Benvenuti sul forum di PassioneTennis dedicato a tutti coloro che praticano o si avvicinano per la prima volta al gioco del Tennis.
Da qui potete decidere di connettervi, se siete già membri del forum, o registrarvi nel caso in cui vogliate far parte anche voi del nostro gruppo.

Ricordo che la registrazione comporta dei vantaggi accessori, quali:
- interazione con gli utenti del forum postando gli argomenti o quesiti di vostro interesse;
- accesso ad alcune aree del forum riservate solo ai membri;
- accesso ai menù (altrimenti non visibili come utenti "Ospiti" non loggati) tramite i quali è possibile accedere ad altre aree del forum esclusive quali Download, Livescore ed altro...
- personalizzare i messaggi, il profilo, gestire gli argomenti sorvegliati, partecipare alle mailing list ed altro ancora
- possibilità di interagire con l'area Mercatino dell'usato
- altro...

Il tutto, naturalmente, assolutamente gratis!

Buona navigazione su Passionetennis.it

Lo stress di una partita di torneo

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Sab 4 Feb 2012 - 21:05

Prima di iniziare questo post, devo doverosamente sottolineare che:

1. Non sono un tecnico, nè un istruttore-maestro di tennis;

2. Non è mia intenzione "pontificare" o "insegnare" a nessuno;

3. Voglio soltanto fornire spunto di confronto;

4. La mia esperienza non è altro che quella di un onesto "guerriero di quarta categoria" con anni (purtroppo molti) di battaglie da torneo alle spalle.


Ora si può cominciare.


A qualsiasi livello tennistico ci si collochi, è evidente che la partita di Torneo è MOLTO diversa dal semplice allenamento.

Questo, ovviamente, perchè ci mette lo "zampino" un nemico subdolo: Lo STRESS. Ecco che il respiro si fa corto, i battiti aumentano, le gambe diventano pesantissime... ed il nostro braccio diventa sempre più corto.

Siamo inconsciamente OSSESSIONATI dal risultato, non abbiamo piena fiducia nelle nostre possibilità e nel nostro gioco... siamo terrorizzati da un'eventuale brutta figura e dai commenti velenosi dei nostri compagni di circolo.

Poichè lo stress da competizione è fisiologico (esiste in natura per mettere in alletra il nostro fisico prima di una "battaglia"), dobbiamo cercare di INCANALARE questo nostro nemico al fine di farne un prezioso alleato.

Io ho imparato ad amare questa sensazione e ad incanalarla verso una grande concentrazione e determinazione a vincere (ovviamente dove questo è possibile).

Una qualità che tutti i miei amici (e nemici) tennisti mi attribuiscono (e di cui vado molto fiero) è infatti quella di NON PERDERE MAI CON GIOCATORI DI LIVELLO INFERIORE.

Ed è proprio questo il punto: dal modesto NC al giocatore PRO, ciò che distingue il "fighter" dal "perdente" è la capacità e la determinazione che permettono di battere sempre (o quasi) i giocatori di livello inferiore.

Il primo passo è quello di CAPIRE qual'è REALMENTE il nostro livello di gioco.... e, credetemi, non è facile essere così obiettivi da capirlo realmente...

...posso giurarvi che almeno l'80% di giocatori NC-quarta ritiene di essere ad un livello NOTEVOLMENTE SUPERIORE a quello reale. da qui esclamzioni del tipo: "HO PERSO CON UNA PIPPA".

La cruda realtà è che, nella stragrande maggioranza dei casi, quella PIPPA è un tennista più solido e consistente di voi.

Personalmente (e pure di questo sono orgoglioso), mi basta guardare pochi game di un giocatore per stabilire (con ottima approssimazione) se tale giocatore è più forte di me (quindi vincente)... allo stesso livello (lotta serrata) o più debole.

Senza questa "picture", un giocatore di Tennis, andrà sempre incontro ad amarissime sorprese e delusioni.

Passiamo ora alla gestione della partita.

Nel palleggio che precede il mactch, normalmente, il basso quarta comincia a tirare della mazzate terribili, forse per impressionare l'avversario, o forse per stemperare la tensione... o magari per farsi notare da una bella gnocca....

Resta il fatto è che è SBAGLIATO!

In palleggio bisogna colpire piano, in scioltezza (decontrazione, direbbe qualche tecnico), ripassare mentalmente la corretta sensazione del movimento, la corretta respirazione.... il RITMO, insomma.

Se poi riusciamo pure aa capire i lati deboli dell'avversario, tanto meglio.

Si arriverà poi ad un punto in cui la partita ha inizio.

In questo caso, quello che al nostro (basso, anzi bassissimo) livello NON BISOGNA MAI FARE è quello di cominciare prendendo rischi assurdi, tirando mazzate, cercando le righe...

Attenzione, amici, non sto dicendo di giocare da "vigliacchi", ma solo di giocare "ordinati", in sicurezza... evitando rischi inutili.

Non c'è nulla di più bello, per il nostro avversario... di trovarsi i primi punti dell'incontro regalati su di un piatto d'argento!

Diamogli l'impressione di essere CONSISTENTI, degli ossi duri non disposti a regalare nulla.

Questo ci darà fiducia, e, al contempo... metterà un poco di preoccupazione nell'avversario.

Considerate che giocare in sicurezza non significa tirare piano, ma giocare magari con un maggiore spin ed una maggiore "clarence" sulla rete, nonchè un maggior margine sulla riga di fondo.

Ricordate che giocare con più spin significa VELOCIZZARE il movimento del braccio, NON rallentarlo!

Dopo qualche game giocato "in sicurezza" la tensione svanirà... e saremo quindi in grado di esprimere un gioco più "bandalzoso" ed aggressivo.

A questo punto la partita entra nel vivo... ma noi siamo pronti ad esprimere il nostro miglior tennis... che poi è il fine ultimo (chi crede che il fine sia solo la vittoria, sarà un frustrato tennista per tutta la vita).

Ed è questo il punto focale.... quando noi abbiamo dato il massimo, abbiamo fatto goal... la vittoria (o la sconfitta) non rappresenta il problema... ma solo una normale conseguenza.

E' ovvio che se gioco contro un Seconda Categoria non posso pormi la vittoria come obiettivo (sarei un idiota)... ma posso pormi l'obiettivo di giocare al mio massimo.

Ed è questo, amici miei, il fatto importante.... entrare in campo DETERMINATI, CONCENTRATI e FIDUCIOSI DEI PROPRI MEZZI (quelli reali, non quelli che si suppone di avere...) per poter dare il nostro massimo, nella correttezza e nello spirito sportivo.

Senza ridicole giustificazioni al cospetto di una sconfitta.

Comportandosi da UOMINI, non da PUPAZZI.

Un saluto dal vecchio Sonny.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da nardac il Sab 4 Feb 2012 - 21:20

Ottimi spunti , unica cosa che a volte non esiste il giocatore piú scarso o meno scarso di te , ma semplicemente piú o meno digeribile per te.
Magari c'é quello un filo piú forte di te ma che per caratteristiche di gioco sue ci giochi da dio , mentre c'e quello meno forte di te che però ha un gioco che non digerisci e fai piú fatica a batterlo.

Ovviamente intendo di livello simile al proprio , non troppo piú forte o troppo piú scarso.

nardac
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 868
Data d'iscrizione : 20.12.10

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4.1
Racchetta: Pro Kennex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da FedEx il Sab 4 Feb 2012 - 21:22

Purtroppo questa è la cruda verità!!
E lo dico io che non ho mai fatto una vera partita in vita mia...

FedEx
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6636
Età : 18
Località : Venexia
Data d'iscrizione : 18.11.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: PPP
Racchetta: 2x Head i.Radical MP, Head Radical Tour TT 630 blacked out, Head YT IG Prestige S, Wilson n-Code nPro Team silver label

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da capi il Sab 4 Feb 2012 - 21:23

Molto utile questo post!Cercherò di giocare in modo più sicuro ad inizio match ed essere più consistente,magari così non magari non perderò così tante partite data la mia debolezza mentale.

capi
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 242
Età : 20
Data d'iscrizione : 01.04.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head YouTek Radical MP custom

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Sab 4 Feb 2012 - 21:24

@nardac ha scritto:Ottimi spunti , unica cosa che a volte non esiste il giocatore piú scarso o meno scarso di te , ma semplicemente piú o meno digeribile per te.
Magari c'é quello un filo piú forte di te ma che per caratteristiche di gioco sue ci giochi da dio , mentre c'e quello meno forte di te che però ha un gioco che non digerisci e fai piú fatica a batterlo.

Ovviamente intendo di livello simile al proprio , non troppo piú forte o troppo piú scarso.

Quoto... io mi riferivo al giocatore inferiore, che spesso vince perchè quello "teoricamente2 più forte è paralizzato dalla tensione.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da nardac il Sab 4 Feb 2012 - 21:34

[quote="Sonny Liston"]
@nardac ha scritto:
Quoto... io mi riferivo al giocatore inferiore, che spesso vince perchè quello "teoricamente2 più forte è paralizzato dalla tensione.

Certo , la testa non è un optional nel tennis , basta guardare gli under che cominciano a fare i tornei , tecnicamente magari già ad ottimi livelli , ma alla fine perdono sempre con giocatori inferiori ma solidi .

nardac
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 868
Data d'iscrizione : 20.12.10

Profilo giocatore
Località: Milano
Livello: 4.1
Racchetta: Pro Kennex

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da capi il Sab 4 Feb 2012 - 21:35

[quote="nardac"]
@Sonny Liston ha scritto:
@nardac ha scritto:
Quoto... io mi riferivo al giocatore inferiore, che spesso vince perchè quello "teoricamente2 più forte è paralizzato dalla tensione.

Certo , la testa non è un optional nel tennis , basta guardare gli under che cominciano a fare i tornei , tecnicamente magari già ad ottimi livelli , ma alla fine perdono sempre con giocatori inferiori ma solidi .
Sembra la mia descrizione!(a parte ottimi livelli Very Happy )

capi
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 242
Età : 20
Data d'iscrizione : 01.04.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta: Head YouTek Radical MP custom

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da FedEx il Sab 4 Feb 2012 - 21:38

Varrebbe sicuramente anche per me se facessi tornei (solo che la mia tecnica è a discreti livelli, ma non certo ottimi!! ).

FedEx
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 6636
Età : 18
Località : Venexia
Data d'iscrizione : 18.11.11

Profilo giocatore
Località:
Livello: PPP
Racchetta: 2x Head i.Radical MP, Head Radical Tour TT 630 blacked out, Head YT IG Prestige S, Wilson n-Code nPro Team silver label

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Kmore il Sab 4 Feb 2012 - 21:50

Massimo rispetto guerriero: non saprei cos'altro aggiungere alla tua disamina. Straquoto tutto quanto.

Kmore
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2657
Età : 53
Località : Torino
Data d'iscrizione : 25.09.11

Profilo giocatore
Località: Torino - sud - Sisport Fiat
Livello: O50 - 4.2 (obiettivo 2016 raggiunto: torno 4.1!!!!!!...a fine anno)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Sab 4 Feb 2012 - 22:00

@Kmore ha scritto:Massimo rispetto guerriero: non saprei cos'altro aggiungere alla tua disamina. Straquoto tutto quanto.

Grazie... l'esperienza ci servirà pure a qualcosa! Sad

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Ospite il Sab 4 Feb 2012 - 22:07

@Sonny Liston ha scritto:Prima di iniziare questo post, devo doverosamente sottolineare che:

1. Non sono un tecnico, nè un istruttore-maestro di tennis;

2. Non è mia intenzione "pontificare" o "insegnare" a nessuno;

3. Voglio soltanto fornire spunto di confronto;

4. La mia esperienza non è altro che quella di un onesto "guerriero di quarta categoria" con anni (purtroppo molti) di battaglie da torneo alle spalle.


Ora si può cominciare.


A qualsiasi livello tennistico ci si collochi, è evidente che la partita di Torneo è MOLTO diversa dal semplice allenamento.

Questo, ovviamente, perchè ci mette lo "zampino" un nemico subdolo: Lo STRESS. Ecco che il respiro si fa corto, i battiti aumentano, le gambe diventano pesantissime... ed il nostro braccio diventa sempre più corto.

Siamo inconsciamente OSSESSIONATI dal risultato, non abbiamo piena fiducia nelle nostre possibilità e nel nostro gioco... siamo terrorizzati da un'eventuale brutta figura e dai commenti velenosi dei nostri compagni di circolo.

Poichè lo stress da competizione è fisiologico (esiste in natura per mettere in alletra il nostro fisico prima di una "battaglia"), dobbiamo cercare di INCANALARE questo nostro nemico al fine di farne un prezioso alleato.

Io ho imparato ad amare questa sensazione e ad incanalarla verso una grande concentrazione e determinazione a vincere (ovviamente dove questo è possibile).

Una qualità che tutti i miei amici (e nemici) tennisti mi attribuiscono (e di cui vado molto fiero) è infatti quella di NON PERDERE MAI CON GIOCATORI DI LIVELLO INFERIORE.

Ed è proprio questo il punto: dal modesto NC al giocatore PRO, ciò che distingue il "fighter" dal "perdente" è la capacità e la determinazione che permettono di battere sempre (o quasi) i giocatori di livello inferiore.

Il primo passo è quello di CAPIRE qual'è REALMENTE il nostro livello di gioco.... e, credetemi, non è facile essere così obiettivi da capirlo realmente...

...posso giurarvi che almeno l'80% di giocatori NC-quarta ritiene di essere ad un livello NOTEVOLMENTE SUPERIORE a quello reale. da qui esclamzioni del tipo: "HO PERSO CON UNA PIPPA".

La cruda realtà è che, nella stragrande maggioranza dei casi, quella PIPPA è un tennista più solido e consistente di voi.

Personalmente (e pure di questo sono orgoglioso), mi basta guardare pochi game di un giocatore per stabilire (con ottima approssimazione) se tale giocatore è più forte di me (quindi vincente)... allo stesso livello (lotta serrata) o più debole.

Senza questa "picture", un giocatore di Tennis, andrà sempre incontro ad amarissime sorprese e delusioni.

Passiamo ora alla gestione della partita.

Nel palleggio che precede il mactch, normalmente, il basso quarta comincia a tirare della mazzate terribili, forse per impressionare l'avversario, o forse per stemperare la tensione... o magari per farsi notare da una bella gnocca....

Resta il fatto è che è SBAGLIATO!

In palleggio bisogna colpire piano, in scioltezza (decontrazione, direbbe qualche tecnico), ripassare mentalmente la corretta sensazione del movimento, la corretta respirazione.... il RITMO, insomma.

Se poi riusciamo pure aa capire i lati deboli dell'avversario, tanto meglio.

Si arriverà poi ad un punto in cui la partita ha inizio.

In questo caso, quello che al nostro (basso, anzi bassissimo) livello NON BISOGNA MAI FARE è quello di cominciare prendendo rischi assurdi, tirando mazzate, cercando le righe...

Attenzione, amici, non sto dicendo di giocare da "vigliacchi", ma solo di giocare "ordinati", in sicurezza... evitando rischi inutili.

Non c'è nulla di più bello, per il nostro avversario... di trovarsi i primi punti dell'incontro regalati su di un piatto d'argento!

Diamogli l'impressione di essere CONSISTENTI, degli ossi duri non disposti a regalare nulla.

Questo ci darà fiducia, e, al contempo... metterà un poco di preoccupazione nell'avversario.

Considerate che giocare in sicurezza non significa tirare piano, ma giocare magari con un maggiore spin ed una maggiore "clarence" sulla rete, nonchè un maggior margine sulla riga di fondo.

Ricordate che giocare con più spin significa VELOCIZZARE il movimento del braccio, NON rallentarlo!

Dopo qualche game giocato "in sicurezza" la tensione svanirà... e saremo quindi in grado di esprimere un gioco più "bandalzoso" ed aggressivo.

A questo punto la partita entra nel vivo... ma noi siamo pronti ad esprimere il nostro miglior tennis... che poi è il fine ultimo (chi crede che il fine sia solo la vittoria, sarà un frustrato tennista per tutta la vita).

Ed è questo il punto focale.... quando noi abbiamo dato il massimo, abbiamo fatto goal... la vittoria (o la sconfitta) non rappresenta il problema... ma solo una normale conseguenza.

E' ovvio che se gioco contro un Seconda Categoria non posso pormi la vittoria come obiettivo (sarei un idiota)... ma posso pormi l'obiettivo di giocare al mio massimo.

Ed è questo, amici miei, il fatto importante.... entrare in campo DETERMINATI, CONCENTRATI e FIDUCIOSI DEI PROPRI MEZZI (quelli reali, non quelli che si suppone di avere...) per poter dare il nostro massimo, nella correttezza e nello spirito sportivo.

Senza ridicole giustificazioni al cospetto di una sconfitta.

Comportandosi da UOMINI, non da PUPAZZI.

Un saluto dal vecchio Sonny.

parole sante

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da ale.lorenz il Sab 4 Feb 2012 - 22:32

C'è tanto su cui riflettere caro Sonny....

Io condivido gran parte della tua disamina anche se forse nel palleggio si può essere anche un FILO aggressivi, non è un dramma.

Questo non significa certo, come giustamente scrivi, tirare mazzate a 200 all'ora, ma colpi in scioltezza che siano allo stesso tempo già decisi e sicuri.

Con alcuni 4 cat. ti aiuta a metterli già un pò sotto pressione.

Detto questo, spero di aver espresso bene il mio pensiero, ti faccio i complimenti per la tua analisi!!!

ale.lorenz
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 3113
Età : 39
Località : Milano
Data d'iscrizione : 03.07.11

Profilo giocatore
Località: Milano - Pro Patria -
Livello: 4.1 (bye bye Abracadabra78)
Racchetta: 3 TGT 307,2 Radical Graphene MP con Head Lynx 1,25 a 24/23

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Mosian il Sab 4 Feb 2012 - 23:02

Mi trovo QUASI completamente d'accordo con sonny! L'unica cosa su cui invece non mi trovo per niente d'accordo è quella del "MAI incominciare tirando mazzate assurde" poichè per esperienza personale ho notato che molto spesso (soprattutto quando i palleggi si svolgono a ritmo basso) l'avversario si trova in difficoltà a sostenere subito un palleggio duro, e per questo sarà più propenso a commettere errori gratuiti nella prima fase del match. Ovviamente non bisogna cercare le righe, ma semplicemente cercare di prendere da subito l'iniziativa dello scambio per chiudere il punto nell'arco di 3-4 colpi, ma come già detto difficilmente si arriverà alla chiusura del punto proprio perchè l'avversario (ovviamente non vale per TUTTI gli avversari) con buone probabilità commetterà un errore!
Ovviamente questa cosa vale anche al "contrario", nel senso che soprattutto per i primi game, anche se si è regolaristi come me e come sonny, è meglio non farsi troppo aggredire perchè non si è ancora in sicurezza con i colpi. Quindi ragazzuoli, massima concentrazione sui primissimi game!

Mosian
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 545
Età : 29
Località : Cassino (FR)
Data d'iscrizione : 05.12.10

Profilo giocatore
Località: Cassino (FR)
Livello: itr 5
Racchetta: Pro Kennex Ki15 300 2016

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Sab 4 Feb 2012 - 23:23

@Mosian ha scritto:Mi trovo QUASI completamente d'accordo con sonny! L'unica cosa su cui invece non mi trovo per niente d'accordo è quella del "MAI incominciare tirando mazzate assurde" poichè per esperienza personale ho notato che molto spesso (soprattutto quando i palleggi si svolgono a ritmo basso) l'avversario si trova in difficoltà a sostenere subito un palleggio duro, e per questo sarà più propenso a commettere errori gratuiti nella prima fase del match. Ovviamente non bisogna cercare le righe, ma semplicemente cercare di prendere da subito l'iniziativa dello scambio per chiudere il punto nell'arco di 3-4 colpi, ma come già detto difficilmente si arriverà alla chiusura del punto proprio perchè l'avversario (ovviamente non vale per TUTTI gli avversari) con buone probabilità commetterà un errore!
Ovviamente questa cosa vale anche al "contrario", nel senso che soprattutto per i primi game, anche se si è regolaristi come me e come sonny, è meglio non farsi troppo aggredire perchè non si è ancora in sicurezza con i colpi. Quindi ragazzuoli, massima concentrazione sui primissimi game!

Non posso contraddire Mosian, perchè si trova in vantaggio nei miei confronti di 2-0 in torneo... Sad

Mi rimane solo la consolazione (magra) di avergli dato un 6-0 nel secondo set del primo incontro (da me perso al terzo)!

Alla prossima, Manuel!

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Mosian il Sab 4 Feb 2012 - 23:38

@Sonny Liston ha scritto:
Non posso contraddire Mosian, perchè si trova in vantaggio nei miei confronti di 2-0 in torneo... Sad

Mi rimane solo la consolazione (magra) di avergli dato un 6-0 nel secondo set del primo incontro (da me perso al terzo)!

Alla prossima, Manuel!

Va bè se non sei d'accordo sui benefici della partenza "sprint" puoi contraddirmi eccome Very Happy scusami se non mi sono fatto sentire più per giocare ma questa schiena non mi da tregua, sto giocando col contagocce! se tutto va bene tra qualche settimana dovrei essere ok! Ciao Giovanni

Mosian
Assiduo
Assiduo

Numero di messaggi : 545
Età : 29
Località : Cassino (FR)
Data d'iscrizione : 05.12.10

Profilo giocatore
Località: Cassino (FR)
Livello: itr 5
Racchetta: Pro Kennex Ki15 300 2016

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Sab 4 Feb 2012 - 23:41

@Mosian ha scritto:
@Sonny Liston ha scritto:
Non posso contraddire Mosian, perchè si trova in vantaggio nei miei confronti di 2-0 in torneo... Sad

Mi rimane solo la consolazione (magra) di avergli dato un 6-0 nel secondo set del primo incontro (da me perso al terzo)!

Alla prossima, Manuel!

Va bè se non sei d'accordo sui benefici della partenza "sprint" puoi contraddirmi eccome Very Happy scusami se non mi sono fatto sentire più per giocare ma questa schiena non mi da tregua, sto giocando col contagocce! se tutto va bene tra qualche settimana dovrei essere ok! Ciao Giovanni

Contattami qui, durante la settimana sono a Roma, possiamo giocare quando vuoi.

Io sto zona Centocelle-Tuscolana.

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da uolter74 il Dom 5 Feb 2012 - 0:14

Credo che questo post possa essere molto utile per tutti noi che abbiamo da poco iniziato con i tornei FIT !!!

uolter74
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2240
Età : 42
Data d'iscrizione : 03.10.09

Profilo giocatore
Località: Follonica
Livello: discreto 4...
Racchetta: solo e sempre pro stock..

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da alain proust il Dom 5 Feb 2012 - 0:28

super quotone al nostro pugile. sottoscrivo ogni concetto che ha espresso. poi è anche vero che fra sottoscrivere seduto qui comodo sul divano e mettere in pratica sul campo ce ne passa per me, ma è sempre un primo passo. Very Happy

alain proust
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1429
Data d'iscrizione : 28.11.10

Profilo giocatore
Località:
Livello: ITR: 4.0
Racchetta: PRINCE EXO3 TOUR 16x18

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Kmore il Dom 5 Feb 2012 - 11:53

Beh dai...dal divano siamo tutti top ten...

Kmore
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 2657
Età : 53
Località : Torino
Data d'iscrizione : 25.09.11

Profilo giocatore
Località: Torino - sud - Sisport Fiat
Livello: O50 - 4.2 (obiettivo 2016 raggiunto: torno 4.1!!!!!!...a fine anno)
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Dom 5 Feb 2012 - 12:01

@Kmore ha scritto:Beh dai...dal divano siamo tutti top ten...

Specie se davanti ad una buona tazza di caffè! Laughing

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da mirri il Dom 5 Feb 2012 - 12:37

@Sonny Liston ha scritto:Prima di iniziare questo post, devo doverosamente sottolineare che:



Il primo passo è quello di CAPIRE qual'è REALMENTE il nostro livello di gioco.... e, credetemi, non è facile essere così obiettivi da capirlo realmente...

...posso giurarvi che almeno l'80% di giocatori NC-quarta ritiene di essere ad un livello NOTEVOLMENTE SUPERIORE a quello reale. da qui esclamzioni del tipo: "HO PERSO CON UNA PIPPA".

.

parole sante...

troppi maestri hanno detto a troppi giocatori:" hai un bel braccio.. potresti essere un c.." ma dai...! grande sonny.

mirri
Fedelissimo
Fedelissimo

Numero di messaggi : 1049
Località : ferrara
Data d'iscrizione : 06.09.11

Profilo giocatore
Località: Ferrara
Livello: 4.3fit
Racchetta: babolat pure drive 2015

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da frobenius68 il Dom 5 Feb 2012 - 14:45

@Sonny Liston ha scritto:Prima di iniziare questo post, devo doverosamente sottolineare che:

1. Non sono un tecnico, nè un istruttore-maestro di tennis;

2. Non è mia intenzione "pontificare" o "insegnare" a nessuno;

3. Voglio soltanto fornire spunto di confronto;

4. La mia esperienza non è altro che quella di un onesto "guerriero di quarta categoria" con anni (purtroppo molti) di battaglie da torneo alle spalle.


Ora si può cominciare.


A qualsiasi livello tennistico ci si collochi, è evidente che la partita di Torneo è MOLTO diversa dal semplice allenamento.

Questo, ovviamente, perchè ci mette lo "zampino" un nemico subdolo: Lo STRESS. Ecco che il respiro si fa corto, i battiti aumentano, le gambe diventano pesantissime... ed il nostro braccio diventa sempre più corto.

Siamo inconsciamente OSSESSIONATI dal risultato, non abbiamo piena fiducia nelle nostre possibilità e nel nostro gioco... siamo terrorizzati da un'eventuale brutta figura e dai commenti velenosi dei nostri compagni di circolo.

Poichè lo stress da competizione è fisiologico (esiste in natura per mettere in alletra il nostro fisico prima di una "battaglia"), dobbiamo cercare di INCANALARE questo nostro nemico al fine di farne un prezioso alleato.

Io ho imparato ad amare questa sensazione e ad incanalarla verso una grande concentrazione e determinazione a vincere (ovviamente dove questo è possibile).

Una qualità che tutti i miei amici (e nemici) tennisti mi attribuiscono (e di cui vado molto fiero) è infatti quella di NON PERDERE MAI CON GIOCATORI DI LIVELLO INFERIORE.

Ed è proprio questo il punto: dal modesto NC al giocatore PRO, ciò che distingue il "fighter" dal "perdente" è la capacità e la determinazione che permettono di battere sempre (o quasi) i giocatori di livello inferiore.

Il primo passo è quello di CAPIRE qual'è REALMENTE il nostro livello di gioco.... e, credetemi, non è facile essere così obiettivi da capirlo realmente...

...posso giurarvi che almeno l'80% di giocatori NC-quarta ritiene di essere ad un livello NOTEVOLMENTE SUPERIORE a quello reale. da qui esclamzioni del tipo: "HO PERSO CON UNA PIPPA".

La cruda realtà è che, nella stragrande maggioranza dei casi, quella PIPPA è un tennista più solido e consistente di voi.

Personalmente (e pure di questo sono orgoglioso), mi basta guardare pochi game di un giocatore per stabilire (con ottima approssimazione) se tale giocatore è più forte di me (quindi vincente)... allo stesso livello (lotta serrata) o più debole.

Senza questa "picture", un giocatore di Tennis, andrà sempre incontro ad amarissime sorprese e delusioni.

Passiamo ora alla gestione della partita.

Nel palleggio che precede il mactch, normalmente, il basso quarta comincia a tirare della mazzate terribili, forse per impressionare l'avversario, o forse per stemperare la tensione... o magari per farsi notare da una bella gnocca....

Resta il fatto è che è SBAGLIATO!

In palleggio bisogna colpire piano, in scioltezza (decontrazione, direbbe qualche tecnico), ripassare mentalmente la corretta sensazione del movimento, la corretta respirazione.... il RITMO, insomma.

Se poi riusciamo pure aa capire i lati deboli dell'avversario, tanto meglio.

Si arriverà poi ad un punto in cui la partita ha inizio.

In questo caso, quello che al nostro (basso, anzi bassissimo) livello NON BISOGNA MAI FARE è quello di cominciare prendendo rischi assurdi, tirando mazzate, cercando le righe...

Attenzione, amici, non sto dicendo di giocare da "vigliacchi", ma solo di giocare "ordinati", in sicurezza... evitando rischi inutili.

Non c'è nulla di più bello, per il nostro avversario... di trovarsi i primi punti dell'incontro regalati su di un piatto d'argento!

Diamogli l'impressione di essere CONSISTENTI, degli ossi duri non disposti a regalare nulla.

Questo ci darà fiducia, e, al contempo... metterà un poco di preoccupazione nell'avversario.

Considerate che giocare in sicurezza non significa tirare piano, ma giocare magari con un maggiore spin ed una maggiore "clarence" sulla rete, nonchè un maggior margine sulla riga di fondo.

Ricordate che giocare con più spin significa VELOCIZZARE il movimento del braccio, NON rallentarlo!

Dopo qualche game giocato "in sicurezza" la tensione svanirà... e saremo quindi in grado di esprimere un gioco più "bandalzoso" ed aggressivo.

A questo punto la partita entra nel vivo... ma noi siamo pronti ad esprimere il nostro miglior tennis... che poi è il fine ultimo (chi crede che il fine sia solo la vittoria, sarà un frustrato tennista per tutta la vita).

Ed è questo il punto focale.... quando noi abbiamo dato il massimo, abbiamo fatto goal... la vittoria (o la sconfitta) non rappresenta il problema... ma solo una normale conseguenza.

E' ovvio che se gioco contro un Seconda Categoria non posso pormi la vittoria come obiettivo (sarei un idiota)... ma posso pormi l'obiettivo di giocare al mio massimo.

Ed è questo, amici miei, il fatto importante.... entrare in campo DETERMINATI, CONCENTRATI e FIDUCIOSI DEI PROPRI MEZZI (quelli reali, non quelli che si suppone di avere...) per poter dare il nostro massimo, nella correttezza e nello spirito sportivo.

Senza ridicole giustificazioni al cospetto di una sconfitta.

Comportandosi da UOMINI, non da PUPAZZI.

Un saluto dal vecchio Sonny.

Ottimi consigli...si vede che sei un "animale da torneo" Twisted Evil

Quando parli di stress pre-partita, un rimedio che per me risulta molto efficace è cercare di isolarmi da tutto il resto e concentrarmi solo sulla sagoma dell'avversario e sulla pallina.
Capisco che non è facile specie se alla partita assistono anche terzi, magari sostenitori "rumorosi" dell'avversario...in questi casi la cosa importante è non perdere mai la pazienza e scaricare l'eventuale tensione accumulata sul gioco, sulla palla, anziché se stessi, aiutandosi con la respirazione o sciogliendo un po' i muscoli delle gambe e delle braccia (se si conoscono tecniche particolari tipo Yoga o training autogeno risulta ancora più semplice...). Importante è non cedere mai a scatti d'ira, il peggior nemico della concentrazione, ma se anche dovesse accadere, occorre cercare di recuperare prima possibile la padronanza di sé.

Sacrosanta verità la sopravvalutazione delle proprie capacità, specie all'inizio della carriera agonistica, quando non si è abituati al clima di torneo e si pensa di poter sopraffare anche un buon terza categoria, perché magari in palleggio non sembra un fenomeno, quando in realtà lui si sta scaldando veramente, mentre tu stai sparando a tutta per incutergli timore, ma realmente stai solo rischiando di farti male e stancarti prima dal tempo... Mad

Dovrebbe essere molto interessante incrociare le racche con te... Twisted Evil

P.S. Ho letto che hai dei tuoi video online ma non risultano col tuo nick, almeno su questo forum... mi piacerebbe vederli, dove sono?


frobenius68
Utente attivo
Utente attivo

Numero di messaggi : 269
Età : 48
Località : Perugia
Data d'iscrizione : 28.10.10

Profilo giocatore
Località: Perugia
Livello: seminterrato
Racchetta: Donnay X-Dark Red e X-Dual Platinum 94 - Head TGK 237.3

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da guidoyouth il Dom 5 Feb 2012 - 14:57

@frobenius68 ha scritto:

P.S. Ho letto che hai dei tuoi video online ma non risultano col tuo nick, almeno su questo forum... mi piacerebbe vederli, dove sono?


i video di sonny li ho visti, sono su youtube!
spero che abbia la sportività di pubblicarli anche in questo thread!
coraggio! cheers

guidoyouth
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1505
Età : 38
Località : Saluzzo
Data d'iscrizione : 19.03.10

Profilo giocatore
Località: saluzzo
Livello: zero
Racchetta: head extreme microgel mp teflon

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da Sonny Liston il Dom 5 Feb 2012 - 15:07

@guidoyouth ha scritto:
@frobenius68 ha scritto:

P.S. Ho letto che hai dei tuoi video online ma non risultano col tuo nick, almeno su questo forum... mi piacerebbe vederli, dove sono?


i video di sonny li ho visti, sono su youtube!
spero che abbia la sportività di pubblicarli anche in questo thread!
coraggio! cheers

Figuriamoci!

Non ho problemi... ma il mio video è connesso ad un altro Forum, e non vorrei creare incidenti....

Se lo trovi su You Tube, postalo tranquillo.

Se ci sta uno conscio del suo livello (niente più che un buon quarta... quindi pippa) sono proprio io!

Sonny Liston
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 8057
Data d'iscrizione : 19.10.11

Profilo giocatore
Località:
Livello:
Racchetta:

Tornare in alto Andare in basso

Re: Lo stress di una partita di torneo

Messaggio Da guidoyouth il Dom 5 Feb 2012 - 15:13

@Sonny Liston ha scritto:
Figuriamoci!

Non ho problemi... ma il mio video è connesso ad un altro Forum, e non vorrei creare incidenti....

Se lo trovi su You Tube, postalo tranquillo.

Se ci sta uno conscio del suo livello (niente più che un buon quarta... quindi pippa) sono proprio io!

ok ma io non li pubblico, sono tuoi.
ti mando in pm alcuni link che se vuoi puoi copia-incollare qui... Wink

guidoyouth
Veterano
Veterano

Numero di messaggi : 1505
Età : 38
Località : Saluzzo
Data d'iscrizione : 19.03.10

Profilo giocatore
Località: saluzzo
Livello: zero
Racchetta: head extreme microgel mp teflon

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum