Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

il tennis di una volta

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

il tennis di una volta

Messaggio Da ace59 il Gio 27 Set 2012 - 10:12

Promemoria primo messaggio :

quante volte diciamo e leggiamo di quanto bello e romantico era il tennis di una volta ?

gesti bianchi e racchette di legno come simbolo di bellezza !!!

poi , di colpo , una sera di qualche giorno fa , mi fermo a guardare su supertennis un match tra Barazzutti e Smid di non so quale torneo , forse Davis

di una bruttezza devastante affraid

eppure io mi sono avvicinato al tennis proprio in quel periodo ,magari guardavo Panatta , ma ragazzi ,chi dice che era meglio il tennis allora si merita come punizione di guardare qualche marth di quel tipo

adesso non dite che c'erano connors borg mac , ok togli quelli ma tuutti gli altri erano veramente inguardabili

tuttto sommato oggi , togli pure i fab four, se guardi una partita di due onesti primi 20 al mondo ti diverti sicuramente di più , o no ?

ace59
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3377
Età : 57
Data d'iscrizione : 29.06.11

Profilo giocatore
Località: treviso
Livello: fit 4.2
Racchetta: 1 PT57A pj MP , 1 PT57E pj MP l , 2 prestige MP , 1 PK Ki5 315

Tornare in alto Andare in basso


Re: il tennis di una volta

Messaggio Da Paoloraz il Mar 2 Apr 2013 - 2:02

@alex8mm ha scritto:...Per rendercene conto, basta riprendere in mano per un set una racchetta di legno....provate a vedere quanti vincenti riuscite a fare con quella, al posto dei "bazookas" moderni in materiali alieni... Shocked

Siccome adoro giocare col legno e ci gioco spesso, di vincenti se ne tirano pochi, anche perchè è molto complicato colpire "frustando" la palla... bisogna prepararsi per tempo e giocare molto fluidi, non si possono improvvisare i colpi o "sbracciare" perchè si stacca il braccio... Però in palleggio con una racca di legno escono delle palle pesantisse...tipo comodini in noce della nonna, che anche se camminano meno fanno male...si fa fatica a chiudere perchè la racchetta flette e non sprigiona abbastanza energia e soprattutto nei recuperi. Però, magari su una superficie veloce, se si riesce a giocare di incontro la palla cammina, si fa correre l'altro sfruttando la precisione di quelle racchette e ci si diverte molto. Insomma, una volta presa la mano, giocare con una racchetta di legno piatto standard offre anche dei vantaggi...solidissima all'impatto, si usa l'inerzia per far viaggiare la palla... Ecco, magari dopo 2 ore in torneo...ma secondo me è anche una questione di abitudine al peso, a dover fare tutto per tempo...non è impossibile...certo ci si complica magari un po' la vita...ma che goduria sentire il 'pofff' della maxply!! E il back viene mille volte meglio.

Paoloraz
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 181
Data d'iscrizione : 11.03.13

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4.3 FIT...a giugno!
Racchetta: Dunlop max 200g, Dunlop Maxply McEnroe, Dunlop Bio Max 200g, Wilson Pro Open, etc etc...

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da Nostradamis il Mar 8 Ott 2013 - 17:21

“E' il migliore, e per batterlo devo cercare di dare il mio massimo" (Rafael Nadal ogni volta che parla di Federer)
“Penso sia un campione e una persona magnifica" (Roger Federer ogni volta che parla di Nadal)
“Ho più talento io nel mio mignolo che Lendl in tutto il suo corpo” (John McEnroe)


Smile

Prese da un interessante articolo di Ubitennis:
http://www.ubitennis.com/sport/tennis/2013/10/08/962372-dalla_rissa_genuina_complimenti_plastica_meglio_ieri_oggi.shtml

Nostradamis
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2476
Età : 33
Località : Padova
Data d'iscrizione : 15.10.11

Profilo giocatore
Località: Padova
Livello: ITR 4
Racchetta: Volkl Organix 8

http://www.facebook.com/nostradamis

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da nanobabbo8672 il Mar 8 Ott 2013 - 18:59

interessante articolo, ma non sono molto convinto che sia meglio la maleducazione dei connors e dei mcenroe, rispetti ai giovanotti di oggi...
non confondiamo l'educazione e magari la diplomazia con l'ipocrisia...
devono per forza non andare d'accordo? ricordiamo che molti di loro si conoscono dai tempi dell'adolescenza e sono quasi cresciuti assieme...

nanobabbo8672
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6677
Età : 44
Località : Ravenna
Data d'iscrizione : 10.09.09

Profilo giocatore
Località: Ravenna
Livello: ITR 4.0 - FIT NC
Racchetta: Pro Kennex KI15 300 2011

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da ladal il Mar 8 Ott 2013 - 20:36

Però aggiungevano sicuramente più carne al fuoco nelle loro sfide.

Se Nadal e Federer si fossero odiati pubblicamente penso che il seguito dei loro match e l'intensità sarebbe stata ancora maggiore

ladal
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 804
Età : 18
Data d'iscrizione : 20.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: 4.2 (per bucio de culo)
Racchetta: Yonex V-Core 97 tour (310g)

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da ...SoloSeGiocAdriano il Mer 9 Ott 2013 - 18:17

La rivalita' piu' bella e' quella che offre il campo e che rimane sul campo, non quella fatta di dichiarazioni al vetriolo, smash in faccia e muso contro muso. Non nel tennis almeno. I faccia a faccia tra McEnroe e Connors fanno sorridere a distanza di vent'anni, quando si e' tutti piu' vecchietti e nostalgici, ma a quel tempo erano spettacoli volgari e impresentabili.

...SoloSeGiocAdriano
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1391
Località : Rego Park, Queens, New York
Data d'iscrizione : 26.01.12

Profilo giocatore
Località: New York
Livello: ...of our elaborate plans, the end
Racchetta: tsl 325 escape easy

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da archery57 il Mer 9 Ott 2013 - 22:13

@...SoloSeGiocAdriano ha scritto:La rivalita' piu' bella e' quella che offre il campo e che rimane sul campo, non quella fatta di dichiarazioni al vetriolo, smash in faccia e muso contro muso. Non nel tennis almeno. I faccia a faccia tra McEnroe e Connors fanno sorridere a distanza di vent'anni, quando si e' tutti piu' vecchietti e nostalgici, ma a quel tempo erano spettacoli volgari e impresentabili.
Mi sento di condividere in pieno!
Ad esempio ho sempre ammirato il tennis di McEnroe ma non sono mai riuscito a sopportare le sue intemperanze soprattutto se confrontate con i comportamenti di Borg o Edberg (e io tifavo per Mac Rolling Eyes )... insomma la correttezza in campo e fuori sono, a mio avviso, segno di sportività e buon esempio per le nuove leve in qualsiasi sport.

archery57
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2222
Età : 59
Località : Padova
Data d'iscrizione : 24.05.11

Profilo giocatore
Località: Padova
Livello: ITR 3.5
Racchetta: 2 x Wilson Six One 95, 2 x Wilson Pro Staff Classic 95

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da Danielito77 il Mar 15 Ott 2013 - 11:18

...la correttezza in campo é fondamentale, solo che, ai giocatori di oggi manca la tecnica...per esempio é sparito quasi ovunque il rovescio a una mano...é un vero peccato!

Danielito77
Nuovo arrivato
Nuovo arrivato

Numero di messaggi : 4
Età : 39
Data d'iscrizione : 14.10.13

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Wilson BLX Pro Staff Six.One 90

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da drichichi@alice.it il Mer 30 Ott 2013 - 14:44

@Danielito77 ha scritto:...la correttezza in campo é fondamentale, solo che, ai giocatori di oggi manca la tecnica...per esempio é sparito quasi ovunque il rovescio a una mano...é un vero peccato!
solo quello? serve & volley? le "Veroniche"? I punti costruiti e non le botte e basta???

drichichi@alice.it
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 5474
Età : 48
Località : Cirò marina (KR)
Data d'iscrizione : 22.09.13

Profilo giocatore
Località: Terronia!
Livello: Scarsissimo ed anche di più!!!
Racchetta: Tante ma veramente tante!!!!

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da Darren Cahill il Lun 18 Nov 2013 - 12:30

Concordo in pieno sul tedio di una Solomon-Vilas in 5 set, roba da criostasi e svegliatemi quando sono arrivati almeno al quarto set...
Però 'sta gente qua aveva fascino da vendere, ma vogliamo mettere una penn bianca con i tubi di oggi?
D'accordo, i ricordi del bimbo prendono il sopravvento, ma non è tutto lì.
E' che poi, le magliette senza sponsor danno un senso diverso allo sport e chi vuol capire ha capito.

Io mi considero un fortunato, perché ho potuto vedere dal vivo diversi eroi degli anni '80, gente come Mc, Lendl e il veterano Connors.
E su Mc Enroe una cosa vorrei dirla, mai più veduto uno con un time sulla palla simile.
Trattandosi del periodo finale della sua carriera, utilizzava materiali già lontani anni luce dalle racche di legno,
e la palla viaggiava, eccome se viaggiava.
Andava di più di quella di un Canè, che ai tempi d'oro tirava di dritti missili terra terra.
La cosa realmente impressionante era però la silenziosità del colpo, l'effetto fionda dal quale non traspare il minimo sforzo.
E non credo proprio che tutto questo potesse dipendere unicamente dalla tensione corde.
Solo Henmann mi ha fatto un effetto paragonabile, e parliamo sempre di talenti smisurati.

Darren Cahill
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 62
Età : 51
Località : TO
Data d'iscrizione : 26.07.11

Profilo giocatore
Località: TO
Livello: ex 4.2
Racchetta: Slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da Cesare il Lun 18 Nov 2013 - 15:37

@Darren Cahill ha scritto:Concordo in pieno sul tedio di una Solomon-Vilas in 5 set, roba da criostasi e svegliatemi quando sono arrivati almeno al quarto set...
Però 'sta gente qua aveva fascino da vendere, ma vogliamo mettere una penn bianca con i tubi di oggi?
D'accordo, i ricordi del bimbo prendono il sopravvento, ma non è tutto lì.
E' che poi, le magliette senza sponsor danno un senso diverso allo sport e chi vuol capire ha capito.

Io mi considero un fortunato, perché ho potuto vedere dal vivo diversi eroi degli anni '80, gente come Mc, Lendl e il veterano Connors.
E su Mc Enroe una cosa vorrei dirla, mai più veduto uno con un time sulla palla simile.
Trattandosi del periodo finale della sua carriera, utilizzava materiali già lontani anni luce dalle racche di legno,
e la palla viaggiava, eccome se viaggiava.
Andava di più di quella di un Canè, che ai tempi d'oro tirava di dritti missili terra terra.
La cosa realmente impressionante era però la silenziosità del colpo, l'effetto fionda dal quale non traspare il minimo sforzo.
E non credo proprio che tutto questo potesse dipendere unicamente dalla tensione corde.
Solo Henmann mi ha fatto un effetto paragonabile, e parliamo sempre di talenti smisurati.
A mio giudizio anche Gattone Mecir e Leconte, in quanto a capacita' di giocare senza apparentemente fare sforzi, possono rientrare in questa categoria

Cesare
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 4592
Data d'iscrizione : 31.10.09

Profilo giocatore
Località: reggio emilia
Livello: basso
Racchetta: 3 Volkl V1 Custom @ 315 grammi senza corde(2 Japan + 1 Mercedes Cup edition)

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da pink floyd il Lun 18 Nov 2013 - 19:28

@Darren Cahill ha scritto:
E su Mc Enroe una cosa vorrei dirla, mai più veduto uno con un time sulla palla simile.
Trattandosi del periodo finale della sua carriera, utilizzava materiali già lontani anni luce dalle racche di legno,
e la palla viaggiava, eccome se viaggiava.
cheers cheers cheers cheers  ti voglio bene

pink floyd
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1616
Età : 53
Località : brianza
Data d'iscrizione : 04.05.12

Profilo giocatore
Località: brianza
Livello: 4.2
Racchetta: head radical tour ----- dunlop max 200G ( 1983 )

Tornare in alto Andare in basso

Re: il tennis di una volta

Messaggio Da Darren Cahill il Mar 19 Nov 2013 - 11:52

Mecir credo sia stato un punto di riferimento per molti ragazzi amanti del tennis in quegli anni. Per me lo è stato certamente. Osservandolo si aveva in effetti la sensazione di assistere ad una nuova evoluzione del gioco da fondo e personaggi come Murray, ancora oggi, credo abbiano un debito con gente come lui. A parte la palla che usciva dal piatto corde in modo disteso e affilato, parliamo di uno che giocava sistematicamente nell'ultimo mezzo metro di campo, bel lontano da quell'idea di esasperazione della rotazione che taluni traducono in regolarità (anche con ragione)

Darren Cahill
Frequentatore
Frequentatore

Numero di messaggi : 62
Età : 51
Località : TO
Data d'iscrizione : 26.07.11

Profilo giocatore
Località: TO
Livello: ex 4.2
Racchetta: Slazenger

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum