle righe sempre.... era pur sempre la numero 1 !!!
Mi chiedevo ora se Serena abbia un gioco piú potente o siam ancora lí (servizio a parte dove tocca i 200).


benti77
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 137
Età : 39
Località : Bellinzona (Ticino)
Data d'iscrizione : 27.11.12

Profilo giocatore
Località: Roma - Bellinzona
Livello: NC
Racchetta: PK Ki5 e vecchia Head Vision 660

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Lun 7 Gen 2013 - 15:38

Intervengo malvolentieri, perché non mi piace chiacchierare quando i toni si alzano o si è tacciati di "far perder del tempo"...
Non apro polemiche e mi piacerebbe che non ce ne siano.
Come detto altre volte: non insegno niente. Non sono qualificato a farlo e i miei passati agonistici sono insoddisfacenti. Così evitiamo di metterci tutti in fila a misurarci il pisello.... Ok?

Allora do una mia personale interpretazione di cose viste qui e di cose vissute in prima persona.

Perché si fa il muro?
(Secondo la mia esperienza)
1) Perché giochi al doppio della velocità.
2) Per migliorare gli spostamenti.
3) Per migliorare le capacità di lettura degli effetti della palla.
4) Per adattare in velocità lo swing e lo stance.

35 anni fa, i maestri Fit (da me frequentati), imponevano il muro con una serie di esercizi, compreso il serve and volly: provare per credere! Trovane uno che risponde "così in anticipo" come un muro...
Fondamentale era giocare con tutti gli stance e con tutti i grip... Se tiri un bel servizio, arrivi (se ti va bene) in demi volée in continental e se attacchi in eastern...come giochi il rovescio?
Ok, questi sono esercizi.
La pratica era però fare tante palle di dritto e di rovescio...cambiando lo stance, non l'impugnatura.

Perché?
Perché il grip è "sacro"...perché quello comporta un cambiamento delle geometrie di swing.
Eravamo consapevoli?
Io credo che dopo 20 min di muro sotto il sole chiedi il numero di telefono a tua sorella che passa di lì per caso....
Ma sì, cambi il grip per far riposare la mano e il braccio, perché ti viene così, perché ti viene un'idea scema...
...ma il grip, come è detto, è sacro: è di proprietà personale del maestro.

Se si "concorda" eastern...si gioca eastern! E si gioca eastern da tutte le posizioni del campo con TUTTI gli stance.

Avete presente la "croce spagnola" di Sanchez? Esercizio base per il footwork, già citato per inside in e inside out?
Si fa con la stessa impugnatura e si gioca closed ed open. Senza soluzione di continuità.
Perché?
Perchè è importante cambiare l'assetto della propria piattaforma di tiro (parte bassa)...per colpire meglio la palla che è nella parte alta (tronco).
Su colpo corto dell'avversario si gioca neutral o closed per il lungolinea o per un dritto anomalo. Non si cambia il grip.
Uno sventaglio o inside out si gioca neutral od open. Non si cambia il grip.
Vuoi cambiare il grip perché giudichi la palla sopra la spalle e ti trovi geometricamente meglio per una full western? Ok, fallo...se ne hai le capacità tecniche, ovviamente.
Vuoi mascherare un colpo? Sei arrivato male sulla palla? Stai recuperando? Non cambi il grip! Cambi la geometria dello swing, magari cerchi la distanza sfruttando il gomito e poi correggi col polso!

Nel video di Agassi si vedono chiaramente alcuni episodi "perfetti".
Contro il muro sta cazzeggiando con lo stance perché porta la gamba destra dove gli serve senza soluzione di continuità.
Sposta la destra perché è abituato a considerarlo il suo "pivot".
Nel palleggio a fondo campo, quando gli arriva una palla un po' più addosso, non cambia stance o grip ma prende la distanza col braccio.
Verso la fine del filmato, su palla meno profonda, colpisce in closed sbracciando. E, se sbraccia, col piffero che ha cambiato il grip!

Parlerei, pertanto di "grip base" e di "stance base": ovvero quei due elementi di proprietà personale del maestro, dove prevale l'attitudine del giocatore, e sui quali si costruisce tutto il resto.
Se prendo una racchetta da una rastrelliera...io, istintivamente, la prendo in continental, la frullo...e torna in continental, la agito per sentire come fruscia e sento come mi cade in mano...come per servire.
Riflessi condizionati molto vintage.

Tempo fa, con Veterano ("ipertricotico" sulle gambe)... si parlava di impugnature "intermedie", ovvero di come si appoggi la racchetta sulle articolazioni delle dita o sui cuscinetti...il tutto in una infinita serie di varietà e di sfumature. Questa è ricerca personale, è interpretazione...Tecnica? Senz'altro! Ma non c'è maestro che ti "insegni" questo (di base). Te lo fa capire...quasi con timidezza, con rispetto. Poi, se sei uno talentato, te lo spega anche per benino.

Ma - secondo me - è troppo difficile dare al tennis degli "assiomi", dei "comandamenti" o delle regole scolpite nella roccia, di fronte alle quali ci può essere solo la muta remissività e obbedienza!
Non so se son stato utile.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12076
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Sonny Liston il Lun 7 Gen 2013 - 15:40

@benti77 ha scritto:

Mi chiedevo ora se Serena abbia un gioco piú potente o siam ancora lí (servizio a parte dove tocca i 200).


Serena tira MOLTO più forte della Seles, che tuttavia aveva angoli più stretti...

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8044
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 15:51

kennex ha scritto:quando dico cambiare impugnatura non intendo cambiarla da western a estearn, o da continental a semiwestern, sono piccole variazioni, un po piu stretta o un po piu larga, a seconda del tipo di palla che arriva e tipo di colpo che dobbiamo giocare, non si allontana mai la presa da quella usata come predefinita di 2 tipi di prese successive, sono variazioni di mezze prese, per quello vi sembra sempre la stessa presa e la stance varia di poco
Be pero' prima dicevi che la presa delimita la stance,ora dici che la variazione e minima,ma tu credi veramente che un buon giocatore pensi a questo quando gioca......la racchetta la prende come meglio riesce senza pensarci troppo,cercando la presa a lui favorevole, credimi,se no se veramente dovessimo fare a caso quando giochiamo a queste variazioni a secondo di cosa si deve giocare e a secondo di che stance vogliamo utilizzare credo che il tennis sarebbe praticabile veramente da pochi e non se ne uscirebbe piu'.dai cerchiamo di non rendere le cose troppo difficili e solo per pochi.Il campione non salta fuori perche' ha l'abilita di cambiare presa a secondo della stance che utiliza o dal colpo che vuole giocare.I video sono belli e come dicevo prima alla fin fine insegnano poco o niente.cosa vuol dire insegnano a giocare a tennis e fanno vedere come si gioca..........chiaramente chi ne sa un po di tennis sa che il tennis si gioca con i piedi ed un buon footwork e' la base di un buon giocatore,ma ritorniamo sempre al punto principale cosa centra tutto questo con la presa e la stance,ci si muove in fretta e la stance no e' stabilita a priori,bisogna vedere cosa ti arriva e quanto tempo hai per preparare il colpo e posizionarti per bene,pensa un po a come viaggia la palla in un match professionistico,ma veramente credi che i giocatori abbiano tempo per pensare a tutte queste cose.le mezze pres come le chiami tut sono degli aggiustamenti che si fanno involontariamente,per mancanza di tempo o in situazioni particolari,ma no sono un punto fermo del gioco.La presa e' una e si cerca di mantenerla il piu' possibile,che poi un buon giocatore riesca a giocare con ppiu tipi di prese mi sembra normale,magari si inizia con una estern per poi passare ad una semi westen o una western,e bene o male ci si aggiusta un po con tutte,pero da li al dire che volontariamente si fanno questi cambi mi sembra veramente eccessivo.Dai kennex siamo seri.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da benti77 il Lun 7 Gen 2013 - 15:53

Denkiu della risposta alla curiositá.
King son con te al 100% specie su come "soppesi una racchetta Smile"

Aggiungo che il muro é divertentissimo io quando posso ci gioco ancora...

E dopo tante chiacchiere stasera gioco e saró innaturalissimo per vedere come cavolo sto coi piedi... argh ! Smile

benti77
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 137
Età : 39
Località : Bellinzona (Ticino)
Data d'iscrizione : 27.11.12

Profilo giocatore
Località: Roma - Bellinzona
Livello: NC
Racchetta: PK Ki5 e vecchia Head Vision 660

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Lun 7 Gen 2013 - 15:55

...ecco... Vet ha completato l'opera....

VETERANOOOO! SONO ARRIVATO PRIMA IO! sei un prepotente! hehehehhehehe Ho detto le stesse cose, come noterai...Mi preoccupo se siamo così d'accordo, io e te!!!!

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12076
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da rossano il Lun 7 Gen 2013 - 15:56

KK, leggerti é sempre un piacere. Secondo me può essere opportuno definire un po' meglio il tuo intervento:

"""""" ...ma il grip, come è detto, è sacro: è di proprietà personale del maestro.
Se si "concorda" eastern...si gioca eastern! E si gioca eastern da tutte le posizioni del campo con TUTTI gli stance"""""""

Perché, facendo un banale esempio:

se mi fanno una palla corta, e io corro bene in avanti, mi affianco debitamente (e vado in closed, se ho ben capito ciò che ho letto), poi, reggendo il telaio al cuore con la Sx, con la Dx passo a una bella full western, scendo con le gambe, vado sotto il livello della palla, e la spazzolo bene bene e la metto carica di RPM nell'angolo in fondo al campo e il mio avversario rimane lì come un baccalà



Io ho sempre pensato di essere bravo, se riesco a fare questo. E allora due parole di integrazione, secondo me ci stanno bene. Soprattutto quando vengono scritte per passione per questo sport.



(carina quella del "chi ce l'ha più lungo"...coem altri hanno scritto sul forum, devi essere davvero un bel personaggio...)

rossano
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 846
Età : 41
Località : Fasano
Data d'iscrizione : 14.02.09

Profilo giocatore
Località: Fasano
Livello: FIT: 4.6 O35
Racchetta: Yonex DR100

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 15:57

@kingkongy ha scritto:Intervengo malvolentieri, perché non mi piace chiacchierare quando i toni si alzano o si è tacciati di "far perder del tempo"...
Non apro polemiche e mi piacerebbe che non ce ne siano.
Come detto altre volte: non insegno niente. Non sono qualificato a farlo e i miei passati agonistici sono insoddisfacenti. Così evitiamo di metterci tutti in fila a misurarci il pisello.... Ok?

Allora do una mia personale interpretazione di cose viste qui e di cose vissute in prima persona.

Perché si fa il muro?
(Secondo la mia esperienza)
1) Perché giochi al doppio della velocità.
2) Per migliorare gli spostamenti.
3) Per migliorare le capacità di lettura degli effetti della palla.
4) Per adattare in velocità lo swing e lo stance.

35 anni fa, i maestri Fit (da me frequentati), imponevano il muro con una serie di esercizi, compreso il serve and volly: provare per credere! Trovane uno che risponde "così in anticipo" come un muro...
Fondamentale era giocare con tutti gli stance e con tutti i grip... Se tiri un bel servizio, arrivi (se ti va bene) in demi volée in continental e se attacchi in eastern...come giochi il rovescio?
Ok, questi sono esercizi.
La pratica era però fare tante palle di dritto e di rovescio...cambiando lo stance, non l'impugnatura.

Perché?
Perché il grip è "sacro"...perché quello comporta un cambiamento delle geometrie di swing.
Eravamo consapevoli?
Io credo che dopo 20 min di muro sotto il sole chiedi il numero di telefono a tua sorella che passa di lì per caso....
Ma sì, cambi il grip per far riposare la mano e il braccio, perché ti viene così, perché ti viene un'idea scema...
...ma il grip, come è detto, è sacro: è di proprietà personale del maestro.

Se si "concorda" eastern...si gioca eastern! E si gioca eastern da tutte le posizioni del campo con TUTTI gli stance.

Avete presente la "croce spagnola" di Sanchez? Esercizio base per il footwork, già citato per inside in e inside out?
Si fa con la stessa impugnatura e si gioca closed ed open. Senza soluzione di continuità.
Perché?
Perchè è importante cambiare l'assetto della propria piattaforma di tiro (parte bassa)...per colpire meglio la palla che è nella parte alta (tronco).
Su colpo corto dell'avversario si gioca neutral o closed per il lungolinea o per un dritto anomalo. Non si cambia il grip.
Uno sventaglio o inside out si gioca neutral od open. Non si cambia il grip.
Vuoi cambiare il grip perché giudichi la palla sopra la spalle e ti trovi geometricamente meglio per una full western? Ok, fallo...se ne hai le capacità tecniche, ovviamente.
Vuoi mascherare un colpo? Sei arrivato male sulla palla? Stai recuperando? Non cambi il grip! Cambi la geometria dello swing, magari cerchi la distanza sfruttando il gomito e poi correggi col polso!

Nel video di Agassi si vedono chiaramente alcuni episodi "perfetti".
Contro il muro sta cazzeggiando con lo stance perché porta la gamba destra dove gli serve senza soluzione di continuità.
Sposta la destra perché è abituato a considerarlo il suo "pivot".
Nel palleggio a fondo campo, quando gli arriva una palla un po' più addosso, non cambia stance o grip ma prende la distanza col braccio.
Verso la fine del filmato, su palla meno profonda, colpisce in closed sbracciando. E, se sbraccia, col piffero che ha cambiato il grip!

Parlerei, pertanto di "grip base" e di "stance base": ovvero quei due elementi di proprietà personale del maestro, dove prevale l'attitudine del giocatore, e sui quali si costruisce tutto il resto.
Se prendo una racchetta da una rastrelliera...io, istintivamente, la prendo in continental, la frullo...e torna in continental, la agito per sentire come fruscia e sento come mi cade in mano...come per servire.
Riflessi condizionati molto vintage.

Tempo fa, con Veterano ("ipertricotico" sulle gambe)... si parlava di impugnature "intermedie", ovvero di come si appoggi la racchetta sulle articolazioni delle dita o sui cuscinetti...il tutto in una infinita serie di varietà e di sfumature. Questa è ricerca personale, è interpretazione...Tecnica? Senz'altro! Ma non c'è maestro che ti "insegni" questo (di base). Te lo fa capire...quasi con timidezza, con rispetto. Poi, se sei uno talentato, te lo spega anche per benino.

Ma - secondo me - è troppo difficile dare al tennis degli "assiomi", dei "comandamenti" o delle regole scolpite nella roccia, di fronte alle quali ci può essere solo la muta remissività e obbedienza!
Non so se son stato utile.
Bravo king riesci ad aessere anche piu tecnico di me...........sara' che con la tencica devo combattere tutti i giorni sul campo e quando sono qua mi piace cercare di far capire le cose senza addentrami troppo in certi discorsi.......poi per carita' ce sempre da imparare......per' ripeto ho sempre detto che non mi ritengo nessuno,ma avenndo la fotuna di lavorare con qualcuno che di tennis ne capisce veramente,no ho mai sentito parlare delle cose che dice kennex.......ora visto che loro hanno tirato fuori dei campioni e io kennex non so chi sia,continuo a fidarmi dei miei maestri,con tutto il rispetto per kennex......

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ljubo il Lun 7 Gen 2013 - 16:00

@kingkongy ha scritto:Non so se son stato utile.

Game, set and match Mr Kingkongy.

Comunque non sapevo che un tempo si provasse davvero ad insegnare ad utilizzare tutti i tipi di grip.
Che poi in linea di principio sarebbe davvero la cosa migliore: come ho detto nel mio primo post in questa discussione, ogni grip è più indicato o meno indicato di altri a seconda delle situazioni. La eastern è meglio della western per impattare la palla in un punto molto basso, tipo all'altezza delle anche, la western viceversa è meglio della eastern per impattare la palla in un punto molto alto, ad esempio all'altezza delle spalle. La continental è la più indicata per giocare una smorzata, la western per conferire rotazione in top spin alla palla.
Quindi, se uno fosse effettivamente in grado di cambiare il grip a seconda dell'altezza dell'impatto o della stance, sarebbe l'ideale. Così come se uno diventasse in grado di giocare la smorzata con la sua solita impugnatura, senza bisogno di passare alla continental: buon per lui, la nasconderebbe che è una meraviglia.

Quello che volevo sostenere è che il cambio di grip, anche se idealmente sarebbe la cosa migliore, di fatto non avviene. Io ad esempio non ne sarei in grado: ho sensibilità nel colpo solo con una presa semi-western. Se provassi ad eseguire un diritto con una presa continental o western, uscirebbe una schifezza.
Kennex stava cercando di spacciare il cambio di grip per una cosa che solitamente viene fatta a livello professionistico: io ho semplicemente detto che non è vero, che anche i professionisti (come si può constatare in un qualsiasi video di youtube) hanno una presa preferita nell'eseguire i colpi che non modificano al variare delle situazioni. Poi ovvio che possono esserci delle minime variazioni o dei piccolissimi aggiustamenti che magari non si fanno nemmeno volontariamente. Ma che un giocatore che solitamente usi una eastern, non passa consapevolmente ad una western (ma nemmeno ad una strong-eastern o ad una semi-wester) per colpire una pallina più alta (o meglio: di norma non avviene, nemmeno a livello professionistico, poi se uno è in grado di farlo buon per lui).
Peggio ancora se poi per presa si intende il passaggio da hammer a pistol o viceversa: io credo che con una hammer non riuscirei nemmeno a giocare.


Ultima modifica di Ljubo il Lun 7 Gen 2013 - 16:03, modificato 1 volta

Ljubo
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 54
Data d'iscrizione : 20.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Raffus il Lun 7 Gen 2013 - 16:00

@kingkongy ha scritto: Così evitiamo di metterci tutti in fila a misurarci il pisello.... Ok?

Genio.

Raffus
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1823
Età : 35
Data d'iscrizione : 31.08.12

Profilo giocatore
Località: MB
Livello: 4.2
Racchetta: ULTRA 97

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 16:01

@kingkongy ha scritto:...ecco... Vet ha completato l'opera....

VETERANOOOO! SONO ARRIVATO PRIMA IO! sei un prepotente! hehehehhehehe Ho detto le stesse cose, come noterai...Mi preoccupo se siamo così d'accordo, io e te!!!!
Sara' perche' per essere presentabili sul campo da tennis dobbiamo depilarci tutti e due..........io solo le gambe ma tu visto il personagio king kong mi sembra che ne hai piu' bisogno di me...... Very Happy

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1991
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 13 Precedente  1, 2, 3, 4 ... 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum