Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

stance e posizione in campo

Pagina 6 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Dom 6 Gen 2013 - 13:48

Promemoria primo messaggio :

Abbiamo più volte discusso della differenza tra open stance e neutral stance del diritto.
Ho però una curiosità.
Mi pare di aver capito che, al di là delle preferenze del giocatore, conviene giocare in neutral dal centro del campo, in open o semiopen quando si gioca dall'angolo dx per giocare incrociato, in neutral o addirittura in closed per giocare dall'angolo sx sul rovescio dell'avversario, in neutral quando si avanza.
Insomma il piede sx punta la direzione che si vuole dare alla palla.
Ho capito bene?
Grazie a chi mi darà una risposta.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso


Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 21:01

@Pistol_Pete ha scritto:Ha battuto anche Federer indoor... certo, era un'esibizione, ma vai a vedere come giocavano...
Come dimenticare poi il giorno in cui Sampras (vecchio) passò lo scettro a Federer (giovanissimo) proprio a WMB...

pistol pete mi attirero le tue ire a malincuore ma non posso esimermi dal dirti la cruda verita, quell'esibizione federer gliel'ha fatta vincere..

Se avesse avuto un rovescio migliore sampras avrebbe vinto di piu? Non credo sai, se avesse avuto un rovescio piu forte avrebbe avuto di conseguenza un dritto piu debole e sarebbe stato un giocatore completamente differente. il fatto di avergli fatto cambiare il rovescio da due mani ad una mano ne è la prova, avrebbe avuto un rovescio da 6, un back da 5 e il dritto risentendone di questo sarebbe stato da 7, non avrebbe vinto tutto quello che ha vinto con queste caratteristiche, non avrebbe usato il suo back per attaccare (sfruttando le sue doti anormali sotto rete) perchè con 2 mani la discesa a rete è disagiata dal cambio della mano sinistra. Quindi cosa ha fatto il suo coach e forse anche lui seno non vinceva tutti quei titoli, ha puntato sul dritto da 9 forse 10, e su un rovescio da 5 forse 4 e mezzo, con un back da 8, e cosi ha creato quel mostro che è diventato, vincendo 14 titoli della slam. Se avesse optato per migliorare il rovescio avrebbe vinto molto di meno, ma lo stesso nemmeno un roland garros perchè con un 6 ed un 7 non lo avrebbe vinto perchè cera gente piu forte di queste votazioni.

La stessa storia per roddick, roddick avrebbe potuto vincere non come sampras, ma 2 us open si, e 2-3 wimbledon anche. Putroppo gli hanno sempre voluto migliorare il rovescio facendolo arrivare ad un 6 e mezzo 7, mentre poteva ambire ad un dritto da 9.. regredito ad un 7 e mezzo negli ultimi anni e quanto mi duole vederlo ritirarsi con solo uno slam, solo io lo so. Bertolucci lo diceva sempre durante le telecronache, e guarda caso amico stretto di panatta, e quei due di tennis ne capivano.

stesso discorso per federer... solo che lui il rovescio ce l'ha da 7 e mezzo e il dritto da 10 e lode, se avesse puntato sul rovescio avrebbe avuto rovescio da 8 e mezzo e dritto da 9, in roger la scelta è molto difficile infatti credo che anche lui tott'oggi sia indeciso se la scelta intrapresa sia stata per lui la migliore, i risultati dicono di si.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da ace59 il Lun 7 Gen 2013 - 21:20

@Pistol_Pete ha scritto:Disse una volta l'utente ace59 (qualcuno ha messo la frase in firma):
HO INVENTATO UNA NUOVA POSIZIONE DI APERTURA DEL DIRITTO: LA OPEN PANCE!!
HAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAA

ehi piano con le citazioni , c'e' il copiright Very Happy
comunque la open pance e' troppo difficile per i pivellini , servono anni di gozzoviglie nelle peggiori trattorie di Caracas e almeno 95 kg , roba per racchette forti Very Happy
bello sto thread non si capisce nulla ma in compenso ci sono un sacco di insulti
.... cheers

ace59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3377
Età : 57
Data d'iscrizione : 29.06.11

Profilo giocatore
Località: treviso
Livello: fit 4.2
Racchetta: 1 PT57A pj MP , 1 PT57E pj MP l , 2 prestige MP , 1 PK Ki5 315

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 21:31

Vedi kennex a volte ci azzecchi ma poi caschi come una pera cotta,senza offesa e ci mancherebbe.Dopo tutti i discorsi che hai fatto qualcuno potrebbe credere che di tennis ci capisci veramente,pero' purtroppo ci sono delle incongruenze che qualcuno che ci capsice non puo fare a meno di notare.Non dico di essere io,sia ben chiaro.
Se veramente avessi esperienza con il tennis professionistico o di alto livello certe afermazioni non le faresti,per esempio nell ultimo post che hai scritto hai riposrtato delle cose che un allenatore o un giocatore di esperienza non direbbe mai.
Non dico che non ci capisci un tubo e ci mancherebbe pero si vede che in quello che affermi ci sono delle inesattezze,e adesso non parlo ne di stance ne di prese.......se in vece ti proponessi in un altro modo saresti molto piu' credibile e si potrbbe discutere di dubbi e perplessita' e di tutto quello che l'esperienza ti ha insegnato.Pero' facendo cosi' sembra che ti vuoi spacciare per uno che ne sa veramente e che conosca la verita' assoluta,
Ora a me non interesa sapere se sei un giocatore di alto livello o un allenatore di fenomeni,riesco a capirlo da solo........dopo tutto questo bel discorsetto a me fa piacere discutere con te perche alla fin fin tiri fuori degli argomenti interessanti fonti di interessanti discussioni,pero porfavor,qua ce gente che con il tennis ci lavora seriamente.Con questo non voglio dire lascia stare e vai via,ci mancherebbe,anzi amiro la tua educazione ed il tuo modo di esporti,pero per un proseguimento piu' credibile da parte tua,rivedi un po il tuo modo di porti............le cose che dici si potrebero discutere con un altro spirito se solo non cercassi di imporle come verita' assoluta.
Dai non te la prendere e pensaci su........

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1989
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ljubo il Lun 7 Gen 2013 - 21:32

Kennex, posso chiederti lumi su questa cosa (anche se mi dispiace andare così off-topic)?
Perché dici che se Sampras avesse avuto il rovescio più forte, avrebbe poi avuto per forza un diritto più debole? E che Roddick è calato con il diritto perché ha lavorato troppo sul rovescio?

Ammetto che questa cosa non l'avevo mai sentita. Cioè, sembrerebbe che tu stia sostenendo la tesi che ad ogni miglioramento di diritto corrisponde per forza un peggioramento di rovescio e viceversa.

Ljubo
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 54
Data d'iscrizione : 20.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 21:38

Ljubo che domandine che fai... ci sarebbe da scriverci un libro su sta roba..

dammi un po di tempo che è difficile da mettere il pensiero su carta..

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Lun 7 Gen 2013 - 21:58

la domanda di ljubo, perchè all'aumentare del rovescio sampras avrebbe avuto un dritto piu debole?

E' sempre un discorso di distribuzione. Quando giochi il rovescio sei totalmente disconnesso con il dritto.
E' come se una parte del cervello si occupi del rovescio e un'altra parte del cervello si occupi del dritto.
Ora, questi due emisferi possono essere entrambi di capienza al 100 per cento?
No, ognuno di noi è imperfetto e le distribuzioni
delle capacita dell'emisfero, tradotto, di un colpo sono date dalla grandezza di questi emisferi, l'emisfero è elastico fino ad un certo
punto e si puo espandere(migliorarsi), dipende dalla sua capacita.
Mettiamo sampras, ha nell'emisfero destro il rovescio, e nell'emisfero sinistro il dritto. Alla nascita sampras
presenta l'emisfero del dritto, il sinistro, piu grande di quello del rovescio, della meta piu grande di quello
del rovescio. L'emisfero se allenato aumenta, se lo fai riposare diminuisce. Sampras la sente questa differenza su
di se e infatti è naturalmente propenso a giocare di dritto, ma un allenatore che non lo conosce a livello di
emisferi gli dice, come hanno fatto con roddick, senti miglioriamo il rovescio cosi avrai oltre ad un grande
dritto anche un grande rovescio. Sampras vede il maestro come uno che lo conosce meglio di se stesso e lo sta a sentire.
Cosa succede pero quando sampras allena il rovescio ovvero si dedica completamente alla migliorazione di un solo
colpo tralasciandone completamente l'altro. Semplice. L'emisfero del rovescio tendera ad ingrossarsi di poco, massimo
un 10 per cento mettiamo, mentre e qui sta la risposta, la materia dell'emisfero del dritto non perdera la sua
capienza ma la sua materia e questo andra a determinare la perdita di punti nel colpo che non sara mai pero inferiore
a quella del rovescio, perchè quella del rovescio è nata piu piccola. Federer invece è nato con due emisferi ben
equilibrati quello del dritto mettiamo del 30 per cento piu grande, e ha convogliato prettamente la sua attenzion
sull'aumenta di materia del suo emisfero sinistro(dritto) e meno per scelta sua, per non far riposare e far calare
il livello di materia del dritto, sul rovescio, non mettendoci tanta materia mentre poteva farlo per via della capienza con conseguente
diminuizione del dritto.

p.s scusate le righe staccate, l'ho scritto sul blocco note..

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Lun 7 Gen 2013 - 22:01

Mmmm il tennis come il Monopoli?
Insomma, se spendi tutti i soldi per comprare le Stazioni e vicolo Stretto, poi sei in bolletta e non puoi permetterti Parco della Vittoria...

Mmmmm no, non mi convince, mai visto ne' sentito di questa teoria dei vasi comunicanti: drago di dritto e mezza poppa di rovescio con alternativa niente male di dritto e scarsino di rovescio. E, ancora, niente di che in tutti i colpi. Cosa sceglie: la 1, la 2 o la 3???

Ammetto l'ignoranza. Di solito si lavora per migliorare i punti deboli e per valorizzare quelli forti. Non si "immola" o si "castra" mai un talento per correggere difetti. È un non senso.
Si fanno scelte tattiche, strategiche, atletiche, anche tecniche...ma non esiste il limitatore per eccesso di talento...

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da benti77 il Lun 7 Gen 2013 - 22:09

@Pistol_Pete ha scritto:http://www.youtube.com/watch?v=NHLPXT2AebA
fa sembrare Edberg un poveretto...

Si si ma lo ricordi chi vinse, con i suoi annetti sulle spalle ?
Ancora me la ricordo erano gli anni in cui ero patito per il tennis !
http://it.wikipedia.org/wiki/Stefan_Edberg#Vinte_.286.29
Stefan forever, seppure Pete é stato complessivamente piú forte una volta maturato ed uno dei miei preferiti, peccato per sto rovescio da 4.5.... Very Happy
Almeno si salvava di servizio !

Cmq volevo condividere gli ultimi pareri freschi freschi su quanto detto dopo un oretta di palleggi in cui ho provato alcune cose.
La close e la neutral sono molto vicine come stile (o almeno la close che giocavo nel 92 di cui la finale di Stefan...), si parte imparando la prima e si sviluppa forza di cose la seconda giocando agonisticamente, solo non sapevo del suo nome Wink, ora grazie a voi posso dire cosa faccio !
La open in eastern si puó fare, in western vien meglio ma non fa per me Wink
La open é piú faticosa !!! Colpire piatto quando costruisco lo scambio su palle deboli é meno oneroso per le gambe. Specie se si gioca easter quasi continental (piatto piatto).
I colpi in top se non molto forti (ma non lenti) son piú facili da rispondere dal mio compagno che sta apprendendo (molto bene direi) rispetto a quando accelero con poco spin e basso sulla rete (Veterano ti torna sta cosa quando insegni), devo ancora trovare la chiave oer farlo spingere bene col rovescio !
Ho l'impressione che se si abusa di spin senza far corerre l'avversario quello ti fa troppo male accelerando con un colpo basso e piatto.

Sono impressioni fresche fresche che senza polemica volevo condividere dato l'interesse pere il post e la voglia che mi viene ogni giorno piú forte di giocare !

benti77
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 137
Età : 39
Località : Bellinzona (Ticino)
Data d'iscrizione : 27.11.12

Profilo giocatore
Località: Roma - Bellinzona
Livello: NC
Racchetta: PK Ki5 e vecchia Head Vision 660

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Lun 7 Gen 2013 - 22:22

Il problema della teoria degli emisferi e' che una volta che viene acquisita una certa memoria muscolare...questa, arrivando a un certo livello qualitativo e quantitativo, diventa irreversibile.
Infatti, si lavora per "fissare" lo swing. Cambiare un piano o un angolo su un giocatore "solido" e' una delle operazioni più complesse e dispendiose. Figurati un po' se un allenatore mette mano a piani ed angoli se questi funzionano... Se proprio deve fare un cucù così al proprio allievo...lo fa dove non funzia...
Se uno sa fare una stop volley...non è perché si allena troppo per il servizio non la sa più fare....
Non solo. Ma ci sono colpi ne migliorano altri. Un esempio? Giocare in top tutti i colpi (dritto e rovescio) in una stessa sezione di allenamento, migliora il ritmo generale e la "presa" del ritmo.
L'Interval Training, usato in tutti gli sport, parte dal principio che "alternare" migliora i singoli movimenti.
Mi spiace, ma leggerei volentieri dei testi scientifici in merito.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 22:35

@benti77 ha scritto:
@Pistol_Pete ha scritto:http://www.youtube.com/watch?v=NHLPXT2AebA
fa sembrare Edberg un poveretto...

Si si ma lo ricordi chi vinse, con i suoi annetti sulle spalle ?
Ancora me la ricordo erano gli anni in cui ero patito per il tennis !
http://it.wikipedia.org/wiki/Stefan_Edberg#Vinte_.286.29
Stefan forever, seppure Pete é stato complessivamente piú forte una volta maturato ed uno dei miei preferiti, peccato per sto rovescio da 4.5.... Very Happy
Almeno si salvava di servizio !

Cmq volevo condividere gli ultimi pareri freschi freschi su quanto detto dopo un oretta di palleggi in cui ho provato alcune cose.
La close e la neutral sono molto vicine come stile (o almeno la close che giocavo nel 92 di cui la finale di Stefan...), si parte imparando la prima e si sviluppa forza di cose la seconda giocando agonisticamente, solo non sapevo del suo nome Wink, ora grazie a voi posso dire cosa faccio !
La open in eastern si puó fare, in western vien meglio ma non fa per me Wink
La open é piú faticosa !!! Colpire piatto quando costruisco lo scambio su palle deboli é meno oneroso per le gambe. Specie se si gioca easter quasi continental (piatto piatto).
I colpi in top se non molto forti (ma non lenti) son piú facili da rispondere dal mio compagno che sta apprendendo (molto bene direi) rispetto a quando accelero con poco spin e basso sulla rete (Veterano ti torna sta cosa quando insegni), devo ancora trovare la chiave oer farlo spingere bene col rovescio !
Ho l'impressione che se si abusa di spin senza far corerre l'avversario quello ti fa troppo male accelerando con un colpo basso e piatto.

Sono impressioni fresche fresche che senza polemica volevo condividere dato l'interesse pere il post e la voglia che mi viene ogni giorno piú forte di giocare !
No ti preoccupare benti tutto nella norma..........la sensazione che hai quando giochi piu piatto e sicuramente diversa da quella che hai quando spinni,ora si tratta solo di aggiustare un po le cose e capire bene come dosare lle varie forze in gioco......i problemi sul rigiocare la tua palla che all effettivo ti risulta piu facile da rigiocare,si risolveranno,magari spazzoli troppo verso l'alto e rallenti la velocita del braccio,bueno non ti preoccuoare tuto nella norma,vedrai che con i giusti allenamenti e con tanta pratica le cose miglioreranno.

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1989
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 22:36

@kingkongy ha scritto:Il problema della teoria degli emisferi e' che una volta che viene acquisita una certa memoria muscolare...questa, arrivando a un certo livello qualitativo e quantitativo, diventa irreversibile.
Infatti, si lavora per "fissare" lo swing. Cambiare un piano o un angolo su un giocatore "solido" e' una delle operazioni più complesse e dispendiose. Figurati un po' se un allenatore mette mano a piani ed angoli se questi funzionano... Se proprio deve fare un cucù così al proprio allievo...lo fa dove non funzia...
Se uno sa fare una stop volley...non è perché si allena troppo per il servizio non la sa più fare....
Non solo. Ma ci sono colpi ne migliorano altri. Un esempio? Giocare in top tutti i colpi (dritto e rovescio) in una stessa sezione di allenamento, migliora il ritmo generale e la "presa" del ritmo.
L'Interval Training, usato in tutti gli sport, parte dal principio che "alternare" migliora i singoli movimenti.
Mi spiace, ma leggerei volentieri dei testi scientifici in merito.
Pensa che stavo per tirare fuori la teoria del occhio dominante Very Happy Very Happy Very Happy

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1989
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Lun 7 Gen 2013 - 22:44

No, l'occhio dominante no! Adesso ti meno!!!
Ma se tiri fuori l'occhio dominante...mi piace... Ma solo se lo fai tu!
Adelante Pedro, con juicio!

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Veterano il Lun 7 Gen 2013 - 23:03

Guarda devo dire che per ignioranza nno ho mai dato peso a questi particolari,pero sicurmanete qualcosa di vero ce.e se poi vogliamo aggiungere all occhio la gamba ed il braccio dominante non ne usciamo piu'.Sicuramente e' un discorso interessante ma per farlo con precisione biosgnerebbe veramente fare degli studi in merito,cosa che io non ho mai fatto.Conosco gente che allena professionisti invece che ci fa molto caso ed in base alle caratteristiche sopra elencate interviene con allenamenti specifici ed accorgimenti vari.Ora nel mio piccolo e nella mia ignoranza credo un po che sia come chi crede nella medicina omoepatica e chi invece si affida alla medicina ufficiale,Ce chi dice che per farer dei miglioramenti bisogna fare caso all occhio dominante,alla gamba e al bracio dominanti e sapere come intervenire ,ce chi invece passa olimpicamente del tema,semplicemente dicendo che il tutto si evolvera' naturalmente,senza farci tropo caso.Mahhhh purtroppo il tempo che ho a disposizone per aproffondire questo discorso riguardo all 'occhio dominante e' veramente poco e la voglia manca.Pero' non escludo che il valutare per bene queste cose ed il saper come intervenire possa avere degli effettivi benefici.Che ci vuoi fare ognuno fa quello che puo'.......

Veterano
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1989
Data d'iscrizione : 20.06.10

Profilo giocatore
Località: Spagna
Livello: ex b3
Racchetta: babolat pure drive cortex

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da benti77 il Lun 7 Gen 2013 - 23:12

Mmm in effetti con l'open e top molto accentuato devo dosare meglio l'altezza sulla rete, risulta infatti (per me che son abituato diversamente) piú facile picchiare ma qualche volta mi resta sul nastro o decolla.

Quello che intendevo peró non é che non riesco a chiudere cosí, ma che nel palleggio a parità di velocità la palla piatta o quasi (un pó di top ci sta sempre se giochi teso) che resta bassa e rimbalza a una 30 cm dalla riga di fondo gli risulta piú difficile da rimandare veloce, mentre se aumento l'effetto lo vedo piú a suo agio (meglio visto che poi mi manda palle veloci da rigiocare). Specie se gli levo il pensiero del punto...Very Happy

Complessivamente forzare la open quando sei abituato a un gioco piú tradizionale l'ho trovato un esercizio utile per stare attento al footstep, cosa che faccio in automatico, ma si puó sempre migliorare e soprattutto batto la pigrizia sui colpi facili Smile , ritengo (a mio umile parere) inoltre che possa essere un miglioramento o quantomeno un completamento del gioco (ad esempio le palle alte le colpisco da sempre cosí in modo spontaneo se devo picchiare). E cmq un passo in meno in campo é tempo risparmiato Wink anche se poi magari si rischia di abusarne e non spostarsi affatto !

Non so per contro se sia piú o meno precisa o potente in termini assoluti.

benti77
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 137
Età : 39
Località : Bellinzona (Ticino)
Data d'iscrizione : 27.11.12

Profilo giocatore
Località: Roma - Bellinzona
Livello: NC
Racchetta: PK Ki5 e vecchia Head Vision 660

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Mar 8 Gen 2013 - 0:07

@kingkongy ha scritto:Mmmm il tennis come il Monopoli?
Insomma, se spendi tutti i soldi per comprare le Stazioni e vicolo Stretto, poi sei in bolletta e non puoi permetterti Parco della Vittoria...


Mmmmm no, non mi convince, mai visto ne' sentito di questa teoria dei vasi comunicanti: drago di dritto e mezza poppa di rovescio con alternativa niente male di dritto e scarsino di rovescio. E, ancora, niente di che in tutti i colpi. Cosa sceglie: la 1, la 2 o la 3???

Ammetto l'ignoranza. Di solito si lavora per migliorare i punti deboli e per valorizzare quelli forti. Non si "immola" o si "castra" mai un talento per correggere difetti. È un non senso.
Si fanno scelte tattiche, strategiche, atletiche, anche tecniche...ma non esiste il limitatore per eccesso di talento...

è un po diverso quello che ho detto kingkongy.. una perla che non andrebbe sporcata con la cioccolata.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Mar 8 Gen 2013 - 0:40

Kennex, le perle son perle "quando la notizia è verificata almeno tre volte".

Pertanto, deiezione bovina o cioccolata Valrhona...non fa differenza.

Serve, da parte tua, l'esibizione di una consistente quantità di "prove", perché non ho ancora capito - limite mio - di cosa stiamo parlando. E quello che capisco mi sembra un'affermazione, per il momento, "esoterica".
Tu convincimi/convincici del contrario: di certo non griderò all'eresia! Essendo sempre stato un "Pierino" controcorrente... sarà un piacere.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Mar 8 Gen 2013 - 0:49

@kingkongy ha scritto:Kennex, le perle son perle "quando la notizia è verificata almeno tre volte".

Pertanto, deiezione bovina o cioccolata Valrhona...non fa differenza.

Serve, da parte tua, l'esibizione di una consistente quantità di "prove", perché non ho ancora capito - limite mio - di cosa stiamo parlando. E quello che capisco mi sembra un'affermazione, per il momento, "esoterica".
Tu convincimi/convincici del contrario: di certo non griderò all'eresia! Essendo sempre stato un "Pierino" controcorrente... sarà un piacere.

Non posso portarti una formula matematica, federer, roddick, sampras e tanti altri giocatori sono le prove di quello che ho detto, se vedessi oltre lo vedresti pure tu. Poi vedi mi sembro un alieno perchè queste cose le vedo solo io, ma ci sono e per me sono chiarissime perchè le vivo pure io. Se non le vivi penso sia difficile capirle.. Adesso passero per quello presuntuoso, ma che vi devo chiedere un atto di fede verso di me? Mi sembra troppo, ma per quel che mi riguarda lo vedo che le sensazioni che provano loro sono le stesse mie, vi garantisco che funziona cosi.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da MikeF18 il Mar 8 Gen 2013 - 0:51

kennex puoi ripetere queste " cose " che vedono i pro e te che dopo 10 pagine nun ce sto a capire più nulla?

MikeF18
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 888
Data d'iscrizione : 15.01.12

Profilo giocatore
Località: Mugello
Livello: 4.nc
Racchetta: Wilson blade 98s

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Mar 8 Gen 2013 - 0:54

@MikeF18 ha scritto:kennex puoi ripetere queste " cose " che vedono i pro e te che dopo 10 pagine nun ce sto a capire più nulla?

What a Face affraid sinceramente, ci metteresti tu meno tempo a rileggerle che io a riscriverle

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ljubo il Mar 8 Gen 2013 - 1:07

kennex ha scritto: Non posso portarti una formula matematica, federer, roddick, sampras e tanti altri giocatori sono le prove di quello che ho detto, se vedessi oltre lo vedresti pure tu. Poi vedi mi sembro un alieno perchè queste cose le vedo solo io, ma ci sono e per me sono chiarissime perchè le vivo pure io. Se non le vivi penso sia difficile capirle.. Adesso passero per quello presuntuoso, ma che vi devo chiedere un atto di fede verso di me? Mi sembra troppo, ma per quel che mi riguarda lo vedo che le sensazioni che provano loro sono le stesse mie, vi garantisco che funziona cosi.

no, aspetta un attimo.
Un conto è parlare di sensazioni personali. Un conto è parlare in termini neuroscientifici. Se tu prima parlavi di emisferi alludendo ai due emisferi cerebrali...beh, l'avrai pure letta da qualche parte questa cosa no? Allora saresti così gentile di indicarci la relativa pubblicazione scientifica a titolo di fonte?

Detto questo non è affatto visibile quello che dici nei tennisti che hai citato. Su Sampras e Federer hai fatto un discorso controfattuale, cioè "se avessero lavorato troppo sul rovescio, avrebbero perso qualcosa sul diritto". Ma tu stesso hai detto che loro o i rispettivi coach non hanno lavorato in questo senso.
L'unico tennista che lo ha effettivamente fatto è stato Roddick. E un singolo caso non basta per giustificare una tesi generale. Del resto ci sono anche altre spiegazioni alternative nel caso di Roddick. Potrebbe semplicemente aver perso esplosività con l'avanzare dell'età. Giorgio Galimberti disse in una telecronaca che secondo lui aveva iniziato a lavorare troppo la palla di diritto, perdendo qualcosa in velocità. Tra l'altro se non ricordo male lo stesso Tipsarevic affermò la stessa cosa in conferenza stampa dopo aver eliminato Roddick in quarto turno allo US Open del 2010.

@kingkongy ha scritto:

Pertanto, deiezione bovina o cioccolata Valrhona...non fa differenza.


Very Happy

Ljubo
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 54
Data d'iscrizione : 20.03.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Mar 8 Gen 2013 - 1:08

Kennex, mi spiace, ma non si capisce.
Prova a spiegarti meglio, magari procedendo per schemi semplificati.

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Mar 8 Gen 2013 - 1:20

@Ljubo ha scritto:
kennex ha scritto: Non posso portarti una formula matematica, federer, roddick, sampras e tanti altri giocatori sono le prove di quello che ho detto, se vedessi oltre lo vedresti pure tu. Poi vedi mi sembro un alieno perchè queste cose le vedo solo io, ma ci sono e per me sono chiarissime perchè le vivo pure io. Se non le vivi penso sia difficile capirle.. Adesso passero per quello presuntuoso, ma che vi devo chiedere un atto di fede verso di me? Mi sembra troppo, ma per quel che mi riguarda lo vedo che le sensazioni che provano loro sono le stesse mie, vi garantisco che funziona cosi.

no, aspetta un attimo.
Un conto è parlare di sensazioni personali. Un conto è parlare in termini neuroscientifici. Se tu prima parlavi di emisferi alludendo ai due emisferi cerebrali...beh, l'avrai pure letta da qualche parte questa cosa no? Allora saresti così gentile di indicarci la relativa pubblicazione scientifica a titolo di fonte?

Detto questo non è affatto visibile quello che dici nei tennisti che hai citato. Su Sampras e Federer hai fatto un discorso controfattuale, cioè "se avessero lavorato troppo sul rovescio, avrebbero perso qualcosa sul diritto". Ma tu stesso hai detto che loro o i rispettivi coach non hanno lavorato in questo senso.
L'unico tennista che lo ha effettivamente fatto è stato Roddick. E un singolo caso non basta per giustificare una tesi generale. Del resto ci sono anche altre spiegazioni alternative nel caso di Roddick. Potrebbe semplicemente aver perso esplosività con l'avanzare dell'età. Giorgio Galimberti disse in una telecronaca che secondo lui aveva iniziato a lavorare troppo la palla di diritto, perdendo qualcosa in velocità. Tra l'altro se non ricordo male lo stesso Tipsarevic affermò la stessa cosa in conferenza stampa dopo aver eliminato Roddick in quarto turno allo US Open del 2010.

@kingkongy ha scritto:

Pertanto, deiezione bovina o cioccolata Valrhona...non fa differenza.


Very Happy

Un attimo che ce la filaaaa.. Razz
Piu semplice di come l'ho detto è impossibile ridurlo. Federer e Sampras hanno usato questa teoria degli emisferi correttamente cioè capendola loro stessi, roddick no, aveva iniziato bene, giocandosela alla pari con federer a wimbledon poi si è messo in testa che non era abbastanza forte e che aveva bisogno di qualcosa di diverso e da li qualcuno l'ha portato sulla strada sbagliata, il signor. Goldfine ha dato inizio alle danze, il roddick del 2003 era in perfetta linea con i suoi emisferi. Ho enunciato entrambi i casi, piu di cosi.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da kingkongy il Mar 8 Gen 2013 - 1:48

Eh, andiam male...
Il passo successivo e' un TSO...

kingkongy
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 12074
Età : 51
Località : Nomade
Data d'iscrizione : 29.12.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: infimo
Racchetta: quella che c'è

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ospite il Mar 8 Gen 2013 - 2:20


Stavi ancora sognando in quella finale del 2004, da li in poi qualcuno ti
ha tolto il sogno, la tua realta, catapultandoti in un mondo per te inusuale nel quale hai dovuto ricominciare tutto
da capo. Non potevi credere che lo stessero facendo proprio a te, tu che non avevi mai fatto torto a nessuno. Da li cominciasti
ad autoconvincerti che il tuo peggior nemico in realta fosse il tuo migliore amico, ma dentro di te prima di dormire lo senti
che cosa sei. Poi ti svegli, devi recitare per il bene suo, hai deciso di affidarti completamente a lui, sei nelle sue mani ormai
non si torna piu indietro, voglio vedere, sono testardo secondo me in fondo mi vuole bene, le persone non sono cosi cattive. E invece
a 30 anni, ti ritrovi li, con la cruda realta, derubato del tuo sogno, del tuo mondo, dal quale ti hanno svegliato e te ne accorgi quando con fatica
riesci ad emozionarti di fronte alla cosa che piu hai amato nella vita.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ivan il Mar 8 Gen 2013 - 2:48

@johnmcenroe96 ha scritto:Chiaro che non hai molte opzioni in risposta ad Isner

Accovacciato a terra, mani sopra la testa, gomiti ben serrati me la passi?!

Quella posizione mi viene più che naturale.. Scusa la modestia, ma in certi frangenti esce tutto il mio talento!! lol!

Ivan
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 142
Età : 43
Data d'iscrizione : 17.10.10

Profilo giocatore
Località: Mi
Livello: 4.4 Fit
Racchetta: Slazenger Tour 320

Tornare in alto Andare in basso

Re: stance e posizione in campo

Messaggio Da Ivan il Mar 8 Gen 2013 - 3:26

Il mese scorso mi è capitato durante una partitella di ruotare il grip del rovescio più della normale Eastern con cui impugno con la mano dx. Era dovuto ad un aumento di velocità del gioco e pesantezza di palla e per colpire la palla prima e più avanti mi è venuto istintivo ruotare il grip. Questo forse non è del tutto corretto, forse va a discapito del proprio ritmo naturale dello swing, però un pò funziona. Anche se in modo empirico a seconda della pesantezza adesso mi capita di dare più gas o meno al grip del rovescio.

Che dite della cosa? Ci può stare?! Può essere di supporto alla teoria di Kennex?

Certo che poi la pratica per comprendere fino in fondo una sensazione e farla diventare un aiuto per giocare meglio ce ne passa però..

Vedremo gli sviluppi sunny

Ivan
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 142
Età : 43
Data d'iscrizione : 17.10.10

Profilo giocatore
Località: Mi
Livello: 4.4 Fit
Racchetta: Slazenger Tour 320

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 6 di 13 Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 11, 12, 13  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum